PDA

Visualizza versione completa : Milingo again.



Peter Pan
26-09-2006, 16.16.17
Milingo è stato scomunicato (http://www.ansa.it/opencms/export/main/visualizza_fdg.html_1994669021.html). :eek2:


Ed io che lo volevo come prossimo papa! :mecry:

obscure
26-09-2006, 16.24.11
era il minimo :asd:

cioè e la tipa asiatica adesso si possono spassare in pace :asd:

Pratti
26-09-2006, 16.25.16
Ho cambiato la chiave al portone
Ora il diavolo non entra più
Cambiato parere tornato a vestirmi da prete
Non so chi è Maria Sung
Son rientrato nel giro da poco
Non ricordo più il codice pin
In agenda ho 31 esorcisti disposti a un saluto
Ma non so i numeri

Perché si è costretti a passare da qui?
Perché nei peggiori dei momenti non si
Piange
Al contrario si finge allegria
Perché, per sembrare a tuo agio?

L’irritazione del Vaticano
È già scesa e fra un po’ finirà
Ho dovuto promettere di fare il bravo
Per sempre da qui all’eternità
Ora dormo su un letto di ceci
Per punire i momenti felici
Dallo psicologo che mi ha in consegna mi aspetto la mia
Unica terapia
Perché mi hanno tolto l’elettricità?
Perché la finestra è murata chissà?
Perché non c’è zucchero dentro il caffè?
Perché l’orologio è al contrario?
Perché ho una macchia che non va più via?
Perché il rossetto sulla mia camicia
Non si è scolorito in lavanderia?
Perché è rimasto dov’era?

Oddio che nostalgia sentir che mi hai cercato ancor
Scioperando per me
Ma è troppo tardi ora

Perché da domenica torno in città
Perché sono in prova d’appello si sa
Perché pattichiari e amicizialunga
Finchè faccio il bravo sul serio
Perché
Non c’è niente di vero lo sai
Perché era uno scherzo dei miei
Perché altrimenti
Lo sponsor non c’è
E a me rimane il peccato

:uiui:

Peter Pan
26-09-2006, 16.29.27
Stando alle motivazioni, la scomunica è arrivata perché ha eletto dei vescovi.

_Fred_
26-09-2006, 16.29.36
Milingo è stato scomunicato (http://www.ansa.it/opencms/export/main/visualizza_fdg.html_1994669021.html). :eek2:


Ancora... :asd: ma non lo avevano già scomunicato e poi reintegrato?

Vabbè dai, gli basterà chiedere scusa...

Peter Pan
26-09-2006, 16.34.39
Vabbè dai, gli basterà chiedere scusa...

Bé, l'altra volta lo misero in penitenza a pane e acqua in isolamento.

Ma allora c'era Karol.

Scrockman
26-09-2006, 16.39.27
Stando alle motivazioni, la scomunica è arrivata perché ha eletto dei vescovi.

E' scomunica latae sententiae, parte in automatico. Di quelle toste...:asd:
Le ragioni della scomunica latae sententiae:


* profanazione delle specie consacrate, oppure la loro asportazione o conservazione a scopo sacrilego (can. 1367) - riservata alla Sede Apostolica
* violenza fisica contro il Romano Pontefice (can. 1370) - riservata alla Sede Apostolica
* L'assoluzione del complice nel peccato contro il sesto comandamento del Decalogo da parte di un presbitero o vescovo (can. 1378 §1)
* consacrazione di vescovi senza mandato pontificio, e chi da esso ricevette la consacrazione (can. 1382) - riservata alla Sede Apostolica
* violazione diretta da parte del confessore del sigillo sacramentale (can. 1388 §1) - riservata alla Sede Apostolica
* procurare l'aborto ottenendo l'effetto (can. 1398)

:uiui:....................

Brian O'Blivion
26-09-2006, 16.48.39
* violenza fisica contro il Romano Pontefice.

Minchia se non si sanno quartiare bene questi!Della serie chi tocca il boss muore...:teach:

Di0
26-09-2006, 16.57.42
Stando alle motivazioni, la scomunica è arrivata perché ha eletto dei vescovi.
:stica: Pare poco.

Comunque è un grande, se fonda una religione alternativa mi ci iscrivo. :asd:

obscure
26-09-2006, 16.58.31
l'ordine del supremo milingo e di maria sung


:asd:

venghino siore e siori venghino

_Fred_
26-09-2006, 17.03.51
E' scomunica latae sententiae, parte in automatico. Di quelle toste...:asd:
Le ragioni della scomunica latae sententiae:

Da Wikipedia

* violenza fisica contro il Romano.



Chi intende? Prodi :asd: :asd:



Bé, l'altra volta lo misero in penitenza a pane e acqua in isolamento.

Ma allora c'era Karol.

Eh già..., stavolta c'è il panzer tetesco che non gliela fa passare liscia...

olliop
26-09-2006, 17.29.40
sai che roba la scomunica..mica siamo nel medioevo che contava...adesso invece...

Scrockman
26-09-2006, 17.36.25
sai che roba la scomunica..mica siamo nel medioevo che contava...adesso invece...


Ma che cacchio vuol dire? Se sei vescovo te ne dovrebbe fregare... E' un provvedimento interno e personale, non puoi partecipare alle cose di Chiesa, mica lo scopo è il pubblico ludibrio...
Tipo quando sei militare e ti danno i giorni di consegna, sei tu che ti attacchi al tram.

Peter Pan
26-09-2006, 17.57.41
sai che roba la scomunica..mica siamo nel medioevo che contava...adesso invece...

Adesso invece cosa? :mumble:

DIAZE
26-09-2006, 18.11.22
Stando alle motivazioni, la scomunica è arrivata perché ha eletto dei vescovi.

Sposati!
Quindi che trombano ufficialmente.

Peter Pan
26-09-2006, 18.15.25
Sposati!
Quindi che trombano ufficialmente.

Considerando che l'unico che può fare i vescovi è il papa, mi sembra il minimo che lui abbia scelto trombanti :asd:

DIAZE
26-09-2006, 18.18.59
Considerando che l'unico che può fare i vescovi è il papa, mi sembra il minimo che lui abbia scelto trombanti :asd:

Trombati che trombano e alla fine lui stesso trombato!
E' una soap opera!!

Pratti
26-09-2006, 18.19.45
Considerando che l'unico che può fare i vescovi è il papa, mi sembra il minimo che lui abbia scelto trombanti :asd:
Non è mica vero che solo il Papa ordina i vescovi. Anche un vescovo può ordinare vescovi, purchè abbia l'autorizzazione papale per farlo e la nomina sia poi sottoposta al placet pontificio.
:dentone:

Pratti
26-09-2006, 18.21.37
Trombati che trombano e alla fine lui stesso trombato!
E' una soap opera!!
e trombati che non trombano?:mumble:
Ma se un trombato che tromba viene trombato è un trombato al quadrato?:mumble:

Di0
26-09-2006, 18.22.22
E' un trombone. :asd:

Peter Pan
26-09-2006, 18.30.38
Non è mica vero che solo il Papa ordina i vescovi. Anche un vescovo può ordinare vescovi, purchè abbia l'autorizzazione papale per farlo e la nomina sia poi sottoposta al placet pontificio.


