PDA

Visualizza versione completa : No al ricorso del Vaticano: ammessa la causa civile Anonimo vs Vaticano



[P]erfo
28-06-2010, 18.02.10
"I giudici non si esprimono sul ricorso del Vaticano che riguarda un caso nell'Oregon. Così la S. Sede può essere considerata civilmente responsabile delle azioni dei preti accusati di pedofilia. [...]"

Pedofilia, la Corte suprema Usa ammette il processo civile per un prete sotto accusa - Corriere della Sera (http://www.corriere.it/cronache/10_giugno_28/pedofilia-vaticano-corte-suprema-usa-processi_dfdcec52-82c3-11df-9406-00144f02aabe.shtml)

Corte Usa non si pronuncia sull'immunit Nessun ostacolo per processo al Vaticano - Repubblica.it (http://www.repubblica.it/esteri/2010/06/28/news/usa_pedofilia_vaticano-5223874)

Ennesima svolta storica in un Paese che non smette mai di stupire :birra:

Ape_Africanizzata
28-06-2010, 18.15.21
Un commento a caldo potrebbe essere questo:

http://2.bp.blogspot.com/_q3S5z4wMuEE/SN0MS0HnUNI/AAAAAAAAACc/b89polKARA4/s400/fatality.png

Nisroch
28-06-2010, 19.47.10
Ciò che stupisce è il fatto che stupisca.:sisi:

Ghostkonrad
29-06-2010, 01.39.50
Infatti. Gli USA sono un paese fondato essenzialmente da puritani di confessione calvinista, quindi il fatto che non abbiano problemi a schierarsi contro il cattolicesimo romano rientra assolutamente nella norma.
Da domani si potra fare causa alla santa sede, così come si continuerà ad insegnare il creazionismo nelle scuole e ad assicurare a tutti libero accesso alle armi da fuoco.

Di0
29-06-2010, 04.05.32
Ciò che stupisce è il fatto che stupisca.:sisi:
Ma infatti, la corte costituzionale ha praticamente detto: No grazie, un nostro cittadino viene giudicato secondo le nostre leggi, anche se e' il dipendente di una societa' che ha sede legale in un paese straniero.
Se non fossimo fondamentalmente scemi noi, sarebbe la cosa piu' normale del mondo. :D

Infatti. Gli USA sono un paese fondato essenzialmente da puritani di confessione calvinista, quindi il fatto che non abbiano problemi a schierarsi contro il cattolicesimo romano rientra assolutamente nella norma.
Da domani si potra fare causa alla santa sede, così come si continuerà ad insegnare il creazionismo nelle scuole e ad assicurare a tutti libero accesso alle armi da fuoco.
Vero anche quello, i cattolici negli USA non sono propriamente ben visti e la maggioranza delle persone, potendo, li odia cordialmente (e anche meno cordialmente, talvolta, resta il fatto che il matrimonio "misto" e per misto intendo cattolico-protestante, non protestante-seguace del culto della dea Khali :asd:, e' spesso un vero problema per le famiglie).
Ma anche fermo restando che cio' che dici e' vero, la decisione e' semplicemente quella che dice: un nostro cittadino che commette un crimine nel nostro territorio viene giudicato secondo le nostre leggi e una nazione straniera non deve interferire, anche se e' quella che da' il lavoro al nostro cittadino.
Alla fine, pensare ad una sorta di immunita' diplomatica solo perche' sei un prete, ma nato, cresciuto e vivi negli states e' stupido. Probabilmente, il 90% di quei pedofili Roma l'ha vista solo nel film 2012. :asd:
Ergo sticazzi, davvero concordo con Nisroch: stupisce che stupisca.

[P]erfo
29-06-2010, 09.24.00
Ergo sticazzi, davvero concordo con Nisroch: stupisce che stupisca.

Bé ma l'amministrazione Obama si era espressa a favore dell'immunità, è la Corte Suprema che ha ribaltato la situazione. Questi comunisti anti berlusconiani fanno danni anche al di là dell'oceano :asd:

Ma in Italia i reati commessi dai preti all'infuori dello Stato Vaticano da chi sono giudicati?

FoxAlive29
29-06-2010, 11.01.24
erfo;7932573']Bé ma l'amministrazione Obama si era espressa a favore dell'immunità, è la Corte Suprema che ha ribaltato la situazione. Questi comunisti anti berlusconiani fanno danni anche al di là dell'oceano :asd:

Ma in Italia i reati commessi dai preti all'infuori dello Stato Vaticano da chi sono giudicati?

più che altro si apre il problema di come si comporteranno altre nazioni in merito. Se per gli U.S. è stato un passo praticamente naturale, per moltissimi altri paesi non lo è: ma quegli stati indecisi su come comportarsi potrebbero anche decidere di adottare lo stesso sistema (vedi l'anglicana Inghilterra).
Per quanto riguarda l' Italia , ovviamente, si farà finta di niente come al solito; il pensiero di allontanare le simpatie del potere religioso della chiesa e i voti dei cattolici credo che non tocca neanche di striscio il nostro San Silvio, così come ad altri..

[P]erfo
29-06-2010, 13.19.46
Infatti notare come in Italia gli scandali pedofilia abbiano moltooooo meno risalto rispetto all'estero :asd:

Un po' di fantascienza:

"Porter Benedetto XVI in tribunale" Esulta l'avvocato delle vittime americane - Repubblica.it (http://www.repubblica.it/esteri/2010/06/29/news/avvocato_vittime_pedofili-5238694/)

Di0
29-06-2010, 16.37.49
erfo;7932573']
Ma in Italia i reati commessi dai preti all'infuori dello Stato Vaticano da chi sono giudicati?
Non so quali siano gli accordi tra Italia e Vaticano in merito alla questione (so che nel 1600 ci fu un grande episodio a proposito di due preti accusati di omicidio dalle parti di Venezia, perche' il vaticano voleva giudicarli in Sede, mentre ovviamente i Veneziani volevano che apparissero di fronte ai proprio tribunali, e alla fine credo la spunto' il Vaticano, ma i tempi sono cambiati... o forse no :asd:), ma sinceramente non vedo un solo unico motivo per cui il Vaticano dovrebbe avere potere giuridico su un prete criminale che commette un crimine in Italia. Il prete e' un cittadino italiano, nato in italia, cresciuto in italia, che ha gli stessi diritti e obblighi che abbiamo io e te, se il crimine e' commesso in Italia non vedo perche' il processo debba avvenire di fronte ad un tribunale straniero. Sinceramente e' la cosa piu' idiota che noi italiani si possa accettare dal Vaticano. Spero proprio non sia cosi', perche' e' un discorso che non sta ne' in cielo ne' in terra.

MaGiKLauDe
29-06-2010, 17.34.32
Ahahahahah, adesso ho capito.
Stamattina il tiggì parlava della causa Jhon Doe vs vaticano.
La cosa mi sembrava strana, Jhon Doe è il nome che la polizia dà ai morti non identificati. Mi sembrava molto improbabile che il tizio in questione si chiamasse proprio Jhon Doe, anche se alla crudeltà dei genitori non c'è fine. :asd:
Ora però dal titolo leggo che il tizio è un anonimo, e chi ha tradotto la notizia non ci ha capito una gran bega.

blake.
29-06-2010, 17.35.50
Sì ma è John, non Jhon.

FALLEN_ANGEL_664
29-06-2010, 21.32.02
la decisione e' semplicemente quella che dice: un nostro cittadino che commette un crimine nel nostro territorio viene giudicato secondo le nostre leggi e una nazione straniera non deve interferire, anche se e' quella che da' il lavoro al nostro cittadino.

Ma la decinsione non afferma la complicità del Vaticano in quanto datore di lavoro conscio e quindi complice per essersi limitato a spostare di parrocchie il prete? Non mi pare che la competenza giuridica fosse in questione.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

LegendMarco
30-06-2010, 01.56.07
Spero che una volta per tutte il Vaticano se lo prenda in quel posto (anzi, no... ad alcuni potrebbe piacere...).

E' ora che smettono di credersi al di sopra di tutti, bigotti del cazzo.

stan
30-06-2010, 19.00.42
Esiste l'immunità per i capi di stato stranieri, papa compreso. Però in effetti poter agire già a sfoltimento di chi è marcio alla base non è male.

MaGiKLauDe
30-06-2010, 19.56.07
Sì ma è John, non Jhon.

Cazzo ne sai, lo conosci? :asd: