PDA

Visualizza versione completa : Hanno cagato il cazzo (leggasi: intolleranza)



Mister X
25-12-2008, 14.07.51
L'Arcigay contro Povia e la sua canzone sull'omosessuale guarito

Inizia così l'articolo de Il Tempo che vi linko qui (http://iltempo.ilsole24ore.com/interni_esteri/2008/12/24/968605-arcigay_contro_povia_canzone_sull_omosessuale_guar ito.shtml).

Io spero si renderanno conto di essere ridicoli. Stanno diventando peggio del MOIGE e della CEI messa assieme. Tra l'altro sono anche incoerenti: parlano tanto di tolleranza e di uguaglianza e poi sono i primi a discriminare quelli che la pensano diversamente da loro. Ipocriti come tutti gli altri.

Fabio
25-12-2008, 14.33.20
Per me son semplicemente contro Povia (e non hanno tutti i torti). La canzone è solo un pretesto. :asd:

E comunque:

1_5EV8NH2FE

:asd:

Di0
25-12-2008, 15.12.12
Vabbe', il punto è che essere omosessuali non li rende automaticamente migliori delle persone di merda ed intellettualmente inconsulte che mediamente girano in Italia. Né peggiori. Fanno parte della stessa fiera.
Capito questo, il resto vien da sé.

Mister X
25-12-2008, 15.13.49
O porcaccia, Fabio... :roll3:

karuga
25-12-2008, 15.29.08
Vabbe', il punto è che essere omosessuali non li rende automaticamente migliori delle persone di merda ed intellettualmente inconsulte che mediamente girano in Italia. Né peggiori. Fanno parte della stessa fiera.
Capito questo, il resto vien da sé.

Quotone di natale.

Cocitu
25-12-2008, 17.55.43
Vabbe', il punto è che essere omosessuali non li rende automaticamente migliori delle persone di merda ed intellettualmente inconsulte che mediamente girano in Italia. Né peggiori. Fanno parte della stessa fiera.
Capito questo, il resto vien da sé.


for president:asd:

zombie_chicken
25-12-2008, 19.25.05
ha assolutamente ragione l'arcigay, l'idea (sbagliata e omofoba) che l'omosessualità sia una condizione da cui si possa e debba guarire, non dovrebbe avere la possibilità di essere espressa dall'alto del palco di sanremo.
già siamo lentissimi a far passi avanti sul campo dei diritti civili, se iniziamo a farne pure indietro è la fine.

quanto a pov1a, propongo che gli sia dato un moschetto e lo si invii a tripoli a riconquistare la colonia perduta.

zombie_chicken
25-12-2008, 19.29.44
tra l'altro complimenti per i profondi pensieri "arcigay ha rotto il cazzo" e il bellissimo "arcigay come moige e cei", che vando subito ad affiancare a "l'ateismo è anche lui una religione" e "il problema del razzismo degli immigrati nei confronti dei bianchi", sullo scaffale delle stronzate.

Alborosso
25-12-2008, 19.40.44
tra l'altro complimenti per i profondi pensieri "arcigay ha rotto il cazzo" e il bellissimo "arcigay come moige e cei", che vando subito ad affiancare a "l'ateismo è anche lui una religione" e "il problema del razzismo degli immigrati nei confronti dei bianchi", sullo scaffale delle stronzate.

Quoto...mi schiaccia il 5 vado su grazie :asd:

Mischa
25-12-2008, 19.55.12
@zombie: per quel che vale "l'alto palco di san remo", a me onestamente fregancazzo: vedila diversamente, il fatto stesso che si riconosca agli omosessuali lo stesso livello di scassamento di palle dei religiosi in materia di suscettibilità e metter becco in qualsiasi minchiata, è già interessante :D

Man.Erg
25-12-2008, 20.03.25
@zombie: per quel che vale "l'alto palco di san remo", a me onestamente fregancazzo

a te, forse
ma altri milioni (e dico milioni) di italiani vedono il festival di sanremo come l'evento culturale dell'anno, motivo per il quale di sicuro sono suscettibili verso gli argomenti trattati e verso la visione che viene loro proposta
è per questo che si parla di cattiva televisione/cultura/pene. è chiaro che a quelli che sanno discernere il buono dal cattivo non frega un bel nulla, perché (si presume,) hanno la capacità critica di decidere se quello che viene loro propinato sia più o meno spazzatura, ma qui parliamo di gente che assorbe lo scibile (?) televisivo come una spugna assorbe l'acqua

almeno, secondo me

d0nk4
25-12-2008, 20.03.45
Sono una voce fuori dal coro,e non centro un caxxo in questa discussione ma,zombie,non ti ho mai visto andare "non" contro corrente,mi chiedo se il tuo sia un modo di fare o realmente pensi cio' che dici.(Adesso non mi seppellire pero' che me stai pure particolarmente simpatico :asd: )

Man.Erg
25-12-2008, 20.06.45
Sono una voce fuori dal coro,e non centro un caxxo in questa discussione ma,zombie,non ti ho mai visto andare "non" contro corrente,mi chiedo se il tuo sia un modo di fare o realmente pensi cio' che dici.(Adesso non mi seppellire pero' che me stai pure particolarmente simpatico :asd: )

io posso dire per me (anche se non sarò mai al livello del Maestro), è una malattia chiamata "sferociclosi". ti lascio intuire di cosa si tratti

destino
25-12-2008, 20.07.21
a te, forse
ma altri milioni (e dico milioni) di italiani vedono il festival di sanremo come l'evento culturale dell'anno, motivo per il quale di sicuro sono suscettibili verso gli argomenti trattati e verso la visione che viene loro proposta
è per questo che si parla di cattiva televisione/cultura/pene. è chiaro che a quelli che sanno discernere il buono dal cattivo non frega un bel nulla, perché (si presume,) hanno la capacità critica di decidere se quello che viene loro propinato sia più o meno spazzatura, ma qui parliamo di gente che assorbe lo scibile (?) televisivo come una spugna assorbe l'acqua

almeno, secondo me

certo che se Sanremo è l'evento culturale dell'anno siamo veramente messi proprio male.

berserkdan
25-12-2008, 20.18.16
ma e' il concetto che e' sbagliato.
se uno e' gay e' gaY, SE GLI PIACE QUELLO NON GLI SI PUò FAR' PIACERE QUELLA!
E come se a me uno dicesse perche' mi piace la passerina, e che forse mi potrebbe piacere l'atro coso. Gli risponderei che e' impossibile, che sarebbe una cosa contro natura.

Fabio
25-12-2008, 20.30.40
ma altri milioni (e dico milioni) di italiani vedono il festival di sanremo come l'evento culturale dell'anno

Non esageriamo. Il fatto che venga visto da milioni di persone non significa che venga considerato l'evento culturale dell'anno (e lo dico da strenuo difensore di questo carrozzone vecchio ormai come il mondo).

Man.Erg
25-12-2008, 20.43.31
certo che se Sanremo è l'evento culturale dell'anno siamo veramente messi proprio male.


Non esageriamo. Il fatto che venga visto da milioni di persone non significa che venga considerato l'evento culturale dell'anno (e lo dico da strenuo difensore di questo carrozzone vecchio ormai come il mondo).

siete degli inguaribili ottimisti

zappeo
25-12-2008, 20.56.47
quello che mi spaventa veramente è che siamo arrivati al lamentarci di chi si lamenta se c'è qualcosa che non quadra, come per dire "uff, cheppalle, ma non ti stanchi mai, sempre lì a lamentarti?".
intanto il gregge di capre cresce a suon di puttanate, e diventi stronzo tu che dici "secondo me".


ah, una puntualizzazione, discriminare chi discrimina non è una cosa negativa, mi sembra a dir poco folle sbandierare la parola "tolleranza" nel momento in cui si tappa la bocca ad uno che con la tolleranza ci si pulisce il buco del culo.

poi magari ci stiamo facendo un monte di seghe inutili eh, magari il testo è una cagatina inutile e ci stanno costruendo su mille troiate per fare marketing al piccione e a sanremo, ma vabeh.

MaGiKLauDe
25-12-2008, 21.02.00
Povia è un piglinculo, ma nega.
Secondo me.
:asd:

zappeo
25-12-2008, 21.05.00
Povia è un piglinculo, ma nega.
Secondo me.
:asd:


Il presidente di Arcigay Aurelio Mancuso ricorda che in un'intervista a Panorama l'artista aveva dichiarato «Gay non si nasce, lo si diventa in base a chi frequenti». Povia aveva confessato di avere avuto «una fase gay» durata sette mesi, poi superata.

l'avranno cacciato e vorrà vendetta :sisi:

DIAZE
25-12-2008, 21.24.01
Piccolo ot:
Certo che l'affermazione, "cagare il cazzo" riferita ai gay, è azzeccatissima.

:D

destino
25-12-2008, 21.41.39
in before vespino :look:

http://www.forumspile.com/IBTL-Door.jpg

Fabio
25-12-2008, 22.04.22
siete degli inguaribili ottimisti

Non sono ottimista, ma conosco bene il popolino bue (almeno quello dalle mie parti, visto che, ahimé, ne sono circondato) e ti assicuro che Sanremo non è più visto come tale da anni. Al massimo come evento mediale della prima parte dell'anno, ma come evento culturale, manco per il cazzo (così torniamo IT :D ).

Mister X
25-12-2008, 22.46.20
Piccolo ot:
Certo che l'affermazione, "cagare il cazzo" riferita ai gay, è azzeccatissima.

:D
Non era voluta, te lo posso garantire :asd:


ha assolutamente ragione l'arcigay, l'idea (sbagliata e omofoba) che l'omosessualità sia una condizione da cui si possa e debba guarire, non dovrebbe avere la possibilità di essere espressa dall'alto del palco di sanremo.
già siamo lentissimi a far passi avanti sul campo dei diritti civili, se iniziamo a farne pure indietro è la fine.

Ma che stai dicendo? Qua si sta parlando di censurare un artista(*) solo perchè una associazione ritiene che vengano lesi i diritti dei suoi associati.
In base a questo principio anche i videogiochi, gli alcolici, il tabacco, la pornografia, le soubrette in prima serata, i notiziari crudi e violenti, ed i contraccettivi sarebbero da proibire.

IMHO se una persona crede che lo sterminio di massa degli ebrei sia lecito, deve poter avere i mezzi necessari per dirlo al mondo ed essere smerdato di conseguenza anche dalla nonnetta ignorante del Connecticut. Con la censura non si fa altro che alimentare sottobanco il vero odio.

Troppo bello evangelizzare la libertà di parola, poi appena ci risulta scomoda iniziamo a mettere dei lucchetti.
Se poi mi rispondi mi fai un piacere, anche perchè non sono mai stato abituato ad inghiottire di gusto delle palate di merda tirate in faccia da persone sicuramente degne della mia stima senza averne capito esattamente il motivo. :birra:

(*)Beh dai... almeno ci prova :asd:

funazza
25-12-2008, 23.37.50
Aurelio Mancuso è stato uno dei miei animatori ai centri estivi :|
non sapevo fosse diventato il presidente dell'arcigay du mundo, prima lo era solo di quello aostano :|
non stava bene neanche allora

hiroshi
26-12-2008, 00.35.22
Vabbe', il punto è che essere omosessuali non li rende automaticamente migliori delle persone di merda ed intellettualmente inconsulte che mediamente girano in Italia. Né peggiori. Fanno parte della stessa fiera.
Capito questo, il resto vien da sé.

minkia come ti quoto

d0nk4
26-12-2008, 06.30.02
Aurelio Mancuso è stato uno dei miei animatori ai centri estivi :|


Avete giocato al dottore? :asd:

ginkobilobav2
26-12-2008, 11.03.28
L'Arcigay contro Povia e la sua canzone sull'omosessuale guarito

Inizia così l'articolo de Il Tempo che vi linko qui (http://iltempo.ilsole24ore.com/interni_esteri/2008/12/24/968605-arcigay_contro_povia_canzone_sull_omosessuale_guar ito.shtml).

Io spero si renderanno conto di essere ridicoli. Stanno diventando peggio del MOIGE e della CEI messa assieme. Tra l'altro sono anche incoerenti: parlano tanto di tolleranza e di uguaglianza e poi sono i primi a discriminare quelli che la pensano diversamente da loro. Ipocriti come tutti gli altri.

vabbè il fatto di discriminare chi ti discrimina è abbastanza logico, normale e per nulla incoerente :)

per il resto i pirla e i movimenti ideologici sono ovunque, persino gli alieni son diventati una religione, può diventarlo anche un orientamento sessuale, sia per chi lo predilige sia per gli osservatori esterni

trovare un colpevole mi sembra arduo nel gioco del "io mi distinguo" "io ti ostracizzo perchè ti credi chissà chi", sicuramente i primi hanno torto quando sfociano nel cattivo gusto e nella monopolizzazione mediatica e i secondi hanno torto quando praticano gogna mediatica o, nel peggiore dei casi e dei torti, aggressione fisica

per il resto oggi è tutto un gioco di identità create a forza e di indentità create nella rottura con le identità create a forza, ormai il nostro è un mondo di microrealtà ebraiche e fasciste (consideriamo il nazismo un'anomalia solo perchè è natale e se ci penso mi viene la nausea) frammentate ed evolute autonomamente con un particolarismo inagguantabile dovuto all'enorme mole di varietà rese possibili dall'informazione libera

la moneta di oggi è l'identità del singolo e la banca dove tenerla è l'identità del gruppo di amici, di squadra, di parenti, di fedeli, di cittadini, di connazionali, di "odiatori" professionisti e le azioni sono bot immoti che negano ciò che capita fuori o azioni forti e stupide, il contrario di ciò che sarebbe giusto fatto solo per dimostrare che si ha il controllo e per negare che una tegola in testa in un giorno di vento sia un ciak superiore anche al più forte, potente e borioso degli esseri umani (ma non risparmia l'operaio perchè non esistono nemmeno giustizia divinina o rivoluzionaria)


auguri eh e bacioni

Mister X
26-12-2008, 12.44.07
trovare un colpevole mi sembra arduo nel gioco del "io mi distinguo" "io ti ostracizzo perchè ti credi chissà chi", sicuramente i primi hanno torto quando sfociano nel cattivo gusto e nella monopolizzazione mediatica e i secondi hanno torto quando praticano gogna mediatica o, nel peggiore dei casi e dei torti, aggressione fisica

Su questo sono pienamente d'accordo :)



auguri eh e bacioni
:asd:

zombie_chicken
26-12-2008, 17.11.19
IMHO se una persona crede che lo sterminio di massa degli ebrei sia lecito, deve poter avere i mezzi necessari per dirlo al mondo ed essere smerdato di conseguenza anche dalla nonnetta ignorante del Connecticut. Con la censura non si fa altro che alimentare sottobanco il vero odio.



libertà di parola?
sanremo è una manifestazione canora, ha una direzione artistica e questa decide quale idee e messaggi la trasmissione vuole diffondere.
che ci piaccia o no, è il più grande evento mediatico della televisione italiana, e nonostante negli anni il suo impatto culturale si sia ridotto, continua ad essere il grande rappresentante di quella mediocrità che nella popolazione e di riflesso nella televisione pare essere sempre di gran moda.

ma davvero mi chiedi perché è sbagliato che sanremo decida di veicolare messaggi omofobi?
vabbè non mi metterò certo a spiegarti perchè in tv non vedi mai apologie dell'olocausto nonostante esista la libertà di parola, probabilmente devi fermarti a riflettere un attimo su tutto il concetto di libertà di espressione e sul funzionamento dei media; in ogni caso, contrariamente alla canzone della tatangel0 che trattava goffamente la questione, questa di pov1a pare (perchè in realtà conosciamo solo il titolo e alcune dichiarazioni di p0via sull'argomento) diffondere un messaggio retrogrado e lesivo nei confronti di una minoranza. un messaggio in cui l'Italia non crede (e che i sappia nemmeno la cei), la cui trasmissione dal palco di sanremo sarebbe una grave espressione politica degli organizzatori nonchè una triste constatazione sullo stato della nostra amata mediocrità, che negli ultimi anni sembra sempre più povera e bassa.
protestare mi sembra decisamente il minimo che l'arcigay potesse fare.

quanto alla questione più volte ripresa nel thread, "le minoranze che si sentono superiori e che discriminano", mi sembra assolutamente una paranoia vostra e che non rilevo nella realtà.
i tempi della superiorità dell'utero e degli scum manifesto sono morti con gli anni settanta, io oggi vedo associazioni per i diritti di gay, donne, immigrati, lottare per mettere fine ad atteggiamenti lesivi nei loro confronti e per ottenere riconosciuta l'EQUIPARAZIONE dei diritti.
capisco che siamo in italia, ma ogni tanto bisognerebbe anche capire che perseguire i propri interessi non coincide sempre con l'andare a ledere quelli degli altri.

vabbè, certi discorsi sono puro nonsense e mi schifano anche un po', vi rimando alla visione dell'episodio di south park sul "nigger guy" per rinnovati spunti di riflessione sull'argomento.

DonAldrigo
26-12-2008, 17.24.04
Prima di parlare bisognerebbe saper di cosa si sta parlando.
Qualcuno di noi ha ascoltato la canzone di Povia? No, e allora di che parliamo? Il sito linkato riportava una mezza frase (del resto giusto, le canzoni sanremesi non possono essere diffuse prima) da cui non sembra niente di che.
Il fatto è che si fa polemica gratuita su tutto prima ancora che esca il libro, il film, la canzone ecc.
Detto questo mi sembra che le associazioni gay ( e non solo loro) un pò (un pò tanto) di vittimismo lo fanno.

DIAZE
26-12-2008, 17.29.38
A nessuno è sfiorata l'idea che si tratti di una azione pubblicitaria verso una manifestazione che perde ascolti di anno in anno?

(Francamente io non ho ricordi di aver visto più di dieci minuti consecutivi di S.Remo e solo per imposizione della consorte)

DonAldrigo
26-12-2008, 18.32.16
A nessuno è sfiorata l'idea che si tratti di una azione pubblicitaria verso una manifestazione che perde ascolti di anno in anno?

(Francamente io non ho ricordi di aver visto più di dieci minuti consecutivi di S.Remo e solo per imposizione della consorte)

Lo diamo tutti per scontato

MarcoLaBestia
26-12-2008, 20.45.04
cercate di non estremizzarvi

così come esistono ermafroditi naturali,
possono esistere persone geneticamente gay, non è detto ke siano "anomalie" in quanto qualsiasi mutazione genetica è in teoria una anomalia, certo poi per la selezione naturale non proliferano, ma con tutto il rispetto sono cazzi loro.

possono altresì esistere persone con problemi mentali ke sfociano nell'essere gay, quelli sì ke hanno un problema psichico da risolvere, e pure grosso. In questo caso non centra la natura genetica, bensì centrano le esperienze ed eventuali violenze mentali subite in passato.


di certo, un "gay naturale" (primo caso) ke fa la frocia a tutti i costi può starmi antipatico come un qualsiasi smargiasso eterosessuale ke va dicendo "zuco dieci fighe al giorno", è questione di carattere e stile.

Mia moto
26-12-2008, 21.51.46
quanto alla questione più volte ripresa nel thread, "le minoranze che si sentono superiori e che discriminano", mi sembra assolutamente una paranoia vostra e che non rilevo nella realtà.
i tempi della superiorità dell'utero e degli scum manifesto sono morti con gli anni settanta, io oggi vedo associazioni per i diritti di gay, donne, immigrati, lottare per mettere fine ad atteggiamenti lesivi nei loro confronti e per ottenere riconosciuta l'EQUIPARAZIONE dei diritti.
capisco che siamo in italia, ma ogni tanto bisognerebbe anche capire che perseguire i propri interessi non coincide sempre con l'andare a ledere quelli degli altri.