Pertanto non è fatto per volontà del papa? ;)

Intendevo che un cardinale non può decidere di eleggere cardinali.

obscure
26-09-2006, 18.38.47
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/6/6c/Tot%C3%B2.jpg

mi saluti quel trombone di suo padre!


:look:

Pratti
26-09-2006, 18.39.42
Pertanto non è fatto per volontà del papa? ;)

Intendevo che un cardinale non può decidere di eleggere cardinali.
Mettiamola così: tu sei il responsabile del personale della mia ipotetica ditta. Cosa vuol dire questo? che io capo ti ho autorizzato ad assumere gente. E tu assumi chi cavolo piace a te!
Io capo intervengo solo quando la tua nomina non mi va bene.
Spero che adesso ti sia più chiaro
Ora la scelta di tizio o di caio può anche non dipendere dalla volontà del Papa, visto che lui deve confermare o meno la scelta fatta da altri.
Ti è chiara la differenza?

olliop
26-09-2006, 18.46.05
Adesso invece cosa? :mumble:

non conta niente invece...

DIAZE
26-09-2006, 18.48.07
Ripeto i vescovi nominati da Milingo sono dei http://home.earthlink.net/%7Etenorhorn/images/history/trombone/trombonium.jpg

olliop
26-09-2006, 18.48.07
Ma che cacchio vuol dire? Se sei vescovo te ne dovrebbe fregare... E' un provvedimento interno e personale, non puoi partecipare alle cose di Chiesa, mica lo scopo è il pubblico ludibrio...
Tipo quando sei militare e ti danno i giorni di consegna, sei tu che ti attacchi al tram.

non hai capito cosa intendo...dico che in altri tempi se avevi la scomunica venivi emarginato da ogni cosa,che sia politica,religiosa o sociale..mentre adesso solo da quella religiosa...senza contare che se l'ha fatto vuol dire che non gliene fregava molto della scomunica dato che era pressochè scontata...

Angelo75
26-09-2006, 18.58.18
Milingo? Un bel ban&sodom :asd:

Peter Pan
26-09-2006, 19.02.10
non conta niente invece...

Dipende dai punti di vista.


mentre adesso solo da quella religiosa...

Dillo a un cattolico praticante.
O a un prete, appunto.

Peter Pan
26-09-2006, 19.06.19
Mettiamola così: tu sei il responsabile al personale della mia ipotetica ditta. Cosa vuol dire questo? che io capo ti ho autorizzato ad assumere gente. E tu assumi chi cavolo piace a te!

Ok, ma questa è una cosa normale.

Quella che dici tu invece è una eccezione, che viene fatta sempre dietro autorizzazione del papa. E se non mi sbaglio, il vescovo non sceglie chi eleggere ma sempre che gli viene dalla Santa Sede l'indicazione. Credo.

Mi sembra che il tuo paragone non regga. :)



Ora la scelta di tizio o di caio può anche non dipendere dalla volontà del Papa, visto che lui deve confermare o meno la scelta fatta da altri.

E che c'entra la scelta del tizio? Questo è normale: anche al papa i vescovi glieli propongono altri, non è sempre lui a sceglierli.

E poiché come hai detto tu occorre sempre e comunque il benestare della Santa Sede, cioé del Papa, l'elezione dipende dalla volontà del Papa: se il papa non vuole, l'investitura non può avere luogo.

Pratti
26-09-2006, 19.09.56
Ok, ma questa è una cosa normale.

Quella che dici tu invece è una eccezione, che viene fatta sempre dietro autorizzazione del papa. E se non mi sbaglio, il vescovo non sceglie chi eleggere ma sempre che gli viene dalla Santa Sede l'indicazione. Credo.

Mi sembra che il tuo paragone non regga. :)



Non è vero: occorre sempre e comunque il benestare della Santa Sede, cioé del Papa.

:azz::azz:
Lasciamo perdere. Non mi voglio impelagare in altre discussioni legali qua. Cmq non è un'eccezione. Ad esempio in Italia il presidente della Cei ha una delega in tal senso e in pratica può nominare chi vuole, fatta salva ovviamente la conferma del Papa.

Stiamo dicendo quasi la stessa cosa.

bejita
26-09-2006, 19.36.02
peter pan, ti nomino vescovo dell'open space e cardinale di music zone, vai e moltiplicati

Peter Pan
26-09-2006, 19.45.00
fatta salva ovviamente la conferma del Papa.


Detto nulla.


peter pan, ti nomino vescovo dell'open space e cardinale di music zone, vai e moltiplicati

Del Music Zone lo ero già un anno prima che lo apreissero. :sisi:

fppiccolo
26-09-2006, 19.53.23
Milingo è un grande :hail:

Gi01
26-09-2006, 20.02.22
I cardinali possono nominare vescovi, e mi pare pure gli arcivescovi. Non ricordo, tuttavia, se è necessario un passaggio del papa; mi sembra solo qualche bollatura vaticana, ma non la firma di Ratzi.
Milingo (era) arcivescovo. Ma prima di tutto un coglione che tutto fa tranne che servire la chiesa in cui crede con tutti sti casini. Lo scandalo va bene una tantum, persistere è da bambini

BattleByzan53
26-09-2006, 20.06.23
ciao a tutti!
Comunque penso che la scomunica per Milingo è giustissima xchè è solo fonte di scandali (almeno per la chiesa cattolica).

Peter Pan
26-09-2006, 20.31.21
I cardinali possono nominare vescovi, e mi pare pure gli arcivescovi. Non ricordo, tuttavia, se è necessario un passaggio del papa; mi sembra solo qualche bollatura vaticana, ma non la firma di Ratzi.



Canone 351, #2: I Cardinali vengono creati con un decreto del Romano Pontefice, che viene reso pubblico davanti al Collegio dei Cardinali; dal momento della pubblicazione essi sono vincolati dai doveri e godono dei diritti definiti dalla legge (http://www.vatican.va/archive/ITA0276/__P19.HTM).


Cardinale è il termine che la Chiesa cattolica usa per indicare vescovi, presbiteri o diaconi che il papa chiama a collaborare con sé nella sua funzione di pastore della Chiesa universale. I cardinali nel loro insieme formano il collegio cardinalizio. (http://it.wikipedia.org/wiki/Cardinale_(cattolicesimo))

Scrockman
26-09-2006, 20.44.51
Qualunque vescovo può nominare altri vescovi, e nel caso i nominati fossero irregolari sono comunque, da un punto di vista carismatico, vescovi a tutti gli effetti. Possono praticare i sacramenti, ad esempio.
I cardinali possono essere sia sacerdoti che laici, e li decide il Papa.
I vescovi sono la "discendenza" degli apostoli, che hanno la capacità, e solo loro, di trasmettere il carisma agli altri sacerdoti, e agli altri vescovi.
Se non erro.

