PDA

Visualizza versione completa : Alitalia fail



destino
29-07-2009, 13.10.38
Alitalia, per andare a Berlino bisognerà fare scalo a Parigi - Corriere della Sera (http://www.corriere.it/cronache/09_luglio_29/Alitalia_per_andare_a_Berlino_bisognera_fare_scalo _a_Parigi_Antonella_Baccaro_841652b8-7c03-11de-bec1-00144f02aabc.shtml)

in parole povere qualsiasi volo internazionale prenderete usando alitalia passerete sempre e comunque da parigi o da amsterdam, che sono gli hub che possiede AirFrance.

Si è voluta fare la compagnia italiana per non affondare Malpensa e per evitare esattamente questa cosa, che un italiano per andare negli stati uniti o in qualsiasi altro volo di lunga tratta non avrebbe dovuto per forza fare scalo a parigi, visto che cosi facendo si allunga di molto la tratta, inoltre cosi l'indotto di Malpensa prende e vola dritto dritto a parigi, tra manutenzione e gestione dei passeggeri.

Che dire, a sto punto vendere tutto a AirFrance senza fare la compagnia italiana del cazzo era veramente la scelta migliore, questo è un clamoroso calcio nei coglioni a Berlusconi che ha spinto per la soluzione opposta (e ai sindacati del cazzo che gli sono andati indietro)

Ghostkonrad
29-07-2009, 13.20.23
Ai tempi della questione Alitalia lo dicevamo che sarebbe finita così, ma c'è ancora in giro gente che sostiene che la soluzione del governo fosse la migliore.
Vediamo quanto ci mettono a postare un pò di sofismi a favore. :asd:


EDIT: Bon, vedo che il Corriere ha già nascosto la notizia in un angolino della homepage. Di questo passo finirò davvero a leggere Repubblica.

funker
29-07-2009, 13.26.41
Destino, te lo ripeto.

Dimmi cosa avete in mente tu e Fini.

Squizzo
29-07-2009, 13.34.16
appoggiare le decisioni del berlu per poi sputtanarlo a guaio combinato :teach:

aries
29-07-2009, 13.35.00
Fortuna che la cordata di amici del nostro Presidentissimo ha salvato la compagnia di bandiera sacrificandosi per il Paese.

ginkobilobav2
29-07-2009, 13.35.51
Destino non lo so, ma Fini ha in mente di galleggiare tentando di essere sostenibile in forza di una sensibilità appena maggiore e nella speranza di agguantare il capo del filo quando la situazione diventerà insostenibile

ma fare lo statistucolo mentre l'uomo che segui è preda di un delirio di onnipotenza a causa del quale si avvantaggiano industriali condannati per frode, omicidio e mafia (con conseguente dilagare di accordi paramafiosi su tutto il territorio) non è di certo perdonabile....soprattutto se lo si fa in attesa di agguantare il potere....
sacrificare gli interessi di TUTTI i cittadini per i giochi di potere è l'antipolitica e ancora una volta la cosa preoccupante è il tentativo delle vittime di giustificare il carnefice

patologico



la cordata ci ha guadagnato miliardi e ora sta speculando su quel 20 percento in più di metraggio aggiungibile agli 80 milioni di metri quadri di edifici abbandonati che lo stato ha regalato loro

sicuramente è una mossa per il bene dell'Italia, la speculazione edilizia e il travaso di denaro non possono che portare una crescita fantastica al paese

Doc Zeius
29-07-2009, 13.35.56
Alitalia, per andare a Berlino bisognerà fare scalo a Parigi - Corriere della Sera (http://www.corriere.it/cronache/09_luglio_29/Alitalia_per_andare_a_Berlino_bisognera_fare_scalo _a_Parigi_Antonella_Baccaro_841652b8-7c03-11de-bec1-00144f02aabc.shtml)

in parole povere qualsiasi volo internazionale prenderete usando alitalia passerete sempre e comunque da parigi o da amsterdam, che sono gli hub che possiede AirFrance.

Si è voluta fare la compagnia italiana per non affondare Malpensa e per evitare esattamente questa cosa, che un italiano per andare negli stati uniti o in qualsiasi altro volo di lunga tratta non avrebbe dovuto per forza fare scalo a parigi, visto che cosi facendo si allunga di molto la tratta, inoltre cosi l'indotto di Malpensa prende e vola dritto dritto a parigi, tra manutenzione e gestione dei passeggeri.

Che dire, a sto punto vendere tutto a AirFrance senza fare la compagnia italiana del cazzo era veramente la scelta migliore, questo è un clamoroso calcio nei coglioni a Berlusconi che ha spinto per la soluzione opposta (e ai sindacati del cazzo che gli sono andati indietro)




E' stata una decisione veramente sciagurata

destino
29-07-2009, 13.37.21
Destino, te lo ripeto.

Dimmi cosa avete in mente tu e Fini.

in questo caso volare con qualsiasi compagnia che non sia alitalia, visto la presa per i fondelli che stanno riuscendo a propinare a chi vola in modo continuo.
Non esiste da nessuna parte al mondo che una compagnia aerea abbia il monopolio di una tratta nazionale (in questo caso la roma-milano), questo poteva essere giustificato al massimo se si applicano tariffe concorrenziali su quella tratta e se venivano fatti investimenti seri per Malpensa trasformandola in un hub internazionale come si deve, evitando cosi di spostare soldi e indotto su parigi. (per capire cosa intendo con indotto basta leggersi quest'altra notizia Napoli, dipendenti bloccano check-in Alitalia e Air One - cronaca - Repubblica.it (http://www.repubblica.it/2009/07/sezioni/cronaca/atitech-capodichino/atitech-capodichino/atitech-capodichino.html) )

Invece soldi e bagagli si spostano a parigi, con AirFrance che ringrazia, avendo acquistato una compagnia sana e senza debiti ad un terzo dei soldi che aveva proposto in prima battuta.

Sono queste le cose che Berlusconi deve riferire immediatamente in parlamento, altro che puttane e clown

Cosa sta aspettando il governo nell'assegnare nuovi slot per tratte internazionali e nazionali a compagnie come ryanair e lufthansa che si sono da sempre dette interessate?

Boe.
29-07-2009, 13.42.28
Permettetemi di dire: stronzate!

Con l'alleanza air france (parigi) e klm (amsterdam) non vuol dire che Alitalia toglierà i voli diretti.

La realtà è che l'alitalia andava bruciata tutta compresa di piloti e amministratori. E' stato fatto un ultimo tentativo di salvataggio (che fallirà) idem per malpensa (siamo il solo stato che ha due HUB).

Tutto il resto, sopratutto le considerazioni faziose di giornalisti ignoranti, lascia il tempo che trova.

E lo dice uno che lavora nel campo

stan
29-07-2009, 13.45.05
A quanto li fai i pomodori?

(Scusate non ho resistito...:asd: )


Comunque mi unisco al cordoglio per una società che rispecchia un paese che si sta sgretolando, tristezza...

destino
29-07-2009, 13.47.20
Permettetemi di dire: stronzate!

Con l'alleanza air france (parigi) e klm (amsterdam) non vuol dire che Alitalia toglierà i voli diretti.

La realtà è che l'alitalia andava bruciata tutta compresa di piloti e amministratori. E' stato fatto un ultimo tentativo di salvataggio (che fallirà) idem per malpensa (siamo il solo stato che ha due HUB).

Tutto il resto, sopratutto le considerazioni faziose di giornalisti ignoranti, lascia il tempo che trova.

E lo dice uno che lavora nel campo

cosa di questa frase



Hong Kong, Singapore, Montreal, e non solo. Alitalia in questi giorni ha annunciato l’ampliamento dell’offerta internazionale e intercontinentale con 13 nuove mete, operate insieme con il partner Air France-Klm (azionista al 25%). Ma il passeggero che vada a cercare un volo diretto da uno degli scali italiani per queste destinazioni rimane a bocca asciutta: in tutti i casi dovrà passare da un aeroporto straniero che sia Parigi, Amsterdam e Lione.


è una cazzata?
Se devo andare in canada o in cina atterro prima a parigi si o no?

Nemolo.O
29-07-2009, 14.40.51
Veramente una bellissima merda. Se dovessi affrontare una tratta internazionale preferire andare in Germania con un lowcost, o direttamente in Francia -sempre con un lowcost- e da li poi prendere l'aereo per la tratta internazionale.

E sicuramente così costerà meno.

Ps.
E' veramente un disastro uno scalo in più. Sono minimo 3 ore perse, se va bene.

Berek
29-07-2009, 14.51.31
The Worst Airline Company in the World (http://www.michaeltotten.com/archives/2009/03/the-worst-airli.php)

E' molto lungo, io mi sono fermato a poco meno della metà perchè la nausea per quello che leggevo non mi permetteva di andare oltre.

Ciò nonostante ad una compagnia del genere non dovrebbe essere permesso di operare, non solo per i danni oggettivi che provoca ai malaugurati che si trovano a doversene servire, ma per lo smisurato danno d'immagine che provoca all'italianità tanto cara al nostro premier (che in quanto a danni d'immagine alla popolazione tutta non è secondo a nessuno).

funker
29-07-2009, 15.12.36
The Worst Airline Company in the World (http://www.michaeltotten.com/archives/2009/03/the-worst-airli.php)
Non ho parole.

Ghostkonrad
29-07-2009, 16.19.32
“What a strange country,” said a Pakistani man standing behind me in line.

Questo riassume tutto. :asd:

destino
29-07-2009, 17.49.11
Questo riassume tutto. :asd:

questo lo riassume meglio :sisi:

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/61/B-Capriola.gif

Doc Zeius
29-07-2009, 18.25.50
The Worst Airline Company in the World (http://www.michaeltotten.com/archives/2009/03/the-worst-airli.php)

E' molto lungo, io mi sono fermato a poco meno della metà perchè la nausea per quello che leggevo non mi permetteva di andare oltre.

Ciò nonostante ad una compagnia del genere non dovrebbe essere permesso di operare, non solo per i danni oggettivi che provoca ai malaugurati che si trovano a doversene servire, ma per lo smisurato danno d'immagine che provoca all'italianità tanto cara al nostro premier (che in quanto a danni d'immagine alla popolazione tutta non è secondo a nessuno).



Non per difendere alitalia, compagnia che odio con tutto il cuore e di cui ho sempre auspicato il fallimento, ma in quell'articolo ci sono un sacco di fregnacce, non tutti i disservizi di cui parla possono essere additati alla compagnia di volo.

Boe.
29-07-2009, 18.54.18
cosa di questa frase


Hong Kong, Singapore, Montreal, e non solo. Alitalia in questi giorni ha annunciato l’ampliamento dell’offerta internazionale e intercontinentale con 13 nuove mete, operate insieme con il partner Air France-Klm (azionista al 25%). Ma il passeggero che vada a cercare un volo diretto da uno degli scali italiani per queste destinazioni rimane a bocca asciutta: in tutti i casi dovrà passare da un aeroporto straniero che sia Parigi, Amsterdam e Lione.

è una cazzata?
Se devo andare in canada o in cina atterro prima a parigi si o no?

Beh se la leggi normalmente le parole in grassetto dovrebbero aiutarti. Alitalia non vola nelle "nuove" destinazioni, che in realtà non sono altro che accordi in code-share (ovvero venduti come alitalia ma operati da air france o klm) ma da la possibilità di arrivarci con un volo "marchiato" alitalia. Questo non sembrerebbe un grosso vantaggio ma in realtà lo è.

Se tu devi andare ad Hong Kong da Reggio Calabria prima eri obbligato a fare un biglietto Alitalia + un altro con altre compagnie (visto che l'alitalia non vola) con l'evidente svantaggio in caso di check-in, coincidenze e transiti. Ora il giovincello calabrese può acquistare un biglietto tutto alitalia, avendo a disposizione ad esempio i 2 colli di bagaglio previsti per l'internazionale (per il nazionale sono 20 kg ndr) fin dalla partenza. Può fare un unico check-in e se per qualsiasi malaugurata sorte il volo da reggio non dovesse partire per nebbia sarebbe compito dell'alitalia farlo arrivare comunque a destinazione, curandosi di riprotezione ed eventuale albergo.

Questo è un vantaggio tangibile.

La partnership con skyteam non può che far bene. I problemi di alitalia non sono certo quelli. Ne tantomeno quelli indicati nell'articolo di quel tipo (al momento ignoro chi sia..). A vederne di compagnie che volano con i sedili bucati, il personale incompetente e gli aeromobili catorcio.. Altro che alitalia.

Con ciò non cambio la mia personalissima idea che l'Alitalia doveva essere liquidata e non alle spalle di noi contribuenti..

destino
29-07-2009, 18.59.15
ok, quindi la risposta è "si, atterri a parigi" :asd:

MarcoLaBestia
29-07-2009, 18.59.25
ancora una volta, non ci voleva mandrake a capire ke berluscazzo ci sta affondando, per favorire sè stesso e i suoi quaranta ladroni.

"Tu scendi dalle stelle.." :asd:

AmeR
29-07-2009, 19.07.25
http://www.smilethat.org/wp-content/uploads/2009/04/83666445.jpg

Boe.
29-07-2009, 19.24.48
ok, quindi la risposta è "si, atterri a parigi" :asd:

fancu... Fai un discorso serio per un attimo. L'articolo è di parte e analizza situazioni non vere. Al momento alitalia ha cancellato poche destinazioni importanti e la logica del network (tra l'altro alitalia anni fa era già in skyteam) permette di aumentare l'offerta di voli con tariffe più vantaggiose per i clienti.

Questo non vuol dire che vai ad Hong Kong con alitalia con volo diretto da roma e visto che non ci andavi nemmeno prima non capisco quale sia il nocciolo del problema..

BVZM
29-07-2009, 21.09.26
Destino, te lo ripeto.

Dimmi cosa avete in mente tu e Fini.

E se fossero la stessa persona?

destino
29-07-2009, 21.22.08
fancu... Fai un discorso serio per un attimo. L'articolo è di parte e analizza situazioni non vere. Al momento alitalia ha cancellato poche destinazioni importanti e la logica del network (tra l'altro alitalia anni fa era già in skyteam) permette di aumentare l'offerta di voli con tariffe più vantaggiose per i clienti.

