Discussione: TAVERNA dell'Orco Bevitore [OT permessi :D]

  1. #76306
    Spettro L'avatar di Feanor83
    Registrato il
    02-06-2007
    Messaggi
    12.846

    Citazioni
    4

    Predefinito

    Questo probabilmente è il risultato delle vendite sotto le aspettative sia di Prey che di Dishonored 2 (che per la cronaca, sono due dei giochi migliori che abbia giocato negli ultimi anni).
    I detest elves. Like with a fucking passion. (MCA)

  2. #76307
    AnnihilatoR L'avatar di Pendragon
    Registrato il
    25-06-2000
    Residenza
    Rome, the capital
    Messaggi
    3.709

    Citazioni
    0

    Predefinito

    Purtroppo non mi sorprende.
    Il single player di qualita' ormai lo fai solo col crowdfunding, le triple A chi prima o chi dopo vireranno tutte li'.
    Da quel che ho letto comunque (li comprero' sicuramente ma solo dopo un update del pc) molta gente si e' lamentata per questioni tecniche, specie per dishonored 2, e pure quello credo abbia influito molto sulle vendite non soddisfacenti, come anche per il nuovo deus ex (anche se in quel caso i problemi sono anche altri ).
    Sacred is the... gift that they have, without knowing
    Serenity... is knowing it's safe from destruction of time

    Close your eyes and just believe again
    There's a god, does he remember when
    We were young and faith was not pretend... anymore

  3. #76308
    Spettro L'avatar di Feanor83
    Registrato il
    02-06-2007
    Messaggi
    12.846

    Citazioni
    4

    Predefinito

    DH2 con le ultime patch fila che è un piacere. All'uscita era un mattone però.

    PS: rispetto ai tripla A single-player di qualità, ti rispondo che finché c'è Nintendo c'è speranza
    I detest elves. Like with a fucking passion. (MCA)

  4. #76309
    Spettro L'avatar di stronzolo
    Registrato il
    18-02-2012
    Messaggi
    7.229

    Citazioni
    31

    Predefinito

    Citazione Messaggio inviato da Pendragon Visualizza messaggio
    Purtroppo non mi sorprende.
    Il single player di qualita' ormai lo fai solo col crowdfunding, le triple A chi prima o chi dopo vireranno tutte li'.
    Da quel che ho letto comunque (li comprero' sicuramente ma solo dopo un update del pc) molta gente si e' lamentata per questioni tecniche, specie per dishonored 2, e pure quello credo abbia influito molto sulle vendite non soddisfacenti, come anche per il nuovo deus ex (anche se in quel caso i problemi sono anche altri ).
    Mica vero, Sony e Nintendo vendono a badilate con un sacco di IP single player, la verità è che Bethesda/Zenimax ha sempre fatto di tutto per sabotare le proprie uscite, da DOOM a Prey

  5. #76310
    Spettro
    Registrato il
    29-10-2007
    Messaggi
    3.246

    Citazioni
    1

    Predefinito

    forse colantonio se n'è andato proprio perché era già stato deciso fosse questa la futura linea da seguire, del tipo "io non vi permetterò di associare il mio nome a 'stammerda".

  6. #76311
    Shoeless God of War L'avatar di Darkless
    Registrato il
    22-12-2002
    Residenza
    Cremona
    Messaggi
    13.312

    Citazioni
    4

    Predefinito

    Citazione Messaggio inviato da Feanor83 Visualizza messaggio
    DH2 con le ultime patch fila che è un piacere. All'uscita era un mattone però.