Mah, bisogna capire cosa veramente l'arcigay ha voluto dire commentando questa canzone che sta per uscire.
La critica? O non la vorrebbe proprio in televisione?
Perché nel primo caso parliamo di un fatto assolutamente legittimo che è espressione della libertà di critica. Nel secondo, il concetto di non discriminazione che verrebbe invocato si scontra con quello della libertà di opinione. Fin dove si può spingere la possibilità di bloccare certe persone dal dire alcunchè?
E' chiaro, IMHO, che la libertà d'espressione non può essere un interruttore che può essere pigiato a piacimento. Da una parte e dall'altra. Per intenderci, è contro la libertà che la Rai venga bloccata dal mandare in onda un documentario sui preti pedofili acquistato dalla bbc, ed è sbagliato (fatto di quest'estate) che se un artista scolpisce una rana crocifissa ne venga invocata la rimozione da certi ambienti.
La libertà d'espressione è una regola che deve essere intesa nel suo senso più ampio e che può subire eccezioni, unicamente su singoli casi in cui la società si è creata una sensibilità particolarmente forte con riguardo a certi fatti o situazioni, non per ogni diritto che lo stato dichiari di tutelare e che certi cittadini vogliono criticare.

Naturalmente tutto ciò è diverso da situazioni in cui vi è una discriminazione di fatto. Se una persona viene licenziata perché omosessuale, magari da un datore che pure sui gay ha una opinione come quella di Povia, subisce un danno ingiusto da risarcire.
Si può dire quel che si vuole, ma non si può far quel che si vuole.
E purtroppo in questa materia manca una legislazione.

Ghostkonrad
27-12-2008, 13.11.55
@zombie: per quel che vale "l'alto palco di san remo", a me onestamente fregancazzo: vedila diversamente, il fatto stesso che si riconosca agli omosessuali lo stesso livello di scassamento di palle dei religiosi in materia di suscettibilità e metter becco in qualsiasi minchiata, è già interessante :D

Sarei d'accordo, se non ci fosse un distinguo e una precisazione importanti da fare.
Almeno per quel che mi riguarda, il fatto che i religiosi blaterino le loro idee non mi da fastidio, hanno diritto di farlo come chiunque altro*, non ci vedo nulla di malsano; quello che effettivamente è malsano è che nel governo o nel parlamento trovino sempre dei basisti pronti a tradurre le loro idee in leggi o decreti; e non mi sembra proprio che questo avvenga nel caso dell'Arcigay.
Detto ciò, è giusto parlare di libertà di parola, di intolleranza da parte dell'Arcigay? Semplicemente no, l'Arcigay è un'organizzazione con uno statuto e dei fini ben precisi, persegue l'interesse dei suoi iscritti con i mezzi che ritiene più opportuni, non ha il dovere di garantire la libertà di parola a nessuno. E' giusto che possa esprimere perplessità in merito a un messaggio che ritiene lesivo per i propri iscritti; con qualsiasi tono.
E' giusto che al festival Povia canti la sua canzone? Bè, non mi sento di rispondere finchè non avremo visto il testo della canzone. :)
E possibile che si tratti del solito fumo negli occhi per coprire una manifestazione canora di fatto inutile e vetusta? Difficile avere dei dubbi in proposito. :asd:


*Ad essere onesti, è pur vero che il papa (e con lui le gerarchie di governo della Città del Vaticano) è un cittadino straniero e non soggetto** alle nostre leggi, quindi non dovrebbe avere libertà di parola alcuna.
**Ma ora che ci penso, gran parte della popolazione di questo paese non è di fatto soggetta ad alcuna legge.

Mia moto
27-12-2008, 14.50.37
Sarei d'accordo, se non ci fosse un distinguo e una precisazione importanti da fare.
Almeno per quel che mi riguarda, il fatto che i religiosi blaterino le loro idee non mi da fastidio, hanno diritto di farlo come chiunque altro*, non ci vedo nulla di malsano; quello che effettivamente è malsano è che nel governo o nel parlamento trovino sempre dei basisti pronti a tradurre le loro idee in leggi o decreti; e non mi sembra proprio che questo avvenga nel caso dell'Arcigay.



Perché ci sono molti parlamentari che si dichiarano cattolici e che seguono quella che è l'autorità spiriturale del loro credo. Il che non è assolutamente un problema, finché siamo nell'ambito del messaggio religioso. Se tre quarti dei parlamentari fossero gay seguirebbero l'opinione e le idee dell'arcigay e le trasformerebbero in legge. Nessuno potrebbe aver da ridire sulla legittimità della cosa.
Il problema si presenta in altri modi: quando la cosa assume i connotati di un "do ut des", di favori e controfavori sottobanco affinché passi una legge o un provvedimento, e diventa giustamente deprecabile, contrario a laicità.


Detto ciò, è giusto parlare di libertà di parola, di intolleranza da parte dell'Arcigay? Semplicemente no, l'Arcigay è un'organizzazione con uno statuto e dei fini ben precisi, persegue l'interesse dei suoi iscritti con i mezzi che ritiene più opportuni, non ha il dovere di garantire la libertà di parola a nessuno. E' giusto che possa esprimere perplessità in merito a un messaggio che ritiene lesivo per i propri iscritti; con qualsiasi tono.

Non è che è solo lo Stato a dover rispettare la libertà di parola dei cittadini. Chiunque è tenuto a farlo, pubblico o privato, ente giuridico o persona fisica che sia. Quindi anche l'arcigay nel suo insieme.

ginkobilobav2
27-12-2008, 14.56.37
Prima di parlare bisognerebbe saper di cosa si sta parlando.
Qualcuno di noi ha ascoltato la canzone di Povia? No, e allora di che parliamo? Il sito linkato riportava una mezza frase (del resto giusto, le canzoni sanremesi non possono essere diffuse prima) da cui non sembra niente di che.
Il fatto è che si fa polemica gratuita su tutto prima ancora che esca il libro, il film, la canzone ecc.
Detto questo mi sembra che le associazioni gay ( e non solo loro) un pò (un pò tanto) di vittimismo lo fanno.

beh l'incipit scatenante della discussione, a questo punto, mi sembra superfluo....il materiale su cui parlare c'e' anche senza tirare in ballo Povia


comunque tra mettersi a criticare chi fa vittimismo e chi vorrebbe bruciare delle persone per sentirsi qualcuno io direi che la seconda opzione sarebbe l'unica su cui discutere

Halford
29-12-2008, 15.00.32
Del Noce non sa piu cosa inventarsi ,tanto è inutile sanremo sarà un flop come gli altri anni,ci mettono i soliti dinosauri e una manciata di giovani.
Il prossimo anno cosa si inventerà?metterà una canzone con bestemmie per far parlare di quel mortorio che non si caga nessuno?:tsk:

.Furla.
30-12-2008, 19.17.44
ma davvero mi chiedi perché è sbagliato che sanremo decida di veicolare messaggi omofobi?
vabbè non mi metterò certo a spiegarti perchè in tv non vedi mai apologie dell'olocausto nonostante esista la libertà di parola, probabilmente devi fermarti a riflettere un attimo su tutto il concetto di libertà di espressione e sul funzionamento dei media; in ogni caso, contrariamente alla canzone della tatangel0 che trattava goffamente la questione, questa di pov1a pare (perchè in realtà conosciamo solo il titolo e alcune dichiarazioni di p0via sull'argomento) diffondere un messaggio retrogrado e lesivo nei confronti di una minoranza. un messaggio in cui l'Italia non crede (e che i sappia nemmeno la cei), la cui trasmissione dal palco di sanremo sarebbe una grave espressione politica degli organizzatori nonchè una triste constatazione sullo stato della nostra amata mediocrità, che negli ultimi anni sembra sempre più povera e bassa.
protestare mi sembra decisamente il minimo che l'arcigay potesse fare.
scusami zombie, ma che ne sai te del messaggio della canzone? l'hai letto il testo? secondo me state parlando di aria fritta, finché qualcuno non posta le parole (che per inciso dovrebbero rimanere segrete fino all'esecuzione al festival). tra l'altro, a quanto ho letto, la canzone parla di una storia vera: una storia può non piacere, ma bisogna lasciare il diritto di raccontarla a chi lo vuole fare; se poi il racconto è qualificato come ben fatto dal punto di vista artistico, non c'è motivo di impedirne l'esecuzione durante un evento culturale ( :asd: ) come sanremo.

se qualcuno si sente offeso può denunciare, querelare e usare tutti gli strumenti che la legge gli consente, ma non rompere i coglioni e pretendere censure senza manco sapere di cosa parla.

grifis
30-12-2008, 22.30.22
Tutta questa gente non ha mai sentito "Vivi e lascia chiavare" dei prophilax, un cafolavoro assoluto del quale vi devo necessariamente rendere partecipi:asd::


8iLn7ZKKhj8

DIAZE
01-01-2009, 09.18.12
Siamo tutti bsx, solo che non lo ricordiamo...


Questa notizia (la prima del 2009) mi ha turbato, cominciamo bene l'anno nuovo.

Dimenticavo benvenuto Mekino

:)

DonAldrigo
01-01-2009, 17.11.10
Ecco attivato ad arte il "paletto sociale".
Nello stesso modo in cui indossi un paio di nike, un uomo nudo ti disgusta.
Eterosessualità ed omosessualità, sono concetti del tutto sociali, decontestualizzando il tutto, avrai fra le mani il VERO animale frutto dell'evoluzione.

Un consiglio, in futuro evita di tirare in ballo la natura -_-'
Leggi Darwin/Freud, le cose ti saranno più chiare.



Ecco altra (voluta) disinformazione "sociale"... se mi permetti ti chiarisco le idee.

L'ermafroditismo non ha nulla a che fare con l'omosessualità, in quanto non è altro che una malformazione corporea degli organi genitali, senza alcun collegamento psichico, stesso discorso, vale per l'omosessualità in generale, non esiste alcun gene che ti rende gay. :asd:

Ancora oggi non è stata trovata alcuna connessione fisica/psichica che spieghi l'omosessualità, in quanto non esiste, e non esisterà mai!

L'evoluzione, ha portato il maschio della specie umana, non a procreare, ma a disperdere il proprio seme per garantire la sopravvivenza della specie stessa, aiutandolo con un incremento notevole di testosterone, il che rende il maschio bsx fin dalla nascita, solo dopo il periodo di latenza sessuale, la sua "naturale bisessualità" svanisce, colpa del contesto sociale in cui è vissuto durante suddetto periodo.

Se una violenza, o qualsiasi altro evento drammatico, non permette il completamento della latenza, risvegliando prematuramente istinti sessuali, che l'evoluzione addormenta per evitare l'incesto, allora la sessualità viene deviata sulla strada univoca dell'omosessualità.

Siamo tutti bsx, solo che non lo ricordiamo...
Tutti potremmo godere il doppio sessualmente parlando, se non fossimo stati DEVIATI fin dalla nascita, da errati esempi sociali.

Che io sappia esiste un gene alla base dell'omosessualità ed è stato riconosciuto da diverso tempo.
Anche se questo potrebbe non essere l'unica causa dell'omosessualità.

DIAZE
01-01-2009, 17.21.02
Che io sappia esiste un gene alla base dell'omosessualità ed è stato riconosciuto da diverso tempo.
Anche se questo potrebbe non essere l'unica causa dell'omosessualità.

No, non è vero come mi risulta assai improbabile che siamo tutti bisex e solo l'educazione impartita ci "rende" etero.

Shagrath_Infernus
01-01-2009, 17.35.48
L'eterosessualità fa parte di quelle costanti comportamentali umane profondamente radicate a livello biologico, come ad esempio la condanna dell'omicidio e risulta essere chiaro che la naturalità dell'omosessualità è insostenibile da un punto di vista evoluzionistico. Ciò non vuol dire che essa debba essere condannata ma non si tratta assolutamente di un atteggiamento "naturale". Non so se mi spiego.

bejita
01-01-2009, 17.36.43
L'eterosessualità fa parte di quelle costanti comportamentali umane profondamente radicate a livello biologico, come ad esempio la condanna dell'omicidio e risulta essere chiaro che la naturalità dell'omosessualità è insostenibile da un punto di vista evoluzionistico. Ciò non vuol dire che essa debba essere condannata ma non si tratta assolutamente di un atteggiamento "naturale". Non so se mi spiego.

ma allora come spieghi che tu di notte diventi khorne? :mumble:

Shagrath_Infernus
01-01-2009, 17.38.14
ma allora come spieghi che tu di notte diventi khorne? :mumble:

è una mutazione genetica dovuta a delle radiazioni appena scoperte nel mio processore, dette nerdX:asd:

DIAZE
01-01-2009, 17.39.41
ma allora come spieghi che tu di notte diventi khorne?

:roll3:

Ripeto Shagrattina non ci merita
:kiss:

Di0
01-01-2009, 17.40.42
:roll3:

Ripeto Shagrattina non ci merita
:kiss:

Forse volevi dire che noi non meritiamo lei? :asd:

DIAZE
01-01-2009, 17.41.39
Di0 lamer :look:

Di0
01-01-2009, 17.42.11
lamer primo dell'anno, lamer tutto l'anno! :D

.Orfeo.
01-01-2009, 20.31.00
[Premessa]
Resuscito solo per poco, poi ritorno nel mio oblìo.
Quindi non disperatevi: non ho la ben più che minima intenzione di tornare a postare in questi lidi. :asd:


1)Nessuno di noi, compresa l'Arcigay, vuole mettere in croce Povia per un brano che parla di un ragazzo che nel corso della vita ha cambiato orientamento sessuale. Personalmente ritengo che sia una cosa possibilissima ( in entrambe le direzioni s'intende). Ritengo, però, assolutamente inaccettabile che questo cambiamento debba essere fatto passare come una "guarigione", una "riparazione" o come il superamento di una fase negativa della propria esistenza. Perchè il messaggio che passerebbe di fronte a milioni di italiani potrebbe essere PERICOLOSISSIMO.
La nostra non è una battaglia preventiva.Non a caso l'Arcigay sta ancora aspettando di avere l'ultima conferma con la pubblicazione del brano (che avverrà verso Febbraio), per poi prendere una decisione definitiva.
E anche se non abbiamo il testo del brano, conosciamo perfettamente le dichiarazioni passate di Povia e anche quelle attuali in cui parla " amici gay convertiti" e conosciamo da tempo i nomi di gruppi, organizzazioni e personalità (Obiettivo Chaire, Agapo, la professoressa Atzori, il professor Cantelmi, Luca di Tolve, di cui si sospetta addirittura che sia proprio il famoso Luca della canzone, il Narth, Joseph Nicolosi etc. ) che tentano di far passare l'omosessualità come una malattia mentale o come un disagio, al pari della tossicodipendenza, da cui è possibile guarire o uscire.
Che poi la storia del brano di Povia sia vera o no, non ce ne frega nulla.
Povia( e Bonolis con lui, oltre ovviamente ad aver trovato un ottimo pretesto per far parlare di sè e per tenere alta l'attenzione su un festival ormai moribondo) ci crede per caso così ingenui da non credere cosa stia esattamente cercando di fare e dove voglia andare a parare il suo brano? Se io mi fossi presentato a San Remo con la canzone "Il mio prete era un pedofilo" o "Carlo era ebreo" secondo voi che tipo di messaggio avrei cercato di far passare? Cà nisciuno è fesso.

2)E lo scandalo non sta nemmeno nella demenza di Povia.
Credete che uno qualsiasi di noi perderà la propria auto-stima perchè glielo dice Povia? Non credo.
Ma mettetevi nei panni dei ragazzini i cui genitori considerano l´omosessualità del figlio "solo una fase" o "il risultato di cattive compagnie"...
Esiste una fase che normalmente si colloca nell´adolescenza in cui l´unica cosa necessaria è ACCETTARSI.
Ma è in questa fase di "auto-accettazione" e di "accettazione sociale" che una propaganda come quella di Povia ferisce e umilia.
Se un ragazzo vuole cambiare perchè non si accetta ("odio essere gay, voglio essere etero") oppure non viene accettato perchè potrebbe cambiare ("figlio mio non sei gay, sei solo confuso") allora siamo di fronte a un ABUSO.
Ed è di questo ABUSO che dobbiamo parlare.
Non dell´incerto contenuto di una canzone o della libertà d´espressione.
Quando l´omosessualità verrà accettata come un fatto naturale e moralmente neutro, allora la possibilità di un Cambiamento non verrà più intesa come una "riparazione" e smetteremo di scandalizzarci tanto.
Sfortunatamante la "possibilità di cambiare da gay ad etero" non è solo una tesi scientifica come un´altra; ma il frutto di un´ideologia omofoba.
A chi la considera una "fase immatura" (come Povia) o un "errore da correggere" o "un guasto da riparare" io chiuderò la bocca senza alcuna esitazione.:)Per quanto sarà nelle mie capacità, impedirò in qualsiasi modo che anche solo un ragazzo venga portato dal professor Cantelmi o dai gruppi religiosi dell'obiettivo Chaire per guarire dalla sua omosessualità, a suon di preghiere e rosari.Non permetterò mai che a causa di propagande come quella di Povia un ragazzo gay o una ragazza lesbica debbano sentirsi giudicati da sè o dagli altri come sporchi e deviati.Nè permetterò che siano avvallati in diretta televisiva, davanti a milioni di italiani, alibi per far passare l'omosessualità come una malattia da cui poter guarire.
Forse per voi è solo una canzone...Ma, purtroppo, c'è gente che è stata allontanata dalla famiglia, che si è sentita augurare la morte della persona amata dalla famiglia e che al tempo stesso si riempiva la bocca di belle parole come "Vogliamo solo che tu sia felice".Secondo la madre di una mia amica bastava che uscisse e si scopasse uno per tornare eterosessuale.Provate a pensare se una persona del genere avesse sentito pure un coglione come Povia che va in giro a dire che l'omosessualità è una fase da cui si può uscire.:asd:


E - appunto - non perchè rifiuto l´idea che si possa cambiare orientamento sessuale, ma perchè rifiuto l´idea che questo cambiamento sia una "correzione" o una "riparazione" e non semplicemente una fluttuazione dell´erotismo che se è legittima lo è in entrambe le direzioni.
Allo stato attuale l´omosessualità ego-distonica (quella dei gay che NON si accettano) è realmente considerata una nevrosi. Smette di essere considerata tale solo quando l´omosessuale accetta il suo orientamento.Pertanto dire a un gay che non si accetta che può cambiare equivale a dire a un paranoico che è vero che c´è qualcuno che lo spia.
Proporre a un ego-distonico una "cura" equivale a vendere al nostro paranoico un amuleto contro i suoi nemici invisibili.
Una canzone contro l´accettazione dell´omosessualità è analoga a una canzone che inviti i depressi a bere vodka invece di prendere il Prozac.
"Voler diventare etero" è una nevrosi.
Una nevrosi che condanna all´infelicità.E che è una delle ragioni che spinge al suicidio migliaia di adolescenti.
Qualcuno pensa che un gay che non si accetta può scegliere di cambiare? io dico che è esattamente il contrario.
Un gay che non si accetta è schiavo della colpa e non è affatto libero di decidere se andare con una donna o meno: lo deve fare perchè è a questo che lo spinge la sua nevrosi.
Io che mi sono pienamente accettato come gay posso anche permettermi di andare con una donna se solo lo volessi e posso decidere di scegliere se farlo o meno.
Un omosessuale ego-distonico non può scegliere proprio nulla e non lo può fare proprio perchè è costretto a rifiutare la propria latente omosessualità.
Perchè nella nevrosi non esistono possibilità di scegliere.
Accettarsi è una condizione per la Scelta.
Se io penso che "omosessuale è male, devo diventare eterosessuale" non ho scelto di essere eterosessuale; ma sono stati i miei disturbi mentali ad avere scelto per me.



Spero di essere stato chiaro.Ciao ciao.:ciaociao:

DIAZE
01-01-2009, 20.35.51
Almeno una cosa belle di questo topic è il ritorno se pur fugace di Orfeo (sigh)

:Palka:

Shagrath_Infernus
02-01-2009, 00.27.19
Un consiglio spassionato, getta via i libri di scuola.
L'unico istinto sessuale radicato biologicamente, e che potremmo definire patologico, è quello primario, senza distinzioni di sorta, l'incessante necessità del maschio di eiaculare.
Eterosessualità ed omosessualità non hanno alcun legame psichico/fisico, nessun gene e nessuna sequenza addetta a definirti.


1.) Io non parlo mai per nozioni puramente scolastiche ma cerco sempre di avverare le mie conoscenze con svariate letture;

2)L'eterosessualità è profondamente radicata biologicamente nell'essere umano anche solo semplicemente per un fattore evoluzionistico. Se anche essa non fosse parte di una qualsivoglia sequenza genetica, e credo che ciò non sia possibile, è garanzia della sopravvivenza biologica della razza homo sapiens in quanto tale.

Le mie parole non devono essere lette come una condanna all'omosessualità, si badi bene dal fraintenderle.

Una ricerca sulla naturalità dell'omosessualità, inoltre, non può basarsi unicamente su un supporto unicamente psicologico e sociologico e sottrarsi ad un riscontro biologico.

giogothico
02-01-2009, 00.33.00
L'unico istinto sessuale radicato biologicamente, e che potremmo definire patologico, è quello primario, senza distinzioni di sorta, l'incessante necessità del maschio di eiaculare.


Dando per buona la teoria darwiniana, prendiamo delle scimmie come esempi: se è vero quello che dici nella frase citata, metti la stessa scimmia davanti ad una scimmia maschio prima e a una femmina poi, e controlla se l'effetto è lo stesso o no.
Se sì, l'omosessulità fa parte della scimmia, e quindi, si suppone, dell'uomo; altrimenti no.

Shagrath_Infernus
02-01-2009, 03.06.12
Questa è una tua teoria, che non ha alcun tipo di riscontro ne scientifico, ne psicologico.



Dici? Allora leggi F.De Waal, Naturalmente buoni, Steven Pinker, Tabula Rasa e persino Darwin e Kropotkin. Io non critico le tue fonti senza saperne nulla così come tu non dovresti criticare le mie sparando a zero solo perchè non condividi. Informati, parleremo in seguito.

Io non creo disinformazione, dico la mia opinione, argomentando serenamente ma se devo essere trattata da ignorante e presuntuosa solo perchè non condividi, io non discuto di nulla perchè sprecherei il mio tempo.


Insomma, tutti siamo liberi di esprimere le nostre teorie, basta mettere in chiaro in primis la realtà dei fatti.

La realtà è semplice mai come in questo caso. L'eterosessualità promuove la riproduzione della specie, l'omosessualità no, nellla maniera più assoluta. Dal punto di vista della concorrenza diretta tra le specie ( in breve la visione darwiniana secondo la quale il meno adatto non può riprodursi) l'eterosessualità è una scelta vincente, si provi ad affermare il contrario.

IndoorVillaP
02-01-2009, 10.14.48
Premetto che avercela con Povia è doveroso anche per chi ha una minima cultura musicale, ormai la TV ci vomita addosso talmente tante stronzate che ci servono tutti sti mezzi cantanti per star bene, che devonoe mergere in qualche modo sparando qualche minchiata che faccia notizia, poi ci servono anche i gruppi attivisti che difendono difendono difendono....l'Arcigay cellà con l'Arcietero e viceversa, poi ci servono queste notizie da studioaperto per giustificare le nostre televisioni LCD in bagno in camera da letto e in cucina.....rendiamoci conto che orma l'informazione è RIEMPIRE dei buchi ( e non è una battuta inerente al post :D ), e fare scalpore, l'oggetto TELEVISIONE è un elettrodomestico totalmente passivo, terribilimente noioso e terribilmente in mano all'interesse di pochi......l'unico modo per immunizzarsi è usare la televisioen diversamente.....attivamente ....esattamente coem facciamo noi ...VIDEOGIOCANDO !

Shagrath_Infernus
02-01-2009, 12.00.07
Mi autoquoto -_-'

Ti ripeto, un consiglio spassionato, getta via i libri di scuola.

Vogliamo i fatti.
Se io non posso permettermi un sabato sera rilassante, su una panchina in piazza con il mio uomo, la colpa è tua, e delle tue personalissime teorie, che hai usato per contrastare i miei dati di fatto.

1+1 fa 2 punto.
Puoi citarmi centinai di autori, puoi aver appreso e fatto tue milioni di teorie, sarà sempre meno di quello che io ho trascorso negli ultimi 21 anni della mia vita, sulla mia pelle, a scapito della mia autostima.




Ma che diamine vuoi? nessuno ti ha detto che non puoi palparti con il tuo uomo o nulla di simile. Il circolo è vizioso, nel senso che tu mi dai dell'ignorante essendo tu stesso ignorante in materia. Per struttura biologica si intende anche conformazione cerebrale acquisita in millenni di evoluzione e prova a negare che l'eterosessualità non sia funzionale allo sviluppo della specie. Senti, se non sei d'accordo dillo senza tacciare gli altri di ignoranza, le mie basi sono più salde delle tue. Citami tu almeno un autore, visto che non fai che buttare insulti sulle mie letture e butta i paraocchi, impara a discutere senza attaccare e non trattare gli altri da studentelli dal tuo piedistallo da grande scienziato. Adesso prometto di non risponderti più, perchè sono una persona civile che discute con gli altri trattandoli da da pari e non sto qui a sentire un tizio che mi taccia di chiusura mentale e disinformazione.

La tua è una forma di integralismo, la mia non vuol esserlo, ecco dove sta la differenza. Io ho un atteggiamento critico e distaccato, tu stai vivendo questo discorso come un'offesa personale. Ecco il tuo torto.

DIAZE
02-01-2009, 12.28.38
E il "presunto" integralismo è lo spunto dell'apertura di questo topic, direi che il cerchio è chiuso.

P.s. vi prego di moderare i toni per non scadere nella rissa.

destino
02-01-2009, 12.33.03
1.) Io non parlo mai per nozioni puramente scolastiche ma cerco sempre di avverare le mie conoscenze con svariate letture;

2)L'eterosessualità è profondamente radicata biologicamente nell'essere umano anche solo semplicemente per un fattore evoluzionistico. Se anche essa non fosse parte di una qualsivoglia sequenza genetica, e credo che ciò non sia possibile, è garanzia della sopravvivenza biologica della razza homo sapiens in quanto tale.

Le mie parole non devono essere lette come una condanna all'omosessualità, si badi bene dal fraintenderle.

Una ricerca sulla naturalità dell'omosessualità, inoltre, non può basarsi unicamente su un supporto unicamente psicologico e sociologico e sottrarsi ad un riscontro biologico.

volevo scrivere qualcosa a riguardo ma qui sopra c'è esattamente quello che penso, quindi mi permetto di quotarlo.
E questo non per dire che sono contrario all'omosessualità, ma non ne sono manco fautore o fan, semplicemente rispetto le scelte intime di una persona, senza però farne un caso di cui discuterne con la stessa.
Sei etero, sei gay? E a me che me ne frega?
Al massimo mi frega come ti chiami e se abbiamo interessi in comune, se sei una persona con cui mi trovo bene oppure no, se mi piace chiaccherare con te o semplicemente anche andare a prendere una birra con te, dei tuoi orientamenti sessuali mi interesserò eventualmente se sarà attratto fisicamente e mentalmente da te, quindi solo in un secondo momento, a conoscenza avviata. Le persone che si presentano a me con "ciao sono marco sono gay", oppure "ciao, sono chiara, mi piace fare pompini a ingoio" non le reputo degne di attenzione.

Detto questo, trovo risibile la teoria che appena nati siamo tutti tendenzialmente bisessuali ed è la società malata coi suoi insegnamenti che ci fa diventare eterosessuali in gran parte. Se questo fosse tendenzialmente vero, qualsiasi specie animale da cui proveniamo dovrebbe aver sviluppato questa tendenza bisessuale, visto che la maggior parte delle specie viventi non vivono in un contesto sociale organizzato come quello umano, al massimo potremmo considerare le scimmie o le formiche o le api o altri grandi mammiferi che vivono in branco, ma questo non spiegherebbe perchè le aquile sono eterosessuali.
L'eterosessualità in natura si spiega diversamente, con un principio basilare chiamato sopravvivenza della specie, c'è poco da scomodare studi scientifici, la procreazione può avvenire o tramite esseri che posseggono da soli entrambi gli organi riproduttivi, cioè gli ermafroditi, o tramite clonazioni negli esseri unicellulari oppure tramite scambio di geni tra esseri di sesso opposto.
L'omosessualità di massa in natura porta ad una solo cosa, se vogliamo scomodare Darwin, all'estinzione della specie.

Detto questo trovo alquanto ridicolo per una specie senziente che si vanta di voler toccare con le proprie dita Dio lo scomodare la natura su argomenti quali il piacere sessuale, trovo che se a qualsiasi persona piaccia qualcosa e questo qualcosa non vada contro i diritti degli altri esseri viventi che ha accanto, ebbene possa tranquillamente fare quel che vuole, nel pieno rispetto della sua libertà e di quella altrui.

Cmq sono interessato a questa teoria strampalata sulla bisessualità presente in ogni uomo fin dalla nascita, Mekino potresti fornirmi link a articoli dettagliati che parlano della cosa, sai 2 righe di una citazione che hai copiato da non so dove e di una persona che non conosco non riescono a soddisfare a pieno la mia fame di conoscenza

giogothico
02-01-2009, 12.45.57
volevo scrivere qualcosa a riguardo ma qui sopra c'è esattamente quello che penso, quindi mi permetto di quotarlo.
E questo non per dire che sono contrario all'omosessualità, ma non ne sono manco fautore o fan, semplicemente rispetto le scelte intime di una persona, senza però farne un caso di cui discuterne con la stessa.
Sei etero, sei gay? E a me che me ne frega?
Al massimo mi frega come ti chiami e se abbiamo interessi in comune, se sei una persona con cui mi trovo bene oppure no, se mi piace chiaccherare con te o semplicemente anche andare a prendere una birra con te, dei tuoi orientamenti sessuali mi interesserò eventualmente se sarà attratto fisicamente e mentalmente da te, quindi solo in un secondo momento, a conoscenza avviata. Le persone che si presentano a me con "ciao sono marco sono gay", oppure "ciao, sono chiara, mi piace fare pompini a ingoio" non le reputo degne di attenzione.

Detto questo, trovo risibile la teoria che appena nati siamo tutti tendenzialmente bisessuali ed è la società malata coi suoi insegnamenti che ci fa diventare eterosessuali in gran parte. Se questo fosse tendenzialmente vero, qualsiasi specie animale da cui proveniamo dovrebbe aver sviluppato questa tendenza bisessuale, visto che la maggior parte delle specie viventi non vivono in un contesto sociale organizzato come quello umano, al massimo potremmo considerare le scimmie o le formiche o le api o altri grandi mammiferi che vivono in branco, ma questo non spiegherebbe perchè le aquile sono eterosessuali.
L'eterosessualità in natura si spiega diversamente, con un principio basilare chiamato sopravvivenza della specie, c'è poco da scomodare studi scientifici, la procreazione può avvenire o tramite esseri che posseggono da soli entrambi gli organi riproduttivi, cioè gli ermafroditi, o tramite clonazioni negli esseri unicellulari oppure tramite scambio di geni tra esseri di sesso opposto.
L'omosessualità di massa in natura porta ad una solo cosa, se vogliamo scomodare Darwin, all'estinzione della specie.

Detto questo trovo alquanto ridicolo per una specie senziente che si vanta di voler toccare con le proprie dita Dio lo scomodare la natura su argomenti quali il piacere sessuale, trovo che se a qualsiasi persona piaccia qualcosa e questo qualcosa non vada contro i diritti degli altri esseri viventi che ha accanto, ebbene possa tranquillamente fare quel che vuole, nel pieno rispetto della sua libertà e di quella altrui.

Cmq sono interessato a questa teoria strampalata sulla bisessualità presente in ogni uomo fin dalla nascita, Mekino potresti fornirmi link a articoli dettagliati che parlano della cosa, sai 2 righe di una citazione che hai copiato da non so dove e di una persona che non conosco non riescono a soddisfare a pieno la mia fame di conoscenza

Nome a caso? :roll3:

Comunque sono d'accordo, anche perchè di fatto hai allungato di una ventina di righe la mia considerazione...

DonAldrigo
02-01-2009, 12.46.06
Personalmente trovo ridicola la teoria che saremmo tutti bisessuali.
Vorrebbe dire che da diecimila e passa anni tutta l'umanità è bisessuale ma l'abbiamo sempre negato e perché? Per i condizionamenti della società?
Il discorso sul condizionamento della società ha senso se i bisessuali e gli omosesuali sono una stretta minoranza in una società composta quasi totalmente da etero.
Ma se siamo tutti bisessuali il discorso cade completamemte, perché dovremmo accogliere l'idea che i bisessuali cercano di imporre un visione etero (che non hanno) ad altri bisessuali che non la condividono.
Detto questo le teorie e gli studi scentifici si contestano con altre teorie e studi scientifici, la propria esperienza di vita conta (senza offesa per nessuno) come il due di picche a poker.

IndoorVillaP
02-01-2009, 12.55.43
Secondo me, per andare un po offtopic, tra omosessuali eterosessuali bi-tri-quadri-sessuali funziona come per le console. Se avevi il Megadrive volevi dimostrare che era meglio del Super Nintendo, stessa cosa dicasi per Ps2/XBOX, Ps3/360, chiunque tira acqua al proprio mulino come meglio può: letture, citazioni, esperienze....alla fine chissenefrega se era meglio Sonic o Mario, splinter Cell o MGS, Fifa o Pes, FxxA o Cxxxo, alla fine tutti si divertono come vogliono, e combattono per le idee proprie.......solo non cercate di convicermi che Freud era uno con i piedi per terra perche so che non è vero :P ( Scherzo prima che parta un inferno per questa affermazione)

Se ti piace Nina Moric mi sta bene.
Se ti piace Povia mi sta bene.
Se ti piace indossare scarpe con il tacco 12 mi sta bene.
Se ti piace Maldini perche lo ritieni un figo va bene.
Se ti piace la coniglietta di playboy di Settembre 2008 (e a chi non piace) mi sta bene

Solo non andarci sotto con la polemica perchè si finisce come Maria De Filippi parlare con il vocoder di donne, uomini, esterne e corteggiatori.
Datemi Carmageddon !

DonAldrigo
02-01-2009, 13.06.50
Secondo me, per andare un po offtopic, tra omosessuali eterosessuali bi-tri-quadri-sessuali funziona come per le console. Se avevi il Megadrive volevi dimostrare che era meglio del Super Nintendo, stessa cosa dicasi per Ps2/XBOX, Ps3/360, chiunque tira acqua al proprio mulino come meglio può: letture, citazioni, esperienze....alla fine chissenefrega se era meglio Sonic o Mario, splinter Cell o MGS, Fifa o Pes, FxxA o Cxxxo, alla fine tutti si divertono come vogliono, e combattono per le idee proprie.......solo non cercate di convicermi che Freud era uno con i piedi per terra perche so che non è vero :P ( Scherzo prima che parta un inferno per questa affermazione)

Se ti piace Nina Moric mi sta bene.
Se ti piace Povia mi sta bene.
Se ti piace indossare scarpe con il tacco 12 mi sta bene.
Se ti piace Maldini perche lo ritieni un figo va bene.
Se ti piace la coniglietta di playboy di Settembre 2008 (e a chi non piace) mi sta bene

Solo non andarci sotto con la polemica perchè si finisce come Maria De Filippi parlare con il vocoder di donne, uomini, esterne e corteggiatori.
Datemi Carmageddon !

A questo punto sei moralmente obbligato a postarne una foto in modo da permetterci di "giudicare".

destino
02-01-2009, 13.11.11
A questo punto sei moralmente obbligato a postarne una foto in modo da permetterci di "giudicare".

Calendario Playboy 2008 (http://gallery.tipiace.it/calendario-playboy-2008/playboy-settembre-2008.htm)

DonAldrigo
02-01-2009, 13.28.55
Calendario Playboy 2008 (http://gallery.tipiace.it/calendario-playboy-2008/playboy-settembre-2008.htm)

Grazie.
Quella di Maggio è la più bella.

Ghostkonrad
02-01-2009, 15.15.55
Ma che diamine vuoi? nessuno ti ha detto che non puoi palparti con il tuo uomo o nulla di simile. Il circolo è vizioso, nel senso che tu mi dai dell'ignorante essendo tu stesso ignorante in materia. Per struttura biologica si intende anche conformazione cerebrale acquisita in millenni di evoluzione e prova a negare che l'eterosessualità non sia funzionale allo sviluppo della specie. Senti, se non sei d'accordo dillo senza tacciare gli altri di ignoranza, le mie basi sono più salde delle tue. Citami tu almeno un autore, visto che non fai che buttare insulti sulle mie letture e butta i paraocchi, impara a discutere senza attaccare e non trattare gli altri da studentelli dal tuo piedistallo da grande scienziato. Adesso prometto di non risponderti più, perchè sono una persona civile che discute con gli altri trattandoli da da pari e non sto qui a sentire un tizio che mi taccia di chiusura mentale e disinformazione.

La tua è una forma di integralismo, la mia non vuol esserlo, ecco dove sta la differenza. Io ho un atteggiamento critico e distaccato, tu stai vivendo questo discorso come un'offesa personale. Ecco il tuo torto.

Bè, è vero che l'eterosessualità è funzionale allo sviluppo della specie, ma a voler essere puntigliosi, anche le gravidanze indesiderate e gli stupri lo sarebbero. ;)
Il punto è che l'unica costante nella storia dell'uomo è il suo estraniarsi sempre più dall'ambiente naturale dove è nato (come specie) per costruirsene intorno uno sempre più artificiale e lontano dalle leggi di base valide in natura. E questo è valido anche nel campo del diritto e della società.
Questo per dire che hai ragione sul fatto che la natura "pesa" più a favore dell'eterosessualità, ma non è affatto detto (anzi, spesso è il contrario) che la natura sia da prendere a giudice in tal senso.

.Furla.
02-01-2009, 18.00.12
A chi la considera una "fase immatura" (come Povia) o un "errore da correggere" o "un guasto da riparare" io chiuderò la bocca senza alcuna esitazione.:)
io non penso affatto che l'omosessualità sia necessariamente uno stato da cui guarire, ma non capisco chi sei tu per impedire a qualcuno di parlare, visto che parti da presupposti che mi sento di mettere in dubbio, ed in assenza anche di uno solo dei quali la tua censura è assolutamente illegittima:
1. l'autore considera l'omosessualità, o alcune sue forme, come una malattia;
2. l'autore esprime nella canzone questo punto di vista;
3. puoi scientificamente, o almeno statisticamente, provare il contrario (cioè che non esistano omosessuali che abbiano assunto tale orientamento a causa di trauma psichico o confusione mentale).



E - appunto - non perchè rifiuto l´idea che si possa cambiare orientamento sessuale, ma perchè rifiuto l´idea che questo cambiamento sia una "correzione" o una "riparazione" e non semplicemente una fluttuazione dell´erotismo che se è legittima lo è in entrambe le direzioni.
personalmente ritengo che una persona possa trovarsi in situazioni di disagio psicologico che la portino a comportarsi sessualmente in modo diverso dal proprio orientamento (e questo include, ad esempio, il caso degli omosessuali ego-distonici, che secondo me possiamo ritenere opposto e duale a quello della canzone).
è una fluttuazione legittima in entrambe le direzioni, ma una (che cambia da persona a persona) può essere fonte di malessere, e anche qui può essere valido il controesempio dell'ego-distonico; quindi credo che parlare di qualcuno che risolve il suo malessere scegliendo una delle due è lecito, a patto che non si indichi quella direzione come universalmente giusta e l'altra come universalmente "malata".

ecco, mettiamola così: se la canzone parlasse di un omosessuale che non riesce ad accettarsi e passa un periodo di confusione e grave infelicità a causa di questo conflitto che, alla fine, si risolve con la scelta di vivere con serenità il proprio orientamento, io non avrei nessun problema a sentirla, a condizione che non si sostenga che la soluzione a tutti i problemi psicologici che coinvolgono la sfera sessuale sia l'omosessualità.

se sei in grado di sottoscrivere il periodo qui sopra sostituendo tutti gli "omo" con "etero" siamo d'accordo e, a tempo debito, valuteremo se la canzone rispetta la condizione o se, invece, opera una discriminazione in questo senso :birra:

Shagrath_Infernus
02-01-2009, 23.08.19
Lo cancello perchè so di aver esagerato . Anche tu modera i toni.
Non hai nessun bisogno di offendermi tantomeno reagirò a questa provocazione.

