PDA

Visualizza versione completa : Rifiuti Solidi Urbani: EKKEKKAZZO!



Mister X
15-10-2006, 21.37.00
Immagino che siate a conoscenza delle centinaia di tonnellate di RSU in partenza dai marciapiedi campani verso le regioni del nord italia.

Ebbene, questa cosa mi rode profondamente e vi spiegherò perché.
La Campania ha deciso di adottare la regola del "Not in my backyard" e ora va a rompere i coglioni alle altre regioni perché é sommersa dai rifiuti.
L'Emilia-Romagna ha adottato una politica differente: discariche, inceneritori e taaaanti centri di riciclaggio, con conseguenti finanziamenti e, diciamolo, anche inquinamento atmosferico, a favore di un buon servizio di raccolta RSU: si tratta di scelte che comportano comunque molti sacrifici per una regione, in primis la qualità dell'aria.

Ebbene, è troppo facile adesso per la Campania piangere e chiedere aiuto alle altre regioni perché non riesce a smaltire i propri rifiuti in seguito ad una politica del "Not in my backyard". Vuoi un servizio efficiente? LO PAGHI!
Troppo bello non avere rifiuti, non pagare lo smaltimento e non avere inquinamento atmosferico...

Poi manco fosse un caso isolato... Già nel 2004 una buona mole di rifiuti campani sono partiti verso l'E-R per il problema smaltimento, e sono convinto che anche tra due anni ci sarà lo stesso problema. E la gente manifesta per non avere discariche sul proprio territorio: chissenefrega se sono a norma e invece in mancanza di queste ultime i rifiuti saranno smaltiti in zone improvvisate (salutare l'acqua delle falde, vero?) o non smaltiti affatto...

Giant Lizard
15-10-2006, 21.44.17
per la serie, avere la botte piena e la moglie ubriaca? :eek2:

quali sono le regioni del nord interessate da questa iniziativa? E sopratutto, verrà pagato il loro servizio?

Mister X
15-10-2006, 21.52.55
quali sono le regioni del nord interessate da questa iniziativa? E sopratutto, verrà pagato il loro servizio?
Per ora ci sono solo informazioni ufficiose, tutto si saprà domani o martedì.
Ad ogni modo posso dirti che, sempre in via ufficiosa, l'Emilia-Romagna sembra intenzionata a smaltire 7K tonnellate di RSU. Anche il Piemonte, il Molise e forse il Veneto e la Lombardia sono praticamente "obbligate" a sorbirsi i rifiuti, mentre con la Sicilia l'accordo c'è già e partirà domani il primo cargo di rifiuti.

La fonte é il TGR.

EDIT: Leggetevi anche questo qua:
http://www.emergenzarifiuticampania.it/smartFiles_Data/b3c7b0b2-ac3e-4c44-8a76-e3b594c711b7_01.pdf

"Ad ogni emergenza si scelgono i siti, li si riempie di immondizia e li si dimentica al massimo dopo averli ricoperti con un po' di terreno"
Questo conferma quanto ho detto prima... :|

EDIT2: Io parlo di Emilia-Romanga perché è la mia regione, ma il problema riguarda tutte le regioni italiane, in particolar modo Piemonte, Molise, Veneto, Lombardia, Sicilia, ER e Campania ovviamente.

Nessuno_87
15-10-2006, 22.30.42
Inceneritori, tanti.

Sembrano funzionare davvero bene, visto che mandano i rifiuti di mezz'italia qui a quello di brescia (tralaltro quasi in piena città).

Inceneritori :metal:

Il_Re_dei_Fake
15-10-2006, 22.49.50
Gli inceneritori inquinano un casino -.-' bisognerebbe riciclare il più possibile

naky
15-10-2006, 23.09.00
Immagino che siate a conoscenza delle centinaia di tonnellate di RSU in partenza dai marciapiedi campani verso le regioni del nord italia.

ohcchebbello, i miei assorbentizozzi avranno finalmente una casa :uiui:

Nessuno_87
15-10-2006, 23.25.37
Gli inceneritori inquinano un casino -.-' bisognerebbe riciclare il più possibile
Se costruiti decentemente non sono poi così devastanti... inquinanti certo, ma sempre meglio di strade con cumuli di spazzatura che paiono montagne.

Costruire decentemente :metal:

Eowyn.
15-10-2006, 23.29.38
bisognerebbe riciclare il più possibile
:approved:

Da noi quasi ogni comune ha adottato la politica del "riciclare tutto": si dividono i vari materiali (vetro, carta, alluminio, plastica), le batterie esaurite, i contenitori di prodotti tossici/infiammabili, i farmaci scaduti e i rifiuti biodegradabili (il cosidetto "umido") dal non-riciclabile ("secco").
Quando vedo le immagini dell'immondizia di Napoli con bottiglie di vetro o plastica (che noi normalmente differenziamo da anni) che escono dai sacchetti rotti insieme a tutto il resto non riesco a capacitarmi di come sia possibile. Qui insegnano la differenziazione anche alle elementari. :|
Un paio di anni fa, per sensibilizzare ulteriormente la popolazione, il Comune ha indetto un concorso a premi tra gli alunni delle scuole dell'obbligo: ad ogni carico di materiale portato nelle piazzole ecologiche ricevevano un "doblone d'oro". A fine anno le tre classi con più dobloni hanno guadagnato da 50 a 200 € da spendere in materiale scolastico.

@Naky: Bell'esempio. :look:

naky
16-10-2006, 01.14.30
:approved:

Da noi quasi ogni comune ha adottato la politica del "riciclare tutto": si dividono i vari materiali (vetro, carta, alluminio, plastica), le batterie esaurite, i contenitori di prodotti tossici/infiammabili, i farmaci scaduti e i rifiuti biodegradabili (il cosidetto "umido") dal non-riciclabile ("secco").
Quando vedo le immagini dell'immondizia di Napoli con bottiglie di vetro o plastica (che noi normalmente differenziamo da anni) che escono dai sacchetti rotti insieme a tutto il resto non riesco a capacitarmi di come sia possibile. Qui insegnano la differenziazione anche alle elementari. :|
Un paio di anni fa, per sensibilizzare ulteriormente la popolazione, il Comune ha indetto un concorso a premi tra gli alunni delle scuole dell'obbligo: ad ogni carico di materiale portato nelle piazzole ecologiche ricevevano un "doblone d'oro". A fine anno le tre classi con più dobloni hanno guadagnato da 50 a 200 € da spendere in materiale scolastico.

ecco, qui non mi hanno mai insegnato un bel niente. le scuole è già tanto se svolgono il loro normale lavoro.. figuriamoci se si mettono ad insegnare 'ste cose :asd:
nelle scuole che ho frequentato (adesso non so se è cambiato qualcosa) non è mai stata organizzata una cosa simile (ah! nelle scuole di qua al massimo fanno solo lezioni sul sesso e distribuiscono condom. mica cazzi, eh :teach:).
comunque di fronte ai vari bidoni, bidoncini, secchielli e secchielletti, credo che avrei un po' questa faccia: ":look:"

approposito, zappeo, mi sono ricordata che l'altra volta a casa tua ho buttato i resti di maiale nel bidone della carta .. fa nulla no?! colpa dell'abitudine :sisi:

:asd:

è tutta questione di abitudine, oramai credo sia troppo tardi per cambiare. ma poi neanche esistono i contenitori per la differenziata, se ci sono i normali cassonetti è già tanto. forse ci sono quelli per la plastica.. mmh, se non li hanno incendiati :look:

sì, è uno schifo :tsk:

Sgt.Napalm
16-10-2006, 01.21.56
Immagino che siate a conoscenza delle centinaia di tonnellate di RSU in partenza dai marciapiedi campani verso le regioni del nord italia.

