PDA

Visualizza versione completa : Un minorenne può imbarcare preservativi in aereo?



NL29
03-10-2014, 12.00.25
Quesito semplice e con una risposta probabilmente scontata, ma che "mi sta a cuore" perchè si tratta di mio fratello minore (17 anni).
In poche parole, io sto per partire con un'amica a Londra, ma in parallelo mio fratello partirà per Dublino con la scuola per qualche corso e bla bla bla. Cercando il mio cartellino identificativo in una valigia che ho sempre utilizzato io, ma che ora userà lui, ho trovato un pacco di preservativi, messo lì necessariamente da lui.
Nulla di male, anzi sono anche contento :asd:, ma vorrei evitargli una figura di merda apocalittica con i prof. nel caso vogliano fare controlli più accurati sul contenuto dei bagagli degli studenti o nel caso essendo minorenne non possa proprio portarli. Posso far finta di nulla o lo devo mettere in guardia?

Ho fatto una ricerca su Google, ma non ho trovato nulla.

Mr.Doctor
03-10-2014, 12.06.52
perche', i minorenni non posson trombare?

Elrond
03-10-2014, 12.13.09
Perché mai non potrebbe portarli? Certo che può :\
Puoi anche mettersene uno in testa, se vuole.

Simgiov
03-10-2014, 12.27.37
Ma cos'è, una scuola cattolica?

Thor
03-10-2014, 12.51.33
Digli eventualmente di "indossarne" 2 per andare sul sicuro:asd:

sharkone
03-10-2014, 13.00.59
Viene daspato per 3 anni con obbligo di firma.


ps parlando seriamente non vedo perchè non possa. Durante i controlli non penso siano oggetto di discussione.

Skymaster
03-10-2014, 13.05.10
Rischia la pena capitale e ovviamente la cosa più grave.......................il ban a vita dalle stanze del Vaticano :sisi:

Ps: Appena ho letto il titolo, pensavo fosse un topic di marcolo :D

NL29
03-10-2014, 13.47.14
In aereo ho viaggiato poco e sempre da maggiorenne, non sono pratico con le varie normative.
Detto questo, capito che il fatto di essere minorenne non conti un'emerita ceppa, è anche vero che secondo me un prof non dirà mai: "farete questo viaggio-studio e scoperete a più non posso, munitevi di profilattici!". Quindi, anche solo per salvare l'apparenza, potrebbe fargli un cazziatone se volesse (e potesse) controllargli la valigia e li scoprisse.
Ma così sforiamo nell'ambito della bastardaggine di un docente e sticazzi, non posso farci nulla.

Poi oh, se non ci sono problemi meglio.

destino
03-10-2014, 14.23.37
puoi anche comprarli una volta atterrato, se proprio hai paura che te li becchino in aereo :asd:

Gatto_Nero
03-10-2014, 14.27.43
Ammazza oh, manco si fosse portato dietro un Ak47 :asd:

Fosse successo a me probabilmente avrei detto qualcosa tipo "prof, volevamo fare battaglia di gavettoni ma i palloncini al supermercato erano finiti perchè ormai siamo fuori stagione" :sisi:

NL29
03-10-2014, 14.41.46
Ok, ha capito che l'ho sgamato e ho scoperto che ha fatto una figura di merda quando li ha acquistati.
E' caduto con lo scooter davanti al distributore, si è rialzato, ha parcheggiato, è andato al distributore, questo non gli accettava i soldi, è tornato allo scooter per 3 volte perchè aveva lasciato il portafogli nel sellone e ogni volta prendeva una banconota diversa e nel mentre è stato filmato e visto da una compagna di classe.

Ci sarebbe da piangere per la sua situazione, ma è troppo testa di minchia per non raccontarlo. :asd:
Raccontata da lui in lacrime sta storia, tra l'altro.

TheMax
03-10-2014, 15.20.20
CUT nel mentre è stato filmato e visto da una compagna di classe.