    PS: rispetto ai tripla A single-player di qualità, ti rispondo che finché c'è Nintendo c'è speranza
    Quello conta poco. Nel momento in cui all'uscita si sparge la voce che tecnicamente il gioco è messo male le vendite ne risentono parecchio e la maggior parte dei possibili acquirenti rimanda tutto ai saldi o aspettano il calo di prezzo, e ti sei giocato il lancio.
    Non è bello ciò che è bello
    Ma è bello ciò che a Darkless piace

  7. #76312
    Spettro L'avatar di HeinrichDM
    Registrato il
    09-05-2009
    Residenza
    Napoli - Roma
    Messaggi
    1.618

    Steam
    LoSciamano
    Citazioni
    0

    Predefinito

    true

  8. #76313
    Spettro L'avatar di aurelio2010na
    Registrato il
    24-10-2014
    Messaggi
    945

    Citazioni
    2

    Predefinito

    Io penso che bethesda ci stia mettendo tanto per tes proprio perché non ha ancora stabilito che tipo di cosa fare. Io non escludo affatto si potrà giocare coop il prossimo, ed allora altro che non ha senso, invece di 20 milioni ne venderà 30.
    Per il resto ormai il coop, anche e sopratutto per la campagna che una volta era offline sarà introdotto in parecchie situazioni. Ma al momento come dicevo nel post precedente nada. Il miglior coop su campagna completa mai giocato e' stato divinity ed ho detto tutto

  9. #76314
    AnnihilatoR L'avatar di Pendragon
    Registrato il
    25-06-2000
    Residenza
    Rome, the capital
    Messaggi
    3.709

    Citazioni
    0

    Predefinito

    Citazione Messaggio inviato da Feanor83 Visualizza messaggio

    PS: rispetto ai tripla A single-player di qualità, ti rispondo che finché c'è Nintendo c'è speranza
    Purtroppo pero' tocca comprarsi la loro console e mi risulta un po' difficile giustificarne il costo (anche se mi pare di ricordare stessero lavorando a un emulatore)
    Sacred is the... gift that they have, without knowing
    Serenity... is knowing it's safe from destruction of time

    Close your eyes and just believe again
    There's a god, does he remember when
    We were young and faith was not pretend... anymore

  10. #76315
    Spettro
    Registrato il
    29-10-2007
    Messaggi
    3.246

    Citazioni
    1

    Predefinito

    se dici "torrent!" scoppia l'apocalisse ma mettiti a parlare di emulazione e tirano tutti fuori il monocolo.
    coerenza senza limitenza.

  11. #76316
    Spettro L'avatar di Feanor83
    Registrato il
    02-06-2007
    Messaggi
    12.846

    Citazioni
    4

    Predefinito

    Citazione Messaggio inviato da Pendragon Visualizza messaggio
    Purtroppo pero' tocca comprarsi la loro console e mi risulta un po' difficile giustificarne il costo (anche se mi pare di ricordare stessero lavorando a un emulatore)
    Io le console Nintendo le ho sempre o quasi prese dopo un paio di annetti usate. Il costo dell'hardware bastano i titoli first party a quel punto a giustificarlo
    Ultima modifica di Feanor83 : 07-07-2017 alle ore 10.19.31
    I detest elves. Like with a fucking passion. (MCA)

  12. #76317
    Malato di Ruolo L'avatar di gugand
    Registrato il
    18-05-2007
    Messaggi
    3.830

    Citazioni
    2

    Predefinito

    Che brutta notizia questa degli Arkhane.
    Il miglior studio di produzione dai tempi di Arx Fatalis.

  13. #76318
    Spettro L'avatar di Lord_Vetinari
    Registrato il
    25-09-2009
    Messaggi
    2.229

    Citazioni
    0

    Predefinito

    Opinioni su Tyranny?

    Durante i saldi estivi di Steam ho comprato un altro DLC per Europa Universalis 4, poi è saltato fuori che c'è stato un aumento di prezzi mal gestito in quasi tutte le valute esclusi i dollari, mezza rivoluzione nella community e ora Paradox si è offerta di riparare dando in omaggio un titolo del catalogo o una coppia di DLC (scelti da loro, non liberi) a chi può dimostrare l'acquisto in valuta diversa dai dollari durante i saldi.
    Siccome non posso scegliere i DLC che vorrei, solo pescarne una coppia tra un elenco fatto apposta per questa operazione, mi resta come altra opzione di prendere un gioco completo; l'unico che mi potrebbe potenzialmente interessare tra quelli in lista è Tyranny (ci sarebbe anche Crusader Kings 2, ma non mi sento in vena di prendere un altro grand strategy al momento).
    Si non confectus, non reficiat

    "In Ankh-Morpork, everyone is entitled to vote, unless disqualified by reason of:
    a) age
    b) not being Lord Vetinari.
    And yet it does work."

  14. #76319
    Metallaro L'avatar di Uriziel90
    Registrato il
    05-05-2007
    Messaggi
    6.606

    Citazioni
    0

    Predefinito

    Parlando di cose belle, ho visto ieri dal vivo gli Alter Bridge (che se ben ricordo hanno estimatori qua dentro): concertone e Kennedy dal vivo è uno spettacolo. Mi aspettavo di vedere Tremonti più protagonista, ma la resa complessiva è stata notevole.
    L'uomo è soltanto un errore di Dio? Oppure Dio è soltanto un errore dell'uomo?



  15. #76320
    Formica Elettrica L'avatar di falco_delle_tenebre
    Registrato il
    05-03-2006
    Messaggi
    1.276

    Citazioni
    0

    Predefinito

    Citazione Messaggio inviato da Lord_Vetinari Visualizza messaggio
    Opinioni su Tyranny?

    Durante i saldi estivi di Steam ho comprato un altro DLC per Europa Universalis 4, poi è saltato fuori che c'è stato un aumento di prezzi mal gestito in quasi tutte le valute esclusi i dollari, mezza rivoluzione nella community e ora Paradox si è offerta di riparare dando in omaggio un titolo del catalogo o una coppia di DLC (scelti da loro, non liberi) a chi può dimostrare l'acquisto in valuta diversa dai dollari durante i saldi.
    Siccome non posso scegliere i DLC che vorrei, solo pescarne una coppia tra un elenco fatto apposta per questa operazione, mi resta come altra opzione di prendere un gioco completo; l'unico che mi potrebbe potenzialmente interessare tra quelli in lista è Tyranny (ci sarebbe anche Crusader Kings 2, ma non mi sento in vena di prendere un altro grand strategy al momento).
    Ti riporto un’analisi approfondita che avevo scritto altrove. Enjoy the wot.



    Tyranny è un buon gioco, ma estremamente focalizzato su certi aspetti ben riusciti, mentre diversi altri lasciano a desiderare.


    Partiamo con le cose belle, che personalmente trovo riescano a sopperire in modo più che sufficiente ai difetti:


    - il male rappresentato. Come fatto notare da altri, effettivamente la campagna marketing è stata un po' fuorviante: questo non è un gioco in cui interpretare un villain in un mondo di villain. Siamo di fronte ad una malvagità calcolata, guidata da interessi, dalla mentalità della guerra, da situazioni difficili. Il che la rende meno unica e inedita, ma al tempo stesso più genuina ed eticamente interessante.

    Si può fare il sadico malvagio eh, e spesso paga pure e c'è chi vi applaudirà per questo. Ma a seconda di come si interpreta il proprio pg potremmo invece trovarci spesso a scegliere tra il male minore, a chiederci se supportare fini pratici e il senso del dovere verso l'Overlord e la conquista oppure concedere pietà (per quanto questo possa essere considerato positivo, quando si salva qualcuno da una morte rapida ma col rischio di condannarlo ad una vita di schiavitù e soprusi).