Shagrath_Infernus
02-01-2009, 23.19.45
Davvero? Allora inizia a rispettarmi ed a rispettare tutti gli altri. Dopo e solo dopo potrai discutere con me di qualcosa. Per il momento sei in ignore.
Addio

Squizzo
02-01-2009, 23.38.46
In questo modo non tieni conto degli anni di evoluzione.

scusate, leggo la discussione più o meno distrattamente, ma personalmente mi lascia alquanto perplesso uno che parla di una certa teoria basata sull'istinto primordiale, per poi ribattere a chi discute con lui sulla validità della propria tesi, dicendo che non tiene conto degli anni di evoluzione :sisi:

Di0
02-01-2009, 23.42.12
Ma poi, lasciando un attimo perdere le dispute evoluzionistiche, che non portano da nessuna parte: vi hanno preso parte i Bonobo, è sotto gli occhi di tutti come siano finiti. Persino i Panda, da quando hanno iniziato a chiederselo, non c'hanno capito più nulla e, nel dubbio, succhiano bambù.

Voglio dire, perché stiamo dando per scontato che Povia (shame on him, shame on him, comunque sia) tratti questo passaggio come una guarigione e non come, semplicemente, il racconto di una storia dove, nuovamente, si innamora di una ragazza stupenda?
Il punto focale è che il testo non lo conosciamo e il titolo non fa presupporre nulla. Oltretutto, se è pure autobiografico, che ne volete da lui? Inutile chiedersi in base a quali principi etici o antropologici sia successo, se gli è successo ed è in buona fede, ha tutto il diritto di parlarne nelle sue canzoni. Non esiste un valore morale dietro il racconto di un evento accaduto o una storia e non è appropriato dargli certi attributi.
Se fosse arrivato a Sanremo un cantante omosessuale qualunque con la canzone d'amore nei confronti del suo ragazzo, verso la quale il Monsignore di turno, piuttosto che chiunque altro, avesse espresso la propria opinione definendola "inopportuna", "indegna", "immorale", "contro la società" etc. etc. la nostra alzata di scudi nel difenderla, almeno prima di leggere il testo, sarebbe stata praticamente unanime e ne sono sicuro.
Ora che cambia?
Se un eterosessuale può stufarsi di esperienze etero e innamorarsi di una persona dello stesso sesso, per i motivi più disparati e sui quali non voglio entrare in merito, suppongo che possa valere decisamente anche il contrario e un omosessuale possa provare il desiderio di modificare (nuovamente o per la prima volta) la propria "posizione" (e vabbe: :asd:).

Vabbe', Povia gay.

Di0
02-01-2009, 23.50.17
Se vabbè... ciao...:asd:
Piantatela di citarmi altrimenti devo rispondere -.-
E dato essere l'unico su questo forum a pensarla in un determinato modo, non posso continuare a difendermi dai vostri attacchi, pensatela come vi pare -_-'


Tiri la pietra e nascondi la mano, bah... -_-'


Ipse Dixit? ;)

DIAZE
02-01-2009, 23.50.44
Mekino basta flamare...
O la discussione procede in termini civili o chiudo la baracca.

:D

Squizzo
03-01-2009, 00.03.27
Se vabbè... ciao...:asd:
Piantatela di citarmi altrimenti devo rispondere -.-
E dato essere l'unico su questo forum a pensarla in un determinato modo, non posso continuare a difendermi dai vostri attacchi, pensatela come vi pare -_-'
e chi ti ha attaccato scusa? :maddeche: semplicemente se vuoi fare un discorso basato sugli istinti primordiali dell' "animale" uomo, dubito tu possa ribattere a chi contesta la tua tesi affermando che non tiene conto dell'evoluzione...le due cose cozzano l'una contro l'altra

DIAZE
03-01-2009, 00.05.07
Nessun linciaggio nessuna gogna, solo non prenderla ogni volta come un attacco personale.

;)

destino
03-01-2009, 01.34.03
I link cercali, posso indicarti qualche testo:

Darwin - L'origine della specie (come contaddittorio qualche cenno Spencer)
Mendel - Le leggi
Nietzsche - Umano troppo umano
Freud - Introduzione alla psicanalisi (come contraddittorio qualche cenno di Jung)
Freud - Tre saggi sulla sessualità (come contaddittorio qualche cenno Groddeck)
Montano - Psicoterapia con clienti omosessuali (ai giorni nostri)

Solo con questi ne avrai per mesi, ma bada bene, vanno dritto dritto all'argomento che stiamo trattando, poche nozioni filosofiche, parecchia scienza.
Alcuni sono di una noia mortale, se sei un deficente come me ti consiglio di rileggerli più e più volte -_-'

Ciao

PS: Li puoi trovare legalmente gratis, altri li devi comprare.

i primi 3 li ho letti e dovrei averli qui nella biblioteca di mio padre.
Mi puoi indicare dei suddetti primi 3 libri i capitoli o i paragrafi in cui sia Darwin che Mendel che Nietzsche parlano di un essere umano che nasce tendenzialmente bisessuale?

Per quanto riguarda Nietzsche se ti riferisci a questo brano



All'uomo sono state poste molte catene, affinchè egli disimpari a comportarsi come un animale; e veramente egli è divenuto più mite, spirituale, gioioso e assennato di tutti gli animali. Ma ora soffre ancora del fatto di aver portato per tanto tempo le catene, di aver mancato per tanto tempo di aria buona e di movimento libero; queste catene però sono, lo ripeterò sempre di nuovo, gli errori gravi e insieme sensati delle idee morali, religiose e metafisiche. Solo quando anche la malattia delle catene sarà superata, la prima grande meta sarà veramente raggiunta: la separazione dell'uomo dagli animali.


sappi che a tutto si riferiva Nietzsche tranne che all'omosessualità o alla bisessualità latente in ogni uomo.

Quindi visto che ancora non mi hai fornito dati certi e scientifici (come da te affermato nei tuoi precedenti post), mi dispiace dirti che non mi hai per niente convinto, anzi visto che di quegli autori qualcosa ho letto e pure alcune delle opere da te citate, mi aspetto da te ovviamente una rassegna critica di queste opere, con citazioni spiegate in dettaglio per portare spiegazioni alla tua tesi che finora risulta essere oltre che strampalata anche priva di ogni minima prova a suo favore, sia essa scientifica che letterale.

destino
03-01-2009, 11.14.25
mekino, il tuo modo di porti è fallace con me, se cerchi la rissa su argomenti tecnici sappi che difficilmente la troverai, se cerchi di trasformare una discussione basati su libri e autori di tutto rispetto in una rissa per sfuggire alle argomentazioni troverai con me una porta sbarrata.

Andiamo a commentare innanzitutto il tuo atteggiamento.
Frasi come



Senti ragazzino




La tua saccenza non mi turba




Interessi:
Le donne e gli RPG ( e le donne che giocano ad un RPG...)


sono tutti attacchi personali gratuiti che mi fanno fortemente dubitare sulla tua professionalità come psicanalista, di cui tanto ti vanti.
Ma sono per me come brezza marina, sono abituato a ben altre tempeste e quindi non te ne faccio neanche una colpa, semplicemente volevo farti notare che rivolgersi cosi al prossimo sicuramente non porta ad avere un interlocutore disposto ad ascoltare le tue tesi.

Detto questo passiamo ai fatti che tanto stai portando avanti, fatti che si dimostrano allo stato attuale tuttora inesistenti, almeno per le fonti in mio possesso e per le conoscenze che ho. Non sono uno psicanalista ne tantomeno un laureato in psicologia, ma purtroppo per te mi diletto e non poco di filosofia, quindi i pensieri di Nietzsche sono ben presenti nella mia mente, il suo è un tentativo di distruggere tutte le consuetudini sociali che tenevano in catene l'uomo, in modo che possa morire e risorgere come essere libero, appunto il superuomo; è una lotta contro certi poteri millenari come quelli religiosi di cui Nietzsche è fiero nemico, non tanto della Cristianità o del messaggio di Gesù, ma piuttosto di quelle tradizioni e di tutto quella nomenclatura di regole e costrizioni nate tra il secondo e il decimo secolo DC.
Quindi sentire da te dire che in Nietzsche troviamo teorie che affermano che l'uomo nasce in potenza bisessuale e solo in seguito diventa eterosessuale a causa dei vincoli della società mi ha fatto fare un balzo sulla sedia di non poco conto, cmq interessato sulla faccenda ti ho chiesto di espormi a critica i passi di questo autore che tu consideri indichino chiaramente questo, passi che tu stai volutamente omettendo, perchè sai che metterei a controcritica gli stessi e potrei portare centinaia di pareri ben + importanti della mia parola che testimoniano come quelle parole sono state mal interpretate da te o da chi per te.

Tutto questo però non prescinde da un dato oggettivo fondamentale: Nietzsche è un filosofo e non un scienzato, citarlo per portare prove scientifiche a favore della tua tesi è come se io citassi il mago Otelma per giustificare perchè il polarizzatore in Banda Q da me progettato ha un delta fase diverso dai 90 gradi teorici per il suo corretto funzionamento.
Quindi anche se Nietzsche si svegliasse adesso dalla tomba e ti desse ragione, la sua parola peserebbe su questa discussione tanto quanto quella di un bambino che passa per strada con il leccalecca in bocca.

Passiamo a Darwin, anche qui sentire che questo illustre scienziato abbia portato argomentazioni in favore della tua tesi, mi ha lasciato alquanto incuriosito, e anche in questo caso avevo chiesto lumi a te, purtroppo venendo ricoperto di insulti invece che di informazioni. Non ricordo se fu esattamente lo stesso Darwin a riconoscere in alcune specie di animali atteggiamenti omosessuali, ma questo cmq sarebbe irrilevante, se setaccio un milione di uova e in uno di questi trovo dentro un pelo, non posso andare a gridare al mondo intero che nelle uova ci stanno i peli, sarebbe un insulto al metodo scientifico Galileano di cui Darwin era un devoto seguace, come tutte le persone che cercano di studiare il mondo basandosi sui principi della Scienza.
La presenza in natura quindi di animali con comportamenti omosessuali può essere quindi etichettata come interessante, ma nella scienza tutto ciò che è interessante ricade ormai in quei casi che possiamo volgarmente chiamare eccezioni, e questo è uno di questi, perchè purtroppo l'omosessualità andrebbe contro uno dei principi enunciati dallo stesso Darwin, cioè la teoria che i geni dell'esemplare più forte si trasmettono col tempo, ovviamente questi geni per trasmettersi hanno bisogno di un presupposto essenziale, l'accoppiamento tra 2 animali della stessa specie di sesso opposto, se manca questo puoi pure avere i geni di Superman ma alla tua morte quei geni diventeranno polvere assieme a te.

Per quanto riguarda Freud, almeno ti sei degnato di mettere un paio di citazioni interessanti, su cui si può discutere in modo sereno. Conoscevo il pensiero di Freud rispetto agli istinti che pervadono il bambino, sicuramente meno di te che lo fai per lavoro, ma non sono del tutto assenti in me i concetti basilari del pensiero freudiano.
L'unica cosa che vorrei farti notare è che questa frase



"Le eccitazioni che scaturiscono da tutte queste fonti non sono ancora riunite, ma
ciascuna segue separatamente il proprio scopo, il quale è semplicemente iI
raggiungimento di un certo tipo di piacere. Nell'infanzia, quindi, l'istinto sessuale
non è unificato e dapprima è senza un oggetto"(Tre saggi sulla sessualità - Freud - 1905)


è la stessa che certi dottori amici della chiesa cattolica usano per dimostrare che un omosessuale può essere guarito, visto che si dice chiaramente che alla nascita non si hanno gusti sessuali, quindi vuol dire che questi vengono scelti dalla società come dici tu nella tua teoria, ma se è la società a indirizzare i gusti sessuali di una persona, allora è possibile tramite strumenti correttivi far tornare i gusti sessuali di questa verso canoni + consoni.

Personalmente credo quindi che usare queste affermazioni di Freud per voler difendere l'omosessualità siano in sostanza un clamoroso autogol.

funazza
03-01-2009, 14.11.18
grazie mekino, davvero, grazie.

non sapevo queste cose, sono un uomo nuovo

DIAZE
03-01-2009, 14.41.50
...
Accorrete gente, su Multiplayer.it linciaccio della checca.
Avanti il prossimo -_-'

Spero di essere bannato presto, e che il 3D venga chiuso.


Qui in Mp.it (e in particolare in OS) abbiamo tanti difetti ma non siamo né trogloditi né bigotti.
Vedi di smetterla con il vittimismo perché sei completamente fuori strada.
E non pensare di esser l'unico ghei qui dentro, potremo sorprenderti. :nice:

destino
03-01-2009, 15.00.54
E non pensare di esser l'unico ghei qui dentro, potremo sorprenderti. :nice:

Ecco perchè mi cerchi sempre, altro che consigli sulla moderazione -_-'

The El-Dox
03-01-2009, 18.04.35
grazie mekino, davvero, grazie.

non sapevo queste cose, sono un uomo nuovo

cioè sei gay?
o mi sono perso qualcosa?
cazz, arrivo sempre tardi...

DIAZE
03-01-2009, 20.38.14
Ecco perchè mi cerchi sempre, altro che consigli sulla moderazione -_-'

Ma lo hai capito solo ora...


:asd:

3Deimos
03-01-2009, 21.29.42
Ovunque andiamo, qualsiasi cosa facciamo o pensiamo, ci sarà sempre qualcuno che la penserà diversamente da noi: il bello del mondo è che non siamo tutti delle marionette ma che pensiamo in modo differente anche quando qualcuno proprio no ci va a genio. Personalmente questa storia della canzone mi sembra una gran cazzata ma allo stesso tempo vedo che i pensieri di molte persone sono sempre più limitati - sembra strano che un gay possa ritornare sulle sue scelte sessuali? Cosi come un etero possa di punto in bianco rendersi conto di essere gay. Chissà quanti sono i soggetti in questa situazione. Per me, ora come ora, ogni cosa è buona per essere criticata e messa in luce sotto i rifletori. Certo che se magari si lamentava un etero di questa canzone e non uno del partito gay, le cose non avrebbero assunto quel peso.

.nageki.
03-01-2009, 22.29.46
qualcuno mi svegli quando arriva Orfeo a urlare "LAICITA'" :asd:

Giggio93
03-01-2009, 23.21.42
ma apparte parlare del sesso degli angeli fate qualcos'altro in questo thread?
questioni che la mia mente di quindicenne hanno risolto anni fa senza tirare in ballo Freud.

in gusti so gusti, c'è a chi gli piace bionda, a chi gli piace mora e a chi gli piace maschia, stop, il resto e fuffa di contorno, andate in pace.

ginkobilobav2
03-01-2009, 23.57.34
alcuni dei tuoi interlocutori non sono certo appassionati dell'argomento e in determinati casi difendere affermazioni come quelle di Aldrigo sarebbe umiliante

ma di fronte a 1+1 fa 2 punto anche la cultura di Gigi Sabani si sarebbe erta come un colosso pari forse solo alla magnificazione contestuale che ha potuto subire solo il primo bagnante di fronte a una balena


tu hai subito per 21 anni qualcosa? pensi di essere l'unico?
pensi di aver capito qualcosa?

Darwin e Freud in fila già fanno cadere le palle, mettici il fatto che non hai letto Darwin ma la rilettura occidentale sbagliata e ritorna al via

ti sei spostato abilmente dalle tue esperienze personali, ai testi, a citazioni decontestualizzate a braccio, per comodo e per avere ragione

direi che hai qualcosa di irrisolto alla radice e che ha condizionato il resto in misura pari a quelli che condanni

succede anche questo


ah mister analisi profumatamente pagata, l'analisi esiste solo se pagata e non solo monetariamente....ma ci hai tirato fuori qualcosa da tutti questi anni? ma come cazzo ti rapportavi con la gente prima? a granate?



Mi autoquoto -_-'
Quello che era stato detto è stato detto, ora possiamo anche litigare, rigirare le frittate, essere bannati ecc ecc.
Ti ripeto, un consiglio spassionato, getta via i libri di scuola.

Vogliamo i fatti.
Se io non posso permettermi un sabato sera rilassante, su una panchina in piazza con il mio uomo, la colpa è tua, e delle tue personalissime teorie, che hai usato per contrastare i miei dati di fatto.

1+1 fa 2 punto.
Puoi citarmi centinai di autori, puoi aver appreso e fatto tue milioni di teorie, sarà sempre meno di quello che io ho trascorso negli ultimi 21 anni della mia vita, sulla mia pelle, a scapito della mia autostima.

Ripeto vogliamo i fatti, le tue sono teorie.
Ora riassumendo:







Sbagliato 1+1 fa 2
Te lo spiego nel modo più spicciolo possibile.
Apri un cadavere, sezionalo, analizzalo in ogni sua parte, e non troverai nessun tipo di indizio che possa minimamente indicarti l'eterosessualità o l'omosessualità della persona in vita!
In esso troverai l'istinto sessuale primario, tale istinto è il frutto stesso dell'evoluzione, e non ha un oggetto sessuale predefinito; in modo ancora più spicciolo: l'evoluzione ha predisposto corporalmente il maschio all'atto sessuale (con un aumento del testosterone, che lo rende facilmente eccitabile, voglioso di eiaculare ecc ecc, funzioni queste prettamente corporali) non all'eterosessualità! Sarà poi un lavoro psichico tramite contesti sociali e rapporti interpersonali, a definire l'oggetto sessuale, rendendo sto povero cristo o na checca o n'etero! Ok?
Questo è un fatto, non lo dico io, lo dice la scienza, lo dice la psicoanalisi!

http://img75.imageshack.us/img75/2344/88799045sy6.jpg (http://imageshack.us)



Assolutamente si.

Braveheart1984
04-01-2009, 02.11.29
qualcuno mi svegli quando arriva Orfeo a urlare "LAICITA'" :asd:

:asd:

DIAZE
04-01-2009, 07.19.30
Ginko complimenti, come sempre sei un lucidissimo e dissacrante fottutissimo bastardo (cit)!

:birra:

:P

ding
04-01-2009, 19.48.15
udio che mi son perso. appena c'ho voglia vedo di leggermi 'sta roba :roll3:

DonAldrigo
04-01-2009, 19.58.34
alcuni dei tuoi interlocutori non sono certo appassionati dell'argomento e in determinati casi difendere affermazioni come quelle di Aldrigo sarebbe umiliante

ma di fronte a 1+1 fa 2 punto anche la cultura di Gigi Sabani si sarebbe erta come un colosso pari forse solo alla magnificazione contestuale che ha potuto subire solo il primo bagnante di fronte a una balena


tu hai subito per 21 anni qualcosa? pensi di essere l'unico?
pensi di aver capito qualcosa?

Darwin e Freud in fila già fanno cadere le palle, mettici il fatto che non hai letto Darwin ma la rilettura occidentale sbagliata e ritorna al via

ti sei spostato abilmente dalle tue esperienze personali, ai testi, a citazioni decontestualizzate a braccio, per comodo e per avere ragione

direi che hai qualcosa di irrisolto alla radice e che ha condizionato il resto in misura pari a quelli che condanni

succede anche questo


ah mister analisi profumatamente pagata, l'analisi esiste solo se pagata e non solo monetariamente....ma ci hai tirato fuori qualcosa da tutti questi anni? ma come cazzo ti rapportavi con la gente prima? a granate?

A cosa ti riferisci? Non sono arrabbiato è che non riesco a cogliere il riferimento.