A morte.

eomund
03-10-2014, 16.05.54
Digli eventualmente di "indossarne" 2 per andare sul sicuro:asd:

Uno davanti ed uno didietro? :asd:

Kewell18
03-10-2014, 16.29.51
Ok, ha capito che l'ho sgamato e ho scoperto che ha fatto una figura di merda quando li ha acquistati.
E' caduto con lo scooter davanti al distributore, si è rialzato, ha parcheggiato, è andato al distributore, questo non gli accettava i soldi, è tornato allo scooter per 3 volte perchè aveva lasciato il portafogli nel sellone e ogni volta prendeva una banconota diversa e nel mentre è stato filmato e visto da una compagna di classe.

Ci sarebbe da piangere per la sua situazione, ma è troppo testa di minchia per non raccontarlo. :asd:
Raccontata da lui in lacrime sta storia, tra l'altro.

Che legame c'e' tra questa storia e l'acquisto dei preservativi?
E come ha fatto la sua compagna a vederlo dalle telecamere del distributore? Lavora alla sicurezza del distributore? :asd:

Cobalto54
03-10-2014, 17.34.43
Ok, ha capito che l'ho sgamato e ho scoperto che ha fatto una figura di merda quando li ha acquistati.
E' caduto con lo scooter davanti al distributore, si è rialzato, ha parcheggiato, è andato al distributore, questo non gli accettava i soldi, è tornato allo scooter per 3 volte perchè aveva lasciato il portafogli nel sellone e ogni volta prendeva una banconota diversa e nel mentre è stato filmato e visto da una compagna di classe.

Ci sarebbe da piangere per la sua situazione, ma è troppo testa di minchia per non raccontarlo. :asd:
Raccontata da lui in lacrime sta storia, tra l'altro.

Ma povero! Non ha mica spacciato cocaina!
La compagna di classe poteva anche farsi i caxxi suoi (visto che siamo in tema di profilattici :asd:). Consiglia a tuo fratello di dirle: "se vuoi, li proviamo assieme".
Non ci sono problemi a portarli in aereo, non ci sono mai stati dirottamenti a colpi di profilattici.
Se qualche prof. fa il perbenista ... è per invidia.
Se glieli sequestra ... è perché non vuole spendere soldi per comprarseli.
Se chiede: "e questa roba, cos'è?" vuol dire che ha dei grossi problemi.

Ricorda a tuo fratello la regola più importante: divertimento senza concepimento.

FoxAlive29
03-10-2014, 17.45.15
uno apre un post sui preservativi e la sezione si ripopola :asd:

Simgiov
03-10-2014, 17.49.07
Ammazza oh, manco si fosse portato dietro un Ak47 :asd:

A Copenhagen in rientro verso Milano, metto la valigia sul nastro dei raggi x... sul monitor del controllore esce fuori una pistola, mi sono preso uno spavento assurdo... la rimettono a controllare e questa volta è tutto a posto, il tizio della sicurezza mi vede in stato confusionale e mi fa di non preoccuparmi, sono controlli automatici del sistema che genera falsi positivi per vedere se i controllori stanno attenti... cazzarola che spavento °o°

NL29
03-10-2014, 19.09.37
Che legame c'e' tra questa storia e l'acquisto dei preservativi?
E come ha fatto la sua compagna a vederlo dalle telecamere del distributore? Lavora alla sicurezza del distributore? :asd:

Questa storiella l'ho scoperta dopo aver aperto il thread e mi sembrava giusto renderla "pubblica". :sisi:

La stronza l'ha filmato con il cellulare da una 20ina di metri.


Ma povero! Non ha mica spacciato cocaina!
La compagna di classe poteva anche farsi i caxxi suoi (visto che siamo in tema di profilattici :asd:). Consiglia a tuo fratello di dirle: "se vuoi, li proviamo assieme".
Non ci sono problemi a portarli in aereo, non ci sono mai stati dirottamenti a colpi di profilattici.
Se qualche prof. fa il perbenista ... è per invidia.
Se glieli sequestra ... è perché non vuole spendere soldi per comprarseli.
Se chiede: "e questa roba, cos'è?" vuol dire che ha dei grossi problemi.

Ricorda a tuo fratello la regola più importante: divertimento senza concepimento.

Già parlato e detto più o meno le stesse cose.

Giant Lizard
03-10-2014, 20.24.29
ogni volta che viaggio me ne porto dietro una manciata, quindi può star tranquillo :asd:

Elrond
04-10-2014, 00.08.59
potrebbe fargli un cazziatone se volesse (e potesse) controllargli la valigia e li scoprisse
I professori non possono controllare i bagagli degli studenti, quindi di cosa si preoccupa?

sharkone
04-10-2014, 00.17.28
L'unica (se in qualche modo la cosa l'imbarazza) è che durante il controllo venga tirato fuori il pacco, ma è una possibilità molto remota, non vedo per qual motivo dovrebbero farlo.
Riguardo l'amica che dire...una società dove il comprare preservativi diventa motivo di scherno.

MarcoLaBestia
04-10-2014, 04.18.15
Ok, ha capito che l'ho sgamato e ho scoperto che ha fatto una figura di merda quando li ha acquistati.
E' caduto con lo scooter davanti al distributore, si è rialzato, ha parcheggiato, è andato al distributore, questo non gli accettava i soldi, è tornato allo scooter per 3 volte perchè aveva lasciato il portafogli nel sellone e ogni volta prendeva una banconota diversa e nel mentre è stato filmato e visto da una compagna di classe.

Ci sarebbe da piangere per la sua situazione, ma è troppo testa di minchia per non raccontarlo. :asd:
Raccontata da lui in lacrime sta storia, tra l'altro.

bè ora li ha comprati, quindi può andare dalla stronza ke l'ha filmato, ficcarla di testa in un bidone e scoparla a pecora. :asd:

Kewell18
04-10-2014, 08.57.49
A Copenhagen in rientro verso Milano, metto la valigia sul nastro dei raggi x... sul monitor del controllore esce fuori una pistola, mi sono preso uno spavento assurdo... la rimettono a controllare e questa volta è tutto a posto, il tizio della sicurezza mi vede in stato confusionale e mi fa di non preoccuparmi, sono controlli automatici del sistema che genera falsi positivi per vedere se i controllori stanno attenti... cazzarola che spavento °o°

Mi viene in mente quella volta che mi ero dimenticato nel bagaglio a mano dei prodotti in ottone che aveano vagamente la forma di una pistola...Nel prendere il volo (interno alla Cina) e nel passare il bagaglio ai raggi x i due pezzi sembravano assolutamente due pistole...:asd:...E' stato molto divertente vederli allo schermo...
Ovviamente mi hanno fatto aprire il bagaglio ma invece di sequestrarli (e ne avrebbero avuto il diritto) me li hanno lasciati...


Questa storiella l'ho scoperta dopo aver aperto il thread e mi sembrava giusto renderla "pubblica". :sisi:

La stronza l'ha filmato con il cellulare da una 20ina di metri.


Stronzissima...
Certo che anche lui...:asd:

Di0
04-10-2014, 21.23.29
A meno che non voli da o per il Vaticano non vedo il problema.
Nei paesi civili, se sanno che un minorenne va in visita di piacere, se proprio ti raccomandano di portarti i preservativi in valigia. :asd:

E ancora, cosa c'e' di "vergognoso" nel comprare preservativi proprio non capisco? Questa e' un'altra di quelle cose della mentalita' italica che mi manda in bestia. Negli USA a volte te li danno in "omaggio" quando vai a fare le visite mediche di routine nei centri universitari, per incoraggiarne l'uso. Non c'e' niente di cui vergognarsi, davvero. La figura di merda dovrebbero le puritane perbeniste che rimangono shockate dall'acquisto di un goldone al punto di ritenerlo degno di essere ripreso col cellulare.

MarcoLaBestia
04-10-2014, 22.04.05
Ma io credevo ke davvero nel 2015 avrei visto automobili volanti, non di certo una discussione sul farsi sgamare i preservativi.

Fa ridere.

Elrond
04-10-2014, 23.27.47
Ma io credevo ke davvero nel 2015 avrei visto automobili volanti, non di certo una discussione sul farsi sgamare i preservativi.

Fa ridere.
Che ci vuoi fare, sarà una scuola foggiana!

Thor
05-10-2014, 01.27.04
Ma io credevo ke davvero nel 2015 avrei visto automobili volanti, non di certo una discussione sul farsi sgamare i preservativi.

Fa ridere.

Bisognerebbe aprirne una sulla gittata dello sperma con preservativo:asd:

Kewell18
05-10-2014, 01.36.49
A meno che non voli da o per il Vaticano non vedo il problema.
Nei paesi civili, se sanno che un minorenne va in visita di piacere, se proprio ti raccomandano di portarti i preservativi in valigia. :asd:

E ancora, cosa c'e' di "vergognoso" nel comprare preservativi proprio non capisco? Questa e' un'altra di quelle cose della mentalita' italica che mi manda in bestia. Negli USA a volte te li danno in "omaggio" quando vai a fare le visite mediche di routine nei centri universitari, per incoraggiarne l'uso. Non c'e' niente di cui vergognarsi, davvero. La figura di merda dovrebbero le puritane perbeniste che rimangono shockate dall'acquisto di un goldone al punto di ritenerlo degno di essere ripreso col cellulare.

Stiamo parlando del paese fondato da un gruppo di bigotti in fuga troppo integraisti persino per l'Inghilterra del 1600 e che tutt'oggi ospita al suo interno sette di rinnomata aperture mentale tipo i mormoni o gli amish?
No, questa non la bevo, possono anche regalare I preservati, ma che siano meno puritani e perbenisti di un paese europeo, non penso proprio...

Elrond
05-10-2014, 02.24.04
L'opposizione ai preservativi è una caratteristica della Chiesa cattolica così come l'arretratezza della morale sessuale è una prerogativa dei paesi cattolici, quindi comprendo il punto di vista di Di0. D'altra parte, quanto alla dottrina, la Chiesa cattolica è anni luce avanti rispetto a certe chiese e sette americane :asd: Ma anche quanto alla laicità delle istituzioni, non baratterei mai e poi mai l'Europa (Italia inclusa) con gli States... Insomma, a ciascuno il suo.

MarcoLaBestia
05-10-2014, 06.44.49
Bisognerebbe aprirne una sulla gittata dello sperma con preservativo:asd:

Io avevo fatto un secondo record ma nessuno si inculò il topic quando lo uppai, allora ho preferito lasciare il mistero. :asd:

FALLEN_ANGEL_664
05-10-2014, 12.11.28
No, questa non la bevo, possono anche regalare I preservati, ma che siano meno puritani e perbenisti di un paese europeo, non penso proprio...

Penso che la sostanziale differenza stia nell'ampio spettro di situazioni riscontrabili negli USA rispetto a quello riscontrabile qui in Italia. In USA avrai anche un bel pò di integralisti e comunque una cultura puritana/perbenista molto diffusa, ma è anche nella cultura americana essere molto più "deregolati" per tutto ciò che non è perseguibile a norma di legge. Qui in Italia si è molto più "formati" e specie su particolari argomenti il pensiero se non è proprio omologato è comunque largamente preimpostato. Lì infatti arrivano a regalarti preservativi con magari i quattro integralisti che ti promettono l'inferno; se provassi a regalarli qui potresti facilmente non essere visto di buon occhio in generale.

Almeno è questo che mi è parso degli USA.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Di0
08-10-2014, 17.25.21
Esatto, chiaramente e' facile partre dai preconcetti sul fatto che esistano i Mormoni e gli Amish, o i creazionisti Texani, senza considerare pero' che, ad esempio, le unioni civili ed omosessuali sono risconosciute in molti stati, e soprattuto sui temi di prevenzione delle malattie sessuali c'e' molta piu' apertura. Di fatto, gli USA restano un paese enorme con molte contraddizioni, quello e' vero, ma generalizzare la realta' di stati come, ad esempio, il Massacchussetts accumunandoli a quello che si puo' leggere sui giornali e che viene dal Texas e' piuttosto semplicistico. Ci sono tante diverse realta', ad esempio in tema di apertura mentale dal punto di vista sessuale sono sicuramente piu' avanti dell'Italia, ma c'e' di sicuro anche li' qualche contraddizione (forse mi sbaglio, ma in diversi stati del sud fino a pochi anni fa il sesso orale era "illegale", ma anche li' parliamo ovviamente di curiosita' e roba che interessa piu' per farci sopra battute, come ad esempio in teoria a Boston, citta' fondata dai puritani, e' ancora in atto una legge che vieta di tenersi per mano per strada). D'altra parte son quasi certo che ci sono molte meno possiblita' che un gay venga discriminato a boston o new york piuttosto che in qualsiasi paese italiano.

Elrond
08-10-2014, 23.20.37
D'altra parte ci sono molte meno possibilità che un ateo o un comunista venga discriminato a Roma o a Milano piuttosto che in qualsiasi città americana :asd:

Di0
09-10-2014, 00.44.06
Ateo credo non piu' di tanto, per quanto sia vero che almeno di facciata -ad esempio - si ritiene ancora molto importante la religiosita' di un politico etc. etc.
Un Presidente dichiaratamente ateo non credo che sia verosimile, considerando come son fatti. Pero' sono solo problemi che affliggono personaggi pubblici, credo che nella vita di una persona normale la discrimnazione in quanto atei non esista. O perlomeno, io non mi ci son mai trovato ad avere a che fare. :look:

Comunista, si', quello si', di fatto gli americani usano il termine comunista a la "berlusconi", ovvero connotato praticamente come insulto.
O meglio, Berlusconi ha preso in prestito quel modo d'usare il termine comunista.

Kewell18
09-10-2014, 10.32.20
Bhe chiaro che stiamo confrontando due nazioni dove una delle due e' grande come uno dei 50 Stati dell'altra, quindi e' scontato che nel Paese piu' grande si trovi un maggior numero di situazioni. Pero' la mia impressione e' che la cultura Americana o diciamo il sistema Americano (anche se non mi piace usare il termine sistema) tenda ad imporre ai proprio cittadini uno status quo da seguire in maniera molto piu'forte rispetto all'Europa o diciamo solo all'Italia per rimanere in casa. E chi non segue queste direttive viene emarginato. Ora, saranno anche piu' avanti di noi rispetto all'educazione sessuale, non avranno problemi con I vestiti mentre noi dobbiamo avere sempre l'abito giusto per ogni occasione (cosa secondo me positiva ma sono punti di vista) e a New York o a San Francisco un gay o un ateo verra' trattato in maniera assolutamente uguale rispetto agli altri, pero' tutto questo e' un lato della cosa. L'altro lato e' un'America dove se non fai quello che le regole non scritte ti impongono sei marchiato. Se non ti sposi giovane e lasci presto la casa dei genitori non va bene. Se non fai il mutuo per prenderti una dlle tante villettine tutte uguali non va bene, se non hai il telefono che hanno tutti gli altri non va bene. Era Americano l'uomo che ha detto: "diamo ad ogni cittadino una macchina, e che sia uguale per tutti".
Io in Italia non ho mai visto uno studente scoppiare perche' emarginato, e il motivo delle armi da fuoco non spiega questo (quello spiega solo il numero di morti). Prendendo un altro paese, la Cina, che impone ai suoi cittadini uno status quo, anche qui ogni tanto capita che qualcuno perde la testa e se ne va in giro con un coltello cercando di colpire alunni e insegnanti (con la differenza che l'unico che muore alla fine e' lui).
Gli USA pur avendo un economia piu' solida ha un numero di barboni di gran lunga piu' elevato rispetto ai paesi europei, e non e' solo perche' mancano politiche di assistenzialismo.
Negli USA nessuno mai ricoprira' un ruolo importante senza essere sposato. Un presidente nero e' possibile, ma un presidente single assolutamente no...
A me tutto questo sembra frutto di un modo di pensare molto bigotto. E non a caso poi quando gli American escono dai propri confini tendono ad assumere comportamenti opposti rispetto a quanto farebbero a casa.
Posti come Tijuana in Messico, Medellin in Colombia, Pattaya in Thailandia, Angeles City nelle Filippine sono nati per soddisfare un certo tipo di domanda proveniente da cittadini americani.
A Manila vecchiacci Yankee che se ne vanno in giro mano nella mano con teenagers locali e' normale. In Giappone vicino alle basi americane e' normale che le ragazze del posto vengano drogate e violentate.
All'uomo Italiano la figa piace in Italia come all'estero e non cambia atteggiamento, quello Americano invece si lascia andare.
E tutto questo senza aver parlato delle sette di maniaci citate in precedenza :asd:
Cmq, questo discorso non e' per voler imporre il modo di fare all'Italiana, tutti hanno difetti e pregi e vivendo all'estero ne sono ben conscio, solo che non mi piace l'esterofilia ingiustificata (ovviamente non e' riferito a DiO :birra:) di tanta gente, soprattutto per il mondo Anglosassone...

FALLEN_ANGEL_664
09-10-2014, 12.28.32
Bhe chiaro che stiamo confrontando due nazioni dove una delle due e' grande come uno dei 50 Stati dell'altra, quindi e' scontato che nel Paese piu' grande si trovi un maggior numero di situazioni.

Indubbiamente l'estensione gioca molto a favore degli USA in tale ambito. Secondo me però c'è anche un fattore culturale che facilita ciò. L'Europa ha millenni di storia istituzionale dietro di se. Gli USA sono un paese nato da pochi secoli e nello spirito della frontiera. Per loro è molto più facile inquadrare lo stato (il "pubblico") come il soggetto che ha il diritto/dovere di intervenire nel minor numero possibile di casi. E questo riesce a riflettersi molto più facilmente anche in ambito sociale rispetto a quanto (sempre secondo me) avvenga in Europa. Rimane comunque la comunità e di conseguenza l'emarginazione, ma il loro essere una società nata dalla "solidarietà" tra gente di frontiera che aveva in comune il volersi opporre ai poteri forti europei e farsi essenzialmente i cazzi propri in santa pace li aiuta nell'offrire una maggiore varietà di ambiti in cui inserirsi. Ovviamente ci sono sempre dei gruppi predominanti, semplicemente non sono così largamente omologati e radicati come riescono ad essere qui in Europa.


L'altro lato e' un'America dove se non fai quello che le regole non scritte ti impongono sei marchiato.

Hm, io non ho questa impressione. Non trovo che vi siano differenze particolari nella marcatura dei soggetti da emarginare tra qui e gli USA. Trovo al massimo che se c'è un motivo per cui un paesino della Grecia potrebbe emarginare qualcuno, quello stesso motivo potrebbe essere facilmente condiviso da un paesino della Scozia. Molto più di quanto non potrebbe essere condiviso tra un paesino della Florida ed uno del Texas, per dire due stati a caso. Non c'è insomma una differenza nelle meccaniche della società (l'emarginazione) ma nel diverso livello di "omologazione" del background culturale. Ti emarginano comunque, ma in maniera meno standardizzata.


Era Americano l'uomo che ha detto: "diamo ad ogni cittadino una macchina, e che sia uguale per tutti".

Ho il sospetto che fosse Ford e che la frase si inquadri meglio per come si stava riconsiderando il metodo di produzione nella società di massa (catene di montaggio, standardizzazione dei componenti, omologazione dell'offerta) che non per descrivere una caratteristica culturale. Ma potrei sbagliarmi.


