PDA

Visualizza versione completa : Metempsicosi



Peter Pan
31-03-2002, 16.08.34
Ovvero: esco dal mio corpo e ho molta paura....

Comune a molte religioni animiste, compreso il Cristianesimo, la metempsicosi è la dottrina della trasmigrazione delle anime, del distacco del corpo eterico dal corpo materico.

http://www.xmx.it/obeesceastrale.jpg

Esso trova origine dalla capacità dell'uomo discindere il corpo astrale e di poter viaggiare fuori dal proprio corpo. Troppi religioni credi e dottrine da millenni, civiltà in parti del mondo tanto lontane da non aver mai avuto contatti tra loro perché non si possa avere almeno il dubbio che forse la cosa possa essere vera.

Vi è mai capitato di avere la sensazione, mentre sognate, di uscire dal vostro corpo? Quella dolce e strana sensazione di volare, di vedere tutte le cose sopra di voi... alcuni si muovono con disinvoltura, altri in modo impacciato e incontrollato... altri credono di aver visitato luoghi lontanissimi, altri ancora credono di poter eseguire la zooantropia... quando il corpo astrale trova ospitalità nel corpo di un animale e di poter muoversi con le sue movenze e di poter vedere con i suoi occhi...

Quanti di voi hanno mai avuto la sensazione di uscire dal proprio corpo?

kyjorkx
31-03-2002, 16.13.33
Io no.
Comunque sapevo di persone che, portate in sala operatoria per essere operate d'urgenza, vedevano il proprio corpo, i medici accanto che erano intenti nell'operazione, tutti gli strumenti ecc... .

Shaka
31-03-2002, 16.16.46
A me non è mai successo ma il mio vecchio prof di matematica ne era capace, e non sto scherzando.

AlEiNl0vE
31-03-2002, 16.24.13
Si, mi capita durante le ore noiose a scuola...kiudo gli okki e volo in luoghi stupendi quali valli incantate, mari caraibici, montagne silenziose, baite di montagna confortevoli....minkia devo smettere di farmi le canne :D

Peter Pan
31-03-2002, 16.30.52
Originally posted by HÿXØñ
minkia devo smettere di farmi le canne :D

Basterà che tu condivida :)

Ray McCoy
31-03-2002, 23.36.41
In linea di massima, non riesco a farlo abbastanza a lungo per poterci pensare sopra... MA sì, posso dire di riuscire a liberarmi dei vincoli spaziali e di raggiungere luoghi sereni e isolati...

Mischa
01-04-2002, 01.33.53
mi capita - dovrei ridurre la percentuale di vodka rispetto al tropical, ogni tanto :D

Squizzo
01-04-2002, 01.38.20
a me è successo una volta.

The El-Dox
01-04-2002, 01.38.38
si konferma, Mischa... :cool:

Peter Pan
01-04-2002, 03.18.26
Forse sarà meglio farvi nortare che questo topic è serio. Se la smetteste di dire cassate sarebbe un sintomo di inteligenza.

Nelle ore in cui siamo desti sulla terra, il nostro io è limitato al corpo fisico e, a meno che non si sia particolarmente addestrati, non è possibile separare le due entità. Quando dormiamo, è soltanto l'organismo ad avere bisogno di riposo; il nostro "doppio" si libera e di solito si reca spontaneamente nella "dimensione dello spirito"» affermando ancora «La morte non esiste. Come ci si spoglia dei propri abiti al termine della giornata, così l'anima si spoglia del corpo quando quest'ultimo dorme. Come gli abiti vengono gettati via quando sono troppo logori, così l'anima rinuncia al corpo quando quest'ultimo è consumato e lacero, La morte è nascita. Morire è nascere su un altro piano dell'esistenza. Lo spirito dell'uomo è eterno. Il corpo è solo la veste temporanea che avvolge lo spirito e che viene prescelta a seconda del compito cui si è destinati sulla terra

(Dalai Lama)

X - M
01-04-2002, 11.18.17
A me non è mai accaduto.:)

Tigerjack
01-04-2002, 13.53.48
Originally posted by kyjorkx
Io no.
Comunque sapevo di persone che, portate in sala operatoria per essere operate d'urgenza, vedevano il proprio corpo, i medici accanto che erano intenti nell'operazione, tutti gli strumenti ecc... .
e si sono messi a bestemmiare perchè stavano sbagliando organo da operare!:D

Mischa
01-04-2002, 14.10.40
Originally posted by Peter Pan
Forse sarà meglio farvi nortare che questo topic è serio. Se la smetteste di dire cassate sarebbe un sintomo di inteligenza.


io ero serio. sintetico, ma serio. di conseguenza, credo che stati di alterazione portino la mente umana a ingannare se stessa. alterazione che può essere indotta volontoriamente come involontariamente da eventi estranei e traumatici - incidenti, operazioni, etc. o da suggestione e auto-suggestione. per quanto mi riguarda, accettare l'idea alla base della metempsicosi non è diverso dall'accettare l'idea della madonna di czhestokowa o delle stimmate o degli ufo. grazie, no. il dalai lama è libero di dire quel che gli pare, come il papa - ma per me ha esattamente lo stesso valore: zero.

Peter Pan
02-04-2002, 02.44.33
Originally posted by Mischa


il dalai lama è libero di dire quel che gli pare, come il papa - ma per me ha esattamente lo stesso valore: zero.

La piccola differenza sta nel fatto che il Lama non impone, espone semplicemente il risultato di millenni di meditazione... Egli parla... come dire... dice la sua come potrebbe fare qualsiasi altro "intellettuale" dei nostri giorni. Egli parla del nostro tempo. Parla del passato che è diventato presente per divenire futuro...

Cosa fai allora, neghi di poter ascoltare ciò che ha da dirti qualunque altro essere umano? Non credi che questa sia presunzione, la stessa che ti porta indissolubilmente ad essere ignorante?

hal9000
02-04-2002, 12.48.18
gli esseri umani non possiedono un'anima.
si tratta di stato allucinatorio...
riprogrammatevi e riallineatevi con gli standard odierni.
razionalizzatevi.
evi evi...
vi...

Themis
02-04-2002, 13.03.25
Originally posted by Peter Pan
Se la smetteste di dire cassate sarebbe un sintomo di inteligenza.
(Dalai Lama)

... non la prenderanno mai quella malattia, hanno fatto il vaccino da piccoli! :D

Comunque ... "metempsicosi" e "reincarnazione" sono concetti diversi, vero?
Infatti per il cristianesimo l'anima può uscire dal corpo, ma dopo la morte non rientra in un altro corpo. Ma ognuno ha una sola vita.

hal9000
02-04-2002, 13.15.10
Originally posted by Themis

Comunque ... "metempsicosi" e "reincarnazione" sono concetti diversi, vero?
Infatti per il cristianesimo l'anima può uscire dal corpo, ma dopo la morte non rientra in un altro corpo. Ma ognuno ha una sola vita.

mi pare un concetto ridicolo, ma esatto. aggiungo anche la possibilità di reincarnazione in caste differenti (animali) a differenza di come uno si comporta in vita.

permettetemi una risata AHHAAHHAHAAH!

Themis
02-04-2002, 13.25.07
Originally posted by hal


mi pare un concetto ridicolo, ma esatto. aggiungo anche la possibilità di reincarnazione in caste differenti (animali) a differenza di come uno si comporta in vita.

permettetemi una risata AHHAAHHAHAAH!

Tu invece finirai come un cubetto di ferrovecchio. Permettimi una risata AAAAHHAAAMUAAAAAHH !!!!

Mischa
02-04-2002, 14.22.10
Originally posted by Peter Pan


La piccola differenza sta nel fatto che il Lama non impone, espone semplicemente il risultato di millenni di meditazione... Egli parla... come dire... dice la sua come potrebbe fare qualsiasi altro "intellettuale" dei nostri giorni. Egli parla del nostro tempo. Parla del passato che è diventato presente per divenire futuro...

Cosa fai allora, neghi di poter ascoltare ciò che ha da dirti qualunque altro essere umano? Non credi che questa sia presunzione, la stessa che ti porta indissolubilmente ad essere ignorante?

io non rifiuto di ascoltare - rifiuto di credere. siccome però questo mi rende presuntuoso e ignorante, domani andrò a rasarmi la testa a zero e partirò per il tibet, per darmi fuoco di fronte a un plotone di soldati cinesi salmodiando:

" AD GUREH NAMEH

JUGAD GUREH NAMEH

SAT GUREH NAMEH

SIRI GURU DEV EH NAMEH" ;) :D

bejita
02-04-2002, 14.35.50
Peter Pan è diventato un Dalai Lamer? eh beh ne succedono di robe strane quando passo un paio di giorni fuori casa :D

The El-Dox
02-04-2002, 15.03.02
Originally posted by bejita
Peter Pan è diventato un Dalai Lamer? eh beh ne succedono di robe strane quando passo un paio di giorni fuori casa :D

la droga ti fa imparare differenti punti di vista...

Tigerjack
02-04-2002, 17.35.34
Originally posted by The El-DoX


la droga ti fa imparare differenti punti di vista...

veroooooo un giorno ho visto mischa sniffare l'antitarme è andato in uno stato di catalessi e mi stava dicendo il futuro!
Poi gli ho sparato...:rolleyes:

Peter Pan
02-04-2002, 20.16.18
Originally posted by Mischa
siccome però questo mi rende presuntuoso e ignorante

Ma dai, io intendevo che sei ignorante nel senso che ignori... e non mi dire che io imbello! :D

The El-Dox
02-04-2002, 20.17.58
Originally posted by Tigerjack

veroooooo un giorno ho visto mischa sniffare l'antitarme

beh il kolore era identiko, poi se nn era antitarme forse gli faceva meno male :doubt:

Padre_Manson
02-04-2002, 22.31.28
Originally posted by Peter Pan
Quanti di voi hanno mai avuto la sensazione di uscire dal proprio corpo?

Risposta dal film The Matrix :
"Si un sacco di volte, si chiama mescalina. é l'unico modo per volare"

Non ho resistito :D :D :D

Peter Pan
02-04-2002, 22.47.27
Originally posted by Themis
Comunque ... "metempsicosi" e "reincarnazione" sono concetti diversi, vero?

Sono due manifestazioni diverse dello stesso fenomeno.
L'uomo è composto da carne, anima e spirito .
La carne è ciò che si vede di lui, la sua componente animale.
L'anima è ciò che si sente di lui, la sua componente senziente.

Ma è lo spirito la vera essenza dell'essere. Ciò che è parte del tutto cosmico. Lo spirito è inscindibile dal corpo finché esso vive, ed è legato al corpo attraverso l'anima, che è in sé tutto ciò che noi siamo in questa vita. All'inizio l'anima è una forma coesiva tra corpo e spirito, vergine e pura. Tutto il nostro vissuto si imprime nell'anima, ed essa si impregna di tutto ciò che siamo. Emozioni, sensazioni, sentimenti, sono tutte parti integranti dell'anima, ciò che in psicologia è detta appunto psiche, legata al corpo detto soma. Ma ciò che hanno gli psicologi hanno individuato nel sub-conscio non è nemmeno lo spirito, ma una zona di confine tra esso e l'anima. Lo spirito è il soffio vitale.

Quando il corpo muore, l'anima si dissolve, e lo spirito è di nuovo libero di ricongiungersi al tutto cosmico. Ma ci sono volte in cui qualcuno dei brandelli in cui l'anima si disfa rimane "attaccato" allo spirito: essi prendono forma di memoria atavica, per alcuni sono gli istinti, anche se molti legano gli istinti al soma e non alla psiche. Questi brandelli sono comunque i ricordi, ricordi delle vite precedenti (per chi crede).

Lo spirito però è una sostanza molto meno densa del corpo, ma energeticamente più presente: il corpo è solo un involucro pesante, un impedimento, una prigione: allora lo spirito tende a sfuggirgli, a cercare altrove ciò che con il corpo non riesce a raggiungere, e cioé a ritornare a far parte del tutto cosmico. Quando il soma è meno vigile, e cioé durante il sonno, o l'estasi o la meditazione, allora lo spirito si prolunga nell'anima, e attraverso di essa si libra. Non c'è distacco, semplicemente è l'anima che si espande: questa è la metempsicosi, il corpo astrale fuoriesce ed è autonomo. Esso è libero di muoversi, ma è costantemente legato al corpo. E ad esso tornerà sempre finché esso non morirà. Quando ciò avviene, è l'anima a dissolversi, e finalmente lo spirito è libero di ricongiungersi al tutto cosmico.

La reincarnazione è invece il processo opposto: lo spirito si infonde nella carne e si lega ad esso nella generazione dell'anima. Il perché non ci è dato di saperlo. Troppo poco siamo noi per capire il disegno divino. E ben diceva San Filippo Neri: state buoni, se potete. Tutto quanto è vanità.


Originally posted by Themis
Infatti per il cristianesimo l'anima può uscire dal corpo, ma dopo la morte non rientra in un altro corpo. Ma ognuno ha una sola vita.

Non è del tutto esatto. Nell'Apocalisse si parla dei morti che ritornano a vivere: sì, la vita dei Cristiani è una sola. Ma nel Giorno del Giudizio tutti, vivi e morti saranno chiamati al cospetto di Dio. Ed i morti riprenderanno il loro corpo e sarà con esso che si presenteranno per rendere conto dei loro peccati e delle loro virtù. Quindi è qui ribadito il concetto della reincarnazione. Anche se in termini Cristiani è molto più figurato.

Themis
03-04-2002, 09.26.52
Originally posted by Peter Pan


Non è del tutto esatto. Nell'Apocalisse si parla dei morti che ritornano a vivere: sì, la vita dei Cristiani è una sola. Ma nel Giorno del Giudizio tutti, vivi e morti saranno chiamati al cospetto di Dio. Ed i morti riprenderanno il loro corpo e sarà con esso che si presenteranno per rendere conto dei loro peccati e delle loro virtù. Quindi è qui ribadito il concetto della reincarnazione. Anche se in termini Cristiani è molto più figurato.

Questo è comunque un concetto molto diverso dal concetto di reincarnazione secondo altre religioni. Reincarnarsi più volte in vite umane, e anche vite animali diverse seguendo una sorta di ciclo nel quale le vite si susseguono come "promozioni" o "regressioni" è radicalmente diverso da avere un' unica possibilità (o la va o la spacca) e reincarnarsi nel proprio unico corpo alla fine dei tempi.

Ammesso che funzioni così

Peter Pan
03-04-2002, 20.05.15
Originally posted by Themis


Questo è comunque un concetto molto diverso dal concetto di reincarnazione secondo altre religioni.


Effettivamente sì, anche se credo che il concetto sia uguale, ma la modalità nella quale si manifesta ciò che esso rappresenta sembra diversa....

Mischa
03-04-2002, 20.09.57
una differenza pesante però c'è, come facevi notare prima: samsara non implica concetto di punizione, ma di apprendimento e evoluzione per giungere a nirvana - il cristianesimo è invece rigorosamente punitivo/premiante. abbastanza limitato, anche in termini logici prima che analogici.

Peter Pan
03-04-2002, 20.16.29
Originally posted by Mischa
una differenza pesante però c'è, come facevi notare prima: samsara non implica concetto di punizione, ma di apprendimento e evoluzione per giungere a nirvana - il cristianesimo è invece rigorosamente punitivo/premiante. abbastanza limitato, anche in termini logici prima che analogici.

Esatto. Il Cristianesimo si basa nnanzitutto sul credo in un Dio vendicativo e distratto. Adorami e sarai salvato. Chi è contro di me non si salverà.
Quando in realtà egli è semplicemete distratto. L'uomo è incredibilmente presuntuoso (superbo) a pensare che Dio possa accorgersi di lui. "In questa valle di lacrime" siamo fatti per soffrire... ma una vita può bastare a purificare l'anima?

La samsara è intesa come una purificazione dello spirito, della vera essenza dell'essere affinche essa possa ricongiungersi a Dio, annullandosi, cessando di essere. È un concetto che apprezzo molto poichè esprime tutta l'umiltà che l'uomo può dimostrare. E non la superbia nel considerarsi al fianco di Dio!!!

Mischa
03-04-2002, 20.39.51
ora dico UN poesia:

il punto è che gesù era ebreo, e rivoluzionava (con esiti nefasti per lui) l'idea del dio giudaico. parlava a israele, del dio di israele. il dio della bibbia (antico testamento, A. C.) era il dio punitivo, bastardo e vendicativo. era il dio ebraico, il dio di israele, quello che difendeva il suo popolo dai nemici o lo castigava se non lo adorava. un dio molto vicino all'animismo, personificato - l'unica differenza che si può vedere da uno zeus, è che non si ha politeismo, ma coincide come interpretazione. è dio che scaglia i fulmini, interviene in prima battuta negli affari umani, etc.

poi arriva gesù, stressa gli ebrei, viene crocifisso, qualcuno ancora impallato fa pubblicità, altri credono al nuovo verbo, gesù da vagabondo sclerato diviene profeta, da profeta diviene simbolo, nasce il cristianesimo.

