PDA

Visualizza versione completa : Caro dottore sopprima il mio cane



Namuris
30-11-2008, 01.28.45
"Caro dottore sopprima il mio cane" (http://www.lastampa.it/lazampa/girata.asp?ID_blog=164&ID_articolo=861&ID_sezione=339&sezione=News)

Lo studio veterinario del dottor G., specialista, è in una traversa di un grande corso, Barriera Milano. Due vetrine a livello marciapiede. Una linda sala d'attesa, con i poster, le sedie di plastica e, a fianco, la porta di vetro opaco blu che dà allo studio. L'atmosfera è accogliente, orario dalle 8 alle 20.30. Negli ultimi mesi il dottore è diventato triste. Preoccupato.
La crisi si fa sentire anche in questi studi dove, una volta, c'era la coda per la tosse del gatto, troppo insistente, o per le ipocondrie del cagnolino di casa, pronto per essere dirottato a esperti del comportamento. Costosi quanto uno psichiatra.

I medici hanno regole precise. Sono vincolati dal segreto. «Da qualche tempo vengono qui tante persone. Portano i loro animali, non sempre vecchi, non sempre malati. E mi dicono: “Dottore, ci pensi lei... lo sopprima... Noi non possiamo più mantenerlo. Il cibo costa, le sue visite, che sono necessarie, per carità, 35 euro ogni volta, le medicine hanno prezzi altissimi”». Soggetti che non dovrebbero essere affatto abbattuti: «Mi guardano con i loro occhi innocenti, lo so, sono un medico, sembra che sia diventato matto come il dottor Dolittle, sembra capiscano che è stata la loro ultima passeggiata». Il costo di due iniezioni, più il piccolo extra dello «smaltimento», nelle discariche autorizzate. «Io cerco di convincerli a cambiare idea. Qualcuno fa il buonista: «“Io non lo posso tenere. Gli voglio bene ed è per questo che lei lo deve uccidere. Non posso immaginarlo in un canile. Soffrirei troppo, lo avevamo pagato anche caro e poi il cibo. Quello di qualità costa anche 10 euro al giorno, 300 euro al mese. Non ce la facciamo più, è delicato, non tollera altro che il meglio!, mi spiegano. Non sentono ragioni. Vogliono andarsene al più presto, sbrigata l'incombenza, spremuta qualche lacrima ipocrita, con guinzagli e collare da gettare subito. I cani sono lì, al loro fianco. Mi domando cosa possono capire».

E i padroni? «Alcuni fanno la sceneggiata sino in fondo. Specie le donne. Vogliono tenere una zampa fra le mani sino all’ultimo, inviano Sms a raffica per comunicare a terzi, amanti compresi, la triste notizia. Sono quelle che mi fanno più schifo. Gli uomini no. Mi passano il guinzaglio, bruschi, pagano e se ne vanno, senza voltarsi mai». Il segreto del dottor G.: «Il mio studio non sarà mai il braccio della morte. I cani e i gatti che non rientrano nei protocolli dell'eutanasia, li salvo. Li affido ai canili o a persone di cuore, vincolandoli al segreto, che abitano lontano da Torino. E' una scena penosa, al limite dell’illegalità. Dico ai proprietari che ucciderò il loro animale. Che non prenderò alcuna somma di denaro. Se non lo faccio, altri, fuori lo faranno». I «salvati» seguono curiosi la giornata di lavoro di questo Schindler degli animali domestici, prima di partire per un canile o la casa di persone di cuore.

Piermario Piga, presidente Anmvi del Piemonte, è solidale con il collega: «Purtroppo, posso confermare che il numero di visite specialistiche per gli animali domestici è in calo. E abbiamo constatato che, mentre il fenomeno dell’abbandono era soprattutto legato alle vacanze, adesso molti cercano di liberarsi dei propri animali perchè non riescono più a mantenerli. E l’aumento di richieste per l’eutanasia, anche in casi dove non va praticata, può essere letto in questa chiave. Ovviamente, i medici procedono solo nel rispetto delle norme deontologiche. Ma è una triste tendenza, da qualche tempo in crescita».


Non pensavo che si raggiungessero questi livelli :| (sto parlando della mentalità/morale della gente, non di crisi economica)

Khorne
30-11-2008, 02.03.35
La gente di merda si palesa in ogni ambito.

zombie_chicken
30-11-2008, 02.28.42
quando la crisi peggiorerà ancora e non ci sarà più ragù nemmeno nei loro freezer, si pentiranno di aver dato via il cane

in ogni caso fa ribrezzo sta cosa, davvero la gente di merda.

andre101
30-11-2008, 02.36.07
Credo che l'iniezione andrebbe fatta ai padroni.

Siddolo999
30-11-2008, 03.21.48
Credo che l'iniezione andrebbe fatta ai padroni.
Completamente d'accordo.
Un cane è un essere vivente come loro e va trattato come tale, cazzo!
Che merda di gente, davvero.

angelheart
30-11-2008, 09.17.21
Nonostante non ci sia più nulla di cui stupirsi, io resto ancora senza parole, non pensando minimamente (innocenza o ingenuità, fate voi) a cose del genre.
Grande il veterinario, ma io mi farei pagare uguale, a spremergli fino all'ultimo centesimo a quei figli di troia.