Ebbene, questa cosa mi rode profondamente e vi spiegherò perché.
La Campania ha deciso di adottare la regola del "Not in my backyard" e ora va a rompere i coglioni alle altre regioni perché é sommersa dai rifiuti.
L'Emilia-Romagna ha adottato una politica differente: discariche, inceneritori e taaaanti centri di riciclaggio, con conseguenti finanziamenti e, diciamolo, anche inquinamento atmosferico, a favore di un buon servizio di raccolta RSU: si tratta di scelte che comportano comunque molti sacrifici per una regione, in primis la qualità dell'aria.

Ebbene, è troppo facile adesso per la Campania piangere e chiedere aiuto alle altre regioni perché non riesce a smaltire i propri rifiuti in seguito ad una politica del "Not in my backyard". Vuoi un servizio efficiente? LO PAGHI!
Troppo bello non avere rifiuti, non pagare lo smaltimento e non avere inquinamento atmosferico...

Poi manco fosse un caso isolato... Già nel 2004 una buona mole di rifiuti campani sono partiti verso l'E-R per il problema smaltimento, e sono convinto che anche tra due anni ci sarà lo stesso problema. E la gente manifesta per non avere discariche sul proprio territorio: chissenefrega se sono a norma e invece in mancanza di queste ultime i rifiuti saranno smaltiti in zone improvvisate (salutare l'acqua delle falde, vero?) o non smaltiti affatto...


Ormai sul senso civico dei napoletani ho smesso di farmi illusioni. Sono trenta e passa anni che mi ritrvo ad ascoltare storie incredibili.
Non solo non si ricicla, ma ogni anno vi sono problemi di smaltimento dei rifiuti.
Se la gente volesse, potrebbe.
Solo che non vogliono.

MarcoLaBestia
16-10-2006, 01.22.46
A Barcellona c'è un inceneritore in pieno centro città eppure gli uccellini svolazzano felici. (EDIT: ne hanno trovato uno morto :asd:)


Gli inceneritori inquinano così tanto perkè sono italiani.

Zaorunner
16-10-2006, 01.31.06
A Barcellona c'è un inceneritore in pieno centro città eppure gli uccellini svolazzano felici.


Gli inceneritori inquinano così tanto perkè sono italiani.

Buona lettura. (http://www.beppegrillo.it/2006/09/le_superballe_d.html)

Giant Lizard
16-10-2006, 02.08.10
perchè non fare come in una storia letta sul Topolino dove mandavano tutto nello spazio? :asd: un pianeta intero adibito a spazzatura, geniale no? :sisi:

scommetto che ci sarebbe un bel business intorno, tra gite al museo della spazzatura, divisa per epoche (anni 70, 80, 90...) :asd:

Squizzo
16-10-2006, 02.16.39
Buona lettura. (http://www.beppegrillo.it/2006/09/le_superballe_d.html)
Immagino che i mucchi di immondizia nelle strade, che arrivano alle finestre dei primi piani e vengono bruciati, siano meno dannosi delle emissioni di un inceneritore lontano dalla città...

FALLEN_ANGEL_664
16-10-2006, 02.26.49
Gli inceneritori inquinano un casino -.-' bisognerebbe riciclare il più possibile

Ci sono anche quelli con filtri per depurare l'aria, ma costano e comunque non la depurano del tutto...

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

bejita
16-10-2006, 09.18.05
ma non si potrebbe usare il vesuvio? :asd:

Angelo75
16-10-2006, 09.32.50
Io vivo a Salerno e da me la situazione fortunatamente non è drammatica come a Napoli per esempio...

obscure
16-10-2006, 09.38.44
io vivo in provincia di napoli quindi un minimo di congnizione di causa ce l'ho. La situazione non è semplicistica come detto. Nel napoletano devi scontrarti con problematiche che magari in altre regioni sono meno pesanti:

1 - non si fanno i cdr o altro, perchè? semplice, non è mancanza di volontà, qua le discariche sono state gestito per decenni dalla camorra, lo sanno tutti e adesso che il sistema di gestione dei rifiuti è cambiato la camorra deve entrare anche in questo giro o spingere all'uso delle discariche abusive.

2 - le regioni italiane che prendono i rifiuti mica lo fanno per scopo filantropico...lo fanno perchè incassano tanti tanti soldi.

detto questo, è chiaro che il problema della campania è ormai una cosa penosa (lo dico io che ci abito immagino quelli fuori regione) però vi assicuro che qua gestire la cosa è complicata. Io più che stato di emergenza rifiuti dichiarerei uno stato di guerra contro la camorra con l'esercito che difende i siti dove vengono creati i cdr e i termovalorizzatori come tutte le città civili.

esagerazione? non credo, perchè qua alla fine ci mangiano tutti con il sistema del cazzo che abbiamo e quindi è un problema ciclico che alla fine non si risolverà mai, e la cosa è davvero triste.

MarcoLaBestia
16-10-2006, 13.01.28
Buona lettura. (http://www.beppegrillo.it/2006/09/le_superballe_d.html):|:|:|

super quarke ke dice palle


la fine del mondo è arrivata

lazydoc
16-10-2006, 14.13.41
:approved:

Da noi quasi ogni comune ha adottato la politica del "riciclare tutto": si dividono i vari materiali (vetro, carta, alluminio, plastica), le batterie esaurite, i contenitori di prodotti tossici/infiammabili, i farmaci scaduti e i rifiuti biodegradabili (il cosidetto "umido") dal non-riciclabile ("secco").
Quando vedo le immagini dell'immondizia di Napoli con bottiglie di vetro o plastica (che noi normalmente differenziamo da anni) che escono dai sacchetti rotti insieme a tutto il resto non riesco a capacitarmi di come sia possibile. Qui insegnano la differenziazione anche alle elementari. :|
Un paio di anni fa, per sensibilizzare ulteriormente la popolazione, il Comune ha indetto un concorso a premi tra gli alunni delle scuole dell'obbligo: ad ogni carico di materiale portato nelle piazzole ecologiche ricevevano un "doblone d'oro". A fine anno le tre classi con più dobloni hanno guadagnato da 50 a 200 € da spendere in materiale scolastico.

@Naky: Bell'esempio. :look:


si si vero...

però sai anche che poi, almeno per la provincia, non so per il capoluogo, alla fine poichè non ci sono i siti di riciclaggio efficienti la maggior parte finisce nel secco non riciclabile? ovvero facciamo finta per poi riciclare in minima o nessunissima parte.....

e di questo non se ne parla più



bye

Rinoa
16-10-2006, 14.42.10
Xkè dobbiamo sempre prenderci sù la me**a degli altri?!


:grr:

Eowyn.
16-10-2006, 14.53.23
e di questo non se ne parla più
Ho sentito parlare dei problemi legati alla nuova gestione del servizio e alla discarica di Aviano. Mi informo meglio.

è tutta questione di abitudine, oramai credo sia troppo tardi per cambiare. ma poi neanche esistono i contenitori per la differenziata, se ci sono i normali cassonetti è già tanto.All'abitudine si fa presto a porre rimedio: ha imparato mia nonna 80enne a differenziare, non vedo il problema a farlo fare ai giovani/adulti. ;)
Se poi mancano i contenitori è tutta un'altra storia. :|

1 - non si fanno i cdr o altro, perchè? semplice, non è mancanza di volontà, qua le discariche sono state gestito per decenni dalla camorra, lo sanno tutti e adesso che il sistema di gestione dei rifiuti è cambiato la camorra deve entrare anche in questo giro o spingere all'uso delle discariche abusive.
Non mi è chiaro.
La camorra gestiva tutto. Ora si sta cercando di porre rimedio, la camorra intanto spinge per rientrare nel giro... e rimane tutto in mezzo alla strada?
Vorrei che mi spiegaste meglio il problema camorra/rifiuti, non per polemica, ma perchè, davvero, non lo capisco.


****

Vi prego di mantenere i toni del dialogo civile e di non sforare in sterili flame. La discussione è interessante: a doverla chiudere per ingestibilità ci rimetteremmo tutti. :)

SuperGrem
16-10-2006, 15.23.38
Vorrei che mi spiegaste meglio il problema camorra/rifiuti, non per polemica, ma perchè, davvero, non lo capisco.

Semplice.Semplicissimo.
La camorra ha le sue discariche abusive. E' un business: si fa pagare dai comuni per utilizzarle, visto che non ce ne sono altre oppure quelle esistenti sono inadeguate.
La regione vuole costruire nuovi impianti, più moderni, meno inquinanti, più efficienti. In questo modo i comuni non useranno più gli sversatoi della camorra.
La camorra perde denaro.
Cosa fa, allora, per fermare il progetto della regione? Mobilita uno stuolo di sindaci e cittadini per non far costruire gli impianti nuovi.
Situazione attuale: overflow di immondizia dappertutto e sversatoi della camorra a pieno regime.

Zaorunner
16-10-2006, 15.41.16
Immagino che i mucchi di immondizia nelle strade, che arrivano alle finestre dei primi piani e vengono bruciati, siano meno dannosi delle emissioni di un inceneritore lontano dalla città...

Io non immagino come ti siano bastati 45' in piena notte per leggere tutti i documenti e gli articoli riportati, capirli, metabolizzarli, riportare il tutto alla situazione geografica sociale e politica della Campania e farne un abstract cosi' efficace. Non me ne voglia Eowin ma ci sono momenti in cui mi sento incommensurabilmente piccolo e stupido.

Eowyn.
16-10-2006, 15.43.31
Semplice. Semplicissimo.Ok, capito, anche se mi chiedo quanti cittadini/sindaci ci vogliono per far sì che il resto della cittadinanza non riesca ad opporsi.
Fa paura. :|

SuperGrem
16-10-2006, 15.48.25
Ok, capito, anche se mi chiedo quanti cittadini/sindaci ci vogliono per far sì che il resto della cittadinanza non riesca ad opporsi.
Fa paura. :|

Esempio: vogliono costruire un impianto in zona xy? Bene, la camorra attiva sit-in e manifestazioni per bloccare i lavori. La mobilitazione è locale, non c'è bisogno di farlo per tutta la regione, basta attivare le proteste solo dove devono sorgere i termoconvertitori.
Il resto della popolazione non esiste. Si tratta di paesini piccoli e la gente manifesta tutta, o quasi, in buona fede.
Piuttosto, sarebbe il caso di varare leggi speciali per la Campania, invece di tergiversare e lasciare tutto com'è.
Ma si sa chi sono gli amici di Mastella, no?
Ma, se vogliamo dirla tutta, il problema è radicato nella cultura di questa regione, una cultura fatta di rinvii, di piccoli imbrogli quotidiani, per tirare a campare o solo per evitare la fila, perchè qui non è che manca la cultura della legalità, qui manca la cultura della comunità, il senso di appartenenza.
La gente se ne fotte se quello che fa arreca danno agli altri, perciò i contenitori per la raccolta differenziata sono solo un espediente di facciata, perchè ce ne sono giusto a sufficienza per fare vedere che ce li abbiamo anche noi, ma non servono a nulla.
I concetti basilari del condividere le proprie responsabilità per avere un futuro migliore qui non esistono.

Eowyn.
16-10-2006, 15.59.51
Esempio: vogliono costruire un impianto in zona xy? Bene, la camorra attiva sit-in e manifestazioni per bloccare i lavori. La mobilitazione è locale, non c'è bisogno di farlo per tutta la regione, basta attivare le proteste solo dove devono sorgere i termoconvertitori.
Il resto della popolazione non esiste. Si tratta di paesini piccoli e la gente manifesta tutta, o quasi, in buona fede.Grazie per la spiegazione. :)

perchè qui non è che manca la cultura della legalità, qui manca la cultura della comunità, il senso di appartenenza.
La gente se ne fotte se quello che fa arreca danno agli altri, perciò i contenitori per la raccolta differenziata sono solo un espediente di facciata, perchè ce ne sono giusto a sufficienza per fare vedere che ce li abbiamo anche noi, ma non servono a nulla.
I concetti basilari del condividere le proprie responsabilità per avere un futuro migliore qui non esistono.Ah. :|
Non so che dire, a parte un banale "Spero (di cuore) che la situazione migliori. Perchè sennò la vedo nera per Napoli e dintorni."

destino
16-10-2006, 16.05.34
personalmente la situazione mi pare uguale al "caso TAV", quindi inviterei chi dice o pensa cose brutte contro i campani o la gente del sud in generale di pensarci bene su.

Detto questo è il solito discorso della voglia di innovazione si, ma MAI nel proprio orticello o scoppia la guerra civile, condita con buone dosi di malavita che ci vive di questo e quindi rende le cose ancora + impossibili.

io sarei sempre e comunque per la realizzazione forzata di tale opere, sia che manifesti un piemontese che un napoletano, sono opere NECESSARIE che vanno fatte in siti adatti, una volta scelto il sito, l'opera parte e non devono esistere santi ne proteste per le quali l'opera deve andare bloccata.

SuperGrem
16-10-2006, 16.06.55
Non so che dire, a parte un banale "Spero (di cuore) che la situazione migliori. Perchè sennò la vedo nera per Napoli e dintorni."

Aggiungo l'ultima cosa: capisci perchè al nord siete pieni di napoletani?
Molti di questi sono transfughi.
Napoli (e la Campania) si stanno trasformando in una sorta di enorme Bombay.

bejita
16-10-2006, 16.28.20
io sarei sempre e comunque per la realizzazione forzata di tale opere, sia che manifesti un piemontese che un napoletano, sono opere NECESSARIE che vanno fatte in siti adatti, una volta scelto il sito, l'opera parte e non devono esistere santi ne proteste per le quali l'opera deve andare bloccata.

questa formula non è sempre vincente, basti pensare al vajont

obscure
16-10-2006, 17.01.43
Esempio: vogliono costruire un impianto in zona xy? Bene, la camorra attiva sit-in e manifestazioni per bloccare i lavori. La mobilitazione è locale, non c'è bisogno di farlo per tutta la regione, basta attivare le proteste solo dove devono sorgere i termoconvertitori.
Il resto della popolazione non esiste. Si tratta di paesini piccoli e la gente manifesta tutta, o quasi, in buona fede.
Piuttosto, sarebbe il caso di varare leggi speciali per la Campania, invece di tergiversare e lasciare tutto com'è.
Ma si sa chi sono gli amici di Mastella, no?
Ma, se vogliamo dirla tutta, il problema è radicato nella cultura di questa regione, una cultura fatta di rinvii, di piccoli imbrogli quotidiani, per tirare a campare o solo per evitare la fila, perchè qui non è che manca la cultura della legalità, qui manca la cultura della comunità, il senso di appartenenza.
La gente se ne fotte se quello che fa arreca danno agli altri, perciò i contenitori per la raccolta differenziata sono solo un espediente di facciata, perchè ce ne sono giusto a sufficienza per fare vedere che ce li abbiamo anche noi, ma non servono a nulla.
I concetti basilari del condividere le proprie responsabilità per avere un futuro migliore qui non esistono.


questa è l'amara realtà delle zone di napoli e provincia, purtroppo è cosi. Un esempio? il famoso CDR di acerra.

quando si inizio a costruirlo ci furono le manifestazioni di protesta (roba di camorra lo sapevano tutti). Adesso si sente anche che qualcuno è a favore, forse si sono accordati stato e camorra?

la situazione del napoletano è purtroppo fatta di questi mezzucci e non credo che cambierà. Non parliamo del fatto che questo continuo caldo non fa altro che aumentare il problema...

speriamo qualcosa si muova perchè siamo al limite del sopportabile ...

MaGiKLauDe
16-10-2006, 17.05.45
personalmente la situazione mi pare uguale al "caso TAV", quindi inviterei chi dice o pensa cose brutte contro i campani o la gente del sud in generale di pensarci bene su.

Detto questo è il solito discorso della voglia di innovazione si, ma MAI nel proprio orticello o scoppia la guerra civile, condita con buone dosi di malavita che ci vive di questo e quindi rende le cose ancora + impossibili.

io sarei sempre e comunque per la realizzazione forzata di tale opere, sia che manifesti un piemontese che un napoletano, sono opere NECESSARIE che vanno fatte in siti adatti, una volta scelto il sito, l'opera parte e non devono esistere santi ne proteste per le quali l'opera deve andare bloccata.


In tutta onestà, trovo gradi di necessità diversi in una linea ferroviaria ad alta velocità e una discarica per rifiuti che ora giaciono per le strade.
E anche gradi di onestà intelletuale diveri in una lotta dettata da motivazione ecologico-culturali e una condotta per motivazioni economiche legate alla criminalità organizzata.

Thor
16-10-2006, 17.10.53
ohcchebbello, i miei assorbentizozzi avranno finalmente una casa :uiui:

OT: spediscili a casa mia che mi ci faccio qualche tisana :asd: :



IT: io sono per la costruzione forzata dei nuovi impianti inceneritori, immondezzai e quant'altro. E' sempre la solita storia, la merda (in senso lato) va spedita sempre a casa degli altri.
E' ora di finirla.
Alla faccia della camorra e della mafia, e di tutti gli stronzi del mondo.


@bejita : si, il vesuvio potrebbe essere la soluzione migliore :asd:

Squizzo
16-10-2006, 18.14.51
Io non immagino come ti siano bastati 45' in piena notte per leggere tutti i documenti e gli articoli riportati, capirli, metabolizzarli, riportare il tutto alla situazione geografica sociale e politica della Campania e farne un abstract cosi' efficace. Non me ne voglia Eowin ma ci sono momenti in cui mi sento incommensurabilmente piccolo e stupido.

Per il semplice fatto che tali articoli partono dal presupposto che non si effettui praticamente nessuna raccolta differenziata, ovvero si bruci tutta la porcheria indistintamente, senza tener conto di altri metodi per lo smaltimento dei rifiuti o del riciclaggio. Alla fine tendono a tirar l'acqua al proprio mulino ne' più ne' meno di quanto facciano altri.
Si producono lo stesso sostanze pericolose con gli inceneritori? Ovvio, è impossibile eliminare TUTTO, ciò non toglie che sia sempre meglio di avere tonnellate di rifiuti a cielo aperto che oltre a esalazioni tossiche porterebbero anche altre malattie, se dappertutto ci fossero montagne d'immondizia come quelle di cui si sta parlando in questo topic. E' come se io, ad esempio nel mio lavoro di saldatore, facessi togliere l'impianto d'aspirazione perchè nonostante i filtri, si inquina lo stesso l'aria in una certa minimalissima percentuale. Dovrei forse star lì a respirare fumo affinchè mi venga un tumore ai polmoni a poco più di trent'anni? Se vuoi, fallo tu, io no di certo.

Situazione geografica sociale e politica della Campania? Vediamo di non tirar fuori baggianate. Le zone ci sono e sono state più volte individuate sia dalle apposite commissioni che dalla protezione civile. Che poi al momento di cominciare a dare il via alle operazioni la gente facesse i picchetti e proteste e cariche alle forze dell'ordine perchè non volevano degli impianti o discariche nelle loro zone (salvo al tempo stesso protestare e lamentarsi per le montagne d'immondizia in città), è tutto un altro discorso. Troppo comodo spedire sempre la merda nelle altre zone e tirare fuori le solite storie sulla camorra. Che la criminalità organizzata cerchi di accaparrarsi tale mercato non è certo una novità, ma non lo è certo solo in Campania. Solo che da altre parti s'è posto rimedio a tali situazioni. Se in alcuni posti non succede, vuol dire che non s'è mai nemmeno provato a cambiare le cose.

FALLEN_ANGEL_664
16-10-2006, 18.25.32
Xkè dobbiamo sempre prenderci sù la me**a degli altri?!


:grr:

Perchè così quando saremo noi a non centrare la tazza, gli altri aiuteranno noi. Si chiama società...

Più che altro se diventa un abitudine conviene direttamente non dargli più da mangiare...

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

SuperGrem
16-10-2006, 20.25.56
Troppo comodo (...) tirare fuori le solite storie sulla camorra. Che la criminalità organizzata cerchi di accaparrarsi tale mercato non è certo una novità, ma non lo è certo solo in Campania. Solo che da altre parti s'è posto rimedio a tali situazioni. Se in alcuni posti non succede, vuol dire che non s'è mai nemmeno provato a cambiare le cose.

La Campania è la roccaforte della camorra, non puoi pensare di affrontare il problema come se si trattasse di qualche clan in vacanza in Lombardia.
Qui per sradicare la camorra ci vuole un'operazione di polizia che le leggi attuali dello stato non permettono, senza contare che non abbiamo il numero sufficiente di poliziotti e carabinieri per farlo.
Forse nel tuo mondo ideale basta schioccare le dita per risolvere il problema, ma ti assicuro che se fosse così facile, personaggi come Falcone e Borsellino sarebbero ancora tra noi. Senza contare quel Giancarlo Siani di cui ci si dimentica troppo spesso di citarlo nel novero degli eroi.

bejita
17-10-2006, 09.19.26
invece di mandare i nostri soldati a combattere i talebani degli altri, potremmo mandarli a combattere i nostri.. eh utopia :asd:

onigate
17-10-2006, 09.49.29
ma non si potrebbe usare il vesuvio? :asd:
certo, se solo fosse "acceso" come l'etna. Peccato che è spento da 60 anni e ha un tappo di un paio di km. Se buttassero la monnezza nel cratere come è ora si riempirebbe in pochi mesi e poi se mai un giorno dovesse esplodere :look: SGRAT SGRAT SGRAT te l'immagini che figata la pioggia di cenere lapilli e assorbentizozzi che casca sulle case ??
Pensa che figura di merda che ci faremmo tra 2000 anni con i visitatori degli scavi di portici, s.giorgio e zone limitrofe che tra telefonini carbonizzati, computer imbalsamati e televisori incatramati, ci trovano pure scatolette di tonno vuote, pannolini usati, bottiglie e piatti.... :tsk:


che tristezza :(

MarcoLaBestia
17-10-2006, 10.11.47
Il vesuvio non è spento, infatti un giorno erutterà e farà effetto pentola a pressione ke schatta.


(schattare = esplodere)

Eowyn.
17-10-2006, 10.56.41
Non me ne voglia Eowin ma ci sono momenti in cui mi sento incommensurabilmente piccolo e stupido.Ehhh? :doubt:

Alceo
17-10-2006, 11.07.13
Ehhh? :doubt:


Anche tu hai avuto problemi a immaginarti Zao piccolo? :D

tekkaman
17-10-2006, 11.09.55
dall'esclamazione pensavo ti fosse arrivato l'aumento della TARSU :D