PDA

Visualizza versione completa : A che pro?



Maharet
25-11-2009, 11.46.59
Tristezza. Tanta, leggere quelle cose davvero colpisce violentemente l'animo. Crea immedesimazione, empatia, tragedia.
Ma perche' pubblicarli? Si puo' parlare di speculazione? Si puo' andare oltre e parlare di populismo? A chi giova?
Non voglio tirar somme di giudizio ma sono davvero perplessa di fronte ad un'iniziativa di cui non comprendo il senso.
Qui sotto il link della cosa di cui parlo:

9/11 Pager data (http://911.wikileaks.org/)

shottolo
25-11-2009, 11.59.42
scusa ma il mio inglese non mi permette di capire bene
puoi spiegarmi di cosa si tratta?
mi pare d'aver capito che sono comunicazioni di qualcosa... però boh... l'unica cosa che capisco è questa:
2001-09-11 05:27:12 Skytel [005112809] C ALPHA 04:26CDT adhocdb TEXT: adhocdb unix: WARNING: vxvm:vxio: Subdisk disk02-01 block 240384: Uncorrectable write error

gli si è sputtanato un subdisk di un volume sotto il controllo di volume manager :D

Maharet
25-11-2009, 12.01.12
"2001-09-11 05:53:41 Metrocall [1384400] A ALPHA good morning. how did you sleep? i slept a little better. going to shower. just wanted to say HI. will call you in a bit! love u."

Ecco, messaggi come questo... cosa ne e' stato del mittente? Chi era? E' vivo/a?
Poche ore prima del tutto, mi sconvolge sempre pensare a vite ordinarie che si sarebbero presto trovate ad affrontare l'imprevedibile straordinarieta' della tragedia. Inutile mettersi a discutere di temi quali la consapevolezza della fragilita' dell'esistenza, pero' ecco... insomma... a me qualcosa si smuove sempre.

Maharet
25-11-2009, 12.05.12
scusa ma il mio inglese non mi permette di capire bene
puoi spiegarmi di cosa si tratta?
mi pare d'aver capito che sono comunicazioni di qualcosa... però boh... l'unica cosa che capisco è questa:
2001-09-11 05:27:12 Skytel [005112809] C ALPHA 04:26CDT adhocdb TEXT: adhocdb unix: WARNING: vxvm:vxio: Subdisk disk02-01 block 240384: Uncorrectable write error

gli si è sputtanato un subdisk di un volume sotto il controllo di volume manager :D

Sono registrazioni di tutti i messaggi dell'area fra le 3 del mattino e le 3 del mattino successivo all'11 settembre. In pratica coprono le 24 ore pre e post torri gemelle. Ci sono naturalmente comunicazioni di ogni genere, che siano tecniche, affaristiche, personali. Ci sono anche quelle fra dipendenti del Pentagono e agenti del Dipartimento della polizia di New York, e c'e' tutta la traccia dell'andamento dei sistemi informatici durante il casino, col loro inevitabile collasso totale man mano che passano le ore. Stanno pubblicando in tempo reale, nel momento in cui sto scrivendo sono alle 6 del mattino dell'11/10.

shottolo
25-11-2009, 12.11.23
ah ecco... avevo capito abbastanza giusto solo che nella marea di righe che ho letto non avevo trovato frasi di senso compiuto ma solo messaggi di sistema... così mi era venuto il dubbio di non aver capito un cazzo :P

Maharet
25-11-2009, 12.12.29
Si, non e' consultabile in maniera immediata, e' chiaro. Ma comunque e' tutto li' dentro.

ROLF
25-11-2009, 12.15.04
ah ecco... avevo capito abbastanza giusto solo che nella marea di righe che ho letto non avevo trovato frasi di senso compiuto ma solo messaggi di sistema... così mi era venuto il dubbio di non aver capito un cazzo :P

Idem.

Elrond.
25-11-2009, 12.31.46
Tante riflessioni, ovviamente. Dal fatto che questo è il nostro modo di vivere / fare informazione / relazionarci (tanto per dire: i social network): tutto quello che può essere digitalizzato, ha diritto d'essere conosciuto. Quel che non può essere digitalizzato... beh, no.

Speculazione, anche. Come è speculazione quella sull'olocausto. Perchè il numero di persone che si commuovono di fronte a messaggi come quello citato da Maharet è maggiore a proposito di episodi quali l'olocausto e l'11 settembre, che non a proposito di episodi quali le bombe atomiche o persino il collasso della Germania nazista (giusto per citare un paio d'episodi che fanno radicalmente parte della nostra cultura, anzichè andare a pescare fra i paesi del terzo mondo). Poter indirizzare i sentimenti a questo modo significa poter controllare passato, presente e futuro.

Mi vengono in mente anche interrogativi di carattere più tecnico circa la presunta 'obiettività' dell'archivio (the archive is a completely objective record of the defining moment of our time). L'obiettività non è una qualità pertinente l'archivio in quanto tale, l'obiettività è determinata da una relazione tra soggetto e oggetto. Quel che mi domando, pertanto, può un semplice archivio di dati (scelti secondo criteri cronologici e geografici) esprimere una conoscenza obiettiva? Un archivio che peraltro non può essere conosciuto nella sua interezza (oltre mezzo milione di messaggi), ma solo attraverso ricerche tramite parole chiave. In che modo questo gioco tipicamente informatico ha a che fare con l'obiettività?
(Non intendo negare, sia ben chiaro, l'utilità di fonte storica di un simile archivio).

Poi, da un punto di vista più emotivo, messaggi come quello citato da Maharet lasciano senz'altro con l'amaro in bocca. Anche se certe cose le sappiamo già, le abbiamo sempre sapute, anche da prima dell'11 settembre. Noi non eravamo neppure lì l'11 settembre. Mi è appena venuto in mente l'episodio di una serie americana peraltro abbastanza mediocre, in cui un vigile del fuoco decide di partecipare alle riunioni di un gruppo di persone che accusano disturbi mentali conseguenti il trauma dell'11 settembre: nel corso della prima riunione alla quale partecipa, scopre che nessuno di costoro era a New York, l'11 settembre, nessuno ha avuto un amico o un parente coinvolto.

Maharet
25-11-2009, 13.33.01
2001-09-11 07:29:00 Metrocall [0477590] B ALPHA QUOTE OF THE DAY. THE END IS NOTHING, THE ROAD IS ALL. HAVE A GREAT DAY. VICKIE

M_Armani
25-11-2009, 13.43.01
in quel caso quello che cambia è la responsabilità

somma tutti gli incidenti di una giornata e vedrai altrettante vite sconvolte ogni giorno che l'umanità continua a popolare la terra

la tragedia della vita è che finisce all'improvviso, sempre, comunque e per tutti

credere che nulla debba turbare vite serene è un bel sogno, purtroppo è un sogno un pò pericoloso e assurdo e causa di parecchi mali della società

meglio sognare la luna


edit

la pubblicazione è spettacolarizzazione del male di vivere occidentale. Superflua ma se non ci sono riferimenti personali non più pericolosa di mille altri pettegolezzi istituzionali che paghiamo pure.

BESTIA_kPk
25-11-2009, 13.48.00
Tristezza. Tanta, leggere quelle cose davvero colpisce violentemente l'animo. Crea immedesimazione, empatia, tragedia.
Ma perche' pubblicarli? Si puo' parlare di speculazione? Si puo' andare oltre e parlare di populismo? A chi giova?
Non voglio tirar somme di giudizio ma sono davvero perplessa di fronte ad un'iniziativa di cui non comprendo il senso.
Qui sotto il link della cosa di cui parlo:

9/11 Pager data (http://911.wikileaks.org/)

Immedesimazione no, empatia no, tragedia no.
A me non suscitano quasi nulla, stesso discorso per quanto riguarda video ecc ecc inerenti l'argomento.
Forse mi suscitano più irritazione: mi hanno sfrantecato i maroni. Più che concetto di "speculazione" lo vedo come un "oh, noi abbiamo sofferto eh, RICORDALO!!!".
Stesso discorso sull'olocausto.
Perchè? perchè molti altri disastri, tragedie, massacri, non hanno una cassa di risonanza simile, spesso vengono ignorati.