Cocitu
30-11-2008, 10.12.58
semmai, più che grande quel veterinario dire "Coglioni" quelli che sopprimono un cane sano solo perchè i padroni non riescono più a tenerlo.
Io ho 2 gatti e un cane, e pur facendo fatica ad arrivare a fine mese, mai mi sognerei di fare un stronzata del genere.
In passato ho fatto sopprimere un mio veccho cane, ma solo perchè era ormai un rottame senza speranza di 16 anni, cieco, sordo e semiparalizzato e posso assicurarvi che quando ci penso mi viene ancora da piangere.
Persone che fanno cose del genere non meritano neanche un briciolo di considerazione.

Ho un sacco di amici veterinari, tra cui mia moglie che lo è quasi, e posso assicurarvi, che se un cliente dovesse adurre con loro una tale motivazione prenderebbero tanti di quei calci in culo da ritrovarsi il buco in fronte

hellspawn85
30-11-2008, 12.34.23
Potevano almeno donarlo in beneficenza al primo ristorante cinese

aplo
30-11-2008, 13.22.29
Cmq mai che a nessuno di questi Veterinari troppo sensibili gli passi per l'anticamera del cervello di abbassare il costo delle visite , io ne conosco 2 qui a Roma e sono tutti e 2 dei figli di mignotta, anche solo per tenere il cane una notte in osservazione si prendono piu soldi che per un crisitano.
Poi si dicono preoccupati perchè la gente salta le vaccinazioni fa meno visite di controllo ecc ecc e si hai visto mai che dopo la Villa e il Ferrari non arrivano a comprarsi la Barca, poveri cristi....


Cya

Di0
30-11-2008, 14.11.39
"c'è grisi, c'è grossa crisi". Un cazzo.
Queste persone sono le stesse che, in altri contesti, sbolognavano i figli in seminario o in collegio appena potevano, per toglierseli dalle palle. Perché tutto sommato, i figli non potevi portarli dal veterinario a sopprimerli.
La crisi è la scusa perfetta da dare alla propria coscienza: non ce la faccio a mantenerlo, quanto sono umano e coraggioso a prendere questa decisione. Balle. E' che ne hai le scatole piene di averlo per casa, portarlo fuori, pulirlo, accudirlo o chissà cos'altro. Sono pure codardi, avessero almeno le palle ed il coraggio di ucciderlo di persona, li rispetterei già di più, persino il cane apprezzerebbe.
Perché la scusa del "mangiare per cani costa e il mio cane vuole solo il meglio" è una stronzata. Il tuo cane è un animale abitudinario, fidati che se sei nella cacca coi conti in banca e gli dai gli avanzi della pranzo, il primo giorno li rifiuta, il secondo li mangia e sta male, il terzo li mangia e se ne fa una ragione.
I soldi del veterinario sono effettivamente una bella spesa, ma sono quasi certo che questi non si fanno mancare lo smart phone nuovo, due macchine ed il monitor al plasma, per citare un paio di lussi che sono sicuro avranno. La verità è solo che la crisi è un ottimo capro, espiatorio, magari pure inconscio, per togliersi l'animale domestico che ha stressato da sotto il cazzo. D'altronde, non li abbandonavano sulle autostrade per andare in vacanza alle Canarie perché c'era crisi. Schifo.

Detto ciò, mi è venuta voglia di cinese. :asd:

fppiccolo
30-11-2008, 14.22.28
I soldi del veterinario sono effettivamente una bella spesa, ma sono quasi certo che questi non si fanno mancare lo smart phone nuovo, due macchine ed il monitor al plasma, per citare un paio di lussi che sono sicuro avranno. La verità è solo che la crisi è un ottimo capro, espiatorio, magari pure inconscio, per togliersi l'animale domestico che ha stressato da sotto il cazzo. D'altronde, non li abbandonavano sulle autostrade per andare in vacanza alle Canarie perché c'era crisi. Schifo.



quoto alla grandissima (mi hai tolto le parole di bocca)

uizz
30-11-2008, 14.28.18
Adesso non vorrei tirare fuori il 'si stava meglio quando si stava peggio' ma come il padrone stringe la cinghia, anche il cane può farlo :asd: insomma non facciamoci contaminare dalle pubblicità con cani ciccioni che mangiano 'crocchette' che costano come fettine di vitello...alla fine ai cani basta poco, anzi sono sicuro che sarebbero più felici se i padroni gli dessero più attenzioni e meno pappa ^^

ginkobilobav2
30-11-2008, 14.35.42
capisco che parliate del caso

ma si chiama deresponsabilizzazione

si delega ogni cosa, alla macchina, al fisco, all'altro nel caso dei sentimenti

state tranquilli, lo fate anche voi

Mischa
30-11-2008, 14.36.27
I soldi del veterinario sono effettivamente una bella spesa...... eh, proprio. Poi come diceva aplo, pieno di veterinari in villa, con ferrari e barca :sisi:

ginkobilobav2
30-11-2008, 14.39.02
... eh, proprio. Poi come diceva aplo, pieno di veterinari in villa, con ferrari e barca :sisi:

vai tranquillo che le analisi a cazzo di cane (azzeccato direi) te le fanno fare, poi che l'1 per mille che conosci tu non lo faccia è anche credibile ma non è un'analisi sociologica

Di0
30-11-2008, 14.39.54
... eh, proprio. Poi come diceva aplo, pieno di veterinari in villa, con ferrari e barca :sisi:

Buh, confesso che effettivamente non ho mai avuto un animale domestico (sono figlio unico) e credo di non aver mai parlato con un veterinario in vita mia. Ma concedendo o meno che i veterinari si facciano pagare caro (lo fanno?), credo che il resto del mio discorso resti abbastanza valido. :D

Faustroll
30-11-2008, 15.26.10
Concordo con di0, la scusa dei problemi economici è ridicola. Se hai problemi di soldi li uccidi tu (come si faceva fino a qualche decennio fa) o lo si abbandona per strada (come tutt'ora si fa ). Crudeltà, ipocrisia e codardia. Tutte qualità che dimostriamo anche verso gli uomini quasi quotidianamente. Ora bisogna capire se stiamo innalzando gli animali al rango di uomini o vicecversa.

p.s. Nota a margine e quasi it. Di recente ho scoperto che hanno introdotto l'obbligo che il cibo per cani e gatti sia commestibile anche per l'uomo. Conseguenza del fatto che sempre più persone sono costrette a mangiare il cibo per gli animali per sopravvivere.

Eowyn.
30-11-2008, 16.32.53
Quello di qualità costa anche 10 euro al giorno, 300 euro al mese. Non ce la facciamo più, è delicato, non tollera altro che il meglio!, gente che spendeva 10€/die per far mangiare il cane è gente che a priori non merita il mio rispetto, figuriamoci dopo aver letto il resto :)
Sono d'accordo con il rpimo post di Di0. :birra:
non ho mai avuto un animale domestico (sono figlio unico) Non mi è chiaro il nesso :asd:

karuga
30-11-2008, 17.01.32
Credo che piuttosto dividerei il mio piatto con i miei cani.
Altro da dire non mi viene.

DIAZE
30-11-2008, 17.05.50
Mantenere un cane/gatto può costare molto (secondo il mio ex veterinario avrei dovuto portare a Bologna il mio bassotto per fagli una inutile TAC ed un eventuale e altrettanto inutile intervento neurochirurgico alla colonna) ma anche poco.
Vaccinazioni d'obbligo e mangime poche centinaia di euro, molto meno di qualsiasi hobby/passione.
Come è stato già detto è solo un comodo pretesto per eliminare una cosa che è diventata fastidiosa.

Sharden
30-11-2008, 18.59.35
uhm credo che l'aumento del fenomeno sia dovuto al fatto che se prima era relativamente semplice abbandonare un cane, ora con il microchip equivale ad una multa gigagalattica.

niente di nuovo insomma

Phoenix_CH
30-11-2008, 20.24.45
Ho un sacco di amici veterinari, tra cui mia moglie che lo è quasi, e posso assicurarvi, che se un cliente dovesse adurre con loro una tale motivazione prenderebbero tanti di quei calci in culo da ritrovarsi il buco in fronte


chissà quanti dalle tue parti che hanno portato il cinghiale ... :asd:

Sgt.Napalm
30-11-2008, 20.38.32
che tristezza infinita.

Maharet
01-12-2008, 10.08.50
Potevano almeno donarlo in beneficenza al primo ristorante cinese

te la potevi veramente risparmiare.

Faustroll
01-12-2008, 10.21.01
uhm credo che l'aumento del fenomeno sia dovuto al fatto che se prima era relativamente semplice abbandonare un cane, ora con il microchip equivale ad una multa gigagalattica.

niente di nuovo insomma


Non avevo pensato all'obbligo del microchip. Ora capisco meglio. :birra:




te la potevi veramente risparmiare.

Ahio, mi sa che ora ti risponderà che lui è così, che non guarda in faccia a nessuno, etc. etc.




Comunque tutto sommato capisco perfettamente chi dice che gli animali domestici possono essere un costo notevole per una famiglia a reddito basso (300€ sono un bel po' di soldi). Quello che manca nell'equazione e quanto ritornano con la loro presenza. Da imputare alle persone descritte nel primo post è soprattutto la leggerezza nell'aver preso con se un animale quando evidentemente non ricevono da questi abbastanza per giustificare il loro costo. Del resto c'è chi fa così con i bambini.

Squizzo
01-12-2008, 12.28.28
Comunque tutto sommato capisco perfettamente chi dice che gli animali domestici possono essere un costo notevole per una famiglia a reddito basso (300€ sono un bel po' di soldi).
in famiglia e parenti vari abbiamo avuto tonnellate di cani e gatti normalmente sfamati con gli avanzi di pranzo e cena, salvo ogni tanto croccantini e carne in scatola...non capisco dove stia la necessità di spendere vagonate di soldi per "pappa d'elite", quando le nostre bestiole stanno benissimo anche senza e non si lamentano di mangiare quel che mangiano i loro padroni...

sharkone
01-12-2008, 12.59.13
in famiglia e parenti vari abbiamo avuto tonnellate di cani e gatti normalmente sfamati con gli avanzi di pranzo e cena, salvo ogni tanto croccantini e carne in scatola...non capisco dove stia la necessità di spendere vagonate di soldi per "pappa d'elite", quando le nostre bestiole stanno benissimo anche senza e non si lamentano di mangiare quel che mangiano i loro padroni...

Effettivamente, tipo in campagna dove ci si ritrova ad avere diversi cani e decine gatti mica si spendono 5 mila euro di cibo:asd: . Magari non mangeranno una scatoletta a testa come nelle pubblicità ma anche noi umani spesso ci ritroviamo con il tipico panino pausa pranzo, mica mangiamo caviale.

Cocitu
01-12-2008, 13.01.09
chissà quanti dalle tue parti che hanno portato il cinghiale ... :asd:


da me quest'anno, vista la crisi campano anche i cinghiali.
Non avevo i soldi per rinnovare il porto di fucile e la licenza di cacciaT_T

KAKUGO
01-12-2008, 13.54.58
benvenuti.....
e questo è niente....

.nageki.
01-12-2008, 14.20.19
in famiglia e parenti vari abbiamo avuto tonnellate di cani e gatti normalmente sfamati con gli avanzi di pranzo e cena, salvo ogni tanto croccantini e carne in scatola...non capisco dove stia la necessità di spendere vagonate di soldi per "pappa d'elite", quando le nostre bestiole stanno benissimo anche senza e non si lamentano di mangiare quel che mangiano i loro padroni...

Noi abbiamo 3 gatti ed un cane .... il problema sono le visite periodiche dal veterinario per le varie vaccinazioni, nonché i soldi per i prodotti tipo lo Stronghold che costicchia abbastanza. Come se non bastasse vacciniamo anche la micia dei vicini (madre dei miei) perchè loro non lo fanno. Purtroppo il problema non sono solo le pappe (senza contare comunque che i gatti non fanno differenza tra pappa d'élite ed avanzi: se gli fa schifo l'odore non l'assaggiano nemmeno e non sai quante scatolette dobbiamo gettare perché loro decidono di digiunare :asd:). Però alla fine sanno darti davvero TANTO, "valgono" i soldi spesi per mantenerli sani ed in salute .... i miei ciccioni pelosi hanno 11 anni: mai avuto NIENTE, sono sanissimi e questo mi rende estremamente felice :)

Faustroll
01-12-2008, 14.38.12
in famiglia e parenti vari abbiamo avuto tonnellate di cani e gatti normalmente sfamati con gli avanzi di pranzo e cena, salvo ogni tanto croccantini e carne in scatola...non capisco dove stia la necessità di spendere vagonate di soldi per "pappa d'elite", quando le nostre bestiole stanno benissimo anche senza e non si lamentano di mangiare quel che mangiano i loro padroni...

Vedo le spese che ha mia nonna con il suo cane tra cibo e veterinario (cibo che, tra l'altro, sarebbe scarsissimo se mangiasse i suoi resti). Tra papponi preparati e carne comprata apposta sono circa otto euro al giorno. Ma sono l'altro lato della medaglia di un rapporto che, tra dare ed avere, è sicuramente in attivo. Il volersi prendere cura del proprio animale (e a volte dargli più di quello di cui si accontenterebbero) fa parte appunto di questo rapporto particolare.

Eowyn.
01-12-2008, 15.59.28
ora con il microchip equivale ad una multa gigagalattica.
Vero, ma da qui a chiedere che venga soppresso invece di darlo a qualcun'altro...


in famiglia e parenti vari abbiamo avuto tonnellate di cani e gatti normalmente sfamati con gli avanzi di pranzo e cena, salvo ogni tanto croccantini e carne in scatola...non capisco dove stia la necessità di spendere vagonate di soldi per "pappa d'elite", quando le nostre bestiole stanno benissimo anche senza e non si lamentano di mangiare quel che mangiano i loro padroni...Già, infatti.

Io spendo 70€/anno di vaccini; 60€/anno di antiparassitari (vivo in campagna e Gaia ama sguazzare per fossi e tane di pantegane :rolleyes:; suppongo che chi tiene il cane in appartamento posso permettersi molta meno spesa); 10-15€/mese di crocchette (e Gaia è una famelica!). Sono meno di 300€/anno :|
Poi, be', spendo di più se metto in conto i giochi, tutto l'occorrente per gli spostamenti fuori casa ecc., ma questi sono "extra"
Oltrettutto: il veterinario mi ha sconsiglilato di darle i nostri avanzi (troppo sale e condimenti che la farebbero ingrassare) e le scatolette di cibi pronti (a suo dire fanno aumentare la fame nell'animale e, lo ammetto, ho notato pure io che quando le diano una scatoletta sembra non averne mai abbastanza)

Vedo le spese che ha mia nonna con il suo cane tra cibo e veterinario (cibo che, tra l'altro, sarebbe scarsissimo se mangiasse i suoi resti). Tra papponi preparati e carne comprata apposta sono circa otto euro al giorno. Ma sono l'altro lato della medaglia di un rapporto che, tra dare ed avere, è sicuramente in attivo. Il volersi prendere cura del proprio animale (e a volte dargli più di quello di cui si accontenterebbero) fa parte appunto di questo rapporto particolare.Ma che cane ha? Uno di grossa taglia?

Faustroll
01-12-2008, 16.31.04
Ma che cane ha? Uno di grossa taglia?

Un Golden Retriever.

Eowyn.
01-12-2008, 17.16.47
Mmm, quindi mangia di più della mia di sicuro, ma 8€ mi sembrano comunque tanti (ho avuto un pastore tedesco e non è mai costato così caro). Ha mai provato a chiedere in macelleria gli scarti, anzicchè comprare la carne? Da noi te li danno volentieri (è pur sempre un modo, per loro, di ridurre i rifiuti)

DonAldrigo
01-12-2008, 18.02.00
I meie genitori hanno un negozio di agricole e di roba per cani/gatti ne vendiamo tanta.
Sinceramente non capisco come si fa a spendere 300 euro al mese per un singolo animale, anche prendendo la roba più costosa a disposizione dai miei non si arriverebbe mai a quella cifra, ma non ci si avvicina nemmeno.
E' vero che spesso i gatti fanno i difficili (vogliono quello e basta, i cani sono meno viziati) ma non si arriva a spendere cifre impossibili, ed in ogni caso si riesce a risparmiare benissimo.
Penso che il motivo sia un'altro, se ne vogliono disfare e al veterinario devono dare una scusa, visto che l'animale non è nelle condizioni per essere soppresso.

Phoenix_CH
01-12-2008, 20.27.34
da me quest'anno, vista la crisi campano anche i cinghiali.
Non avevo i soldi per rinnovare il porto di fucile e la licenza di cacciaT_T

ma dai, ti fai una piccola trasferta nei paraggi di Aggius che di licenza li non ce ne vuole :asd:

tra una roccia lunare e l'altra magari rischi pure di abbattere ET oltre che a un bel cinghialo :teach:

Fabio
01-12-2008, 20.57.11
Un Golden Retriever.

E mangia, eccome se mangia. :asd:

Però l'affetto che ti sa dare è veramente incredibile. :)

FALLEN_ANGEL_664
01-12-2008, 21.28.01
Ma queste soppressioni sono legali? Ditemi di no.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

DonAldrigo
01-12-2008, 21.33.07
Ma queste soppressioni sono legali? Ditemi di no.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Penso proprio di no.
Motivo per cui la gente racconta la cazzata dei 300 euro.

Faustroll
02-12-2008, 11.29.42
Mmm, quindi mangia di più della mia di sicuro, ma 8€ mi sembrano comunque tanti (ho avuto un pastore tedesco e non è mai costato così caro). Ha mai provato a chiedere in macelleria gli scarti, anzicchè comprare la carne? Da noi te li danno volentieri (è pur sempre un modo, per loro, di ridurre i rifiuti)

Sono sicuro che mia nonna è un caso estremo, pensa che la dieta che fa seguire alla Britt (è il nome della cagna) è scientificamente selezionata (non ricorda cose le da da mangiare allo scopo di "rendere il pelo più lucente").

Sugli scarti della macelleria ero andato io a chiedere ed ho scoperto che le due macellerie del rione danno per contratto gli scarti ad un'altra ditta che passa tutte le mattine con un camion, recupera i secchi degli scarti e li getta nel cassone (mi fa sempre un certo effetto quando prendo l'autobus e vedo questo camion che, seppur coperto da un tendone, lascia vedere il suo carico). Preferisco non indagare su cosa ne facciano.

Ma il mio discorso era rovesciato. Esattamente come non ci si fa problemi a spendere soldi per una persona per l'importanza che diamo ad essa per certe persone è normale spendere anche cifre molto elevate perché l'animale da loro in cambio molto di più (come ha sottolineato Bill) e anzi magari assume proprio la funzione di "persona" di cui prendersi cura (come nel caso di mia nonna).
Chi si vuole disfare di un animale con una scusa simile semplicemente non è capace di viverlo, indipendentemente da quanti soldi impiega. E anche questo sarebbe del tutto comprensibile e accettabile se non fosse stato per la leggerezza con cui ha deciso di avere un animale domestico e le responsabilità che ne conseguono.

Fabio
02-12-2008, 12.09.12
Sono sicuro che mia nonna è un caso estremo, pensa che la dieta che fa seguire alla Britt (è il nome della cagna) è scientificamente selezionata (non ricorda cose le da da mangiare allo scopo di "rendere il pelo più lucente").

Non è tanto estremo. Se il cane ha pedigree c'è un'alimentazione particolare che si deve seguire, non gli si può dare quel che capita, per tutta una serie di motivazioni.

ginkobilobav2
02-12-2008, 12.31.52
quello che manca è la presa di responsabilità, un genere che abbandona i figli, alla tv o nel cassonetto cambia qualcosa ma nemmeno troppo, non si fa scrupoli ad abbandonare un animale o a dare la colpa dei propri problemi a dio, a un non dio o al governo senza ricordarsi che lo ha votato e quali erano le promesse

è quel grosso teschio bianco l'assurdo mostro che sta in fondo al corridoio buio, bimbo caro, non piangere, tanto muori e t'asciughi

bejita
02-12-2008, 12.42.01
Sugli scarti della macelleria ero andato io a chiedere ed ho scoperto che le due macellerie del rione danno per contratto gli scarti ad un'altra ditta che passa tutte le mattine con un camion, recupera i secchi degli scarti e li getta nel cassone (mi fa sempre un certo effetto quando prendo l'autobus e vedo questo camion che, seppur coperto da un tendone, lascia vedere il suo carico). Preferisco non indagare su cosa ne facciano.


mangime per animali, se on addirittura farina per alimentazione "umana" :D

ginkobilobav2
02-12-2008, 13.52.26
mangime per animali, se on addirittura farina per alimentazione "umana" :D

8Sp-VFBbjpE

Ghiaccio
02-12-2008, 13.55.25
Almeno i cinesi se li mangiano.

Eowyn.
02-12-2008, 15.33.01
1. Sono sicuro che mia nonna è un caso estremo, pensa che la dieta che fa seguire alla Britt (è il nome della cagna) è scientificamente selezionata (non ricorda cose le da da mangiare allo scopo di "rendere il pelo più lucente").

2. Sugli scarti della macelleria ero andato io a chiedere ed ho scoperto che le due macellerie del rione 3danno per contratto gli scarti ad un'altra ditta che passa tutte le mattine con un camion, recupera i secchi degli scarti e li getta nel cassone (mi fa sempre un certo effetto quando prendo l'autobus e vedo questo camion che, seppur coperto da un tendone, lascia vedere il suo carico). Preferisco non indagare su cosa ne facciano.

3. Ma il mio discorso era rovesciato. Esattamente come non ci si fa problemi a spendere soldi per una persona per l'importanza che diamo ad essa per certe persone è normale spendere anche cifre molto elevate perché l'animale da loro in cambio molto di più (come ha sottolineato Bill) e anzi magari assume proprio la funzione di "persona" di cui prendersi cura (come nel caso di mia nonna).
Chi si vuole disfare di un animale con una scusa simile semplicemente non è capace di viverlo, indipendentemente da quanti soldi impiega. E anche questo sarebbe del tutto comprensibile e accettabile se non fosse stato per la leggerezza con cui ha deciso di avere un animale domestico e le responsabilità che ne conseguono.1. Be' forse non estremo, ma probabilmente non comune. Io più che badare al fatto che non ingrassi non seleziono il cibo (e considerando i suoi passatempi qualunque cibo atto a preservarne il pelo sarebbe inutile)

2. Continuo a vivere, purtroppo, in un'ottica di abitante del piccolo paese:tendo a dimenticare a come possano funzionare le cose in città (sono ancora turbata da quella volta che in una latteria a TS mi sono sentita dire che è illegale vendere il mascarpone sfuso ... )

3. Su questo sono perfettamente d'accordo: se ami l'animale che hai con te fai follie per lui e rinunci a qualcosa di tuo piuttosto che farlo ammazzare. Sono anche convinta che l'affetto che ti dà un cane non è paragonabile a quello di nessun altro animale.

Non è tanto estremo. Se il cane ha pedigree c'è un'alimentazione particolare che si deve seguire, non gli si può dare quel che capita, per tutta una serie di motivazioni.
Gaia ha il pedigree, così come lo aveva il mio fu pastore tedesco eppure ...
Avete il pedigree è una cosa in più, non rende il cane "speciale": se Gaia non avesse il pedigree sarebbe comunque una beagle di razza e mangerebbe comunque come mangia.
Aggiungo anche che spesso la cura dell'animale è una cura per il padrone più che per l'animale in sè (vedi cani toilettati e via di questo passo).

Di0
02-12-2008, 15.36.30
Gaia ha il pedigree, così come lo aveva il mio fu pastore tedesco eppure ...
Avete il pedigree è una cosa in più, non rende il cane "speciale": se Gaia non avesse il pedigree sarebbe comunque una beagle di razza e mangerebbe comunque come mangia.
Aggiungo anche che spesso la cura dell'animale è una cura per il padrone più che per l'animale in sè (vedi cani toilettati e via di questo passo).

Mah, più che altro potrebbe essere come avevano proposto a noi di tenere un cane.
Era un megapastore tedesco cucciolo, figlio di campioni di concorsi di bellezza europei etc. etc., noi l'avremmo avuto gratis, però con l'impegno di farlo partecipare ai concorsi, quindi curarlo e nutrirlo in una certa maniera ben precisa per aumentare la lucidità del pelo o di che cazzo ne so io, questo secondo accordi precisi con l'allevatore che ce l'avrebbe regalato (comunque un amico che voleva farci un regalo, perché cani simili valgono anche diemila euro). Una bella responsabilità.
Prova ad immaginare quanti secondi c'abbiamo messo a declinare gentilmente ma fermamente l'offerta. :D

Eowyn.
02-12-2008, 16.02.45
Rusty era nipote di un campione italiano (campione --> mamma di Rusty --> Rusty) amico di famiglia. Il proprietario si era rotto i maroni dei concorsi (tralascio le specifiche di come era arrivato a considerarli :D): ce l'ha regalato e morta lì.

Gaia è stata acquistata in allevamento e la prima proprietaria voleva tenerla come cagna da riproduzione (:tsk: ). Poi ha avuto una serie di problemi (figlia piccola che Gaia cordialmente odiava - probabilmente sìè sentita mettere in secondo piano -, divorzio con conseguente trasloco dai suoi e non ultimo un cancro...) e non ha pià potuto/voluto tenerla. Solo che invece di farla ammazzare ha cercato qualcuno che se la prendesse in casa. Quel "qualcuno" c'est moi :D
Detto tra noi: a Gaia è andata più che bene! Corse nei campi, sguazzate nei fossi, opere di ingegneria scavatoriale (?) a caccia di pantegane... un vero lusso, per lei, credimi :D
Mario inizialmente non la voleva: era un gattofilo convinto e non amava i cani. Ora, semplicemente, non riesce a concepire di vivere senza e ha già programmato di tenere una seconda cucciolotta...
L'estate scorsa l'abbiamo fatta partecipare ad un concorso organizzato da un paese qui vicino; pensavamo fosse una cosa da poco, invece c'era gente arrivata da Vicenza con i cani "in tiro": chiusi in gabbia per non farli sporcare, pettinati, laccati e phonati (:.: ). Di sicuro non era la più bella, ma Gaia era di certo l'unica felice ;)

Fabio
02-12-2008, 17.30.07
Gaia ha il pedigree, così come lo aveva il mio fu pastore tedesco eppure ...
Avete il pedigree è una cosa in più, non rende il cane "speciale": se Gaia non avesse il pedigree sarebbe comunque una beagle di razza e mangerebbe comunque come mangia.
Aggiungo anche che spesso la cura dell'animale è una cura per il padrone più che per l'animale in sè (vedi cani toilettati e via di questo passo).

