PDA

Visualizza versione completa : Election Day



Pagine : [1] 2

vespino
04-11-2008, 18.33.31
Oltre ai due paesini(insignificanti ._.) dove ha vinto Obama per la grande maggioranza, si hanno aggiornamenti? ._.

I sondaggisti danno Obama sempre in vantaggio dai 5 ai 10 punti percentuale


Link utile per seguire le votazioni/proiezioni

Repubblica.it - Speciale Elezioni Usa 2008 (http://www.repubblica.it/speciale/2008/elezioni_usa/swf/usa_exitpoll.html)

(In aggiornamento)

MaGiKLauDe
04-11-2008, 18.39.55
Devono ancora iniziare a votare in più di metà degli USA, che vuoi sapere? :asd:
Considera che le operazioni di voto finiscono alle 6 di domani mattina (ora italiana). Mangia, guardati e un filmino e vai a dormire tranquillo. :asd:

tomkk
04-11-2008, 18.44.02
anche perchè l'ultima volta hanno finito di contare e ricontare tipo dopo un mese..... se entri in ansia adesso stai fresco :asd:

vespino
04-11-2008, 18.48.40
Ah ._. io pensavo che i primi risultati si iniziassero ad avere tipo stanotte ._. boia!

Mister X
04-11-2008, 19.04.02
Ma hanno ancora i terminali programmati da scimmie che sbagliano il conteggio dei voti? :asd:

Ape_Africanizzata
04-11-2008, 19.04.21
Tranquillizzati, l'uno o l'altro cambiera poco :)

Mischa
04-11-2008, 19.06.24
Frega zero dei report, io voglio trovare una ricevitoria (http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2008/11/snai-scommesse-obama.shtml?uuid=9f0f4c06-aa98-11dd-9c6a-39fa5cb05797&DocRulesView=Libero) :asd:

stan
04-11-2008, 19.10.30
Lo danno a 1.15, non ne vale la pena. :D

vespino
04-11-2008, 19.23.12
Tranquillizzati, l'uno o l'altro cambiera poco :)

Si si..lo dicevano anche quando Mussolini entrò in parlamento di stare tranquilli...:)

P.s ma io comunque sono tranquillo ._. sono solo curioso!
p.p.s io invece credo che a seconda di chi vince, cambieranno molte cose..

Ape_Africanizzata
04-11-2008, 19.29.17
Si si..lo dicevano anche quando Mussolini entrò in parlamento di stare tranquilli...:)

P.s ma io comunque sono tranquillo ._. sono solo curioso!
p.p.s io invece credo che a seconda di chi vince, cambieranno molte cose..

Mi sembra che sia un pochino troppo ingenuo

vespino
04-11-2008, 19.31.48
LO siamo tutti un pò ingenui... :) ma non sono qui per disquisire su questo... :p

Sul sito del Cnn ( mi pare) c'è una mappatura che reca voti/sondaggi in % nei vari stati ._.

Mischa
04-11-2008, 19.49.29
Sul sito del Cnn ( mi pare) c'è una mappatura che reca voti/sondaggi in % nei vari stati ._.Dovrei trovare più attendibile la cnn, rispetto ai bookmakers? :asd:

tomkk
04-11-2008, 19.51.51
Si si..lo dicevano anche quando Mussolini entrò in parlamento di stare tranquilli...:)

P.s ma io comunque sono tranquillo ._. sono solo curioso!
p.p.s io invece credo che a seconda di chi vince, cambieranno molte cose..

beh se dovessimo guardare i grossi finanziatori che sponsorizzano i due candidati e se per assurdo pensassimo che alla fine chi comanda veramente sono appunto queste lobby , ci sarà davvero poca differenza tra i due .... cmq sperar non costa nulla e quindi speriamo :asd:

vespino
04-11-2008, 20.02.22
Tom hai perfettamente ragione, ma speriamo... ._.

3Deimos
04-11-2008, 23.19.08
Sinceramente spero che vinca Obama anche se sul Time ho letto un articolo molto inquietante per quanto riguarda il Ku Klux Klan - se dovesse vincere una persona di colore, un afro americano, faremo guerra alla Casa Bianca e a tutte le persone che hanno dato un voto a questa persona...più o meno queste le parole del leader del movimento bianco. Saranno dolori mi sa.

JGun83
04-11-2008, 23.23.18
Io tifo Obama.


:birra:

AmeR
04-11-2008, 23.26.22
http://www2.b3ta.com/host/creative/1646/1225462958/AfroBama.gif

http://www.helpdesign.co.uk/smackmypalin.gif

Uno per uno, e giusto per tirare fuori due meme vecchi come il cucco.

b3ta.com challenge: photoshop the us election (http://b3ta.com/challenge/election/popular/)

luca22583
04-11-2008, 23.39.07
Io sono John Titor... vince Obama

JGun83
04-11-2008, 23.41.24
http://www2.b3ta.com/host/creative/1646/1225462958/AfroBama.gif

http://www.helpdesign.co.uk/smackmypalin.gif

Uno per uno, e giusto per tirare fuori due meme vecchi come il cucco.

b3ta.com challenge: photoshop the us election (http://b3ta.com/challenge/election/popular/)

sempre belle

JGun83
04-11-2008, 23.46.43
http://www2.b3ta.com/host/creative/1646/1225462958/AfroBama.gif

http://www.helpdesign.co.uk/smackmypalin.gif

Uno per uno, e giusto per tirare fuori due meme vecchi come il cucco.

b3ta.com challenge: photoshop the us election (http://b3ta.com/challenge/election/popular/)

sempre belle

Zonta 85
05-11-2008, 00.05.42
McCain sarebbe in vantaggio in Ohio, ed è forse lo stato piu importante insieme a Florida e California.

Edit Secondo indiscrezioni giornalistiche Il partito democratico avrebbe fatto la valanga per il rinnovo del senato.

vespino
05-11-2008, 00.21.44
ahaha bellissime le immagini xD

Zonta 85
05-11-2008, 00.31.36
Obama starebbe strappando l'Indiana ai repubblicani che però si confermano in Kentucky, Colorado ai Democratici.

Kiara
05-11-2008, 00.45.32
Kentucky, Colorado ai Democratici.


che è come Modena per il partito comunista. cit.
:asd:

Di0
05-11-2008, 00.48.51
Edit Secondo indiscrezioni giornalistiche Il partito democratico avrebbe fatto la valanga per il rinnovo del senato.

Secondo l'EP della CNN che ho appena refreshato, i democratici sono 36-29 per i seggi al senato, con la soglia del controllo poco oltre. A meno di sorprese clamorose, il Senato sarà democratico.
Motivo in più per cui, fossi americano, spererei in un Obama eletto.

vespino
05-11-2008, 01.10.06
Al momento Obama sta perdendo di pochi punti...non è possibile -.- (proiezioni)

Zonta 85
05-11-2008, 01.12.09
Colpo da Ko, Obama strapperebbe la Viriginia ed è in vantaggio in Indiana


Al momento Obama sta perdendo di pochi punti...non è possibile -.- (proiezioni)

Complotto in stile Florida 2000 :asd:

Di0
05-11-2008, 01.15.52
La CNN proietta la virginia al 55% su McCain al momento, per le presidenziali.
Invece per il senato, l'ha data ad Obama.
Boh. Figata, mi piacciono 'ste cose frenetiche in tempo reale. :asd:

Zonta 85
05-11-2008, 01.17.15
Si infatti,nun ci si capisce un cazzo :asd:

Florida a Obama, se cosi fosse è già finito.

vespino
05-11-2008, 01.59.49
in vantaggio Mcain 16 contro 3 ....

EDIT: Obama passa a 77 contro i 34 di mccain

aries
05-11-2008, 02.19.10
Vespino sono numeri che non valgono granché, non ha senso postarli così :)

Bisogna vedere come vanno pennsylvania e florida, in questo momento. Se Obama riesce a vincere in almeno una delle due è abbastanza avvantaggiato (e per ora la prima sembra fatta), se vince in entrambe si chiudono i giochi.
Il resto è abbastanza secondario... quell'ondata di grandi elettori che hanno appena investito obama proviene da stati storicamente democratici.

Namuris
05-11-2008, 02.28.54
Affluenza alta (http://edition.cnn.com/2008/POLITICS/11/04/voter.turnout/index.html) rispetto alle precedenti elezioni..

FALLEN_ANGEL_664
05-11-2008, 05.39.24
Obama eletto.

Primo! :metal:

+1 :metal:

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

ARDDDT23
05-11-2008, 05.55.52
:metal: secondo!



:D sono davvero felice per Obama, speriamo sappia mantenere le promesse fatte.

DIAZE
05-11-2008, 07.04.50
Terzo e contento.

destino
05-11-2008, 07.43.36
come da pronostico ha vinto obama, vediamo adesso come saprà trasformare la forza di un sogno nella concretezza dei fatti, gli spetta un compito tutt'altro che facile con una strada iniziale pesantemente in salita.

In bocca al lupo :birra:

HanSolo
05-11-2008, 07.50.08
grande obama!

Kiara
05-11-2008, 09.00.13
politica interna cambia qualcosa, siamo sicuri cambierà a livello di politica internazionale?
d'altronde gli americani stavolta hanno votato per politica economica interna.

MaGiKLauDe
05-11-2008, 09.11.32
Intanto l'incubo è finito: gli 8 anni più difficili del mondo moderno si chiudono. Buona parte della colpa delle crisi politiche, terroristiche ed economiche dal 2001 a oggi sono imputabili direttamente a Bush ed alla sua amministrazione. Ora le aspettative per Obama sono tantissime, ma con un predecessore come George W. Bush un miglioramento della situazione è davvero a portata di mano.

For some reason I can not explain
Once you know there was never,
never an honest word
That was when I ruled the world

dvgZkm1xWPE

ilPas
05-11-2008, 09.28.08
Beh...che dire...felice per Obama!Forse è veramente l'uomo che potrà dare una svolta in un periodo nerissimo verso cui Bush ha portato il mondo....speriamo in bene!
D'altronde, come ha detto qualcuno, a questo punto si può solo risalire...speriamo lo faccia nel migliore dei modi!

billygoat
05-11-2008, 09.28.16
comunque vada questo mi sembra un gran bel segnale per il mondo...

Morfeo81
05-11-2008, 09.39.59
Tre considerazioni che penso di non aver mai fatto, almeno qui sul forum. Premetto che sono pure sensazioni, che si basano su quel poco che abbiamo potuto ascoltare da chi è diventato il nuovo presidente americano.

Premesso che speravo vincesse proprio lui (occorreva spezzare in qualche modo la politica di Bush, che avrebbe richiesto una continuità sotto McCain), mi pare:

1) Che non sia una cima.
2) Che sia meno stupido di Bush (non che ci voglia molto)
3) Non si capisce quale sia il suo programma perchè non ha detto nulla.

McCain proclamava e faceva ahimè paura, ma si sapeva più o meno a cosa si stesse andando incontro.

Ritengo l'elezione di Obama una cosa positivisissima per l'immagine degli USA: solo il fatto di essere il primo di colore è un bel messaggio al resto del mondo, conferisce una certa speranza di possibile dialogo con il medioriente e con la Russia, per parlare delle "potenze" principalmente piene di rivincita verso gli USA.

In questo momento storico, serve una politica realistica: gli Stati Uniti devono capire di potere e dovere avviare una politica di relazioni con la Russia, cercando di comprendere che la politica di allargamento e accerchiamento dell' ex- URSS non è più praticabile vista la reazione della Federazione negli ultimi anni.

La crisi economica è un altro punto, ma lo metto sinceramente in secondo piano rispetto alla distensione internazionale. Se Obama parte da ciò, avrà fatto metà del suo buon lavoro.

Auguroni al nuovo presidente, sincerissimi.

destino
05-11-2008, 09.45.54
politica interna cambia qualcosa, siamo sicuri cambierà a livello di politica internazionale?
d'altronde gli americani stavolta hanno votato per politica economica interna.

gli americani votano sempre e comunque per motivi di politica interna, la politica estera sposta pochissimi voti, a differenza di quello che possiamo credere noi europei.
La dimostrazione sta nel fatto che fino a che non è fallita la Leham & Brothers con le ripercussioni economiche mondiali che sono susseguite, la distanza tra i 2 candidati è sempre stata di pochi punti, variando in modo sostanziale durante i giorni delle 2 conventions.

Bisogna vedere cmq come si comporterà Obama dal punto di vista della politica estera, lo stesso è stato parecchio fumoso quando è stato intervistato su questi temi (non a caso infatti gli hanno affiancato Biden che invece è una volpe in quel campo)
direttamente dal sito di obama

Barack Obama and Joe Biden: The Change We Need | Foreign Policy (http://www.barackobama.com/issues/foreign_policy/index.php)



Secure loose nuclear materials from terrorists:
Obama and Biden will secure all loose nuclear materials in the world within four years, and will negotiate a verifiable global ban on the production of new nuclear weapons material to curb the spread of nuclear weapons.

Barack Obama will pursue tough, direct diplomacy without preconditions to end the threat from Iran:
Obama and Biden will present the Iranian regime with a clear choice. If Iran abandons its nuclear program and support for terrorism, they would offer incentives like membership in the World Trade Organization. If Iran continues its troubling behavior, Obama and Biden will step up our economic pressure and political isolation.

Renew American diplomacy:
Obama and Biden will renew American diplomacy to meet the challenges of the 21st century. They will rebuild our alliances. And they would be willing to meet with all nations, friend and foe, to advance American interests.


cmq vediamo i fatti, spero che con Obama la via dei passi concordati con gli stati europei sia molto + agevole che con Bush, sia in campo economico che eventualmente in campo militare

stobbArt
05-11-2008, 09.51.07
Auguri anche da parte mia al nuovo presidente degli stati uniti :birra:

concordo con morfeo sul fatto che potrebbe non essere una cima e del suo programma si sa davvero poco: una distensione con la russia è possibile, anche se non la vedo così sicura anche perchè distensione vorrebbe dire lasciare che i russi prendano un controllo più o meno diretto sul caucaso e in pratica questo non lo vuole nessuno (gli usa, i paesi del caucaso a parte l'armenia e la turchia). Speriamo possa almeno riprendere il dialogo con il medio oriente, che sono 90 anni che l'area è nel caos, ma ci vuole la volntà di tutte le parti e soprattutto occorre tagliare i legami con clinton che è in pratica colui che ha affossato i negoziati negli anni '90.

Riguardo all'incompetenza di obama: il non essere preda della febbre del potomac è un vantaggio per essere eletti (vedi carter), ma poi i problemi si possono sentire e il modo migliore per risolverli è scegliere i collaboratori giusti che sappiano dare una direzione concreta alla politica del presidente...molti dicono che anche jfk non fosse una cima, ma aveva i collaboratori giusti, primo fra tutti il fratello

Morfeo81
05-11-2008, 09.56.17
Auguri anche da parte mia al nuovo presidente degli stati uniti :birra:

concordo con morfeo sul fatto che potrebbe non essere una cima e del suo programma si sa davvero poco: una distensione con la russia è possibile, anche se non la vedo così sicura anche perchè distensione vorrebbe dire lasciare che i russi prendano un controllo più o meno diretto sul caucaso e in pratica questo non lo vuole nessuno (gli usa, i paesi del caucaso a parte l'armenia e la turchia).


Il problema è che l'alternativa sarebbe il controllo degli USA. E i Russi da almeno tre anni sono determinatissimi a reagire, a riprendere almeno parte del controllo che avevano come Unione Sovietica.

Aspetto fondamentale, hanno tutti i mezzi per riuscirci: ora anche il PIL e la ricchezza è dalla loro (chiarisco per i pochi: non parlo di benessere, quello è altalenante in Russia, come tutti ben sanno: ma il punto è che ci sono capitali che nemmeno l'URSS si è mai sognata di possedere, e seguendo la strada del libero mercato sono stati ottenuti senza il minimo sforzo).

Secondo me gli USA devono mollare la presa e rendersi conto di non potersi pappare tutto: la Russia, oggi più che mai, è un antagonista. Magari non ancora al pari dell' ex-URSS, ma in proiezione decisamente più pericolosa.

vampiro
05-11-2008, 09.56.32
Sono contento che abbia vinto Obama e sono d'accordo con Morfeo quando dice che bisognava spezzare la politica di Bush. Se è stato eletto con schiacciante superiorità vuol dire che l'America ne aveva abbastanza della politica dei Repubblicani.
Speriamo che questo sia l'inizio di un cambiamento molto positivo :)

Morfeo81
05-11-2008, 09.58.58
Riguardo all'incompetenza di obama: il non essere preda della febbre del potomac è un vantaggio per essere eletti (vedi carter), ma poi i problemi si possono sentire e il modo migliore per risolverli è scegliere i collaboratori giusti che sappiano dare una direzione concreta alla politica del presidente...molti dicono che anche jfk non fosse una cima, ma aveva i collaboratori giusti, primo fra tutti il fratello

Un altro Carter in questo momento sarebbe davvero una disgrazia :D

Significherebbe avere 12 anni di pura deficienza alla guida della principale potenza mondiale, una cosa rara e triste :D

In buona sostanza concordo, ma dipende anche dalla personalità del soggetto. Premesso che spesso non sono loro i veri soggetti a governare (c'è un ambaradàn dietro che neanche immaginiamo), se oltre che incapaci si rivelano eccessivamente intestarditi nella loro azione succedono i disastri.

MaGiKLauDe
05-11-2008, 09.59.34
La schiacciante superiorità non c'è stata: il voto popolare è stato 51% e 48%, così come gli stati chiave sono stati comabttuti sul filo del 1-2%.

Ape_Africanizzata
05-11-2008, 09.59.46
D'accordo con quello che dici Morfeo, anche se dubito che in politica estera si potrà avere un clima di distensione nei confronti della russia, vedi le dichiarazioni di Obama per un impegno massiccio di soldati in Afghanistan e uno possibile in Iran: si tratta di limitare l'influenza russa in una regione importantissima.

MrFree85
05-11-2008, 10.02.18
contento cmq sta storia del cambiamento mi fa solo ridere chissa che dovrebbe cambiare poi... forse i teatrini di quelli che quando non sapendo che fare manifestano contro Bush adesso che lo spauracchio è cambiato saranno tutti dissocupati?
cmq che storia un presidente USA negro se era gay , negro e donna cmq sarebbe stato ancora meglio

Morfeo81
05-11-2008, 10.03.34
D'accordo con quello che dici Morfeo, anche se dubito che in politica estera si potrà avere un clima di distensione nei confronti della russia, vedi le dichiarazioni di Obama per un impegno massiccio di soldati in Afghanistan e uno possibile in Iran: si tratta di limitare l'influenza russa in una regione importantissima.

Mi tocca quotarti, sottolineando però che il realismo non può essere messo in secondo piano. Ripeto: gli USA devono capire di non essere così soli come al crollo dell'URSS.

Se non si vogliono casini si deve comprendere che le sfere di influenza andranno pattuite, la guerra fredda fino a prova contraria non si è conclusa con un trattato di pace.

Il problema è che la Russia vuole la parità: e in termini realistici per me ha tutte le carte in regola per richiederla, almeno nel lungo periodo.

vampiro
05-11-2008, 10.05.01
La schiacciante superiorità non c'è stata: il voto popolare è stato 51% e 48%, così come gli stati chiave sono stati comabttuti sul filo del 1-2%.

Stavo guardando i Voti elettorali e sono al momento 349 contro 147,mi riferivo a quelli ;)

stobbArt
05-11-2008, 10.18.14
Il problema è che l'alternativa sarebbe il controllo degli USA. E i Russi da almeno tre anni sono determinatissimi a reagire, a riprendere almeno parte del controllo che avevano come Unione Sovietica.

Aspetto fondamentale, hanno tutti i mezzi per riuscirci: ora anche il PIL e la ricchezza è dalla loro (chiarisco per i pochi: non parlo di benessere, quello è altalenante in Russia, come tutti ben sanno: ma il punto è che ci sono capitali che nemmeno l'URSS si è mai sognata di possedere, e seguendo la strada del libero mercato sono stati ottenuti senza il minimo sforzo).

Secondo me gli USA devono mollare la presa e rendersi conto di non potersi pappare tutto: la Russia, oggi più che mai, è un antagonista. Magari non ancora al pari dell' ex-URSS, ma in proiezione decisamente più pericolosa.

vero, ma bisogna vedere se obama vuole lasciare alla russia questo controllo, anche se potrebbe essere perchè gli usa non possono più permettersi di controllare tutte le aree calde del mondo come hanno fatto per circa 15 anni: secondo me però molto dipende anche dall'evoluzione di afghanistan e iraq: se rimarranno paesi amici degli usa allora il caucaso potrà essere lasciato alla russia (e già immagino le incazzature turche per questo, con la conseguenza che la turchia premerà ancora di più per entrare in europa) altrimenti non credo perchè nonostante tutto gli usa continuano ad essere la potenza egemone e la poltica estera di entrambi i grandi partiti americani è mirata a ottenere gli stessi risultati, anche se magari i repubblicani parlano e agiscono più direttamente: dopotutto era clinton che studiava come vincere 2 guerre contemporaneamente, non bush che invece si è limitato a cecare strategie su come non perderne una mentre se ne vince un'altra

Morfeo81
05-11-2008, 10.23.06
Io che gli USA non vogliano, ahimè, lo do per scontato. Ma il concetto è: volevano lasciare la Cuba all'URSS?

Il problema è molto simile, eh.

E se non ci si rende conto di questo, prevedo disastri. La mia preghiera è che lo si capisca.

Rei 99
05-11-2008, 10.29.48
Evviva, hanno tolto la pistola ai cowboy! (si spera)

stobbArt
05-11-2008, 10.36.01
Io che gli USA non vogliano, ahimè, lo do per scontato. Ma il concetto è: volevano lasciare la Cuba all'URSS?

Il problema è molto simile, eh.

E se non ci si rende conto di questo, prevedo disastri. La mia preghiera è che lo si capisca.

ovvio che non volevano, credo non esista nulla che abbiano mai voluto di meno, gli avevano toccato l'emisfero occidentale! e poi i maldestri tentativi per riprenderla lo dimostrano. ma cuba a parte durante la crisi missilistica non è mai stata un pericolo.

Le ambizioni imperialiste russe di oggi però non piacciono a molti, agli usa soprattutto e non so cosa potrebbe accadere nel caso in cui le repubbliche caucasiche diventassero stati satelliti russi come la bielorussia.

Ape_Africanizzata
05-11-2008, 10.37.47
Mi tocca quotarti, sottolineando però che il realismo non può essere messo in secondo piano. Ripeto: gli USA devono capire di non essere così soli come al crollo dell'URSS.

Se non si vogliono casini si deve comprendere che le sfere di influenza andranno pattuite, la guerra fredda fino a prova contraria non si è conclusa con un trattato di pace.

Il problema è che la Russia vuole la parità: e in termini realistici per me ha tutte le carte in regola per richiederla, almeno nel lungo periodo.


Oddio, io sono stra convinto che una distensione dei rapporti con la russia passi per un indebolimento di quel debole soggetto politico che è l'Unione Europea (vedi zona Caucaso e soprattutto Mar Caspio) e ad un possibile deterioramento dei rapporti con la Cina: dopotutto avere una nazione una Russia che può permettersi di non dare nessuna garanzia in termini di trasparenza politica perchè rappresenta il colosso energetico nello scacchiere mondiale...secondo me non fa piacere a nessuno. Fossi negli Stati Uniti inizierei a coltivarmi quegli alleati che possono darmi più garanzie di credibilità: l' Europa, ovviamente, il Brasile e soprattutto la Cina, che è l'unico, vero impero,con cui gli Stati Uniti dovrebbero cercare di costruire un nuovo multipolarismo

milo74_ver.1.1
05-11-2008, 11.07.02
Tutti inviano messaggi di felicitazioni e auguri a Barack Obama.
Berlusconi: no comment.

(Milo su Berlusconi: no comment)

Il Vaticano: «Dio illumini Barack Obama» - Corriere della Sera (http://www.corriere.it/esteri/speciali/2008/elezioni_usa/notizie/vittoria_obama_reazioni_napolitano_vaticano_8f103d ae-ab0d-11dd-8f4b-00144f02aabc.shtml)

AmeR
05-11-2008, 11.11.25
http://i33.tinypic.com/zx6yi8.jpg

Mia moto
05-11-2008, 11.33.09
[IMG]http://i33.tinypic.com/zx6yi8.jpg[IMG]

:metal:

Sarebbe cmq ora che il sistema elettorale americano fosse cambiato.
L'idea dei grandi elettori, introdotta dai padri fondatori per dare potere maggiore ai piccoli stati, per una stato federale la cui unione non mai stata messa indiscussione dal momento della sua nascita è obiettivamente anacronistica. Molto meglio sarebbe designare il presidente con un voto popolare unico nazionale.

Gi01
05-11-2008, 11.37.06
BUSH FUORI DAI COGLIONI

E speriamo prima o poi tocchi alle controparti criminali europee

destino
05-11-2008, 11.37.37
:metal:

Sarebbe cmq ora che il sistema elettorale americano fosse cambiato.
L'idea dei grandi elettori, introdotta dai padri fondatori per dare potere maggiore ai piccoli stati, per una stato federale la cui unione non mai stata messa indiscussione dal momento della sua nascita è obiettivamente anacronistica. Molto meglio sarebbe designare il presidente con un voto popolare unico nazionale.

a me sembra invece che quel metodo di voto, per uno stato profondamente federale, sia perfetto.
Cioè se sei uno stato federale ogni tua parte deve poter dire la sua e pesare sulla scelta del presidente, altrimenti che federalismo è?

stobbArt
05-11-2008, 11.46.01
a me sembra invece che quel metodo di voto, per uno stato profondamente federale, sia perfetto.
Cioè se sei uno stato federale ogni tua parte deve poter dire la sua e pesare sulla scelta del presidente, altrimenti che federalismo è?

ecco stavo per scriverlo io, mi sembra un sistema di voto ancora oggi perfetto per uno stato federale :)

Ghiaccio
05-11-2008, 11.47.11
Spero che Obama duri più di Kennedy.

MaGiKLauDe
05-11-2008, 11.56.19
Spero che Obama duri più di Kennedy.

Pensiero che ha attraversao la mente di molti, ma che nessuno ha osato esternare :asd:

funker
05-11-2008, 11.57.12
Il "no comment" di Berlusconi impera. Genio.

Zio Fella
05-11-2008, 12.13.41
Il "no comment" di Berlusconi impera. Genio.

veramente ha commentato:

A Barack Obama "potro' dare dei consigli perche' sono piu' anziano. Aspetto di farlo quando potro' abbracciarlo di persona". Cosi' il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, a margine dell'inaugurazione del Salone del ciclo a Rho, sull'elezione del nuovo Presidente americano. La sua vittoria "e' la dimostrazione - ha aggiunto Berlusconi - della vitalita' della democrazia americana".

Repubblica (http://www.repubblica.it/ultimora/24ore/OBAMA-BERLUSCONI-QUANDO-LO-VEDRO-GLI-DARO-CONSIGLI/news-dettaglio/3394338)

Col no comment faceva più bella figura, anche perchè rabbrividisco se penso ai consigli che potrebbe dargli :asd:

Treno911
05-11-2008, 12.15.00
Intanto l'incubo è finito: gli 8 anni più difficili del mondo moderno si chiudono. Buona parte della colpa delle crisi politiche, terroristiche ed economiche dal 2001 a oggi sono imputabili direttamente a Bush ed alla sua amministrazione. Ora le aspettative per Obama sono tantissime, ma con un predecessore come George W. Bush un miglioramento della situazione è davvero a portata di mano.

For some reason I can not explain
Once you know there was never,
never an honest word
That was when I ruled the world

dvgZkm1xWPE


Spero che Obama duri più di Kennedy.



QUOTISSIMO a tutti e due!!! :metal:

aries
05-11-2008, 12.16.46
Berlusconi
"Dovrei dargli dei consigli"


:roll3:

Treno911
05-11-2008, 12.21.25
Berlusconi
"Dovrei dargli dei consigli"




Per carità NO!!! °o°

Squizzo
05-11-2008, 12.31.07
Pensiero che ha attraversao la mente di molti, ma che nessuno ha osato esternare :asd:
mah, onestamente penso non convenga a nessuno eliminarlo, non è più come in passato che il popolo piagne e sta zitto, oggi probabilmente scatterebbe una guerra civile di proporzioni assurde :sisi:

FALLEN_ANGEL_664
05-11-2008, 12.32.27
Per carità NO!!! °o°

:asd:

Ad ogni modo al tg han detto che ha mandato i suoi complimenti ed auguri. Formali ed impeccabili, direi.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Morfeo81
05-11-2008, 12.35.38
Pensiero che ha attraversao la mente di molti, ma che nessuno ha osato esternare :asd:

Il massimo è stato mio padre.

Premetto che se ne intende parecchio, a giugno io sentenziavo Obama mentre lui era scettico, ho vinto :D

Ma la cosa incredibile è stata PRIMA della scoperta del progettato attentato dell'8 ottobre, era fine settembre "Se lo eleggono secondo me lo ammazzano".

Minchia.

FALLEN_ANGEL_664
05-11-2008, 12.44.19
Almeno il tuo si concede il dubbio. Il mio: "vincerà lui ma non lo faranno arrivare a fine mandato". Eh, ovvio...

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Ape_Africanizzata
05-11-2008, 12.46.11
Ma figuratevi se lo ammazzano con tutti i finanziamenti e l'enorme campagna mediatica che gli hanno costruito intorno. Ammazzarlo significherebbe, probabilmente, portare il paese a qualcosa di molto vicino ad una insurrezione

Ape_Africanizzata
05-11-2008, 12.47.50
a me sembra invece che quel metodo di voto, per uno stato profondamente federale, sia perfetto.
Cioè se sei uno stato federale ogni tua parte deve poter dire la sua e pesare sulla scelta del presidente, altrimenti che federalismo è?

D'accordissimo,ma ci sono alcuni stati che dispongono di un numero troppo elevato di elettori in relazione alla loro popolazione, e viceversa, in barba al principio della proporzionalità

Morfeo81
05-11-2008, 12.51.24
Ma figuratevi se lo ammazzano con tutti i finanziamenti e l'enorme campagna mediatica che gli hanno costruito intorno. Ammazzarlo significherebbe, probabilmente, portare il paese a qualcosa di molto vicino ad una insurrezione

Vabbè, te dai per scontato che gli USA lo ammazzerebbero da par loro?

E' più complessa la situazione. Gli attentati può farli chiunque, un nostalgico del Cus Cus Clan o come cavolo si scrive, un'organizzazione, la CIA stessa...chi può dirlo.

Io non credo che accadrà nulla, ma non è una cosa identificabile con una precisa volontà.

Non stiamo parlando di una destituzione ufficiale, ma, per l'appunto, di un eventuale attentato.

Mach 1
05-11-2008, 12.51.28
ma l'avete sentito Gasparri? :roll3: :roll3: :roll3: :roll3:

chissà in america come c'è rimasto male Obama quando l'ha saputo, me lo immagino nel suo salotto con la testa nelle mani mentre i suoi familiari in festa gli chiedono: " Barack, bisogna festeggiare, sei diventato presidente degli stati uniti!"
e lui: "si, ma che mi importa, Gasparri non vuole essere mio amico!" e giù lacrime.


in un paese civile uno che si permette un esternazione del genere lo metterebbero alla gogna in piazza aspettando che la gente gli tiri i cavoli marci. Da noi diranno che è stato frainteso

funker
05-11-2008, 12.52.50
No, non lo uccideranno. Lo hanno già fatto una volta, troppo banale.
Trovo più plausibile una occulta manovrazione della sua figura mediatica.

Comunque, aspetto con ansia che incontri Berlusconi per ricevere l'adeguata preparazione politica di cui necessita, e che solo lui può dargli grazie ai suoi preziosissimi consigli da impreditore rampante. Cosa vuoi che sia un presidente degli Stati Uniti paragonato all'importantissima figura di Silvio Berlusconi nel mondo? :sisi:

MrFree85
05-11-2008, 12.54.19
ma l'avete sentito Gasparri? :roll3: :roll3: :roll3: :roll3:

chissà in america come c'è rimasto male Obama quando l'ha saputo, me lo immagino nel suo salotto con la testa nelle mani mentre i suoi familiari in festa gli chiedono: " Barack, bisogna festeggiare, sei diventato presidente degli stati uniti!"
e lui: "si, ma che mi importa, Gasparri non vuole essere mio amico!" e giù lacrime.


in un paese civile uno che si permette un esternazione del genere lo metterebbero alla gogna in piazza aspettando che la gente gli tiri i cavoli marci. Da noi diranno che è stato frainteso

che ha detto?

Mach 1
05-11-2008, 12.54.52
No, non lo uccideranno. Lo hanno già fatto una volta, troppo banale.
Trovo più plausibile una occulta manovrazione della sua figura mediatica.

veramente l'han già fatto quattro volte, e nemmeno in maniera troppo originale dato che si sono limitati a sparare a tutti e quattro.

Mach 1
05-11-2008, 12.56.07
che ha detto?

Gasparri contro Obama, scontro in Senato - Corriere della Sera (http://www.corriere.it/politica/08_novembre_05/gasparri_obama_lite_senato_a00746cc-ab24-11dd-8f4b-00144f02aabc.shtml)

«Molti interrogativi sul neopresidente. Ora Al Qaeda è più contenta».

:uiui:

MaGiKLauDe
05-11-2008, 12.56.34
Chi di voi ho anticipato postando il motivator su NGI? :asd:

funker
05-11-2008, 12.56.58
veramente l'han già fatto quattro volte, e nemmeno in maniera troppo originale dato che si sono limitati a sparare a tutti e quattro.
A quanto pare non parliamo degli stessi mandanti. :asd:

Morfeo81
05-11-2008, 12.57.05
veramente l'han già fatto quattro volte, e nemmeno in maniera troppo originale dato che si sono limitati a sparare a tutti e quattro.

E soprattutto, si ricordi che nella storia del mondo lo fanno ciclicamente. :)

DonAldrigo
05-11-2008, 12.59.44
Vabbè, te dai per scontato che gli USA lo ammazzerebbero da par loro?

E' più complessa la situazione. Gli attentati può farli chiunque, un nostalgico del Cus Cus Clan o come cavolo si scrive, un'organizzazione, la CIA stessa...chi può dirlo.

