PDA

Visualizza versione completa : Riforma Scolastica @_@"""



MIKELE88
06-10-2006, 15.27.45
Salve, vorrei sapere un po di informazioni riguardanti la nuova riforma scolastica che è stata presentata quest'anno :sisi: ...questa riforma ripropone una commissione esterna ad assistere agli esami (di 4 docenti) e una commissione interna (sempre di 4 docenti); cambia la modalità dei punteggi per l'ammissione agli esami e anche per la questione dei debiti.
La cosa che mi lascia molto perplesso è che molti professori dicono che sicuramente verrà approvata questa legge, è che già nel seguente anno scolastico 2006/2007 verrà messa in atto; altri professori invece dicono che è impossibile che in così breve tempo si possano fare delle modifiche così radicali. Unica cosa sicura in tutto ciò è che entro Gennaio o Febbraio si saprà se questa riforma sarà o meno approvata.
Voi mi sapreste dare maggiori informazioni a riguardo?
Si sa qualcosa di più concreto?

Fatemi sapere :D !!!

shottolo
06-10-2006, 15.39.25
se ti può consolare ai tempi a noi lo misero in culo in corsa, come si suol dire
tipo a gennaio abbiamo scoperto che ci cambiavano l'esame da sotto il naso (portandolo a come lo vedete ora)
con tanto di commissione esterna, terza prova e bla bla
quindi tranquillo che se voglio cambiare tutto in corsa, lo fanno senza problemi

.Orfeo.
06-10-2006, 15.40.59
Io mi son diplomato l'anno scorso.http://italianeowyn.interfree.it/icone/ieeeee.gif
Commissione tutta interna.http://italianeowyn.interfree.it/icone/ieeeee.gif

128bpm
06-10-2006, 17.42.31
io devo rifarla quest anno -.-

non sto a elencare la storia troppo lunga... Posso solo dirvi ke all'orale ho preso anche un 30 in inglese xò una carissima prof aveva deciso di fermarmi a tutti i costi (anche cordinatrice della mia classe) e ci è riuscita x un paio di punti.

Cmq da quello che so io la riforma sta passando nel senso che DI SICURO (almeno cosi mi han detto tutti i prof) verrà accettata e messa in pratica x l'anno scolastico in corso.

Ammissione: se hai anche un solo debito non sei ammesso. X le insufficienze non lo so ma mi pare ti basti avere la media matematica del 6 (almeno lo spero) perchè se x essere ammessi non devi avere insufficienze penso che bocceranno il 70% delle persone. E nella mia scuola diciamo pure il 90%

.keul.
06-10-2006, 17.50.32
speriamo cada il governo in tempo.

Steamcock
06-10-2006, 17.57.44
speriamo cada il governo in tempo.

Che cada è la sola certezza di questo governo, bisogna vedere se presto o più tardi. :uiui:

nageki
06-10-2006, 20.23.00
Che cada è la sola certezza di questo governo, bisogna vedere se presto o più tardi. :uiui:

:asd:

MIKELE88
06-10-2006, 23.33.13
Cmq da quello che so io la riforma sta passando nel senso che DI SICURO (almeno cosi mi han detto tutti i prof) verrà accettata e messa in pratica x l'anno scolastico in corso.

Ammissione: se hai anche un solo debito non sei ammesso. X le insufficienze non lo so ma mi pare ti basti avere la media matematica del 6 (almeno lo spero) perchè se x essere ammessi non devi avere insufficienze penso che bocceranno il 70% delle persone. E nella mia scuola diciamo pure il 90%

Anche da noi stanno dicendo che è praticamento sicuro la questione della mezza commissione esterna ed interna, però la nostra prof di diritto ci ha detto che comunque ci sono possibilità che la riforma valga per l'anno scolastico 2008/2009, ovvero per le classi terze, che così si trovano in regola anche per la modifica dei punti di credito...

Dalmo
07-10-2006, 00.21.15
Anche da noi stanno dicendo che è praticamento sicuro la questione della mezza commissione esterna ed interna, però la nostra prof di diritto ci ha detto che comunque ci sono possibilità che la riforma valga per l'anno scolastico 2008/2009, ovvero per le classi terze, che così si trovano in regola anche per la modifica dei punti di credito...
ZIO BELLO

Eowyn.
07-10-2006, 01.55.57
Il topic è serio ed interessante. Vediamo di NON svaccare.

Non ci vuole molto...

