PDA

Visualizza versione completa : Giudice Popolare?



lady_winc
28-05-2007, 18.14.44
Oggi mi è piovuta giù dal cielo una simpatica lettera da parte del mio comune affermante che

"la S.V. è stata inclusa nell'elenco preparatorio per la revisione all'albo dei GIUDICI POPOLARI di CORTE D'ASSISE e CORTE D'ASSISE D'APPELLO, risultando Ella in possesso dei prescritti requisiti.

Pertanto, al fine di perfezionare l'iscrizione nell'Albo predetto, la prego di fornire le necessarie informazioni utilizzando l'allegato modello e blablabla"

più sotto, in stampatello, campeggia l'inquietante scritta

"L'UFFICIO DI GIUDICE POPOLARE E' OBBLIGATORIO PER LEGGE PER LE PERSONE AVENTI I REQUISITI PRESCRITTI"

Ho fatto qualche ricerca in internet senza trovare niente di particolarmente interessante, e di sicuro appena possibile farò un giro all'ufficio elettorale del mio comune a chiedere chiarimenti... nel frattempo qualcuno di voi ne sa qualcosa di più? Quali sono i compiti di un giudice popolare, ad esempio, o quanto impegno richiede, o quanto si viene pagati... ma soprattutto... sono costretta a farlo?

e dato tutto questo, e ammesso il caso che si possa scegliere (come spero che sia) voi accettereste di farlo?

Antimatter
28-05-2007, 18.21.21
Art. 34.

Sanzioni per omessa presentazione

Il giudice popolare che, chiamato a prestare servizio, non si presenta senza giustificato motivo, può essere condannato, con decreto motivato, dal presidente della corte di assise o della corte di assise di appello al pagamento di una somma da lire cinquemila a trentamila a favore della cassa delle ammende, e alle spese dell'eventuale sospensione o del rinvio del dibattimento cagionato dalla sua assenza, senza pregiudizio delle più gravi sanzioni stabilite dalla legge nel caso che il fatto da lui commesso costituisca reato.

Il decreto può essere revocato dallo stesso presidente qualora il condannato, entro quindici giorni dalla notificazione, dimostri di essersi trovato nella impossibilità di presentarsi.

GIUDICI POPOLARI
Sono cittadini chiamati a comporre la Corte di Assise o la Corte di Assise di Appello insieme ai giudici togati. I loro nominativi sono estratti a sorte da apposite liste comunali. La nomina a giudice popolare è subordinata ad alcuni requisiti necessari: la cittadinanza italiana, l'età compresa tra i 30 e i 65 anni, il godimento dei diritti civili e politici, la buona condotta morale, la licenza di Scuola Media Inferiore (per la Corte di Assise), licenza di Scuola Media Superiore (per la Corte di Assise di Appello). Sono esclusi magistrati e funzionari in servizio all'ordine giudiziario, gli appartenenti alle Forze Armate e alla Polizia, membri di culto e religiosi di ogni ordine e congregazione.

billygoat
28-05-2007, 18.25.14
quando scopri qualcosa facci sapere 2 cose:
1. pagano?
2. (subordinata alla prima) che requisiti ci vogliono?

:D

Antimatter
28-05-2007, 18.26.34
Ci vuole la "buona condotta morale" tra i requisiti billy, mi dispiace per te :D

Alceo
28-05-2007, 18.27.16
Se ricordo bene sei obbligata a iscriverti al registro dei "papabili"; lo hanno fatto d'ufficio e ora ti chiedono informazioni per completare la tua scheda.


Art. 34.

Sanzioni per omessa presentazione

Il giudice popolare che, chiamato a prestare servizio, non si presenta senza giustificato motivo, può essere condannato, con decreto motivato, dal presidente della corte di assise o della corte di assise di appello al pagamento di una somma da lire cinquemila a trentamila a favore della cassa delle ammende, e alle spese dell'eventuale sospensione o del rinvio del dibattimento cagionato dalla sua assenza, senza pregiudizio delle più gravi sanzioni stabilite dalla legge nel caso che il fatto da lui commesso costituisca reato.

Ma lei non è ancora giudice popolare. Si parla solo di iscrizione all'elenco.