Io non credo che accadrà nulla, ma non è una cosa identificabile con una precisa volontà.

Non stiamo parlando di una destituzione ufficiale, ma, per l'appunto, di un eventuale attentato.


Ku Klux Klan o più semplicemente KKK.
Obama non è il nemico delle lobby, dubito che sarebbero loro ad andargli contro e comunque non gli servono questi mezzi.
Il rischio viene semmai da qualche esaltato/gruppo di esaltati (rischio sempre alto in un paese dove anche un 14enne può andare al supermercato e comprarsi una pistola con la paghetta mensile).
In ogni caso non avverrebbe nessuna insurrezione popolare, sarebbe pianto e poi mitizzato, niente di più.

zombie_chicken
05-11-2008, 13.06.34
Comunque, aspetto con ansia che incontri Berlusconi :sisi:

eh, mi immagino già le prime dichiarazioni dagli usa:

I and barak are very good friend (for this I want to say that I always liked the persons of colour, I buyed a lot of them for my personal football club), and also we are very similar person, you know *occhiolino* I am a little short, he is black, we both have you know *si scuote energicamente il pacco con due mani* veery biiig! *cade dal palchetto nel tentativo di afferrare il pacco ad obama*


gasparri è di una stupidità imbarazzante, ogni volta che apre bocca la sua faccia assume significati lombrosiani

Zio Fella
05-11-2008, 13.09.31
eh, mi immagino già le prime dichiarazioni dagli usa:

I and barak are very good friend (for this I want to say that I always liked the persons of colour, I buyed a lot of them for my personal football club), and also we are very similar person, you know *occhiolino* I am a little short, he is black, we both have you know *si scuote energicamente il pacco con due mani* veery biiig! *cade dal palchetto nel tentativo di afferrare il pacco ad obama*


gasparri è di una stupidità imbarazzante, ogni volta che apre bocca la sua faccia assume significati lombrosiani

:asd: :asd: :asd:
Zombie for president!

stan
05-11-2008, 13.09.47
Che umiliazione avere politici così.

Squizzo
05-11-2008, 13.14.23
Ku Klux Klan o più semplicemente KKK.

vedo che hai colto in pieno il senso dell'umorismo di morfeo :sisi:

Ape_Africanizzata
05-11-2008, 13.16.07
Che umiliazione avere politici così.


E' che in Italia abbiamo molte buone scuole di teatro ma non una buona scuola di cinema, i nostri politici sono portati all' over-acting :D

Gli americani sono, invece, molto molto più credibili

Ape_Africanizzata
05-11-2008, 13.17.07
Vabbè, te dai per scontato che gli USA lo ammazzerebbero da par loro?

E' più complessa la situazione. Gli attentati può farli chiunque, un nostalgico del Cus Cus Clan o come cavolo si scrive, un'organizzazione, la CIA stessa...chi può dirlo.

Io non credo che accadrà nulla, ma non è una cosa identificabile con una precisa volontà.

Non stiamo parlando di una destituzione ufficiale, ma, per l'appunto, di un eventuale attentato.

Anche parlando dell' eventualità di un attentato, mi sorprenderebbe sapere che con tutto quello che spendono per la difesa del loro paese dalle minaccie esterne ed interne riescano a farsi fregare da un gruppo di esaltati. Con questo non ti sto dicendo che ogni attentato è in realtà "voluto" o "lasciato succedere", ma solo che, pensando alle conseguenze disastrose di un attentato a Barack Obama, faranno di tutto per avere la situazione sotto controllo

aries
05-11-2008, 13.22.19
gasparri è di una stupidità imbarazzante, ogni volta che apre bocca la sua faccia assume significati lombrosiani

Ma secondo te lo pigliano sul serio? Cioè, come fanno? Io non riesco a non vederci il mentecatto con la lingua penzoloni dipinto dal marcoré...

Morfeo81
05-11-2008, 13.27.42
Anche parlando dell' eventualità di un attentato, mi sorprenderebbe sapere che con tutto quello che spendono per la difesa del loro paese dalle minaccie esterne ed interne riescano a farsi fregare da un gruppo di esaltati. Con questo non ti sto dicendo che ogni attentato è in realtà "voluto" o "lasciato succedere", ma solo che, pensando alle conseguenze disastrose di un attentato a Barack Obama, faranno di tutto per avere la situazione sotto controllo


Ah vabbè, messa in questi termini sono perfettamente d'accordo con te, si difenderanno. :)

Del resto quando prevedevo la vittoria di Obama a giugno era fondamentalmente perchè lo ritenevo politicamente necessario agli USA, per l'opinione pubblica internazionale.

Speriamo, via.

Potrebbe anche essere un completo mentecatto (mai quanto Bush, mi preme sempre sottolinearlo), ma voglio crederci. Mi inquieta il fatto che abbia detto pochissimo del proprio programma, a differenza di Mc Cain che si è sbottonato di più.

Mia moto
05-11-2008, 13.30.14
a me sembra invece che quel metodo di voto, per uno stato profondamente federale, sia perfetto.
Cioè se sei uno stato federale ogni tua parte deve poter dire la sua e pesare sulla scelta del presidente, altrimenti che federalismo è?

Sì ma se pochi stati arrivano a decidere il destino di una nazione il sistema non è più così tanto federale, e tanto meno democratico. E' più federale porre semplicemente il principio "una testa, un voto", per dire.

aries
05-11-2008, 13.33.16
Ieri sera ci sono già stati i primi timidi tentativi di rivalutazione del mandato di Bush da parte di Frattini e pochi altri da Matrix, sostenendo che fra 5-10 si guarderà con meno severità al suo operato. Posso seriamente dubitarne? :D
Con la mossa dell'Iraq, con la gestione di Katrina e col disastro finanziario degli ultimi mesi si è abbastanza affossato, oltre che con la ridistribuzione della ricchezza a favore della minoranza avvantaggiata.

aries
05-11-2008, 13.35.00
Sì ma se pochi stati arrivano a decidere il destino di una nazione il sistema non è più così tanto federale, e tanto meno democratico. E' più federale porre semplicemente il principio "una testa, un voto", per dire.

L'aspetto discutibile secondo me non è tanto il sistema in sé, quanto il peso dato ai singoli stati. A quanto ho capito si può modificare e viene fatto regolarmente dal governo in carica per assicurarsi la vittoria anche alle elezioni successive, per questo alcuni sostengono che il mandato di Obama possa essere progettato per gli 8 anni.

Morfeo81
05-11-2008, 13.35.56
Ieri sera ci sono già stati i primi timidi tentativi di rivalutazione del mandato di Bush da parte di Frattini e pochi altri da Matrix, sostenendo che fra 5-10 si guarderà con meno severità al suo operato. Posso seriamente dubitarne? :D
Con la mossa dell'Iraq, con la gestione di Katrina e col disastro finanziario degli ultimi mesi si è abbastanza affossato, oltre che con la ridistribuzione della ricchezza a favore della minoranza avvantaggiata.


Bush è indifendibile, c'è poco da fare.

Non parliamo solo di un criminale e di un incompetente, ma anche di uno sciocco. In due secoli gli USA si sono sempre mascherati da liberatori assoluti pur avendo tutt'altri interessi. Lui è stato l'unico a renderlo evidente.

In politica estera è stato un disastro totale, senza alcuna attenuante.

MrFree85
05-11-2008, 13.46.22
aahah sai le risate quando Obama verra in visita da noi il nano per la foto di rito che tacchi vertiginosi si mettera ...

Mister X
05-11-2008, 13.48.37
Bush è indifendibile, c'è poco da fare.

Non parliamo solo di un criminale e di un incompetente, ma anche di uno sciocco. In due secoli gli USA si sono sempre mascherati da liberatori assoluti pur avendo tutt'altri interessi. Lui è stato l'unico a renderlo evidente.

In politica estera è stato un disastro totale, senza alcuna attenuante.

Sì, ma dimentichi che ai cittadini americani fottesega della politica estera. :asd:

Di0
05-11-2008, 13.52.11
a me sembra invece che quel metodo di voto, per uno stato profondamente federale, sia perfetto.
Cioè se sei uno stato federale ogni tua parte deve poter dire la sua e pesare sulla scelta del presidente, altrimenti che federalismo è?

Infatti, noi siamo portati a ragionare e vedere gli USA come una "mega-Nazione", ma in realtà sono più simile ad un continente, quindi non è corretto analizzare il sistema di voto come se stessimo immaginando di eleggere "un presidente della repubblica" (tanto per dire), ma piuttosto cosa faremmo se stessimo cercando di eleggere il "presidente dell'unione europea" (sempre per fare un esempio stupido), è un parallelo più azzecato.
Lì ogni stato ha la sua identità distinta, la sua amministrazione, le sue frontiere e la sua polizia, quindi ogni stato decide il suo "+1" all'interno dello stato stesso.
A quelli della Florida non gliene frega nulla di cosa pensano gli elettori del Montana o dell'Ohio, loro vogliono le loro sedie da stabilire per i fatti loro. :)

zombie_chicken
05-11-2008, 13.54.52
Ma secondo te lo pigliano sul serio? Cioè, come fanno? Io non riesco a non vederci il mentecatto con la lingua penzoloni dipinto dal marcoré...

bho l'imitazione è riuscitissima e gasparr1 qualunque cosa faccia appare imbarazzate, triste e disgustoso (in pratica è l'equivalente politico di un vecchio che si caga addosso in treno) ma temo abbia anche lui i suoi estimatori, soprattutto tra i colleghi di partito.

aries
05-11-2008, 13.58.19
(in pratica è l'equivalente politico di un vecchio che si caga addosso in treno)

:roll3:

Il tuo catalogo di metafore è impagabile.


No comunque davvero, è la faccia d'ano a cui far dire qualsiasi cosa, ma rischia di funzionare davvero.

Gi01
05-11-2008, 13.59.58
Gasparri come Andreotti

IMHO

Ape_Africanizzata
05-11-2008, 14.04.37
Secondo me a Gasparri hanno fatto pronunciare un velato avvertimento. Tanto nessuno gli avrebbe creduto perchè è un coglione

Eppure le sue parole un senso ce l'hanno eccome

aries
05-11-2008, 14.06.53
Gasparri come Andreotti

IMHO

Mah non sono molto d'accordo, colpevole o no non si può non riconoscere al divo uno spessore maggiore, dai :)

karuga
05-11-2008, 14.12.37
Io credo che avremo il presidente più fantoccio della storia americana.
Alla fine delle primarie non aveva più un soldo,poi ha finito la campagna elettorale con più soldi di McCain,che al contrario è rimasto a secco.
Temo abbia venduto il culo a troppe persone per arrivare dove è arrivato.

aries
05-11-2008, 14.14.50
Io credo che avremo il presidente più fantoccio della storia americana

Dopo 8 anni di Bush sarebbe veramente clamoroso.


Temo abbia venduto il culo a troppe persone per arrivare dove è arrivato.

Il 60% dei suoi fondi derivano da donazioni inferiori ai 100$ pervenute tramite internet.


Precisiamo, non sono uno di quelli che piange di gioia col cartello CHANGE in mano, oramai per arrivare a quei livelli e per avere consensi bisogna avere una malizia tale da dover relegare l'innocenza agli anni delle elementari, e forse neanche quelli. Però nulla vieta a una persona assennata e realmente idealista di capire il meccanismo e sfruttarlo per realizzare i suoi scopi. Tutta la campagna va vista in quest'ottica, non si può cercare l'innocenza totale, non scamperebbe nessun canditato. C'è oramai troppa confidenza con l'influenza dei massmedia e con la psicologia delle folle. Se siete interessati al tema consiglio "L'età della propaganda", illuminante su alcuni meccanismi della politica americana (e non solo).

MaGiKLauDe
05-11-2008, 14.18.47
Qualcuno ha detto Hallyburton?
Via, ma con che coraggio si possono dire certe cose, ad inizio mandato, dopo lo scempio a cui si è assistito, muti, per 8 anni.

karuga
05-11-2008, 14.21.04
Dopo 8 anni di Bush sarebbe veramente clamoroso.
Lo so,non è una bella visione:asd:
Ho gli incubi solo a pensarci.


Il 60% dei suoi fondi derivano da donazioni inferiori ai 100$ pervenute tramite internet.[/QUOTE]

Link?
E cmq,non ci sono solo i soldi in ballo,se vuoi diventare il primo presidente USA e sperare di finire il mandato,o vendi il culo,o pesti i piedi a un sacco di persone.
Da qualcuno le spalle se le fa coprire,qualcuno più segreto dei servizi segreti.

Ma non è mica per dire che siccome si è svenduto sia disonesto o chissà che,dico solo che a qualcuno dovrà render conto.

Mia moto
05-11-2008, 14.22.47
L'aspetto discutibile secondo me non è tanto il sistema in sé, quanto il peso dato ai singoli stati.


Infatti ho detto che pochi stati arrivano a decidere per tutti. ;)

Ci sono 2 aspetti da prendere in considerazione. Un aspetto fisiologico, che riguarda la distribuzione sbagliata dei seggi (da più parti sostenuta) del collegio che elegge il presidente. Fossero corretti in base a una più realistica ripartizione demografica sarebbe sicuramente un sistema migliore, pur rimanendo lo stesso con i suoi pro e contro (nel senso che non sarebbe cmq un sistema compiutamente democratico, perché se hai 50% + 1 dei voti in uno stato prendi l'intera quota di delegati di quello stato e non solo quelli che ti hanno votato... il che nell'elezione di quello che è l'organo più rappresentativo e con più forti poteri stride fortemente con il principio di sovranità e rappresentatività popolare).

Ma io dico che c'è anche un aspetto patologico, più sostanziale, che si verifica indipendentemente da ciò che stabilisce la legge, quando è forte la radicalizzazione dei voti tra stato e stato. Basti confrontare i risultati di stanotte con quelli di 4 anni fa nel confronto Bush/Kerry. 6-7 stati hanno cambiato colore in favore del candidato democratico, i rimanenti 40 e passa sono rimasti sulle stesse posizioni di sempre.
Questo secondo me è un fattore che contribuisce a rendere ancor meno rappresentativo il sistema di voto americano, anzi inficia le stesse caratteristiche di elezione di tipo federale. Per chiarire, diversamente dalle elezioni per il Parlamento Europeo (altro tipo elezione che adotta un meccanismo "per quote di delegati"), i candidati fanno già campagna prima delle elezioni e già PRIMA sanno quali sono i voti che contano e quali no,sono dunque stimolati ad impostare la propria compagna soprattutto sulla base delle istanze degli elettori di quegli stati.
Un sistema che ha lo stesso difetto è quello del Senato italiano, non a caso il Veneto, territorio dall'esito scontato, finora non ha mai visto realizzare quelle istanze federaliste che pure si protraggono da diversi anni. Alla faccia dell'impronta federalista :)

funker
05-11-2008, 14.35.02
Comunque, uno che si propone con shepard fairey come consulente d'immagine non poteva non vincere le elezioni. :sisi:

milo74_ver.1.1
05-11-2008, 14.35.27
Che umiliazione avere politici così.

Come sempre il confronto in queste situazioni mette in luce la merda di politici (?) che ci governano.

McCain: "Ho avuto L'ONORE di congratularmi con il senatore Obama, che questa notte è diventato il nuovo presidente degli Stati Uniti"

Gasparri: "Molti interrogativi sul neopresidente. Ora Al Qaeda è più contenta".

E che se ne vada affanculo chi ha votato questa manica di merde impresentabili.
Ma di cuore.

destino
05-11-2008, 14.40.26
Sì ma se pochi stati arrivano a decidere il destino di una nazione il sistema non è più così tanto federale, e tanto meno democratico. E' più federale porre semplicemente il principio "una testa, un voto", per dire.

il sistema è molto democratico, perchè i grandi elettori vengono decisi in funzione dello stato federale e dei suoi abitanti




Ogni stato elegge al congresso due senatori e un numero di rappresentanti proporzionale alla popolazione (almeno uno), un sistema che offre un maggiore peso agli stati più piccoli.



Favorisce un po gli stati + piccoli, ma in tutte le elezioni quelli che contano sono gli stati a grandissima densità abitativa, proprio perchè portano un quantitativo di voti abnorme.

Questo sistema permette quindi a tutti gli stati (e a tutti gli elettori ) di avere la giusta rappresentanza quando si tratterà di scegliere il Presidente della Repubblica.

E' cosi democratico e funziona cosi bene che moltissimi stati, anche non federali, lo hanno adottato in toto o in parte, in primis la stessa italia per l'elezione dei senatori a livello regionale ( se non fosse cosi, campania, lombardia, sicilia e lazio avrebbero molti + senatori e magari la valle d'aosta non ne avrebbe manco 1 )

aries
05-11-2008, 14.40.37
Comunque, uno che si propone con shepard fairey come consulente d'immagine non poteva non vincere le elezioni. :sisi:

Non li ha convinti, hanno solo obbedito :sisi:

rivendicatore
05-11-2008, 14.49.10
Ma io mi chiedo che cosa ci si possa aspettare da un nuovo presidente degli states (nettamente meno peggio del precedente c'è da dire), un paese che più che un paese è una Holding di diritto statale. Niente guerre? Più soldi per tutti? Asini volanti? Continueranno a fare quello che hanno sempre fatto, ovvero cosa gli pare, quando gli pare e se gli pare.

Morfeo81
05-11-2008, 14.55.42
Io non mi aspetto nulla, mi permetto di ribadire che anche tra gli americani ci sono stati presidenti più utili e meno utili alla causa della pace.

E spero che Obama faccia parte della prima categoria. Non ho elementi per accertarlo, è solo una speranza.

Di0
05-11-2008, 14.58.36
Ma io mi chiedo che cosa ci si possa aspettare da un nuovo presidente degli states (nettamente meno peggio del precedente c'è da dire), un paese che più che un paese è una Holding di diritto statale. Niente guerre? Più soldi per tutti? Asini volanti? Continueranno a fare quello che hanno sempre fatto, ovvero cosa gli pare, quando gli pare e se gli pare.
Sì, ma l'idea di base è che con Obama tenteranno di farlo senza per forza finire a fare anche la figura dei coglioni. :asd:

P.S. Scusate, oggi sono abbastanza inflazionato con questa parola, prometto che domani non scrivo parolacce. :asd:

Mia moto
05-11-2008, 15.11.46
il sistema è molto democratico, perchè i grandi elettori vengono decisi in funzione dello stato federale e dei suoi abitanti

Il sistema francese è più democratico.
Presidente della Repubblica eletto direttamente a maggioranza assoluta, eventualmente dopo ballottaggio tra i due più votati al primo turno.
Ad esso si contrappone un parlamento i cui componenti sono anch'essi eletti a maggioranza assoluta o a massimo con maggioranza relativa fra 3 o 4 candidati per lo stesso seggio.






E' cosi democratico e funziona cosi bene che...


Secondo me è poco democratico e anche (potenzialmente) poco federalista. Se i voti sono radicati da stato a stato è un meccanismo che non fa pesare tutti gli stati ma solo gli stati che contano in termini nazionali. Se la Val d'Aosta è perennemente in bilico e le elezioni per il senato si giocano sul filo dei singoli senatori allora quel seggio conta davvero, altrimenti no.
Per me andrebbero scisse le due cose: rappresentanza della regione a livello statale e poteri esercitabili a dispetto del governo centrale. Il senatore della Val d'aosta farebbe sicuramente qualcosa di più federalista se amministrasse direttamente la regione e avesse i poteri per farlo in modo sufficientemente autonomo. Potrebbe poi sempre rappresentare la sua regione in un senato regionale che decida su questioni attinenti alle regioni ma senza mai toccare l'autonomia elettiva e decisionale dello stato.

destino
05-11-2008, 15.18.59
alla fine sono 2 sistemi che funzionano bene, inutile battibeccarsi con lo schema "questo è meglio di quello"

Mia moto
05-11-2008, 15.23.55
Sul fatto che funzioni bene ho qualche dubbio, diciamo che funziona via :asd:

vespino
05-11-2008, 15.42.34
Sono contento, e sono rimasto molto contento del discorso fatto sia da Obama ma anche da Mccain...vedremo come il neo presidente saprà condurre i "giochi" :)

Ape_Africanizzata
05-11-2008, 15.58.31
Ma io mi chiedo che cosa ci si possa aspettare da un nuovo presidente degli states (nettamente meno peggio del precedente c'è da dire), un paese che più che un paese è una Holding di diritto statale. Niente guerre? Più soldi per tutti? Asini volanti? Continueranno a fare quello che hanno sempre fatto, ovvero cosa gli pare, quando gli pare e se gli pare.


Un po' più di carota e un po' meno bastone dentro i confini nazionali.
In politica estera, magari qualche guerra condotta in maniera più furba rispetto all' amministrazione Bush :)

vespino
05-11-2008, 16.13.05
Vi prego possiamo mettere gasparri insieme alla binetti in un pentolone con dei piranha? Veramente almeno certa gente scomparirebbe dal pianeta... -.-

Di0
05-11-2008, 16.31.09
Ieri Hamilton, oggi Obama: conquisteranno il mondo? :asd:

EDIT:
Comunque è molto bravo, pecca un po' di inesperienza, ma è un piacere vedere una faccia nuova, anche se è stato accusato, talvolta a ragione, di essere troppo arrogante e di aver dato per scontato la sua vittoria. Alla fine, è stato il migliore ed ha avuto il merito di condurre per tutto l'anno, di fronte ad un avversario che forse è partito credendo di avere già perso, che non ha mai davvero mostrato un'opposizione efficace, infine che troppo spesso ha puntato la sua immagine sul vittimismo, sul fatto d'essere reduce dall'aver reso grandi servizi alla sua società e sull'avere una grande esperienza come persona che ha sempre eseguito gli ordini, anche spiacevoli, lontano da casa, in particolar modo in Asia. E' stata una lotta onesta e combattuta fino alla fine.
Per entrambi i contendenti, comunque, si è rivelato poco importante, se non addirittura dannoso, il supporto dei compagni di squadra.
Ha proprio meritato il titolo di Campione del Mondo.

destino
05-11-2008, 16.47.34
Ieri Hamilton, oggi Obama: conquisteranno il mondo? :asd:

EDIT:
Comunque è molto bravo, pecca un po' di inesperienza, ma è un piacere vedere una faccia nuova, anche se è stato accusato, talvolta a ragione, di essere troppo arrogante e di aver dato per scontato la sua vittoria. Alla fine, è stato il migliore ed ha avuto il merito di condurre per tutto l'anno, di fronte ad un avversario che forse è partito credendo di avere già perso, che non ha mai davvero mostrato un'opposizione efficace, infine che troppo spesso ha puntato la sua immagine sul vittimismo, sul fatto d'essere reduce dall'aver reso grandi servizi alla sua società e sull'avere una grande esperienza come persona che ha sempre eseguito gli ordini, anche spiacevoli, lontano da casa, in particolar modo in Asia. E' stata una lotta onesta e combattuta fino alla fine.
Per entrambi i contendenti, comunque, si è rivelato poco importante, se non addirittura dannoso, il supporto dei compagni di squadra.
Ha proprio meritato il titolo di Campione del Mondo.


hai ragione, kovalainen ha proprio supportato di merda hamilton

stobbArt
05-11-2008, 18.08.36
Ma io mi chiedo che cosa ci si possa aspettare da un nuovo presidente degli states (nettamente meno peggio del precedente c'è da dire), un paese che più che un paese è una Holding di diritto statale. Niente guerre? Più soldi per tutti? Asini volanti? Continueranno a fare quello che hanno sempre fatto, ovvero cosa gli pare, quando gli pare e se gli pare.

ci si aspetta un presidente degli states un po' meno unilateralista...il mondo è ancora unipolare, nonstante la cina stia crescendo a ritmi vertiginosi e la russia provi a tornare quella di un tempo: bush ha interpretato questa posizione americana in chiave totalmente unilateralista, faccio quello che voglio. Si spera che obama sia un po' più aperto al dialogo con gli altri, prima di tutto gli europei anche se le guerre, oggi come ieri le farà quando vorrà e come vorrà, come ha fatto bush, ha fatto clinton ecc. ecc.


Il sistema francese è più democratico.
Presidente della Repubblica eletto direttamente a maggioranza assoluta, eventualmente dopo ballottaggio tra i due più votati al primo turno.
Ad esso si contrappone un parlamento i cui componenti sono anch'essi eletti a maggioranza assoluta o a massimo con maggioranza relativa fra 3 o 4 candidati per lo stesso seggio.



il sistema francese è diverso, ma si parla di uno degli stati europei più accentrati in assoluto, che sta cambiando solo per conformarsi alle "direttive" europee e perchè l'ue i fondi li sgancia alle regioni, quindi è utile averle :asd:

in america i 2 rami del congresso rappresentano rispettivamente, come è giusto che sia gli stati e la popolazione, ma l'elezione della carica più importante deve essere basata su un principio federalista perchè il federalismo è uno dei fondamenti della costituzione americana. Al massimo io abolirei i Grandi Elettori, che potenzialmente potrebbero anche votare per qualcun'altro, rendendoli un semplice elemento statistico

UAranger
05-11-2008, 18.39.57
Ieri Hamilton, oggi Obama: conquisteranno il mondo? :asd:


Lui li ha preceduti entrambi da 10 anni, lo sportivo piu' famoso, piu' ricco, piu'....tutto :D <object width="425" height="344"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/v/4QaD9R63xP0&hl=it&fs=1"></param><param name="allowFullScreen" value="true"></param><param name="allowscriptaccess" value="always"></param><embed src="http://www.youtube.com/v/4QaD9R63xP0&hl=it&fs=1" type="application/x-shockwave-flash" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true" width="425" height="344"></embed></object>

aplo
05-11-2008, 18.47.36
Beh sicuramente sarà meglio di Bush, veramente un presidente fantoccio.
E cmq è la prima volta che in tutto il mondo le bandiere USA le sventolano in festa invece di bruciarle, se il buongiorno si vede dal mattino...


Cya

Sandros
05-11-2008, 18.49.51
Sono contento per Obama, vediamo ora come si evolveranno le cose :birra:

Mia moto
05-11-2008, 18.56.30
il sistema francese è diverso, ma si parla di uno degli stati europei più accentrati in assoluto, che sta cambiando solo per conformarsi alle "direttive" europee e perchè l'ue i fondi li sgancia alle regioni, quindi è utile averle

Se vogliamo un sistema di elezione totalmente democratico a livello di stato ad oggi la soluzione francese è la migliore di tutte. Non si capisce perché il fatto di rendere un'elezione davvero democratica debba fare a pugni con la qualifica federale o accentrata di uno stato.
La Francia è sì uno stato accentrato ma il grado d'influenza degli enti minori sul suo sistema di elezione (=nullo) è lo stesso del sistema elettorale tedesco, e la Germania è notoriamente uno stato federale.


in america i 2 rami del congresso rappresentano rispettivamente, come è giusto che sia gli stati e la popolazione, ma l'elezione della carica più importante deve essere basata su un principio federalista perchè il federalismo è uno dei fondamenti della costituzione americana. Al massimo io abolirei i Grandi Elettori, che potenzialmente potrebbero anche votare per qualcun'altro, rendendoli un semplice elemento statistico

Come ho già detto, il fatto che uno stato sia federale non implica necessariamente che la scelta della carica statuale più alta, più rappresentativa e dotata di maggiori poteri debba essere soggetta a limiti che non siano quello di "una testa un voto". Se non è l'elezione diretta della carica che incarna l'unità nazionale a mettere sullo stesso piano tutti i cittadini degli Stati Uniti, cosa dovrebbe essere?:)

stobbArt
05-11-2008, 19.15.02
Se vogliamo un sistema di elezione totalmente democratico a livello di stato ad oggi la soluzione francese è la migliore di tutte. Non si capisce perché il fatto di rendere un'elezione davvero democratica debba fare a pugni con la qualifica federale o accentrata di uno stato.
La Francia è sì uno stato accentrato ma il grado d'influenza degli enti minori sul suo sistema di elezione (=nullo) è lo stesso del sistema elettorale tedesco, e la Germania è notoriamente uno stato federale.

Come ho già detto, il fatto che uno stato sia federale non implica necessariamente che la scelta della carica statuale più alta, più rappresentativa e dotata di maggiori poteri debba essere soggetta a limiti che non siano quello di "una testa un voto". Se non è l'elezione diretta della carica che incarna l'unità nazionale a mettere sullo stesso piano tutti i cittadini degli Stati Uniti, cosa dovrebbe essere?:)

ciò che caratterizza uno stato federale non è solo la grande quantità di potere che gli enti interni hanno, ma anche e soprattutto la partecipazione di questi enti alla formazione della politica nazionale: per questo in america come in germania e tutti gli stati federali ci sono 2 camere elette in base a criteri diversi in modo che una rappresenti efficacemente le regioni/stati.

Negli usa il presidente è eletto direttamente per i grandi poteri di cui gode: ma il principio federale può essere rispettato solo con un sistema in cui gli stati federati siano direttamente rappresentati altrimenti uno dei fondamenti dello stato federale crolla, sarebbe solo uno stato a carattere regionale in cui gli enti autonomi godono di notevole autonomia (come italia e spagna)

che il presidente incarni l'unità nazionale è una concezione molto italiana della figura del presidente della repubblica, in america il presidente è prima di tutto "capo del potere esecutivo", la rappresentatività del paese è secondaria rispetto a questo.

hellspawn85
05-11-2008, 19.36.26
Sono contento per Obama, vediamo ora come si evolveranno le cose :birra:

sicuramente cambierà il nome della casa... non si chiamerà più "casa bianca" :asd:

feo
05-11-2008, 20.59.47
TW-6DpC-mj8

:-)

BenderSnake
05-11-2008, 21.00.28
1 ma se Obama fosse stato bianco lo avreste votato?
2 ma se Obama fosse stato repubblicano lo avreste votato?

aries
05-11-2008, 21.13.35
1 ma se Obama fosse stato bianco lo avreste votato?
2 ma se Obama fosse stato repubblicano lo avreste votato?

3. Se fosse stata un'altra persona lo avreste votato?

Mia moto
05-11-2008, 21.16.06
ciò che caratterizza uno stato federale non è solo la grande quantità di potere che gli enti interni hanno, ma anche e soprattutto la partecipazione di questi enti alla formazione della politica nazionale: per questo in america come in germania e tutti gli stati federali ci sono 2 camere elette in base a criteri diversi in modo che una rappresenti efficacemente le regioni/stati.

Negli usa il presidente è eletto direttamente per i grandi poteri di cui gode: ma il principio federale può essere rispettato solo con un sistema in cui gli stati federati siano direttamente rappresentati altrimenti uno dei fondamenti dello stato federale crolla, sarebbe solo uno stato a carattere regionale in cui gli enti autonomi godono di notevole autonomia (come italia e spagna)

che il presidente incarni l'unità nazionale è una concezione molto italiana della figura del presidente della repubblica, in america il presidente è prima di tutto "capo del potere esecutivo", la rappresentatività del paese è secondaria rispetto a questo.

Sì certo, infatti nel post parlo della "carica statuale più alta, più rappresentativa e dotata di maggiori poteri". Il fatto che il presidente degli USA sia a capo dell'esecutivo non toglie che sia anche il massimo rappresentante della nazione, un po' come lo sono i nostri presidenti di regione. La rappresentatività, però, può essere data dai popoli o dagli stati: negli USA hanno un presidente "di stati". Buon per loro ma è meno democratica della prima ;)

Poi, è da sfatare questa distinzione rigida che si vuole usare tra stati federali, regionali, accentrati... Non esiste una distinzione netta e sicura che permetta di etichettare automaticamente uno stato come federale o regionale o accentrato. La dottrina costituzionale ci si è persa dentro ma non ha mai rinvenuto dei criteri scientifici. Da più parti si è detto che gli stati federali sono tali perché nascono dall'unione di stati più piccoli, ma ci sono anche le dovute eccezioni, come ad esempio il Belgio che da stato centrale qual'era nato si è poi fortemente decentralizzato. E se si dovesse assumere come parametro il grado d'influenza della politica degli stati interni su quella federale, pure in questo caso il limite sarebbe poco definibile in termini assoluti e la realtà dei fatti sta a dimostrarlo (come detto poco sopra, la Germania che viene considerata una repubblica federale non presenta forme d'influenza sull'elezione del Bundestag da parte dei Lander).

Il discorso sulla camera delle regioni sta poi a dimostrare che è possibile l'esistenza di una politica regionale su scala nazionale senza che le regioni stesse debbano necessariamente partecipare alle elezioni delle istituzioni nazionali. Questo assicura loro la dovuta rappresentatività, così come l'esercitare diverse competenze a livello locale assicura il dovuto federalismo politico e amministrativo. Il fatto poi che uno stato possa venire chiamato federale, accentrato od altro dipende da come questo meccanismo viene applicato, quante competenze sono date in mano agli enti inferiori e anche come lo Stato stesso "si sente di essere". Ma non c'è scritto da nessuna parte che negli stati federali il presidente debba per forza essere scelto con voto diviso stato per stato.:)

feo
05-11-2008, 21.30.08
io se era carlton lo votavo :-°

http://msp52.photobucket.com/albums/g38/Galandathor/carlton.gif

Di0
05-11-2008, 21.30.46
3. Se fosse stata un'altra persona lo avreste votato?

Appunto. Se fosse stato mio nonno, era il padre di mio padre. :asd:

Wiizpig
05-11-2008, 21.42.04
1 ma se Obama fosse stato bianco lo avreste votato?
2 ma se Obama fosse stato repubblicano lo avreste votato?

:roll3:

Troll?
Felice della vittoria comunque, se devo esser sincero la davo per scontata, non so nemmeno bene io perchè...

BenderSnake
05-11-2008, 21.50.14
3. Se fosse stata un'altra persona lo avreste votato?

le domande sono separate, con la prima intendo Obama così com'è ma bianco, con la seconda intendo Obama nero e con la sua personalità ma Repubblicano.