    Bello come le due fazioni principali presentino dicotomie che non t’aspetti e ribaltino l’idea iniziale che ci si può fare di loro. Vedi l’esercito estremamente disciplinato dei Disfavored e ti aspetti sia uno schieramento con cui si può ragionare, e invece è fortemente razzista, poco lungimirante, brutale e senza scrupoli verso i vinti. E’ invece la massa selvaggia e che dà poco valore alla vita dei suoi coscritti del Chorus a proporti opzioni più umane, di pensare alle conseguenze delle tue azioni e allo stato della popolazione e del territorio nell’imminente dopoguerra, di dare una seconda possibilità agli sconfitti o di rispettare le loro usanze e concedere una piccola tregua per una festività. Individuare la via “giusta” è estremamente difficile e può cambiare a seconda dei casi e di cosa si vuole ottenere, il che è perfetto per un gioco del genere. Ogni decisione è sofferta, la caratterizzazione del vostro pg non si ferma alla scelta dell’allineamento nella schermata iniziale per poi seguire passivamente la linea di dialogo banalmente buona/neutrale/malvagia.

    A tutto questo si lega benissimo la main quest, un lungo susseguirsi di situazioni difficili ed eticamente dubbie a metterci alla prova mentre completiamo la conquista e gestiamo problemi interni alle forze di Kyros, con sullo sfondo un'indagine per scoprire eventuali traditori o semplici incompetenti tra i propri alleati, senza sapere se effettivamente ci sia un colpevole (o se lo siano tutti).


    - l'ambientazione per me è promossa. Lo studio del lore e del world building è nettamente meno rigoroso rispetto a progetti come Pillars of Eternity, dove si sentiva l'ispirazione storica e un'attenzione nel mantenere più o meno bilanciato il contesto. Tyranny sorvola su tanti aspetti, esagera altrove, sfrutta poco o nulla il periodo storico cui si ispira dal lato artistico, ma riesce comunque a creare un'alchimia ben riuscita.

    Se vi piace l'high fantasy, ma volete qualcosa di diverso dalla solita impostazione Tolkeniana, decisamente sopra le righe sia visivamente che nei poteri dati ai big in gioco, senza gli odiatissimi elfi, e con un'impostazione artistica ben riuscita e insolita, l'ultimo lavoro di Obsidian non vi dispiacerà affatto.


    - il nostro avatar non è un signor nessuno, un avventuriero random cui tutti si rivolgono anche senza conoscerlo perché si e che in pochi giorni si trasforma in una delle personalità più influenti di un regno. E' membro d'una élite ben conosciuta, che gli garantisce una forte autorità e gli ha fornito addestramento avanzato.

    A livello pratico ciò si traduce in vicende più scorrevoli e meno soggette a forzature, giovando alla coerenza interna e alla sospensione d'incredulità. Non verremo inviati a fare il postino o raccogliere funghi, ma a risolvere problemi veri. La main è la colonna portante delle vicende e le sub sono poche e ben legate alla situazione in cui ci troviamo.


    - la creazione del pg, nello specifico del suo passato recente, dà grande soddisfazione.

    La scelta della nostra mansione iniziale e delle due discipline in cui siamo stati addestrati una volta diventati Fatebinder fornisce giusto un bonus di poco conto ai valori base, ma sbloccherà anche opzioni di dialogo dedicate - che seppur in numero ridotto sono state saggiamente distribuite lungo tutto l'arco della partita, così da non avere la sensazione che la nostra origine venga dimenticata nel giro di un paio d'ore.

    Il piatto forte è ovviamente il conquest, una sorta di libro-game in cui decideremo come abbiamo supportato l'avanzata dell'esercito di Kyros negli ultimi anni. Vengono proposte molte scelte interessanti, difficili decisioni etiche e i vari step hanno influenza sulle diramazioni successive. Ad ogni passaggio vengono presentate due situazioni, ma potremo influenzarne solo una, il che m'ha lasciato la piacevole sensazione di non avere un mondo che va avanti solo grazie a noi e la voglia di fare una seconda run per vedere cosa mi sono perso.

    E gli effetti sul resto del gioco? Ci sono eccome. Gli npc citano spesso e volentieri le nostre gesta, non solo affibbiandoci appellativi particolari ma offrendo nuove sezioni di dialogo coerenti, che non considerano solo un grosso evento conclusivo ma anche le varie decisioni minori quando è sensato tirarle in ballo. Inoltre ciò può stravolgere il modo in cui una fazione ci considera, facendoci iniziare col piede sbagliato oppure aprendoci approcci diversi per completare le quest e stringere nuove alleanze.

    §

    - in più punti ho detto quanta libertà di scelta venga offerta, e ora vi confermo che le conseguenze sono all’altezza delle aspettative. Nel primo capitolo si possono influenzare le vicende in vari modi, e la scelta finale ha un impatto notevole sul prosieguo del gioco. La parte centrale è quella più lineare (ma due run diverse mostreranno differenze non trascurabili dovute alle scelte precedenti, oltre a precludere totalmente alcune mappe e personaggi) mentre nel breve ma intenso capitolo finale tutti i nodi vengono al pettine e si può nuovamente apprezzare l’effetto pesante di scelte vecchie e nuove. Le slide finali sono impressionanti, mai viste così numerose, ricche e che tengono conto di ogni piccolo bivio.

    Ho completato un’unica partita, ma leggendo i pareri di altri e dando una sbirciatina ai punti chiave alternativi, credo proprio che una seconda run sarà più che apprezzabile.


    - il sistema di reputazione è maestoso, e cerca di tenere traccia di ogni nostra azione. Non solo andrà ad influenzare il modo in cui le fazioni ci vedranno, ma diversi npc importanti e i companion avranno una loro idea personale su di noi.

    La novità è che per ognuno di essi avremo due punteggi indipendenti: favore/rabbia per fazioni e npc, lealtà/paura per i companion. Rispetto al solito sistema "mi piaci/non mi piaci" cui siamo abituati, sulla carta ciò apre nuove sfumature al modo in cui il mondo reagisce al nostro pg, che si sposano bene con l'ambientazione e il mood del gioco. Possiamo tenere sotto controllo un companion rispettandolo e dimostrandoci amichevoli, ma anche trattandolo col pugno di ferro così che ci tema al punto da essere il nostro cagnolino. Se per una serie di motivi ci renderemo ostile una fazione, fare il leccaculo o completare sub non le faranno dimenticare tutto, perché guadagneremo favore ma la rabbia verso di noi rimarrà.

    Le occasioni per modificare questi punteggi si sprecano: un sacco di linee di dialogo in cui mostrare atteggiamenti e idee più o meno gradite e ogni azione di rilievo avranno il loro effetto.

    Ognuno di questi livelli di reputazione è suddiviso in 5 step a seconda del nostro punteggio, che sono di fatto dei breakpoint che aprono/chiudono nuovi sottoalberi di dialogo, nuove reazioni verso di noi, diramazioni nelle vicende, e sbloccano pure nuove abilità per il combattimento.

    Il sistema è ancora grezzo, sfruttato solo in parte, facilmente exploitabile e il numero davvero elevato di fazioni importanti e minori rende talvolta il tutto un po' confusionario. Sicuramente migliorabile quindi, ma l'idea è buona e il risultato piacevole.

    Una chicca che m'è piaciuta molto: gli artifact, gli oggetti equipaggiabili più rari e potenti, hanno una storia ed un livello di reputazione personale, che aumenterà man mano che li userete e compirete gesta sfruttandoli, e anche questo sblocca abilità speciali. La trovo una trovata molto carina, anche perché come scoprirete questa proprietà ha un fondamento nel lore del gioco.




    I punti deboli:


    - il ruleset e le sue applicazioni hanno vari problemi. Partiamo dalle statistiche: sono quelle di PoE, ma perdono alcune qualità che legittimavano la scelta di abbandonare un sistema più classico (e che a molti concettualmente non piacquero comunque). Nel gioco precedente avere stat poco influenti sul combattimento era giustificato dal fatto che permettevano pg distanti dai soliti canoni, come un Barbaro estremamente colto, senza punirli ma anzi valorizzandoli a livello di dialoghi. In Tyranny purtroppo le check sulle stat sono rarissime se non addirittura assenti (non riesco a ricordarne una), lasciandoci quindi con solo la conseguenza negativa del sistema: differenze non molto apprezzabili tra due pg con costruzione diversa ma stesso equip.


    - hey, ci sono le skill a porre rimedio, giusto? Ni.

    Nei dialoghi contribuiscono a definire il carattere del nostro pg, quindi ben vengano.

    Nelle interazioni ambientali invece sono assolutamente da dimenticare: scordatevi le simpatiche fasi stile libro-game di PoE, nessuna schermata intermedia qua, solo un pop-up che spiega brevemente il contesto e l’opzione di tentare la check. E le prove proposte hanno sempre scopi estremamente banali, come scalare un dislivello per ottenere loot aggiuntivo. Inoltre ora abbiamo un unico “check condiviso” per il party, dove basta che uno dei pg superi la soglia richiesta perché tutto il gruppo abbia successo. Se questo è assolutamente sensato in certi casi, come sfondare una porta, lo è meno quando invece si deve attraversare un fiume. PoE proponeva in questi casi check su ogni singolo pg: i più adatti superano l’ostacolo senza problemi, gli altri subiscono dei malus. Oppure, quando possibile e se si avevano gli oggetti giusti, permetteva di far compiere l’azione ad un solo pg che poi forniva un aiuto agli altri per evitare penalità, come calare una corda per scalare facilmente delle mura. Idee molto carine e che davano più profondità al tutto purtroppo abbandonate.

    Ma il problema grosso delle skill è il sistema di crescita, che segue la logica “più usi una abilità, più questa sale di livello”. Come preventivato da un po’ tutti, è tremendamente sbilanciato. Non tanto perché exploitabile come nei TES: i combattimenti seppur numerosi non sono esagerati e le aree visitabili poche, circoscritte e senza respawn. Non si può diventare over-livellati uccidendo roba, insomma. Il problema sono i bonus aggiuntivi vari che si ottengono. Prima parlavo di “check condivise”: ebbene, condivisi sono pure i punti guadagnati. Se un compagno supera una prova ambientale fisica, pure il mago mingherlino prende exp gratis in Athletics. Se il rogue individua trappole, Subterfuge sale a tutti. In più quando si completa una quest, gli sviluppatori han voluto dare la classica ricompensa per far salire i pg di livello. Come? Dando punti a tutte le skill di tutto il party! Già, anche quelle che non si hanno mai toccato o che non c’entrano nulla con le nostre azioni durante la missione in questione!§[http://ign-microsites]§Aggiungiamo che certe skill raggruppano azioni concettualmente molto distanti tra loro, come Subterfuge che serve sia a individuare trappole che a scassinare serrature che a muoversi furtivamente che a raggirare le persone nei dialoghi.

    Il risultato è che ben presto nella partita i pg si appiattiscono totalmente. Tutti hanno Subterfuge alta, tutti hanno buon Lore, tutti hanno discreta Athletics, senza nessuna logica. Wow.


    - quest solving molto lineare. E con questo non intendo dire manchino le scelte: quelle ci sono (quasi) sempre e come ho scritto sopra sono tra i maggiori punti di forza del titolo.

    Mi lamento della svolgimento delle quest fuori dai dialoghi. Dovrete andare da A a B, senza varietà di percorsi, senza la possibilità di far valere le vostre skill, o ingegnarvi per sfruttare l’ambiente. Scordatevi la flessibilità di un Fallout, o per restare più vicino al presente quella della Fortezza di Raedric in PoE. Le mappe sono piccole e anonime, giusto i dungeon nelle Old Walls fanno un tentativo di proporre qualcosa in più ma restano poca roba.

    E anche nei dialoghi, se ripensate a quel che dicevo sulla piattezza dei pg, capirete che si perde una certa soddisfazione nel vedersi sempre aperte tutte le disponibilità, ad esempio perché il tuo tank rozzo e nerboruto s’è ritrovato per magia a saper intortare la gente con la parlantina. Il tuo avatar è meno unico, le opzioni aggiuntive non sono ricompense alle tue scelte di character building, tutto è accessibile a tutti.


    - combat non pervenuto. In realtà mi sembra sia anche buono, dato che la base è quella di PoE che è per me il miglior sistema rtwp in circolazione, e la grande flessibilità del sistema magico che si affianca alle abilità più specifiche e particolari dello skill-tree è una gradevole aggiunta. Però appunto, resta un’impressione. Non si riesce a giudicare perché la difficoltà resta bassa fin da subito, l’encounter design non si impegna minimamente, la varietà di nemici e situazioni è minima.

    Resta fluido e non frustrante, sicuramente migliore di tanti altri pessimi esempi che il genere ha offerto in passato (tra cui anche i mostri sacri), però scorre via senza lasciare nulla.


    - dura un po' troppo. Un gioco del genere, con così tanta enfasi sul choice&consequence spinto, è ideale quando ti lascia la voglia di farti subito una seconda run per vedere quel che ti sei perso, come si modifica la storia cambiando approccio, ecc. C’è un motivo se Mask of the Betrayer è uno dei pochi rpg che sono riuscito a sviscerare e godermi in prima persona i vari percorsi disponibili.

    Non solo, le conseguenze devono essere concrete e visibili in fretta. Non sempre immediatamente, per evitare sviluppi troppo prevedibili o spingere all’abuso del save&reload, ma comunque presentate in tempi accettabili. In Tyranny si prendono un sacco di decisioni, ma tante restano una nota sul diario per troppo tempo, dando la sensazione che non influiscano sul mondo. Trovo si potesse fare meglio nel fornire dei feedback costanti lungo tutta la partita, piuttosto che raggrupparne gran parte all’inizio e nelle battute finali.

    Come dicevo sopra, sto criticando principalmente la parte centrale del gioco. Il mezzo della campagna è nettamente sotto il livello delle altre parti, nonostante abbia una durata importante. Lascia la sgradevole sensazione di mero riempitivo o di contenuto buttato lì in fretta e furia.



    §Peccato per questi difetti, trovo potessero essere probabilmente evitati o assai limitati semplicemente rimanendo più coerenti all'idea base del gioco.

    Se gli sviluppatori avessero puntato tutto sul gioco di reattività anzichè voler riproporre stilemi dei vecchi rpg, trovo avremmo avuto un prodotto più rifinito e solido in quel che vuole proporre. Gli bastava eliminare qualche "dungeon" e combattimento gratuito (tanto sono dimenticabili), passando dalle 30-35 ore attuali per una run a qualcosa tipo 20-25, e ridurre skill e stat al minimo indispensabile o toglierle proprio per dare spazio solo al carattere del pg, stile The Witcher (tanto col sistema di crescita che ci si ritrova non esistono check, nel senso che tutti superano tutto e sempre, personalmente m'ha dato solo fastidio avere una scheda pg a questo punto). Si snelliva il tutto e ci si concentrava su quel che il gioco fa davvero bene.


    Tirando le somme, trovo sia un gran bel gioco e mi ha divertito parecchio. Non certo un capolavoro del genere, ma comunque assai piacevole e con elementi diversi dal solito. Assolutamente consigliato.

Informazioni discussione

Users Browsing this Thread

Al momento 5 utenti stanno leggendo questo topic. (0 utenti registrati e 5 ospiti)

Bookmark

Regole di scrittura

  • Non puoi aprire nuove discussioni
  • Non puoi rispondere alle discussioni
  • Non puoi pubblicare allegati
  • Non puoi modificare i tuoi post
  •