*Svevy*
07-10-2006, 13.28.09
Dopotutto la commissione mezza esterna e mezza interna non è una cosa così negativa. Dopotutto, che esame è se a farlo sono solo insegnanti che ti conoscono da tre anni? Certo, la cosa non buona è che la infilino tra capo e collo anche a gente che ha già cominciato il triennio...

Eowyn.
07-10-2006, 14.35.37
Dopotutto la commissione mezza esterna e mezza interna non è una cosa così negativa. Dopotutto, che esame è se a farlo sono solo insegnanti che ti conoscono da tre anni? Certo, la cosa non buona è che la infilino tra capo e collo anche a gente che ha già cominciato il triennio...Io ho avuto una commissione a metà (primo anno dopo la riforma della maturità. Sì, lo so ... :old: :asd: )

Trovo che parte della commissione esterna serva: come dice Svevy, che esame è se lo fanno i soliti che già ti conoscono? Avere un prof esterno può anche diventare un vantaggio. Mettiamo che un vostro prof str***o vi ha preso di mira: non è meglio essere valutati da qualcuno di obiettivo? IMHO, sì.
Lo svantaggio è che se ad essere sostituio è un prof incompetente che non ha fatto il suo dovere.. bhè, l'esterno è su di voi che infierirà, non sul collega imbecille.












Qualcuno ha detto "La prof di fisica di Éowyn che le costò il 100 alla maturità"??
Quel qualcuno ha ragione. :|

Di0
07-10-2006, 14.42.45
La commissione interna è un modo come un altro per risparmiare soldi. Personalmente, ho fatto l'esame con la Comm. completamente interna,ma alla fine non credo avrebbe fatto alcuna differenza. Cert è che essere interrogati su una qualsiasi materia (a parte quelle sui si è proprio sicuri e preparati), da un professore esterno che non sa di preciso il programma e non ti conosce, implica uno stress ed un impegno maggiore, per quello che conta.
Ma tanto questi discorsi non hanno alcun valore: OGNI anno e ogni volta che si cambia legge c'è la quinta che si lamenta "della commissione interna che fa le preferenze e le bastardate perché gli stai su cazzo" quando hanno quella esterna e devono passare all'interna, assieme a quelli che "l'esterna non ti conosce e non sa se il professore era un cretino e non perdona una dimenticanza" quando hanno l'interna e devono passare all'esterna. E' sempre così, in questo periodo dove cambiano le regole ogni 29 giorni.

MIKELE88
07-10-2006, 16.07.00
La cosa che mi suona strana è che questa riforma se verrà approvata entrerà in vigore già da quest'anno e come ha detto Svevy, mi sembra una cosa un po troppo affrettata, non credete anche voi?
E poi nel nostro caso in particolare (intendo nel nostro caso come classe) c'è il problema che alcuni professori hanno preferito, durante i 5 anni, non fare nulla o quasi, ovvero non finire il programma e altre cose simili; quindi in caso di commissione esterna capirete bene che inizierebbero a sorgere un bel po di problemi :asd: ...

Marziale
07-10-2006, 17.42.35
ho una domanda ....
la commissione sarà per metà esterna e per metà interna : ma è già stabilito quali materie saranno date a professori interni e quali a quelli esterni ? oppure la scelta è fatta a caso (o valutata volta per volta ) ?

MIKELE88
08-10-2006, 15.17.13
ho una domanda ....
la commissione sarà per metà esterna e per metà interna : ma è già stabilito quali materie saranno date a professori interni e quali a quelli esterni ? oppure la scelta è fatta a caso (o valutata volta per volta ) ?

No, non è ancora stato stabilito le materie che saranno assegnate ai professori interni ed esterni e non so sinceramente quale sia il criterio di scelta :mumble: ...

TheMax
08-10-2006, 17.05.40
Ma è vero che verrà ammesso all'esame solo chi non ha debiti ( o li ha rucuperati) ?? Ma cos'è l'università? Se applicheranno questa legge il numero di bocciati aumenterà del 430% minimo :sisi: e le scuole saranno ancora più sovraffollate...bah

Non che la cosa mi tocchi, ho già dato nel 2005 :asd:

_Fred_
08-10-2006, 18.10.28
Ma è vero che verrà ammesso all'esame solo chi non ha debiti ( o li ha rucuperati) ?? Ma cos'è l'università? Se applicheranno questa legge il numero di bocciati aumenterà del 430% minimo :sisi: e le scuole saranno ancora più sovraffollate...bah

Non che la cosa mi tocchi, ho già dato nel 2005 :asd:

Bhe, ci si lamenta del fatto che i promossi siano troppi... cmq non ho sentito niente su questo punto, magari intendono un certo numero minimo di crediti da possedere per accedere agli esami.

128bpm
08-10-2006, 18.42.06
Bhe, ci si lamenta del fatto che i promossi siano troppi... cmq non ho sentito niente su questo punto, magari intendono un certo numero minimo di crediti da possedere per accedere agli esami.

promossi siano troppi? L'anno scorso da me il 30% dei maturandi è stato bocciato (e tutta la faccenda è finita sul giornale)

blamecanada
08-10-2006, 19.23.24
promossi siano troppi? L'anno scorso da me il 30% dei maturandi è stato bocciato (e tutta la faccenda è finita sul giornale)
Il problema non è la scuola che è troppo difficile: sono gli alunni ad esser roppo fannulloni.

*Svevy*
08-10-2006, 20.07.38
Concordo con Blame, in Italia le percentuali di promossi sono scandalose e davvero molti studenti non fanno nulla...La legge in sè va bene, però vorrei sapere come funziona questa storia "nuova" dei crediti.

Gi01
08-10-2006, 20.14.34
promossi siano troppi? L'anno scorso da me il 30% dei maturandi è stato bocciato (e tutta la faccenda è finita sul giornale)

L'anno scorso è finito sul giornale anche il fatto che sia stato promosso oltre 97% degli aventi diritto.

Una % decisamente ridicola, a mio parere, in un paese dove una buona metà degli universitari non sa scrivere

_Fred_
08-10-2006, 20.32.36
L'anno scorso è finito sul giornale anche il fatto che sia stato promosso oltre 97% degli aventi diritto.

Una % decisamente ridicola, a mio parere, in un paese dove una buona metà degli universitari non sa scrivere

Appunto...

blamecanada
08-10-2006, 21.08.27
Appunto...
Concordo in pieno.

Soprattutto sullo scrivere in italiano si dovrebbe insistere sin dalle elementari. Scrivere correttamente nella propria lingua madre è un dovere di ogni cittadino.

MIKELE88
10-10-2006, 15.19.11
Ma è vero che verrà ammesso all'esame solo chi non ha debiti ( o li ha rucuperati) ??

E' verissimo :sisi: , solo che questa parte della riforma molto probabilmente verrà applicata solamente dall'anno scolastico 2008/2009 ...

MarcoLaBestia
10-10-2006, 15.56.01
Scrivere correttamente nella propria lingua madre è un dovere di ogni cittadino.Saper scrivere correttamente nella propria lingua madre è un diritto.


PS
Se uno studente è fannullone è colpa solo dei professori ke ha avuto e dei genitori.

Ramsete_II_
10-10-2006, 16.06.46
1)Saper scrivere correttamente nella propria lingua madre è un diritto.



2) Se uno studente è fannullone è colpa solo dei professori ke ha avuto e dei genitori.


1) Per chi sostiene di meritare un diploma, io lo vedo più come un dovere.

2) Questo è davvero un paradosso notevole... nonchè una tesi troppo facile da confutare.
Un professore può spiegare male, e i genitori sbattersene altamente dell'educazione del figlio.
Ma la responsabilità è una caratteristica dell'individuo, la maturità per capire che non studiare nulla ora spassandosela cinque anni per poi probabilmente patirne le conseguenze nei decenni a venire ci può essere suggerita o trasmessa dall'ambiente, ma resta una caratteristica - spesso innata - del singolo. O si nasce con la propensione allo studio, o ci si sacrifica per abituarcisi: certamente però non sono gli altri ad imporci nulla o menchemeno a tarparci le ali.

samgamgee
10-10-2006, 16.10.07
Non vorrei che fosse un discorso troppo co mplesso da fare.

Da una parte una volta c'erano
a) gli analfabeti
b) quelli con la licenza media
c) quelli con la licenza superiore (liceo)
c2) quelli con la licenza superiore (ist. tecnico)
d) quelli universitari

se eri (a), facevi il contadino collaboprando con i tuoi genitori magari, o simili. (b) eri operaio, la base del meccanismo economico in sostanza. (c) ti tramutavi giocoforza in (d), e magari ne uscivi dopo mille anni ma eri *qualificato*, eri quello "con la laurea". (c2) facevi un lavoro qualificato e connesso con la tua scelta formativa (geometra, perito elettricista, eccetera).

Adesso ci sono
a) gli analfabeti (esistono ancora?)
b) quelli con il liceo/ist. tecnico
c) quelli con la laurea 3ennale
d) quelli con la laurea specialistica
e) quelli con il master

Non mi pronuncio su (a), non conosco i numeri. (b) fanno lavori umili - un mio amico fa l'operaio ad esempio o il muratore, eccetera. (c) sono completamente decaduti, ormai la laurea conta *nulla*, io mi laureerò a novembre (?) ma mi sento come se non fossi veramente un "dottore", uno qualificato. (d) ed (e) forse si salvano ancora ancora, ma dipende certamente da quale laurea e da quale master. In sostanza c'è un appiattimento totale, una volta i laureati erano una roba esclusiva, non erano *TUTTI*, ora veramente ci sono cani e porci che fanno l'università -> conseguenza diretta, fra dieci anni avere una laurea semplice (triennale) sarà come avere un diploma di licenza media/superiore. E non è che siamo un paese più istruito, anzi...è semplicemente cambiato il livello dei "pezzi di carta", non il livello qualitativo.

Da una terza parte c'è il diritto allo studio: aumentare le tasse d'iscrizione favorisce solo i ricchi, porre barriere (test d'ingresso, esami più severi) da una parte favorerirebbe una meritocrazia quasi darwiniana, m a chi siamo noi (generico) per impedire ad una persona di studiare finchè vuole?

mah.

MarcoLaBestia
10-10-2006, 16.14.14
1) Per chi sostiene di meritare un diploma, io lo vedo più come un dovere.un dovere nei confronti di ki? Presumo ke una persona abbia il libero arbitrio sul tipo di scrittura ke vuole adottare, assumendosi tutte le responsabilità annesse e connesse.

È invece un diritto il saper scrivere in quanto una persona deve avere la possibilità di vivere nella società, poi fa quello ke vuole.


Con la propensione allo studio non si nasce, essa si forma nel bambino se viene seguito ed educato sin dall'infanzia. ;)

*Svevy*
10-10-2006, 16.53.22
m a chi siamo noi (generico) per impedire ad una persona di studiare finchè vuole?

mah.

Non possiamo impedire a una persona di studiare, è vero, però è anche vero che non si possono riempire le università di cani e porci poco interessati che si iscrivono perchè tanto non c'è il numero chiuso (come avveniva con giurisprudenza) e che alzando il numero di studenti, tra l'altro non tutti ugualmente motivati, diminuiscono spesso anche la qualità dell'insegnamento a causa del sovraffollamento...Senza contare che dal mio punto di vista permettere di diventare ad esempio medico a una persona men che qualificata è quantomeno un'idiozia, bisogna renderci conto che non si possono elargire troppo facilmente lauree connesse con professioni in cui gli errori si pagano caramente. Alla fine, se uno si laurea in storia ma è una capra, si spera non lo metteranno mai a insegnare e la cosa finisce lì...se si laurea un medico ed è una capra può ammazzare la gente :|

Ramsete_II_
10-10-2006, 17.09.29
un dovere nei confronti di ki? Presumo ke una persona abbia il libero arbitrio sul tipo di scrittura ke vuole adottare, assumendosi tutte le responsabilità annesse e connesse.

È invece un diritto il saper scrivere in quanto una persona deve avere la possibilità di vivere nella società, poi fa quello ke vuole.


Con la propensione allo studio non si nasce, essa si forma nel bambino se viene seguito ed educato sin dall'infanzia. ;)

Ma è ovvio che una persona è libera di fare ciò che vuole, però allo stesso livello un professore dovrebbe poter bocciare un alunno se quest'ultimo non è in possesso di requisiti fondamentali, tra cui appunto la capacità di esprimersi nella propria lingua ;)

Per quanto riguarda la propensione allo studio: io penso che il carattere di una persona possa in parte essere influenzato dall'ambiente (in modo determinante solo nei casi "estremi"), ma in generale sono convinto che in qualche modo l'attitudine e il comportamento siano grandemente già determinati. E' così che spiego l'enorme diversità tra individuo e individuo, altrimenti non capisco come da radici (leggi:famiglie/ambienti/contesti) simili possano svilupparsi così differentemente.
In secondo luogo, trovo troppo facile scaricare le colpe della propria negligenza. Sostengo che si nasca già con una determinata attitudine allo studio, ma con la forza di volontà si può fare molto. Il che non significa riuscire/avere successo ma quantomeno cavarsela (secondo me non ci vuole molto a farsi promuovere, anche nei licei più difficili).

blamecanada
10-10-2006, 17.19.30
un dovere nei confronti di ki? Presumo ke una persona abbia il libero arbitrio sul tipo di scrittura ke vuole adottare, assumendosi tutte le responsabilità annesse e connesse.

È invece un diritto il saper scrivere in quanto una persona deve avere la possibilità di vivere nella società, poi fa quello ke vuole.


Con la propensione allo studio non si nasce, essa si forma nel bambino se viene seguito ed educato sin dall'infanzia. ;)
Il dovere ovviamente è di saper scrivere decentemente. Poi ognuno nel suo diario, nei suoi appunti, nel libro che pubblica, etc. può scrivere come vuole, l'importante è che sappia scrivere decentemente, e che lo faccia negli ambiti che lo richiedono.

blamecanada
10-10-2006, 17.22.04
Per quanto riguarda la propensione allo studio: secondo me è vero che è influenzata dall'ambiente, ma fino ad un certo punto. E soprattutto la scuola ha il compito di formare l'individuo e certificare che possiede certe conoscenze. Se non le ha non può e non deve dargli il diploma, uno può avere i motivi piú validi di questo mondo per non studiare, ma sono pur sempre affari suoi.

alcinoo
10-10-2006, 18.31.15
rimandate le vostre paranoie
ormai le superiori sono diventate le medie

MarcoLaBestia
10-10-2006, 20.06.33
ormai le superiori sono diventate le medieLo sono sempre state.

_Fred_
10-10-2006, 20.14.22
Non vorrei che fosse un discorso troppo co mplesso da fare.

Da una parte una volta c'erano
a) gli analfabeti
b) quelli con la licenza media
c) quelli con la licenza superiore (liceo)
c2) quelli con la licenza superiore (ist. tecnico)
d) quelli universitari

se eri (a), facevi il contadino collaboprando con i tuoi genitori magari, o simili. (b) eri operaio, la base del meccanismo economico in sostanza. (c) ti tramutavi giocoforza in (d), e magari ne uscivi dopo mille anni ma eri *qualificato*, eri quello "con la laurea". (c2) facevi un lavoro qualificato e connesso con la tua scelta formativa (geometra, perito elettricista, eccetera).

Adesso ci sono
a) gli analfabeti (esistono ancora?)
b) quelli con il liceo/ist. tecnico
c) quelli con la laurea 3ennale
d) quelli con la laurea specialistica
e) quelli con il master

Non mi pronuncio su (a), non conosco i numeri. (b) fanno lavori umili - un mio amico fa l'operaio ad esempio o il muratore, eccetera. (c) sono completamente decaduti, ormai la laurea conta *nulla*, io mi laureerò a novembre (?) ma mi sento come se non fossi veramente un "dottore", uno qualificato. (d) ed (e) forse si salvano ancora ancora, ma dipende certamente da quale laurea e da quale master. In sostanza c'è un appiattimento totale, una volta i laureati erano una roba esclusiva, non erano *TUTTI*, ora veramente ci sono cani e porci che fanno l'università -> conseguenza diretta, fra dieci anni avere una laurea semplice (triennale) sarà come avere un diploma di licenza media/superiore. E non è che siamo un paese più istruito, anzi...è semplicemente cambiato il livello dei "pezzi di carta", non il livello qualitativo.

Da una terza parte c'è il diritto allo studio: aumentare le tasse d'iscrizione favorisce solo i ricchi, porre barriere (test d'ingresso, esami più severi) da una parte favorerirebbe una meritocrazia quasi darwiniana, m a chi siamo noi (generico) per impedire ad una persona di studiare finchè vuole?

mah.

Per quanto mi dispiaccia dirlo, ma quoto in tutto e per tutto, ma non per tanti motivi, ma perchè sono anch'io un laureato triennale (e ora sto seguendo la spec.), ma perchè so quanto ci ho dato per laurearmi e sinceramente mi dispiace che oggi come oggi valga molto poco...

MIKELE88
12-10-2006, 15.38.38
Notizia Ufficiale: Per quanto riguarda le sedi tecniche per Geometri, quest'anno la materia d'esame per l'abilitazione ed iscrizione all'albo dei geometri è: Topografia.

Notizia NON Ufficiale: Molti professori hanno dichiarato che solitamente la materia che esce all'esame di abilitazione della professione è uguale a quella che uscirà agli esami...



...se è così MI SPARO!!!!!

Il_Re_dei_Fake
12-10-2006, 15.47.48
...se è così MI SPARO!!!!!

Sì! :rulez: :chebene!: