PDA

Visualizza versione completa : Avvocati difensori...



Brus
30-05-2002, 14.03.22
...di criminali.
Es l'avvocato di omar ed erika.
Ma perchè a delinquenti accertati permettono "l'uso" di avvocati che li difendano? E' come dire "ti ho visto che hai ammazzato, però se il tuo avvocato è bravo ti fa ridurre la pena [se nn annullare]"...che cavolo di senso ha?
Io se fossi un avvocato non accetterei mai e poi mai di difendere un criminale accertato.

Boh

Khazarnemesis
30-05-2002, 14.09.02
Originally posted by Brus
...di criminali.
Es l'avvocato di omar ed erika.
Ma perchè a delinquenti accertati permettono "l'uso" di avvocati che li difendano? E' come dire "ti ho visto che hai ammazzato, però se il tuo avvocato è bravo ti fa ridurre la pena [se nn annullare]"...che cavolo di senso ha?
Io se fossi un avvocato non accetterei mai e poi mai di difendere un criminale accertato.

Boh

Saresti un pessimo avvocato.
Per quanto Omar ed Erika siano assassini la legge e' uguale per tutti ed e' loro diritto essere difesi.

Zeus
30-05-2002, 14.09.45
Credo che concettualmente tutto si rifà all'etica dell'avvocato, per dare a chiunque sia e qualunque cosa abbia commesso, almeno una difesa davanti ad un tribunale. Altrimenti non saremo in una società civile.

Un po' come i medici (giuramento di Ippocrate? Se sbaglio che qualcuno mi corregga per piacere :D sempre se lo fanno ancora...) con il quale, una volta intrapresa la carriera medica si assumono l'incarico di curare chiunque sia il loro paziente e assicurargli tutte le cure necessarie per la sua sopravvivenza. Che sia esso un criminale o un altro che di male non ha mai fatto nulla.

Brus
30-05-2002, 14.10.05
Originally posted by Khazarnemesis


Saresti un pessimo avvocato.
Per quanto Omar ed Erika siano assassini la legge e' uguale per tutti ed e' loro diritto essere difesi.

Tu accetteresti?

Khazarnemesis
30-05-2002, 14.12.46
Originally posted by Brus


Tu accetteresti?

Se fossi un'avvocato certamente! E' il mio lavoro.

Grevity
30-05-2002, 14.13.56
Originally posted by Brus
...di criminali.
Es l'avvocato di omar ed erika.
Ma perchè a delinquenti accertati permettono "l'uso" di avvocati che li difendano? E' come dire "ti ho visto che hai ammazzato, però se il tuo avvocato è bravo ti fa ridurre la pena [se nn annullare]"...che cavolo di senso ha?
Io se fossi un avvocato non accetterei mai e poi mai di difendere un criminale accertato.

Boh

Non saresti un buon avvocato. Non saresti proprio un'avvocato.
Il nostro è uno stato di diritto. Diritto che consiste anche nell'avere una buona difesa.
Non importa se sei colpevole o meno...se il principio non vale per qualcuno non è più un principio. Ergo cade lo stato di Diritto.

Brus
30-05-2002, 14.17.04
Non avrei nè il coraggio, nè l'intenzione di difendere qualcuno che ammazza gratuitamente [e non]...

JEDI
30-05-2002, 14.19.22
Il tuo discorso non è campato in aria Brus, ma forse la vicenda di Omar ed Erika è quella che si presta meno ad un ragionamento del genere. Avrei capito di più un discorso su uno stragista mafioso fiero delle proprie azioni (ce ne sono purtroppo ), invece quei ragazzi sono malati. Adesso non ho la competenza ( ma chi ce l'ha in realtà ? ) x stabilire se e come e quando debbano essere puniti però ricordiamoci una cosa fondamentale, anche l'assassino più feroce può cambiare. Con questo non voglio dire che non debba esserci l'applicazione della sanzione, ma x esempio una delle tante atrocità della pena di morte è che l'esecuzione avviene dopo anni dalla sentenza, quando l'uomo che si và a giustiare non è più la stessa persona che aveva commesso il crimine...

Brus
30-05-2002, 14.23.14
Originally posted by JEDI
Il tuo discorso non è campato in aria Brus, ma forse la vicenda di Omar ed Erika è quella che si presta meno ad un ragionamento del genere. Avrei capito di più un discorso su uno stragista mafioso fiero delle proprie azioni (ce ne sono purtroppo ), invece quei ragazzi sono malati. Adesso non ho la competenza ( ma chi ce l'ha in realtà ? ) x stabilire se e come e quando debbano essere puniti però ricordiamoci una cosa fondamentale, anche l'assassino più feroce può cambiare. Con questo non voglio dire che non debba esserci l'applicazione della sanzione, ma x esempio una delle tante atrocità della pena di morte è che l'esecuzione avviene dopo anni dalla sentenza, quando l'uomo che si và a giustiare non è più la stessa persona che aveva commesso il crimine...

Ho fatto quell'esempio perchè IO li considero sani-nn sani [difficile da spiegare]...cmq si, era meglio fare l'es che hai detto tu.
Per quanto riguarda il cambiare..bè, ci andrei un po' coi piedi di piombo...è moooolto difficile...

Strasbuli
30-05-2002, 14.42.51
Si, la giustizia è uguale per tutti, però loro il loro fatto lo hanno commesso, e devono pagare! L'avvocato lo devono avere, magari per una piccola riduzione di pena, ma non per passarla liscia! Ed a volte è successo che qualcuno l'abbia passata liscia!!!!! E a quel punto ci rimette solo la famiglia della vittima(doppiamente, perchè solo ad aver perso un familiare, devono anche vedersi liberare l'assasino :mad2: :mad2: :mad2: )!!!!!!

JEDI
30-05-2002, 15.00.25
Originally posted by Brus

Per quanto riguarda il cambiare..bè, ci andrei un po' coi piedi di piombo...è moooolto difficile...

Attenzione cambiare non vuol dire redimersi, che è un'altra cosa.

Cmq sono d'accordo con chi ha già detto che il diritto alla difesa è fondamentale in uno stato di diritto ( è l'accusa che deve provare la colpevolezza ), ma credo che il Brus non voglia negare questo principio, la questione è un'altra: " E' giusto difendere i criminali rei-confessi per avere una riduzione della giusta pena o addirittura l'assoluzione?".

BlackLinX
30-05-2002, 15.14.39
L'avvocato controlla che non ci sia nessuna violazione della legge.

Se uno è assassino, in Italia non possono darli l'eutanasia per esempio ... fa in modo che i diritti siano rispettati ... e mi pare giusto ;)

Khazarnemesis
30-05-2002, 16.10.36
Originally posted by Strasbuli
Si, la giustizia è uguale per tutti, però loro il loro fatto lo hanno commesso, e devono pagare! L'avvocato lo devono avere, magari per una piccola riduzione di pena, ma non per passarla liscia! Ed a volte è successo che qualcuno l'abbia passata liscia!!!!! E a quel punto ci rimette solo la famiglia della vittima(doppiamente, perchè solo ad aver perso un familiare, devono anche vedersi liberare l'assasino :mad2: :mad2: :mad2: )!!!!!!

Questo significa che il sistema giudiziaro e' sbagliato e commette errori

Boe.
30-05-2002, 16.32.43
beh tecnicamente perfetta Grevity, quindi nessun bisogno di specifiche tecniche se non di considerazioni personali.

Il caso Erika e Omar è un caso piuttosto controverso e malato, non so quanto sia giusto parlare di diritto alla difesa in questo caso perchè verrebbe da essere mooolto poco obiettivi. E' tuttavia vero che vista l'ora, hai probabilmente postato dopo aver visto l'avvocato in televisione al tiggì.

Compito di un avvocato è difendere e tutelare il suo assistito, sia colpevole o innocente. Stabilire se il proproi assistino è ragionevole o insano di mente. La legge stabilisce che chi è "pazzo" debba avere un trattamento diverso. In casi estremi si può pure arrivare alla non condannabilità. Sembrerebbe assurdo. Sopratutto nel caso Erika e Omar, già condannati da tutti noi ancora prima di sapere qualunque altra cosa. Già condannata la mamma del piccolo Samuele (oddio che memoria corta.. non sono nemmeno più sicuro del suo nome.. :( ). La nostra coscienza critica ci fa emettere giudizi a priori, a simpatia... vi immaginate questa terribile arma in mano a un giudice poco obiettivo? bene.. Per quello credo che esista la difesa e l'accusa. Entrambe sono parti inscindibili per raggiungere la verità.

E poi diciamola tutta: i film con processi sono troooooppo fighi...:D :D :D

Kiara
30-05-2002, 16.57.13
1):mad2: Stai sminuendo la mia attività fanciullo!!!!
2)Visto che ti hanno già risposto , io aggiungo......ma pensi che poi cambierebbe molto?
Prendi ad esempio il caso di Erika e Omar .....difesa o non difesa , in questi casi incide minimamente, oltre ad appellarsi all'insanità di mente....più che altro in questo caso è stata decisiva l'età dei ragazzi.

Tanto all'insanità mentale ci si appellano tutti oramai!!!!!!

Boe.
30-05-2002, 17.05.20
Originally posted by Kiara
1):mad2: Stai sminuendo la mia attività fanciullo!!!!


? maniaca bona con istinto omicida o avvocatessa in carriera?:D

Brus
30-05-2002, 17.53.39
Originally posted by Kiara
1):mad2: Stai sminuendo la mia attività fanciullo!!!!
2)

Perchè, hai intenzione di difendere SOLO chi è nel torto marcio? :D

Ok, lasciando stare omar ed erika ['sta cosa del giud. difensore mi viene in mente ogni volta che ne sento parlare, nn solo del caso di O ed E] prendete ad esempio un mafioso pluriomicida, ecc, come diceva jedi...lasciando stare il fatto che la legge è uguale per tutti [ah si? mi sembrava di no...], il fatto che tutti hanno il diritto di essere difesi, ecc....dal ostro punto di vista, come persone normali [e quindi nn come avvocati] vi sembra giusto questo? Per la serie "ti ho pigliato con le mani nel sacco, se le togli in fretta faccio finta di non averti visto..."

Peter Pan
31-05-2002, 04.07.03
Originally posted by Brus


Tu accetteresti?

Gli avvocati innanzitutto sono liberi professionisti. Cosa c'entra la legge con la morale, con il proprio pensiero e la coscienza?
Certo, puoi anche fare l'obiettore di coscienza... ma considera solo che tu hai per anni studiato ed ora stai cercando di fare carriera, cioé di avere maggior clienti e maggior denaro. In fondo stai offrendo le tue conoscenze in materia e stai facendo pagare la tua consulenza e la tua presenza.

Occorre pensare al dopo. Hai mai pensato che se tu avvocato difendi Omar e Erika, e loro vengono assolti, le tue quotazioni salgono vertiginosamente, e se oggi sei stato pagato un tot, un domani un assassino molto più facoltoso chiamerà te e potrai farti pagare 10 volte quel tot.
Cosa ti importa se loro stanno dentro 30, 20 o 2 anni? In fondo si tratta sempre di lavoro. QUello per il quale io ho studiato per anni e ho fatto tanta gavetta.

Quando ti iscrivi a giurisprudenza e vuoi fare il penalista, hai già messo in conto che dovraiu vedertela con assassini e criminali di ogni risma. Se non voui avere crisi di coscienza, allora vai a insegnare Diritto nelle scuole...

E poi, chi può giudicare che Omar e Erika siano meritevoli o meno di avere un avvocato, se prima nbon vengono processati e condannati? Gli avvocati servono per diofenderti affinché tu abbia anche la giusta pena, non la pena che la massa vorrebbe infliggerti.

Per loro magari tu vorresti la pena di morte... peccato che per loro la legge prevede pene specifiche e ben stabile. Quindi lgi avvocati non servono solo per dimostrare che tu sei innocente, ma anche per assicurarsi che gli imputati abbiano la giusta pena secondo termini di legge.

cymon
31-05-2002, 13.06.54
E' un discorso che ignora troppe sfumature...non esiste il bene e il male, il buono e il cattivo e il giudizio assoluto, si naviga sempre a un certo punto dello spettro. Certe vicende possono essere molto spostate verso un estremo rispetto che un altro, ma non si possono comunque fare valutazioni con l'accetta, altrimenti invece di avere una giustizia si ha una lotteria. Il sistema deve essere complesso e privo di vie eccessivamente dirette proprio perche' tratta una materia complessa, una delle piu' complesse in assoluto

Brus
31-05-2002, 13.42.19
Originally posted by Peter Pan


Gli avvocati innanzitutto sono liberi professionisti. Cosa c'entra la legge con la morale, con il proprio pensiero e la coscienza?
Certo, puoi anche fare l'obiettore di coscienza... ma considera solo che tu hai per anni studiato ed ora stai cercando di fare carriera, cioé di avere maggior clienti e maggior denaro. In fondo stai offrendo le tue conoscenze in materia e stai facendo pagare la tua consulenza e la tua presenza.

Occorre pensare al dopo. Hai mai pensato che se tu avvocato difendi Omar e Erika, e loro vengono assolti, le tue quotazioni salgono vertiginosamente, e se oggi sei stato pagato un tot, un domani un assassino molto più facoltoso chiamerà te e potrai farti pagare 10 volte quel tot.
Cosa ti importa se loro stanno dentro 30, 20 o 2 anni? In fondo si tratta sempre di lavoro. QUello per il quale io ho studiato per anni e ho fatto tanta gavetta.

Quando ti iscrivi a giurisprudenza e vuoi fare il penalista, hai già messo in conto che dovraiu vedertela con assassini e criminali di ogni risma. Se non voui avere crisi di coscienza, allora vai a insegnare Diritto nelle scuole...

E poi, chi può giudicare che Omar e Erika siano meritevoli o meno di avere un avvocato, se prima nbon vengono processati e condannati? Gli avvocati servono per diofenderti affinché tu abbia anche la giusta pena, non la pena che la massa vorrebbe infliggerti.

Per loro magari tu vorresti la pena di morte... peccato che per loro la legge prevede pene specifiche e ben stabile. Quindi lgi avvocati non servono solo per dimostrare che tu sei innocente, ma anche per assicurarsi che gli imputati abbiano la giusta pena secondo termini di legge.

Non me ne frega nulla delle quotazioni, dei soldi che incasso [liberi di nn credermi, cmq...], ma io un pluri omicida non lo difendo mica...mi fa schifo solo il pensare di ridurgli la pena a uno così.
Per la pena da infliggere c'è la legge che la stabilisce...gli avvocati servono appunto per cercare di diminuirla.

Veramente, non sarei in grado di aiutarli, mi sentirei una mer*a.

Peter Pan
31-05-2002, 19.29.40
Originally posted by Brus


Non me ne frega nulla delle quotazioni, dei soldi che incasso [liberi di nn credermi, cmq...], ma io un pluri omicida non lo difendo mica...mi fa schifo solo il pensare di ridurgli la pena a uno così.
Per la pena da infliggere c'è la legge che la stabilisce...gli avvocati servono appunto per cercare di diminuirla.

Veramente, non sarei in grado di aiutarli, mi sentirei una mer*a.

Hai tutto il diritto di pensarla così. Nessuno ti ha mai obbligato o imposto che farai l'avvocato. :p

Il punto è però che c'è gente che non si fa tanti scrupoli... e che i criminali ci saranno sempre, ecco perchè la categoria degli avvocati non sparirà mai... Uhm... il punto è che essi sono voluti da gente passionale come te, ma con concezioni opposte...

L'associazione Nessuno Tocchi Caino è fatta da queste, persone che rivolgono il loro "buon senso" all'idea che tutti hanno i diritti umani, anche gli assassini, e devono essere tutelati.

Brus
31-05-2002, 20.41.21
Originally posted by Peter Pan




L'associazione Nessuno Tocchi Caino è fatta da queste, persone che rivolgono il loro "buon senso" all'idea che tutti hanno i diritti umani, anche gli assassini, e devono essere tutelati.

Purtroppo :rolleyes:

cymon
31-05-2002, 20.45.13
Originally posted by Brus


Purtroppo :rolleyes:

Anche ad alambiccare un po' sulla natura della vittima un omicidio rimane un omicidio, ho paura...

Peter Pan
31-05-2002, 22.11.25
Eh già... così è se vi pare...

IL punto è questo però. Si sta dando per scontato che gli assassini siano stati davvero gli assassini.
Ma il sistema giuridico americano ci insegna che la pena di morte è più che altro un voler mettere a tacere i famigliari delle vittime, è più una questione di vendetta.

Non voglio adesso aprire un discorso sulla pena di morte, che abbiamo già affrontato. Quanto far luce sul fatto che molte volte sono state giustiziate persone che erano innocenti, e ciò che è peggio... innocenti dichiarati!

JEDI
31-05-2002, 22.26.06
Originally posted by Peter Pan

Quanto far luce sul fatto che molte volte sono state giustiziate persone che erano innocenti, e ciò che è peggio... innocenti dichiarati!


Forse volevi dire "comprovati". Sono in molti a dichiararsi innocenti...:D

Peter Pan
01-06-2002, 07.21.27
Originally posted by JEDI


Forse volevi dire "comprovati". Sono in molti a dichiararsi innocenti...:D

Voglio dire dichiarati innocenti da giudici e giurie.
Ma la giustizia è materia preferita nei programmi elettorali dei governatori di quegli stati in cui vige la pena di morte. Chiariamo che la gente VUOLE la pena di morte, e i governatori non possono sottrarsi al volere del popolo se vogliono rimanere nelle loro grazie.

Un ragazzo di colore della Louisiana condannato per omicidio di una bambina bianca. La gente aveva visto l'assassino, bianco, non aveva mosso un dito. Fu solo lui, che passava in quel momento, ad intervenire, mettendo in fuga l'aggressore e a soccorrere la bambina. Non ci fu nulla da fare, la bambina morì poco dopo i ospedale. Ma nel frattempo la polizia lo rintracciò. Egli fu condotto alla centrale tutto speranzoso di poter essere utile alla giustizia, voleva essere utile nel ritrovamento del colpevole. Si ritrovò lo stesso giorno nel braccio della morte. Processato per direttissima quello stesso giorno.
Molti testimoni dissero che non era lui il colpevole, ma altri dissero di aver visto solo lui con la bambina.. la giuria si lasciò convincere che solo un ragazzo di colore poteva essere così crudele.
Il ragazzo rimase 5 anni aspettando la morte ed una giustizia che si era dimenticato di lui. Morì a 22 anni. All'epoca del processo ne aveva solo 17.

Proprio a due estati fa risale l'ultimo caso. Il ragazzo di origini italiane accusato di omicidio, condannato alla pena di morte. Il processo ancora aperto.
Qualche giorno prima della esecuzione, ecco spuntare fuori prove che scagionavano la sua imputazione. Il ragazzo era innocente.
Qualche giorno dopo le prove sparirono, altre furono rese non valide ai fini del processo. Il ragazzo era stato dichiarato comunque innocente. Occorreva solo una conferma della assoluzione da quelle prove. Fu il governatore stesso a non voler interrompere la condanna. Era in piena fase elettorale.

Comunque c'era un grande dubbio, molto tendente all'innocenza. Il ragazzo fu giustiziato comunque.
Non vorrei sbagliarmi... ma se ben mi ricordo, il suddetto governatore era proprio George bush jr., l'attuale Presidente degli Stati Uniti, l'uomo più potente del mondo...

JEDI
01-06-2002, 09.48.25
Originally posted by Peter Pan

Voglio dire dichiarati innocenti da giudici e giurie.


In questo caso la vedo difficile una condanna a morte, a meno che la giuria non voglia prendere x il culo l'imputato...:doubt:
( Tipo Giuria di bianchi del Mississipi che fa al negro: " Non colpevole! Ahhhhhhhhh! C'hai creduto?:D " )
Oppure non ho capito il tuo concetto, cosa probabile date le scarse ore di sonno ultimamente, le mie capacità intellettive, già di x sè scarse, si sono ulteriormente affievolite...

Peter Pan
01-06-2002, 15.33.40
Originally posted by JEDI


In questo caso la vedo difficile una condanna a morte,

Bé, secondo la logica è impossibile, secondo la legislazione americana, finisci sulla sedia elettrica anche quando sei innocente...


Originally posted by JEDI

Oppure non ho capito il tuo concetto,

È semplice: in un mondo dove essere colpevole o innocente è una lotteria, occorree qualcuno che eviti che estraggano il tuo numero....

JEDI
01-06-2002, 15.45.18
Ho capito cosa vuoi dire. Negli States è capitato più di una volta che i difensori di un imputato condannato a morte abbia poi prodotto prove inconfutabili della sua innocenza, oppure che il vero omicida abbia confessato successivamente alla sentenza. Nonostante ciò il procedimento è sempre andato avanti. Evito ogni commento sul sistema giuridico americano, altrimenti farei il post più lungo della storia e non ne ho davvero voglia...