L'esempio citato da Elrond, sulle atomiche, mi tocca molto, molto di più.
Ed ho visto documentari un po' su quei vari temi, non è che mi interessa di più il discorso su hiroshima e nagasaki perchè ho visto più materiale e quindi mi può aver toccato "la quantità"...

Non apprezzo l'insistenza, lo sforzarsi di metter in mostra, su certi argomenti, un po' come i funerali di stato.
Trovo giustissimo discuterne, dirlo, ok.
Anche ribadirlo, ok.
Stracciare i maroni, no.
C'è una linea oltre il quale non colgo più il messaggio, che è scontato ormai, ripetitivo, ma colgo fastidio.

Non lo dico per criticare chi ci si impressiona o si sente particolarmente toccato, sia chiaro. Ognuno ha il suo modo di reagire/elaborare determinati stimoli e porcaputtana è sacrosanto.

Poi bè, concordo con Elrond sul concetto speculativo, può essere una leva psicologica per ottenere qualcosa, consenso od altro...
Sicuramente ottieni qualcosa se ogni santo giorno parli di pinco pallino e ogni giorno *non* parli di tizio caio.

funazza
25-11-2009, 13.49.02
uno dei punti più bassi mai toccati dall'uomo. il ricordo dei video con gente disperata che si tuffava da altezze folli mi disturba ancora la notte. ma preferisco evitare qualsiasi commento di tipo politico visto che ad oggi ci sono ancora tanti, troppi dubbi.

ROLF
25-11-2009, 13.59.53
Io a suo tempo mi commossi molto ma molto di più per Madrid.
Non so perchè, forse il pensiero che fosse stata colpita della gente in meropolitana, gente che se ne andava tranquillamente al lavoro, mi ha fatto immedesimare di più nella tragedia, me l'ha fatta sentire più vicina, più possibile. Mi ha fatto più male, per quanto l'11 settembre rimanga ancora una tragedia folle.

sara_bleeckerst
25-11-2009, 14.36.43
uno dei punti più bassi mai toccati dall'uomo. il ricordo dei video con gente disperata che si tuffava da altezze folli mi disturba ancora la notte. ma preferisco evitare qualsiasi commento di tipo politico visto che ad oggi ci sono ancora tanti, troppi dubbi.

vero.
*

funker
25-11-2009, 14.40.38
uno dei punti più bassi mai toccati dall'uomo. il ricordo dei video con gente disperata che si tuffava da altezze folli mi disturba ancora la notte. ma preferisco evitare qualsiasi commento di tipo politico visto che ad oggi ci sono ancora tanti, troppi dubbi.
.....

destino
25-11-2009, 14.42.21
credo che questa ansia di pubblicare tutto di tutti stia realmente diventando pericolosa nel nostro mondo.
Non conta quello che pubblichi ormai, conta il fatto stesso che pubblichi, tanto qualcuno interessato a spiare dietro il buco della serratura lo trovi sempre e cmq

BenderSnake
25-11-2009, 16.07.15
posso capire per l'11 settembre, ma non ditemi che l'olocausto ha avuto troppa attenzione rispetto alle bombe atomiche, sia perché non se ne è parlato così poco dei bombardamenti atomici come sembra vogliate far apparire sia perché non capisco perché questi ultimi debbano essere una tragedia uguale o maggiore all'olocausto. Magari perché erano solo ebrei ed è più importante accusare l'America di qualcosa?

Elrond.
25-11-2009, 16.11.57
posso capire per l'11 settembre, ma non ditemi che l'olocausto ha avuto troppa attenzione rispetto alle bombe atomiche, sia perché non se ne è parlato così poco dei bombardamenti atomici come sembra vogliate far apparire sia perché non capisco perché questi ultimi debbano essere una tragedia uguale o maggiore all'olocausto. Magari perché erano solo ebrei ed è più importante accusare l'America di qualcosa?
Si parla della bomba atomica, dell'era atomica, dell'energia atomica, siamo tutti figli della bomba, etc. Ma - per usare la tua stessa espressione, non dirmi si parla di Hiroshima e Nagasaki nella stessa misura e nella stessa dimensione umana ed emozionale in cui si affronta il tema dell'olocausto. La risposta è no.

