PDA

Visualizza versione completa : Catania, strage nell'aula dei veleni



FaBiOm1987
14-12-2008, 14.26.43
CATANIA - L'ultima è stata una ragazza di 24 anni, della provincia di Ragusa. Quando ha letto sul giornale di quante persone avesse inghiottito quel laboratorio di Farmacia, adesso chiuso su disposizione della magistratura, sua madre ha preso il coraggio a due mani e ha chiamato l'avvocato Santi Terranova. "Anche mia figlia ha studiato in quel posto, per due anni - ha detto in lacrime - si è ammalata e adesso è morta. Aveva solo 24 anni".

E così, il già lungo elenco di vittime del laboratorio dei veleni dove per anni studenti, ricercatori, professori, tecnici e personale amministrativo hanno respirato fumi e maneggiato sostanze altamente tossiche, "in valori superiori di decine e anche di centinaia di volte ai limiti fissati per i siti industriali", come scrivono i pm, si è ulteriormente allungato: le vittime sono diventate 15, gli ammalati oltre venti.

Un numero ancora difficile da definire visto che, oltre alle persone che via via si fanno coraggio e si aggregano a quella sorta di comitato di familiari di vittime del laboratorio di farmacia dell'Università di Catania, che si è radunato attorno all'avvocato Terranova, sono in tanti quelli che negli ultimi giorni hanno telefonato direttamente alla Procura della Repubblica di Catania. E Carla Santocono e Lucio Setola, i due sostituti incaricati della delicata inchiesta dal procuratore Vincenzo D'Agata, si sono ritrovati a parlare con persone ammalate, in stadi più o meno avanzati, che si sono dette disponibili ad aggiungere altri elementi all'inchiesta e a raccontare le loro storie.

Storie del tutto simili a quella di Emanuele Patanè, il 29enne ricercatore che prima di morire per un tumore al polmone ha affidato al suo diario il drammatico racconto di quei suoi anni di lavoro in un ambiente killer e dell'ultimo stadio della sua malattia vissuta nell'assoluta indifferenza di quanti, vertici dell'Università e responsabili della Facoltà, ben sapevano non solo del mancato rispetto delle più elementari norme a tutela della salute ma anche della già lunga lista di vittime e di ammalati. Come dicono gli stessi magistrati negli atti dell'indagine che ha già portato al sequestro del laboratorio, e all'invio di otto avvisi di garanzia per disastro ambientale nel troncone d'inchiesta che presto verrà unificato con quello per omicidio colposo plurimo.



oggi alla rai ora di pranzo stanno trasmettendo un diario di uno dei ragazzi....è davvero triste questo fatto quanto più di sconcertante sia successa....
voi che ne pensate???

aplo
14-12-2008, 14.52.05
Che è meglio che crepano piu vecchi ai piani alti, che giovani mentre studiano .


Cya

FiLoX
14-12-2008, 15.16.02
Che a prescindere dalla fede politica e dalle idee che uno può avere a volte sembra di vivere in due stati diversi. Che tristezza, davvero.

SuperGrem
14-12-2008, 16.11.28
Ma non ci sono state proteste o rimostranze o addirittura denunce, quando il laboratorio era in funzione?
Bisognava aspettare che la gente si ammalasse e morisse?
Perchè nessuno s'è mosso prima?

Di0
14-12-2008, 16.14.58
Ma non ci sono state proteste o rimostranze o addirittura denunce, quando il laboratorio era in funzione?
Bisognava aspettare che la gente si ammalasse e morisse?
Perchè nessuno s'è mosso prima?

Perché tanto capita sempre agli altri.

FaBiOm1987
14-12-2008, 16.17.33
Ma non ci sono state proteste o rimostranze o addirittura denunce, quando il laboratorio era in funzione?
Bisognava aspettare che la gente si ammalasse e morisse?
Perchè nessuno s'è mosso prima?

guarda a quanto seguito dal programma molti avevano paura di parlare infatti sono rimasto sbigottito....la denuncia è partita solo ora dal padre di un ragazzo che appunto prima di morire ha fatto un vocali-diario ed è stato dato ad un avvocato che ha dato via alle pratiche di denuncia...

FaBiOm1987
14-12-2008, 16.18.42
l'unica cosa che si è fatta è stata cambiare le kappe (che non avevano mai funzionato) dopo la morte di questo ragazzo

Mischa
15-12-2008, 15.24.49
Esistono ormai innumerevoli esempi del genere, nulla di nuovo o diverso. Il fatto che qualcuno faccia qualcosa di vergognoso non è triste o sconcertante, è semplicemente prevedibile. Quel che invece è triste e sconcertante, è che un sacco di gente continui a consentirlo, fino a quando non paga direttamente. Mentre è ancora comprensibile che cose simili accadessero in passato, anche solo semplicemente per ignoranza, oggi le informazioni esistono per un bordello di cose, ma la gente - e con questo termine non intendo solo imprenditori o enti privi di scrupoli, intendo anche chi lavora per questi simpatici soggetti - continua a fregarsene, e a non solo sopportare, ma anche supportare lo status quo, forse appunto nell'ottica citata da Di0 che "capiti sempre ad altri". Ecco, questa è ipocrisia, omertà, collusione. Il fatto che il "guadagno personale" si riduca poi a uno stipendio da fame per alcuni, e che finiscano pure per lasciarci le penne, non c'entra: è proprio il concetto in sé ad essere sballato. Lavorare consapevolmente in determinate condizioni e non dire niente, imho ormai è quasi assimilabile alla complicità diretta. Salvo poi dire "oh, mo' schiatto per colpa di quello", e allora vai di denunce: prima no, però. Prima, manco per il cazzo, "tanto non tocca a te", appunto (magari ad altri sì, però chissene, ovvio, intanto prendi i tuoi quattro soldi). E allora non è più solo "colpa di quello": è anche tua. Ovvero, nostra: perché in buona parte, ci va bene che sia così, e in senso lato, partendo dalle piccole cose, siamo noi a legittimare quotidianamente questo sistema.

SuperGrem
15-12-2008, 15.31.44
Quel che invece è triste e sconcertante, è che un sacco di gente continui a consentirlo, fino a quando non paga direttamente.

Ecco, questa è la parte più importante di tutta la vicenda.
Ed è uno dei motivi per cui non nutro più grosse speranze per il genere umano. :|

hellspawn85
15-12-2008, 15.37.27
Ed è uno dei motivi per cui non nutro più grosse speranze per il genere umano. :|

fino a quando non succederà qualcosa, e a quel punto, seguendo il tuo ragionamento ne deduco che comincierai a nutrirne...

SuperGrem
15-12-2008, 15.44.16
fino a quando non succederà qualcosa, e a quel punto, seguendo il tuo ragionamento ne deduco che comincierai a nutrirne...

Se per evitare una strage aspetti di esserne coinvolto in prima persona, beh allora no, non nutro speranze.

hellspawn85
15-12-2008, 15.46.23
Se per evitare una strage aspetti di esserne coinvolto in prima persona, beh allora no, non nutro speranze.

touchè ;)