PDA

Visualizza versione completa : Siamo finiti sul messaggero!



grifis
03-11-2002, 15.04.33
Ragazzi, la nostra associazione di battaglie dal vivo è finita sul messaggero di oggi, domenica 3 novembre! Ci hanno dedicato un articolo a pag. 38 Cronache di Ostia. Per chi non avesse comprato il messaggero, eccovi l'articolo (reperibile pure sul sito):


Castelfusano: guerra in pineta, ma solo per gioco
Una domenica al mese a centinaia si scontrano con sciabole e alabarde di plastica. Prima regola: non farsi male
di MARA AZZARELLI

Gli eserciti vengono arruolati via internet, le armature si costruiscono in casa ed un solo codice che, come una sorta di diritto internazionale, vige in qualunque campo di battaglia: fare la guerra.
Ma solo per gioco. La guerra per gioco? Sì, perché solo ed unicamente così la concepiscono centinaia di persone, di età compresa fra i 14 ed i 50 anni, che almeno una volta al mese si scontrano a colpi di sciabole, picche e alabarde - rigorosamente di materiale plastico - all’interno della pineta di Castelfusano per quello che è un gioco di ruolo divenuto momento cult per molti giovani e non. In uno scenario che ha del surreale, mollano telefonini ed automobili per fare un salto a ritroso nel tempo calandosi fra gli usi ed i costumi di un medioevo fatto di streghe, fattucchiere, leggende e valorosi cavalieri.
Domenica scorsa sono arrivati quasi in duecento, per dar vita ad una battaglia ispirata alla storia ma anche a libri come "Il signore degli anelli" di Tolkien e alle ultime novità provenienti da fiere del fumetto come "Romix" ed "Expocartoon". In questo caso le truppe schierate erano quattro: gli "elfi", una sorta di esercito nazionale incaricato di difendere i propri confini; i "ribelli", che come un gruppo indipendentista ricerca la propria identità dallo scontro con i primi; i "violatori", conquistadores a caccia di tesori; il "caos", fra i ranghi del quale ci si arruola solo per soddisfare i desideri di un dio distruttore rubato al mondo della fantasia.
«All’interno delle varie forze armate - spiega Maurizio Sbarassa, uno degli organizzatori - ci sono varie gerarchie: generali, consiglieri, vicegenerali, assassini, ufficiali, semiufficiali, veterani, semiveterani e adepti». Un gioco fatto ovviamente anche di obiettivi, nel caso specifico c’era una principessa intrappolata in un castello da salvare, e di vinti e vincitori. «Un certo numero di colpi - descrive uno degli iscritti dell´associazione promotrice, Riccardo Saturno - provoca la "morte". In realtà nulla di pericoloso, visto che l’unica regola fissata nel nostro regolamento impone di non farsi male. Durante il percorso, che rimane top secret fino all’inizio della battaglia quando a tutti i partecipanti vengono affidate le pergamene dove si riportano gli indovinelli da risolvere, si conquistano: monete, terre ed oggetti magici. Anche se in realtà il vero premio è dato dalle quattro-cinque ore di puro divertimento».
Il prossimo appuntamento, in attesa che i nuovi ranghi vengano reclutati attraverso il sito www leurladiguerra.it, è per domenica 24.

QUESTO ARTICOLO POTETE TROVARLO SUL MESSAGGERO DI DOMENICA 3 NOVEMBRE O SUL SITO www.ILMESSAGGERO.IT

tonghor
03-11-2002, 20.46.08
ehehhe complimenti... ;)

BlackLinX
04-11-2002, 12.19.19
bravi ... :)

Io NON copro il Messaggero, anzi, dove si mangia?!? :D