Now I become Death, the destroyer of worlds.

BenderSnake
25-11-2009, 17.14.10
Si parla della bomba atomica, dell'era atomica, dell'energia atomica, siamo tutti figli della bomba, etc. Ma - per usare la tua stessa espressione, non dirmi si parla di Hiroshima e Nagasaki nella stessa misura e nella stessa dimensione umana ed emozionale in cui si affronta il tema dell'olocausto. La risposta è no.

Now I become Death, the destroyer of worlds.

Nell'olocausto sono state uccise tra i dieci e i quattordici milioni di persone, di cui la metà ebrei, e nei due bombardamenti atomici 200.000. Non così tanti se si pensa che nel bombardamento di Tokio del marzo 1945 ne sono morte 100.000, i militari USA morti nel Pacifico sono 400.000 e il bombardamento di Dresda ne ha causati 130.000.

Maharet
25-11-2009, 17.21.13
nei due bombardamenti atomici 200.000.

Ricordati che stai parlando di vittime dirette solamente.

BenderSnake
25-11-2009, 17.25.24
Ricordati che stai parlando di vittime dirette solamente.

non trovo le cifre di quelli indiretti, ma non credo che in totale superino i 400.000.

BESTIA_kPk
25-11-2009, 17.47.53
posso capire per l'11 settembre, ma non ditemi che l'olocausto ha avuto troppa attenzione rispetto alle bombe atomiche, sia perché non se ne è parlato così poco dei bombardamenti atomici come sembra vogliate far apparire sia perché non capisco perché questi ultimi debbano essere una tragedia uguale o maggiore all'olocausto. Magari perché erano solo ebrei ed è più importante accusare l'America di qualcosa?

Ho detto che "mi hanno sfrantecato i maroni".

Non trovo corretto fare paragoni tra numeri o modalità di ORRORE.
Credo sia ingiusto e disumano, oltre che soggettivo.
Soggettivo l'orrore eh, non i numeri.

Quantità? qualità? argh, come stona.
Se utilizzato come puro indice di morti ok, ma il tuo elenco di numeri spero non sia buttato giù per determinare l'importanza di una strage tra le stragi e quindi per scegliere a chi dare "più visibilità".

L'ultima frase faccio finta di non coglierla -_-'

BenderSnake
25-11-2009, 18.11.11
Se utilizzato come puro indice di morti ok, ma il tuo elenco di numeri spero non sia buttato giù per determinare l'importanza di una strage tra le stragi e quindi per scegliere a chi dare "più visibilità".

Infatti non mi sembra giusto che certe stragi abbiano "più visibilità" solo perché "sono un attacco all'America" o "perché è stata una nuova arma".
Ci parlano fin da piccoli di Hiroshima e Nagasaki e ho scoperto adesso del massacro di Nanchino. Se si parla di una si dovrebbe parlare di tutte.

Elrond.
25-11-2009, 18.50.33
Nell'olocausto sono state uccise tra i dieci e i quattordici milioni di persone, di cui la metà ebrei, e nei due bombardamenti atomici 200.000. Non così tanti se si pensa che nel bombardamento di Tokio del marzo 1945 ne sono morte 100.000, i militari USA morti nel Pacifico sono 400.000 e il bombardamento di Dresda ne ha causati 130.000.
Dimenticavo che la coscienza umana si attiva a seconda delle dimensioni :asd:
Per qualsiasi capo di Stato o ministro degli esteri d'Occidente, ogni occasione è buona per esprimente cordoglio nei confronti degli ebrei (per non parlare delle scuse che la Germania ha più volte ribadito nei confronto del popolo d'Israele, scuse che peraltro qualche filosofo si è rifiutato di accettare). Mentre in occasione dei campionati del mondo di calcio, a Hiroshima e Nagasaki, dove anche l'erba sparì completamente, nessuno ha messo la palla al centro per ricordare (cit.).
E non dimentichiamo il cancan mediatico e istituzionale del giorno della memoria. Con manifestazioni in tutto il mondo che spesso coinvolgono anche le scuole.

Non mi pare che il mondo riservi lo stesso trattamento a ciascuna tragedia.

E poi, non mi pare che la regola delle dimensioni conti quando si tratta della visibilità da riservare all'11 settembre. Perchè allora la invochi come criterio logico per giustificare la minore visibilità riservata a Hiroshima e Nagasaki? Che logica è?

BenderSnake
25-11-2009, 19.43.41
Dimenticavo che la coscienza umana si attiva a seconda delle dimensioni :asd:
Per qualsiasi capo di Stato o ministro degli esteri d'Occidente, ogni occasione è buona per esprimente cordoglio nei confronti degli ebrei (per non parlare delle scuse che la Germania ha più volte ribadito nei confronto del popolo d'Israele, scuse che peraltro qualche filosofo si è rifiutato di accettare). Mentre in occasione dei campionati del mondo di calcio, a Hiroshima e Nagasaki, dove anche l'erba sparì completamente, nessuno ha messo la palla al centro per ricordare (cit.).
E non dimentichiamo il cancan mediatico e istituzionale del giorno della memoria. Con manifestazioni in tutto il mondo che spesso coinvolgono anche le scuole.

Non mi pare che il mondo riservi lo stesso trattamento a ciascuna tragedia.

E poi, non mi pare che la regola delle dimensioni conti quando si tratta della visibilità da riservare all'11 settembre. Perchè allora la invochi come criterio logico per giustificare la minore visibilità riservata a Hiroshima e Nagasaki? Che logica è?

comincio dalla fine: e chi ha invocato l'11 settembre? Ho anche scritto che vi posso capire sull'11 settembre.
Non sto dicendo che i bombardamenti atomici sono solo statistica, ma che hanno avuto un peso minore rispetto all'olocausto. Sempre di tragedie si parla, ma credo che un genocidio di milioni di persone sia più atroce di un bombardamento. E IMHO se si ricorda Hiroshima e Nagasaki bisogna ricordare anche Dresda, Nanchino, i campi di concentramento giapponesi, i soldati mandati al macello di tutte e due le fazioni. Ricordare Hiroshima in tutte le occasioni dopo più di 60 anni e non parlare nei libri delle medie di niente di quello che ho citato non è giusto.
Poi l'olocausto è usato anche come scusa per dire "non si ripeta più" su nessuna popolazione, anche se poi quando viene fatto quasi neanche lo sappiamo.

Elrond.
25-11-2009, 21.41.46
Per quanto mi riguarda, credo siano soprattutto le idee dietro una tragedia a giustificarne un profilo speciale nella memoria collettiva.
Nel caso dell'olocausto, quello che sconvolge è la pianificazione dello sterminio di un intero popolo; nel caso dell'11 settembre, l'idea che tutti siamo minacciati nel godimento della nostra vita privata, così, all'improvviso e senza alcuna ragione, 'semplicemente' perchè viviamo in un paese occidentale; nel caso di Hiroshima e Nagasaki, è la totalità e la semplicità della distruzione a renderle differenti dagli altri bombardamenti (per non parlare degli effetti delle radiazioni nel tempo).
Si potrebbe allargare e includere molte altre 'tragedie', attribuendo a ciascuna un significato speciale.
Forse i tre episodi suddetti rappresentato l'esemplificazione di tre categorie fondamentali della violenza dell'uomo sull'uomo nel corso del XX secolo - genocidio, terrorismo e atomica - sotto la cui egida si potrebbero raggruppare altri esempi.

Il problema è: a mio avviso, il potere politico (e non mi riferisco solo alle istituzioni ufficiali, ma a qualsiasi gruppo, entità o soggetto che, nei fatti, abbia un potere politico) strumentalizza tali tragedie ed eventualmente stabilisce anche delle gerarchie. Non dipende semplicemente dal numero dei morti, oppure il terrorismo in sé non avrebbe ragione d'essere incluso; dipende semplicemente da fini politici.

Non voglio fare il rompiscatole che parla dei crimini del comunismo quando si sta parlando di quelli del nazismo, per par condicio. Ma se mi si chiede cosa penso di operazioni come quella di cui è oggetto questo topic, ebbene, ecco cosa penso.

BESTIA_kPk
25-11-2009, 22.14.08
Infatti non mi sembra giusto che certe stragi abbiano "più visibilità" solo perché "sono un attacco all'America" o "perché è stata una nuova arma".
Ci parlano fin da piccoli di Hiroshima e Nagasaki e ho scoperto adesso del massacro di Nanchino. Se si parla di una si dovrebbe parlare di tutte.

Hummm mi sovviene un'altro ragionamento.

Dici "ci parlano fin da piccoli di hiroshima e nagasaki".
Io non ne ho saputo quasi nulla fino a bo, quando mi sono interessato e ho approfondito l'argomento.
Dell'olocausto mi hanno sfrantecato i maroni ogni anno più e più volte invece.

Curiosamente in un'epoca dove l'informazione è quasi istantanea e spesso ridondante, io ho sentito MOLTE, MOLTE più volte dell'olocausto di qualsiasi altra tragedia.
Caso mio? può darsi.

Elrond, curiosamente sono daccordo con quanto dici sull'idea che stà dietro un massacro, ma al tempo stesso per l'atomica credo che si possa sia dire che è "atomica" sia "genocidio" sia "terrorismo", considerando come e perchè è stata usata [2 volte e dove e come].
Ah, godzilla...

Asterix_75
25-11-2009, 22.40.48
non ho avuto modo di verificare direttamente sul sito di wikileaks questa affermazione ma:




Mentre i media in tutto il mondo frugano nelle registrazioni pubblicate da Wikileaks alla ricerca di storie che colpiscano i propri lettori, a quasi tutti sfugge la ragione per cui oltre 500.000 messaggi di testo dei pager accesi a NY quell’11 settembre 2001 siano oggi disponibili:

“While we are obligated by to protect our sources, it is clear that the information comes from an organization which has been intercepting and archiving national US telecommunications since prior to 9/11.”



fonte: Fratelli che esistono davvero - manteblog (http://www.mantellini.it/?p=7358)

chi ha fornito i testi delle comunicazioni?

Elrond.
25-11-2009, 22.52.15
Elrond, curiosamente sono daccordo con quanto dici sull'idea che stà dietro un massacro, ma al tempo stesso per l'atomica credo che si possa sia dire che è "atomica" sia "genocidio" sia "terrorismo", considerando come e perchè è stata usata [2 volte e dove e come].
Molto vero, non a caso - personalmente - trovo l'immagine del fungo esemplificativa del XX secolo assai più che le foto dei campi di sterminio (ma questo è solo il mio immaginario personale, non significa che io consideri lo sgancio della bomba atomica più grave dei campi di sterminio :|).

Sputo
25-11-2009, 22.58.29
Io la trovo un'idea simpatica quella di pubblicarle, si leggono cose interessanti e ci fanno rendere conto meglio di cosa significhino certe cose, che non difficilmente possiamo immaginare, presi dal consumismo e dalle nostre distrazioni.

aplo
26-11-2009, 00.01.56
Io lo devo ammettere , il primo pensiero che ho avuto l'11 Settembre non è stato per le vittime è stato qualcosa di molto piu menefreghista ed egoista, mi sono chiesto: e adesso ? Adesso come risponderà l 'America ? Avranno i nervi saldi ? e poi... ma chi cazzo sarà stato ? Ci vogliono i coglioni per attaccare la piu grande potenza armata del mondo.
Devo dire che delle vittime dirette dell'attentato me ne sono preoccupato di piu nei giorni seguenti, inoltre ho pensato subito male, erano mesi che la Borsa andava di merda e Miliardi su Miliardi di Dollari finivano in fumo, tanto che ad alcuni miei amici ripetevo, si stanno bruciando troppi soldi e in troppo poco tempo se il Tread non cambia succederà qualcosa di brutto , molto brutto.
E puffette, il fattaccio è arrivato servito a tempo di record, inoltre non bisogna mai dimenticare le tecniche usate dagli USA " e non solo da loro" per tuffarsi nei vari conflitti.
Ricordiamoci che a Pearl Habor non ci hanno pensato 2 volte a lasciare mezza flotta a fare da specchio per le allodole , pur di entrare nel secondo conflitto mondiale.

Cya

funker
26-11-2009, 01.57.08
Io la trovo un'idea simpatica quella di pubblicarle, si leggono cose interessanti e ci fanno rendere conto meglio di cosa significhino certe cose, che non difficilmente possiamo immaginare, presi dal consumismo e dalle nostre distrazioni.

bè non credo ci voglia l'arte per arrivarci. Cioè, se davvero vi serve leggere il messaggino d'amore spedito poco prima di morire per capire certe cose e comprendere la gravità di certi avvenimenti, è proprio vero ke dovete fare un reset delle vostre priorità e cominciare a valutare le cose da un punto di vista esterno. Io ho smesso di meravigliarmi di questo genere di cose più o meno alle scuole medie.


PS: sono marcolabestia dall'account di Funkyeah.

Wiz
26-11-2009, 07.43.48
Idea simpatica.
Che strano concetto del simpatico.
Personalmente, come per Funi, io dell'11 settembre ricordo che stavo lavorando, che il mio capo mi dice che è successo qualcosa a New York, ma all'inizio le notizie sono confuse, poco chiare.
Torno a casa la sera e ai tg vedo le immagini delle torri colpite e di queste persone, disperate, che piuttosto che morire per il fuoco e il fumo si buttano giù.
A me è bastato questo.
Ed è vero che ci sono alcune stragi più 'pubblicizzate' di altre. Ma questo non deve togliere nulla all'orrore. Non ci si deve sentire assuefatti.
Sta a noi informarci. I mezzi oggi, fortunatamente, ci sono.

destino
26-11-2009, 08.42.28
Continuo a credere che questo rilascio di informazioni sia la versione del grande fratello relativa all'11 settembre.
Che senso ha pubblicare tale notizie? Tipo che uno stava per incontrarsi con una tizia per fare un provino da fotomodella? O il messaggino d'amore della fidanzata al proprio ragazzo che le dice che sta succedendo un casino a new york? O anche una richiesta di acquisto di una pizza via telefono?

Tutta spazzatura sul fronte giornalistico, un pessimo servizio che interessa solo chi gode nello spiare la vita altrui in qualsiasi momento della storia e della giornata.

sara_bleeckerst
26-11-2009, 09.04.14
ma è normale che tutte queste cose siano state registrate? :look:

che roba è, echelon? :asd:

d'ora in poi tornerò a scrivere lettere.

Berek
26-11-2009, 09.15.58
ma è normale che tutte queste cose siano state registrate? :look:

E' la stessa cosa che ho pensato io, ma più che chi ha registrato tutto ciò chi ha autorizzato la pubblicazione? :mumble:

funker
26-11-2009, 09.45.47
d'ora in poi tornerò a scrivere lettere.
http://www.scene-stealers.com/wp-content/uploads/2008/03/the-postman1.jpg

Meglio di no, dai. :asd:

destino
26-11-2009, 10.07.09
ma è normale che tutte queste cose siano state registrate? :look:

che roba è, echelon? :asd:

d'ora in poi tornerò a scrivere lettere.

ma infatti anche questo è simpaticissimo (cit) :asd:

Qua conservano log pure delle peggio stronzate, non voglio neanche pensarci cosa ci fanno a livello di marketing

The El-Dox
26-11-2009, 10.55.09
ma è normale che tutte queste cose siano state registrate? :look:


no, dietro c'è molto di più di quanto noi pensiamo, immaginiamo. Aerei militari che in una manciata di minuti sono in volo e pronti a intercettare, per dirne una. Un potere dietro alle quinte inquietante. Nessuno fece nulla, lasciarono che tutto accadesse.

sara_bleeckerst
26-11-2009, 11.10.04
http://www.scene-stealers.com/wp-content/uploads/2008/03/the-postman1.jpg

Meglio di no, dai. :asd:

vabbeh allora mando piccioni ecco :(

beh, se non altro non sono l'unica stranita da sta cosa.
posso capire che si intercettino le chiamate di bush o putin o berlusconi o zapatero, ma le chiamate delle persone normali...io mi incazzerei come una iena se un mio messaggio lasciato a mio marito poco prima della sua morte (o addirittura il giorno prima) venisse reso pubblico.

diosanto, saranno pure cazzi miei no? :|