Questo non vuol dire che vai ad Hong Kong con alitalia con volo diretto da roma e visto che non ci andavi nemmeno prima non capisco quale sia il nocciolo del problema..

il nocciolo del problema è che berlusconi si è sempre opposto alla vendita a AirFrance per 2 motivi

1) vendere ai francesi voleva dire prendere malpensa e buttarla nel cesso, visto che la strategia dichiarata di Spinetta era quella di usare Parigi come hub internazionale anche per alitalia. Questo portava sia ad una perdita di posti di lavoro diretti a malpensa sia a perdita relativa all'indotta di manodopera specializzata in ricambi e manutenzione in generale
Inoltre il fatto che l'italia non avesse un hub internazionale da cui partire per le principali rotte del mondo avrebbe creato problemi significativi a chi viaggia per lavoro, visto che un conto è fare Roma-New York, un altro è fare Roma-Parigi-New york
2) il piano Spinetta prevedeva un esubero di posti di lavoro che i sindacati e lo stesso berlusconi riteneva troppo oneroso e di cui ovviamente airfrance era felice di liberarsi

Il cosiddetto piano Fenice nasce quindi con l'esigenza di dare all'italia un hub internazionale e una compagnia di bandiera che soddisfino i bisogni italiani, per questo motivo ci siamo accollati cassa integrati alitalia pagati come nababbi per quasi un decennio, per questo motivo ci siamo beccati il prestito ponte che ovviamente non è stato restituito e sempre per questo motivo abbiamo preferito vendere ad una cordata di persone scortate dai banchieri italiani piuttosto che ad un vettore internazionale.

Ora ci troviamo con malpensa dismessa, con gli esuberi che sono superiori a quelli del piano Airfrance, con la tratta Roma-Milano gestita in regime di monopolio e infine con la truffa che se devo andare a new york devo prima scendere dall'aereo e comprarmi la baguette dal panettiere parigino.

Quindi me ne frega poco o niente se quelle sono nuove rotte che prima alitalia non forniva, a me interessa che a livello politico berlusconi aveva promesso che quelle fossero tratte dirette dall'italia (roma o milano poco importa), invece ci siamo trovati nei fatti a vendere Alitalia a Airfrance a meno di un terzo di quanto loro stessi volevano offrire, accollandoci pure tutti i debiti della stessa

FALLEN_ANGEL_664
29-07-2009, 21.32.27
-spot Alitalia appena trasmesso-
Madre: Bello questo spot
Padre: Sì sì, proprio bello
Io: Si... non ti scrivono che t'hanno rubato 30 miliardi ma vabbè...

...

Madre: proprio bello sto spot
...

Direi che la cosa a fare schifo è l'Alitalia, ma la cosa che fà rabbrividire è la reazione italiana.

OT: a quanto pare io e la funzione cerca di questo forum non andremo mai d'accordo. :asd:

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Berek
30-07-2009, 01.36.36
ma in quell'articolo ci sono un sacco di fregnacce, non tutti i disservizi di cui parla possono essere additati alla compagnia di volo.

Guarda, anche se solo metà di quello che ha scritto fosse vero sarebbe già troppo. Che i disservizi indicati siano responsabilità di Alitalia o di un altra azienda ai clienti deve fregare niente, loro hanno pagato per essere trasportati con i propri bagagli e la compagnia deve eseguire. Se Alitalia non è in grado di farlo allora che si prenda cura della faccenda in maniera adeguata invece di nascondersi dietro a bugie o a scuse da quattro soldi (per non parlare dell'abbandono dei passeggeri a loro stessi).

Di0
30-07-2009, 06.45.12
Mi chiedo se facciano più male al turismo queste notizie o il portale magicitaly. :asd:

Boe.
30-07-2009, 10.39.35
Ora ci troviamo con malpensa dismessa, con gli esuberi che sono superiori a quelli del piano Airfrance, con la tratta Roma-Milano gestita in regime di monopolio e infine con la truffa che se devo andare a new york devo prima scendere dall'aereo e comprarmi la baguette dal panettiere parigino.

Premesso che una parte dell'intervento è corretta, vedo che continui a non capire. Non esiste nessuna cancellazione dei voli roma nyc..

Malpensa: non ha ragione di esistere. Che la dessero a chi la vuole comprare...

Abigail
30-07-2009, 11.56.15
(siamo il solo stato che ha due HUB).

Ahem. Mi permetto di intervenire solo per far notare che in Germania gli hub sono due, Francoforte e Monaco, e diventeranno tre appena sarà completato il nuovo aeroporto di Berlino. E si tratta di un paese che ha molti meno problemi di trasporti, integrazione territoriale e delocalizzazione produttiva rispetto al nostro.

Umilmente, mi si perdoni l'intromissione...
:) :) :)

Boe.
30-07-2009, 12.18.15
Mi consenta :)...

L'hub principale di Lufthansa è Francoforte, Monaco è decisamente meno importante. In ogni caso parliamo di un network assoluto (ben più importante di sky team) e di una compagnia che ha fondato Lufthansa Italia per potersi mangiare Malpensa..

karuga
30-07-2009, 12.21.02
Malpensa: non ha ragione di esistere. Che la dessero a chi la vuole comprare...

Per alitalia,è alitalia che non si merita malpensa.
Prima di radere al suolo un aeroporto con un indotto enorme e per cui i passeggeri attraversano le alpi per raggiungerlo io ci penserei bene.

Abigail
30-07-2009, 15.12.06
L'hub principale di Lufthansa è Francoforte, Monaco è decisamente meno importante. In ogni caso parliamo di un network assoluto (ben più importante di sky team) e di una compagnia che ha fondato Lufthansa Italia per potersi mangiare Malpensa..

Sta di fatto che Monaco è a tutti gli effetti un hub, con un notevole numero di collegamenti internazionali e intercontinentali, che di fatto costituisce un'alternativa a Francoforte per chi vola su tratte intercontinentali partendo o passando dalla Germania... Le dimensioni del network Star Alliance rispetto a Skyteam, in quest'ottica, sono irrilevanti: rimane il fatto che dire che "siamo il solo stato che ha due hub" è falso: un paese può, senza alcun problema, avere due hub, specie se, come l'Italia, esistono motivazioni oggettive, sia dal punto di vista geografico che economico, che ne giustificano l'esistenza...

Umilmente...
:) :) :)

Berek
30-07-2009, 15.24.43
C'è anche il problema che abbiamo troppi aeroporti, e troppo ravvicinati tra di loro, specialmente al nord...

karuga
30-07-2009, 16.04.31
C'è anche il problema che abbiamo troppi aeroporti, e troppo ravvicinati tra di loro, specialmente al nord...

Il problema si pone sono per la Lombardia,che effettivamente 3 son troppi.

Berek
30-07-2009, 16.29.04
Il problema si pone sono per la Lombardia,che effettivamente 3 son troppi.

Ma anche no... dai un'occhiata qui (http://www.enac-italia.it/Aeroporti_e_Compagnie_Aeree/Aeroporti_italiani/index.html)... a me sembrano tantini al nord...

karuga
30-07-2009, 16.34.48
Quella è una lista,pure incompleta.

Io parlavo di traffico aereo e passeggeri.

Berek
30-07-2009, 16.44.26
Incompleta o meno, sono troppi. Ci sono posti dove puoi trovare due aeroporti a distanza di nemmeno 100 km l'uno dall'altro, per non dire tre. Non ha senso, semplicemente non ha senso...

karuga
30-07-2009, 16.52.10
Ma non ha senso cosa?
Chiarisci,ti da fastidio il fatto che ci sono troppi aeroporti?
O ci sono troppi aeroporti per lo stesso numero di passeggeri?

Berek
30-07-2009, 17.16.46
Non ha senso avere due o più aeroporti a così breve distanza l'uno dall'altro. In Italia non esiste un sistema dei trasporti che sia organico e razionale e permetta gli spostamenti della gente in tempi umani, in condizioni decorose e ad un costo alla portata delle varie tasche.

Che senso ha, secondo te, avere 4 aeroporti dislocati lungo 213 km (faccio l'esempio dell'Emilia Romagna)? Sono quasi uno ogni 50km... Non sarebbe meglio averne di meno, più grossi se vuoi (se la tua paura è che non possano servire abbastanza passeggeri), ma collegati da un sistema di autostrade e ferrovie efficiente? Ed invece no, abbiamo le ferrovie ridotte come sono, le autostrade ferme a 50 anni fa, un sistema di aeroporti sbilanciato e ridondante dove opera una compagnia di bandiera (LOL) che avrebbe dovuto fallire e che tutt'ora fa fatica a stare a galla con tutto che gli italiani hanno pagato di tasca loro le porcate di chi ha provveduto ad affossare tale compagnia.

Boe.
30-07-2009, 17.36.41
Per alitalia,è alitalia che non si merita malpensa.
Prima di radere al suolo un aeroporto con un indotto enorme e per cui i passeggeri attraversano le alpi per raggiungerlo io ci penserei bene.

Potrebbe anche essere non fosse che a 30 Km c'è linate (che era più che sufficiente per gestire il traffico milanese e/o internazionale). Potrebbe anche essere un buon hub non fosse che il traffico nazionale è prevalentemente dirottato su linate e che tante compagnie aeree estere preferiscono atterrare a linate.

Malpensa è stato un fallimento annunciato, un aeroporto nato per i soli interessi economici e non per una reale richiesta di mercato.

karuga
30-07-2009, 19.16.49
Potrebbe anche essere non fosse che a 30 Km c'è linate (che era più che sufficiente per gestire il traffico milanese e/o internazionale). Potrebbe anche essere un buon hub non fosse che il traffico nazionale è prevalentemente dirottato su linate e che tante compagnie aeree estere preferiscono atterrare a linate.

Malpensa è stato un fallimento annunciato, un aeroporto nato per i soli interessi economici e non per una reale richiesta di mercato.

Si,ma tra i due ora come ora sacrificherei linate,malpensa ha più infrastrutture tanto per cominciare. Inoltre può proprio fisicamente sostenere quelle che dovrebbe essere il traffico di un vero hub.
I collegamenti di cui parla berek da e per malpensa ci sono: treni, bus, autostrade, tangenziali e statali.

FALLEN_ANGEL_664
30-07-2009, 20.46.05
Ma anche no... dai un'occhiata qui (http://www.enac-italia.it/Aeroporti_e_Compagnie_Aeree/Aeroporti_italiani/index.html)... a me sembrano tantini al nord...

Mha, non credi di buttarla un pò troppo sul semplice?

Non tieni in considerazione parecchie variabili. Anzi, ne prendi solo una alquanto vaga.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Boe.
30-07-2009, 20.59.33
ovvero?

karuga
30-07-2009, 23.26.11
ovvero?

Mi pare che stia buttando li a casaccio una lista di aeroporti, tanto per giustificare il fatto che ce ne sono troppi.
Allora,come ho detto Bergamo, Linate e Malpensa sono troppo vicini. E' indiscutibile.
Ma buttare nella lista anche aeroporti come Verona,Parma, Forlì e Rimini e cercare di ficcarli a forza nel discorso mi pare errato.
Qui si parla di hub,non di piste che son riuscite a fare 10000 passeggeri in un anno.

Berek
31-07-2009, 00.14.33
Mi pare che stia buttando li a casaccio una lista di aeroporti, tanto per giustificare il fatto che ce ne sono troppi.

Ripeto: che senso ha avere 4 aeroporti nel giro di 200 km (anche meno nel caso della Lombardia)?

Io ho semplicemente indicato la lista degli aeroporti pubblicata dall'ente ad essi preposto. Se sono buttati lì a casaccio non saprei, sicuramente per come sono dislocati sul territorio nazionale non dimostrano una gran logica di razionalizzazione delle risorse.

Al di là della disposizione, rimane il fatto che secondo me ce ne sono anche troppi. Prendiamo un paese dalla superficie poco maggiore rispetto all'Italia: il Giappone. Se andiamo a guardare la lista degli aeroporti giapponesi (http://www.orariovoli.com/Aeroporti/asia/giappone.htm) e quelli italiani (http://www.orariovoli.com/Aeroporti/italia/italia.htm) (su di un altro sito perchè quello che ho linkato non ti piace) scopriamo che nel nostro caso ne abbiamo tipo 3 volte tanti. Non saranno tutti? Ok, probabile, ma possibile che ci sia una così grande differenza per due paesi così simili come superficie (e non dimentichiamoci che il Giappone ha qualcosa come il doppio degli abitanti dell'Italia)? Com'è che loro con meno aeroporti e più abitanti vanno avanti lo stesso e decisamente meglio di noi? Forse perchè loro ci pensano e ci si mettono perchè le cose vadano bene.


Qui si parla di hub,non di piste che son riuscite a fare 10000 passeggeri in un anno.

No, qui veramente abbiamo iniziato a parlare di Alitalia (post di Destino), ma visto che ci siamo spostati sul discorso di Malpensa allora penso che ci si possa spostare anche a parlare dell'intera situazione nazionale dell'aviazione, no? O forse l'unico problema in questo campo è la destinazione di tale aeroporto?


Mha, non credi di buttarla un pò troppo sul semplice?

Non tieni in considerazione parecchie variabili. Anzi, ne prendi solo una alquanto vaga.

Non pretendo di avere la situazione completamente sotto controllo, tu quali altri aspetti hai trovato? Perchè ritieni che la mia osservazione sia vaga? Non è fin troppo evidente il paradosso di avere 4 aeroporti (fossero poi solo 4, se guardiamo a tutto il nord) concentrati a breve distanza l'uno dall'altro in un paese come l'Italia?

karuga
31-07-2009, 09.36.18
Hai seriamente paragonato un Paese che comprende 3000 isole ed è completamente montuoso all'Italia?

hamlin83
31-07-2009, 12.02.18
non ha molto senso tirare in ballo gli aeroportini d'italia, molti dei quali magari non sono neanche serviti da alitalia, o tutt'al più quest'ultima gestisce un solo collegamento.

i tre aeroporti di milano hanno senso di esistere?sì
anche bergamo su cui sono stati dirottati il 50% dei voli low cost.

non si può chiudere un aeroporto che è costato un patrimonio, sfruttato da tutte le industrie del nord (e quindi quasi tutte le industrie italiane) per far viaggiare dipendenti e prodotti all'estero.

se è fallito ringraziamo pure i sindacati e la loro gloriosa gestione di alitalia negli ultimi 20 anni

karuga
31-07-2009, 12.28.35
non ha molto senso tirare in ballo gli aeroportini d'italia, molti dei quali magari non sono neanche serviti da alitalia, o tutt'al più quest'ultima gestisce un solo collegamento.

i tre aeroporti di milano hanno senso di esistere?sì
anche bergamo su cui sono stati dirottati il 50% dei voli low cost.

non si può chiudere un aeroporto che è costato un patrimonio, sfruttato da tutte le industrie del nord (e quindi quasi tutte le industrie italiane) per far viaggiare dipendenti e prodotti all'estero.

se è fallito ringraziamo pure i sindacati e la loro gloriosa gestione di alitalia negli ultimi 20 anni

In grassetto mi trovi d'accordo.
Sul resto un po' meno. Per carità,non voglio far chiudere ne Bergamo ne Linate, ma è palese che tre aeroporti del genere nella sola Lombardia sono troppi,Malpensa può e dovrebbe gestire tutto.
Il resto lo si deve implementare in treni e navette varie che da Malpensa portino ovunque.

FALLEN_ANGEL_664
31-07-2009, 20.14.54
Non pretendo di avere la situazione completamente sotto controllo, tu quali altri aspetti hai trovato? Perchè ritieni che la mia osservazione sia vaga? Non è fin troppo evidente il paradosso di avere 4 aeroporti (fossero poi solo 4, se guardiamo a tutto il nord) concentrati a breve distanza l'uno dall'altro in un paese come l'Italia?

Non ho neanche io la situazione sottomano. Ma credo che considerare solo la distanza tra i singoli aeroporti sia alquanto riduttivo se non si considera ad esempio:
1) il volume di traffico richiesto
2) i costi che trasporti alternativi richiederebbero rispetto a quelli dell'aeroporto
3) la capacità degli aeroporti (lunghezza e larghezza piste, numero di piste, organizzazione delle piste, numero di "parcheggi") e le loro possibilità di ampliamento

Non me ne vengono al momento altre, ma già qui direi che abbiamo qualche considerazione in più da fare. Non dico che non possano essere troppi, dico solo che mi sembra fin troppo sbrigativo come ragionamento.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

FiLoX
03-08-2009, 12.54.30
Mi sfugge come da Malpensa tu possa pensare di raggiungere tutto il resto della Lombardia, dato che l'autostrada è tutto fuorchè scorrevole e gli altri collegamenti inesistenti o perennemente in ritardo. L'articolo è uno spunto di discussione (almeno per la prima parte) che fa capire come mai spesso le cose non funzionino: funzionari che arrivano e se ne vanno senza dare spiegazioni, contro la legge eccetera. Non so se ora la situazione sia diversa, ma della compagnia di bandiera in senso stretto me ne frega meno di zero: molto meglio avere degli aeroporti funzionanti e a pieno servizio, anche se ravvicinati. Non ditemi comunque che in Lombardia ci sono troppi aereoporti, Londra ha Heatrow, Gatwick, Luton e Stansted nelle immediate vicinanze e il più grosso lo si raggiunge tranquillamente in metropolitana: se riuscissimo anche noi ad implementare un servizio del genere, non ne guadagneremmo tutti? Certo, ma è anche vero che Malpensa è ad una distanza siderale da Milano, così com'è vero che Linate è ad una distanza inferiore rispetto ai collegamenti della Tube londinese con capolinea come lo stesso Heatrow o Uxbridge (e in un paese che si atteggia da G8 dovrebbe quindi essere raggiungibile); l'assenza di un piano coerente di fondo ha pregiudicato la viabilità dei collegamenti per gli aereoporti lombardi e non so come si possa cambiare tutto questo. Non capisco neanche come mai esistano ancora le compagnie di bandiera su alcune tratte, visti i prezzi, ma questa è un'altra storia.

Nemolo.O
03-08-2009, 14.21.18
[quasi ot]

A me risulta che anche prima non esistevano voli diretti, per esempio, Italia - USA. Se è così non ho capito il problema.

O.o

hamlin83
03-08-2009, 15.37.21
[quasi ot]

A me risulta che anche prima non esistevano voli diretti, per esempio, Italia - USA. Se è così non ho capito il problema.

O.o

ehm veramente no....quando cai ancora non c'era potevi andare direttamente da milano a new york, boston, chicago, miami, atlanta etc etc...ora invece puoi farlo solo da roma con alitalia, e da milano con altre compagnie

Daniel_san
03-08-2009, 16.56.47
questo lo riassume meglio :sisi:

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/61/b-capriola.gif

:|

-_-'

Boe.
03-08-2009, 19.08.50
ehm veramente no....quando cai ancora non c'era potevi andare direttamente da milano a new york, boston, chicago, miami, atlanta etc etc...ora invece puoi farlo solo da roma con alitalia, e da milano con altre compagnie

New York: Alitalia continua a volare sia da Fiumicino che da Malpensa. Da Malpensa un volo operato direttamente e uno in code share..

Alcuni voli sono stati cancellati per via della riorganizzazione strutturale di CAI non certo per fare pagare malpensa..

hamlin83
03-08-2009, 21.01.47
New York: Alitalia continua a volare sia da Fiumicino che da Malpensa. Da Malpensa un volo operato direttamente e uno in code share..

Alcuni voli sono stati cancellati per via della riorganizzazione strutturale di CAI non certo per fare pagare malpensa..

son rimasti new york e tokyo (mi pare)

turro il resto, nord america, sud america, cina giappone india è stato spostato su fiumicino

Elendil_1
03-08-2009, 22.43.18
Non so se ora la situazione sia diversa, ma della compagnia di bandiera in senso stretto me ne frega meno di zero: molto meglio avere degli aeroporti funzionanti e a pieno servizio, anche se ravvicinati. Non ditemi comunque che in Lombardia ci sono troppi aereoporti, Londra ha Heatrow, Gatwick, Luton e Stansted nelle immediate vicinanze e il più grosso lo si raggiunge tranquillamente in metropolitana

E' anche vero però che la sola Londra ha tanti abitanti quanto l'intera Lombardia ed un traffico aereo decisamente superiore.

aries
07-08-2009, 12.51.45
Ieri sera servizio del tiggì con berlusconi eroe che è riuscito a siglare un accordo con turchia e russia per un nuovo gasdotto.

Oggi questo (http://www.repubblica.it/2009/07/sezioni/economia/eni-gas/turchia-berlusconi/turchia-berlusconi.html).


:roll3:

funker
07-08-2009, 12.57.11
"Ma siccome si trattava di Berlusconi, ha solo fatto sorridere i due leader".

FiLoX
07-08-2009, 12.58.32
"Ma siccome si trattava di Berlusconi, ha solo fatto sorridere i due leader".
E' questo il vero dramma.

destino
07-08-2009, 13.52.16
il solito alto esponente dell'esecutivo di cui non si conosce il nome.

Saranno gli stessi che dicevano al guardian che gli altri paesi consideravano l'organizzazione italiana del g8 una merda, venendo clamorosamente smentiti poi da tutti i leader del mondo?

Ma soprattutto, cosa centra tutto questo con Alitalia? :asd:
Ariella sciò, aprici un topic tuo :asd:

vespino
07-08-2009, 14.09.59
Hanno rifatto di nuovo una immane cagata.E c'è chi ancora insiste per Maplensa...bah! Era meglio davvero se Prodi l'aveva venduta e via a questo punto ( anche se ogni stato, aimè,è giusto abbia la propria compagnia)

Ghostkonrad
07-08-2009, 15.40.02
Carino come gli americani vedono la nostra compagnia di bandiera (perchè sul fatto che rappresenti l'italian difference non vi è dubbio):

Aircraft
Landed
In
Tokyo
All
Luggage
In
Alaska

:asd:

Di0
07-08-2009, 21.15.00
Carino come gli americani vedono la nostra compagnia di bandiera (perchè sul fatto che rappresenti l'italian difference non vi è dubbio):

Aircraft
Landed
In
Tokyo
All
Luggage
In
Alaska

:asd:


Vabbe', ieri sera mi fanno:
"Sai per cosa sta IOWA?"
"Nou, per cosa?"
"I Owe World an Apology"
Mia risposta (ad una ragazza texana):
"Ah, curioso, pensavo che quello fosse il significato di TEXAS".
:asd:
Quelli hanno un acronimo buffo per tutto, gli aeroplani ETOPS (Extended-range Twin-engine Operational Performance Standard) sono tutti quegli aerei che, come bimotori, hanno comunque i requisiti di sicurezza necessari ad attraversare i due oceani. In pratica, ti dicono che se si fotte un motore, l'aereo dovrebbe poter volare con sicurezza fino alla pista più vicina, anche se in mezzo all'oceano. Amichevolmente ribattezzato con: Engine Turning Or Passengers Swimming. :roll3:

Ghostkonrad
08-08-2009, 02.38.39
In effetti c'era anche:

Fix
It
Again
Tony
:asd:

Ma gli acronimi che mi hanno fatto più lollare sono stati quelli del CERN, della serie "diamo all'esperimento un nome figo, poi tiriamo per i capelli un acronimo che lo giustifichi". Così si ottiene:

A
Toroidal
Lhc
ApparatuS

Compact
Muon
Solenoid

DEtector with
Lepton
Photon and
Hadron
Identification
:roll3:

giogothico
08-08-2009, 02.48.14
Aircraft
Landed
In
Tokyo
All
Luggage
In
Alaska


Io sapevo

Always
Late
In
Taking
Always
Late
In
Arrival