A noi l'allevatore ha detto di seguire determinate regole e modalità per nutrirlo. Siccome ne sa indubbiamente più di noi, le seguiamo. E siccome vogliamo che Mac abbia il meglio, gli diamo il meglio.

E aggiungo poi che io, se c'è da spendere soldi per il cane, lo faccio volentieri, molto più volentieri che per ogni altra cosa o persona fino ad ora nella mia vita (e si sa quanto io sia braccino corto, di solito).

Eowyn.
02-12-2008, 21.34.52
A noi l'allevatore ha detto di seguire determinate regole e modalità per nutrirlo. Siccome ne sa indubbiamente più di noi, le seguiamo. E siccome vogliamo che Mac abbia il meglio, gli diamo il meglio.La dieta di Gaia ce l'ha suggerita il veterinario che, probabilmente, ne sa più di un allevatore :)

.nageki.
02-12-2008, 21.47.30
La dieta di Gaia ce l'ha suggerita il veterinario che, probabilmente, ne sa più di un allevatore :)

ah finalmente qualcuno che la pensa come me !! c'è gente che si fida più degli allevatori "perché sai loro allevano questa razza da anni quindi la conoscono", ma che stupidaggini dai, un veterinario rimane sempre uno che si è fatto un mazzo tanto spaccandosi la schiena sui libri, c'è la sua bella differenza tra il suo sapere e quello di un allevatore -_-' ed invece quando Dakota ha qualcosa i miei chiamano per primo l'allevatore .. quanto mi fa arrabbiare !! :@

Fabio
02-12-2008, 22.05.48
La dieta di Gaia ce l'ha suggerita il veterinario che, probabilmente, ne sa più di un allevatore :)

Anche il veterinario ci ha detto che la dieta consigliata dall'allevatore è molto buona, dicendoci di continuare così fino a quando avrà 8 mesi. Dopodiché, si potrà cambiare qualcosa.

Nel frattempo, Mac cresce forte e sano.

lady_winc
03-12-2008, 09.58.41
ok i soldi, ok la crisi, ok tutto, ma quello che ancora non avete detto è che un cane, qualsiasi cane, richiede impegno e attenzioni. Ti costringe a cambiare (tanto o poco, sta a te) le tue abitudini, a rispettare degli orari, a pensare a lui, ai problemi che potrebbe avere, a passare del tempo libero (che spesso è poco) con lui....

Molte persone vedono un cucciolo, pedigree e tutto quanto, e si innamorano senza valutare tutti questi aspetti. E poi magari il cucciolo si rivela troppo vivace, o abbaia troppo, o non dorme la notte, o limita troppo certe abitudini, o richiede troppe attenzioni... e lì parte tutta la serie di scuse "costa troppo" e "il veterinario è un ladro"...

Secondo me la questione è semplice: non tutti sono adatti a tanere dei cani (o animali in genere). Non tutti hanno la pazienza necessaria da tollerare l'ennesima pipì nel posto sbagliato. Non tutti hanno la generosità di accudire una bestiola che sì, si butterebbe nel fuoco per loro ma che spesso richiede anche tanto impegno...

Eowyn.
03-12-2008, 15.07.28
@Lady: :birra:

@Bill: sì, sì, per carità. Non dico che il vostro allevatore sia un incapace, ribadisco solo il fatto che avere un pedigree e fare una dieta econimica e sana sono due cose compatibili ;) Gaia non mi fa spendere vagonate di denaro in cibo ed ha una corretta alimentazione; non è che "tiro sul prezzo" per nutrirla in barba alla sua salute.

Maharet
03-12-2008, 15.13.01
non tutti sono adatti a tenere dei cani (o animali in genere).

*****

Per il resto, dovrei scrivere un miliardi di righe. Tante leggende metropolitane e tante inesattezze, peraltro colpa dell'assenza di una corretta cultura cinofila nel nostro paese. Oddio, assenza di una cultura cinofila e basta, "corretta" toglietelo pure, che e' un miraggio, da noi.

In ogni caso: il pedigree non e' un "di piu'". Un cane senza pedigree NON E' di razza, frega nulla se sembra un beagle/alano/bassotto/coniglio. E' un cane, non e' meno o piu' nobile di un cane di razza, non e' meno o piu' cane di un cane di razza, semplicemente non e' un cane di razza. con tutto quello che ne consegue.
Cosa sia ed a cosa serve un pedigree l'ho scritto qui (http://www.tipresentoilcane.com/Archivio/Leggi.php?id=Pedigree&Mese=Luglio&anno=2002) tanto tempo fa.

Per quanto riguarda l'alimentazione:
NON E' detto che il veterinario ne sappia piu' dell'allevatore. Nella stragrande maggioranza dei casi e' esattamente il contrario, ed e' giusto che sia cosi'. Perche' gli allevatori (badate bene, quelli seri, i canari non li chiamo cosi' ne' li considero) conoscono bene ed a fondo la razza ed ogni particolare esigenza alimentare della stessa. In merito a metabolismo, maggiore o minore tolleranza di determinati elementi, consumo energetico, eventuali debolezze renali, cutanee, etc. Cose specifiche della razza, prima che del singolo soggetto, che possono predisporre verso un tipo di alimentazione mirato piuttosto che verso un altro. Il veterinario (salvo eccezioni) non e' uno specialista dell'alimentazione e tratta il cane a linee generali, come e' giusto che sia. La prima indicazione su un'alimentazione corretta del soggetto deve venire dall'allevatore, poi si studiera' ed eventualmente modifichera' a seconda delle esigenze specifiche in collaborazione e consultazione con il proprio veterinario. La' dove, lo diro' fino alla morte, stiamo parlando di figure PROFESSIONALI e non canari e medichelli del cazzo, di cui purtroppo e' pieno ma pieno pieno pieno pieno il mercato.
Spesa per l'alimentazione (ed io sono una ferma propugnatrice del secco): una media di 60€ per un sacco da 15 chili, che per un cane di media taglia dura una mesata circa. Ovviamente di MEDIA, e' chiaro che possono esserci oscillazioni derivanti dallo stile di vita del cane, dal metabolismo, dalla razza stessa all'interno della stessa fascia di peso, perfino dalla localizzazione geografica e dal clima: cani che vivono al nord, dove fa molto piu' freddo che al sud consumano di piu'.
Nulla di piu' lontano dai 2/300€ ventilati. Io, che sono una che momenti si apre le vene per il cane, non arrivo a spendere cifre del genere manco in cartolina. Certo, salvo eccezioni, quali possono essere cure veterinarie extra, ad esempio. ma non rientrano nelle spese normali. E sono detraibili, vorrei aggiungere.
Il discorso del topic starter, inutile dirlo, e' uno schifo. Lode invece al vet citato, che si prende il cane e lo mette in affido. Ce ne fossero di piu' di persone cosi'.

aplo
03-12-2008, 15.32.51
Molte persone vedono un cucciolo, pedigree e tutto quanto, e si innamorano senza valutare tutti questi aspetti. E poi magari il cucciolo si rivela troppo vivace, o abbaia troppo, o non dorme la notte, o limita troppo certe abitudini, o richiede troppe attenzioni... e lì parte tutta la serie di scuse "costa troppo" e "il veterinario è un ladro"...



Concordo con la prima parte del tuo discorso, prendere un cane non è come comprare un giocattolo o fornirsi di un accessorio, io ne ho avuti molti uno purtroppo l'ho anche dovuto abbattere perchè ha aggredito una persona per ben 2 volte, la stessa so anche il perchè e non l'ho mai biasimato per quell'aggressione, purtroppo un maremmano grosso quanto un piccolo orso quando aggredisce diventa molto pericoloso e l'abbattimento è stata l'unica soluzione per evitare che l'ennessima aggressione potesse sfociare in tragedia.
Di cani ne ho avuti tanti quasi tutti di grossa taglia ora ho un Bassotto preso da una persona che non lo poteva piu mantenere, con mantenere non si indica solo la questione monetaria col "mantenere" si indicano tutte quelle cose di cui un cane ha bisogno e che spesso vengono meno per vari motivi.
Questo non toglie che a fronte di una crisi che si riflette su tutto e tutti, esistano diversi Veterinari che continuano ad applicare tarriffe al limite dello strozzinaggio, altro che scuse.


Cya

Di0
03-12-2008, 16.05.56
ok i soldi, ok la crisi, ok tutto, ma quello che ancora non avete detto è che un cane, qualsiasi cane, richiede impegno e attenzioni. Ti costringe a cambiare (tanto o poco, sta a te) le tue abitudini, a rispettare degli orari, a pensare a lui, ai problemi che potrebbe avere, a passare del tempo libero (che spesso è poco) con lui....

...

Secondo me la questione è semplice: non tutti sono adatti a tanere dei cani (o animali in genere). Non tutti hanno la pazienza necessaria da tollerare l'ennesima pipì nel posto sbagliato. Non tutti hanno la generosità di accudire una bestiola che sì, si butterebbe nel fuoco per loro ma che spesso richiede anche tanto impegno...

Ma è quello che ho detto io! :mecry: :mecry:

P.S. :birra:

Namuris
03-12-2008, 16.07.52
Una domanda da ignorante totale sui cani: che motivi ci sono perché un cane (in generale, non sto parlando del caso di aplo) con una vita "normale" diventi aggressivo/pericoloso?

Maharet
03-12-2008, 16.13.40
Una domanda da ignorante totale sui cani: che motivi ci sono perché un cane (in generale, non sto parlando del caso di aplo) con una vita "normale" diventi aggressivo/pericoloso?

Millemila, inseribili in tre macrocategorie: gestionale, gerarchico (ste due in realta' sarebbero da accorpare, ma vabbeh), biologico.
da vedere caso per caso.

Pixel [AR]
03-12-2008, 17.02.46
mangime per animali, se on addirittura farina per alimentazione "umana" :D

Farine animali ormai al bando, vengono bruciate come combustibile nei cementifici. Per alimentazione umana escluso. Ci sono invece aziende specializzata nel recupero dei lipidi -grassi- che pagano un tot alle macellerie e con il ricavato ci fanno un po' di tutto dal sapone ai lubrificanti... E' un mercato molto più grande e florido di quello che ci si possa aspettare nonchè particolarmente ecologico dato che evita che tonnellate di rifiuti finiscano in discarica.