PDA

Visualizza versione completa : Una scelta difficile



Ubar
29-12-2006, 21.35.39
Ciao a tutti, vorrei avere il vostro parere su una questione molto particolare con cui mi vedo conforntato in questo periodo, praticamente ho deciso di lasciare l'università perchè ho capito che continuare a studiare non faceva per me e ora mi trovo di fronte a un bivio: Il primo e quello di entrare in polizia e diventare agente, un lavoro di cui ho già avuto un assaggio poichè ho lavorato 4 mesi come agente di sicurezza per una ditta privata e oltretutto ero ufficiale nell'esercito e devo dire che mi attira molto. Il punto a sfavore è che magari la paga non è il massimo, per carità, non per fare il superficiale ma vorrei fare una vita per lo meno dignitosa. L'altra alternativa è entrare a lavorare per la compagnia di assicurazioni di mio padre come venditore di assicurazioni, che mi garantirebbe un notevole afflusso di soldi e una facile carriera (poichè mio padre dirige la compagnia, anche se tra due anni va in pensione). A me piacerebbe fare qualcosa dove si è a contatto con la gente e dove non si deve restare troppo in ufficio (cosa che entrambi i lavori danno). Il problema del secondo lavoro, quello di venditore, è che con mio padre ho un brutto rapporto e lui ha la tendenza di controllarmi in tutto e pertutto anche ricorrendo a metodi molto sleali (ricatti di sospensione dei fondi, pressione psicologica di ogni genere, ecc) e ora temo che questa sua offerta di lavoro sia solo un altro modo per controllarmi e tenermi d'occhio... voi che fareste?

shottolo
29-12-2006, 21.40.29
segui il tuo istinto
i nostri consigli non servono a nulla, non conosciamo così bene te e tuo padre
la vita è piena di bivi ;)

*Lorenzo*
29-12-2006, 21.42.16
Mi pare che la seconda scelta sia quella che abbia più punti postivi... anche se te e tuo padre siete davvero ai ferri corti, e il lavoro diventerebbe alquanto pesante, sono cmq solo per due anni, o no?

Chrean
29-12-2006, 21.52.04
Non so come funzioni da voi, ma qui per entrare in Polizia bisogna superare dei concorsi, il che non è affatto facile.
Prova a vedere se riesci ad entrare nelle forze dell'ordine, se non ci riuscissi ti resterà sempre la chance di andare a lavorare per/con tuo papà.

Antinoos
29-12-2006, 21.55.07
voi che fareste?
Se non ti dispiace l'alternativa, francamente fossi in te io sceglierei l'autonomia.
Te ne pentirai, di sicuro, intendiamoci, ma forse ti pentiresti di più scegliendo la 'sudditanza'. Poi peraltro è vero, tu conosci meglio di tutti la situazione

FALLEN_ANGEL_664
29-12-2006, 22.21.53
Poliziotto. Assolutamente :sisi:, così quando ci becchi potrai chiudere un occhio visto che siamo noi :asd:.

Bhe, tieni conto che i nostri consigli non possono indicarti la giusta strada. Dagli il peso che meritano. Ma ritengo che la carriera del poliziotto potresti avere modo di provare a fare i "primi" passi da solo, avresti un mondo tuo, il tuo territorio, non vivresti nel "dubbio" di essere visto come uno facilitato dal padre. Si, magari è più difficile e meno renumerato, ma se ti trovi bene è già una buona cosa.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

mVm
30-12-2006, 00.04.21
Con 'sti presupposti, lascia perdere papà. ;)

stan
30-12-2006, 00.11.13
Se pensi che il lavoro con tuo padre possa portarti frustrazioni inutili evita e mettiti a fare qualcos'altro, pensa anche che la scelta piu' facile potrebbe essere non proprio quella giusta e inoltre superando piu' difficolta' si hanno anche soddisfazioni maggiori.

jM_Mc
30-12-2006, 00.53.26
agente di polizzia tutta la vita!! fai un lavoro più bello e utile

capitanotylor
30-12-2006, 01.02.19
azzo,1300€ al mese non ti bastano?????


vieni nella polizia locale di venezia,ne prendi 200 in +:sisi:

Deep61
30-12-2006, 01.26.17
Se non ti dispiace l'alternativa, francamente fossi in te io sceglierei l'autonomia.
Te ne pentirai, di sicuro, intendiamoci, ma forse ti pentiresti di più scegliendo la 'sudditanza'. Poi peraltro è vero, tu conosci meglio di tutti la situazione

Per me è la scelta migliore, quoto in pieno Antinoos, il tuo post cela questa volonta', ed è quella giusta, fa da contrappunto a quanto detto da Shottolo "Segui il tuo istinto" che ha capito "da subito" le tue vere intenzioni........
Ps: perchè vuoi smettere con l'universita'? (ci hai pensato a fondo ? , lo so non sono cazzi nostri e va bene,ma a meno che tu non abbia proprio voglia ripensaci , il vecchietto stupido affiora in me sorry cmq :birra: )


Ciao a tutti
Deep61

Cren
30-12-2006, 01.35.08
azzo,1300€ al mese non ti bastano?????

E a chi bastano? :look:

MarcoLaBestia
30-12-2006, 01.40.06
Ti parlo ovviamente dal mio punto di vista: sceglierei il posto da assicuratore e se mio padre mi minacciasse gli riderei in faccia.



Alla larga dalla polizia

Ubar
30-12-2006, 02.55.39
si penso che alla fine sceglierò il posto di mio padre per le seguenti ragioni:

a) Sono solo 2 anni e poi mio padre andrà in pensione
b) Cmq non lavoriamo a stretto contatto perchè lavorerei in un altro reparto
c) Essendo la polizia svizzera guadagnerei ben di piu di 1300 euri (che sono circa 2000 franchi svizzeri, solo durante la formazione un poliziotto prende 3600 franchi svizzeri) tuttavia i guadagni nella compagnia sono molto superiori (a formazione ultimata si puo arrivare ai 200000 franchi svizzeri all'anno (circa 135000 euri) :eek2:
d) Mio padre ha accennato a una formazione all'estero (USA, UK, Germania) quindi dubito che mio padre mi possa controllare troppo se sono negli States :asd:
e) Potrò usare il mio cognome per farmi tutte le apprendiste :asd:
f) il prossimo inizio dei corsi della scuola di polizia sono previsti per il 2008

E poi in fondo all'accademia di polizia ci si puo iscrivere fino ai 30 anni, se proprio non mi piace il lavoro posso pur sempre licenziarmi e fare l'altro lavoro :)

FALLEN_ANGEL_664
30-12-2006, 07.29.15
Bhe, allora in bocca al lupo! :birra:

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Antinoos
30-12-2006, 07.54.24
potresti avere modo di provare a fare i "primi" passi da solo, avresti un mondo tuo, il tuo territorio, non vivresti nel "dubbio" di essere visto come uno facilitato dal padre.

Son d'accordo con Fallen, ma tu hai fatto la scelta più 'facile' e più accodata al dio denaro.
Auguri.. perché la dimensione umana ci perde, eccome.
...Tuttavia.. contento tu....... :asd:
:birra:

Angelo75
30-12-2006, 10.23.26
si penso che alla fine sceglierò il posto di mio padre per le seguenti ragioni:

AugurONI per il futuro :birra:

128BIT
30-12-2006, 10.31.09
Ciao a tutti, vorrei avere il vostro parere su una questione molto particolare con cui mi vedo conforntato in questo periodo, praticamente ho deciso di lasciare l'università perchè ho capito che continuare a studiare non faceva per me e ora mi trovo di fronte a un bivio: Il primo e quello di entrare in polizia e diventare agente, un lavoro di cui ho già avuto un assaggio poichè ho lavorato 4 mesi come agente di sicurezza per una ditta privata e oltretutto ero ufficiale nell'esercito e devo dire che mi attira molto. Il punto a sfavore è che magari la paga non è il massimo, per carità, non per fare il superficiale ma vorrei fare una vita per lo meno dignitosa. L'altra alternativa è entrare a lavorare per la compagnia di assicurazioni di mio padre come venditore di assicurazioni
O senno' potresti fare il mafioso! o il ladro :metal: oppure il terrorista :sisi:

Quaro.
30-12-2006, 11.44.44
azzo,1300€ al mese non ti bastano?????


vieni nella polizia locale di venezia,ne prendi 200 in +:sisi:

:eek2: :eek2:

Mi presenterò ai prossimi concorsi :D

MarcoLaBestia
30-12-2006, 14.43.30
Son d'accordo con Fallen, ma tu hai fatto la scelta più 'facile' e più accodata al dio denaro.
Auguri.. perché la dimensione umana ci perde, eccome.
...Tuttavia.. contento tu....... :asd:
:birra:Non condivido questo ascetismo forzato, non è detto ke diventi uno skiavo del capitalismo solo perkè ti pigli 11.000 e rotti euro al mese, sta alla persona controllarsi.


Si abbuscha nu burdell di soldi, tanto di guadagnato ;)

Antinoos
30-12-2006, 16.50.06
Non condivido questo ascetismo forzato, non è detto ke diventi uno skiavo del capitalismo solo perkè ti pigli 11.000 e rotti euro al mese, sta alla persona controllarsi.


ascetismo forzato o dignità? :)
sta alla persona saper contare solo su se stessi per far carriera.
Che si tratti di 100 o 1000 euro al mese, o 10000 ;)
Per questo citavo quel che scriveva Fallen.

imho, eh... e privato di Ubar a parte.

TheMax
30-12-2006, 17.40.47
Sarò schietto: non vedo dov'è la scelta difficile.

Porca troia tuo padre è dirigente di una società ( di assicurazioni :eek2: ), hai mollato l'università e ti poni pure dei dubbi?
Cazzo pagherei oro per essere nei tuoi panni, io si che sono nella merda, quello che mi aspetterebbe che mollassi l'università sarebbe solo il precariato. :cry2:

Non fare stronzate, diventa agente assicurativo e sei a posto tutta la vita.

Fabio
30-12-2006, 18.55.30
quello che mi aspetterebbe che mollassi l'università sarebbe solo il precariato. :cry2:

Anche se non molli l'università, quello che ti aspetta è il precariato, non illuderti, è così per tutti.

KillSR
30-12-2006, 19.11.38
Poi magari diventi il suo migliore agente e gliela metti in quel posto