Io in Italia non ho mai visto uno studente scoppiare perche' emarginato

Che io sappia per i teenager statunitensi il fatto di essere famosi è praticamente una missione. Se non sei conosciuto, sei niente. Qui da noi non c'è una tale ricerca di fama personale alle superiori. Secondo me è per questo che essere emarginati in quel periodo può provocare seri problemi. Si rifletterà indubbiamente anche sugli individui adulti, ma la differenza è che la scuola difficilmente potrai scegliere di cambiarla per trovare un ambiente più adatto a te. Da adulto puoi invece cambiare posto.


Gli USA pur avendo un economia piu' solida ha un numero di barboni di gran lunga piu' elevato rispetto ai paesi europei, e non e' solo perche' mancano politiche di assistenzialismo.

Eh, insomma... vedo poche altre possibilità in un paese dove senatori possono andarsene in giro a dire che la povertà è una malattia, dove sono i più ricchi ad essere meno tassati, dove anche solo un accenno di sistema sanitario nazionale viene tacciato di imposizione comunista dello stato centrale che vuole mettersi tra te ed il tuo medico (che non hai).


Negli USA nessuno mai ricoprira' un ruolo importante senza essere sposato. Un presidente nero e' possibile, ma un presidente single assolutamente no...

Questo è vero. Ci han provato due volte a metterci un presidente single e poi non ci han riprovato più. Però ci sono arrivati alla scrivania. La inquadrerei quindi più per una questione di "gusti" che non di bigottismo. La tendenza generale è dare più fiducia a chi si dimostra vincente con a fianco una moglie (e possibilmente 2 bambini piccoli) che non a chi corre da solo. Aiuta ad intercettare un numero maggiore di preferenze da parte dell'elettorato che si identifica o che comunque vede una situazione idilliaca da promuovere. Inoltre il ruolo della first lady ("di conseguenza" al ruolo che ha avuto nell'elezione del marito) una volta a potere è molto più importante di una qualsiasi moglie di capo di stato europeo, pur non ricoprendo alcun incarico ufficiale. Avere dietro di se e a proprio sostegno una famiglia felice rafforza la propria posizione, mostra al pubblico che l'uomo è in grado di conciliare il pesante incarico senza per questo dover rinunciare alla propria famiglia (no discendenti = morte), fà avvicinare l'elettorato al candidato («è un genitore come me!»), dà un paio di bambini da poter inquadrare ed un partner che possa mostrare classe e charme; volendo osare di più: crea una bella famiglia imperiale a cui dare il mandato di governare per i successivi quattro anni, visto che oramai gli statunitensi tanto ostili alle monarchie si spingono passo passo verso una gestione imperialistica della propria democrazia. Al potere è meglio una famiglia felice che un single tirrano, no?


A me tutto questo sembra frutto di un modo di pensare molto bigotto. E non a caso poi quando gli American escono dai propri confini tendono ad assumere comportamenti opposti rispetto a quanto farebbero a casa.

Oh, no. Si comportano proprio "come se fossero a casa loro"! :asd:


Cmq, questo discorso non e' per voler imporre il modo di fare all'Italiana, tutti hanno difetti e pregi e vivendo all'estero ne sono ben conscio, solo che non mi piace l'esterofilia ingiustificata (ovviamente non e' riferito a DiO :birra:) di tanta gente, soprattutto per il mondo Anglosassone...

Specifico per completezza che non stavo elogiando o denigrando uno dei due sistemi. Li descrivevo così come penso che siano.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Magmadiver
09-10-2014, 19.16.38
Ok, ha capito che l'ho sgamato e ho scoperto che ha fatto una figura di merda quando li ha acquistati.
E' caduto con lo scooter davanti al distributore, si è rialzato, ha parcheggiato, è andato al distributore, questo non gli accettava i soldi, è tornato allo scooter per 3 volte perchè aveva lasciato il portafogli nel sellone e ogni volta prendeva una banconota diversa e nel mentre è stato filmato e visto da una compagna di classe.

Ci sarebbe da piangere per la sua situazione, ma è troppo testa di minchia per non raccontarlo. :asd:
Raccontata da lui in lacrime sta storia, tra l'altro.io credevo che queste minchiate succedessero solo nei cartoni giapponesi.