Visualizzazione risultati 1 fino 2 di 2

Discussione: Diario del 13 marzo 2004 - Ah questi sequel...

  1. #1
    Guastatore L'avatar di QuakeMan
    Registrato il
    16-04-2000
    Residenza
    Anzio-Terni
    Messaggi
    3.036

    Citazioni
    0

    Diario del 13 marzo 2004 - Ah questi sequel...

    Riflettevo in questi giorni in compagnia di un paio di amici-colleghi su un argomento che, nel suo essere trito e ritrito, periodicamente torna alla ribalta specie in occasione del riepilogo settimanale delle notizie che mi vede coinvolto in prima persona durante la preparazione della mailing list nostrana (che naturalmente rimane tutta farina del sacco di Carlo Carta: io mi limito a dare qualche indicazione).
    Tutti questi sequel, prequel, espansioni, add-on standalone e chi più ne ha più ne metta continuano ad affollare il mercato in modo sempre crescente, specie se si guarda al futuro, dove l'orizzonte appare letteralmente affollato di miriadi di nuovi capitoli degli stessi videogiochi che in questi ultimi 3, 4, 5 anni hanno avuto la fortuna di vendere sul mercato mondiale una dose massiccia di copie. Tralasciando da parte il paradosso The Sims, con le sue 7 espansioni all'attivo e, manco a dirlo, un sequel in dirittura d'arrivo, non possono sfuggire alla nostra vista i vari e disparati Hitman 3, Driv3r, Pandora Tomorrow (e in termini di rumor Splinter Cell 2), Athena Sword, per rimanere ancorati al breve periodo. Ma sul lungo la situazione è la stessa, se non peggiore: Max Payne 3, un nuovo Carmageddon, Mortal Kombat 6, la miriade di Final Fantasy in progetto, Resident Evil 4, Silent Hill 4, i sequel di Mario e Zelda, giusto per dare un assaggio multipiattaforma (ed ho volutamente tralasciato DooM 3 e Half-Life 2).
    Un'analisi della situazione, dal basso delle mie conoscenze, è ovviamente fuori luogo ma una piccola ipotesi è comunque nel mio intimo: che sia sempre più un evidente sintomo della crescita esponenziale degli investimenti necessari per dar vita a un videogioco? Che i tempi di sviluppo si siano dilatati è indubbio ma evidentemente, come è logico che sia, questo ha portato a un enorme aumento dei soldi necessari per completare un progetto di qualsiasi natura videoludica esso sia. E ovviamente un publisher che si trova di fronte a più opzioni non potrà fare a meno di puntare sulla più facile, sicura e redditizia, ovvero su un sequel che può beneficiare di conoscenza nel pubblico e di un core minimo di vendite assicurate (si, in qualche modo sto spezzando una lancia a favore dei publisher).
    Credo sia emblematico in questo senso la mossa di Digital Extremes che, per spezzare dalla routine Unreal<iana, ha deciso di buttarsi su un progetto totalmente originale (motore e genere permettendo): quel Pariah che Epic e Atari hanno deciso di non appoggiare "costringendo" DE a rivolgersi altrove, ad un publisher indipendente che comunque inizia a fare breccia sul mercato: Groove Games. Una costrizione come l'ho definita io, o una precisa decisione di Digital Extremes? Voi che ne dite?
    Pierpaolo 'QuakeMan' Greco
    Executive Editor

  2. #2
    Spettro L'avatar di Cambo in Japan
    Registrato il
    09-10-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    18.990

    Citazioni
    0

    Predefinito

    E' innegabile che la quantità di seguiti, prequel e add-on sia in questi ultimi anni lievitata in modo incredibile..

    Però guardare solo a questi titoli sarebbe avere una visione parziale di quello che è sul mercato...

    L'altro lato della medaglia offre un sacco di giochi dal concept nuovo e da uno stile fresco... Ieri ho preso Forbidden Siren... Ma penso anche a Crystal Chronicles... Pikmin e Luigi della Nintendo... Morrowind e Kotor su Xbox sono una novità su Console.. L'EyeToy e i Bonghi del Cubo...

    Insomma, ogni "media" è invaso da prodotti commerciali.. Nel cinema è la stessa cosa. Seguiti, prequel, spin off.. Però il cinema d'autore e quello sperimetale esistono ancora.
    Gli autori esistono ancora, e finchè ci saranno autori che creeranno prodotti autoriali, in giro ci sarà sempre qualcosa di nuovo e fresco...

    Di certo non si può sperare o credere che la maggior parte della roba che esca sia "nuova", fresca a profumata...

Informazioni discussione

Users Browsing this Thread

Al momento 1 utenti stanno leggendo questo topic. (0 utenti registrati e 1 ospiti)

Bookmark

Regole di scrittura

  • Non puoi aprire nuove discussioni
  • Non puoi rispondere alle discussioni
  • Non puoi pubblicare allegati
  • Non puoi modificare i tuoi post
  •