PDA

Visualizza versione completa : tradimento (in matrimonio o in fidanzamento)



gaz_berserk.
04-10-2009, 13.26.59
Mi sono sempre chiesto cosa ne pensa la gente, e ogni tanto faccio due chiacchere con amici o colleghi a lavoro.
L'altro giorno parlavo con un mio collega, di alcune cose, e la discussione è caduta sul tradimento;
allorché lui mi fa: io penso che se la moglie tradisce il marito è anche colpa sua.
e io gli faccio: mah dipende dai casi, non è una regola.
e lui fa: no è sempre così perché nel matrimonio non sbaglia mai una persona sola si sbaglia insieme.
e io gli faccio: se io faccio la mia vita normale e tratto bene la persona che amo e se lei mi tradisce non mi sentirei in colpa, e poi penso che chi la pensa come te sia un po castrato (chi perdona non avendo colpe).
Comunque dipende dai singoli casi.
In linea di massima addossarsi colpe che non si hanno (se hai la coscenza apposto) non va bene.

cosa ne pensate voi in generale?

MarcoLaBestia
04-10-2009, 13.30.49
ke è fisiologico.

nella bibbia non si parla in alcun modo di incatenamento, ma solo di amore.

gaz_berserk.
04-10-2009, 13.32.51
ke è fisiologico.

nella bibbia non si parla in alcun modo di incatenamento, ma solo di amore.

tu riusciresti a perdonare?

sara_bleeckerst
04-10-2009, 17.51.55
io sì, se si è trattato solo di una scappatella.
ogni tanto capita, dopotutto siamo umani, è facile cedere a certo tipo di debolezze, soprattutto in periodi particolari della propria vita.

certo è un sintomo che qualcosa non va nella coppia, ma dopo x anni nonsi può pretendere che tutto fili liscio come l'olio.

ad ogni modo io parlo di una, due volte nella vita eh, se lui/lei si vede con un altro da 5 anni è un altro conto :asd:

la doppia vita non riesco proprio a concepirla.

una scappatella sì dai

aries
04-10-2009, 19.24.03
sara fai cagare :asd:

se una mia ipotetica partner dovesse ipoteticamente tradirmi non ci sarebbe una soluzione diversa dalla

http://img59.imageshack.us/img59/4568/dimensioneoscura.jpg

MaGiKLauDe
04-10-2009, 19.35.52
Sì è umani. La monogamia è una sovrastruttura culturale imposta artificialmente.

aries
04-10-2009, 19.43.05
Sì è umani

:doubt:

Wiz
04-10-2009, 19.44.16
Aries, sarà anche brutto, ma ne riparliamo quando avrai sulle spalle tot anni di relazione.

aries
04-10-2009, 19.45.19
Ipotesi altamente improbabile :asd:
Comunque no, credo che non lo riuscirei mai a perdonare, l'egocentrismo e l'orgoglio sono brutte bestie.

MaGiKLauDe
04-10-2009, 19.48.57
Oh, ma io parlavo dal lato del traditore, mica del tradito. Ci sta che ci si incazzi e non si perdoni nel caso si venga traditi, anche se si è consapevoli della natura umana, imposizioni culturali e cazzate assortite.

frank10
04-10-2009, 20.34.47
Sì è umani. La monogamia è una sovrastruttura culturale imposta artificialmente.

Magik ritiro la pernacchia che ti avevo rivolto nel topic sui lurker :birra:

sara_bleeckerst
04-10-2009, 21.13.08
sara fai cagare :asd:


no, è la tua immagine che fa cagare :|

poi mi rompi i coglioni se nel fdg posto una locandina con 3 pixel in meno :asd:

MarcoLaBestia
04-10-2009, 21.24.43
cutFare lo screenshot ad un video di youtube, da te non me l'aspettavo. :nono:



tu riusciresti a perdonare?non si tratta di perdonare. L'ira è un sentimento stupido e primordiale.

di solito dopo aver tradito una persona capisci se ci tieni a lei o se non te ne fotte una sega. Deciderei se mandare a fanculo o meno solo in base a ciò. Poi ovviamente per capirlo bisogna fare delle prove. :asd:

gaz_berserk.
04-10-2009, 22.46.18
non si tratta di perdonare. L'ira è un sentimento stupido e primordiale.

di solito dopo aver tradito una persona capisci se ci tieni a lei o se non te ne fotte una sega. Deciderei se mandare a fanculo o meno solo in base a ciò. Poi ovviamente per capirlo bisogna fare delle prove. :asd:

in passato mi è capitato e ho chiuso con quella persona.
ora che sono sposato credo che sarebbe ancora più pesante, perché viviamo assieme.
non potrei mai perdonare se mi tradisse, se mi tradisce con il corpo mi ha tradito anche con la mente...
cazzo vordì scappatella? non la comprendo...

se io posso tenere l'uccello nei pantaloni per quello mi sono sposato, se no non lo facevo.
poi le persone possono cambiare e può succedere di tutto ma ci sono alcune donne o uomini che tradiscono senza motivo anche quando le cose non vanno poi così male.


Ipotesi altamente improbabile :asd:
Comunque no, credo che non lo riuscirei mai a perdonare, l'egocentrismo e l'orgoglio sono brutte bestie.

per una volta ariella ha lo stesso mio pensiero :asd:

gaz_berserk.
04-10-2009, 22.50.14
sara fai cagare :asd:

se una mia ipotetica partner dovesse ipoteticamente tradirmi non ci sarebbe una soluzione diversa dalla

http://img59.imageshack.us/img59/4568/dimensioneoscura.jpg

dimensione oscura!!!

una fine degna di un traditore :asd:


io sì, se si è trattato solo di una scappatella.
ogni tanto capita, dopotutto siamo umani, è facile cedere a certo tipo di debolezze, soprattutto in periodi particolari della propria vita.

certo è un sintomo che qualcosa non va nella coppia, ma dopo x anni nonsi può pretendere che tutto fili liscio come l'olio.

ad ogni modo io parlo di una, due volte nella vita eh, se lui/lei si vede con un altro da 5 anni è un altro conto :asd:

la doppia vita non riesco proprio a concepirla.

una scappatella sì dai

bisogna considerare i sentimenti della persona con la quale stai e se ti viene in mente di tradire di mettersi nei suoi panni cioè tu tradito da lei...
io sarei capace di staccare la testa al malcapitato (letteralmente).
anche per quello non tradirei mai la persona che AMO.
se si ama una persona non la si tradisce, se c'e la scappatella l'amore è finito.

Squizzo
04-10-2009, 23.23.49
non potrei mai perdonare se mi tradisse, se mi tradisce con il corpo mi ha tradito anche con la mente...

sei davvero così sicuro che di fronte a una simile situazione saresti in grado di dare un taglio netto alla tua relazione? i sentimenti posson essere una cosa talmente complicata che non puoi esser certo di quel che faresti in caso di una simile eventualità...può anche capitare di incorrere in qualche debolezza, poi la cosa si può risolvere o meno, ma se a priori uno mi dice che non perdonerebbe mai, con sicurezza quasi scientifica, probabilmente la persona amata non la ama poi tanto come dice di fare, dato che in tal caso difficilmente si riuscirebbe a dare un taglio netto a un rapporto.

(ovviamente non mi riferisco a tradimenti in cui uno se la spassa all'insaputa dell'altro, ma a situazioni particolari)

gaz_berserk.
04-10-2009, 23.40.11
sei davvero così sicuro che di fronte a una simile situazione saresti in grado di dare un taglio netto alla tua relazione? i sentimenti posson essere una cosa talmente complicata che non puoi esser certo di quel che faresti in caso di una simile eventualità...può anche capitare di incorrere in qualche debolezza, poi la cosa si può risolvere o meno, ma se a priori uno mi dice che non perdonerebbe mai, con sicurezza quasi scientifica, probabilmente la persona amata non la ama poi tanto come dice di fare, dato che in tal caso difficilmente si riuscirebbe a dare un taglio netto a un rapporto.

(ovviamente non mi riferisco a tradimenti in cui uno se la spassa all'insaputa dell'altro, ma a situazioni particolari)

certo che ci soffrirei per tutta la vita ma in quel caso devo farla finita.
certo che amo la persona che mi sta vicina.
ma non potrei sopportare che qualcun'altro si mettesse in mezzo.

MarcoLaBestia
05-10-2009, 01.16.24
in passato mi è capitato e ho chiuso con quella persona.
ora che sono sposato credo che sarebbe ancora più pesante, perché viviamo assieme.
non potrei mai perdonare se mi tradisse, se mi tradisce con il corpo mi ha tradito anche con la mente...ma non è affatto vero. Siamo animali soggetti a pulsioni, ke ci possono istintivamente indurre a sbagliare.

ora, a prescindere se sia giusto o sbagliato cedere alla carne, è una cosa ke può accadere in maniera perfettamente naturale e ke si svolge sul piano istintivo. L'arrapamento è istintivo ma soprattutto primordiale, è il motivo per cui esisti, quindi non esiste super-io in grado di arginarlo. Solo l'amore può riuscirci, e non è detto.


ah si parla ovviamente del partner, è ovvio ke all'intruso gli spacco la faccia. :asd:

Kiara
05-10-2009, 01.26.58
dipende. ma dipende da tante tante tante cose. dipende dallo stato della relazione, dipende da chi è coinvolto nella relazione, dipende dalla motivazione che ha spinto uno dei due nel letto di qualche altro, dipende dal contesto, dal momento, dal sentimento che ha portato a ciò. dipende da tante cose e credo sinceramente che sia una questione tanto delicata che solo la coppia può giudicare il proprio patner perché non c'è una scelta che, a priori, renda deboli o più forti.

unica cosa è che, se perdono c'è, è possibile che il rapporto di fiducia venga incrinato credo, ciò non vieta che, alla lunga, possa uscirne rafforzato.

aries
05-10-2009, 02.14.19
no, è la tua immagine che fa cagare :|

poi mi rompi i coglioni se nel fdg posto una locandina con 3 pixel in meno :asd:


Fare lo screenshot ad un video di youtube, da te non me l'aspettavo. :nono:


Teste di cazzo, per farvi quell'esatta immagine ho cercato "dimensione oscura", "dimensione oscura gemini", "dimensione oscura saga", "dimensione oscura cavalieri dello zodiaco", "dimensione oscura saint seiya", "another dimension", "altra dimensione" e mille altre combinazioni su google images e non ho trovato una ceppa. Ho dovuto ripescare un DVD che ho con tutta l'intera saga – tipo 115 episodi, in 4 giga, fate voi come cazzo sono compressi –, cercare l'episodio esatto, fare lo screen, convertirlo in jpeg, upparlo su imageshack e mi venite pure a rompere i coglioni sulla qualità dell'immagine?! °o°

Fottetevi duro.


il rapporto di fiducia alla lunga possa uscirne rafforzato.

...
rafforzato.
rispetto all'esser stati sempre fedeli.


ovvio.

sara_bleeckerst
05-10-2009, 07.57.05
ariè, semplicemente non postavi l'immagine e ci facevi più bella figura :asd:

ad ogni modo per tornare a bomba, rispondo in generale a tutti i "puristi".
se le cose fossero così semplici della serie:
mi tradisci ---> sei stronzo/a ---> non mi fido più di te ---> ti lascio
l'italia sarebbe un paese in cui su 10 matrimoni, 9 finirebbero col divorzio.

già ora la percentuale è elevatissima.

fate tutti i categorici, ma provate a infilarvici in una relazione seria, che abbia l'odore di una cosa a lungo termine e dopo anni che state al fianco di una persona vi accorgerete che troncare tutto per una scappatella di un giorno non sarà per nulla facile.

il rapporto evolve per forza di cose tra due persone, l'amore "finisce", nel senso che diventa un sentimento più maturo e gestibile, ma di sicuro non una cosa da "ok, hai fatto ciò, quella è la porta, farewell".

il perdono è un'opzione che deve essere sempre presa in considerazione, soprattutto se la persona responsabile ve lo chiede e si sente una merdella.

vorrei vedere voi tutti cuori duri a dire "nooo, mi hai tradiiito, fuori da questa caaasa!!!"

poi certo, che il rapporto si incrini non c'è ombra di dubbio, ma tutto ciò che non si rompe in mille pezzi si può riparare.

TrustNoOne
05-10-2009, 09.12.30
I peggiori sono quelli che dicono che non gli interesserebbe mai avere altri partner.

Sono un po' l'equivalente di quelli che si professano cattolici. Escludo gaz per ovvi motivi di origini/cultura diversi dalle nostre, non voglio scatenare una guerra razzista qua dentro, se no arrivano quell'ultra romanista fascista e qualche leghista a dire cose orripilanti :asd:

Oppure quelli che hanno la lacrimuccia all'occhio quando vedono morti nel paese/stato X per la calamità Y.

un bell'asd a tutti voi che avete costruito la vostra sensibilità sui libri harmony :asd:

M_Armani
05-10-2009, 11.03.27
finchè mi sentivo immortale ho ovviamente digerito la possibilità. Ma mi son sempre parato il culo dal poterlo fare e dal poterlo subire. Poi ho sentito la mancanza di storie più leggere in una sorta di maturità da accettazione della condizione umana e del "tempo che passa ma io me ne sbatto e vivo a pieno". Poi l'ansia da realizzazione intima e sensibile della precendente acquisizione che prima era solo intellettuale ha generato una deviazione assolutista dell'amore. Disperato ansiogeno non voglio crepare style. Infine sto, in piena crisi esistenziale con la tesi che non mi convince e le notti che non passano, arrivando a un amore maturo, fatto di preoccupazioni e di totale sincerità che chiederà qualche anno per essere formulato capito e mutuato nelle paure, sincerità e insincerità dell'altro.
Ma la sincerità totale fa un male cane e non posso escludere che il mio mito della sinistroide emancipata madre sorella amica non possa farmi cadere.

MaGiKLauDe
05-10-2009, 11.21.09
se si ama una persona non la si tradisce, se c'e la scappatella l'amore è finito.