:roll3:

Troll?


sono mezzo tentato di segnalarti

tomkk
05-11-2008, 21.52.41
1 ma se Obama fosse stato bianco lo avreste votato?
2 ma se Obama fosse stato repubblicano lo avreste votato?

no .... perchè non sono americano :asd:

BenderSnake
05-11-2008, 22.00.01
no .... perchè non sono americano :asd:

vabbè, è inteso come "avreste tifato per lui" :asd:

stobbArt
05-11-2008, 22.52.02
Sì certo, infatti nel post parlo della "carica statuale più alta, più rappresentativa e dotata di maggiori poteri". Il fatto che il presidente degli USA sia a capo dell'esecutivo non toglie che sia anche il massimo rappresentante della nazione, un po' come lo sono i nostri presidenti di regione. La rappresentatività, però, può essere data dai popoli o dagli stati: negli USA hanno un presidente "di stati". Buon per loro ma è meno democratica della prima ;)

Poi, è da sfatare questa distinzione rigida che si vuole usare tra stati federali, regionali, accentrati... Non esiste una distinzione netta e sicura che permetta di etichettare automaticamente uno stato come federale o regionale o accentrato. La dottrina costituzionale ci si è persa dentro ma non ha mai rinvenuto dei criteri scientifici. Da più parti si è detto che gli stati federali sono tali perché nascono dall'unione di stati più piccoli, ma ci sono anche le dovute eccezioni, come ad esempio il Belgio che da stato centrale qual'era nato si è poi fortemente decentralizzato. E se si dovesse assumere come parametro il grado d'influenza della politica degli stati interni su quella federale, pure in questo caso il limite sarebbe poco definibile in termini assoluti e la realtà dei fatti sta a dimostrarlo (come detto poco sopra, la Germania che viene considerata una repubblica federale non presenta forme d'influenza sull'elezione del Bundestag da parte dei Lander).



è un poema epico non un post il tuo :asd:

allora che non sia facile decidere quando e se uno stato è federale ti do ragione, ma in fondo non è nemmeno così difficile in linea teorica: in nessuno stato federale possono essere compiute scelte essenziali, prima tra tutte una revisione parziale o totale della costituzione senza la partecipazione degli enti federati. Lo so è una definzione molto semplicistica, ma in pratica è ciò che rende federale l'austria rispetto all'italia, quando i poteri regionali sono più forti da noi ad esempio. Per quello che riguarda la germania il bundestag è eletto senza partecipazione dei lander, ma perchè c'è un'altra camera, il bunderat formato interamente da membri scelti dagli esecutivi dei lander, quindi da questo punto di vista è molto più democratico il senato americano.



Il discorso sulla camera delle regioni sta poi a dimostrare che è possibile l'esistenza di una politica regionale su scala nazionale senza che le regioni stesse debbano necessariamente partecipare alle elezioni delle istituzioni nazionali. Questo assicura loro la dovuta rappresentatività, così come l'esercitare diverse competenze a livello locale assicura il dovuto federalismo politico e amministrativo. Il fatto poi che uno stato possa venire chiamato federale, accentrato od altro dipende da come questo meccanismo viene applicato, quante competenze sono date in mano agli enti inferiori e anche come lo Stato stesso "si sente di essere". Ma non c'è scritto da nessuna parte che negli stati federali il presidente debba per forza essere scelto con voto diviso stato per stato.:)

una camera delle regioni deve esistere in ogni stato federale altrimenti che sato federale è? :mumble: ed esse devono partecipare ai procedimenti legislativi, altrimenti è sempre uno stato accentrato, non è un dettaglio, è proprio la differenza che passa tra l'italia e la germania ad esempio.

Ovvio che il sistema elettorale americano non sia l'unico possibile, ma mi sembra un ottimo modo per rispecchiare la natura federale del paese, perchè in un maggioritario alla francese le circoscrizioni non potrebbero assolutamente ricalcare gli stati e gli stati in un modello federale devono partecipare alle decisioni importanti.

Asterix_75
06-11-2008, 00.25.56
è retorica lo so...ma c@$$o che discorso!! :japu:
scalda il cuore anche di un non americano...

“If there is anyone out there who still doubts that America is a place where all things are possible, who still wonders if the dream of our Founders is still alive in our time, who still questions the power of our democracy, tonight is your answer”

Barack Obama, President-elect of the United States of America

5OQXiZsjx2E


in bocca al lupo, ne avremo bisogno tutti :birra:

PS: troppo bella questa vignetta:

http://img223.imageshack.us/img223/4118/ratified4novemberjpegfb0.gif

DIAZE
06-11-2008, 07.54.26
http://www.fohguild.org/forums/attachments/screenshots/92967d1225859941-funny-strange-random-pics-1225848224751.jpg

Shagrath_Infernus
06-11-2008, 09.26.30
Tutto questo è molto americano...-_-'

AmeR
06-11-2008, 12.12.17
Sei lento Diaze, vai a pagina 3.

DIAZE
06-11-2008, 12.19.11
Sei lento Diaze, vai a pagina 3.

Ops...
Allora beccati questa

http://www.fohguild.org/forums/attachments/screenshots/92976d1225867929-funny-strange-random-pics-combo-breaker.jpg

Ape_Africanizzata
06-11-2008, 12.25.49
C'è un buco di 15 anni fra Coolidge e Truman. Ma chi l'ha fatta sta roba?:D

DIAZE
06-11-2008, 12.37.56
E' vero!!

Ape_Africanizzata
06-11-2008, 12.38.47
Ma tanto ne manca uno che non ha fatto un cazzo e che non si ricorderà nessuno:D

JGun83
06-11-2008, 13.26.03
Congratulazioni ad Obama, uno splendido discorso.

Sono proprio contento abbia vinto lui.


Obama e Del Piero Re del Mondo :D

Mia moto
06-11-2008, 13.45.30
Per quello che riguarda la germania il bundestag è eletto senza partecipazione dei lander, ma perchè c'è un'altra camera, il bunderat formato interamente da membri scelti dagli esecutivi dei lander, quindi da questo punto di vista è molto più democratico il senato americano.

E chi ha detto il contrario :D
Commento la democraticità del sistema elettorale presidenziale, non del senato. Se però mi si viene a dire che uno stato deve eleggere il presidente in quel modo perché è "federale" allora obietto che non è vero. Ovviamente se un senato di occupa di questioni "regionali" ed è al tempo stesso eletto dai cittadini di ciascuna regione hai un sistema più democratico di quello in cui l'elezione spetta ai consigli regionali ;)




una camera delle regioni deve esistere in ogni stato federale altrimenti che sato federale è? :mumble: ed esse devono partecipare ai procedimenti legislativi, altrimenti è sempre uno stato accentrato, non è un dettaglio, è proprio la differenza che passa tra l'italia e la germania ad esempio.

Sì, ma se per ipotesi ci fosse un senato regionale con competenze quasi minime si potrebbe ancora definire uno stato federale?
Il grado di federalismo non dipende solo dalla struttura di uno stato, occorre anche che agli enti più piccoli siano destinate certe importanti funzioni.
Le definizioni federale o non federale sono definizioni di comodo o per segnare le differenze tra i vari stati, ma non esiste un criterio oggettivo su cui esse si basano.

Fabio
06-11-2008, 13.52.39
La domanda nasce spontanea: ma adesso Michael Jackson si farà ricolorare la pelle? :asd:

(Battuta estemporanea che fa poco ridere, perdonatemi, sono un po' in crisi). :)

stobbArt
06-11-2008, 14.14.02
E chi ha detto il contrario :D
Commento la democraticità del sistema elettorale presidenziale, non del senato. Se però mi si viene a dire che uno stato deve eleggere il presidente in quel modo perché è "federale" allora obietto che non è vero. Ovviamente se un senato di occupa di questioni "regionali" ed è al tempo stesso eletto dai cittadini di ciascuna regione hai un sistema più democratico di quello in cui l'elezione spetta ai consigli regionali ;)


Non è scritto da nessuna parte ovvio che quello sia l'unico metodo per eleggere il presidente di uno stato federale, ma mi sembra un ottimo modo per eleggere il presidente di uno stato federale, dotato di tutti i poteri che ha il presidente americano, soprattutto in politica estera :)


Sì, ma se per ipotesi ci fosse un senato regionale con competenze quasi minime si potrebbe ancora definire uno stato federale?
Il grado di federalismo non dipende solo dalla struttura di uno stato, occorre anche che agli enti più piccoli siano destinate certe importanti funzioni.
Le definizioni federale o non federale sono definizioni di comodo o per segnare le differenze tra i vari stati, ma non esiste un criterio oggettivo su cui esse si basano.

l'austria è uno stato federale in cui le competenze delle regioni sono inferiori a quelle delle regioni italiane, ma credo nessuno abbia mai messo in dubbio che l'austria sia uno stato federale...perchè lo stato federale è uno stato che accetta che certe competenze legislative e costituzionali siano concesse anche alle regioni, poi l'effettivo potere di ciascuna di queste in campo amministrativo conta relativamente (in germania tanto, in austria poco) :)

Mia moto
06-11-2008, 15.16.50
Non è scritto da nessuna parte ovvio che quello sia l'unico metodo per eleggere il presidente di uno stato federale, ma mi sembra un ottimo modo per eleggere il presidente di uno stato federale, dotato di tutti i poteri che ha il presidente americano, soprattutto in politica estera :)

E' quell'"ottimo" che mi fa storcere il naso.
Secondo me ottimo equivale a democratico, anche in uno stato federale. Ed è proprio per le ragioni che ho detto sopra, sui possibili effetti negativi di quel sistema se si trova di fronte a una forte radicalizzazione dei consensi, che ne risentono proprio gli stati meno decisivi, in barba alla finalità federalista per cui era stato fatto.




l'austria è uno stato federale in cui le competenze delle regioni sono inferiori a quelle delle regioni italiane, ma credo nessuno abbia mai messo in dubbio che l'austria sia uno stato federale...perchè lo stato federale è uno stato che accetta che certe competenze legislative e costituzionali siano concesse anche alle regioni, poi l'effettivo potere di ciascuna di queste in campo amministrativo conta relativamente (in germania tanto, in austria poco) :)

La vedo dura avere meno competenze dei regioni ordinarie italiane. :D
Cmq dipende dalla qualità delle funzioni esercitate e da come la storia, la dottrina e anche il sentire comune fanno apparire un certo stato, io dico solo che stato federale non implica l'elezione "per stati" del presidente nazionale, la germania è federale ma il suo sistema elettorale per quel che riguarda la rappresentanza nazionale (governo, bundestag, presidente repubblica) non è minimamente scalfito da poteri in materia dei lander.
I rappresentanti delle regioni stanno per conto loro e decidono su materie di rilevanza regionale.
Poi ci sono stati che lo fanno (tra cui gli USA) e stati che non lo fanno. La soluzione più democratica è sicuramente la seconda, tutto qui.

stobbArt
06-11-2008, 16.06.06
E' quell'"ottimo" che mi fa storcere il naso.
Secondo me ottimo equivale a democratico, anche in uno stato federale. Ed è proprio per le ragioni che ho detto sopra, sui possibili effetti negativi di quel sistema se si trova di fronte a una forte radicalizzazione dei consensi, che ne risentono proprio gli stati meno decisivi, in barba alla finalità federalista per cui era stato fatto.


io lo considero un ottimo modello, poi ovvio che per fortuna in democrazia si possono avere idee divergenti: e comunque difficilmente questo sistema non ha rispecchiato il volere della maggioranza dei votanti visto che prima di g.w.bush mi sembra che solo altre 3 volte nell'800 un presidente era stato eletto con meno voti popolari, quindi in fondo non è nemmeno così poco democratico :)




La vedo dura avere meno competenze dei regioni ordinarie italiane. :D
Cmq dipende dalla qualità delle funzioni esercitate e da come la storia, la dottrina e anche il sentire comune fanno apparire un certo stato, io dico solo che stato federale non implica l'elezione "per stati" del presidente nazionale, la germania è federale ma il suo sistema elettorale per quel che riguarda la rappresentanza nazionale (governo, bundestag, presidente repubblica) non è minimamente scalfito da poteri in materia dei lander.
I rappresentanti delle regioni stanno per conto loro e decidono su materie di rilevanza regionale.
Poi ci sono stati che lo fanno (tra cui gli USA) e stati che non lo fanno. La soluzione più democratica è sicuramente la seconda, tutto qui.

riguardo all'austria ti cito wikipedia perchè è la fonte più comoda (anche se non molto affidabile, ma non ne ho disponibili di migliori ora):


It must be noted, however, that Austrian federalism is generally considered largely notional, as the states are granted comparatively few actual legislative powers. While it is true that the federal constitution grants all legislative powers to the states initially, they are subsequently taken away to such an extent that only relatively few matters (most importantly building and zoning codes, natural protection, hunting, fishing, farming, youth protection and such remain, as well as the right to levy certain taxes).

Almost all matters of practical importance, including, but not limited to, criminal law, civil law, corporate law, most other aspects of economic law, education, academia, welfare, telecommunications, and the health care system, are to be regulated by federal laws. There is also no stand-alone judiciary of the Länder, the federal constitution defining jurisdiction as an exclusively federal matter.

This is largely due to historic reasons, as central power during the time of the empire was largely concentrated in Vienna. This historical development is in stark contrast to developments in Germany.

ma nessuno metterebbe mai in dubbio il fatto che l'austria è uno stato federale :P

La germania è uno stato federale con caratteristiche ben diverse da quelle americane (in pratica i lander non fanno le leggi in quasi nessun ambito, però hanno una quasi totale discrezionalità sull'esecuzione), e soprattutto il primo ministro non ha poteri nemmeno lontanamente paragonabili a quelli italiani, mentre il presidente è appena più coinvolto di quello italiano, il che è tutto dire :D

il fatto è che negli usa una carica sola racchiude un grandissimo potere e per questo gli stati non vogliono assolutamente perdere il loro peso sulle elezioni, e sono convinto che anche la popolazione dei singoli stati non voglia assolutamente un cambiamento perchè da questo sistema la maggioranza si sente ben rappresentata imho :)

non è nemmeno secondo me una questione di democrazia maggiore o minore, ma di scelte perchè altrimenti avremmo tutti un sistema proporzionale con una sola circoscrizione come in olanda, con 66mila partitini e un caos elettorale assurdo...che in italia c'è lo stesso ma noi siamo un caso disperato :asd:

MaGiKLauDe
06-11-2008, 18.16.43
Zombie, mi spiace, ma anche un'immaginazione fervida come la tua deve arrendersi quando la realtà la supera.

Berlusconi, prima gaffe su Obama "E&#039; giovane, bello e abbronzato" - esteri - Repubblica.it (http://www.repubblica.it/2008/11/sezioni/esteri/italia-obama/italia-obama/italia-obama.html)


:|

Gi01
06-11-2008, 18.28.44
Alle volte mi chiedo se lo faccia apposta o, semplicemente, sia stupido

Di0
06-11-2008, 18.30.42
«Veramente c'è qualcuno che pensa che non sia stata una carineria?». «Se scendono in campo gli imbecilli - ha aggiunto - siamo fregati. Dio ci salvi dagli imbecilli.Come si fa a prendere un grande complimento come una cosa negativa? Ma che vadano a...»

A proposito degli attacchi ricevuti dopo l'infelice uscita.
Che dire? Gli americani, dopo 8 anni di Bush, hanno capito e hanno eletto Obama.
Noi dopo 15 anni, cerchiamo ancora di capire dove finisca lo Zelig e dove inizi il Parlamento. :asd:
Poi, per carità, da una parte lui, dall'altra quell'altro genio delle scie chimiche.
L'unica risposta coerente è la fuga. :sisi:

destino
06-11-2008, 18.36.53
poteva dire negro cazzo!!!

/facepalm

tomkk
06-11-2008, 18.38.39
ancora che non ha fatto allusioni alle dimensioni del pisello :asd:

Giggio93
06-11-2008, 18.48.05
L'unica risposta coerente è la figa. :sisi:
ora suona meglio :D

stan
06-11-2008, 19.04.06
Alle volte mi chiedo se lo faccia apposta o, semplicemente, sia stupido

Secondo me succederà questo: quando si sarà rotto di giocare, convocherà un'enorme conferenza stampa, proferendo tale verità...

"Non ci credo! Mi avete fatto fare, dire 'ste cose per tutti questi anni! Siete un popolo di pecoroni io l'ho dimostrato ed ho vinto!"

Poi entrerà nella sua celletta frigorifera e si farà risvegliare quando la memoria di tutto questo andrà perduta.

Eurypotter
06-11-2008, 19.13.25
«Veramente c'è qualcuno che pensa che non sia stata una carineria?». «Se scendono in campo gli imbecilli - ha aggiunto - siamo fregati. Dio ci salvi dagli imbecilli.Come si fa a prendere un grande complimento come una cosa negativa? Ma che vadano a...»

26 gennaio 1994? :asd:

Zio Fella
06-11-2008, 19.36.30
La domanda nasce spontanea: ma adesso Michael Jackson si farà ricolorare la pelle? :asd:

(Battuta estemporanea che fa poco ridere, perdonatemi, sono un po' in crisi). :)

Un po' come se in Italia riaprissero le case chiuse e si domandassero: ma adesso Bill se ne andrà a fighe? :asd:

Comunque obama col suo motto "yes we can" mi ha fornito un' imprecazione che è entrata di forza nella top ten del mio repertorio: "yes, DIO ..." :asd:

hiroshi
06-11-2008, 19.41.13
da repubblica.it

"Barack Obama? Giovane, bello e abbronzato". Parola di Silvio Berlusconi. Ieri, rivendicando la sua "anzianità", aveva annunciato di "volergli dare consigli". E oggi, puntuale, è arrivata la prima clamorosa gaffe. Che rischia di oscurare perfino il tristemente celebre Kapo' rivolto a Strasburgo all'eurodeputato tedesco Schulz.

Il capo del governo da Mosca torna a parlare del neo-presidente Usa e non resiste al gusto della battuta. E' l'ennesima del Cavaliere, che però stavolta non esercita il suo humour sui suoi abituali cavalli di battaglia (donne, sesso o gli odiati "comunisti"). Stavolta è il colore della pelle a scatenare la tentazione irresistibile. Poi definita "un grande complimento, una carineria assoluta nei suoi confronti".

"Complimento" che il premier rivendica con fermezza anche dopo un'ora, quando rientrando in albergo sbotta con i cronisti che lo interrogano sulle prevedibili polemiche: "Se non hanno il sense of humour allora vuol dire che gli imbecilli sono scesi in campo, che se ne vadano a...".

Il presidente del Consiglio, grande amico di Bush tanto da far cadere un palco per - sono parole sue - "troppo amore", è riuscito insomma laddove nemmeno 21 mesi di durissima campagna elettorale erano potuti arrivare. E vedremo come la boutade sarà presa negli States, dove mai la questione razziale è stata oggetto di scontri o battute pubbliche. Dove è inimmaginabile, anche pensandoci e posteriori, immaginare un McCain che definisce "abbronzato" il suo rivale di colore nella corsa alla Casa Bianca.

Le reazioni. L'opposizione attacca il premier, ed è il Pd il primo a chiedere che "il capo del governo chieda subito scusa". "La migliore delle ipotesi - dice Franceschini - è che Berlusconi non riesca più a controllarsi. Dimentica che le sue parole coinvolgono l'immagine del nostro Paese nel mondo. Dire che il presidente degli Stati Uniti è 'giovane, bello e anche abbronzato' suonerà alle orecchie di tutto il mondo come una offesa carica di pericolose ambiguità". Parla anche il leader del partito, Veltroni, secondo il quale le si tratta di parole "che colpiscono e feriscono la dignità dell'Italia". E che la danneggiano, perché un uomo di Stato non può permettersi continuamente battute da cabaret".

A seguire, l'Italia dei Valori, che con Donadi sostiene che Berlusconi, con le sue parole, scredita l'Italia sul piano internazionale".

Dall'altra parte si avverte a caldo un certo sconcerto. Basti pensare alla reazione del ministro Ronchi (An), che informato dai giornalisti a margine del Consiglio dei ministri appare prima incredulo, poi si dilegua alla svelta senza commentare: "Arrivederci...".

Poi scatta la chiamata a raccolta e arriva puntuale la nota di Capezzone, portavoce di Forza Italia, che parla di "sinistra desolante, che non sa più a cosa attaccarsi per colpire Berlusconi. A seguire, la minimizzaone del leghista Calderoli: "Solo una battuta". E poi, ancora, la originale spiegazione del ministro Rotondi, secondo il quale le parole del Cavaliere "si spiegano con una teoria psicologica per cui fondamento del razzismo è l'invidia dei bianchi per un colore più gradevole".

Da questo momento in poi, mentre la frase di Berlusconi fa il giro del mondo - dall' inglese Herald Tribune all'americano Drudgereport, dal turco Daily allo spagnolo Heraldo - da destra è tutto un fiorire di sorrisi e spallucce e attacchi alla "sinistra tetra". Quella sinistra che, come dice Gasparri, "non sa capire che Berlusconi ha lanciato una operazione simpatia". Forse la medesima "operazione simpatia" che proprio Gasparri aveva lanciato ieri commentando l'elezione di Barack: "Al Qaeda sarà contenta..."



Sicuramente avremo frainteso pero' io mi vergogno di avere Berlusconi come Presidente del
Consiglio.

p.s.
minkia come sono old

Mischa
06-11-2008, 19.47.52
Secondo me succederà questo: quando si sarà rotto di giocare, convocherà un'enorme conferenza stampa, proferendo tale verità...

"Non ci credo! Mi avete fatto fare, dire 'ste cose per tutti questi anni! Siete un popolo di pecoroni io l'ho dimostrato ed ho vinto!"

Poi entrerà nella sua celletta frigorifera e si farà risvegliare quando la memoria di tutto questo andrà perduta.Dubito. Imho una volta finito mandato (probabilmente ce la farà a finirlo senza grossi problemi), passerà il testimone a un intermediario ideale promozionalmente, e punterà alla presidenza della repubblica (e altrettanto probabilmente, la otterrà). Concluderà poi i suoi giorni come senatore a vita, votando esclusivamente leggi promosse dai subordinati che avrà collocato in posizione adeguata, e dicendo quel che gli pare, forte di una intoccabilità che Cossiga in confronto gli fa una pippa. Al suo funerale ci saranno decine di migliaia di persone in lacrime, cresciute ascoltando i suoi tg per 30 anni. Poco tempo dopo uno dei suoi figli, ormai giunto a piena maturità e consapevolezza del potere, entrerà in politica per chiudere il cerchio, e il sacrario di Arcore verrà fatto monumento nazionale :D

Scherzi a parte: ma che cazzo, non puoi sempre fare così, uffa. E al tal incontro fai le corna nella foto, e al tal altro tocchi il culo alle operaie, e al tizio gli dai del negretto, e a quello ancora dello sturmtruppen, minchia, sembra di stare all'asilo. Ok, sei il simpaticone della classe, capito: però forse non gli hanno spiegato che i simpaticoni della classe prima o poi qualcuno (sicuramente privo di senso dell'umorismo, yeah) li riempie pure di botte. Già me lo vedo a lanciare raudi alle spalle di un nord-coreano o iraniano e poi girare il dito in aria stile schiaffo del soldato.

MaGiKLauDe
06-11-2008, 19.49.46
Mischa sa come rendere la morte una prospettiva in fondo non così orrorifica. :asd:

DIAZE
06-11-2008, 19.50.43
Tu scherzi ma sotto sotto ci crede anche lui

destino
06-11-2008, 20.00.00
si crede davvero il simpaticone che fa la battuta per far ridere la donna di turno, ormai è assodato.

Vuole fare il piacione e fa figure di merda a livello planetario

zombie_chicken
06-11-2008, 20.04.30
comunque passi la battuta scema che tutti aspettavamo frementi, ma continuare a credere che apostrofando un nero con l'eufemismo "abbronzato" gli si faccia un complimento, è razzismo cazzo.

DIAZE
06-11-2008, 20.10.53
Loro hanno questo
jjXyqcx-mYY

noi questo
WXf-YbsSh0Y

:|

zombie_chicken
06-11-2008, 20.16.58
Vuole fare il piacione e fa figure di merda a livello planetario

tra l'altro grazie a lui siamo arrivati al punto in cui, quando un giornalista anglosassone è a corto di idee, tira fuori un articolone contro l'italia e gli italiani, tra un pò ci daranno pure la colpa del buco dell'ozono e del fallimento dell'islanda. sigh.

Mia moto
06-11-2008, 20.17.13
io lo considero un ottimo modello, poi ovvio che per fortuna in democrazia si possono avere idee divergenti: e comunque difficilmente questo sistema non ha rispecchiato il volere della maggioranza dei votanti visto che prima di g.w.bush mi sembra che solo altre 3 volte nell'800 un presidente era stato eletto con meno voti popolari, quindi in fondo non è nemmeno così poco democratico :)

Dipende, perché con un sistema diverso già la campagna elettorale è impostata in modo diverso, solo o prevalentemente sugli stati che contano. Cmq se così è allora tanto vale tagliare la testa al toro, modificare la legge o la costituzione ed impedire che in quelle occasioni in cui un candidato ha meno voti totali salga al potere, no? ;)




riguardo all'austria ti cito wikipedia perchè è la fonte più comoda (anche se non molto affidabile, ma non ne ho disponibili di migliori ora):

It must be noted, however, that Austrian federalism is generally considered largely notional, as the states are granted comparatively few actual legislative powers. While it is true that the federal constitution grants all legislative powers to the states initially, they are subsequently taken away to such an extent that only relatively few matters (most importantly building and zoning codes, natural protection, hunting, fishing, farming, youth protection and such remain, as well as the right to levy certain taxes).

Almost all matters of practical importance, including, but not limited to, criminal law, civil law, corporate law, most other aspects of economic law, education, academia, welfare, telecommunications, and the health care system, are to be regulated by federal laws. There is also no stand-alone judiciary of the Länder, the federal constitution defining jurisdiction as an exclusively federal matter.

This is largely due to historic reasons, as central power during the time of the empire was largely concentrated in Vienna. This historical development is in stark contrast to developments in Germany.

ma nessuno metterebbe mai in dubbio il fatto che l'austria è uno stato federale

Appunto, è come ho detto io : uno stato viene definito federale sulla base di situazioni contingenti, anche se poi effettivamente magari non lo è.





non è nemmeno secondo me una questione di democrazia maggiore o minore, ma di scelte perchè altrimenti avremmo tutti un sistema proporzionale con una sola circoscrizione come in olanda, con 66mila partitini e un caos elettorale assurdo...che in italia c'è lo stesso ma noi siamo un caso disperato :asd:

No, è per il presidente basta una sola circoscrizione nazionale, con due turni.
Per il parlamento invece l'ideale è un maggioritario a doppio turno, in cui ci sono ovviamente i collegi ed ogni cittadino vota per il suo collegio e basta.
Poi ognuno fa le sue scelte ma dipende quali sono gli obiettivi che si vogliono seguire con il sistema: secondo me in democrazia la regola che chi ha un voto in più vince non può MAI essere posta in discussione.

Di0
06-11-2008, 20.17.46
Sull'Air-Force-One lo fanno sedere dietro.
:asd:

karuga
06-11-2008, 20.22.23
L'unica risposta coerente è la fuga. :sisi:

Non era il suicidio di massa?

MrFree85
06-11-2008, 21.09.41
"E se non hanno il sense of humour sono imbecilli e se ne vadano a..."

che idiota perchè io devo essere rappresentato da questo nano deficente
un grazie va a chi ha votato Berlusconi.

per non dimenticare un altra infelice uscita di ieri Gasparri
"Al Qaeda sarà contenta".

che bello adesso quando vado all estero dovro fare come gli americani che si figevano canadesi ..io andro in giro con la toppa della bandiera della Spagna ...:(

Khorne
06-11-2008, 21.33.36
Diaze, hai sbagliato il link per l'Italia!

Il paragone adatto tra le due canzoni si deve fare con la canzone seguente!

WXf-YbsSh0Y

DIAZE
06-11-2008, 21.44.59
E' vero!!

edito

:D

tomkk
06-11-2008, 21.59.20
beh , diaze, dipende dagli intepreti ..... anche un apippa di canzone come quella del silvio che c'è se suonata e cantata da dei professionisti può fare un effetto grandioso....:sisi:

YouTube - Menomale che silvio c'é cantata dai Bee hive (http://it.youtube.com/watch?v=Jflo6ZU8xWA)

stobbArt
06-11-2008, 22.15.26
Dipende, perché con un sistema diverso già la campagna elettorale è impostata in modo diverso, solo o prevalentemente sugli stati che contano. Cmq se così è allora tanto vale tagliare la testa al toro, modificare la legge o la costituzione ed impedire che in quelle occasioni in cui un candidato ha meno voti totali salga al potere, no? ;)


credo sia facile dirlo per chi non è inserito nel loro sistema, nessun americano vorrebbe che gli stati perdessero le caratteristiche che hanno



Appunto, è come ho detto io : uno stato viene definito federale sulla base di situazioni contingenti, anche se poi effettivamente magari non lo è.

non è proprio così, uno stato è federale se è necessaria la partecipazione delle regioni e dei loro rappresentanti per qualsiasi riforma di tipo costituzionale, ma mi sembra di averlo già scritto ;)



No, è per il presidente basta una sola circoscrizione nazionale, con due turni.
Per il parlamento invece l'ideale è un maggioritario a doppio turno, in cui ci sono ovviamente i collegi ed ogni cittadino vota per il suo collegio e basta.
Poi ognuno fa le sue scelte ma dipende quali sono gli obiettivi che si vogliono seguire con il sistema: secondo me in democrazia la regola che chi ha un voto in più vince non può MAI essere posta in discussione.


è sicuramente un sistema più democratico, ma è lontanissimo dai principi federali, dai principi su cui gli stati uniti sono nati: potrebbe essere un sistema migliore, ma nessuno stato federale per qualsiasi motivo accetterebbe una circiscrizione unica, sarebbe già difficile in uno stato accentrato.

Credo anche io che in democrazia deve essere sempre chi ha la maggioranza a governare, ma ogni stato è nato su principi e idee diverse, su situazioni diverse e queste non possono essere eliminate all'istante a favore di un sistema più democratico: magari è più democratico per chi guarda dall'esterno, ma ogni stato deve poter scegliere la forma di democrazia che ritiene più adatta alle sue esigenze, e secondo me proprio questa adattabilità è la bellezza della democrazia perchè chi sa adattarsi (entro certi limiti ovviamente) di solito vince :)

aplo
06-11-2008, 22.24.28
Sull'Air-Force-One lo fanno sedere dietro.
:asd:

ASDSADASDSDA so cascato dalla sedia :roll3:
Cmq non se smentisce mai truffolo, come ha saputo della "battuta" di Gasparri ha cercato subito di batterlo e a giudicare dai quotidiani c'è riuscito :D


Cya

3Deimos
06-11-2008, 23.20.04
Che incazzo. Come sempre abbiamo queste teste di cazzo al governo che ci fanno fare simili figuracce, poi ci chiediamo perchè gli italiani sono presi in giro dal resto del mondo, chissà come mai?

Mia moto
06-11-2008, 23.38.14
credo sia facile dirlo per chi non è inserito nel loro sistema, nessun americano vorrebbe che gli stati perdessero le caratteristiche che hanno

fossi americano - soprattutto se fossi abitante di uno stato dove vince da sempre lo stesso partito - avrei interesse a volere un sistema che metta sullo stesso piano tutti i voti. Poi sta a loro decidere, per carità, ma ho solo detto una cosa nel loro interesse :asd:





non è proprio così, uno stato è federale se è necessaria la partecipazione delle regioni e dei loro rappresentanti per qualsiasi riforma di tipo costituzionale, ma mi sembra di averlo già scritto ;)

Non è detto che intervengano per qualsiasi riforma costituzionale eh, le soluzioni adottate nella realtà sono molto diverse tra loro: partecipazione delle regioni stesse, o partecipazione solo della camera regionale e non delle regioni (tipo la germania), e della revisione è possibile che la partecipazione riguardi solo alcune parti della carta (segnatamente quelle che riguardano il riparto di competenze con lo stato centrale), restando l'impossibilità di modificare le altre (esempio austriaco).
Inoltre, quello della revisione è sì uno dei caratteri comuni agli stati federali, ma non è un carattere esclusivo agli stessi: vedi la spagna che pur non collocabile nel novero degli stati federali ha un senato delle autonomie locali che partecipa pure alla revisione della costituzione.

JGun83
06-11-2008, 23.43.27
ho sfogliato (virtualmente, sul web), le pagine dei quotidiani europei sulla vittoria di Obama.

Siamo gli unici ad insistere sulla parola "nero".


-_-'

vespino
06-11-2008, 23.51.37
Non se se ne avete gia dibattuto, ma stasera ad anno zero facevano vedere come obama mentre pronunciava il suo discorso era circondato di vetrate anti proiettile...e hanno intervistato il capo dell guppo nazista di cui facevano parte i due ragazzini che lo volevano uccidere, e diceva testuali parole " qualcuno lo farà fuori, nessuno vuole un presidente negro, Abbiamo ottimi cecchini"... cioè..non ho parole..

P.s Berlusconi comunque con la storia dell'abbronzato ha detto un'altra perla che si aggiunge alla sua lunga collana xD

DonAldrigo
07-11-2008, 00.43.52
Sarà che Obama non mi ha mai convinto, ma ritengo probabile che sarà un presidente deludente.
Magari restera molto popolare e verrà rieletto, ma (secondo me) il suo mandato non sarà incisivo come ci si aspetta.
Per varie ragioni.
Innanzi tutto intorno ad Obama si è creata una grandissima attesa (dentro e fuori gli usa), quando è così è facile che queste attese siano deluse perchè ci si aspetta sempre qualcosa in più.
Obama poi ha vinto una elezione gridando slogan come "we can", ma sul fare effettivo è rimasto spesso molto vago,al punto che si è capito poco in cosa debba consistere questo "change".
"Change" che da solo può voler dire tutto o niente.
Infine Obama ha un'esperienza politica molto limitata e questo non lo aiuterà di certo (soprattutto se si riempie l'amminitrazione di gente con molta più esperienza di lui).
Non vorrei che alla fin fine a comandare siano gli altri con lui a fare da facciata e l'unico vero change è che non c'è più Bush (cosa positiva ma che sarebbe avvenuta comunque).
In ogni caso il piano di salvataggio promosso da Bush qualche settimana fa ha (forse) cambiato le carte in tavola dell'economia americana, vedremo quello che succede.

aries
07-11-2008, 01.14.00
Dai ma abbattetelo, ma è mai possibile?
Ma quelli di destra non si son rotti il cazzo di dover difendere uno così?

Mister X
07-11-2008, 08.13.02
Siamo gli unici ad insistere sulla parola "nero".


Tanto noi intesi come nazione non abbiamo più alcuna dignità.
Credo che se un disastro climatico facesse scomparire la nostra penisola nessuno se ne accorgerebbe. :asd:

FALLEN_ANGEL_664
07-11-2008, 08.55.35
Ti sbagli: avrebbero meno di cui ridere.

Se sulla battuta sulla scarsa esperienza di Obama si poteva anche non ridere, su quella su Bin Laden non si poteva non storgere il naso (ma almeno non era del presidente del consiglio), davanti a quella sull'abbronzatura cascano le braccia. E davanti alle risposte alle proteste non si può che coprirsi la faccia per la vergogna. Avrebbe fatto meglio a starsene zitto ma sopratutto a scusarsi. L'opposizione per facilitare ciò avebbe potuto porla più su un invito evidenziando le potenzialità negative delle sue parole e non col solito tono; avrebbe facilitato le sue potenziali scuse (anche se improbabili). Ma non è certo colpa dell'opposizione se il carattere e il "sense f humor" del presidente del consiglio è quello che è.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

JGun83
07-11-2008, 09.02.43
Tanto noi intesi come nazione non abbiamo più alcuna dignità.
Credo che se un disastro climatico facesse scomparire la nostra penisola nessuno se ne accorgerebbe. :asd:

speriamo cazzo, per me sarebbero soldi a palate!


:D :D :D

bejita
07-11-2008, 10.20.37
speriamo cazzo, per me sarebbero soldi a palate!


:D :D :D

nei film di emmerich non fanno mai vedere che lo scienziatone di turno che salva il mondo viene poi pagato :asd:

Eurypotter
07-11-2008, 10.44.53
Pare che Il Berlusca abbia provato a telefonare a Obama per chiarire e questi si sia rifiutato di rispondere :asd:

"Non cambierà nulla nei nostri reapporti con l'America" [cit.]

funker
07-11-2008, 11.13.03
...
E io che ancora mi stupisco.

stobbArt
07-11-2008, 11.21.26
Non è detto che intervengano per qualsiasi riforma costituzionale eh, le soluzioni adottate nella realtà sono molto diverse tra loro: partecipazione delle regioni stesse, o partecipazione solo della camera regionale e non delle regioni (tipo la germania), e della revisione è possibile che la partecipazione riguardi solo alcune parti della carta (segnatamente quelle che riguardano il riparto di competenze con lo stato centrale), restando l'impossibilità di modificare le altre (esempio austriaco).
Inoltre, quello della revisione è sì uno dei caratteri comuni agli stati federali, ma non è un carattere esclusivo agli stessi: vedi la spagna che pur non collocabile nel novero degli stati federali ha un senato delle autonomie locali che partecipa pure alla revisione della costituzione.

io intendevo solo le parti della carta che si possono modificare: in qualsiasi stato (democratico meno) una modifica radicale della costituzione non è attuabile, nel caso viene scritta una costituzione nuova. Addirittura la svizzera ha adottato una nuova costituzione solo per dare un po' di ordine a quel caos incomprensibile che era quella vecchia ( e che è anche quella nuova a parte forse il fatto che è più ordinata :asd:), ma le parti modificabili devono esserlo con la partecipazione delle regioni/di una camera regionale.

La spagna non è uno stato federale perchè non tutte le regioni hanno le stesse competenze: alcune sono molto autonome, altre molto meno quindi non si può assolutamente parlare di stato federale :)

stan
07-11-2008, 11.22.56
Sarà che Obama non mi ha mai convinto, ma ritengo probabile che sarà un presidente deludente.
Magari restera molto popolare e verrà rieletto, ma (secondo me) il suo mandato non sarà incisivo come ci si aspetta.
Per varie ragioni.
Innanzi tutto intorno ad Obama si è creata una grandissima attesa (dentro e fuori gli usa), quando è così è facile che queste attese siano deluse perchè ci si aspetta sempre qualcosa in più.
Obama poi ha vinto una elezione gridando slogan come "we can", ma sul fare effettivo è rimasto spesso molto vago,al punto che si è capito poco in cosa debba consistere questo "change".
"Change" che da solo può voler dire tutto o niente.
Infine Obama ha un'esperienza politica molto limitata e questo non lo aiuterà di certo (soprattutto se si riempie l'amminitrazione di gente con molta più esperienza di lui).
Non vorrei che alla fin fine a comandare siano gli altri con lui a fare da facciata e l'unico vero change è che non c'è più Bush (cosa positiva ma che sarebbe avvenuta comunque).
In ogni caso il piano di salvataggio promosso da Bush qualche settimana fa ha (forse) cambiato le carte in tavola dell'economia americana, vedremo quello che succede.

E' vero che con le aspettative che si sono create Obama può fare grandi cose oppure un tonfo incredibile, ma è proprio da queste aspettative che bisogna partire. Il fattore psicologico in una popolazione conta veramente tanto, senza oltretutto contare che influenza pure i mercati...
In quanto all'esperienza politica, il fatto che si formi un esecutivo che nel complesso ha più esperienza di lui non vedo come possa fare danno, anzi, esperienza e pluralità gli garantirebbero voci diverse che gli aprirebbero più strade in eventuali risoluzioni. Oltretutto, ti chiedi se Obama sia facilmente influenzabile...sinceramente Bush mi è sempre sembrato uno che a malapena è in grado di allacciarsi le scarpe. :)

aries
07-11-2008, 11.29.49
consiglio la lettura :D
Dai «cinesi bolliti» alle corna Le battute di Silvio l'Incompreso - Corriere della Sera (http://www.corriere.it/politica/08_novembre_07/battute_incompreso_berlusconi_obama_stella_5a41801 2-ac96-11dd-8da9-00144f02aabc.shtml)

funker
07-11-2008, 11.35.12
Pura follia usare come metro di paragone le aspettative del popolo americano, se non di quello europeo e mondiale in genere, per il giudizio del mandato di Obama. Non sono parametri concreti, sono semplici speranze (troppe volte utopistiche), quindi nulla di reale su cui basare serie valutazioni.

DonAldrigo
07-11-2008, 11.36.48
E' vero che con le aspettative che si sono create Obama può fare grandi cose oppure un tonfo incredibile, ma è proprio da queste aspettative che bisogna partire. Il fattore psicologico in una popolazione conta veramente tanto, senza oltretutto contare che influenza pure i mercati...
In quanto all'esperienza politica, il fatto che si formi un esecutivo che nel complesso ha più esperienza di lui non vedo come possa fare danno, anzi, esperienza e pluralità gli garantirebbero voci diverse che gli aprirebbero più strade in eventuali risoluzioni. Oltretutto, ti chiedi se Obama sia facilmente influenzabile...sinceramente Bush mi è sempre sembrato uno che a malapena è in grado di allacciarsi le scarpe. :)

Forse neanche quello.
Bush è sempre stato un pessimo.
Pessimo uomo d'affari, pessimo presidente, pessimo oratore (l'unica cosa di lui di cui forse gli americani sentiranno la mancanza sono i suoi strafalcioni).
Non so come era come governatore del texas, ma se è arrivato dove è lo deve solo agli altri (papà e amici di papà in primis) non certo alle sue qualità di leader.

Pratti
07-11-2008, 11.38.27
Se non fosse un riferimento al colore della sua pelle, e dunque alla sua razza, non farebbe ridere e non avrebbe senso.
Per Berlusconi l'elemento più importante di Obama è che è un nero e ci ride sopra.
Aggiungo anche alla base di tutto c'è il suo ego smisurato.
Non sopporta l'attenzione mondiale per uno che, nella sua testa gli è razzialmente inferiore perchè "l'è un negher".
E dunque si vendica con una battuta velenosa.
Tutto semplicemente qua.
Prendiamo atto che abbiamo votato per un razzista, per di più incapace di trattenersi come dovrebbe saper fare uno statista.
Del resto uno che proclama "eroe" un condannato per mafia come il suo "stalliere" Mangano cosa aspettarsi ?
Barzellettiere era sulle navi da crociera, e barzellettiere è rimasto.
Questo abbiamo voluto e questo ci meritiamo.
Un vanesio cabarettista di quart'ordine.



P.s. Una domanda per Obama: ci invadete spontaneamente o dobbiamo proprio rifarlo tutto il fascismo?

Eurypotter
07-11-2008, 11.55.48
PeaceReporter - "Obama abbronzato": la frase di Berlusconi fa il giro del mondo e lui non chiama l'Italia (http://it.peacereporter.net/articolo/12667/%22Obama+abbronzato%22:+la+frase+di+Berlusconi+fa+ il+giro+del+mondo+e+lui+non+chiama+l%27Italia)

Ecco l'articolo riguardo quel che dicevo prima.

Eowyn.
07-11-2008, 11.56.06
Scherzi a parte: ma che cazzo, non puoi sempre fare così, uffa. E al tal incontro fai le corna nella foto, e al tal altro tocchi il culo alle operaie, e al tizio gli dai del negretto, e a quello ancora dello sturmtruppen, minchia, sembra di stare all'asilo. Ok, sei il simpaticone della classe, capito: però forse non gli hanno spiegato che i simpaticoni della classe prima o poi qualcuno (sicuramente privo di senso dell'umorismo, yeah) li riempie pure di botte. Già me lo vedo a lanciare raudi alle spalle di un nord-coreano o iraniano e poi girare il dito in aria stile schiaffo del soldato.
*****

hellspawn85
07-11-2008, 12.02.02
a me non è sembrata una battuta di cattivo gusto, nè antisemita... secondo me si stà ricamando un pò troppo su questa cosa... lo sappiamo tutti che tipo è il cavaliere, è un pò un brillante niente di più...

bho, magari poi mi sbaglio e non sò leggere la frase tra le righe, ma nel dire che uno è abbronzato non ci vedo nulla di male

destino
07-11-2008, 12.06.31
a me non è sembrata una battuta di cattivo gusto, nè antisemita... secondo me si stà ricamando un pò troppo su questa cosa... lo sappiamo tutti che tipo è il cavaliere, è un pò un brillante niente di più...

bho, magari poi mi sbaglio e non sò leggere la frase tra le righe, ma nel dire che uno è abbronzato non ci vedo nulla di male

no, fidati, ha ampiamente cacato fuori dal vaso.

Dare dell'abbronzato ad una persona di colore è velato razzismo

Ape_Africanizzata
07-11-2008, 12.20.17
E se avesse volutamente citato il Calderoli di un paio di anni fa? ( Aveva dato dell' abbronzata a una giornalista palestinese de La7) Anche se la figura di merda planetaria rimane, in questo caso sarebbe un colpo di genio:D

hellspawn85
07-11-2008, 12.20.20
anche se fosse, io ho una teoria riguardo il razzismo:

secondo me tutti sono razzisti... i bianchi verso i neri e viceversa , e tutti verso i gialli :asd:


p.s.


E se avesse volutamente citato il Calderoli di un paio di anni fa? ( Aveva dato dell' abbronzata a una giornalista palestinese de La7) Anche se la figura di merda planetaria rimane, in questo caso sarebbe un colpo di genio:D




ci avevo pensato anch'io :look:

aries
07-11-2008, 12.21.52
Hellspawn, non si dubita delle intenzioni. Io stesso non credo sia stato detto con "razzismo". Però da Presidente del Consiglio non puoi permetterti uscite simili. Ma non se ne può star buono come tutti gli altri? Se il suo obiettivo è fare il simpatico... lo sarebbe molto di più standosene zitto.

MaGiKLauDe
07-11-2008, 12.53.43
Non c'è niente di male se salta fuori tra me e te a cazzeggio. Ma in un meeting uffiaciale, uscirsene con una presa per il culo di uno con cui non hai mai avuto il piacere di scambaire nemmeno due parole, sai, magari da un po' fastidio all'interessato. :asd:

zombie_chicken
07-11-2008, 13.21.07
la frase non è stata probabilmente pronunciata con intenti offensivi, ma davvero: 0bama mobilita una nazione e riesce a diventare il primo presidente nero degli stati uniti e berluscon1 il giorno dopo lo definisce "abbronzato", tra l'altro sostenendo di avergli fatto una carineria, un complimento. o è idiota, o completamente in malafede.
se poi è vero che per le stesse parole si dovette già scusare a nome di calderoli con la giornalista di la7, la cosa diventa ancora più grave.

berlusc0ni continua a fare gaffe perchè è il suo modo di concepire il mondo, è uno dei tanti pezzi di merda che hanno raggiunto la ricchezza e il potere e che credono che questo li metta al di sopra della della legge, dell'educazione, del buon gusto, e purtroppo ciò è reso possibile dai tanti nostri concittadini il cui "hope" continua ad essere proprio questo, mica 0bama.

Di0
07-11-2008, 13.22.00
Non c'è niente di male se salta fuori tra me e te a cazzeggio. Ma in un meeting uffiaciale, uscirsene con una presa per il culo di uno con cui non hai mai avuto il piacere di scambaire nemmeno due parole, sai, magari da un po' fastidio all'interessato. :asd:

Il problema è che, tra me e te al cazzeggio, possiamo pure uscircene dicendo che è uno sporco negro, nessuna relazione internazionale tra la più grande potenza del mondo e l'italia verrà messa in imbarazzo per questo.
Berlusconi ha manie di grandezza e onnipotenza (sai che scoperta) e quindi crede che siano tutti suoi amici, a cui può rivolgersi come farebbe al tavolo del Pub e che pendano dalle sua labbra e non vogliano altro che le sue "carinerie". In poche parole, il pagliaccio della classe, come diceva Mischa. Ed il nostro premier. Beà roba.

aries
07-11-2008, 13.27.16
ma cosa vuoi capire
l'ha detto in un contesto ironico
e voi subito contro
tutti falsi moralisti

Niente, oramai può dire o fare qualsiasi, la base di supporter italiani non lo tradirà mai.

Mia moto
07-11-2008, 13.37.17
La spagna non è uno stato federale perchè non tutte le regioni hanno le stesse competenze: alcune sono molto autonome, altre molto meno quindi non si può assolutamente parlare di stato federale :)

Appunto, ma quindi vedi che il discorso sulla revisione non costituisce il carattere che permette di distinguere stati federali e non. Gli aspetti da tenere in considerazione sono vari ;)

ROLF
07-11-2008, 14.47.40
Il problema è che come scritto su repubblica, è una frase da razzista inconsapevole, da italianuccio con una visione ristrettissima del mondo. E' forse la peggior forma di razzismo possibile. A volte mi stupisco veramente di quanto riesca ad essere idiota.

Di0
07-11-2008, 16.04.03
«Perché c'è qualcuno che ha obiettato? Uno può sempre prendere la laurea del coglione quando vuole. Se uno vuole prendere una laurea pubblica ogni occasione è buona. Io - ha concluso il premier - mi sono veramente rotto e dico quello che penso».

Ma sta completamente dando di matto? :roll3:

Differenzio
07-11-2008, 16.05.56
Visto che si parla di "carinerie" il berlusca puo' dire che lui essendo nano c'e' l'ha piu lungo di Obama...

Elendil_1
07-11-2008, 16.30.22
Ma sta completamente dando di matto? :roll3:

Uh, "sta"? Perchè, cosa c'è di nuovo? E' da anni che si esprime così, che dà dei coglioni e degli imbecilli agli altri e che dice di essere il messia. Quindi, o lo consideri matto da prima, o ritieni che siano cose normali da dirsi.
Su chi lo ha criticato (ovvero TUTTO IL MONDO) ha detto:


pensavamo ci fossero tanti imbecilli in circolazione. Quello che non immaginavamo è che fossero così imbecilli da autodichiarsi, da autocertificarsi pubblicamente. Lo hanno fatto. Li conoscevamo già, ma non pensavamo fossero così imbecilli".

Ape_Africanizzata
07-11-2008, 16.31.35
Secondo me lo headshottano. E sarebbe anche l' ora

funker
07-11-2008, 16.35.22
Niente può accadere se non c'è opposizione.

Man.Erg
07-11-2008, 16.42.51
grande silvio
diglielo a quel negro!

zombie_chicken
07-11-2008, 16.52.08
Uh, "sta"? Perchè, cosa c'è di nuovo? E' da anni che si esprime così, che dà dei coglioni e degli imbecilli agli altri e che dice di essere il messia. Quindi, o lo consideri matto da prima, o ritieni che siano cose normali da dirsi.


no dai sta volta è sbroccato proprio di brutto superando se stesso, secondo me ci è rimasto davvero malissimo per aver sputtanato da subito i suoi futuri rapporti con l'uomo più potente del mondo, e la cosa mi fa lollare moltissimo (anche perchè me lo immagino tipo così (http://www.southparkstudios.com/clips/188251/)).

Mischa
07-11-2008, 17.07.39
Secondo me lo headshottano. E sarebbe anche l' oraMi spiace ripetermi cassandristicamente, ma sai com'è, prima citavi dichiarazioni di Calderoli cui potrebbe essersi "genialmente" ispirato il nostro prodotto (sicuramente interno, e sicuramente lordo) più esportato: vien solo da far notare che il Calderoli in questione con una spiritosissima maglietta tirata fuori in un momento opportuno, ha provocato (certo, involontariamente, in quanto malinterpretato) la morte di una decina di persone, il ferimento di qualche altra decina, la devastazione di un consolato, oltre che un incidente diplomatico di quelli non proprio leggeri, ma non mi sembra che qualcuno gli abbia ancora torto un capello. Quindi se anche il nostro pdc* (sicuramente molto più esperto di un semplice ministro ed ex vicepresidente del senato nella sublime arte del cabaret scorreggione alla bombolo o alvaro vitali - senza offesa verso questi ultimi due) si lancia in qualche esternazione simpatica e complimenti carini, dubito che qualcuno lo headshotterà: al massimo, ci lascerà le penne un qualche povero cristo che non c'entra una sega :D

* Pagliaccio della classe.

funker
07-11-2008, 17.15.18
Questo che viviamo è un gran momento. Potrebbero affondare il "fenomeno Berlusconi" (perché non so come altro definire questi ultimi 14 allucinanti anni di politica italiana) così facilmente che di fronte alle moscie dichiarazioni dell'opposizione posso solo restare in stand-by con la bavetta alla bocca come Andreotti. "Chieda scusa" dicono. Come direbbe la maestrina senza polso al bulletto delle elementari. Come se il suo ruolo fosse giusto quello, il bulletto in una classe di ritardati. Un presidente del consiglio non può avere un atteggiamento simile, o meglio, può anche averlo ma non esiste che tutto il restante mondo politico lo lasci fare tranquillamente. Non sta né in cielo né in terra che, oltre alle allucinanti dichiarazioni di contorno alla faccenda Obama (come ad esempio quelle sui fondi pubblici per la scuola privata cattolica), dia dell'imbecille a chiunque abbia il buon senso di criticarlo. Come i cittadini della nazione che governa ad esempio. Queste ultime uscite sono troppo, ma veramente troppo, anche per uno del suo calibro (e ci ha abituato veramente bene devo dire).

E nessun fottuto politico che insorga (forse l'unico sarà mr. scia chimica, l'uomo più ininfluente dell'intero parlamento). C'è di mezzo il rapporto con la nazione più importante del pianeta e nessuno che dica un cazzo di minimamente utile o rispettoso verso questo sempre più basito popolo italiano.



La bestia soffre visibilmente.
Datemi un fucile e porrò fine al patimento, vi prego.

zombie_chicken
07-11-2008, 17.27.09
al massimo, ci lascerà le penne un qualche povero cristo che non c'entra una sega.

ma anche senza ammazzare nessuno, quando la francia si oppose alla guerra in iraq la stampa statunitense mise in piedi un'operazione di boicottaggio dei prodotti francesi che fece tremare non poche persone a parigi, con la nostra forte industria ci possiamo proprio permettere di rompere le palle agli usa.
che poi berlusc0ni la sua nomea di idiota se l'è fatta e vabbè, ma se la stampa usa volesse romperci le palle ed iniziare a ipotizzare che, tra le uscite di berlusc0ni e gasparr1, il governo italiano non riconosce l'autorità del nuovo governo americano, si rischia davvero di fare un gran casino.

zombie_chicken
07-11-2008, 17.30.43
E nessun fottuto politico che insorga (forse l'unico sarà mr. scia chimica, l'uomo più ininfluente dell'intero parlamento). C'è di mezzo il rapporto con la nazione più importante del pianeta e nessuno che dica un cazzo di minimamente utile o rispettoso verso questo sempre più basito popolo italiano.


http://www.repubblica.it/2006/05/gallerie/esteri/manifesti-gaspar/agf143312510711163632_big.jpg

Di0
07-11-2008, 17.34.40
ma anche senza ammazzare nessuno, quando la francia si oppose alla guerra in iraq la stampa statunitense mise in piedi un'operazione di boicottaggio dei prodotti francesi che fece tremare non poche persone a parigi, con la nostra forte industria ci possiamo proprio permettere di rompere le palle agli usa.
che poi berlusc0ni la sua nomea di idiota se l'è fatta e vabbè, ma se la stampa usa volesse romperci le palle ed iniziare a ipotizzare che, tra le uscite di berlusc0ni e gasparr1, il governo italiano non riconosce l'autorità del nuovo governo americano, si rischia davvero di fare un gran casino.

Diciamo di sì, che saremmo in un mucchio di merda, io per primo, col lavoro per il quale sto studiando.
D'altra parte, è Obama, Yes we can, hope e tutto il resto.
Per quanto sia probabilmente il peggior figlio di puttana che siederà nello studio ovale da un bel po' di tempo a questa parte (per fortuna degli stati uniti, che ne hanno bisogno), non può certo nemmeno lui iniziare subito partendo con una bella campagna di boicottaggio solo perché gli hanno dato dell'abbronzato. Anche se sarebbe una perla.
:asd:

Mischa
07-11-2008, 17.35.00
ma anche senza ammazzare nessuno, quando la francia si oppose alla guerra in iraq la stampa statunitense mise in piedi un'operazione di boicottaggio dei prodotti francesi che fece tremare non poche persone a parigi, con la nostra forte industria ci possiamo proprio permettere di rompere le palle agli usa.
che poi berlusc0ni la sua nomea di idiota se l'è fatta e vabbè, ma se la stampa usa volesse romperci le palle ed iniziare a ipotizzare che, tra le uscite di berlusc0ni e gasparr1, il governo italiano non riconosce l'autorità del nuovo governo americano, si rischia davvero di fare un gran casino.Sì, il "lasciarci le penne" è da intendersi in senso anche (perché comunque, dubito siano pochi i lavoratori italiani all'estero in zone calde che magari la rischiano in prima persona, sai com'è) lato. Esempio banale: pochi giorni fa Motorola, qui a Torino, dove aveva uno stabilimento di sviluppo non male nel technopark, ha chiuso i battenti, licenziato in tronco 500 e passa persone, e saluti e baci, chi si è visto si è visto. Poi sicuramente le cause sono nel crollo delle banche americane, dubito proprio che dipenda dal fatto che ovunque altrove, anche in Europa, possa accedere a tassazione agevolata, manodopera professionale di pari livello a costo inferiore, meno rotture di cazzo burocratiche, etc., e dubito che ciò dipenda da leggi, norme, regole, etc. again, stabilite negli ultimi 7-8 anni, visto che avevano aperto giusto sei anni fa :asd:

funker
07-11-2008, 17.40.25
http://www.repubblica.it/2006/05/gallerie/esteri/manifesti-gaspar/agf143312510711163632_big.jpg
Ah bòn, il media più funzionale della storia, allora siamo a posto. :asd:

Faustroll
07-11-2008, 17.50.35
Berlusconi si è sempre comportato come se i rapporti tra gli stati siano determinati dall'amicizia o l'antipatia che c'è tra i rispettivi capi dei governi. Ovviamente non è così e non ha senso per noi disperarci come se lo fosse ogni volta che ne fa un delle sue (al massimo ci facciamo una figura di merda).

Questo suo modo di considerare la politica estera semmai è un problema non indifferente per il "sistema italia": le sue visite sono concepite quasi come un andare a trovare un amico o conoscere nuove persone e non un promuovere i rapporti commerciali tra i paesi, appianare eventuali diatribe (e ci sono sempre), favorire alleanze tra i gruppi italiani e i gruppo esteri.

I cinesi hanno lamentato che nella recente visita di Berlusconi il normale codazzo di sottosegretari e rappresentati dell'industria italiana sia stato ben al di sotto del normale, soprattutto se raffrontato all'esercito che Prodi si portò dietro (nel cui governo, nello stesso tempo e ipocritamente, si parlava di diritti umani da rispettare come condizione per più strette relazioni economiche, sic).

P.S. Tornando proprio dalla Cina Berlusconi si è fermato in visita nel Kazakhstan, ha fatto amicizia con il presidente attuale (un ex comunista presidente sin dal 1991) e in un suo recente discorso presso la confcommercio si è trasformato in promoter turistico: "Andate tutti in vacanza in Kazakhstan: lì c’è un signore che è mio amico, non a caso ha il 91% dei voti e ha fatto cose straordinarie".
Se si pensa che il potere del presidente del Kazakhstan è tale che ha fatto votare un emendamento che permetta a lui e solo a lui d'essere rieletto quante volte vuole alla presidenza del paese si capisce da dove viene, forse, parte della sua ammirazione. :rolleyes:

Ape_Africanizzata
07-11-2008, 17.58.59
Stavo pensando che alla prossima dichiarazione di Obama potrebbe, rimanendo in tema, citare il padre di Derek Vinyard in American History X ( bonifico bancario diretto per chi coglie la frase)

Mischa
07-11-2008, 18.04.38
bonifico bancario diretto per chi coglie la fraseSorry, visto che una delle prime cose fatte dal governo attuale è stata abolire la stupida e iniqua norma che faceva sì che i liberi professionisti fossero costretti a rendere visibili le transazioni oltre determinati importi, appunto tramite bonifici e simili altri metodi di pagamento tracciabili, dubito che qualcuno possa essere interessato a mettersi in lizza: contanti, plz, e possibilmente sotto banco: rispetta la legge, altrimenti non se ne fa nulla :D

aplo
07-11-2008, 18.07.37
Cmq a mio avviso una premessa sulle uscite di Berlusconi va fatta, in questi casi si tende un po troppo a chiedere che si scusi come a voler dire è stato uno scivolone una gaf ecc ecc ecc.
Ecco secondo me invece non è così, lo ha ribadito anche questa mattina "dico quello che penso" sono state queste le sue parole e non è che lo dice ora perchè "gli imbecilli lo hanno stufato" lo ha sempre fatto, lui ha fatto la battuta sul presidente abbronzato perchè per lui Obama E' UN NEGRO uno di quelli delle barzellette , quelli degli sfottò al Bar , il Neger uno di quelli "che sbarcano" il pischello di turno che abbisogna dei suoi consigli .
Non ci arriva il nano di Arcore che l'Americano a lui e a quelli come lui gli fa il culo 100 volte, non ha capito ancora che L'Italia non è NE L'America, NE un Azienda, quando lo capirà sarà forse troppo tardi... per noi ovvio lui avrà già pronta la super villa fatta a immagine e somiglianza di Arcore in qualche altra parte del mondo.

Cya

MarcoLaBestia
07-11-2008, 18.10.29
il barzellettiere è tornato :roll3:


il mondo si sganascia dalle risate, e l'Italia..... accresce la sua posizione politica di zimbello.

Di0
07-11-2008, 18.43.39
BRUXELLES - Le dichiarazioni di Silvio Berlusconi su Barack Obama («è bello, giovane e abbronzato») sono state al centro di un vivace botta e risposta tra il premier italiano e un reporter americano. Nel corso della conferenza stampa del vertice Ue, un giornalista dell'agenzia di stampa americana Bloomberg ha domandato al capo del governo italiano perché non chiedesse scusa al presidente eletto, Barack Obama per le dichiarazioni fatte da Mosca. «Presidente, chiederà scusa a Obama?». «Ma per favore, per favore, chiedi piuttosto scusa tu all'Italia», è stata la replica.

«PER FAVORE, PER FAVORE... » - Alla fine della conferenza stampa di Bruxelles il giornalista americano di Bloomberg ha chiesto con insistenza a Silvio Berlusconi se non fosse il caso di chiedere scusa agli americani per la sua battuta su Obama. Il presidente del Consiglio ha prima replicato con calma: «Vedo che anche tu ti sei messo nella lista di quelli che ho detto ieri...». Quindi, al giornalista che ripeteva la domanda, ha aggiunto alzandosi e lasciando la sala: «Ma per favore, per favore chiedi scusa tu all'Italia...non c'è il senso del ridicolo». Berlusconi si è poi allontanato per fare rientro in Italia.
(fonte) (http://www.corriere.it/politica/08_novembre_07/berlusconi_reporter_usa_db1c40d6-acec-11dd-8da9-00144f02aabc.shtml)

Fermatelo!
Internatelo, fate qualcosa, cazzo! :roll3:

Eurypotter
07-11-2008, 18.45.32
Ma sta completamente dando di matto? :roll3:

A occhio e croce si:


Bruxelles - Berlusconi abbandona la conferenza stampa a Bruxelles indispettito da un reporter americano che gli domandava un commento sulle reazioni internazionali suscitate dalle affermazioni sul presidente Obama "abbronzato". "Vuoi anche tu essere messo nella lista di quelli che ho definito ieri?", replica il premier facendo riferimento agli "imbecilli" che avevano sollevato dure critiche alle sue affermazioni pronunciate ieri a Mosca durante l'incontro con il presidente Medvedev. "Mi scusi", ha protestato il giornalista dell'agenzia di stampa americana Bloomberg. "Ma per favore, per favore. Chiedi scusa tu all'Italia", ha ribattuto Berlusconi lasciando la sala gremita di reporter convocati a margine del Consiglio europeo.

Di0
07-11-2008, 18.46.01
Leeeeeento. :asd:

Eurypotter
07-11-2008, 18.50.42
Leeeeeento. :asd:

Non vale, mi hai bruciato di due secondi :Prrr:

Aggiungo l'articolo del giornalista che si è portato a casa in saccoccia l'"imbecille": Bloomberg.com: News (http://www.bloomberg.com/apps/news?pid=newsarchive&sid=aL1Ob2HVaZSA)

Mia moto
07-11-2008, 18.55.53
Cmq a mio avviso una premessa sulle uscite di Berlusconi va fatta, in questi casi si tende un po troppo a chiedere che si scusi come a voler dire è stato uno scivolone una gaf ecc ecc ecc.
Ecco secondo me invece non è così, lo ha ribadito anche questa mattina "dico quello che penso" sono state queste le sue parole e non è che lo dice ora perchè "gli imbecilli lo hanno stufato" lo ha sempre fatto, lui ha fatto la battuta sul presidente abbronzato perchè per lui Obama E' UN NEGRO uno di quelli delle barzellette , quelli degli sfottò al Bar , il Neger uno di quelli "che sbarcano" il pischello di turno che abbisogna dei suoi consigli .
Non ci arriva il nano di Arcore che l'Americano a lui e a quelli come lui gli fa il culo 100 volte, non ha capito ancora che L'Italia non è NE L'America, NE un Azienda, quando lo capirà sarà forse troppo tardi... per noi ovvio lui avrà già pronta la super villa fatta a immagine e somiglianza di Arcore in qualche altra parte del mondo.

Cya

Più che altro sta gestendo malissimo la cosa.
Hai fatto lo scivolone, bon, ingoia il rospo e scusati, non tenere la posizione dato che sei in torto marcio.
Per me un paese se tiene davvero la linea giusta può anche far incazzare la nazione potente al mondo e farsi boicottare i prodotti. Questa invece è una gaffe di cattivo gusto che lui stesso sta ingigantendo per non far vedere che si vuol scusare (se ricordate è successo altre volte anche con altri paesi, mai scuse ufficiali ma solo chiarimenti privati ed ex post... Così come non si è mai sognato di telefonare a chi lo ha sconfitto alle elezioni ;) ) Il bello è che Obama sembra non volergliela far passare così tanto liscia, son curioso di vedere che succede

aries
07-11-2008, 19.02.13
Non può continuare così dai...

Mischa
07-11-2008, 19.05.44
Mboh, magari quintali di botulino, se uniti a un eventuale abuso di cocaina, mandano in palla i pacemaker e alterano l'afflusso di sangue al cervello: non c'è da incazzarsi, piuttosto da preoccuparsi e compatire. Urge TSO, ma non per il bene del paese: suo. E' proprio in questi momenti che dovremmo dimostrare la nostra unità, solidarietà e valore come stato, a prescindere da chi ne possa usufruire :D

aplo
07-11-2008, 19.07.06
Ma che poi che cazzo di risposta è "chiedi scusa tu all' Italia " ????
Ma tra le irresistibili tentazioni di Mosca non è che si è fiondato dentro qualche mucchio di "neve" ed ha inspirato a pieni polmoni ? Bah....
Manco piu i smile mi vien da mettere.


Cya

Di0
07-11-2008, 19.07.35
O ha deciso che, prima di morire, vuole essere ricordato come l'uomo che ha scatenato la terza guerra mondiale. :asd:

vespino
07-11-2008, 19.21.44
No gente accoppiamolo...qui non si può essere ne di destra ne di sinistra..questo è proprio cretino!

Mischa
07-11-2008, 20.15.50
accoppiamolo...Ancora? Mi pare che a riprodursi abbia già pensato abbondantemente da solo :asd:

Squizzo
07-11-2008, 20.39.49
cmq è bellissimo che cerchi di far credere che è solo il pd a far polemica, quando invece è perculato e sputtanato in modo planetario :asd:

Sgt.Napalm
07-11-2008, 22.30.05
Non può continuare così dai...

certo che puo' continuare.
berlusconi ha tutti i soldi del mondo, ma intellettualmente e' un poveretto.
figuriamoci se ammette di essersi sbagliato.
se cadesse in una cisterna d'acido e si alvasse la vita, il giorno dopo dichiarerebbe di averlo fatto apposta, per vedere se faceva male.

Shagrath_Infernus
07-11-2008, 22.52.34
Finchè la maggior parte degli italiani gli sono dietro, non vedo perchè dovrebbe sforzarsi, anche minimamente, a controllarsi.

DIAZE
07-11-2008, 23.00.25
Ragazzi scusate, parliamo delle elezioni sennò finisce come sempre.
Il Berlusca lo conosciamo, tra l'altro oggi ha definito Obama come il "messia"...:asd:
Non sarebbe più finita credetemi.

Khorne
08-11-2008, 01.34.25
Fa niente se punto il dito e rido fortissimo? :asd::asd: