PDA

Visualizza versione completa : Offerta di lavoro.



Ghostkonrad
27-01-2011, 01.15.43
No, non è spam. :asd:
L'altro ieri mattina stavo studiando in un'aula; ad un certo punto mi squilla il cellulare e dopo aver imprecato per il fatto che qualcuno mi chiami durante la mattinata, rispondo.
Dall'altra parte un suppongo centralinista chiede del dottor <mio nome>; e io dico che sono io; il tizio mi fa: "La chiamo da Milano per conto della Accenture (http://it.wikipedia.org/wiki/Accenture) Technology Solutions, abbiamo visto il suo curriculum su Almalaurea e vorremo farle una proposta di lavoro".
Io avevo effettivamente compilato questo curriculum e lasciato un recapito (era obbligatorio per la laurea), ma la cosa comunque mi lascia spaesato; il lavoro in questione consisteva in un corso di aggiornamento in azienda, e poi in un lavoro di credo sei mesi come consulente.
Io ringrazio vivamente, ma dico che sto proseguendo gli studi (cosa che avevo in effetti indicato sul curriculum) e che quindi al momento non sono interessato a un impiego; buongiorno e arrivederci.
In seguito scopro che questi signori hanno chiamato praticamente tutto il mio gruppo di conoscenze all'uni (in gran parte ottimi studenti, laureatisi in corso e con buoni voti), i quali hanno tutti risposto picche come me (almeno credo); in effetti ho poi trovato il bando su internet e in effetti questa azienda assumeva neolaureati in fisica, informatica, matematica e ingegneria per questi lavori di consulenza.

Adesso vorrei sapere se mi devo sentire molto lusingato per il fatto che il lavoro sia venuto da me, oppure se si tratta dei soliti manager senza scrupoli che assumono neolaureati inesperti per una paga più che misera (e facendogli pagare il corso di aggiornamento :asd:).

Onim4ru
27-01-2011, 01.46.27
jYQWVnKEFRk

MarcoLaBestia
27-01-2011, 02.20.58
no, nessuna delle due. Sarebbe la Arthur Andersen ke ha cambiato nome dopo il mega scandalo Enron.

La Accenture è una delle pokissime società in Italia ke continua ad assumere nonostante la crisi. Il loro business è quello di assumere i neolaureati per forgiare nuove leve, per poi mandarle a cagare non appena si sono formate. In questo modo, assumendo gente senza esperienza, possono pagarla poco e caricarla di lavoro come ciucci. Una volta ke il dipendente si è formato, e quindi rikiede uno stipendio più alto, fanno di tutto per farlo andare via. Con l'esperienza maturata in Accenture, però, si aprono le porte di una miriade di altre imprese ke non assumerebbero mai dei neolaureati senza esperienza. È il primo gradino della carriera. Per i neolaureati italiani in economia ke non vengono fuori da corsi ultra selettivi di università altisonanti, è un passo praticamente obbligato.

È una specie di impresa talent scout, come una scuola calcio giovanile per farsi le ossa.


In ogni caso se stai ancora studiando secondo me rinviare è la scelta giusta, ke tanto le loro porte sono sempre aperte, immagino.

shottolo
27-01-2011, 08.35.35
i famosi cravattoni di Accenture :asd:

Ghostkonrad
27-01-2011, 20.52.23
Vabè, insomma posso essere moderatamente soddisfatto. :asd:
Comunque a quanto pare le lauree scientifiche fanno abbastanza gola a certe aziende; un mio collega aveva accettato un lavoro "occasionale" nel quale doveva sviluppare un software in Python per modellizzare il traffico: 1500 eurozzi lordi in caso di successo.
Ha avuto successo; alla fine ha preso i 1500 (meno il 20% di tasse :asd:) per qualche decina di ore di lavoro (part time) in totale. Occasionale, ma remunerativo.

Io comunque non ho rifiutato per snobismo verso il mondo delle imprese; è solo che se bisogna finire gli studi bisogna farlo subito; no pause, no anni sabbatici, no lavori a tempo pieno, no erasmus. Finire subito. Ci sono comunque tante iniziative di summer school che possono servire per "rimpiazzare" in parte l'erasmus.

MarcoLaBestia
28-01-2011, 02.48.43
ma kissene frega di sto erasmus di merda. roba per gente con tempo e soldi da perdere.

FiLoX
28-01-2011, 13.43.46
ma kissene frega di sto erasmus di merda. roba per gente con tempo e soldi da perdere.
Ma anche no. Certo che se fai una laurea scientifica il finire in tempo è fondamentale, anche più che in altre discipline.

hamlin83
28-01-2011, 13.57.00
ma kissene frega di sto erasmus di merda. roba per gente con tempo e soldi da perdere.

in parte vero e in parte no
ho amici che hanno fatto un anno all'estero: studio pressochè nullo, con i corrispondenti esami dati senza saper nulla (a volte anche esami fondamentali, parlo di ingegneria)
in compenso torni che praticamente conosci un altra lingua, e nel mondo del lavoro di oggi non è poco, se non sai almeno l'inglese non ti assume nessuno

_Fred_
28-01-2011, 14.22.46
Ma anche no. Certo che se fai una laurea scientifica il finire in tempo è fondamentale, anche più che in altre discipline.

Credevo che fosse l'opposto.... Cioè, è chiaro come il tempo sia fondamentale, ma puoi permetterti di andare più lungo che con una laurea in scienze delle comunicazione.

Comunque, un mio amico sta facendo uno stage in Accenture, praticamente l'hanno contattato dopo aver avuto accesso al database almalaurea. Ora, io non conosco le loro policy ect e mi fido del giudizio di Marco che studiando e vivendo a Milano conosce i meccanismi, però io la mia idea me la sono fatta: il mio amico dicevo è stato contattato per questo stage di 2 mesi con la possibilità di essere assunto a tempo determinato per un paio di anni per poi di diventare (forse) a tempo indeterminato, da quel che mi ha raccontato hanno fatto colloqui a un mare di gente e a parte quelli che palesemente hanno dichiarato che non gli interessava hanno preso tutti. Durante lo stage gli stanno insegnando/migliorando linguaggi di programmazione come C o java (finirebbe nello sviluppo software nel caso fosse assunto), quello che mi ha lasciato perplesso è stato che hanno preso anche gente che di queste cose dovrebbe aver visto poco (ingegneria meccanica), non so che indirizzo che abbiano mai fatto, ma io java o C a parte raccontarti cosa fossero non le ho mai viste.
Questo per dire IMHO hanno preso tutti quelli che gli capitavano a tiro così possono fare tutta la scrematura che vogliono. E non mi stupiscono che facciano così.

Naeblis
28-01-2011, 14.28.28
No, non è spam. :asd:
L'altro ieri mattina stavo studiando in un'aula; ad un certo punto mi squilla il cellulare e dopo aver imprecato per il fatto che qualcuno mi chiami durante la mattinata, rispondo.
Dall'altra parte un suppongo centralinista chiede del dottor <mio nome>; e io dico che sono io; il tizio mi fa: "La chiamo da Milano per conto della Accenture (http://it.wikipedia.org/wiki/Accenture) Technology Solutions, abbiamo visto il suo curriculum su Almalaurea e vorremo farle una proposta di lavoro".
Io avevo effettivamente compilato questo curriculum e lasciato un recapito (era obbligatorio per la laurea), ma la cosa comunque mi lascia spaesato; il lavoro in questione consisteva in un corso di aggiornamento in azienda, e poi in un lavoro di credo sei mesi come consulente.
Io ringrazio vivamente, ma dico che sto proseguendo gli studi (cosa che avevo in effetti indicato sul curriculum) e che quindi al momento non sono interessato a un impiego; buongiorno e arrivederci.
In seguito scopro che questi signori hanno chiamato praticamente tutto il mio gruppo di conoscenze all'uni (in gran parte ottimi studenti, laureatisi in corso e con buoni voti), i quali hanno tutti risposto picche come me (almeno credo); in effetti ho poi trovato il bando su internet e in effetti questa azienda assumeva neolaureati in fisica, informatica, matematica e ingegneria per questi lavori di consulenza.

Adesso vorrei sapere se mi devo sentire molto lusingato per il fatto che il lavoro sia venuto da me, oppure se si tratta dei soliti manager senza scrupoli che assumono neolaureati inesperti per una paga più che misera (e facendogli pagare il corso di aggiornamento :asd:).

Senza offesa è, ma per me ti dovresti sentire un po pirla per aver rifiutato. Il lavoro oggi è una rarità e un lavoro nel tuo settore (che si suppone ti gratifichi) è una occasione preziosa. Il problema è che avresti potuto almeno riservarti un colloquio, a loro interessa che tu sia un fisico e sanno che stai studiando, con buona probabilità ti avrebbero offerto qualcosa a contratto o part-time lasciandoti abbastanza tempo per studiare e fare esperienza nel settore. Finiti gli studi se ti piaceva stare li avevi quasi la strada spianata....

Ghostkonrad
28-01-2011, 14.34.38
in parte vero e in parte no
ho amici che hanno fatto un anno all'estero: studio pressochè nullo, con i corrispondenti esami dati senza saper nulla (a volte anche esami fondamentali, parlo di ingegneria)
in compenso torni che praticamente conosci un altra lingua, e nel mondo del lavoro di oggi non è poco, se non sai almeno l'inglese non ti assume nessuno

Infatti io avevo adocchiato un periodo di summer school in Israele, peccato che era solo per gli undergrads (e che era non proprio nel posto più tranquillo del mondo :asd:); fare la tesi all'estero è un opzione, ma siccome i laureandi in fisica teorica non si possono associare all'INFN, nessuno li paga se vanno fuori (borse di studio a parte).



Senza offesa è, ma per me ti dovresti sentire un po pirla per aver rifiutato. Il lavoro oggi è una rarità e un lavoro nel tuo settore (che si suppone ti gratifichi) è una occasione preziosa. Il problema è che avresti potuto almeno riservarti un colloquio, a loro interessa che tu sia un fisico e sanno che stai studiando, con buona probabilità ti avrebbero offerto qualcosa a contratto o part-time lasciandoti abbastanza tempo per studiare e fare esperienza nel settore. Finiti gli studi se ti piaceva stare li avevi quasi la strada spianata....

No guarda, mi sono sincerato di questo; era un impego a tempo pieno, e comunque non mi hanno proposto nessun part-time quando ho detto che stavo ancora studiando.
E comunque mi è stato detto che dopo la magistrale le proposte di lavoro comunque ci sono, visto quanto pochi fisici ci sono in giro (laureatisi in corso poi, saranno al massimo un centinaio l'anno).

E un altra cosa; per laurearmi in tempo io ho dovuto sopportare un carico di lavoro estremamente pesante; ci sono periodi in cui mi alzo alle 6:30 per andare all'uni e torno a casa alle 8 di sera; lo studio è duro e serrato, per non parlare dei laboratori e delle scadenze (un solo appello a sessione per quasi tutti gli esami); non ti resta tempo (ed energie) quasi per nulla, figuriamoci per un lavoro part-time.
Se si vuole lavorare, ok, si può fare, ma scordati di laurearti in corso e metti in conto almeno un semestre di ritardo, nel migliore dei casi; per quel che mi riguarda, lavorare e poi costringere i miei a mantenermi all'università per del tempo extra è un operazione a somma zero; inoltre quasi tutti gli studenti italiani si laureano fuori corso (se si laureano :asd:), quindi laurearsi senza ritardo ha di certo un bell'aspetto sul curriculum, forse anche più del 110 e lode.

FiLoX
28-01-2011, 14.58.29
Credevo che fosse l'opposto.... Cioè, è chiaro come il tempo sia fondamentale, ma puoi permetterti di andare più lungo che con una laurea in scienze delle comunicazione.
Di certo hai la possibilità di andare più lungo ma mi sembra complesso riprendere in mano vari concetti studiati ed avanzare nei corsi se non fai tutto nei tempi, mentre invece le lauree umanistiche mi sembra diano più flessibilità da questo punto di vista avendo meno esami che bloccano quelli successivi. :)

X3N0M
28-01-2011, 17.54.11
ma kissene frega di sto erasmus di merda. roba per gente con tempo e soldi da perdere.

ma non dire cagate. Sto tuttora rosicando come un maledetto per essermi fatto sfuggire l'opportunità.

E' un esperienza di vita: vivi in un altro paese, vivi un'altra cultura, scopi con straniere, vedi il mondo da un altro punto di vista, lavori o studi in condizioni diverse e soprattutto impari bene l'inglese.

Secondo me, se uno economicamente potrebbe sostenere un erasmus e se lo fa sfuggire, è un coglione.
Si, io sono un coglione.

MarcoLaBestia
29-01-2011, 14.32.22
ma non dire cagate. Sto tuttora rosicando come un maledetto per essermi fatto sfuggire l'opportunità.

E' un esperienza di vita: vivi in un altro paese, vivi un'altra cultura, scopi con straniere, vedi il mondo da un altro punto di vista, lavori o studi in condizioni diverse e soprattutto impari bene l'inglese.

ecco, già lavorare all'estero è tutto un altro discorso, e a mio avviso ne vale la pena.
Sono dell'opinione ke se uno si deve laureare, si deve laureare. Trovo poco coerente volersi laureare e nel frattempo andare in Spagna a perdere mesi e know-how.

A lavorare invece ci andrei di corsa, ma dopo essermi laureato in tempo. In ogni caso se vuoi farti un giretto all'estero puoi sempre farlo, alla leggera e senza la spada di damocle degli esami.

mamo139
29-01-2011, 14.38.04
ma kissene frega di sto erasmus di merda. roba per gente con tempo e soldi da perdere.

Sbagli profondamente!!!
Conta TUTTO! Conta L'erasmus, conta il nome dell'università in cui lo fai, conta tantissimo il luogo in cui lo fai, conta il voto di laurea, conta il nome della tua università, conta tantissimo il luogo della stessa!!!

E io ne ho avuto la prova! Ho fatto l'erasmus a londra, ho preso il massimo dei voti... e questa estate sono uno dei pochissimi ad avere uno stage estivo (e retribuito piu di quanto io avessi mai creduto essere possibile :Palka:) proprio a londra.

Conta tutto, ma proprio TUTTO!! Contano anche i vostri hobby!!! E chi dice l'opposto non sa di quel che parla o ancora peggio è in cattiva fede.
Fate tutto ciò che potete fare per aumentare il vostro bagaglio di esperienze...

MarcoLaBestia
29-01-2011, 14.43.45
erasmus a Londra..... $$$$$$$$$$$$$..... anzi €€€€€€€€€€€€..... anzi £££££££££££ :asd:


e se convenga un erasmus ottimo come il tuo, piuttosto ke laurearsi in tempo senza aver nessun erasmus, è tutto da dimostrare :teach:

mamo139
29-01-2011, 14.52.48
erasmus a Londra..... $$$$$$$$$$$$$..... anzi €€€€€€€€€€€€..... anzi £££££££££££ :asd:


e se convenga un erasmus ottimo come il tuo, piuttosto ke laurearsi in tempo senza aver nessun erasmus, è tutto da dimostrare :teach:

Conviene sbattersi e farli entrambi! :uiui:

MarcoLaBestia
29-01-2011, 14.54.13
Conviene sbattersi e farli entrambi! :uiui:

non posso: la domenica devo andare a vedere il Foggia di Zeman. :asd:

mamo139
29-01-2011, 14.57.08
non posso: la domenica devo andare a vedere il Foggia di Zeman. :asd:

Certo... se poi devi andare a faro uno scambio a buenos aires e per farlo perdi un anno allora questo non ha senso...

Ma non puoi dire che lo scambio in se sia inutile! :tsk:

Preferisci andare a vedere il Foggia tutte le domeniche? Poi però che non ci si lamenti se non si trova il lavoro sempre desiderato!:asd:

FiLoX
29-01-2011, 20.11.20
Ma Marco, secondo te chi parte per l'Erasmus perde per forza del tempo? Io ho dato 5 esami là in 6 mesi, esattamente come avrei fatto in Italia (30 crediti). Voti con media anche superiore a quella che già avevo, eppure mi sono divertito un casino. Secondo me è un'esperienza imperdibile.

MarcoLaBestia
30-01-2011, 18.01.45
eh, ma quali esami di quale laurea? Io studio economia e se avessi speso anke solo 1 semestre lontano da questa uni, mi sarei perso un bel pezzo di sapere.

Ke poi è il motivo per cui sono venuto a studiare a milano, nonostante viva molto male dato ke la città è diametramente opposta ai miei canoni (sole-mare-cappotto aperto a dicembre-gente allegra ke urla per strada-marciapiedi più larghi della carreggiata-regole non strettamente applicate-figa non a pagamento)

FiLoX
30-01-2011, 21.46.28
eh, ma quali esami di quale laurea? Io studio economia e se avessi speso anke solo 1 semestre lontano da questa uni, mi sarei perso un bel pezzo di sapere.
Non ti facevo così spocchioso. Giusto per la cronaca: laurea in Economia e Strategia di mercato (poi conseguita con 105/110 in tempo) a Pavia, 5 esami Erasmus con media maggiore di 28 nell'università olandese di Nijmegen. Per la specialistica sono entrato in Bocconi.

Di0
30-01-2011, 21.50.52
Sull'erasmus, la verita' assoluta non esiste. L'ho visto usato come un semestre sabbatico da prendere per divertirsi in un'altra nazione e consumarsi il pisello a forza di trombare vaccone inglesi, gnocche svedesi o fighette francesi, cosi' come l'ho visto usato per fare davvero un'esperienza accademica di valore, in universita' della madonna, con infrastrutture che in Italia ci sognamo di notte, per dare un numero di esami in un semestre alto e utile al fine della laurea, avere qualcosa da mettere a Curriculum, scrivere una tesi all'estero e avere contatti che poi risultano in offere di dottorato/lavoro.
Molto dipende anche dall'universita' "madre" che organizza l'erasmus: da noi (politecnico di Torino, ing. aerospaziale) l'erasmus era un progetto con un nome diverso, chiamato Pegaso, che prevedeva una rete di universita' mutualmente riconosciute, con gli esami che venivano convalidati al ritorno in patria e la possibilita' di prendere la doppia laurea se si stava un anno. Il tipo d'esami era discusso prima della partenza col professore responsabile del programma, in Italia, e poi li' si faceva quello che si era stabilito, te ne andavi in universita' come Stanford, L'ecole' a Tolosa, i politecnici in Germania, oppure l'universita' di Delft in Olanda, che ad oggi e' probabilmente il miglior corso aerospaziale del mondo, e via dicendo.
Ti veniva persino data una piccola borsa di studio che pagava l'affitto di una stanza dove andavi e una parte delle spese.
Chiaramente, un'esperienza simile, che io purtroppo non ho potuto fare, e' irripetibile dal punto di vista personale e scolastico.
E anche dal punto di vista del tempo perso, si parla massimo di un semestre, tra organizzazione della partenza e ripresa degli esami italiani al ritorno, perche' quelli dati all'estero vengono convalidati d'ufficio. Un semestre, per un'esperienza simile, secondo me e' un prezzo accettabilissimo da pagare.
Io non feci richiesta perche' ero gia' indietro di un semestre e la scelta era di laurearmi in relativo orario o sforare di un anno, decisi di provare a laurearmi in orario (alla fine con un solo semestre di ritardo), consapevole che l'erasmus non me lo potevo permettere: il semestre in piu' mi avrebbe fatto ritardare troppo. Alla fine, fu una scelta vincente perche' rimasi, mi laureari in 5 anni e un poco meno di 6 mesi e nel frattempo ricevetti l'offerta per gli USA, che accettai. Insomma, classica moglie piena e botte ubriaca. :asd:
Ma se uno e' in regola con gli esami, non ha esami arretrati e scheletri nell'armadio da riprendere in mano al ritorno (cosa davvero sgradevole), l'erasmus fatto come era fatto da noi, era assolutamente un'occasione da non perdere.

ROLF
30-01-2011, 22.51.17
Secondo me, se uno economicamente potrebbe sostenere un erasmus e se lo fa sfuggire, è un coglione.
Si, io sono un coglione.

Io pure, gran coglione.

Ghostkonrad
30-01-2011, 23.09.30
Non so, tutte le persone che ho conosciuto che hanno fatto l'erasmus l'anno sostanzialmente inteso come anno sabbatico (una mia amica l'ha fatto a Grenada), ma c'è da dire che in molti casi la voglia di studiare gli mancava fin dal principio. :asd:
Tra qualche giorno un mio collega di comprovata bravura se ne va a Parigi 6 per un semestre, vedremo se tornerà con gli esami a posto, nonostante non combacino del tutto con quelli di Roma 1.
Ovvio che a pasqua ne approfitteremo per fargli visita. :sisi:

MarcoLaBestia
30-01-2011, 23.38.12
Non ti facevo così spocchioso.Ma dove? :| sto dicendo da un topic ke sono rimasto a milano a mangiare merda pur di cercare di laurearmi in tempo in una università dove oltre a fare gli esami si impara un poco la materia. dove ce la vedi la spokkia? :D

OverPaul
31-01-2011, 00.13.11
mah. mah. mah.

io nell'erasmus non ci ho mai visto granchè. certo, parto già dal presupposto che sia io a sbagliare.
con la voglia che ho io di studiare per quanto mi riguarda si sarebbe convertito in un megagalattico buco nero temporale/economico, non avrei colto la possibilità, insomma, sarebbe andato tutto a puttane. chi ha voglia e ci mette impegno sicuramente lo troverà un'esperienza utile e appagante.
io mi son fatto 3 annetti tranquilli tranquilli (ancora da finire) vicino a casa, ho fatto uno stage volontario, e ci tengo a sottolinearlo, dopo il quale mi hanno assunto. non che avessi bisogno di un lavoro, certo, ma di certo ora come ora non posso schifare questa opportunità...

Dio, di dove sei? io ci ho fatto un anno di ingegneria informatica al Poli...