Antimatter
28-05-2007, 18.27.39
Convocazione come giudice popolare: ci si può rifiutare?
Marco ci ha segnalato di avere ricevuto, lo scorso settembre, una convocazione presso l'aula della Corte di Assise di Appelllo di Bologna.
La convocazione serviva per nominare, scegliendole tra un gruppo di 30 candidati, le 10 persone che avrebbero dovuto svolgere la funzione di giudice popolare per i processi di corte di Assise nel periodo ottobre - dicembre 2001.
Essendo il 27° della lista, il nostro ascoltatore non è stato scelto perché, giunto il suo turno, i dieci candidati erano già stati selezionati.
Per la convocazione ha ricevuto come compenso:
- il rimborso del biglietto del treno (del quale Marco non ha potuto usufruire, dato che quel giorno era in atto uno sciopero dei treni e ha dovuto quindi recarsi con la propria auto presso il luogo di convocazione), un rimborso per la missione pari a 39.600 lire e un certificato per il datore di lavoro (per lui inutilizzabile in quanto la sua categoria lavorativa - metalmeccanici - non prevede il rimborso della giornata da parte del datore di lavoro).
Marco sostiene che, quando si è convocati per la scelta dei giudici popolari, non ci si può rifiutare se non in presenza di gravi motivi. Nel suo caso però, la missione presso la Corte di Assise di Appello ha rappresentato una considerevole perdita economica.
Abbiamo cercato di far chiarezza in merito contattando l'Ufficio Stampa del Ministero di Giustizia, nella persona del capo ufficio stampa, Lorenzo Colombo.
Il sig. Colombo ci ha informati che il procedimento di nomina dei giudici popolari è regolato dalla legge n. 287 del 1951. La legge prevede che ai Presidenti dei Tribunali dove hanno sede le Corti di Assise, vengano trasmesse le liste generiche dei giudici popolari. Vengono quindi formate le schede dei giudici popolari ordinari e di quelli supplenti. Tali schede vengono depositate in due urne (una per gli ordinari, l'altra per i supplenti).
Quindici giorni prima della conclusione della sessione in corso, il Presidente del Tribunale, in seduta pubblica, estrae dall'urna dei giudici popolari un numero di schede pari alla metà di quelle in essa contenute e comunque non superiore a 50. Il Presidente stabilisce quindi il giorno e l'ora per la presentazione in seduta pubblica di tutti giudici estratti, per lo svolgimento della funzione di giudice popolare per la sessione successiva.
Per quanto riguarda la possibilità, da parte dei giudici popolari candidati, di non presentarsi alla convocazione, Colombo ci spiega che detti motivi devono essere giustificati e comunicati al Presidente del Tribunale entro il termine della convocazione. Il termine è esteso, in base all'art. 34 comma 2 della legge citata, ai 15 giorni successivi alla data di notificazione del decreto di condanna per omessa presentazione, qualora la persona dimostri di essersi trovata nell'impossibilità di presentarsi.
Nel caso descritto dal nostro ascoltatore, lo sciopero dei treni avrebbe potuto rappresentare un valido motivo per non presentarsi alla convocazione.
Già, ma come si fa a sapere se il motivo è valido oppure no? Chi decide la validità delle nostre giustificazioni? E' la domanda che abbiamo successivamente rivolto al sig. Colombo. La risposta è che le nostre giustificazioni sono vagliate e accettate dal Presiedente del Tribunale, a sua discrezione.
Non esiste quindi una legge che determini la validità o meno delle motivazioni addotte dai candidati che non hanno potuto presentarsi alla convocazione. Il signor Colombo ci ricorda che solitamente motivi di carattere familiare o economico (quale ad esempio in caso citato dall'ascoltare, ovvero quando il rimborso della missione non risulta sufficiente per compensare la perdita di una giornata lavorativa) sono solitamente ritenuti motivi validi. La decisione comunque spetta unicamente al Presidente del Tribunale.
Per quanto riguarda l'importo fissato quale rimborso per la missione, la legge che fissa questo importo è, come sopra riportato, la n. 287 del 1951, successivamente modificata più volte. L'ultima modifica risale però al 1989. Da allora sono trascorsi 12 anni, durante i quali sia il costo della vita sia le retribuzioni sono hanno subito variazioni considerevoli.

SuperGrem
28-05-2007, 19.10.43
Figo! Ti pagano ancora in lire e se ti fanno la multa te la fanno pure in lire! :D

Di0
28-05-2007, 19.22.13
Sì, la vera punizione è farti andare a reperire trentamilalire. :asd:

Ma solo a me vengono in mente i Simpson, quando homer faceva il giurato? :roll3:
Lady, se proprio non vuoi farlo, inizia a gironzolare nuda per la città e a prendere gli autobus senza biglietto, dovrebbe cadere automaticamente il requisito di buona condotta morale. :asd:

funazza
28-05-2007, 19.27.56
winca

nuda

# logout


AUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU http://www.vocinelweb.it/faccine/confuse/pag2/54.gif


# login

ehm :|

The_Elf
28-05-2007, 20.16.40
Ma solo a me vengono in mente i Simpson, quando homer faceva il giurato? :roll3:


...che faceva finta di essere indeciso perchè aveva l'albergo pagato :asd:

_Fred_
28-05-2007, 21.17.16
...che faceva finta di essere indeciso perchè aveva l'albergo pagato :asd:

Lo farò impiccare quel giovane Quimby! [cit.] :asd:

.Orfeo.
28-05-2007, 21.52.44
Mia madre, da magistrato, li odia.Dice che sono l'unica categoria al mondo per cui riaprirebbe i lager nazisti.:asd:

_Fred_
28-05-2007, 21.57.44
Mia madre, da magistrato, li odia.Dice che sono l'unica categoria al mondo per cui riaprirebbe i lager nazisti.:asd:

Come mai? :mumble:

.Orfeo.
28-05-2007, 22.31.56
Semplice: nel 99 % dei casi non hanno la ben più che minima conoscenza giuridica.Le conclusioni le puoi trarre da solo.:asd:

_Fred_
28-05-2007, 22.42.40
Semplice: nel 99 % dei casi non hanno la ben più che minima conoscenza giuridica.Le conclusioni le puoi trarre da solo.:asd:

Ah già, in effetti... :)

Quindi a quanto ho capito è diverso dal giurato dei processi in stile common law?

SuperGrem
28-05-2007, 22.44.26
Se ho capito bene, è gente comune precettata per partecipare ad una giuria.
Mi pare naturale che non capiscano un cazzo di legge, piuttosto mi meraviglio (se ho capito bene come funzica sta cosa), mi meraviglio del sistema con cui vengono selezionate questepersone e del fatto che non ci si possa tirare indietro.

billygoat
29-05-2007, 00.25.01
Ci vuole la "buona condotta morale" tra i requisiti billy, mi dispiace per te :D

ok, la smetto di mettermi le dita nel naso e di toccare il culo delle vecchiette quando c'è l'autobus pieno... :asd:

Di0
29-05-2007, 00.35.28
Se ho capito bene, è gente comune precettata per partecipare ad una giuria.
Mi pare naturale che non capiscano un cazzo di legge, piuttosto mi meraviglio (se ho capito bene come funzica sta cosa), mi meraviglio del sistema con cui vengono selezionate questepersone e del fatto che non ci si possa tirare indietro.

Se io venissi obbligato senza possibilità di rifiutare, quindi palesemente contro la mia volontà, a fare un lavoro del genere, lascerei a piede libero pure Pacciani e Bin Laden. :asd:

Ubar
29-05-2007, 01.29.02
winc io lo farei, è un esperienza in piu sicuramente interessante, certo se hai impegni piu urgenti no ma è sempre bello farsi i cazzi degli altri :asd:

.Orfeo.
29-05-2007, 01.50.15
Se ho capito bene, è gente comune precettata per partecipare ad una giuria.
Mi pare naturale che non capiscano un cazzo di legge, piuttosto mi meraviglio (se ho capito bene come funzica sta cosa), mi meraviglio del sistema con cui vengono selezionate questepersone e del fatto che non ci si possa tirare indietro.
infatti mia madre detesta più che altro il sistema.Poi certo mi incazzerei pure io al suo posto se vedessi gente che sta lì che si atteggia a luminare di sta minchia senza aver aperto manco mezzo libro di diritto.:asd:

bejita
29-05-2007, 09.12.24
http://www.hokutoaudioteca.it/drago/film/fantozzi%20alla%20riscossa/abbigliamento_fantozzi.wav

:asd:

lady_winc
29-05-2007, 10.33.03
:asd:

Premettendo che in comune non ci sono ancora andata, a quanto pare il mio nominativo è stato estratto a sorte dalla lista elettorale, un po' come avveniva con gli scrutatori di seggio prima che venissero nominati dai rappresentanti di partito.
I requisiti altamente selettivi che mi hanno portato a questo onore è l'avere un'età compresa tra i 30 e i 65 anni, un diploma di scuola superiore e buona condotta ( :sisi: ). Sono lusingata. :|

Resta da capire se la mia iscrizione all'albo è solo da perfezionare (cioè se ormai ci sono dentro), oppure se posso anche dire "tante grazie, non sono interessata, addio".
Perché in effetti dover sottostare a questo tipo di obbligo mi sembra una gran scocciatura, e non credo proprio che la paga sia adeguata allo sbattimento. Oltre al fatto che io (come diceva giustamente Orfeo) non ho la minima infarinatura giuridica, non sarei in grado di andare oltre al mio personale senso di giustizia...

Orfeo: mi sai per caso dire come funziona la cosa, che peso hanno i giudici popolari, che tipo di decisioni sono tenuti a prendere?