Ecco Gaz, il punto è qui: l'amore finisce.

sara_bleeckerst
05-10-2009, 11.26.05
se si ama una persona non la si tradisce, se c'e la scappatella l'amore è finito.

scusa, non avevo letto la tua risposta :red:

comunque non sono d'accordo con te.
come dice magik quassù "l'amore finisce", diciamo pure così perché fa più effetto, ma puntualizzerei che l'amore, più che finire, si trasforma in una specie di sentimento amorfo che ti lega comunque e per sempre all'altra persona, possiamo definirlo una specie di incrocio tra stima, affetto, profonda conoscenza dell'altro.

quello che purtroppo finisce, dopo tanti anni, è la passione, che poi, fondamentalmente, è quello che ti spinge a cercare nuove cose.

null'altro che un paio di testicoli pieni, dunque :asd:

Gatto_Nero
05-10-2009, 11.31.26
dipende. ma dipende da tante tante tante cose. dipende dallo stato della relazione, dipende da chi è coinvolto nella relazione, dipende dalla motivazione che ha spinto uno dei due nel letto di qualche altro, dipende dal contesto, dal momento, dal sentimento che ha portato a ciò. dipende da tante cose e credo sinceramente che sia una questione tanto delicata che solo la coppia può giudicare il proprio patner perché non c'è una scelta che, a priori, renda deboli o più forti.

unica cosa è che, se perdono c'è, è possibile che il rapporto di fiducia venga incrinato credo, ciò non vieta che, alla lunga, possa uscirne rafforzato.

Quoto ogni singola parola, punto e virgola di quanto scritto da Kiara.
Una relazione è costituita da centinaia di particolari, piccoli e grandi, che si incastrano perfettamente fra di loro. Togli uno di questi particolari e corri già il rischio che crolli tutto, a seconda della situazione può essere una cosa giustificabile o meno dove spesso la colpa è di entrambi i partners... però non sempre, non esiste uno schema fisso per questo genere di cose.

MaGiKLauDe
05-10-2009, 11.32.55
scusa, non avevo letto la tua risposta :red:

comunque non sono d'accordo con te.
come dice magik quassù "l'amore finisce", diciamo pure così perché fa più effetto, ma puntualizzerei che l'amore, più che finire, si trasforma in una specie di sentimento amorfo che ti lega comunque e per sempre all'altra persona, possiamo definirlo una specie di incrocio tra stima, affetto, profonda conoscenza dell'altro.

quello che purtroppo finisce, dopo tanti anni, è la passione, che poi, fondamentalmente, è quello che ti spinge a cercare nuove cose.

null'altro che un paio di testicoli pieni, dunque :asd:

Grazie, sono appena sveglio e il post articolato me l'ero giocato nell'altro thread. :asd:

gaz_berserk.
05-10-2009, 19.32.55
dipende. ma dipende da tante tante tante cose. dipende dallo stato della relazione, dipende da chi è coinvolto nella relazione, dipende dalla motivazione che ha spinto uno dei due nel letto di qualche altro, dipende dal contesto, dal momento, dal sentimento che ha portato a ciò. dipende da tante cose e credo sinceramente che sia una questione tanto delicata che solo la coppia può giudicare il proprio patner perché non c'è una scelta che, a priori, renda deboli o più forti.

unica cosa è che, se perdono c'è, è possibile che il rapporto di fiducia venga incrinato credo, ciò non vieta che, alla lunga, possa uscirne rafforzato.

si dipende da tante cose


ma non è affatto vero. Siamo animali soggetti a pulsioni, ke ci possono istintivamente indurre a sbagliare.

ora, a prescindere se sia giusto o sbagliato cedere alla carne, è una cosa ke può accadere in maniera perfettamente naturale e ke si svolge sul piano istintivo. L'arrapamento è istintivo ma soprattutto primordiale, è il motivo per cui esisti, quindi non esiste super-io in grado di arginarlo. Solo l'amore può riuscirci, e non è detto.


ah si parla ovviamente del partner, è ovvio ke all'intruso gli spacco la faccia. :asd:

ho capito che abbiamo le pulsioni ma io quando amo una donna non fremo dalla voglia di ficcare la minchia in ogni buco che vedo cazzo :asd:
penso a lei punto.
se vedo una bella donna certo posso pensare carina...
ma mi sento appagato e non vado in giro la sera in discoteca ad avvicinare belle fighe per chiedere di approcciare...

l'amore fa miracoli cose che non pensavo.

poi può succedere di tutto ci sono amori grandi che finiscono in catastrofe...
e forse dopo tanti anni mi sembrerà stupido ciò che dico
ma ora come ora voglio invecchiare con la mia partner...

lady_winc
05-10-2009, 21.19.21
situazione:

lui e lei insieme da tanti anni, una decina almeno.
sin dall'inizio lei non mostra di disprezzare i complimenti del migliore amico di lui, per anni lo stuzzica senza pietà, ci gioca, gliela fa annusare, si incontrano di nascosto, e mette i bastoni tra le ruote se lui (il migliore amico) cerca di avere altre storie.
messa alle strette dal suo fidanzato, un paio di anni fa lui e lei vanno a convivere.
lei perde la testa per un suo collega, 10 anni più giovane. lui la usa e glielo dice, a lei va bene così. trombano nell'archivio dell'ufficio.
lei per qualche misterioso motivo a un certo punto vuole avere un bambino, cerca di averlo con il suo fidanzato, ma lui dice che prima vuole sposarsi.
messa alle strette, lei accetta e si sposeranno a primavera dell'anno prossimo.

lei potrebbe chiedermi di farle da testimone, io ovviamente le dirò di no perché non posso testimoniare una presa per il culo che va avanti da 12 anni.

scusate la digressione personale, era solo per dire che, a mio parere, esiste una sottile differenza tra l'avere un momento di debolezza e prendersi ripetutamente gioco di una persona che, seppur un po' grulla a non accorgersi mai di niente, ti vuole bene.

detto questo, non so se perdonerei un tradimento. ma sicuramente sarebbe una grandissima occasione di riflessione, anche sulle mie mancanze all'interno di un rapporto

aries
05-10-2009, 21.36.40
M'incuriosisce il percorso che può portare una persona a diventare una simile merda.

Sauron.
05-10-2009, 21.59.46
Sì è umani. La monogamia è una sovrastruttura culturale imposta artificialmente.
concordo.Finalmente un commento intelligente,Magik :P

raidensparda
05-10-2009, 22.15.22
ke è fisiologico.

nella bibbia non si parla in alcun modo di incatenamento, ma solo di amore.

è così che i finok... scusa omosessuali pretendono di essere cattolici, una scorretta interpretazione dei sacri scritti, nn bisogna prendere solo quello che si vuole, ma tutto, il tradimento è un peccato e lo è sempre stato, come pure la sodomia ad esempio... cmq se tradissero me, io direi bay bay e asfalto un paio di volte chi mi ha fregato la tipa :sisi:

raidensparda
05-10-2009, 22.16.35
concordo.Finalmente un commento intelligente,Magik :P

allora xchè nn ti ingroppi tua madre? nn lo prendere come un insulto, ma se siamo fatti fisicamente per quello, se tu lo facessi con tua madre, nn ci dovrebbe essere nulla di male o sbaglio? ....:tsk:

gaz_berserk.
05-10-2009, 22.23.43
Io credo per esperienza personale che quando si soffre in amore, una delle sofferenza più grandi è quando la persona che ami o che in qualche modo ti è vicina al cuore, ti tradisce. (devastante)
Ti segna, a distanza di anni ricordo il mio stato d'animo, la ferita procuratami;
certo non soffro più, ma ricordo il sapore amaro del tradimento.

Daniel_san
05-10-2009, 22.25.48
no è sempre così perché nel matrimonio non sbaglia mai una persona sola si sbaglia insieme.

Non mi sembra affatto banale come risposta.
Se nel matrimonio c'è un progetto di vita insieme qualora insorga nell'altro la volonta di tradire il coniuge potrebbe esserci alla base un problema di comprensione reciproca.
Per quanto "l'occasione fa l'uomo ladro" ci deve essere un fondo di rispetto capace di raffreddare gli instinti sessuali, se manca vuol dire che forse qualcosa non va bene.
Però io sono una persona troppo controllata per cedere agli instinti per cui non capisco cosa voglia dire abbondanarsi, è una esperienza che non ho mai sperimentato.

raidensparda
05-10-2009, 22.29.00
Io credo per esperienza personale che quando si soffre in amore, una delle sofferenza più grandi è quando la persona che ami o che in qualche modo ti è vicina al cuore, ti tradisce. (devastante)
Ti segna, a distanza di anni ricordo il mio stato d'animo, la ferita procuratami;
certo non soffro più, ma ricordo il sapore amaro del tradimento.
infatti, quelli che dicono l' opposto è xchè sono adulteri che cercano delle vie di fuga inutili e insensate per nn ammettere la propria colpa

Non mi sembra affatto banale come risposta.
Se nel matrimonio c'è un progetto di vita insieme qualora insorga nell'altro la volonta di tradire il coniuge potrebbe esserci alla base un problema di comprensione reciproca.
Per quanto "l'occasione fa l'uomo ladro" ci deve essere un fondo di rispetto capace di raffreddare gli instinti sessuali, se manca vuol dire che forse qualcosa non va bene.
Però io sono una persona troppo controllata per cedere agli instinti per cui non capisco cosa voglia dire abbondanarsi, è una esperienza che non ho mai sperimentato.
se hai una moglie zoccola, zoccola rimane anche se tu fai tutto per lei, e se hai un marito che ci prova con tutte, la cosa è la stessa

gaz_berserk.
05-10-2009, 22.35.29
Non mi sembra affatto banale come risposta.
Se nel matrimonio c'è un progetto di vita insieme qualora insorga nell'altro la volonta di tradire il coniuge potrebbe esserci alla base un problema di comprensione reciproca.
Per quanto "l'occasione fa l'uomo ladro" ci deve essere un fondo di rispetto capace di raffreddare gli instinti sessuali, se manca vuol dire che forse qualcosa non va bene.
Però io sono una persona troppo controllata per cedere agli instinti per cui non capisco cosa voglia dire abbondanarsi, è una esperienza che non ho mai sperimentato.

si al limite dipende dai casi...
ma io parlavo di come mi sento io rispetto alla mia partner, se lei mi tradisce, e ci fosse un problema del quale sono colpevole, prima di tradire non è meglio parlarne?
se un partner trascura la sua partner lei lo deve tradire per ripicca?
non so non è il mio caso...
finché le cose non sono serie ci sta tutto
ma quando fai il grande passo lo fai perché è la persona che hai scelto per sempre (si spera).
adesso non voglio demonizzare chi tradisce ma mi risulta difficile comprendere il motivo di tanta crudeltà, (poi che sia una debolezza o una mancanza di autocontrollo non cambia) c'e gente che tradisce per il gusto di farlo (ho appreso storie di amici allucinanti in merito)


infatti, quelli che dicono l' opposto è xchè sono adulteri che cercano delle vie di fuga inutili e insensate per nn ammettere la propria colpa


non dico che sono adulteri semplicemente la vedono da un altro punto di vista, sono più aperti a certe cose...

raidensparda
05-10-2009, 22.43.57
non dico che sono adulteri semplicemente la vedono da un altro punto di vista, sono più aperti a certe cose...

cornificare la proprio donna, io nn lo considero essere aperti a certe cose, ma essere animali, infatti ciò che ci differenzia dagli animali, è proprio la ragione, ed essere in grado di comprendere quando si oltrepassano certi limiti, se ci si da ai puri istinti sessuali, ci abbassiamo al livello animale. abbiamo una cosa bellissima (la nostra ragazza-moglie) che ci sta accanto e nn ce ne rendiamo conto, andando a cercare altro altrove, per una notte di sesso, io questo lo vedo come un nn riuscire a guardare nemmeno oltre al proprio naso

sara_bleeckerst
05-10-2009, 23.04.01
raiden ma..
ma niente va, lascio perdere.

inventate uno smile cui cadono le palle plz.

vabbeh ma da uno che scrive bay bay che pretendo :asd:

MarcoLaBestia
05-10-2009, 23.09.28
Ho dovuto ripescare un DVD che ho con tutta l'intera saga – tipo 115 episodi, in 4 giga, fate voi come cazzo sono compressi –, cercare l'episodio esatto, fare lo screen, convertirlo in jpeg, upparlo su imageshack e mi venite pure a rompere i coglioni sulla qualità dell'immagine?! °o°

Fottetevi duro.Contrappasso. :asd:



...
rafforzato.
rispetto all'esser stati sempre fedeli.

ovvio.è proprio quando ti allontani da una cosa ke capisci se ti manca o no, e se ti manca stai sicuro ke ci ritorni di corsa rotolandoti sui ceci e baciando il pavimento.

non hai mai distrutto la punta di un formicaio? Viene ricostruita in maniera ancora più bella.



ho capito che abbiamo le pulsioni ma io quando amo una donna non fremo dalla voglia di ficcare la minchia in ogni buco che vedo cazzo :asd:
penso a lei punto.ma infatti il tradimento arriva quando l'attrazione arriva al minimo/sparisce, è la concretizzazione della crisi nel rapporto, e da qualsiasi crisi (ke io considero un momento di crescita "condensata") si esce solo in due modi: mollando tutto o rafforzati.



allora xchè nn ti ingroppi tua madre? nn lo prendere come un insulto, ma se siamo fatti fisicamente per quello, se tu lo facessi con tua madre, nn ci dovrebbe essere nulla di male o sbaglio? ....:tsk:sbagli. Se ci accoppiassimo coi parenti nascerebbero figli storpi, per questo it doesn't work.

gaz_berserk.
05-10-2009, 23.18.17
cornificare la proprio donna, io nn lo considero essere aperti a certe cose, ma essere animali, infatti ciò che ci differenzia dagli animali, è proprio la ragione, ed essere in grado di comprendere quando si oltrepassano certi limiti, se ci si da ai puri istinti sessuali, ci abbassiamo al livello animale. abbiamo una cosa bellissima (la nostra ragazza-moglie) che ci sta accanto e nn ce ne rendiamo conto, andando a cercare altro altrove, per una notte di sesso, io questo lo vedo come un nn riuscire a guardare nemmeno oltre al proprio naso

Ma finché lo fanno gli altri lo vedo come una cosa distante, ma se una persona cercasse di insidiare mia moglie ed il mio matrimonio, beh in quel caso credo che perderei il controllo, e come minimo gli sfondo le gengive a furia di ginocchiate e gomitate in perfetto stile Muay Thai :asd:

Non riuscirei a colpire una donna mai, ma il rapporto finirebbe all'istante.
Un bello sputo in faccia però non glielo toglie nessuno.

Squizzo
05-10-2009, 23.32.29
inventate uno smile cui cadono le palle plz.

http://www.webalice.it/squizzolo/cadono.gif
:sisi:

Daniel_san
05-10-2009, 23.41.36
se hai una moglie zoccola, zoccola rimane anche se tu fai tutto per lei, e se hai un marito che ci prova con tutte, la cosa è la stessa

In questi casi i problemi sono pre-matrimoniali... :azz:


si al limite dipende dai casi...
ma io parlavo di come mi sento io rispetto alla mia partner, se lei mi tradisce, e ci fosse un problema del quale sono colpevole, prima di tradire non è meglio parlarne?
se un partner trascura la sua partner lei lo deve tradire per ripicca?
non so non è il mio caso...
finché le cose non sono serie ci sta tutto
ma quando fai il grande passo lo fai perché è la persona che hai scelto per sempre (si spera).
adesso non voglio demonizzare chi tradisce ma mi risulta difficile comprendere il motivo di tanta crudeltà, (poi che sia una debolezza o una mancanza di autocontrollo non cambia) c'e gente che tradisce per il gusto di farlo (ho appreso storie di amici allucinanti in merito

La cosa è ovviamente complessa ma se il tradimento è una sorta di valvola di sfogo va da se che c'è un problema irrisolto nella coppia.

M_Armani
05-10-2009, 23.43.20
M'incuriosisce il percorso che può portare una persona a diventare una simile merda.

il terrore del non essere. E' roba forte eh.


E' tipo quel che può sentire un bambino di Nairobi se non gli butta ancora peggio, ma può sentirlo chiunque. E quando piglia male non prendi in giro le persone. Arrivi pure ad ammazzarle per sentirti qualcuno.
Ecco perchè mi vien difficile condannare chi sfoga l'ansia in certe cose anche se ritengo la trasparenza sentimentale estremamente importante. Per me ovviamente.

zappeo
06-10-2009, 01.05.39
sbagli. Se ci accoppiassimo coi parenti nascerebbero figli storpi, per questo it doesn't work.

boia, spero non sia l'unica cosa che ti frena dal trombarti la tua vecchia :asd:

invece chiamate giogothico, che raiden è un bersaglio talmente facile che non mi divertirei neanche ad insultarlo.

TrustNoOne
06-10-2009, 08.54.09
M'incuriosisce il percorso che può portare una persona a diventare una simile merda.

forse si comincia essendo arroganti come te :D

aggiungo: nel matrimonio si sbaglia insieme ma c'è sempre uno che sbaglia più dell'altro

frank10
06-10-2009, 10.00.14
allora xchè nn ti ingroppi tua madre? nn lo prendere come un insulto, ma se siamo fatti fisicamente per quello, se tu lo facessi con tua madre, nn ci dovrebbe essere nulla di male o sbaglio? ....:tsk:

Ma il fatto di essere stimolati sessualmente prevede l'avere un rapporto di un certo tipo con l'altra persona, il tuo discorso è campato in aria, perchè il rapporto con una madre, sorella o qualsiasi parente, è slegato dalla sfera sessuale, non la prende neanche in considerazione (un rapporto sano almeno).
Avevo già quotato Magik e sono sempre di quel parere, però penso anche che sia difficile in una società improntata sulla monogamia, pensare di poter tradire senza problemi, quindi se non si rifiuta l'idea del tradimento ritengo indispensabile parlarne con il partner e istituire una sorta di "coppia aperta", dove ci si ama ma si lascia spazio agli stimoli sessuali che potrebbero provenire da altre persone esterne alla coppia. In questo modo perlomeno il rapporto di coppia rimane sincero, che poi dall'esterno qualcuno pensi male probabile, proprio perchè l'impronta monogamica della società è forte e sostenuta da un'istituzione come la Chiesa.
E quoto anche Sara ;)

MaGiKLauDe
06-10-2009, 10.41.14
Bon, via, mica si tradisce solo per farsi una scopata. Non sempre è scappatella, non sempre è sfogo fisico. Se ti accorgi di amare un'altra persona,che si fa? Si va avanti perchè è giusto così, ho promesso anni fa "finchè morte non ci separi" e allora rovino la mia vita e la tua per una promessa?

raidensparda
06-10-2009, 18.05.29
Ma il fatto di essere stimolati sessualmente prevede l'avere un rapporto di un certo tipo con l'altra persona, il tuo discorso è campato in aria, perchè il rapporto con una madre, sorella o qualsiasi parente, è slegato dalla sfera sessuale, non la prende neanche in considerazione (un rapporto sano almeno).
Avevo già quotato Magik e sono sempre di quel parere, però penso anche che sia difficile in una società improntata sulla monogamia, pensare di poter tradire senza problemi, quindi se non si rifiuta l'idea del tradimento ritengo indispensabile parlarne con il partner e istituire una sorta di "coppia aperta", dove ci si ama ma si lascia spazio agli stimoli sessuali che potrebbero provenire da altre persone esterne alla coppia. In questo modo perlomeno il rapporto di coppia rimane sincero, che poi dall'esterno qualcuno pensi male probabile, proprio perchè l'impronta monogamica della società è forte e sostenuta da un'istituzione come la Chiesa.
E quoto anche Sara ;)
tu nn lo sai, ma il 70% dei giovani, durante la pubertà, sogna il proprio genitore(di sesso opposto) che lo scopa, e alle volte ha iccoli stimoli, quindi ....
cmq tu se dici questo ovviamente nn sei cristiano?
poi se tu ami veramente una persona, anche se altra gente ti può piacere fisicamente, nn ti passerebbe nemmeno per la mente di stare con altri, perchè ti sentiresti appagato con lei, io ad esempio, sono fidanzato, e amo la mia ragazza, e anche se la persona più bella del mondo ci provasse con me, io la rifiuterei, perchè mi sento già pienamente appagato dalla mia ragazza... il modo migliore per creare un rapporto sano e rigido, è la completa fedeltà e devozione verso la persona che si ama

raidensparda
06-10-2009, 18.10.11
Bon, via, mica si tradisce solo per farsi una scopata. Non sempre è scappatella, non sempre è sfogo fisico. Se ti accorgi di amare un'altra persona,che si fa? Si va avanti perchè è giusto così, ho promesso anni fa "finchè morte non ci separi" e allora rovino la mia vita e la tua per una promessa?

nn è una promessa, ma un giuramento solenne fatto difronte a DIO.... e poi una persona prima di sposarsi, deve conoscersi per anni, non come al giorno d' oggi che dopo 2 anni già si è sposati, poi ci credo che ci si lascia, xchè molto probabilmente nn ci si conosceva abbastanza... ultima cosa, se tu sei fedele ad una persona, imparate anche a condividere, e a superare i problemi che provengono da fuori, si deve imparare a costruire un rapporto, sposarsi nn è solo far vedere a tutti che stiamo insieme, ma scegliere di condividere tutta la propria vita con qualcuno, sapere di stare con la persona giusta, ma se sai già che la cornificherai alla prima ragazza che ti piace, allora scemo tu che ragioni come un bambino e nn capisci l' importanza di quello che fai

Wiz
06-10-2009, 18.19.15
Io sono basita.
Innanzitutto quel 70% che si sogna di scopare il genitore (del sesso opposto o non) vorrei davvero capire da dove l'hai tirato fuori.
Poi boh...mi sembra che tu non abbia letto gli altri interventi. Nessuno ha parlato della prima strafiga che vede per strada. Semplicemente si è detto che, crescendo, spesso si cambia e, purtroppo, non sempre si cambia nella stessa direzione quando si è in coppia.
E' molto difficile (e bello, eh) riuscire a fare un percorso comune e sentirsi sempre appagati/attratti dalla stessa persona. Ma da qui a dire che se uno non riesce vuol dire che non amava davvero, ce ne passa.

Shagrath_Infernus
06-10-2009, 18.42.09
Ipotesi altamente improbabile :asd:
Comunque no, credo che non lo riuscirei mai a perdonare, l'egocentrismo e l'orgoglio sono brutte bestie.

Non l'avrei mai detto ma la penso esattamente come Aries.
Potete dirmi che ho una visione poco matura di ciò che significa portare avanti una relazione per x anni fatto sta che il tradimento è qualcosa che non tollero. Semplicemente perchè secondo me non esiste pura e semplice scappatella che non nasconda problemi più gravi. Ovviamente tutto dipende da circostanze, modi di essere, personalità. E so anche benissimo cosa si prova dopo x anni di relazione ed alla stessa maniera cosa si prova quando si capisce di non provare la stessa attrazione originaria in un rapporto. Quella sensazione di soffocamento e quel desiderio del nuovo non erano un puro e semplice momento di passaggio. Sono stati semplicemente la fine. Può darsi che il proprio partner cambi negli anni, modifichi la propria personalità in maniere che non piacciono per qualsiasi motivo e non è detto che questi cambiamenti permettano la prosecuzione del rapporto.
Per come la vedo io, il tradimento, seppur perdonabile costituisce in un rapporto una frattura insanabile.

Il fatto di essere umani non ci autorizza ad affermare la giustezza delle nostre debolezze.

sara_bleeckerst
06-10-2009, 18.53.12
Il fatto di essere umani non ci autorizza ad affermare la giustezza delle nostre debolezze.

ma nessuno dice che sia giusto cedere alle debolezze, solamente che è umano.

certo, se si riesce ad essere integerrimi e fedeli forever si è degni di gran rispetto e stima, ma una défaillance può capitare a chiunque e prendere in considerazione la possibilità di perdonare un tradimento denota molta più comprensione e umanità della non tolleranza.

poi ovviamente uno deve sempre trovarcisi nella situazione, per poter avere le idee più o meno chiare in proposito, a me non è mai capitato (non che io sappia), ma se dovesse mai capitarmi dubito di riuscire a mangiarmi la foglia e sfanculizzare il tipo, soprattutto dopo che ci hai messo anni a costruire un rapporto.

e shagrath, io non parlo di 5 o 6 anni, io parlo di 10-20 anni.
vedi che non tutto è così facile come sembra, soprattutto riuscire a gestire l'evoluzione dei sentimenti.

frank10
06-10-2009, 18.55.10
Quoto gli ultimi interventi di Magik e Wiz :sisi:

Edit:anche quello di Sara che ho appena letto ;)

Shagrath_Infernus
06-10-2009, 19.01.24
ma nessuno dice che sia giusto cedere alle debolezze, solamente che è umano.

certo, se si riesce ad essere integerrimi e fedeli forever si è degni di gran rispetto e stima, ma una défaillance può capitare a chiunque e prendere in considerazione la possibilità di perdonare un tradimento denota molta più comprensione e umanità della non tolleranza.

poi ovviamente uno deve sempre trovarcisi nella situazione, per poter avere le idee più o meno chiare in proposito, a me non è mai capitato (non che io sappia), ma se dovesse mai capitarmi dubito di riuscire a mangiarmi la foglia e sfanculizzare il tipo, soprattutto dopo che ci hai messo anni a costruire un rapporto.

e shagrath, io non parlo di 5 o 6 anni, io parlo di 10-20 anni.
vedi che non tutto è così facile come sembra, soprattutto riuscire a gestire l'evoluzione dei sentimenti.

Infatti non ho detto che saprei perfettamente come comportarmi se mi accadesse ed ho anche aggiunto che potrebbe essere perdonabile. Credo tuttavia che lo sia nella misura in cui è risolvibile il problema che è a monte della debolezza perchè non credo proprio che un qualsiasi tradimento sia soltanto effetto di una relazione prolungata. Credo tuttavia che quando si perde totalmente interesse nei confronti dell'altra persona al punto di tradirla - perchè a meno che non si sia un pezzo di merda che ha determinati atteggiamenti per abitudine, il rivolgersi altrove non è altro che perdita totale di interesse e soprattutto dal mio punto di vista un'enorme mancanza di rispetto- ci sia ben poco da fare per sanare la frattura.

gaz_berserk.
06-10-2009, 19.18.19
il terrore del non essere. E' roba forte eh.


E' tipo quel che può sentire un bambino di Nairobi se non gli butta ancora peggio, ma può sentirlo chiunque. E quando piglia male non prendi in giro le persone. Arrivi pure ad ammazzarle per sentirti qualcuno.
Ecco perchè mi vien difficile condannare chi sfoga l'ansia in certe cose anche se ritengo la trasparenza sentimentale estremamente importante. Per me ovviamente.

ok non condanno ma non perdono :birra:

--------------------------------------------------------------------
vi faccio una domanda: se uno fa una scappatella non pensate che possa capitare che se lo perdonate ci ricaschi? proprio perché è già capitato...

sara_bleeckerst
06-10-2009, 19.33.56
metti che sei sposato da 20 anni, non siete più giovani, tua moglie è sfiorita e fisicamente sfatta (metti per un paio di gravidanze), i tuoi figli crescono e ti pensano sempre meno, sei in un periodo di merda perché fai un lavoro che non ti ha mai appassionato, ti senti vuoto, annoiato, depresso, senti che la giornata non finisce e aspetti solo il momento di tornare a casa, dove ti aspetta tua moglie, che prepara la cena scazzata perché magari ha fatto la notte e non ha la forza manco di guardarti in faccia.

ti capita di cedere alle grazie della nuova segretaria 30enne, che oltre ad avere dalla sua l'intraprendenza e la simpatia e tutti gli attributi al posto giusto, magari ci prova con te, che ti senti addirittura lusingato.

cedi al piacere della carne per colmare un vuoto di spirito.

è solo un attimo quello che separa la rettitudine dalla perdizione eh, basta un niente.

torni a casa, ti senti una merda, perché dopotutto tua moglie non ha fatto nulla di sbagliato, è solo invecchiata con te e provata dal lavoro, dalla vita, dall'essere madre e moglie e casalinga allo stesso tempo.

ti senti una merda, ma trovi il coraggiodi dirglielo.

a questo punto tua moglie può reagire in due modi: può cercare di capire gli sbagli, le mancanze, i difetti, gli scazzi, le colpe di entrambi e cercare di individuare la goccia che ha fatto traboccare il vaso, ascoltando quello che hai da dirle e le scuse che hai da chiederle in tutte le lingue, con la lacrima appesa, oppure può sentirsi una merdaccia, triste e svilita e mandarti a fare in culo, sperando di non rivederti mai più nella sua vita.

se tua moglie decide di comprenderti almeno c'è la possibilità di capire davvero cos'è che non va nella coppia, come mai non si fa più l'amore da tanto tempo, come mai si sono persi gli entusiasmi e soprattutto si cerca insieme un modo per recuperare e smussare e migliorare entrambi.
dopotutto la speranza di riparare un rapporto durato tanto tempo non può mai morire.

se invece lei decide di sfancularti forever non c'è più possibilità di nulla e si rimarrà soli, magari coerenti con se stessi eh, ma soli e con dei figli che tenderanno a credere sempre meno nel matrimonio e nell'amore duraturo.

in OGNI caso di tradimento ci sono dei motivi più o meno seri, dinamiche relazionali talmente complesse da non poter essere riassunte in poche parole, non si può dire che c'è un punto di non ritorno in cui quello che è rotto è inevitabilmente irreparabile.

ci sono dei momenti, attimi, occasioni perse, scelte sbagliate e decisioni prese, che nella linea di un rapporto rappresentano dei piccoli punti di frattura e di riassestamento.

scusa la prolissità, era solo per cercare di dire che non sempre c'è tradimento perché è finito l'amore, ma semplicemente perché la vita (che comprende altre 100 cose, oltre all'amore) ti può portare ovunque, senza che neanche te ne accorgi.

aries
06-10-2009, 19.40.45
ti senti una merda, ma trovi il coraggiodi dirglielo.

Mentire.
Razionalizzare, accantonare, mentire.

Quella che hai descritto è una delle pochissime occasioni in cui (sbagliando) si potrebbe chiudere un occhio, ma dirlo causerebbe inutili sofferenze. Cerchi di capire il perché, cerchi di parlare con marito/moglie, ma non fai parola dell'atto se sai che non ha importanza di per sé.

Non mi ci sono mai trovato né credo mi ci troverò mai, ma se una con cui sto da una vita e con cui ho figli già cresciutelli dovesse confessarmi un tradimento il dolore sarebbe così enorme da chiederle di levarsi per sempre di torno e andarsene in tibet o in Africa o salcazzo. Razionalmente sarà pure un momento di cedimento ma coi sentimenti la ragione non c'ha molto a che fare.

karuga
06-10-2009, 20.05.15
Ma... per come la vedo io la scappatella può avvenire, ma non ci può stare.
Sparate tutte le cazzate che volete sulla monogamia ma se accettate di vivere con un altra persona accettate di conseguenza la monogamia, la natura umana non c'entra una fava.
Se ho problemi in coppia, di qualsiasi peso e natura non aspetto che mi capiti la trombata extraconiugale per dire "Amore, dobbiamo parlare."
Si parlasse, si affrontassero seriamente i problemi sarebbe una gran cosa. Ma non è così, ecco la verità.
Come del resto non condivido per niente il perdono dovuto solo perchè è tanto tempo che si sta con una persona, ma col cazzo, se passo 5-10-15 anni con una donna dandole sempre amore, fiducia, e la più completa onestà mi aspetto altrettanto. Certo, si valuta caso per caso chiaramente, non è che mando a fanculo a prescindere, come per l'esempio di sara [al contrario].

gaz_berserk.
06-10-2009, 20.24.43
Ma... per come la vedo io la scappatella può avvenire, ma non ci può stare.
Sparate tutte le cazzate che volete sulla monogamia ma se accettate di vivere con un altra persona accettate di conseguenza la monogamia, la natura umana non c'entra una fava.
Se ho problemi in coppia, di qualsiasi peso e natura non aspetto che mi capiti la trombata extraconiugale per dire "Amore, dobbiamo parlare."
Si parlasse, si affrontassero seriamente i problemi sarebbe una gran cosa. Ma non è così, ecco la verità.
Come del resto non condivido per niente il perdono dovuto solo perchè è tanto tempo che si sta con una persona, ma col cazzo, se passo 5-10-15 anni con una donna dandole sempre amore, fiducia, e la più completa onestà mi aspetto altrettanto. Certo, si valuta caso per caso chiaramente, non è che mando a fanculo a prescindere, come per l'esempio di sara [al contrario].

mi avvicino al tuo pensiero

raidensparda
06-10-2009, 20.55.18
Io sono basita.
Innanzitutto quel 70% che si sogna di scopare il genitore (del sesso opposto o non) vorrei davvero capire da dove l'hai tirato fuori.
Poi boh...mi sembra che tu non abbia letto gli altri interventi. Nessuno ha parlato della prima strafiga che vede per strada. Semplicemente si è detto che, crescendo, spesso si cambia e, purtroppo, non sempre si cambia nella stessa direzione quando si è in coppia.
E' molto difficile (e bello, eh) riuscire a fare un percorso comune e sentirsi sempre appagati/attratti dalla stessa persona. Ma da qui a dire che se uno non riesce vuol dire che non amava davvero, ce ne passa.

lo disse una mia professoressa che si voleva laureare in medicina da giovane :sisi: nn l' ho inventata io ;)

Wiz
06-10-2009, 21.08.02
Il fatto che l'abbia detto una tua professoressa non è che mi fa gridare alla verità assoluta, eh :D

FALLEN_ANGEL_664
06-10-2009, 21.32.53
sposarsi nn è solo far vedere a tutti che stiamo insieme, ma scegliere di condividere tutta la propria vita con qualcuno, sapere di stare con la persona giusta

Non voglio attaccare la tua posizione, ma direi che l'essenziale motivo per cui sposarsi è la tutela dei figli e maggiori garanzie legalmente riconsciute riguardo i propri beni e la propria persona. Direi che il matrimonio con l'amore ha poco a che fare. Perchè sposarsi se sai che resterai?

Riguardo al tema principale, direi che la domanda è troppo vaga per poter ottenere una risposta. E non credo sarebbe neanche tanto facile darle una risposta neanche in una situazione reale. E personalmente non mi sono posto mai il problema, ne me lo sono mai dovuto porre.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Quaro.
06-10-2009, 21.51.57
Sara, ma te sei mai stata tradita? Per carità rispetto tutte le idee che uno ha, ma forse certe cose vanno provate. Magari la penseresti come aries se succedesse a te :)

Karuga :birra:

Giggio93
06-10-2009, 21.54.58
Non voglio attaccare la tua posizione, ma direi che l'essenziale motivo per cui sposarsi è la tutela dei figli e maggiori garanzie legalmente riconsciute riguardo i propri beni e la propria persona. Direi che il matrimonio con l'amore ha poco a che fare. Perchè sposarsi se sai che resterai?





assolutamente, il matrimonio è una questione meramente legale, se c'è l'amore c'è da prima, non è un DLC che puoi scaricare solo dopo esserti sposato.

e poi scusate, la gente cambia col passare del tempo, a 40 non sei più la stessa persona che eri a 20 anni, cambiano i sentimenti, le sensazioni, può cambiare qualunque cosa.
Se l'amore finisce finisce, non c'è nulla da fare, e imho, è molto meglio far finire una relazione ormai priva di felicità che farla proseguire nel disagio.
Per la questione tradimento, la tentazione è naturale, non ci credo manco per il cazzo che le persone che qui dentro sono fidanzate/sposate non abbiano MAI guardato un altro/a anche solo per un secondo.
Poi se la relazione è solida sono problemi che non capitano, ma appunto solo se è solida.
il problema del tradimento è il ferire l'altro, ma non è detto che tutte le ferite non possano essere sanate col tempo o con la volontà.

Per esempio aries, tu hai detto che manderesti la traditrice in tibet o nella dimensione oscura (che immagine di merda ariella :asd:) per quanto una cosa simile ti farebbe soffrire.
Ed è giusto, è naturale, è umano.
Ma sei sicuro oltre ogni dubbio che non riusciresti MAI e dico MAI a perdonare tale persona? non dico che ti ci rimetti insieme, dico solo perdonarla, magari perchè anche tu in futuro avrai un momento di dubbio e quindi potrai comprendere i sentimenti dell'altro.
Perchè non si tradisce per cattiveria, si tradisce per debolezza, ma non debolezza intesa come debolezza morale.

raidensparda
06-10-2009, 22.02.49
Non voglio attaccare la tua posizione, ma direi che l'essenziale motivo per cui sposarsi è la tutela dei figli e maggiori garanzie legalmente riconsciute riguardo i propri beni e la propria persona. Direi che il matrimonio con l'amore ha poco a che fare. Perchè sposarsi se sai che resterai?

sposarsi è un gesto di amore, l'espressione massima dell' amore verso qualcuno, fidarsi e supportarsi alla ennesima potenza, questo vuol dire matrimonio, nn è solo una cosa legale
ps: si vede che al giorno d'oggi la concezione di cete cose è proprio deviata :tsk: ultima cosa off topic secondo te cos'è la felicità?

cut.
una discussione senza videogiochi no? :asd:

Giggio93
06-10-2009, 22.07.25
ps: si vede che al giorno d'oggi la concezione di cete cose è proprio deviata :tsk: ultima cosa off topic secondo te cos'è la felicità?


bhe, magari è deviata secondo il TUO punto di vista, no?

Emerald_Weapon
06-10-2009, 22.13.27
sposarsi è un gesto di amore, l'espressione massima dell' amore verso qualcuno, fidarsi e supportarsi alla ennesima potenza, questo vuol dire matrimonio, nn è solo una cosa legale
ps: si vede che al giorno d'oggi la concezione di cete cose è proprio deviata :tsk: ultima cosa off topic secondo te cos'è la felicità?

http://lucabagatin.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/12736/ratzinger.jpg


EDIT. modificato, così soltanto i mod potranno percularmi :teach:

raidensparda
06-10-2009, 22.26.52
bhe, magari è deviata secondo il TUO punto di vista, no?
nn credo proprio, è la socetà moderna che fa sembrare che la vita perfetta sia un divertimento-spensieratezza e appagamento dei desideri continuo, ma questa è solo un' illusione, spero che prima o poi lo capirete :tsk:

Al topic starter :birra:

Essere gelosi è quanto di più superficiale possa esistere


-_-' ma io vorrei vedere che faresti se i tuoi genitori si cornificano e la tua ragazza se la fa con tutti, voglio proprio vedere se vai da quello che se l' è trombata e dici: grazie per aver appagato la mia ragazza -_-' certe cose si devono subire, nn solo fare, per capirle

gaz_berserk.
06-10-2009, 22.29.55
Al topic starter :birra:
Essere gelosi è quanto di più superficiale possa esistere



ma chi ha parlato di gelosia?:asd:
stiamo parlando di tradimento e di perdono...
forse ti sei confuso perché ho scritto che sfonderei le gengive a chi si mette in mezzo a me e mia moglie?
chi non spaccherebbe il culo a qualcuno che si vuole mettere in mezzo tra te e la tua partner?



io non parlo di gelosia leggi meglio i miei post.

Emerald_Weapon
06-10-2009, 22.30.56
ma chi ha parlato di gelosia?:asd:
stiamo parlando di tradimento e di perdono...
forse ti sei confuso perché ho scritto che sfonderei le gengive a chi si mette in mezzo a me e mia moglie?
chi non spaccherebbe il culo a qualcuno che si vuole mettere in mezzo tra te e la tua partner?

Cazzo......ho sbagliato topic :look:

(Però l'immagine per raiden era giusta :sisi: )

http://multiplayer.it/forum/open-space/507243-gelosia-passato.html

FALLEN_ANGEL_664
06-10-2009, 22.32.43
assolutamente, il matrimonio è una questione meramente legale

:nono:

Dimentichi la festazza :asd:


sposarsi è un gesto di amore, l'espressione massima dell' amore verso qualcuno, fidarsi e supportarsi alla ennesima potenza, questo vuol dire matrimonio, nn è solo una cosa legale
ps: si vede che al giorno d'oggi la concezione di cete cose è proprio deviata :tsk: ultima cosa off topic secondo te cos'è la felicità?

Su su, non fare troppo il vecchietto col bastone che inzia ogni frase con un stizzoso "ai miei tempi..." :asd:

:Palka: Si scherza ovviamente

Comunque, ritengo che tu stia confondendo il matrimonio con l'amore. Infatti puoi sposarti indipendentemente dal tuo amore verso il partner. E' appunto il tuo fidarsi e supportarsi all'ennesima potenza a voler dire amore. Ma non matrimonio.

:birra:

Edit: mi sono accorto adesso della domanda. Rispondo tra poco.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

raidensparda
06-10-2009, 22.33.22
Cazzo......ho sbagliato topic :look:

http://multiplayer.it/forum/open-space/507243-gelosia-passato.html

-_-' guarda che se vuoi puoi eliminare il tuo messaggio :sisi:

gaz_berserk.
06-10-2009, 22.35.51
Comunque, ritengo che tu stia confondendo il matrimonio con l'amore. Infatti puoi sposarti indipendentemente dal tuo amore verso il partner. E' appunto il tuo fidarsi e supportarsi all'ennesima potenza a voler dire amore. Ma non matrimonio.


in alcune culture infatti ci si sposa anche all'inizio di un amore
in italia il matrimonio è il coronamento di un amore...

Mia madre e mio padre si sono sposati dopo un mese di fidanzamento e sono felici da 26 anni quasi 27...

io mi sono sposato dopo un anno di fidanzamento e spero che avrò la fortuna dei miei...

raidensparda
06-10-2009, 22.36.28
nn credo proprio, è la socetà moderna che fa sembrare che la vita perfetta sia un divertimento-spensieratezza e appagamento dei desideri continuo, ma questa è solo un' illusione, spero che prima o poi lo capirete :tsk:


-_-' ma io vorrei vedere che faresti se i tuoi genitori si cornificano e la tua ragazza se la fa con tutti, voglio proprio vedere se vai da quello che se l' è trombata e dici: grazie per aver appagato la mia ragazza -_-' certe cose si devono subire, nn solo fare, per capirle


:nono:

Comunque, ritengo che tu stia confondendo il matrimonio con l'amore. Infatti puoi sposarti indipendentemente dal tuo amore verso il partner. E' appunto il tuo fidarsi e supportarsi all'ennesima potenza a voler dire amore. Ma non matrimonio.

:birra:

Edit: mi sono accorto adesso della domanda. Rispondo tra poco.

il matrimonio ho detto che è l' espressione massima dell' amore...
per l' edit aspetto la risp ;)

raidensparda
06-10-2009, 22.37.57
in alcune culture infatti ci si sposa anche all'inizio di un amore
in italia il matrimonio è il coronamento di un amore...

saranno ancora ragazzini e nn capiscono :tsk: ( io ne ho 18 tra 1 settimana xò :asd: ) cmq è brutto pensare che ci sia gente che la pensa così :tsk:

FALLEN_ANGEL_664
06-10-2009, 22.39.16
secondo te cos'è la felicità?

E' una domanda piuttosto vaga. Senza voler andare ad indagare che cosa o chi ci rende felici (che renderebbe la risposta molto ristretta e metterebbe in risalto solo l'estrema soggettività del concetto), senza volerla buttare sulla chimica del cervello o aprire il dizionario, e dando peso al primo pensiero che mi è passato per la mente (dura da credere che sia il primo dopo 4 righe di testo :asd:), direi che la felicità è un emozione che si prova quando non vorresti essere in altro posto o trovarti in altra condizione al di fuori di quella in cui stai vivendo.

Come mai questa domanda?

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

gaz_berserk.
06-10-2009, 22.39.24
il matrimonio ho detto che è l' espressione massima dell' amore...
per l' edit aspetto la risp ;)

esperienza massima? :asd:
ma uno può amare al massimo anche senza matrimonio...
l'esperienza massima è quando sei affiatato con il tuo partner in tutto nel sentimento nel sesso nella vita...


Sara, ma te sei mai stata tradita? Per carità rispetto tutte le idee che uno ha, ma forse certe cose vanno provate. Magari la penseresti come aries se succedesse a te :)

Karuga :birra:

esatto, bisogna provare il tradimento per farsi una vera idea, con la teoria siamo tutti professori.

FALLEN_ANGEL_664
06-10-2009, 22.45.46
Espressione massima, berserk ;)


il matrimonio ho detto che è l' espressione massima dell' amore...

Ahimè, non concordo comunque. L'espressione massima dell'amore è l'amore stesso. Non puoi "dimostrare" un amore, o sinanche esprimerlo per quello che è. Almeno, personalmente mi rifiuto di attribuire al matrimonio l'espressione massima dell'amore, che lo si voglia vedere come promessa di amore e fedeltà eterni o come accordo tra due parti regolato dal diritto.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Squizzo
06-10-2009, 22.46.56
mah...a chi si dice così sicuro di come reagirebbe, come se i sentimenti fossero come una formula matematica, mi sento di dire che molto probabilmente, se per sfortuna vi trovaste in una situazione di crisi di un rapporto, vi ritrovereste invece con un cervello e un cuore strapieni di dubbi. Magari non subito, quando potrebbe prevalere la rabbia, ma col passare del tempo, quasi sicuramente sì. Continuo a rifiutarmi di credere che si possa dare un taglio netto, come se niente fosse, a un rapporto durato anni.

gaz_berserk.
06-10-2009, 22.49.49
saranno ancora ragazzini e nn capiscono :tsk: ( io ne ho 18 tra 1 settimana xò :asd: ) cmq è brutto pensare che ci sia gente che la pensa così :tsk:

ma quali ragazzini, adulti... mia madre e mio padre dopo un mese di fidanzamento, ti pare che basti un mese per capire se ami veramente il tuo partner?
certe volte non basta neanche un anno...
per quello ti dicevo che in italia il matrimonio è un coronamento di un amore talvolta in altri paesi no.

raidensparda
06-10-2009, 22.50.07
E' una domanda piuttosto vaga. Senza voler andare ad indagare che cosa o chi ci rende felici (che renderebbe la risposta molto ristretta e metterebbe in risalto solo l'estrema soggettività del concetto), senza volerla buttare sulla chimica del cervello o aprire il dizionario, e dando peso al primo pensiero che mi è passato per la mente (dura da credere che sia il primo dopo 4 righe di testo :asd:), direi che la felicità è un emozione che si prova quando non vorresti essere in altro posto o trovarti in altra condizione al di fuori di quella in cui stai vivendo.

Come mai questa domanda?

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664
dalla propria concezione di felicità si può capire la superficialità di una persona, cmq la domanda era generale, nn sto dicendo che tu sia superficiale :birra:
cmq quello che dici è un pò vago diciamo, anche se accettabile, xò nn mi fa capire se riesci a distinguere tra la felicità e e contentezza (sembra che siano differenti, ma nn lo è, e molta gente li confonde, ad esempio giudicando come felicità l' appagamento di un desiderio, o l' aver ottenuto qualcosa che può essere una macchina .... nn sò se mi sn fatto capire ) xò diciamo che la tua riposta x quanto "vaga" mi sembra esaustiva
ps ma xchè : Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664 nn lo metti sulla firma così nn lo riscrivi ad ogni frase? :mumble:

esperienza massima? :asd:
ma uno può amare al massimo anche senza matrimonio...
l'esperienza massima è quando sei affiatato con il tuo partner in tutto nel sentimento nel sesso nella vita...
guarda che esperienza ed espressione sono due cose diversissime sai :asd:

gaz_berserk.
06-10-2009, 22.54.26
mah...a chi si dice così sicuro di come reagirebbe, come se i sentimenti fossero come una formula matematica, mi sento di dire che molto probabilmente, se per sfortuna vi trovaste in una situazione di crisi di un rapporto, vi ritrovereste invece con un cervello e un cuore strapieni di dubbi. Magari non subito, quando potrebbe prevalere la rabbia, ma col passare del tempo, quasi sicuramente sì. Continuo a rifiutarmi di credere che si possa dare un taglio netto, come se niente fosse, a un rapporto durato anni.

beh è stata dura ma l'ho fatto quando avevo 22 anni...
ho chiuso un rapporto che durava con tira e molla da 4 anni...
certo è stato difficile e ho sofferto per 2 lunghi anni dove ho avuto storielle di poco conto...
fino alla storia con la mia attuale moglie che ha spazzato via la tristezza del passato...

raidensparda
06-10-2009, 22.55.44
mah...a chi si dice così sicuro di come reagirebbe, come se i sentimenti fossero come una formula matematica, mi sento di dire che molto probabilmente, se per sfortuna vi trovaste in una situazione di crisi di un rapporto, vi ritrovereste invece con un cervello e un cuore strapieni di dubbi. Magari non subito, quando potrebbe prevalere la rabbia, ma col passare del tempo, quasi sicuramente sì. Continuo a rifiutarmi di credere che si possa dare un taglio netto, come se niente fosse, a un rapporto durato anni.
è quello che dico, parlano come se ci fosse solo un IO e non un NOI :tsk:

Espressione massima, berserk ;)



Ahimè, non concordo comunque. L'espressione massima dell'amore è l'amore stesso. Non puoi "dimostrare" un amore, o sinanche esprimerlo per quello che è. Almeno, personalmente mi rifiuto di attribuire al matrimonio l'espressione massima dell'amore, che lo si voglia vedere come promessa di amore e fedeltà eterni o come accordo tra due parti regolato dal diritto.

bo, forse un giorno capirai quello che dico, ma x adesso nn sono ancora in grado di poter argomentare ulteriormente per cercare di convincerti, dato che ovviamente nn sn sposato (verso i 35 forse lo sarò ma nn prima :asd: )

ma quali ragazzini, adulti... mia madre e mio padre dopo un mese di fidanzamento, ti pare che basti un mese per capire se ami veramente il tuo partner?
certe volte non basta neanche un anno...
per quello ti dicevo che in italia il matrimonio è un coronamento di un amore talvolta in altri paesi no.

dico quelli che parlano sono ancora ragazzini :look: e io infatti in qualche post precedenti ho detto che ci vogliono anni e anni per potersi sposare :look: siamo sicuri che ci stiamo comprendendo? :asd: guarda che stiamo dicendo le stesse cose ma con parole differenti :asd:

gaz_berserk.
06-10-2009, 22.58.57
dico quelli che parlano sono ancora ragazzini :look: e io infatti in qualche post precedenti ho detto che ci vogliono anni e anni per potersi sposare :look: siamo sicuri che ci stiamo comprendendo? :asd: guarda che stiamo dicendo le stesse cose ma con parole differenti :asd:



guarda che esperienza ed espressione sono due cose diversissime sai :asd:

mi sembri troppo sicuro di te...hai 18 anni? 17?
sei ancora giovane per parlare di amore aspetta almeno 6 o 7 anni...
io alla tua età pensavo prevalentemente a scopare, non capivo cosa fosse l'amore o almeno ero confuso.

raidensparda
06-10-2009, 23.06.12
mi sembri troppo sicuro di te...hai 18 anni? 17?
sei ancora giovane per parlare di amore aspetta almeno 6 o 7 anni...
io alla tua età pensavo prevalentemente a scopare, non capivo cosa fosse l'amore o almeno ero confuso.

troppo sicuro di me? guarda che le osservazioni che ho fatto e che tu hai citato sn vere se vai a vedere i miei post, poi se il tono ti è sembrato poco pacato sorry :birra:
ps: sinceramente nn mi interessa scopare scopare scopare...... ho una ragazza (con cui sto da 5 mesi) e ci sto benissimo, magari ci amiamo, sò che tengo molto a lei, e queso mi basta x adesso :)

FALLEN_ANGEL_664
06-10-2009, 23.08.10
cmq quello che dici è un pò vago diciamo, anche se accettabile

Bhe, a domanda vaga non è che posso darti coordinate e riferimenti precisi. :D


xò nn mi fa capire se riesci a distinguere tra la felicità e e contentezza (sembra che siano differenti, ma nn lo è, e molta gente li confonde

Oddio, non ci vedo un mare di differenza. Anche se non saprei.

Una persona contenta la vedo come una che non si trova nel suo paradiso ma che riconosce comunque che la sua condizione è buona e in fondo si accontenta (appunto) di essa. E' un pò un abbassare le proprie visioni idilliache per poter digerire la realtà (indipendentemente se si tratta di disilludersi o di essere umili).

Una persona felice invece ha ed è ciò che lo spinge a desiderare unicamente di mantenere la sua condizione.


ps ma xchè : Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664 nn lo metti sulla firma così nn lo riscrivi ad ogni frase? :mumble:

E' una firma che mi sono posto da quando mi sono iscritto. Descrive la mia condizione di persone dalle idee non chiare in riferimento a ciò che è e vuole, nonchè la mia paura ad affrontare il mondo e a commettere i miei errori che mi spinge appunto ad attendere. Nell'ombra perchè una persona al buio passa inosservata. Oltre alla mia immobilità derivata dal mio orgoglio derivato dalla mia paura di commettere e di ammettere errori. Malato forte, eh. :asd:

Eppoi è abitudine. :D

Non è in firma perchè fino a qualche tempo fà partecipavo ad un gioco su questo forum, e la firma mi avrebbe dato fastidio. Eppoi è sempre l'abitudine. :D

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Emerald_Weapon
06-10-2009, 23.14.40
Sbagliare è umano, perseverare è diabolico e perdonare divino....basti sapere dove ci si vuole collocare.

raidensparda
06-10-2009, 23.24.56
Bhe, a domanda vaga non è che posso darti coordinate e riferimenti precisi. :D



Oddio, non ci vedo un mare di differenza. Anche se non saprei.

Una persona contenta la vedo come una che non si trova nel suo paradiso ma che riconosce comunque che la sua condizione è buona e in fondo si accontenta (appunto) di essa. E' un pò un abbassare le proprie visioni idilliache per poter digerire la realtà (indipendentemente se si tratta di disilludersi o di essere umili).

Una persona felice invece ha ed è ciò che lo spinge a desiderare unicamente di mantenere la sua condizione.



E' una firma che mi sono posto da quando mi sono iscritto. Descrive la mia condizione di persone dalle idee non chiare in riferimento a ciò che è e vuole, nonchè la mia paura ad affrontare il mondo e a commettere i miei errori che mi spinge appunto ad attendere. Nell'ombra perchè una persona al buio passa inosservata. Oltre alla mia immobilità derivata dal mio orgoglio derivato dalla mia paura di commettere e di ammettere errori. Malato forte, eh. :asd:

Eppoi è abitudine. :D

Non è in firma perchè fino a qualche tempo fà partecipavo ad un gioco su questo forum, e la firma mi avrebbe dato fastidio. Eppoi è sempre l'abitudine. :D

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

a ok :asd:
per quello che dici tra la differenza contentezzà-felicità, nn sono del tutto d'accordo, tu ti soffermi troppo sul: contento felice-stare nella condizione in cui si sta vivendo, ma nn è proprio così
allora intanto la differenza sostanziale tra le due è che la felicità è una cosa duratura, una cosa più difficile da trovare (so che forse nn si capisce bene quello che dico)
la contentezza, invece è una falsa felicità, è solo l' ombra di quello che la felicità può dare, è deriva dall' appagamento per lo più di "beni materiali" e appagamento dei sensi ad esempio, più nello specifico diciamo, che quando ti comprano una cosa che hai desiderato, li nn sei felice, ma contento, quando ad esempio i ragazzi d' oggi si drogano, è per uscire dalla infelicità per arrivare alla felicità, ma quello che trovano è solo un' illusione irraggiungibile della vera felicità,
anche perchè ad la "serenità" e il vivere in uno stato di benessere totale(inteso come felicità) nn è una cosa che durevole, ma è destinata ad estinguersi, e nn è detto che porterebbe alla felicità
dopo aver detto tutto questo, dico quale sia il mio concetto di felicità:
la felicità è la pienezza di se stessi e della propria vita, riuscire a perseguire il proprio scopo nella vita, avendo un' esistenza completa e piena di significato ( e questo lo dicono anche tutti i filosofi più importanti es. aristotale) ma io ci aggiungerei anche un' altra cosa oltre ad una vita piena..... per raggiungere la felicità massima, si deve avere una persona che ci sorregga, che ci sia quando soffriamo o quando gioiamo, in sintonia con noi e che soffra e gioisca con noi, una persona con cui condividere tutto e da poter amare pienamente, per me questa è la vera felicità
( guarda fino a quando nn sn stato fidanzato con la ragazza che ho adesso, il secondo unto che ho messo, nn l' avrei creduto possibile, ma avere qualcuno affianco è una gioia che nn ho mai provato, e che spero di continuare a provare)

Squizzo
06-10-2009, 23.25.53
beh è stata dura ma l'ho fatto quando avevo 22 anni...
ho chiuso un rapporto che durava con tira e molla da 4 anni...
certo è stato difficile e ho sofferto per 2 lunghi anni dove ho avuto storielle di poco conto...
fino alla storia con la mia attuale moglie che ha spazzato via la tristezza del passato...
a 22 anni sei ancora un ragazzetto, e se dici che era un tira e molla dubito si possa paragonare a una storia "seria", che dura magari più anni e con una persona con cui sei certo di voler provare a costruire davvero una relazione duratura. Col passare degli anni si diventa molto meno categorici... ;)
Poi oh, io ti auguro di aver fortuna con tua moglie, ma dovessero esserci problemi, non credi che se hai fatto un tira e molla di quattro anni quando eri un ragazzetto, molto probabilmente da adulto ci penserai molto di più prima di rischiare di buttare alle ortiche un rapporto che forse si potrebbe recuperare? :)



è quello che dico, parlano come se ci fosse solo un IO e non un NOI :tsk:

uhm no, non credo proprio sia quel che dici tu :asd: tu ti esprimi come un talebano che non ammette errori nè debolezze che la vita potrebbe portare ad avere, io dico invece che molto probabilmente in una situazione problematica non riusciresti a esser così categorico come affermi in questo topic :asd: (oddio, da come ti esprimi forse in questo momento sì, quando avrai qualche annetto in più si spera avrai acquisito un pelo di maturità in più per cercare un dialogo con la tua futura compagna :asd: )

raidensparda
06-10-2009, 23.28.16
Sbagliare è umano, perseverare è diabolico e perdonare divino....basti sapere dove ci si vuole collocare.

tutti e tre sono sbagliati, perdonare si ma fino ad un certo punto, nn si può perdonare tutto, soprattutto se la persona è recidiva anche dopo il tuo perdono, perseverare, credo che sappiamo tutti xchè nn va bene, e sbagliare, lo dice la parola stessa, è umano, ma dipende che sbagli si fanno, xchè nn ci dobbiamo dimenticare di una cosa, noi abbiamo il dono della ragione, e quando stiamo per tradire, sappiamo quello che stiamo facendo, e se lo facciamo lo stesso, solo per se stessi, nn mi sembra nemmeno una cosa tanto giusta

TrustNoOne
06-10-2009, 23.33.06
ma chi cazzo ha detto che stare in una coppia significa non fare piu' nulla solo per se stessi? Tradimento o meno

che idiozie, bah

raidensparda
06-10-2009, 23.33.50
uhm no, non credo proprio sia quel che dici tu :asd: tu ti esprimi come un talebano che non ammette errori nè debolezze che la vita potrebbe portare ad avere, io dico invece che molto probabilmente in una situazione problematica non riusciresti a esser così categorico come affermi in questo topic :asd: (oddio, da come ti esprimi forse in questo momento sì, quando avrai qualche annetto in più si spera avrai acquisito un pelo di maturità in più per cercare un dialogo con la tua futura compagna :asd: )

a se ti riferivi a quello che dicevo io.... ( io pensavo ti riferissi al buttare un rapporto all' aria tradendo...)
cmq se lei ad esempio tradisce, ci sarà un motivo, e il perdono dipende da quale sia, se la colpa è prevalentemente mia, nel sesno che ci sono stato poco, che l' ho data per scontato, che la ignoravo o che cmq stavo facendo andare il rapporto alla deriva, un tradimento, con conseguente comprensione dei rispettivi errori, ci sta pure, ma se io sono un marito che ama e tutto, ma lei ha una cotta x un' uomo, e mi cornifica, scusa ma nn credo che la cosa sia proprio giusta e da perdonare.... quante volte in una coppia capita che ci sia un colpo di fulmine verso un' altro, ma se ci si ama e c'è dialogo, si riesce a prevenire e a capire cosa sia più importante

raidensparda
06-10-2009, 23.35.18
ma chi cazzo ha detto che stare in una coppia significa non fare piu' nulla solo per se stessi? Tradimento o meno

che idiozie, bah

nessuno :D ovviamente le cose si fanno per se stessi, ma nn solo, e il tradimento, è la cosa più egoista che esista a sto mondo

TrustNoOne
06-10-2009, 23.42.33
nessuno :D ovviamente le cose si fanno per se stessi, ma nn solo, e il tradimento, è la cosa più egoista che esista a sto mondo

e beh?
esiste sicuramente anche la "seconda cosa piu' egoista che esista a sto mondo" ma sono sicuro che, una volta deciso quale, non la troveresti così ripugnante :asd:

Giggio93
06-10-2009, 23.44.37
scusate,ma cosa sarebbe questa cavolata che il matrimonio è la massima espressione dell'amore? i miei hanno convissuto 15 anni prima di sposarsi in comune, ed unico testimone di quel "sacro" atto è stato un funzionario statale. :asd:

e mica si sono sposati perchè avevano raggiunto la completezza dell'amore, ma per la reversibilità della pensione di papà :asd:

Lol

stanno insime dal 76, e non hanno mai avuto un crisi, a differenza di molte coppie che si sono sposate subito.

quindi in generale LOL.

matrimonio massima forma d'amore, lol, massima forma di comunione dei ben al limite :asd:

raidensparda
06-10-2009, 23.49.01
scusate,ma cosa sarebbe questa cavolata che il matrimonio è la massima espressione dell'amore? i miei hanno convissuto 15 anni prima di sposarsi in comune, ed unico testimone di quel "sacro" atto è stato un funzionario statale. :asd:

e mica si sono sposati perchè avevano raggiunto la completezza dell'amore, ma per la reversibilità della pensione di papà :asd:

Lol

stanno insime dal 76, e non hanno mai avuto un crisi, a differenza di molte coppie che si sono sposate subito.

quindi in generale LOL.

matrimonio massima forma d'amore, lol, massima forma di comunione dei ben al limite :asd:
ho già premesso in post precedenti che per un passo così importante ci si deve conoscere per anni, ma nn ho voglia di riscriverti tutto, se tu leggi solo quello che vuoi leggere
cmq nn tutti concepiscono una cosa allo stesso modo

Giggio93
06-10-2009, 23.49.33
cmq nn tutti concepiscono una cosa allo stesso modo

Oh, ci siamo arrivati :teach:

raidensparda
06-10-2009, 23.54.33
Oh, ci siamo arrivati :teach:

ma dipende che cosa, ci sono cose che possono essere molto soggettive: felicità ( ma neanche tanto, xchè x quanto uno abbia una difersa definizione di felicità, alla finfine, la cosa è men soggettiva di quanto sembri) il matrimonio( ma neanche tanto, più che altro si sta tendendo a dar sempre meno valore a questo evento, ma nn vuol dire che sia soggettivo il suo significato, ma solo che nn se ne capisce il reale significato) .... ma nn mi puoi dire che la cornificazione sia una cosa soggettiva
e il fatto che ho detto che si possono avere diverse interpretazioni di matrimonio ad esempio, nn vuol dire che siano tutte uguali, infatti alcune saranno false, ingannevoli, altre no

FALLEN_ANGEL_664
06-10-2009, 23.56.08
[...]

Non posso certo commentare ciò che tu ritieni la felicità per te (l'amore della tua ragazza ad esempio) perchè appunto è della tua felicità che stai parlando. Però per quanto riguarda la prima parte del discorso vorrei risponderti così:

abbiamo due concezioni diverse della contentezza e delle sue differenze con la felicità. Sopratutto non capisco bene la differenza tra le due per te visto che citi l'effimerezza (si scrive così?) sia come caratteristica della felicità sia della contentezza. Mi sembra però che tu associ il concetto di contentezza in riferimento alla felicità un pò come nella Bibbia si fà distinzione tra gli idoli e Dio. Magari ho preso troppo sul serio l'esempio del bambino e del giocattolo; comunque secondo me anche quel bambino è felice. Per quanto la sua felicità sia legata ad un oggetto e destinata col tempo a svanire, in quel momento per lui quel giocattolo lo rende felice. Ora il giocattolo lo renderà felice per qualche tempo e dopo un pò si stuferà. Ma metti che il bambino trovi un giocattolo talmente bello che lo renderà contento/felice per un lungo periodo di tempo. Metti poi che questo giocattolo duri tanto che il bambino rischi addirittura di invecchiare e morire prima di stufarsene. Come distinguere quindi tra felicità e contentezza? Perchè additare alla contentezza un aspetto negativo solo perchè legato a qualcosa di materiale o ad un illusione? Una frase che mi piace ripetere prende ispirazione da delle parole di Gesù (se non sbaglio): lui disse "la verità vi renderà liberi". A questa frase io ci aggiungo che saranno le bugie a rendervi felici. La felicità altro non è che un illusione, una prospettiva limitata di interpretare il mondo che ci circonda che determina quindi questo stato d'animo. Tu citi tra le "cause" della tua felicità il senso della vita. Ma la vita non ha un senso. Sei tu che ponendoti un obbiettivo, dandoti la tua interpretazione del mondo, sei tu che dai il senso alla tua vita. Certi inseguono altri verso il monte nel tentativo di raggiungere la Luna, altri spendono ogni loro risorsa per accumulare nel tentativo di costruirsi una barriera contro le proprie paure, altri passano da un focolaio all'altro rubando il torpore che possono prima che ogni fiamma si spenga. Ma comunque vada non fai altro che inseguire illusioni. Se sei abbastanza fortunato riuscirai a trovare il giusto equilibrio, e se sei davvero sculato troverai qualche illusione da inseguire per tutta la vita. Ma resterai sempre un bambino che insegue le bolle di sapone.

Penso che in piccolissima parte sia anche per questo che non ho mai avuto una ragazza. Come fai a dire ad una persona che la amerai per sempre? Come fai a riempirle la testa di illusioni e bugie? Eliminando l'essere bastardo o voler solo "scopare con l'inganno", l'unica cosa che ti spingerebbe a farlo è essere tanto rincretinito e "ignorante" da credere a ciò che le racconti. Ovvero essere innamorato. A quel punto sarai tu stesso a vedere il mondo come lo vuoi tu e quindi dirai ciò che sentirai perchè sarà ciò che sentirai. Ma sarà solo un illusione. Ti renderà felice, ma sarà sempre e solo un illusione.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

MarcoLaBestia
07-10-2009, 00.09.44
matrimonio massima forma d'amore, lol, massima forma di comunione dei ben al limite :asd:massima forma di sputtanamento di risorse :asd: avvocato in primis

però il giorno del matrimonio è troppo ganzo... stare a messa vestiti da boss della mafia, lanciare il riso in faccia, mangiare al rinfresco fino ad esplodere, buttarsi in pista tirati a lucido ma fare azioni cafone e terra terra, fare il quatris della torta stra-buona, accasciarsi in giardino ubriaki alla sera...

in futuro, quando nessuno si sposerà più, tutto ciò mi mankerà. :(

Fabio
07-10-2009, 00.10.36
mangiare al rinfresco fino ad esplodere

E' l'unica cosa interessante dei matrimoni altrui. :asd:

raidensparda
07-10-2009, 00.12.26
Non posso certo commentare ciò che tu ritieni la felicità per te (l'amore della tua ragazza ad esempio) perchè appunto è della tua felicità che stai parlando. Però per quanto riguarda la prima parte del discorso vorrei risponderti così:

abbiamo due concezioni diverse della contentezza e delle sue differenze con la felicità. Sopratutto non capisco bene la differenza tra le due per te visto che citi l'effimerezza (si scrive così?) sia come caratteristica della felicità sia della contentezza. Mi sembra però che tu associ il concetto di contentezza in riferimento alla felicità un pò come nella Bibbia si fà distinzione tra gli idoli e Dio. Magari ho preso troppo sul serio l'esempio del bambino e del giocattolo; comunque secondo me anche quel bambino è felice. Per quanto la sua felicità sia legata ad un oggetto e destinata col tempo a svanire, in quel momento per lui quel giocattolo lo rende felice. Ora il giocattolo lo renderà felice per qualche tempo e dopo un pò si stuferà. Ma metti che il bambino trovi un giocattolo talmente bello che lo renderà contento/felice per un lungo periodo di tempo. Metti poi che questo giocattolo duri tanto che il bambino rischi addirittura di invecchiare e morire prima di stufarsene. Come distinguere quindi tra felicità e contentezza? Perchè additare alla contentezza un aspetto negativo solo perchè legato a qualcosa di materiale o ad un illusione? Una frase che mi piace ripetere prende ispirazione da delle parole di Gesù (se non sbaglio): lui disse "la verità vi renderà liberi". A questa frase io ci aggiungo che saranno le bugie a rendervi felici. La felicità altro non è che un illusione, una prospettiva limitata di interpretare il mondo che ci circonda che determina quindi questo stato d'animo. Tu citi tra le "cause" della tua felicità il senso della vita. Ma la vita non ha un senso. Sei tu che ponendoti un obbiettivo, dandoti la tua interpretazione del mondo, sei tu che dai il senso alla tua vita. Certi inseguono altri verso il monte nel tentativo di raggiungere la Luna, altri spendono ogni loro risorsa per accumulare nel tentativo di costruirsi una barriera contro le proprie paure, altri passano da un focolaio all'altro rubando il torpore che possono prima che ogni fiamma si spenga. Ma comunque vada non fai altro che inseguire illusioni. Se sei abbastanza fortunato riuscirai a trovare i giusto equilibrio, e se sei davvero sculato troverai qualche illusione da inseguire per tutta la vita. Ma resterai sempre un bambino che insegue le bolle di sapone.

Penso che in piccolissima parte sia anche per questo che non ho mai avuto una ragazza. Come fai a dire ad una persona che la amerai per sempre? Come fai a riempirle la testa di illusioni e bugie? Eliminando l'essere bastardo o voler solo "scopare con l'inganno", l'unica cosa che ti spingerebbe a farlo è essere tanto rincretinito e "ignorante" da credere a ciò che le racconti. Ovvero essere innamorato. A quel punto sarai tu stesso a vedere il mondo come lo vuoi tu e quindi dirai ciò che sentirai perchè sarà ciò che sentirai. Ma sarà solo un illusione. Ti renderà felice, ma sarà sempre e solo un illusione.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664
potrei risponderti adesso ti rispondo domani che devo andare a dormire e ci mettere un pochino a rispondere, ti dico solo 2 cose per adesso: 1- vivere nella menzogna nn è felicità( se ho capito male quello che dicevi, è appunto xchè sn stanco) 2-nn lo associo proprio alla durata, domani cercherò di spiegare meglio
ci aggiungo un 3- a dare alla vita una pienezza(che nn necessariamente vuol dire piena di significato, ma è una cosa ben diversa) siamo noi, come dici tu, ma gli esempi che fai tu sono un pò "stupidi" una persona potrebbe considerare la propria vita piena, anche facendo il professore, o il muratore, se in quello che fa ci trova un senso e si sente "completo" ( sn stanco vorrei usare un' altra parola ma nn mi viene in mente), nn perforza si devono seguire aspettative impossibili ( e poi a dare questo significato alla felicità, nn sn solo io, ma filosofi che su queste cose, ci hanno speso una vita, e anche il mio professore, che è davvero da considerare uno dei pochi filosofi esistenti al giorno d' oggi)
sull' amore domani ti rispondo, ti dico solo che nn è una scusa per prendere tempo, è solo che domani ho una mare di cose da fare .... ti doco solo una cosa, nn si è rimbecilliti o ignoranti, da credere a quello che si dice, solo che nn si sente il bisogno di andare con altre ragazze ... a domani la parte 2 :asd:

FALLEN_ANGEL_664
07-10-2009, 00.18.12
Oh, no. Su questo finalmente concordo con te :asd:

Domani lavoro, e dei due è quello che mi piace meno. Rimando qualsiasi commento alla tua prossima spiegazione (sviluppa pure gli argomenti che hai appena citato). Spero solo di ricordarmene e di avere energie per continuare la conversazione.

Buona notte. :birra:

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

destino
07-10-2009, 00.43.43
Penso che in piccolissima parte sia anche per questo che non ho mai avuto una ragazza. Come fai a dire ad una persona che la amerai per sempre? Come fai a riempirle la testa di illusioni e bugie? Eliminando l'essere bastardo o voler solo "scopare con l'inganno", l'unica cosa che ti spingerebbe a farlo è essere tanto rincretinito e "ignorante" da credere a ciò che le racconti. Ovvero essere innamorato. A quel punto sarai tu stesso a vedere il mondo come lo vuoi tu e quindi dirai ciò che sentirai perchè sarà ciò che sentirai. Ma sarà solo un illusione. Ti renderà felice, ma sarà sempre e solo un illusione.



dalle tue parole si evince proprio che non hai mai conosciuto l'amore, buon per il genere umano.

M_Armani
07-10-2009, 01.31.45
Penso che in piccolissima parte sia anche per questo che non ho mai avuto una ragazza. Come fai a dire ad una persona che la amerai per sempre? Come fai a riempirle la testa di illusioni e bugie? Eliminando l'essere bastardo o voler solo "scopare con l'inganno", l'unica cosa che ti spingerebbe a farlo è essere tanto rincretinito e "ignorante" da credere a ciò che le racconti. Ovvero essere innamorato. A quel punto sarai tu stesso a vedere il mondo come lo vuoi tu e quindi dirai ciò che sentirai perchè sarà ciò che sentirai. Ma sarà solo un illusione. Ti renderà felice, ma sarà sempre e solo un illusione.


puoi dire a una persona che la ami, puoi farle sapere che per lei, e per le persone a cui tieni, avrai sempre pronto il telefono nel caso di golpe, rivoluzioni o disastri. Non devi dirle che la amerai per sempre se non ci credi. Ma puoi essere sincero nel momento in cui l'amore non ci sarà più mantenendo i patti di cui sopra. Che sono sacri per chiunque si metta a parlare di società civile o etica.

Ti sembrerà strano ma ci sono persone che capiscono quello che ho scritto e sono pronte a rispettarlo. Nonostante le brutture del mondo che per quanto pesanti, paradossalmente, a volte portano anche all'amore di una vita. E solo lo stupido super-io potrebbe chiamarlo fasullo.

Cerca di non confondere questo con la coppia per puro comodo o disperazione. Sto parlando di un livello decisamente superiore.

ROLF
07-10-2009, 08.43.51
stare a messa vestiti da boss della mafia,

Questo lo fai tu che sei un terrone. :asd:

Io c'ho stile! :teach:




PS: sono mezzo terrone anch'io eh, prima che a qualcuno scoppi un embolo..

sara_bleeckerst
07-10-2009, 08.54.48
fiiico, pure io voglio vedere un embolo ESPLODERE!

Morfeo81
07-10-2009, 09.02.48
Sono molto combattuto sull'argomento. Da un lato reputo il tradimento inconcepibile.

Dall'altro, senza andare a riflettere sulla nostra natura, sulle nostre pulsioni e sulle nostre tentazioni spontanee, penso semplicemente che il tradimento, come qualsiasi errore che si possa compiere nella vita, sia uno sbaglio e vada preso come tale.

Non è grave quanto un omicidio, allo stesso tempo non è sullo stesso piano di una "semplice" mancanza di rispetto o di una serie di insulti scambiati con il consorte o la consorte.

Diciamo che la mancanza di perdono nel tradimento avviene per la conseguente mancanza di fiducia, più che per l'orgoglio in se. Ma secondo me in questo caso ci si scontra con un limite culturale, più che con uno naturale.

Nel senso che si potrebbe considerare il tradimento come un errore grave, ma alla stregua di altri errori che in un rapporto interpersonale possono verificarsi: ci sono TANTI modi di ferire l'altra persona, e il tradimento è uno di questi, indubbiamente il più grave, ma non vedo perchè debba essere considerato insuperabile ad ogni costo. Poi anche io soffro dello stesso problema, però ci ragiono spesso su e questa è la conclusione che ne traggo: può essere perdonato, dovrebbe essere perdonato. Il problema è che non si è mai in grado di stabilire quanto il pentimento del partner sia reale e quanto unicamente diplomatico, suscettibile di ulteriori profittazioni.

Per rispondere a certi interventi che ho letto: scrivere che sia sintomo di qualcosa che non funziona nella coppia è un assolutismo, per non dire un assioma da smentire. Non è assolutamente detto.

Almeno come uomo, mi sono trovato nella spiacevolissima situazione di amare la persona con cui stavo ma di essere attratto fisicamente da altre incontrate in sua assenza. Non ho mai tradito, ma la tentazione c'è stata eccome.

E a lasciarmi è stata lei :D

Per dire, spesso è semplice pulsione o attrazione fisica, che si prova a prescindere dall'amore che si provi per la propria partner. Questo perchè a lungo andare, nel rapporto, la conoscenza fisica aumenta, e di conseguenza la stessa attrazione tra i due elementi della coppia inevitabilmente si "trasforma" in qualcosa di diverso, più stabile e regolare, ma anche meno "eccitante" (passatemi il termine): ovviamente ciò avviene con gradualità differenti a seconda delle coppie, che siano 10, 20 o 30 anni. Nei primi comunque di qualche cosa ci si accorge. :)

Le altre donne che popolano il mondo, invece, hanno ancora quel fascino corporeo ignoto che la tua compagna, per ovvie ragioni, non può avere nel lungo periodo. Parliamo unicamente di istinti, per fortuna c'è il cervello a mettere le cose a posto. Almeno nel mio caso, finora, è stato così.

Emerald_Weapon
07-10-2009, 09.09.54
tutti e tre sono sbagliati, perdonare si ma fino ad un certo punto, nn si può perdonare tutto, soprattutto se la persona è recidiva anche dopo il tuo perdono, perseverare, credo che sappiamo tutti xchè nn va bene, e sbagliare, lo dice la parola stessa, è umano, ma dipende che sbagli si fanno, xchè nn ci dobbiamo dimenticare di una cosa, noi abbiamo il dono della ragione, e quando stiamo per tradire, sappiamo quello che stiamo facendo, e se lo facciamo lo stesso, solo per se stessi, nn mi sembra nemmeno una cosa tanto giusta

Credevo che mi avresti citato casi, come fanno gli avvocati dei film ("signor giudice, vorrei ricordarle il caso tizio del 1978 sullo sperperare del seme conclusosi a favore di caia").....nada, sarà per un'altra volta.

In definitiva per te:
- sbagliare non è umano.......un paio di palle
- la persona che è recidiva non rientra nella categoria del perseverare
- si perdona a random

Guarda che puoi perdonare la persona e lasciarla lo stesso, o perdonarla tra 50 anni, non c'è una legge che dice che in caso di tradimento la devi lasciare o perdonarla entro sette giorni dall'avvenuto rapporto.
E poi tradire la fidanzata/moglie (voi donne mettete il fidanzato/marito) per me equivale a tradire un amico, solo che con loro non ti sposi e non vai a convivere, non ci vedo tutta questa differenza.


L'anno scorso mi è capitato di incontrare un mio vecchissimo compagno delle elementari (lavoratore) che ancora si ricorda di me (e io di lui)....discutevamo di cazzatelle varie e ad un certo punto passiamo all'argomento ragazze: siccome sull'argomento non sono uno di poche parole gli chiedo di lui e mi dice che la sua ex l'ha tradito e che stava per menarla (l'hanno fermato)....il tutto con molta tranquillità.
Mi ha fatto lo schifoso discorso dell'onore e il rispetto, da vero siciliano d.o.c., sarò nato strano io ma 'ste cose non le recepisco :|


EDIT. attenzione raiden, non ho mica detto che se non perdoni chi ti tradisce vai all'inferno, per me quella frase è oro :sisi:

destino
07-10-2009, 10.29.44
Per rispondere a certi interventi che ho letto: scrivere che sia sintomo di qualcosa che non funziona nella coppia è un assolutismo, per non dire un assioma da smentire. Non è assolutamente detto.

Almeno come uomo, mi sono trovato nella spiacevolissima situazione di amare la persona con cui stavo ma di essere attratto fisicamente da altre incontrate in sua assenza. Non ho mai tradito, ma la tentazione c'è stata eccome.



ma l'essere attratti sessualmente da altre persone non vuol dire mica tradire, anzi mi sembra una cosa normalissima, cosi normale che ci scherzo continuamente su.
Ma dall'essere attratti al tradire di acqua sotto i ponti ne passa eccome, ed è in quel preciso istante che si palesano tutti i problemi non discussi e celati di una coppia.

M_Armani
07-10-2009, 10.30.43
l'ideale dell'invecchiare nella capanna in Canadà non è alla portata di tutti. Ad un certo punto le cose con cui non hai fatto i conti bussano e ti suggeriscono di provare a tornare indietro. Rompere la routine. Come se questo fosse il miracolo che rimuove la vecchiaia o il passare del tempo o la frustrazione per ciò che non si è ancora fatto e ci sembra darebbe un senso all'esistenza. E ci aggiungono che tanto altro non puoi fare. Non sei cosi forte. Si chiama super-io ed è il primo assoluto che creiamo quando veniamo al mondo. Per aggrapparci a qualcosa. Ma poi si incazza perchè gli assoluti con la vita comune non vanno d'accordo a meno di crederesi un poliziotto galattico come Ron Howard.
Insomma.
Sono sentimenti forti. Ti fanno odiare il partner come se fosse il carceriere spietato di una segreta. Ti fanno scappare perchè non sei degno di tua moglie e tua figlia - una vigliaccata, ma molti la sentono davvero.
E farci i conti vuol dire stare talmente male e provare quasi il contrario dell'innamoramento. Imparare a non perdere significa accettare l'inevitabilità della perdita. Cosa che rende questo piccolo enorme, angoscioso passo, una cosa fondamentale per vivere e una cosa antitetica alla vita.
E la perdita coinvolge credenti, miscredenti, laici, atei, mostri di D&D e agenti di Wall Street. Nessuno è fuori dal gioco.

Doc Zeius
07-10-2009, 10.43.01
ma l'essere attratti sessualmente da altre persone non vuol dire mica tradire, anzi mi sembra una cosa normalissima, cosi normale che ci scherzo continuamente su.
Ma dall'essere attratti al tradire di acqua sotto i ponti ne passa eccome, ed è in quel preciso istante che si palesano tutti i problemi non discussi e celati di una coppia.


Non è detto che un tradimento palesi dei problemi della coppia, semplicemente quella volta ci si è lasciati andare, questo non mette in discussione i sentimenti per l'altra persona.

La soluzione è non confessarlo, né tantomeno mettersi a raccontarlo in giro (questo sì che paleserebbe dei problemi nella coppia).

destino
07-10-2009, 11.16.20
Non è detto che un tradimento palesi dei problemi della coppia, semplicemente quella volta ci si è lasciati andare, questo non mette in discussione i sentimenti per l'altra persona.

La soluzione è non confessarlo, né tantomeno mettersi a raccontarlo in giro (questo sì che paleserebbe dei problemi nella coppia).

ma che vuol dire lasciati andare.
Se io mi lascio andare vuol dire che la persona con cui sto la tengo in considerazione poco meno del piatto di patate al forno che mangio a pranzo.
A me sembra la solita scusa per giustificare il tutto, "eh ma non ero me stesso in quel momento", sarò strano io ma anche da ubriaco marcio io sono consapevole di quello che sto facendo e quello che faccio lo faccio perchè voglio farlo, non è che mi entra un demone in corpo e agisce contro la mia volontà.

Che poi la soluzione sia non confessarlo, a maggior ragione mette in risalto la mia tesi, che cazzo di rapporto hai con il/la tuo/tua compagno/a se questo non si basa sul rispetto reciproco, sulla fiducia e sulla sincerità? :asd:

Dovessi avere un rapporto con una compagna basato sulla menzogna a sto punto me ne vado a puttane, così ogni volta la scelgo diversa e sempre giovane e bella

Morfeo81
07-10-2009, 12.42.58
Ma non è una scusa, è semplicemente un fatto: quando si sbaglia lo si fa prevalentemente per un interesse immediato. In questo caso tale interesse è rapprentato dall'atto, sia esso sessuale o generalmente fisico come un bacio.

Il tradimento palesa spesso problemi della coppia, ma fare di tutta l'erba un fascio è sbagliatissimo.

C'è gente innamoratissima della ragazza che commette cavolate come queste, non scherziamo proprio. Perchè non c'entra nulla con l'amore, è solo un interesse fisico.

Solo che lo sfogo determinato da tale interesse rappresenta, per dirlo alla "sicula" :asd:, una violazione della fiducia che l'altra persona ha riposto in te, nonchè uno dei peggiori modi per ferirla, ed è per questo che non piace a nessuno, perchè a nessuno piacerebbe subirlo, mi pare ovvio.

E' semplicissimo: ci sono coppie in cui il tradimento è una conseguenza delle mancanze del rapporto, ma anche altre in cui non c'è nessunissimo motivo per andare con un'altra persona (per lo meno inerente al rapporto) se non la più squallida e bieca in assoluto: il bisogno, la voglia di fare sesso materiale con una persona che piace e che eccita esteticamente, al di là di qualsiasi sentimento si possa provare per il partner.

Altro che "scusa" mi parrebbe un ammissione di colpa bella e buona, la scusa è attribuirne le cause alle mancanze del rapporto quando non ci sono: "oops ho tradito, ma è colpa del rapporto che non funziona, io sono una vittima!" :D

E mi duole ammetterlo, questo tradimento "fisico" e non sentimentale è prevalente nell'uomo che nella donna, almeno secondo me.

Ovviamente sono vere entrambe le possibilità, ci mancherebbe altro.

Wiz
07-10-2009, 12.55.27
E mi duole ammetterlo, questo tradimento "fisico" e non sentimentale è prevalente nell'uomo che nella donna, almeno secondo me.


Sai che questa frase la stavo per scrivere l'altro giorno nel topic dei luoghi comuni? :asd:
E comunque...il ginko dice le cose meglio di me, prima di me.

karuga
07-10-2009, 12.55.46
C'è gente innamoratissima della ragazza che commette cavolate come queste, non scherziamo proprio. Perchè non c'entra nulla con l'amore, è solo un interesse fisico.


Ma allora che ci stai a fare in una coppia fissa?
Certo che non c'entra nulla con l'amore non lo è proprio, tu mi dici che non è sintomo di problemi di coppia, e grazie al cazzo, che coppia è una dove lui o lei trombano in giro solo per un interesse fisico?
Il partner non soddisfa tutti i tuoi requisiti di coppia o sessuali?
Bè l'amore comporta anche sacrifici e compromessi, se la mia lei il sesso anale non lo vuole fare non mi ingegno per trovarlo altrove, semplicemente farò a meno del sesso anale.
Sono tutte scuse e non c'è niente da farci.

Morfeo81
07-10-2009, 12.59.09
Ma allora che ci stai a fare in una coppia fissa?
Certo che non c'entra nulla con l'amore non lo è proprio, tu mi dici che non è sintomo di problemi di coppia,

Guarda che su questo argomento gli assolutisti siete voi. Io ho scritto che non è SEMPRE sintomo dei problemi di coppia. Ci sono casi in cui lo è ed altri in cui non lo è. :)
E quando non lo è direi che è più comodo dire che dipende dal rapporto che ammettere pubblicamente "ok, sono un bastardo, ho buttato nel cesso un rapporto con una persona per me importantissima per cedere ai miei istinti più bassi" :D



Sono tutte scuse e non c'è niente da farci.

Lo è anche quello che ho scritto sopra.

Morfeo81
07-10-2009, 13.04.30
Sai che questa frase la stavo per scrivere l'altro giorno nel topic dei luoghi comuni? :asd:

Boh, secondo me è così. Non pretendo di conoscere gli animi della totalità degli uomini e della totalità delle donne, è l'impressione che ho avuto basandomi sulle tante conoscenze che ho avuto, magari sarà pure sbagliata, per carità ;)

Comunque, se non si fosse capito, è un complimento per le donne ed un insulto pesante per gli uomini, eh :D

Non mi entra molto in tasca dicendolo :D

sara_bleeckerst
07-10-2009, 13.20.37
ma ho scritto tutto quel papiello inutilmente? T_T

dai bisogna osservare al microscopio ogni singolo caso, non si può parlare in linea di massima.

solo gli idioti non hanno dubbi -_-'

karuga
07-10-2009, 13.28.11
E quando non lo è direi che è più comodo dire che dipende dal rapporto che ammettere pubblicamente "ok, sono un bastardo, ho buttato nel cesso un rapporto con una persona per me importantissima per cedere ai miei istinti più bassi" :D


Ma in una coppia essere dei fottuti puttanieri non è un problema?

Morfeo81
07-10-2009, 13.33.35
Certo che è un problema, ma non dettato dalla RELAZIONE che hanno le due persone. Tra l'altro mi pare ovvio che non mi riferisca al tradimento CONTINUO, quello è OVVIO che sia un problema della coppia. Parliamo di scappatelle, di errori umani, di possibili istinti difensivi che i traditi GIUSTAMENTE pongono in essere, magari troncando il rapporto.

Mi riferisco, all'errore, allo sbaglio, alla cattiveria che l'uomo a volte può dimostrare. Voi date per scontato che amare un'altra persona possa portare a non sbagliare MAI. Non è così.

Si commettono errori continui, si può ferire l'altra persona, in maniera minore per tante cose, in maniera pessima come questa. Non siamo perfetti nè tantomeno riusciremo mai ad esserlo.

Non è una giustificazione chiaramente, chi commette un errore del genere dev'essere in grado di prendersene la responsabilità, che implica anche che l'altro, giustamente, possa volersi DIFENDERE.

Stiamo parlando solo del caso in cui

ROLF
07-10-2009, 13.40.01
Sai che questa frase la stavo per scrivere l'altro giorno nel topic dei luoghi comuni? :asd:
E comunque...il ginko dice le cose meglio di me, prima di me.

Anche secondo me è una cazzata.

Nella mia modestissima esperienza conosco molte più donne che hanno tradito che uomini. Anche perchè diciamolo, hanno la strada spianata. Se una donna vede uno che gli piace e decide di portareselo a letto nel 95% dei casi ci riesce. Per l'uomo è un tantinello più difficile.

Comunque io sono molto pessimista sulle relazioni umane ultimamente. Più conosco gente con cui arrivo a un certo stadio di confidenza e più mi accorgo che di fedele a questo mondo non esiste NESSUNO. Tutti quelli che si sono confidati con me hanno piazzato le corna almeno una volta. Chi con la botta e via, chi con l'amante. Ma almeno ua volta l'han fatto tutti, uomini e donne indistintamente.
Io personalmente nmon ho mai tradito, ma conoscndo i miei limiti non metterei le mani sul fuoco sul fatto che non succederà mai. Come diceva Magik, siamo umani. Certo che poi non sempre il danno fatto risulta riparabile.

Morfeo81
07-10-2009, 14.07.26
Tutti quelli che si sono confidati con me hanno piazzato le corna almeno una volta. Chi con la botta e via, chi con l'amante. Ma almeno ua volta l'han fatto tutti, uomini e donne indistintamente.

Questo mi fa capire quanto io possa essere un coglione :asd:

A parte che a causa dell'impedimento totale che ho nell'approcciare le donne non sarei neanche in grado di farlo :roll3:

Morfeo81
07-10-2009, 14.08.37
Io personalmente nmon ho mai tradito, ma conoscndo i miei limiti non metterei le mani sul fuoco sul fatto che non succederà mai.

Sei sulla buona strada per riuscire a non farlo mai, per me :)

Ammettere i propri limiti è una forza, è la base da cui si può partire per migliorarsi. Almeno per me è sempre stato così. Però non sempre ci riesco eh, è una battaglia, una sfida interiore molto complicata: alla duecentesima sconfitta non bisogna mai disperare di poter ottenere una vittoria.

AndreaEG6
07-10-2009, 14.14.19
Ritengo che quando uno dei partner sente il bisogno di un extra (che sia una botta e via oppure qualcosa di più lungo è la stessa cosa) significa che il rapporto è già in qualche modo compromesso, parlo per esperienza personale. Semplice svago o crisi profonda, quando si arriva a cercare le attenzioni di qualcun'altro significa che non si è più a proprio agio col proprio partner e questo può essere per colpa nostra o anche per colpa dell'altra persona, non è detto. Penso anch'io che quando si arriva a questo punto l'amore sia finito, perchè il sentimento è forte e sicuro, non si va a cercare distrazioni altrove. Giusto per restare in argomento, le ultime due ragazze con cui sono stato sono entrambe fidanzate e nessuna delle due sembra pentita, una delle due mi ha addirittura chiesto di continuare a farlo ad oltranza perchè tanto il suo ragazzo (con cui sta per andare a convivere) non scoprirebbe mai nulla (e stiamo parlando di una donna di 31 anni, io ne ho 24). Per concludere, due ragazze con cui sto per uscire sono entrambe fidanzate ma, a detta loro, non stanno attraversando "un bel periodo"...quando erano tutte rose e fiori non mi hanno mai proposto di uscire da soli ;).

ROLF
07-10-2009, 14.16.47
Ritengo che quando uno dei partner sente il bisogno di un extra (che sia una botta e via oppure qualcosa di più lungo è la stessa cosa) significa che il rapporto è già in qualche modo compromesso, parlo per esperienza personale.

Non è sempre così, anche se in linea di massima concordo.
E comunque una botta e via oppure qualcosa di prolungato imho è COMPLETAMENTE diverso.

raidensparda
07-10-2009, 14.44.08
Credevo che mi avresti citato casi, come fanno gli avvocati dei film ("signor giudice, vorrei ricordarle il caso tizio del 1978 sullo sperperare del seme conclusosi a favore di caia").....nada, sarà per un'altra volta.

In definitiva per te:
- sbagliare non è umano.......un paio di palle
- la persona che è recidiva non rientra nella categoria del perseverare
- si perdona a random

Guarda che puoi perdonare la persona e lasciarla lo stesso, o perdonarla tra 50 anni, non c'è una legge che dice che in caso di tradimento la devi lasciare o perdonarla entro sette giorni dall'avvenuto rapporto.
E poi tradire la fidanzata/moglie (voi donne mettete il fidanzato/marito) per me equivale a tradire un amico, solo che con loro non ti sposi e non vai a convivere, non ci vedo tutta questa differenza.


L'anno scorso mi è capitato di incontrare un mio vecchissimo compagno delle elementari (lavoratore) che ancora si ricorda di me (e io di lui)....discutevamo di cazzatelle varie e ad un certo punto passiamo all'argomento ragazze: siccome sull'argomento non sono uno di poche parole gli chiedo di lui e mi dice che la sua ex l'ha tradito e che stava per menarla (l'hanno fermato)....il tutto con molta tranquillità.
Mi ha fatto lo schifoso discorso dell'onore e il rispetto, da vero siciliano d.o.c., sarò nato strano io ma 'ste cose non le recepisco :|


EDIT. attenzione raiden, non ho mica detto che se non perdoni chi ti tradisce vai all'inferno, per me quella frase è oro :sisi:
nn hai proprio capito una mazza, ma nn ho voglia di ripeterti 100 volte se poi nn capisci xchè ora vado a studiare (inglese, ma quanto lo odio, ma xchè deve esistere una cosa del genere :tsk: )
per: fallen angel, aspetta per la risosta, xchè mi devo rileggere ciò che abbiamo scritto, xchè nn ricordo in modo ottimale la discussione di ieri sera, dato che scrivevo in uno stato semicomatoso :asd:

karuga
07-10-2009, 16.49.36
nn hai proprio capito una mazza........(inglese, ma quanto lo odio, ma xchè deve esistere una cosa del genere :tsk: ).......

:mumble:


:look:



:asd:

FALLEN_ANGEL_664
07-10-2009, 19.55.10
dalle tue parole si evince proprio che non hai mai conosciuto l'amore, buon per il genere umano.

E sì, cazzo. Adoratemi! :asd:

Bho, se era una battuta era meglio metterci uno smile. Se non lo era, non capisco il perchè di un tale commento. Giornata pesante?


Non devi dirle che la amerai per sempre se non ci credi.

:birra:

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

gaz_berserk.
07-10-2009, 20.14.38
al mio collega non andava giù che io non fossi d'accordo con il tradimento.
e mi dice: anche guardare una donna ed esserne attratti è tradimento, tradimento mentale.
e io: ma che minchia dici?
essere attratti da altri può capitare vieni colpito dal fatto estetico e ti giri ma non per questo ti viene voglia di scopare con la prima che ti passa davanti.
o almeno per me è così...:asd:

karuga
08-10-2009, 11.58.14
Ma che colleghi c'hai:roll3:

gaz_berserk.
08-10-2009, 19.15.29
Ma che colleghi c'hai:roll3:

un po strani... :asd:

karuga
08-10-2009, 23.40.43
Bè oddio, la mia ex era convinta che andare con uno già fidanzato sapendolo non fosse una brutta cosa per tu in persona perchè non tradisci nessuno, effettivamente i pensieri più improbabili sull'argomento sono piuttosto comuni:asd:

Da li a passare al livello successivo ci ha messo qualche mese:asd:

Di0
08-10-2009, 23.49.47
un po strani... :asd:

Potevi dirlo prima che lavoravi all'Opus Dei, eh, noi mica si giudica. :asd: