PDA

Visualizza versione completa : Conosci disoccupati o precari?



BESTIA_kPk
07-05-2009, 14.02.10
Son curioso di saperne di più al riguardo.
Tra tg e giornali capisco poco, ad es. per parlare di industrie automobilistiche in crisi fan vedere le catene di montaggio in funzione... mha.

Il mio lavoro m'ha permesso di farmi un'idea, che è per ovvi motivi "limitata".
So che dopo ottobre 2008 moltissime piccole e medie aziende italiane hanno fatto ricorso a cassa integrazione, mobilità, licenziamenti, ecc ecc.
Mi riferisco in particolare ad officine e artigiani, dove ho potuto parlare *direttamente* con dipendenti e/o titolari.

Parecchie ditte dopo il calo di lavoro han cercato di rialzarsi, ma le relative banche non concedevano fidi o mancavano liquidità (i termini corretti pregherei che qualcuno si metta a spiegarli, io non sono in grado).
Tradotto mi si diceva: "la banca ha cambiato modus operandi e non mi permette di proseguire il lavoro come prima: non potendo acquistare le materie prime non posso lavorarle".

Mese dopo mese ho visto letteralmente scomparire dipendenti dai loro posti di lavoro.
Sempre per "sentito dire" e quindi sempre su ragionamenti teorici, in alcuni casi in modo "chiaro e legale" mentre in altri casi con metodi meno corretti... c'è chi attua mobbing per far scappare la gente e chi gli suggerisce di fingere malattie per sgravare i costi aziendali [?].
Discorso a parte millemila curriculum che volano per millemila agenzie di lavoro interinale.

La situazione mi ha portato a farmi un'idea: la crisi è grave e si prolungherà sicuramente per altri mesi, in peggiorando.
Idea che può esser sbagliata eh, son qui per metterla in discussione ^^

Vorrei sapere da voi:
1) cosa vedi attorno a te? tu lavori? i genitori/parenti/amici?
2) che lavori vedi in difficoltà e che lavori vedi andar bene?
3) che contromisure prende un disoccupato o un lavoratore a tempo determinato per pagarsi il mutuo o *mangiare* ? e l'imprenditore che chiude per fallimento a che grane va incontro?


Io vedo:
1] difficoltà a trovare un posto di lavoro+necessità di risparmiare+gente che stà rischiando
la casa o l'auto
2] quasi tutti i settori inerenti meccanica e tessile esclusi alcuni che hanno commesse con
settori di nicchia speciali [chimica, farmaceutica, alimentare]
3] dopo la cassa integrazione? chiedere prestiti in banca? chiedere aiuto ai parenti?

ps: wtf? non ho usato faccine per sdrammatizzare?!? :japu:

sara_bleeckerst
07-05-2009, 14.32.53
1) attorno a me ho mia sorella, laureata e masterizzata (:asd: ) tutto in tempo e con il massimo dei voti in scienze della comunicazione (vecchio ordinamento) che sta con un contratto a progetto da 3 anni se non ricordo male (nel senso che glielo rinnovano ogni anno), e, al momento, prende 1200 euro al mese.

la sua capa dovrebbe versargli una parte dei contributi ma non lo ha mai fatto, purtroppo lei non può andare via, causa mancanza di richieste nella sua "specializzazione", che sarebbe web content editor, più altre parole che non ricordo :asd:

poi vedo la mia amica ale, con cui convivo da 7 anni, che si è laureata in sociologia 2 o 3 anni fa, non ricordo, non ha mai trovato un lavoro e ha dovuto ripiegare facendo un corso per fare la maestra d'asilo e il resto del tempo lavora in nero come baby sitter guadagnando 650 euro al mese.
ovviamente non camperebbe se la madre non le desse un minimo di sostentamento

ma ho almeno altre 10 persone messe come ale eh

2) non vedo in serie difficoltà le varie ingegnerie, soprattutto informatica, elettronica (ma di meno), meccanica, elettrica.
certo, magari trovi un lavoro che ti fa cacare, ma lo trovi, sempre meglio del nulla
un po' in crisi anche il settore della medicina, ad eccezione forse di un paio di specialistiche, e cioè anestesia e radiologia, se vuoi provare a fare il cardiologo o il pediatra o il neurologo puoi aspettare fino a 35 anni anche solo per entrare nella scuola di specializzazione.

3) le contromisure che prende un disoccupato o un lavoratore precario che non campa con il proprio stipendio sono sostanzialmente due:

- o si fa aiutare dia genitori (per quelli che ce li hanno e che comunque siano disposti a parargli il culo a tempo indeterminato)

- o fa due lavori, invecchiando a tempo record, ma almeno magna. :sisi:

è un mondo difficccile :tsk:

kakikoio
07-05-2009, 14.35.41
Per quanto mi riguarda

1) cosa vedi attorno a te? tu lavori? i genitori/parenti/amici?
Lavorando in comune, lavorano tutti me compreso. Mi madre lavora, mio padre è in pensione. Parenti un lavorano quasi tutti o sono in pensione. Amici lavorano tutti, o in proprio o a contrtto sia determinato che indeterminato.

2) che lavori vedi in difficoltà e che lavori vedi andar bene?

Vedo andare bene i call center sia generici che tecnici, grandi aziende. Male industrie i genitori e il marito di una mia collega tutti nell'industri sono in cassa integrazione.

3) che contromisure prende un disoccupato o un lavoratore a tempo determinato per pagarsi il mutuo o *mangiare* ? e l'imprenditore che chiude per fallimento a che grane va incontro?
Quando ero in quella situazione, avevo un secondo lavoro in nero.

bejita
07-05-2009, 14.56.51
1) cosa vedi attorno a te? tu lavori? i genitori/parenti/amici?
a ottobre sono rimasto a casa 15gg per il dl112 che mollava a casa tutti i precari della PA con più di 3 anni di rinnovi, poi sono rientrato in un altro ente collegato alla Provincia dove serviva un sistemista, precario, fino a fine anno.
I miei genitori sono pensionati
I miei amici sono divisi tra chi è universitario perenne, chi fa lavoretti del cazzo alla giornata, chi si è visto lo stipendio dimezzato e chi è stato proprio silurato
Il marito di mia cugina è rimasto senza lavoro dopo che il titolare è scappato facendo fallire l'azienda. Al momento sopravvivono con una figlia piccola con un solo stipendio.

2) che lavori vedi in difficoltà e che lavori vedi andar bene?
più o meno tuti i settori merceologici sono collegati. La PA va bene finchè si fa salire il debito pubblico, ma già l'ente dove sto io che va avanti con finanziamenti a progetto, corsi a pagamento e non con i proventi delle tasse fa molta fatica ad avere liquidità per il materiale di consumo.
I settori che vanno bene sono quelli che la gente si fa mancare per ultimo immagino.

3) che contromisure prende un disoccupato o un lavoratore a tempo determinato per pagarsi il mutuo o *mangiare* ? e l'imprenditore che chiude per fallimento a che grane va incontro?

il disoccupato o precario se non può pagarsi il mutuo torna con i suoi, cmq non sono infrequenti casi di coabitazione con più persone, anche estranee per dividersi le spese (cmq non includerei il disoccupato tra questi)

lmprenditore che fallisce o scappa con la grana come l'ex datore del marito di mia cugina, o si spara come alcuni conoscenti della mia ragazza, o si ricicla in altri lavori più modesti

Ghostkonrad
07-05-2009, 15.15.52
1) I miei lavorano, e preferirebbero di gran lunga continuare a farlo invece di andare in pensione (che tocca a entrambe in capo 5 anni, in media). Hanno avuto la fortuna di iniziare a lavorare in un periodo con molte meno ristrettezze di questo. Io per parte mia non lavoro (non sono fuori sede), ma ultimamente ho una mezza idea di mettermi dare ripetizioni di matematica agli studentelli delle medie, se lo studio mi lascia del tempo (quindi questo allucinante semestre non credo :asd:).

2)Vedo il mio esercitatore di elettromagnetismo (http://it.wikipedia.org/wiki/Giovanni_Amelino-Camelia) che in italia fa il ricercatore, mentre altrove sarebbe come minimo un associato.
Vedo stanze nel mio istituto dove la percentuale di precari è del 100% (lo scrivono sulla porta).
Anche io vedo che gli ingegneri sono quelli con la più alta probabilità di trovare lavoro (e in media guadagnano di più), mentre mi chiedo come si possa essere tanto kamikaze da prendere, ad esempio, giurisprudenza (come forse farà mia sorella), o altre cose super-inflazionate come filosofia o lettere.
Io per parte mia conto sul fatto che i fisici in italia sono pochi; e che la prospettiva di andarmene all'estero (perchè mi toccherà, senza dubbio alcuno) più che pesarmi, mi solleva.

3) Quello che ha detto Sara

Fabio
07-05-2009, 15.33.13
1) cosa vedi attorno a te? tu lavori? i genitori/parenti/amici?
Qui in Romagna, al momento, la situazione è ancora relativamente positiva. Io lavoro come consulente informatico (con contratto di apprendistato nonostante la laurea), mio fratello più piccolo ha un contratto a tempo indeterminato in una grande catena di ristorazione (ma lui la laurea manco l'ha vista in fotografia), mio padre è in pensione e mia madre lavora soltanto d'estate come segretaria d'albergo.
Gli amici lavorano quasi tutti e con contratti a tempo indeterminato (lo so che è un'anomalia, però conosco persone di questo tipo): qualcuno ha abbandonato lo scorso anno il posto di lavoro per tornare a fare la specialistica e mettersi successivamente in proprio, un paio recentemente sono stati messi in cassa integrazione, uno ha perso il lavoro qualche giorno fa (la sua azienda ha annunciato la chiusura della divisione per cui lavora lui qualche giorno fa... questa avverrà nei primi giorni di Giugno). Ovviamente sono quasi tutti laureati in materie tecniche o scientifiche. Le ragazze che conosco, le amiche, quasi tutte laureate in Scienze della Comunicazione, si arrabattano come possono: qualcuna lavora come web designer, qualcuna fa la commessa, qualcuna non fa nulla.

2) che lavori vedi in difficoltà e che lavori vedi andar bene?
E' in difficoltà la produzione industriale e tutto ciò che è ad essa collegato. Anche noi informatici, che forniamo servizi alle industrie, siamo danneggiati di ritorno perché le aziende chiedono meno servizi, meno ore di lavoro e così via dicendo.
Vedo andar bene tutti i lavori legati allo sviluppo delle nuove tecnologie, al web. Tanto che, nel tempo libero, sto investendo soldi e tempo in un progetto legato a queste cose e spero che mi vada bene così da potermi mettere in proprio. Ci credo molto.

3) che contromisure prende un disoccupato o un lavoratore a tempo determinato per pagarsi il mutuo o *mangiare* ? e l'imprenditore che chiude per fallimento a che grane va incontro?
Beh, quella del secondo lavoro, se uno ci riesce, è sempre una risorsa da non sottovalutare. Io sapendo a cosa si rischiava di andare incontro, ho sempre arrotondato (e non in nero, lo stato mi deve ringraziare). Se uno può tornare a casa dai genitori, bene, altrimenti non saprei proprio dire che contromisure possa prendere, se non quella di trovarsi un altro lavoro o di inventarsi qualcosa da fare.
L'imprenditore che chiude, beh... siamo in Italia, nessuno gli farà nulla.

Di0
07-05-2009, 15.49.52
1) cosa vedi attorno a te? tu lavori? i genitori/parenti/amici?
Mia mamma lavora in una segreteria scolastica, a fine anno dovrebbe essere perdente posto. Mio padre è in pratica pensionato.
Per i miei amici, soprattutto ingegneri, non è difficile trovare "lavoretti" o contratti a termine, o tirocini pagati (magari poco, ma sempre pagati), assegni vari etc. etc. Diverso è il discorso per trovare un lavoro degno di tale nome. In generale, in altri ambiti, vedo che dopo qualche mese di ricerca, qualcosa comunque arriva sempre, ma il mio campione è limitato: il nord-est è pur sempre tra le zone geografiche con più lavoro d'europa, anche se è forse la zona che più ha sentito la concorrenza dell'est lontanto e vicino.
Io mi sono laureato a marzo, avevo ricevuto la proposta per un contratto di ricerca negli USA prima ancora di laurearmi, recentemente ho accettato e tra 4-5 giorni parto per trasferirmi di là più o meno per sempre, se tutto va bene e me lo auguro.

2) che lavori vedi in difficoltà e che lavori vedi andar bene?
Male le industrie meccaniche (FIAT in primis, checché ne dicano ai TG, gli Amministratori Delegati mandano i fascisti su marte e gli operai sono in cassa integrazione a singhiozzo), il piccolo commercio è in calo ma non mi pare disastroso (non conosco nessuno che abbia dovuto "chiudere bottega", per quanto tutti si lamentano a vario titolo), il mio settore (quello aeronautico) non l'ho ancora capito, ricevo notizie contrastanti.

3) che contromisure prende un disoccupato o un lavoratore a tempo determinato per pagarsi il mutuo o *mangiare* ? e l'imprenditore che chiude per fallimento a che grane va incontro?

Non lo so, conosco poca gente che è stata "licenziata in tronco", suppongo che in quei casi non ci sia niente da fare. Amici e amiche che hanno perso il lavoro, sono riusciti a "riciclarsi" in un paio di mesi al massimo. Certo, se sei senza lavoro, non è che hai molte alternative: se i genitori possono, aiutano, altrimenti ciccia.
L'imprenditore che chiude per fallimento credo che abbia i suoi sistemi per pararsi il culo, se non c'ha pensato, peggio per lui: doveva essere più previdente. Purtroppo però ho paura che la regola sia: quelli che ci hanno pensato e hanno il culo parato e anzi ci guadagneranno, sono i disonesti che, facendo carte false, non aspettavano altro. Quelli che invece hanno provato a gestire al meglio l'azienda e sono falliti davvero, rimanendo senza niente, magari erano le persone più oneste. Magari, poi non è detto che le due cose siano collegate.

Scusa ma:



2)Vedo il mio esercitatore di elettromagnetismo che in italia fa il ricercatore, ...
uno con un curriculum simile fa l'esercitatore di EMG? :roll3: In Italia stiamo messi alla frutta e qualcuno parla ancora di far tornare indietro i cervelli, già mi chiedo perché alcuni lo facciano (di certo, per motivi personali e non per carriera scientifica, visto che in italia queste parole non esistono).

bejita
07-05-2009, 16.00.50
Io mi sono laureato a marzo, avevo ricevuto la proposta per un contratto di ricerca negli USA prima ancora di laurearmi, recentemente ho accettato e tra 4-5 giorni parto per trasferirmi di là più o meno per sempre, se tutto va bene e me lo auguro.

http://screenrant.com/wp-content/uploads/sarah-connor-california-drone.jpg

? :asd:

vespino
07-05-2009, 16.41.14
1) cosa vedi attorno a te? tu lavori? i genitori/parenti/amici?

Studio e cerco lavoro, ma è raro trovarlo in questo momento. Mia madre ha la fortuna di essere professoressa(anche se con il cretino di brunetta ha perso questo mese 100€ anche se aveva il certificato del pronto soccorso e del dottore....on ho parole!)e quindi stipendiata fissa. BAbbo ha uan sua ditta che ora sta investendo nell'energia verde eolico etc. Ma lavoro ZERO.Lo stato non investe in quella direzione, le banche non danno fondi etc etc...mio cugino lavora in una ditta di piante con la ragazza e famiglia e da settembre 2008 i lavori sono dimezzati..conosco vari genitori di amici che hanno perso il lavoro tra gennaio 2009 e ora!La situazione mi fa tremare...una volta andai all'agenzia delle entrate per registrare la mia associazione, c'era una fila di gente che chiedeva un modulo e la segretaria chiedeva "lavora?" risposte: " no perso il lavoro, disoccupato, etc etc.."

2) che lavori vedi in difficoltà e che lavori vedi andar bene?

Vedo andare male le piccole ditte, perchè lo stato non aiuta. In prato va malissimo il tessile( a seconda delle cose; la texaco di mia zia si è specializzata in roba pregiata e va bene).Poi i pratesi sono degli sperperoni di soldi e hanno sfruttato i cinesi fino a che non glielo hanno messo nelle chiappette..quindi li la situazione è un pò strana..Vanno bene a occhio i bar, ristoranti e negozi alimentari..perchè si sa "il cibo vende sempre.."


3) che contromisure prende un disoccupato o un lavoratore a tempo determinato per pagarsi il mutuo o *mangiare* ? e l'imprenditore che chiude per fallimento a che grane va incontro?

Purtroppo una persona che conosco, dopo aver perso il lavoro e avere il mutuo da pagare ogni mese e mantenere 3 figli e non trovando altri lavori(ha pure 50 anni..) si è datta alla prostituzione...forse scelta drastica, ma ci sono i figli di mezzo anche...gli altri cercano lavoro...

angelheart
07-05-2009, 17.45.38
Sono disoccupata :)
Mia madre è disoccupata :)
A mio padre hanno ridotto le ore di lavoro :)

ARDDDT23
07-05-2009, 18.30.38
2)Vedo il mio esercitatore di elettromagnetismo (http://it.wikipedia.org/wiki/Giovanni_Amelino-Camelia) che in italia fa il ricercatore, mentre altrove sarebbe come minimo un associato.



°o°°o°°o°°o°°o°°o°°o° ma non è possibile!

Nemolo.O
07-05-2009, 18.53.10
1) cosa vedi attorno a te? tu lavori? i genitori/parenti/amici?

Io ho uno contratto part-time presso un ipermercato, faccio orari assurdi per pagarmi l'università.
Vedo che : ci sono meno vendite. Io lavoro presso il reparto macelleria e per avere un afflusso di gente medio bisogna mettere in sconto il petto di pollo al 40%. Ed è uno sconto esagerato rispetto alla norma (per intenderci) Sono cambiati anche i prodotti che vanno : frattaglie di seconda qualità (poco fegato di vitello che costa come una fiorentina), per esempio ritagli di pollo, confezioni da 1,5 kg che contengono ossa , ossa e ossa di pollo. Non hai idea di quante se ne vendono. L'unico reparto che vedo funzionare un po' a regimi quasi normali è quello ortofrutta. Hi-fi , tecnologia ecc. tutti in disastro.
Il personale è stato ridotto. Hanno fatto scadere i contratti a termine, "obbligano" a fare le ferie ai dipendenti coop in modo da poter tener il maggior numero di interinali. Ogni 5 contratti scaduti più o meno, c'è stato un dipendente assunto tramite coop invece che agenzia interinale (è una mia statistica molto buttata lì).

2) che lavori vedi in difficoltà e che lavori vedi andar bene?

Vorrei sapere perché spuntano come funghi i "compro-oro pago in contanti" :asd:
Vanno bene le catene tipo LIDL e su questa falsa riga. Non sono capace di fare altre previsioni : |

3) che contromisure prende un disoccupato o un lavoratore a tempo determinato per pagarsi il mutuo o *mangiare* ? e l'imprenditore che chiude per fallimento a che grane va incontro?

Ad un mio collega non è stato rinnovato il contratto. Come me studia, ha da pagarsi l'affitto. Prende l'assegno di disoccupazione e ci sta dentro col mangiare. Non ha altre spese, andrà avanti così fino alla laurea (dicembre, quindi non conta di fare così per molto).

:birra:

Di0
07-05-2009, 18.57.20
http://screenrant.com/wp-content/uploads/sarah-connor-california-drone.jpg

? :asd:

No, ultimamente preferisco pensare a me ridotto così:
http://img2.timeinc.net/ew/dynamic/imgs/080212/Battlestar-Galactica_l.jpg
:asd:

Wiz
07-05-2009, 20.37.06
Piccola premessa sul tuo discorso liquidita' alle imprese/privati.
Le banche (e i leasing), dopo tutto il casino che c'e' stato, hanno cambiato procedure esecutive.
Se prima io (ndF, lavoro per un notaio) chiamavo la tal banca dicendo: guarda, tizio vuole fare un mutuo tra 15-20 giorni, mi ha appena portato i documenti, devo fare le varie visure catastali ed ipotecarie (aka le ispezioni per capire lo stato di un immobile, le relative ipoteche, i gravami, eccetera), appena ho tutto pronto ti faccio avere la relazione notarile (in parole povere il documento con il quale il notaio attesta che l'immobile e' per esempio libero da ipoteche, che non ci sono donazioni nel ventennio, eccetera, documento, per altro, sulla base del quale la banca stende la sua minuta del mutuo), la banca mi diceva: Ok.
Adesso, anche per clienti "noti" (ed affidabili), e' diventato tutto piu' lungo.
Relazione fatta secondo il loro schema (tipo che se gli cambi una virgola vanno in panico).
Relazione che deve essere vagliata dalle loro rispettive sedi (spesso a Milano, Torino o Roma). Con il conseguente allungamento dei tempi.
Aggiungi altri piccoli fattori che rendono ora tutto piu' difficile.
Per i privati, ad esempio, non solo le imprese. Se uno acquista una casa (e la causale del mutuo e': acquisto abitazione, quindi non liquidita' o ristrutturazione) non puo' chiedere un mutuo piu' alto del prezzo di vendita pena un accertamento da parte dell'Agenzia delle Entrate. Sapete benissimo che comprando una casa le spese accessorie (notaio, eventuale agenzia immobiliare, trasloco, mobili) possono arrivare anche sui 15-20mila euro. Un povero cristo cosa deve fare?
Si affida a broker e chiede prefinanziamenti, ad esempio. Ho visto gente pagare questi individui anche 7-8mila euro. Perche'? Perche' le banche "normali" non glieli avrebbero concessi. Sono operazioni a rischio e ci speculano sopra, al limite dei tassi di usura.
Per non parlare dei leasing. Bozze 20-30 giorni giorni prima. Le vagliano e le rivagliano (facendomi cadere i coglioni a volte). Ci sono istituti (il gruppo Ing per dirne uno) che sono diventati di una lentezza e di un'ampollosita' allucinante. Le poste non parliamone.
Dopo tutto il casino, fanno i cauti. Dopo. Quando i danni sono stati fatti. E ho giusto fatto un paio di esempi, perche' queste cose tecniche immagino possano annoiare.

Per quel che riguarda la mia esperienza mi ritengo piuttosto fortunata dal punto di vista lavorativo.
Sia a Varese che qui a Brescia ho sempre lavorato e ho sempre trovato persone oneste.

1) cosa vedi attorno a te? tu lavori? i genitori/parenti/amici?
Io lavoro presso un notaio, contratto a tempo indeterminato. 1300 euro al mese, negli scorsi anni facevo una valanga di ore (tanto che secondo Khorne ero la schiava sessuale del notaio), 12-13 al giorno, arrivando a prendere "premi di risultato" che mi facevano quasi raddoppiare lo stipendio.
Mia mamma e' casalinga, mio padre e' andato in pensione lo scorso anno, ma era un dirigente quindi non ha la classica pensioncina che non gli permette di campare.
Collabora ancora con alcune aziende della zona con non so che tipo di contratto e a breve dovrebbe andare a lavorare a Vercelli per non so bene cosa.
Ho tutte amiche che lavorano (alcune laureate, altre no), ma la mia zona non fa esattamente testo perche' vivo in un posto in cui c'e' una casa e tre fabbriche.
Posso dirvi che pero' la crisi si sente e si vede anche qui. Aziende chiudono e si sciolgono anticipatamente. Si spostano e delocalizzano. Molti fanno uso della cassa integrazione. Luca, per esempio, lavora a tempo indeterminato ma spesso il venerdi' e' a casa in cassa integrazione. Da settembre. Niente che si ripercuota in maniera rilevante sulla sua busta paga, ma c'e' gente nella sua azienda che si fa e si e' fatta anche due settimane a casa. Con la conseguente riduzione del salario.

2) che lavori vedi in difficoltà e che lavori vedi andar bene?
Tutti piu' o meno stanno avendo cali. Esempio di classe privilegiata che conosco. Il notaio. Con il fatto che la gente ha meno disponibilita' (o comunque si fida meno a comprare o fare investimenti in questo momento), facciamo meno atti. Il nostro era uno studio da 150-200 atti al mese. Per arrivare anche a 250-300 nei mesi caldi (dicembre e luglio). Una cosa da pazzi e che mi faceva fare quella valanga di ore che vi dicevo. Da settembre scorso e' tutto molto piu' tranquillo. Difficilmente faccio straordinari, siamo sui 100-120 atti al mese. Dicembre ne abbiamo fatti sui 180.
Ok, il notaio non muore di fame. Pero' per esempio per contenere le spese ha lasciato a casa un paio di persone. Non paga gli straordinari e fa recuperare le ore. Ho una collega incinta e le e' stato detto di prendersi la maternita' anticipata. Cosa che prima sarebbe stata impensabile.
Il settore metalmeccanico e' sicuramente quello piu' in crisi, molte aziende, come dicevo stanno facendo uso della cassa integrazione.
Immagino che l'unico settore che vada sempre bene siano le pompe funebri.

3) che contromisure prende un disoccupato o un lavoratore a tempo determinato per pagarsi il mutuo o *mangiare* ? e l'imprenditore che chiude per fallimento a che grane va incontro?
Bella domanda. Immagino ci si faccia aiutare dai genitori/parenti. In casi piu' gravi la gente rivende.
Oppure chiedono aiuto ad organizzazioni locali (tipo qui alla caritas della zona oltre a distribuire vestiti, danno anche pasta, pane, generi alimentari di prima necessita'. Ad alcuni pagano le bollette).
Se restano senza lavoro c'e' il sussidio di disoccupazione di cui, pero', non conosco le modalita'.
Invece cosa intendi per fallimento? Del tipo che non paga banche e creditori e iniziano una vera e propria procedura di fallimento oppure gente che capisce in tempo che non puo' farcela e scioglie anticipatamente la societa' (cercando di salvare capra e cavoli, suoi ovviamente)?
Gli imprenditori, o comunque gente che ha delle societa', soprattutto di persone (sas e snc in cui i soci rispondono in proprio), tendono a fare fondi patrimoniali.
Fondi in cui particamente possono inserire immobili, beni mobili registrati (tipo le auto), azioni, eccetera per far fronte ai bisogni della famiglia. beni non aggredibili nel caso finissi con il culo per terra.
Del tipo: ho un'impresa, le cose mi vanno bene, faccio un fondo in cui "inserisco" la mia abitazione. Le cose iniziano ad andare male, non pago i miei creditori che iniziano a fare azioni di pignoramento (in pratica ti piazzano ipoteche sulle tue proprieta'). I creditori non potranno aggredire la casa posta nel fondo patrimoniale.
Ovviamente c'e' una limitazione. Adesso che le cose stanno andando in vacca e' tutto un fiorire di fondi patrimoniali. Ma e' pressoche' inutile perche' un fondo per consolidarsi necessita di tre anni. In questo caso la legge cerca di tutelare i creditori e metterli al riparo da persone che, come si suol dire, "chiudono la stalla dopo che sono scappati i buoi".

Concludo. Mi ritengo davvero fortunata dal punto di vista lavorativo, ma non per questo, visto anche il lavoro che faccio che mi porta a conoscere molte realta' e mi mette a contatto con tantissime persone, guardo solo al mio orticello. E' forse questo l'errore che si fa in Italia. Non guardare ad un bene comune che va al di la' della propria ricchezza personale. Vedo situazioni di una disparita' mostruosa.
C'e' anche da dire che io ho iniziato a lavorare ben 10 anni fa. Quando, pur senza una laurea, riuscivi ancora a poter dimostrare qualcosa. Quando, se avevi pazienza e voglia (il mio bell'apprendistato di 3 anni a un milione e duecentomila lire al mese l'ho visto anch'io) ti davano un'opportunita' e ti insegnavano. E non ti cacciavano dopo i 3 anni di apprendistato per assumere un altro apprendista e avere quindi tutte le agevolazioni del caso. Quando qui in Italia, il lavoro interinale era ancora poco usato.
Non so, forse sono solo stata fortunata ma ho trovato capi che, pur con tutti i loro difetti e pretese, mi stanno permettendo di costruire qualcosa.

Ghostkonrad
07-05-2009, 21.58.48
Io mi sono laureato a marzo, avevo ricevuto la proposta per un contratto di ricerca negli USA prima ancora di laurearmi, recentemente ho accettato e tra 4-5 giorni parto per trasferirmi di là più o meno per sempre, se tutto va bene e me lo auguro.

Ancora auguri, naturalmente. :)



Scusa ma:

uno con un curriculum simile fa l'esercitatore di EMG? :roll3: In Italia stiamo messi alla frutta e qualcuno parla ancora di far tornare indietro i cervelli, già mi chiedo perché alcuni lo facciano (di certo, per motivi personali e non per carriera scientifica, visto che in italia queste parole non esistono).

Le sue motivazioni:

5ntsU2jcPtE

Poi tutte le nostre studentesse hanno una cotta per lui, su quel versante ci ha guadagnato. :asd:

destino
07-05-2009, 22.44.15
sono appena tornato da una campagna di misure su un horn di propagazione in banda Q per Alphasat, dopo 13 ore di lavoro non ho letto lo starter cosa ha chiesto, rispondo in modo intelligente domani :asd:

MarcoLaBestia
07-05-2009, 23.40.15
No, ultimamente preferisco pensare a me ridotto così:
http://img2.timeinc.net/ew/dynamic/imgs/080212/Battlestar-Galactica_l.jpg
:asd:sei ubriaco d'america


le toste T_T

Eowyn.
08-05-2009, 10.43.35
Ad un mio collega non è stato rinnovato il contratto. Come me studia, ha da pagarsi l'affitto. Prende l'assegno di disoccupazione e ci sta dentro col mangiare. Non ha altre spese, andrà avanti così fino alla laurea (dicembre, quindi non conta di fare così per molto).

Questo non l'ho mai capito. Se sei studente come fai a prendere l'assegno di disoccupazione? O_o

Piccola premessa sul tuo discorso liquidita' alle imprese/privati.
Le banche (e i leasing), dopo tutto il casino che c'e' stato, hanno cambiato procedure esecutive.
Parlando con amiche impiegate in ditte da milioni di fatturato l'anno mi è anche stato detto che:
- prma le banche comunemente anticipavano i soldi delle fatture che i clienti avrebbero saldato a 90 giorni (ergo: liquidità immediata); ora non più o con molti più problemi.
- il mercato dell'est Europa ha avuto una svalutazione della moneta nei confronti dell'euro che ha fatto sì che le commesse si siano ridotte (es. la mia fornitrice di caffè che vendeva bene anche all'est ha avuto un calo del 40%).
- in generale, i beni di lusso o comunque nella fascio alta dal mercato ancora vendono (chi ha soldi li spende) e và bene ache la fscia bassa (chi ha pochi soldi cerca il risparmio): è la fascia media ad aver subito il colpo maggiore.


Per rispondere a Bestia:
1) cosa vedi attorno a te? tu lavori? i genitori/parenti/amici?
Io dovrei laurearmi, ma non ho voglia di farlo. O meglio: so che la mia laurea non la userò, quindi lo stimolo a finire di rimaneggiare la tesi (perchè la tesi già ce l'ho) è minimo e anche ora, invece di scrivere, cazzeggio. Questo perchè? Perchè mi sto laureando in biotecnologie mediche e il lavoro che mi attende(rebbe) è affascinante e mi prende un casino (ho fatto più di un anno di tirocinio: parlo per esperienza diretta), ma sottopagatissimo. Nel centro di ricerca più vicino a me pagano 910€/mese la borsa di studio; la borsa è rinnovabile dopo un anno previo superamento di un esame; la borsa non prevede straordinari (che si fanno: non puoi lasciar andare in malora un esperimento partito settimane prima per timbrare il cartellino); la borsa non prevede malattia, maternità e contributi. E vaffanculo. :D
Potrei pensare di andare all'estero, ma la situazione è in calo ovunque.
A parte questo c'è da dire che amo l'uomo con cui vivo e che voglio mettere su famiglia, quindi non ho la benchè minima intenzione di andarmene per fare carriera rinunciando alla mia vita.
Mi posso, però, ritenere fortunata: i miei hanno un'attività in proprio (un bar-tabaccheria-ricevitoria) e quindi lavoro con loro. Mi pagano 1000€/mese, ma ho orari fantastici (leggi: un sacco di tempo libero), malattia come mi pare ("Mamma ho la febbre, sto a dormire"), maternità agevolata (potrò portarmi i figli al lavoro - i miei hanno casa sopra il bar NdÉ - senza ricorrere a nidi o tate), contributi mooolto alti (sono collaboratrice familiare e il mio reddito è calcolato sul reddito dell'impresa, non sul mio reale reddito di 12.000€/anno), posso litigare con i datori di lavoro (:D) e prendere decisioni in proprio. Poi, purtroppo, ci sono i clienti rompicoglioni, ma dalla vita non si può avere tutto.
Il lavoro negli ultimi mesi è calato, ma non in maniera allarmante: si vive bene lo stesso. La maggior parte dei miei clienti rispecchia la popolazione locale (paese di 8000 anime in provincia di Pordenone - FVG): operai/impiegati/imprenditori del settore del legno, pensionati e casalinghe. Come se la passano? Il settore del legno ha avuto una battuta d'arresto notevole, complice il fatto che i mobili sono un bene di consumo durevole e che i mercati ancora aperti hanno ridotto le commesse. Questo si è tradotto in
- "consumo" delle ferie per chi ne aveva a disposizione
- cassaintegrazione a rotazione o a giornate (es. giovedì e venerdì a casa)
... il tutto per gente abituata a lavorare anche 10 ore al giorno, compreso il sabato mattino. Dagli straordinari alla cassa integrazione, passando per i mutui americani. Olè.
Ovviamente questo si ripercuote sul mio lavoro: meno stipendio, meno soldi da spendere.


2) che lavori vedi in difficoltà e che lavori vedi andar bene?
Ah, pork. Ho in parte risposto sopra.
Qui da me non vedo andar bene qualcosa in particolare. Le imprese edili sono ferme, le fabbriche lavorano a singhiozzo, i commercianti lavoricchiano...

3) che contromisure prende un disoccupato o un lavoratore a tempo determinato per pagarsi il mutuo o *mangiare* ? e l'imprenditore che chiude per fallimento a che grane va incontro?
Non consoco disoccupati nè imprenditori che fallisco. Gli unici imprenditori che conosco (piccoli-medi) stanno facendo il possibile per portare avanti l'azienda e non lasciare a casa i dipendenti.
Cosa fa chi non ha soldi? Prestiti, suppongo. Vedo ogni giorno pubblicità di finanziarie e ciò mi preoccupa.

Nemolo.O
08-05-2009, 11.05.16
*Eowyn

Ho "sbagliato" A lui era stato fatto un contratto a 24h a tempo determinato per un anno. Poi lo hanno licenziato. Quindi lui per questo periodo di 1 anno, percepirà questo assegno, così mi aveva spiegato.
Comunque alle spalle aveva 3 anni di lavoro, sempre con contratti simili.

A me sembra una cosa giusta. Nel senso si è studente ma è prima (purtroppo) un lavoratore. Perché riesce a fare lo studente perché lavora.

Eowyn.
08-05-2009, 11.38.24
Ah, ok. É che mi è capitato di conoscere gente che stava all'università a tempo pieno e prendeva sussidi da disoccupato. Si parla di 19enni che avevano fatto richiesta del sussidio appena diplomati (mai lavorato): di fatto, un furto.


edit.
m'è venuta in mente una cosa riguardo i discount (aka LIDL e simili). Uno dei motivi per i quali riescono a tenere i prezzi contenuti è il fatto che tengono un numero limitato di dipendenti (scatoloni non disimballati del tutto --> meno tempo per esporre la merce --> meno personale addetto); un altro è l'importazione di prodotti esteri di - diciamolo - basa qualità.
Il mio dubbio è: sì, i discount aiutano il portafoglio, ma quanto bene fanno all'econonia generale? All'aumentare dei discount si ha una diminuzione dei posti di lavoro e una diminuzione delle vendite dei prodotti di qualità italiani... vorrei che qualcuno mi aiutasse a capire da che parte pende la bilancia.

Berek
08-05-2009, 11.41.20
1) cosa vedi attorno a te? tu lavori? i genitori/parenti/amici?

Lavoro come responsabile informatico in una azienda che produce macchine automatiche per l'imballaggio. L'anno scorso abbiamo fatto ottimi risultati, mentre quest'anno, da gennaio, ancora non abbiamo collezionato un ordine (per lo meno così dicono le voci). Per ora stiamo andando avanti grazie ai risultati dell'anno scorso, ma credo che se non cambierà qualcosa a partire da dopo le ferie potrebbero esserci un po' di problemi, speriamo di no! Mia madre lavora in una banca che ha avuto un po' di problemini nell'ultimo anno, però è ormai a tiro di pensione (avrebbe potuto già andarci a gennaio scorso) e non si lamenta. Mio padre invece è da anni che fa il consulente finanziario con risultati piuttosto ridicoli. Ha la fortuna di essere mantenuto da mia nonna che gode di una ottima pensione di reversibilità di mio nonno (ex dirigente Ducati) altrimenti credo che sarebbe sotto un ponte. Gli manca poco alla pensione, che ha comunque maturato al tempo in cui era direttore di banca perciò penso che in un qualche modo riuscirà comunque ad andare avanti. Tra gli amici più intimi ne ho uno che un paio di anni fa ha aperto insieme a compagni di università una società informatica e sembra avere un casino di lavoro (fortunato lui), un altro lavora nella ditta di restauri edili di famiglia, un altro ancora è programmatore in una azienda che sviluppa software per le banche e l'ultimo purtroppo è un ex pilota Alitalia, ora in cassaintegrazione e in cerca di un lavoro. Ad esclusione di quest'ultimo quindi posso dire che gli altri non sono in mezzo ad una strada, ma se ripenso al 2007, quando ho cambiato lavoro potevo rischiare di finirci pure io (la mia precedente azienda è fallita ed io me ne sono andato via giusto in tempo, non prima però che mi riducessero lo stipendio di 200€ in meno al mese). Ah, dimenticavo la morosa. Laureata, masterizzata anche lei, ha trovato di culo lavoro subito finito il master presso un importatore di auto e moto della sua zona. La situazione delle auto e moto è quella che è ma l'azienda sembra solida, il problema è che lei sono 4 anni che cerca di cambiare lavoro ma non la prende nessuno: troppo qualificata per alcuni, troppo poco per altri. Gli unici lavori che le hanno proposto poi spesso e volentieri erano più truffe che altro, ma dopo tutto anche lei s'è cercata un campo (quello del marketing) un pochino ostico in Italia: o vai a vivere a Milano, Roma o Torino altrimenti il marketing nelle aziende delle altre città non sanno nemmeno cosa sia.

2) che lavori vedi in difficoltà e che lavori vedi andar bene?

Onestamente non saprei dirlo. Vedendo il punto 1) sembrerebbe che gli informatici in un modo o nell'altro ci saltino fuori comunque, ma questo però è un campo piuttosto saturo di gente, penso che le piccole aziendine o i professionisti facciano piuttosto fatica a barcamenarsi con tutta la concorrenza che c'è. Per quanto riguarda invece il campo in cui opera la mia azienda devo dire che il comparto del packaging a Bologna (zona nella quale ci sono le più grandi realtà mondiali di questo ambiente) vive tra alti e bassi. Ci sono aziende che nonostante tutto riescono a portare incrementi al fatturato e altre che soffrono parecchio. Chi soffre di più però è l'indotto. Tra i nostri fornitori c'è chi se la riesce a cavare comunque, magari ricorrendo ad un po' di cassa integrazione o in altra maniera, ma ci sono molte più aziende che o hanno messo a casa tutti i dipendenti o hanno portato i libri in tribunale per il fallimento. Abbiamo ogni giorno telefonate di aziende che ci chiedono se abbiamo da dar loro del lavoro, ma vista la situazione è già tanto se ne abbiamo abbastanza per impiegare i nostri operai, figuriamoci dar del lavoro fuori.

3) che contromisure prende un disoccupato o un lavoratore a tempo determinato per pagarsi il mutuo o *mangiare* ? e l'imprenditore che chiude per fallimento a che grane va incontro?

Beh, posso prendere solo l'esempio del mio amico pilota: benchè abbia messo da parte un po' di soldini con i lavoro degli anni passati e sia di famiglia "buona" sta guardandosi in giro per provare a fare l'istruttore di volo, questo sia per portare a casa qualche eurino che per mantenere i brevetti di volo (se non fai tot ore di volo periodicamente poi scadono). Non lo vedo comunque molto in crisi, non avendo quasi un cazzo da fare tutto il giorno passa il tempo facendo viaggi in giro per il mondo o andando in moto o giocando con aeroplanini ed elicotteri radiocomandati. Fossero tutte così i cassintegrati credo che ci metterebbero tutti la firma... -_-'

Per quanto riguarda gli imprenditori, dipende da caso a caso, ma soprattutto da che tipo di azienda è fallita. A parte la macchia sul curriculum dell'imprenditore in generale non gli capita nulla, poi può comunque capitare che l'artigianello del cazzo finisca nelle pesche serie, come il mega cumenda che ha truffato milioni di risparmiatori se la goda in giro sul suo maghinone e magari sia libero di aprire pure altre attività (ogni riferimento a fatti e persone reali della penisola italiana è puramente voluto).

PeppeBlackKravitz
08-05-2009, 12.23.32
1) cosa vedi attorno a te? tu lavori? i genitori/parenti/amici?

Lavoro da precario nella scuola da 4 anni senza una mazza di sicurezza; di questi, gli ultimi due per via delle poche ore con stipendio dimezzato.

Il prox anno forse farò il collaboratore scolastico dato che ho ricevuto quest'anno, una ventina di chiamate per contratto a tempo pieno ma determinato a stipendio intero e siccome non potevo dimettermi dal mio incarico per prendere il posto di bidello ho dovuto abdicare.

Vivo da due anni con 4 persone piu' la mia ragazza in un buco di casa dove il "padrone" affitta in _______, ed affitta non l'appartamento ma le stanze alsuo interno.

Mia mamma lavora all'agenzia delle entrate e mio papà non lavora piu' per gravi problemi di salute.
PS: tra l'altro gli hanno riconosciuto una invalidità solamente parziale, e dato il suo problema
è letteralmente assurdo.

Mio fratello ha fatto i corsi osa ed oss ed ora lavora senza soldi (non guadagna una mazza) presso una casa di riposo nella mia città nella speranza che in futuro data la "buona condotta" lo assumano.

2) che lavori vedi in difficoltà e che lavori vedi andar bene?

In difficoltà?
difficile a dirsi, non ho un'idea ben precisa, vedo andare male i rappresentanti di prodotti (salumi etc.) gli operai delle fabbriche in genere, l'abbigliamento (sempre relativamente agli operai).
In pratica tutto il settore industriale dalle auto agli elettrodomestici e settori hi-tech.
Credo che a soffrire un pò meno la crisi siano i settori alimentari (supermercati ed ipermercati, dato che le piccole botteghe e le macellerie penso soffrano)
.
3) che contromisure prende un disoccupato o un lavoratore a tempo determinato per pagarsi il mutuo o *mangiare* ? e l'imprenditore che chiude per fallimento a che grane va incontro?
Quale mutuo? non possono accenderlo proprio.
Secondo lavoro in nero dato che da noi ti assumono cosi, e ti deve andare bene, e sei anche sottopagato.

L'imprenditore che chiude per fallimento? tipo? quali?

vespino
08-05-2009, 12.42.48
Ah, ok. É che mi è capitato di conoscere gente che stava all'università a tempo pieno e prendeva sussidi da disoccupato. Si parla di 19enni che avevano fatto richiesta del sussidio appena diplomati (mai lavorato): di fatto, un furto.


edit.
m'è venuta in mente una cosa riguardo i discount (aka LIDL e simili). Uno dei motivi per i quali riescono a tenere i prezzi contenuti è il fatto che tengono un numero limitato di dipendenti (scatoloni non disimballati del tutto --> meno tempo per esporre la merce --> meno personale addetto); un altro è l'importazione di prodotti esteri di - diciamolo - basa qualità.
Il mio dubbio è: sì, i discount aiutano il portafoglio, ma quanto bene fanno all'econonia generale? All'aumentare dei discount si ha una diminuzione dei posti di lavoro e una diminuzione delle vendite dei prodotti di qualità italiani... vorrei che qualcuno mi aiutasse a capire da che parte pende la bilancia.

mica vera questa cosa..
il dico è il discount della coop (discount- coop) e vende la roba che la coop scarta per fattore bellezza, etc...ma la qualità è quella! (per quanto riguarda verdure, frutta,etv). Comunque i discount vendono anche roba di marca a meno (vedi cocacola) oppure succhi (pfanner) che mica sono robaccia... anche nei supermercati puoi trovare roba di scarsa qualità...purtroppo!

Per la questione lavori..forse hai ragione, ma almeno qui ad agliana al dico sono assunti ben 10 dipendenti, di cui 1 in macelleria, 1 pane, 4 alla cassa e 4 a sistemare scatole, sballare, scaffali etc...

Insomma 10 persone mica è malaccio..e non è tanto grande..

Cocitu
08-05-2009, 13.48.06
Quest'anno la vedo dura...

ho un lavoro che mi da una busta paga di circa 1200€ mensili e un altro di circa 300€ in totale circa 1500€ per buona parte dell'anno con delle entrate extra di quando in quando.

il problema sta nel fatto che l'azienda per cui lavoro, sino all'anno scorso mi faceva dei contratti di circa 8 mesi in cui ne lavoravo 4 o 5 e il resto in ferie per recuperare gli straordinari di luglio e agosto che spesso superavano le 100h mensili.
Grazie ad alcuni colleghi teste di cazzo e un presidente ex sindacalista da quest'anno i contratti saranno solo 5 mesi senza fare straordinari, anzi, al max 32h mensili e tutti in busta paga con una perdita non indifferente, visto che con il vecchio sistema ci guadagnavo abbondantemente.
adesso, lavorando solo 5 mesi, non potrò neanche avere diritto alla disoccupazione "ordinaria" che mi garantiva quansi 1000€ al mese per i 4 mesi buchi e tutto questo grazie a 2 colleghi che volevano avere il contrattoi della stessa durata del mio senza fare straordinari e a un presidente ex sindacalista che non conosce le problematiche del mondo del lavoro

PeppeBlackKravitz
08-05-2009, 13.58.03
ringraziali.

Poi i sindacati sono di "sinistra"

http://www.segnalidifumo.it/public/117vign.gif

o ancora:



http://www.diversamenteoccupati.it/wp-content/uploads/2007/06/sindacati1.jpg

Matty00
08-05-2009, 17.04.32
L'industria tutta è in crisi nera, ho amici che vi lavorano e alcuni di essi sono in cassa integrazione. Nulla di nuovo rispetto a quanto si sente, insomma.

Quali settori vanno bene? Semplice: il commercio. In particolare, aziende come IKEA e Lidl, hanno aumentato il fatturato. Ma la cosa che non concepisco, e' che alla sera locali vuoti non si vedono. E allora veramente mi chiedo: ma la crisi dov'è ? Probabilmente, stiamo perdendo un po' la cultura del risparmio, parlo soprattutto con riferimento alle nuove generazioni.

aplo
13-05-2009, 13.58.10
Io mi sono laureato a marzo, avevo ricevuto la proposta per un contratto di ricerca negli USA prima ancora di laurearmi, recentemente ho accettato e tra 4-5 giorni parto per trasferirmi di là più o meno per sempre, se tutto va bene e me lo auguro.


Si si abbiamo avuto un assaggio di come li spedirai in orbita i razzi :asd::roll3:_MdJ0YvlUqU


Cya

BESTIA_kPk
16-05-2009, 14.21.04
Mmmmmm alcune situazioni non sarei mai riuscito ad immaginarle... le devo leggere più di una volta per cercare di capire...
Sarei curioso di approfondire alcune affermazioni, ma bo, su certi temi credo ci sia poca voglia di discuterne...

Se altri vogliono aggiungere le loro esperienze -dirette o meno- sono ancora interessato.