il vecchio dio è da cancellare, ma politica classica del cristianesimo è assorbire una tradizione, per eradicarla - mutare il significato del pre-esistente per farlo proprio, in sintesi come rubare un copyright. a questo punto gli ebrei vengono attaccati, e il dio vendicativo ebraico fatto dio cristiano, per meglio attuare il furto di copyright e rendere proprio il marchio.

quindi il dio cristiano nasce non come evoluzione - idea di gesù > dio non è cattivo, o come lo vedete voi... ma come sostituto (identificazione e cancellazione) > dio è come dico io, il dio di prima è lo stesso di oggi, è sempre stato buono quindi se avete sofferto lo meritavate > nascita del concetto di punizione.

in più far proprio il credo di un gesù non significherebbe difendere gesù, ma capirlo. invece interesse del cristianesimo è difendere gesù cristo in quanto figlio di questo dio a cui è stata applicata una skin, quindi il concetto di punizione/premio si rafforza, visto che gesù è morto ammazzato. non dagli ebrei, ma dai romani, però gli ebrei danno fastidio quindi scassiamoli.

ora: se gesù fosse esistito, ciò che ha detto è universale, in quanto identico a qualunque altro comunicato standard da parte degli uomini di pace di tutte le ere. tutte le interpretazioni date però, sono umane. quindi tirano acqua al proprio mulino.

in primis ai cristiani, che ovviamente nel corso dei secoli hanno voluto e dovuto difendere un credo che è solo loro, in quanto estrapolato da un medley di ciò che condannano e di ciò che vogliono ottenere. e che non coincide neanche lontanamente con ciò che gesù diceva > senso di colpa (duplice: in quanto partecipe del senso di colpa ebraico originale del genesi, più quello tipicamente cattolico).

conclusione: il cristianesimo è una maschera - non vera religione o fede, quanto commercio. in quanto non ha un credo, ma muta il proprio credo in funzione degli altri (incorporandoli) per dominare. detto ciò: il momento cruciale è la nascita del nuovo dio, e la sua sovrapposizione a quello precedente senza evoluzione - quindi si annulla il concetto di metempsicosi, anche se probabilmente nascerà prima o poi una teoria della metempsicosi cristiana, per il meccanismo stesso.

Peter Pan
03-04-2002, 20.53.46
Il Cristianesimo non ha nulla a che fare con il messaggi di Gesù.
In esso non è rimasto un granché del messaggio originale. Nel corso dei secoli sono state apportate tante di quelle modifiche al punto tale da violare anche il comandamento:Non avrai altro Dio all'infuori di me. E i vari culti dei santi, il culto mariano, e altre che sono vere e propria idolatria pagana.

Ovvio che tutto fa brodo.. e coem hai detto... tra un po' un qualunque papa si pronuncierà in favore della reincarnazione...

Themis
04-04-2002, 15.08.57
Originally posted by Peter Pan
Il Cristianesimo non ha nulla a che fare con il messaggi di Gesù.


Il Vangelo, la vita, morte e resurrezione di Gesù sono il cuore del messaggio del cristianesimo. Poi, come ogni cosa umana, non ha una lettura univoca, ma questo non ne elimina il valore. I musulmani considerano Gesù un profeta, e nel Corano, si parla del Vangelo come "Libro pieno di luce", perchè il nocciolo del messaggio è considerato qualcosa di molto saggio a prescindere dalla religione di riferimento.
Se si considera una visione "medievale" della religione, di un Dio vendicativo, crudele, che punisce come giudice inflessibile, bisognerebbe ricordare che è passato un po' di tempo da allora.
E' naturale che il pensiero si evolva, penso che nessuna religione possa riuscire a rimanere immutata attraverso i secoli.
Non sempre le cose cambieranno in meglio, ci saranno anche involuzioni nel corso della storia, ma se il senso della religione venisse continuamente corrotto (in peggio) prima o poi si esaurirebbe. Ve la vedete una bufala che dura 2000 anni ? :D
A parte questo, ognuno si regola come meglio ritiene; io a uno che dice "Non c'è amore più grande di chi dà la vita per i propri amici" sento di poter credere. Su cose trascendentali tipo il giorno del giudizio, Adamo ed Eva, crudeltà, perdono, resurrezione sì o no, nessuno potrà mai avere una parola definitiva, lascio volentieri che ne discutano filosofi teologi. Io la vita la preferisco all'atto pratico. ;)