Peter Pan
26-09-2006, 21.21.02
Possono praticare i sacramenti, ad esempio.

Ma quello lo può fare anche un prete. :.:


I cardinali possono essere sia sacerdoti che laici,

Un laico fatto cardinale? Ma che stai dicendo? :roll3:

Per essere eletto cardinale devi essere investito sacerdote da almeno 5 anni... come fa ad esserlo un laico. :bah:



Se non erro.

:asd: per lo meno hai il dubbio.

BESTIA_kPk
26-09-2006, 21.31.15
Milingo può fondarsi la sua religione, ora.

Anni fa assistetti a una sua mmmm manifestazione? raduno? non so come chiamarlo, c'erano migliaia di persone ad ascoltarlo.
Non ricordo nulla tranne il modo curioso di parlare :D

Esci da Lì, si tù: bejita posseduto da te stesso: ESCI!!!! VIENI FUORI ALLA LUCE DEL GIORNOOo00000oooòòòòò : preghiere&litanie+chain/loop :

Non basta?? ... allora sia:
http://moshiko654wwe.goop.co.il/GoopSitesFiles/6294/User/Upload/UNDERTAKER-TOMBSTONE.jpg

un bel Tombstone piledriver fatto sull'acquasanta, con croci rovesciate che vengono raddrizzate :metal:

Scrockman
26-09-2006, 21.32.33
Ma quello lo può fare anche un prete. :.:

Il vescovo è un prete. Ma un prete può essere vescovo, se nominato.




Un laico fatto cardinale? Ma che stai dicendo? :roll3:

Per essere eletto cardinale devi essere investito sacerdote da almeno 5 anni... come fa ad esserlo un laico. :bah:
Ne sei proprio sicuro..?
A me pare proprio che possa tranquillamente essere così. tant'è che se nella remotissima circostanza in cui venisse eletto papa un laico, dato che l'esser cardinale è condizione inevitabile, prima il laico viene creato cardinale e poi papa.




:asd: per lo meno hai il dubbio.

Di solito sì, infatti http://it.wikipedia.org/wiki/Cardinale_(cattolicesimo), in cui si dice che cardinale può diventare anche un diacono (cioè un non-sacerdote, ma più di un laico).
Mi ero espresso male, ma 'sta cosa dei cinque anni di sacerdozio non so dove l'hai presa.

:uiui:(..?)

Pratti
26-09-2006, 21.34.32
Per essere eletto cardinale devi essere investito sacerdote da almeno 5 anni... come fa ad esserlo un laico. :bah:



:asd: per lo meno hai il dubbio.

invece tu i dubbi non te li metti eh?
cardinale può essere nominato chiunque abbia almeno l'ordine del presbiterato e non c'entra niente se lo era da 5 anni o da un giorno. Peraltro il codice canonico ha recepito una consuetudine, visto che fino a non tanto tempo fa anche i laici teoricamente potevano essere nominati cardinali.
Viceversa il Papa può anche essere un laico.

Peter Pan
26-09-2006, 21.41.17
invece tu i dubbi non te li metti eh?

Sì, e mi servono a giungere alla conoscenza.
Quando l'ho raggiunta non devo continuare ad averli solo perché voi vi ostinate a ignorare anche le fonti che vi cito e date per scontato che io non sappia un cazzo di ciò che dico anche quando mai una volta avete dimostrato il contrario.

Come stai facendo tu adesso che continui a sostenere il contrario di ciò che dicono le fonti che fornisco.




cardinale può essere nominato chiunque abbia almeno l'ordine del presbiterato e non c'entra niente se lo era da 5 anni o da un giorno.

Il Codice canonico dice diversamente:

I requisiti richiesti sono: una buona reputazione, almeno 35 anni di età, una fede salda, spiccate virtù umane, essere presbitero da almeno 5 anni, avere una dimostrata competenza in sacra scrittura, teologia o diritto canonico. (http://www.dirittocanonico.com/sito/modules/news/article.php?storyid=31)

Poi fai tu, statti convinto di quello che vuoi. :rolleyes:

Peter Pan
26-09-2006, 21.45.39
il Papa può anche essere un laico.


Dai siamo alle barzellette adesso. :roll3:

Se il Papa viene eletto tra i cardinali (che laici non sono) come può essere laico il papa? :azz:

olliop
26-09-2006, 21.49.50
che esperti ragazzi...io manco so cos'è un presbitero...si scrive così vero?:angel2:

Mister X
26-09-2006, 21.49.52
Can. 332 - §1. Il Sommo Pontefice ottiene la potestà piena e suprema sulla Chiesa con l'elezione legittima, da lui accettata, insieme con la consacrazione episcopale. Di conseguenza l'eletto al sommo pontificato che sia già insignito del carattere episcopale ottiene tale potestà dal momento dell'accettazione. Che se l'eletto fosse privo del carattere episcopale, sia immediatamente ordinato Vescovo.

Ergo può anche non essere un Vescovo...

olliop
26-09-2006, 21.51.53
Se il Papa viene eletto tra i cardinali (che laici non sono) come può essere laico il papa? :azz:

:mumble: nn fa una grinza sto ragionamento...effettivamente....:asd:

Peter Pan
26-09-2006, 21.57.38
Can. 332 - §1. Il Sommo Pontefice ottiene la potestà piena e suprema sulla Chiesa con l'elezione legittima, da lui accettata, insieme con la consacrazione episcopale. Di conseguenza l'eletto al sommo pontificato che sia già insignito del carattere episcopale ottiene tale potestà dal momento dell'accettazione. Che se l'eletto fosse privo del carattere episcopale, sia immediatamente ordinato Vescovo.

Ergo può anche non essere un Vescovo...

Scusami, ma la sai la differenza tra vescovo e cardinale?

Uno può essere cardinale anche senza essere vescovo.

Essendo i cardinali l'insieme di: vescovi, presbiteri e diaconi.

L'articolo che hai citato si riferisce al caso in cui si elegga un cardinale che non è vescovo, ma che ad esempio è presbitero. Allora si provvede a "promuoverlo sul campo".

Detto questo, chi ha mai detto che dev'essere necessariamente vescovo? Si sta parlando del fatto che fosse o meno laico.

Che possa non essere vescovo non vuol dire che possa essere laico.

Può anche non essere vescovo ed esserlo eletto per assumere la carica di ponetifce.
Ma tra il non essere vescovo e l'essere laico c'è una differenza sostanziale che si chiama sacerdozio.
Abbiamo detto prima che per essere eletto vescovo ha bisogno di essere ordinato sacerdote.

Mettiamola così: come può essere eletto vescovo uno che non è mai stato sacerdote?

_Fred_
26-09-2006, 22.06.29
...CUT...



Ne sei proprio sicuro..?
A me pare proprio che possa tranquillamente essere così. tant'è che se nella remotissima circostanza in cui venisse eletto papa un laico, dato che l'esser cardinale è condizione inevitabile, prima il laico viene creato cardinale e poi papa.

...CUT...



Questo lo avevo sentito anch'io (il fatto di eleggere un laico) quando, prima della nomina di Ratzinger, c'era il toto-papa...

Per un pò mi sono detto: "Ehi se le cose stanno così, anch'io potrei diventare Papa..." :asd: Poi mi son detto "mi sai che stai studiando troppo" e ho scacciato quel pensiero dalla mente. :asd:

Pratti
26-09-2006, 22.13.29
I requisiti richiesti sono: una buona reputazione, almeno 35 anni di età, una fede salda, spiccate virtù umane, essere presbitero da almeno 5 anni, avere una dimostrata competenza in sacra scrittura, teologia o diritto canonico. (http://www.dirittocanonico.com/sito/modules/news/article.php?storyid=31)

Poi fai tu, statti convinto di quello che vuoi. :rolleyes:

Ma cosa vuoi che ti dica, hai ragione tu....
Quello da te linkato parla dei requisiti per essere nominati vescovi ovvero il canone 378:
Per l'idoneità di un candidato all'episcopato, si richiede che: 1) sia eminente per fede salda, buoni costumi, pietà, zelo per le anime, saggezza, prudenza e virtù umane, e inoltre dotato di tutte le altre qualità che lo rendono adatto a compiere l'ufficio in questione; 2) goda di buona reputazione; 3) abbia almeno trentacinque anni di età; 4) sia presbitero almeno da cinque anni; 5) abbia conseguito la laurea dottorale o almeno la licenza in sacra Scrittura, teologia o diritto canonico in un istituto di studi superiori approvato dalla Sede Apostolica, oppure sia almeno veramente esperto in tali discipline.

Io parlavo dei requisiti per essere cardinali, ovvero il canone 351:
. Ad essere promossi Cardinali vengono scelti liberamente dal Romano Pontefice uomini che siano costituiti almeno nell'ordine del presbiterato, in modo eminente distinti per dottrina, costumi, pietà e prudenza nel disbrigo degli affari; coloro che già non siano Vescovi, devono ricevere la consacrazione episcopale.

Quello che tu non vuoi capire è che io non parlo per sentito dire o perché ho googlato due o tre articoli di legge, ma perché le cose le ho studiate.

Lasciami collegare lo scanner e ti sputtano anche per quanto riguarda il Papa. Direttamente dal manuale di diritto canonico.

Quando è troppo è troppo.

Pratti
26-09-2006, 22.51.41
Dai siamo alle barzellette adesso. :roll3:

Se il Papa viene eletto tra i cardinali (che laici non sono) come può essere laico il papa? :azz:

http://img268.imageshack.us/img268/9981/untitledcj3.th.jpg (http://img268.imageshack.us/my.php?image=untitledcj3.jpg)

http://img182.imageshack.us/img182/2935/img002mi8.th.jpg (http://img182.imageshack.us/my.php?image=img002mi8.jpg)
Dalle ultime righe della prima pagine.
:hello:

Per i più pigri: Si avverta che, sebbene da molti secoli il papa venga di fatto scelto nell'ambito del collegio cardinalizio, può essere eletto qualunque battezzato, anche laico, di sesso maschile e dotato dell'uso di ragione che non rifiuti o metta in dubbio le verità della fede (eretico) e non sia separato dalla Chiesa cattolica (scismatico)

Di0
26-09-2006, 23.49.21
Dai siamo alle barzellette adesso. :roll3:

Se il Papa viene eletto tra i cardinali (che laici non sono) come può essere laico il papa? :azz:

Veramente, l'avevo sentita anche io. Più che altro, quella che fosse esso stesso all'interno del Collegio dei Cardinali è una consuetudine, anche in virtù del fatto che essendo loro a votare, votano uno di loro stessi: garanzia di qualità e affidabilità.
Infatti avevo mandato un'email al vaticano chiedendo di farmi papa e illustrando il mio programma. (davvero!). :asd:



Quello che tu non vuoi capire è che io non parlo per sentito dire o perché ho googlato due o tre articoli di legge, ma perché le cose le ho studiate.

Ma statti zitto. Lui parla sempre per esperienza personale. :asd:

Peter Pan
27-09-2006, 01.17.45
Ma cosa vuoi che ti dica, hai ragione tu....
Quello da te linkato parla dei requisiti per essere nominati vescovi ovvero il canone. Io parlavo dei requisiti per essere cardinali

Il vescovo è un cardinale.



Io parlavo dei requisiti per essere cardinali,


Io no. Ci siamo solo fraintesi su questo punto.
Perché io stavo rispondendo alla questione dei laici che non possono essere fatti cardinali. Non stavo facendo distinzione tra cardinali e vescovi, cosa che invece hai fatto tu parlando degli anni di sacerdozio necessari. Il mio errore è stato prendere in considerazione il canone sui vescovi anziché sui cardinali.



Ad essere promossi Cardinali vengono scelti liberamente dal Romano Pontefice uomini che siano costituiti almeno nell'ordine del presbiterato, in modo eminente distinti per dottrina, costumi, pietà e prudenza nel disbrigo degli affari; coloro che già non siano Vescovi, devono ricevere la consacrazione episcopale.

Quindi riconfermi quanto stavo dicendo io: i laici non possono essere fatti cardinali.


Quello che tu non vuoi capire è che io non parlo per sentito dire o perché ho googlato due o tre articoli di legge, ma perché le cose le ho studiate.

Anche io.


Lasciami collegare lo scanner e ti sputtano anche per quanto riguarda il Papa. Direttamente dal manuale di diritto canonico.

Quando è troppo è troppo.

Bene, su questo prendo atto che avevi ragione tu.

Vantarti per avermi "s§§§§§§§to" mi sembra però solamente una sbruffonata infantile: per una cosa che hai azzeccato. :asd:



Ma statti zitto. Lui parla sempre per esperienza personale. :asd:


Ma statti zitto tu, che almeno io l'esperienza personale ce l'ho e non puzzo ancora di latte come te, che fino ad ora non avrai capito una cippa di quanto abbiamo detto: torna a spammare che ti riesce meglio :asd:

Scrockman
27-09-2006, 01.44.55
Il vescovo è un cardinale.

Non è il contrario, scusa..?:doubt:






Perché io stavo rispondendo alla questione dei laici che non possono essere fatti cardinali.

Ripeto: mi ero sbagliato, definendo laico il diacono (che laico non è) intendendo che non può consacrare l'Eucarestia. Come dice qui, paragrafo quattro (http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/audiences/alpha/data/aud19931013it.html).

A 'sto punto, però, mi sorge un dubbio: esistono i cardinali diaconi, qma pratti dice anche


Io parlavo dei requisiti per essere cardinali, ovvero il canone 351:
. Ad essere promossi Cardinali vengono scelti liberamente dal Romano Pontefice uomini che siano costituiti almeno nell'ordine del presbiterato, in modo eminente distinti per dottrina, costumi, pietà e prudenza nel disbrigo degli affari; coloro che già non siano Vescovi, devono ricevere la consacrazione episcopale.

I diaconi stanno prima dei presbiteri.

Dov'è che mi incarto?

Peter Pan
27-09-2006, 02.01.47
Non è il contrario, scusa..

No. Il vescovo è un cardinale.


I diaconi stanno prima dei presbiteri.

Dov'è che mi incarto?

La gerarchia dall'alto verso il basso è:


cardinali vescovi
cardinali presbiteri
cardinali diaconi


Ti incarta il fatto che i cardinali presbiteri sono una cosa, i presbiteri un'altra.
Ci sta più o meno la stessa differenza che c'è tra un maggiore e un caporal maggiore.
Per uomini che siano costituiti almeno nell'ordine del presbiterato si intendono coloro che sono ordinati presbiteri.
Presbitero: chi è investito della dignitò di sacerdote (http://www.demauroparavia.it/86500), quindi i preti cattolici (e specifico giacché la semplice parola prete può indicare il ministro di altre confessioni religiose).

Scrockman
27-09-2006, 02.35.28
No. Il vescovo è un cardinale.

Dimostramelo.
Io so che il cardinale è (o può essere, fin quando non ho chiara la faccenda dei diaconi) un vescovo.
Ma che un vescovo non è necessariamente un cardinale. Anche perché di vescovi ne è pieno il mondo, di cardinali ce n'è un numero fisso. Sono due cariche con due funzioni diverse.




La gerarchia dall'alto verso il basso è:


cardinali vescovi
cardinali presbiteri
cardinali diaconi


E fin qui ci siamo...




Ti incarta il fatto che i cardinali presbiteri sono una cosa, i presbiteri un'altra.
Ci sta più o meno la stessa differenza che c'è tra un maggiore e un caporal maggiore.
Per uomini che siano costituiti almeno nell'ordine del presbiterato si intendono coloro che sono ordinati presbiteri.
Presbitero: chi è investito della dignitò di sacerdote (http://www.demauroparavia.it/86500), quindi i preti cattolici (e specifico giacché la semplice parola prete può indicare il ministro di altre confessioni religiose).

Mi incarta così:

Ammesso sia vero che


cardinale vescovo = fu solo vescovo ora anche cardinale
cardinale presbitero = fu solo presbitero ora anche cardinale
cardinale diacono = fu solo diacono ora anche cardinale


e ammesso sia vero che un vescovo è sacerdote (in quanto discendente "carismatico" degli apostoli), mentre un diacono no

e ammesso infine che Ad essere promossi Cardinali vengono scelti liberamente dal Romano Pontefice uomini che siano costituiti almeno nell'ordine del presbiterato, in modo eminente distinti per dottrina, costumi, pietà e prudenza nel disbrigo degli affari; coloro che già non siano Vescovi, devono ricevere la consacrazione episcopale.

mi chiedo: perché si chiamano cardinali diaconi se devono essere costituiti almeno tra i presbiteri?
La parola "diacono" assume valenze diverse se inteso semplicemente e se inteso come cardinale? Nel senso che: non tradisce l'ordine di provenienza?

Spero di esser stato chiaro. Fatemi capire dove toppo, o siate miei compagni di incartamento.:uiui:

EDIT: io chiamo Agrippa, :sisi:

Peter Pan
27-09-2006, 04.22.48
Dimostramelo.
Io so che il cardinale è (o può essere, fin quando non ho chiara la faccenda dei diaconi) un vescovo.


Non solo. Può anche essere un presbitero o un diacono.


Allora... credo di aver capito qual'è l'inghippo.

Resetta tutto quello che ho detto e ricominciamo con calma, perché mi sono inceppato anche io con i termini.


Dunque....

Il cardinalato non è un ordine, ma un incarico dignitario.
Non si viene investiti cardinali, ma si viene nominati.
Ordini sono invece i presbiteri e i diaconi.

Poi ci sono i vescovi, che sono i prelati incaricati dal papa di amministrare una diocesi.

Per essere nominato cardinale devi essere o vescovo, o presbitero o diacono.

Il vescovo è un prelato che ha l'incarico di amministrare una diocesi. Viene elevato dai presbiteri, quindi è un sacerdote.
Il presbitero è colui che è stato ordinato sacerdote. Viene elevato dai diaconi.
Il diacono è un ministro che non è ancora ordinato sacerdote e quindi ha un ministero limitato.

Soffermiamoci su questa figura del diacono perché è quella che credo sia fonte di fraintendimento.
Molti associano la figura del diacono a quella del ministro laico.
Questo è vero nelle confessioni protestanti, o nel Cattolicesimo del passato.
Ma con il Concilio Vaticano II viene istituito il diaconato permanente, ed è ordinato all'interno della Chiesa.
Quindi mi sembra di capire che per la Chiesa moderna un diacono non è più laico, ma è ordinato: egli non ha ancora preso i voti, ma non è più laico.

la dottrina cattolica insegna che i gradi di partecipazione sacerdotale (episcopato e presbiterato) e il grado di servizio (diaconato) sono tutti e tre conferiti mediante un atto sacramentale chiamato 'ordinazione', cioè dal sacramento dell'Ordine" (CCC, 1554). Mediante l'imposizione delle mani del Vescovo e la specifica preghiera di consacrazione, il diacono riceve una peculiare configurazione a Cristo [...] In virtù del sacramento ricevuto, viene impresso un carattere spirituale indelebile, che segna il diacono in modo permanente e proprio come ministro di Cristo. Egli non è più, di conseguenza, un laico (http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/speeches/1996/documents/hf_jp-ii_spe_19951130_cong-clergy_it.html)

Il Collegio dei Cardinali è nominato dal papa. Egli può scegliere tra vescovi, presbiteri e diaconi. Pertanto i diaconi che sono eletti cardinali non sono laici, poiché sono ordinati.
Quindi: i cardinali non possono essere laici.



Ma che un vescovo non è necessariamente un cardinale.


Esatto: se mi poni la domanda in questo modo capisco cosa vuoi sapere.:D

Un vescovo non è necessariamente un cardinale.


e ammesso sia vero che un vescovo è sacerdote (in quanto discendente "carismatico" degli apostoli)


No, è sacerdote perché ha preso i voti, non perché discendente. Se mai, la discendenza è una conseguenza dell'ordinazione, non il contrario.


mentre un diacono no



Esatto: il diacono non ha ancora preso i voti del sacerdozio.


perché si chiamano cardinali diaconi se devono essere costituiti almeno tra i presbiteri?

Perché non sono i cardinali ad essere presi tra i presbiteri, ma i vescovi.

Il casino è nato perché io parlavo di una cosa (dei cardinali vescovi) e Pratti di un'altra (dei cardinali). E s'è fatta una purea di cose.



Ricapitoliamo.

Ci sono tre ordini: due di partecipazione sacerdotale (vescovi e presbiteri, entrambi sacerdoti) e uno di servizio (diaconi).

Il papa nomina i 136 cardinali.
Per nominarli pesca tra i vescovi, tra i presbiteri e tra i diaconi.
Quando questi sono nominati cardinali, essi prendono il nome di cardinale vescovo, cardinale presbitero e cardinale diacono.

Il sostantivo "cardinali" deriva dal fatto che in passato essi erano chiamati a servire in modo fisso ("incardinati") all'interno dell'Urbe.

Spero che con questo si sia chiarito tutto.

Pratti
27-09-2006, 05.21.28
Minchia!! mi sveglio alle 5 del mattino e che trovo? ancora discussioni di diritto canonico. :asd:
Non c'è modo migliore per iniziare la giornata che scrivere un trattato di diritto canonico:uiui:

Non voglio leggere quello che ha scritto il buon Peter comunque abbiamo partendo dal basso:

ordini minori: originariamente erano 3 ( lettorato, esorcistato e accolitato) oggi ridotti a due ( lettorato e accolitato). Possono accedervi tutti i maschi di sesso maschile purché battezzati ed originariamente questo era il primo gradino del sacerdozio ( adesso non più).

ordini maggiori: diaconato, presbiterato, episcopato.

Diaconi. E' il primo gradino per diventare sacerdoti, infatti coloro che sono destinati al sacerdozio aka presbiterato vi passano qua solo pochi mesi. Tuttavia possonoo diventare diaconi anche uomini maturi che vivono nel matrimonio oppure giovani non sposati. Per cui capita questo se non sei sposato e diventi diacono devi fare voto di castità, viceversa puoi rimanere sposato. Tuttavia a questi ultimi è precluso ogni ulteriore avanzamento nella carriera.

I presbiteri non sono altro che i sacerdoti che hanno appunto ricevuto il sacramento dell'ordine detto appunto presbiterato.

Gli episcopi non sono altro che i vescovi e possono essere solo dei sacerdoti con almeno 5 anni di anzianità.

I cardinali invece non sono altro che delle persone di particolare saggezza etc etc che aiutano il papa nello svolgimento dei suoi compiti. E possono essere chiamati a svolgere la funzione tutti i maschi, battezzati purchè almeno diaconi, con esclusione di quelli sposati.
La storia degli ordini non è legata alla loro provenienza, cioè un cardinale diacono non vuol dire che proviene dal diaconato e così via. Significa che gli è stata data una diaconia. In particolare abbiamo:
Cardinale diacono= diaconia
Cardinale presbitero= titolo di una diocesi a roma
Cardinale episcopo= titolo di una diocesi suburbicaria cioè vicina a Roma.
Qua (http://it.wikipedia.org/wiki/Titolo_cardinalizio) trovi a cosa corrisponde ciascun titolo.

Poi abbiamo le varie conferenze, provincie , collegi e lazzi e mazzi ma è una storia troppo lunga.

@Peter non ho voglia di quotarti. Solo ti faccio notare che io non ho mai affermato che i cardinali possano essere anche laici, ma che anche tu ha scritto qualche imprecisione ( e cioè che cardinali potevano essere solo sacerdoti con 5 anni di esperienza) e che quindi invece di correggere gli altri con troppa sicurezza,avresti dovuto porti con un atteggiamento più cauto. Tutto qua.
Peace &love:Palka:

agrippa
27-09-2006, 08.56.56
Considerando che l'unico che può fare i vescovi è il papa, mi sembra il minimo che lui abbia scelto trombanti :asd:

Buongiorno. Sono nuovo e mi inserisco nel dibattito.
Anche i vescovi, nella Chiesa cattolica, possono consacrare degli altri vescovi. Ci mancherebbe, che debba essere sempre il Papa a farlo!
Solo che mons. Milingo ha ordinato come vescovi quattro preti che erano già sposati. Ecco l'inghippo.

Brian O'Blivion
27-09-2006, 09.12.55
Milingo ha ordinato come vescovi quattro preti che erano già sposati. Ecco l'inghippo.

Sposati,mica stupratori o pedofili...frate bisceglie,ad esempio,continua a tenere il saio,lo hanno solo trasferito,ma stia attento:in Corsica gli fanno la pelle in un amen:asd:

obscure
27-09-2006, 09.57.45
mi sto a fa na cultura di diritto canonico :look:

oh ma il topic non era aperto per lollare su milingo? perchè ora ce "lezioni di diritto canonico for dummies" ?

:asd: :asd:

Scrockman
27-09-2006, 10.41.20
Grazie, pratti, tu si che mi hai fatto capire!
Non come Peter che mi quota un pensiero spezzandolo e ripetendomi cose che già so e già dette, oppure mi fa le pulci a una frase in cui l'ovvietà era data per scontata...:asd:




P.S.: Ciao, Agri'!:D

BVZM
27-09-2006, 10.59.26
Come posso incorrere in una scomunica ecumenica?
Vorrei essere messo al bando da tutte e tre le grandi religioni monoteiste in un sol colpo, senza commettere nulla di fisico, ovviamente, ma solo con una dichiarazione. Posso?
Poi per i rimanenti culti mi attrezzerò.

Scrockman
27-09-2006, 11.06.31
Come posso incorrere in una scomunica ecumenica?
Vorrei essere messo al bando da tutte e tre le grandi religioni monoteiste in un sol colpo, senza commettere nulla di fisico, ovviamente, ma solo con una dichiarazione. Posso?
Poi per i rimanenti culti mi attrezzerò.

Non lo so, ma puoi metterle al bando tu e scomunicare loro.:sisi:

E comunque hai dimenticato di linkare a http://www.uaar.it (http://www.uaar.it/), :tsk:.

DIAZE
27-09-2006, 11.10.16
Come posso incorrere in una scomunica ecumenica?
Vorrei essere messo al bando da tutte e tre le grandi religioni monoteiste in un sol colpo, senza commettere nulla di fisico, ovviamente, ma solo con una dichiarazione. Posso?
Poi per i rimanenti culti mi attrezzerò.

Di questi tempi è poco salutare.

bejita
27-09-2006, 11.10.58
con croci rovesciate che vengono raddrizzate :metal:

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO :mecry:

Peter Pan
27-09-2006, 11.17.58
@Peter non ho voglia di quotarti.


Non serve: alla fine hai ribadito le cose che ho detto io nell'ultimo post. ;)


Solo ti faccio notare che io non ho mai affermato che i cardinali possano essere anche laici, ma che anche tu ha scritto qualche imprecisione


Lo so che non sei tu ad aver detto dei cardinali laici, rispondevo ad altri.
E lo so anche di essere stato impreciso in alcuni punti. Ne ho preso atto.



Buongiorno. Sono nuovo e mi inserisco nel dibattito.


Si ok, potevi benissimo leggere quanto abbiamo detto fino ad ora anziché ricominciare tutto dall'inizio vanificando ore di conversazione ;)


Anche i vescovi, nella Chiesa cattolica, possono consacrare degli altri vescovi.

Solo se sia il papa a confermarlo, a quanto s'è capito fino ad ora. :)

Peter Pan
27-09-2006, 11.19.38
Grazie, pratti, tu si che mi hai fatto capire!
Non come Peter


Fottiti. :dentone: Se sei lento di comprendonio da me che vuoi? :asd:

DIAZE
27-09-2006, 11.24.27
... da me che vuoi? :asd:

L'investitura a vescovo!

Daniel_san
27-09-2006, 11.25.55
Milingo è stato scomunicato (http://www.ansa.it/opencms/export/main/visualizza_fdg.html_1994669021.html). :eek2:


Ed io che lo volevo come prossimo papa! :mecry:

E' proprio vero che la sorca dà alla testa... :asd:

Brian O'Blivion
27-09-2006, 11.45.59
L'investitura a vescovo!

Killo picciotto t'investe e basta:asd:

DIAZE
27-09-2006, 11.49.11
Killo picciotto t'investe e basta:asd:

:asd:


Il traffico!
Il vero probema a Palermo è il traffico.

Peter Pan
27-09-2006, 12.35.44
Killo picciotto t'investe e basta

Sì, in borsa!

Di0
27-09-2006, 13.53.02
Come posso incorrere in una scomunica ecumenica?


Secondo i nostri calcoli, l'unico metodo è negare l'assunzione in cielo della Madonna. Io l'ho fatto, ho scritto un'email a Ratzinger ma non è successo nulla. :|

_Fred_
27-09-2006, 14.07.19
...CUT...negare l'assunzione in cielo della Madonna. ...CUT...

Magari non c'erano posti di lavori disponibili... sai con la crisi del lavoro che c'è oggi, bisogna avere un santo in paradiso... :asd: :asd: :asd:

agrippa
27-09-2006, 15.04.20
Secondo i nostri calcoli, l'unico metodo è negare l'assunzione in cielo della Madonna. Io l'ho fatto, ho scritto un'email a Ratzinger ma non è successo nulla. :|

A parte gli scherzi, avete mai pensato al fatto che, se ci fosse stata la tomba della Madonna - cioè se Maria non fosse stata trasportata in Cielo anima e corpo, al momento del suo trapasso - essa sarebbe sicuramente diventata un luogo per innumerevoli pellegrinaggi, e ciò fin dai primi anni del Crtistianesimo?
Il fatto che non esista il sepolcro dove giacciono le spoglie della Vergine, è un indizio (non una prova) che l'Assunzione c'è stata.

:angel2:

Di0
27-09-2006, 15.13.32
A parte gli scherzi, avete mai pensato al fatto che, se ci fosse stata la tomba della Madonna - cioè se Maria non fosse stata trasportata in Cielo anima e corpo, al momento del suo trapasso - essa sarebbe sicuramente diventata un luogo per innumerevoli pellegrinaggi, e ciò fin dai primi anni del Crtistianesimo?
Il fatto che non esista il sepolcro dove giacciono le spoglie della Vergine, è un indizio (non una prova) che l'Assunzione c'è stata.

:angel2:

No problemo. Non sono interessato minimamente alla questione, solo che essendo l'assuzione in cielo della madonna un pronunciamento ex cathedra petri di non mi ricordo qualle papa, negandola la scomunica dovrebbe essere immediata. Non mi interessa, ovviamente, l'aspetto intrinseco della questione, ma solo il risultato formale: cioè la mia scomunica. :asd:

Brian O'Blivion
27-09-2006, 15.20.10
A parte gli scherzi, avete mai pensato al fatto che, se ci fosse stata la tomba della Madonna - cioè se Maria non fosse stata trasportata in Cielo anima e corpo, al momento del suo trapasso - essa sarebbe sicuramente diventata un luogo per innumerevoli pellegrinaggi, e ciò fin dai primi anni del Crtistianesimo?
Il fatto che non esista il sepolcro dove giacciono le spoglie della Vergine, è un indizio (non una prova) che l'Assunzione c'è stata.

:angel2:

Io tengo la gente che fa la processione per ricevere un saluto o una benedizione e sono ancora vivo:metal:

agrippa
27-09-2006, 15.51.08
Se permettete, un breve riepilogo.

1) Il Papa può essere scelto anche al di fuori dei cardinali, sia di quelli presenti in Conclave (con meno di 80 anni) sia degli altri rimasti fuori.
Anzi, in questo rarissimo caso (elezione del Pontefice di persona, cardinale o no, che non si trovi nella Cappella Sistina) è prevista per sommi capi la procedura. Occorre che un emissario esca dalla Cappella, raggiunga il derstinatario e lo accompagni, in grande segreto, avanti ai suoi elettori. Infatti perchè l'elezione sia valida occorre l'accettazione dell'eletto. Come può farlo se non è presente, davanti al collegio cardinalizio? Se l'eletto accetta, e non è già vescovo, il decano del Sacro collegio lo eleva subito a vescovo, dopodichè egli diventa pontefice a tutti gli effetti ( = Vescovo di Roma).

2) I tre ordini del cardinalato, vescovi, presbiteri e diaconi, sono solo nominali, e si riallacciano a situazione storiche della diocesi di Roma, oggi non più in atto. Ogni cardinale, anche se risiede in Nuova Zelanda o a Timbuctù, dev'essere "incardinato" ad una chiesa romana, di cui assume il titolo. Ma è solo una consuetudine, piacevole e fantasiosa, ma senza nessun obbligo o legame.

3) Tradizionalmente i cardinali hanno delle incombenze legate, per alcuni, alla loro appartenenza a uno dei tre ordini. Per esempio il primo dei cardinali diaconi, cioè il cardinale diacono con più anzianità di nomina - il cosiddetto Protodiacono - è la persona che ha il privilegio di annunziare al mondo il nome del nuovo Pontefice ("Habemus Papam!"). Un anno fa è stato il cardinale cileno Estevez Medina ad annunciare l'elezione di Benedetto XVI.
Mentre l'ultimo dei diaconi, quello nominato dal precedente Papa in data più recente, ha l'onere di aprire e chiudere, con apposite chiavi, le porte della Cappella Sistina, durante (appunto) il CONCLAVE, e presiedere all'abbruciamento nella famosa stufa delle schede usate per la votazione, dopo il loro regolare scrutinio e il controllo successivo.

4) I cardinali, che sono attualmente circa 185, e dei quali solo 120 possono entrare in un eventuale Conclave, sono delle cariche non amministrative. Essi sono principalmente gli elettori del Papa; ricoprono, durante la Sede vacante la funzione di governare l'interregno (per esempio esercitano i poteri di Capo dello Stato nello Stato della Città del Vaticano); sono i collaboratori e i consiglieri del Pontefice, che spesso li riunisce nei Concistori, per ascoltare i loro pareri, che non sono vincolanti.

5) I vescovi, invece (alcuni di loro sono anche cardinali) sono coloro che amministrano, guidano, presiedono una diocesi. Se la diocesi è grande, è detta arcidiocesi, e il capo è un arcivescovo. I vescovi sono migliaia in tutto il mondo, e possono anche non presiedere una diocesi, ma lavorare al servizio di altri prelati, in Santa Sede o anche fuori.
Il fatto che spessissimo i vescovi siano confusi con i cardinali, dalla gente non approfondita in questa materia, è forse provocato dall'abbigliamento, quanto mai simile: rosso per i cardinali e violaceo per i vescovi o i monsignori.

6) Fino a pochi lustri fa poteva essere nominato cardinale anche un semplice sacerdote, che tale rimaneva. E' il caso di padre Bevilacqua, creato cardinale da Paolo VI, suo discepolo negli anni Venti, e rimasto fino alla morte semplice sacerdote. Poi è stata cambiata la legge: il cardinale che non è vescovo dev'essere subito nominato vescovo, appena dopo l'avvento al cardinalato.
Questo, anche se appartiene all'ordine (nominale) dei diaconi o dei presbiteri.

7) C'è, da ultimo, anche il caso che il Papa, che ha un potere effettivo immenso, possa declassare un cardinale, togliendogli il titolo. E' successo nel 1927, al cardinale francese Louis Billot, che aveva osato mandare un telegramma di appoggio ad una rivista francese, punita dal pontefice Pio XI, per alcune affermazioni. Il Papa lo convocò a Roma e, durante una brevissima udienza, gli tolse la carica di cardinale, e lo restituì a quella di semplice sacerdote! Senza comunque scomunicarlo.

Scherzi da prete!
:hail: :grev: :mad:

Peter Pan
27-09-2006, 16.02.32
Il fatto che non esista il sepolcro dove giacciono le spoglie della Vergine, è un indizio (non una prova) che l'Assunzione c'è stata.


E non può essere invece che non si sappia dove sia il sepolcro di Maria perché all'epoca della sua morte nessuno aveva interesse a annotarsi e a tramandare ai posteri la sua collocazione?

Del resto il culto mariano si è andato definendo nei secoli successivi, ma al momento della sua morte e fino a qualche secolo dopo Maria era solo la "Madre di Gesù", come dice Giovanni che se non ricordo male è il più antico degli evangelisti e da molti considerato quindi il più affidabile.
La santità della Madonna mi risulta sia stata stabilita solo in epoca successiva, secondo molti teologi proprio per quel meccanismo della Chiesa di assimilare le culture dei popoli pagani con i quali veniva in contatto per poterli meglio convertire.
E infatti il culto della Vergine è ben più antico di Maria stessa.

Di0
27-09-2006, 18.32.42
torna a spammare che ti riesce meglio
:asd:
e fino ad adesso cos'ho fatto? :asd:


Comunque, scherzi a parte: è vera la storia che anche io posso essere eletto Papa? Se sì, per la morte di questo mi devo preparare meglio.

Peter Pan
27-09-2006, 18.57.37
Milingo respinge la scomunica: ha aggiunto di avere agito "come gli apostoli", nel nominare i vescovi, ed ha esortato papa Benedetto XVI a riaccogliere i preti sposati nella Chiesa cattolica. (http://www.rainews24.rai.it/Notizia.asp?NewsID=64392)

Brian O'Blivion
27-09-2006, 20.50.24
Milingo respinge la scomunica: ha aggiunto di avere agito "come gli apostoli", nel nominare i vescovi, ed ha esortato papa Benedetto XVI a riaccogliere i preti sposati nella Chiesa cattolica. (http://www.rainews24.rai.it/Notizia.asp?NewsID=64392)

Ha aggiunto,grossomodo,che il foglio di scomunica vale quanto un pizzino di provenzano:asd:

Di0
27-09-2006, 20.51.59
Cioè, adesso davvero si può "respingere" una scomunica? :asd:

Soprattutto il passaggio (dall'articolo di Peter ;)): amorevolmente la rimandiamo al nostro amato Santo Padre; non capisco se sia da interpretarsi come:
- Gliela rimandiamo indietro che può pure sbattersela nel...
oppure come:
- Te la rimando e ti scomunico a mia volta (nel diritto canonico si dice chiaramente che vale l'antico principio dello Specchio Riflesso, faccia da Cesso. :asd:).

Tutto molto bello, perché c'è tanto amore tra i due!

agrippa
27-09-2006, 21.21.52
Cioè, adesso davvero si può "respingere" una scomunica? :asd:

Soprattutto il passaggio (dall'articolo di Peter ;)): amorevolmente la rimandiamo al nostro amato Santo Padre; non capisco se sia da interpretarsi come:
- Gliela rimandiamo indietro che può pure sbattersela nel...
oppure come:
- Te la rimando e ti scomunico a mia volta (nel diritto canonico si dice chiaramente che vale l'antico principio dello Specchio Riflesso, faccia da Cesso. :asd:).

Tutto molto bello, perché c'è tanto amore tra i due!

Milingo, essendo un ribelle (e, forse, non tanto a posto con la testa) respinge ovviamente la scomunica, ritenendola non in linea con le sue tesi. Ma chi entra, liberamente, in un'associazione, e ci fa pure carriera, dovrebbe avere un po' di rispetto per le regole della società in cui è entrato, no?

:tsk: :old:

Scrockman
27-09-2006, 21.39.17
Milingo, essendo un ribelle (e, forse, non tanto a posto con la testa) respinge ovviamente la scomunica, ritenendola non in linea con le sue tesi. Ma chi entra, liberamente, in un'associazione, e ci fa pure carriera, dovrebbe avere un po' di rispetto per le regole della società in cui è entrato, no?

:tsk: :old:

Mmm. non bisognerebbe trascurare la formazione religioso/spirituale di stampo africano di Milingo... Non credo che sia fuori di testa, credo che sia molto coerente col contesto e il cattolicesimo dove è nato.

Di0
27-09-2006, 22.02.40
Milingo, essendo un ribelle (e, forse, non tanto a posto con la testa) respinge ovviamente la scomunica, ritenendola non in linea con le sue tesi. Ma chi entra, liberamente, in un'associazione, e ci fa pure carriera, dovrebbe avere un po' di rispetto per le regole della società in cui è entrato, no?



Sai? Sono d'accordo.
Un conto è non dover imporre le proprio regole e le proprio idee allo stato o, comunque, non dover influire troppo sulla vita dei proprio fedeli in ambito privato.
Però, effettivamente, ai tuoi stessi esponenti, specialmente a quello di alto rango, è giusto richiedere un rispetto formale e non, l'attenersi all'etichetta e alle norme di comportamento, tutte queste cose. In fondo, accettando di essere Vescovo accetti ogni conseguenza e limitazione. Non ha senso lamentarsi dopo di non potersi sposare, se non ti stava bene ci pensavi prima o almeno dovresti essere tu il primo a chiedere di essere destituito.
Un po' incoerente e non me ne frega un cazzo se ha una formazione di stampo africano-animista, lutero-ortodossa, protesto-induista o quant'altro. Penso sia comunque abbastanza intelligente da comprendere le regole canoniche.

Detto questo, è comunque un grande: oggi pomeriggio ho cercato il suo CD presentato a san remo nel 96 (ubuntu ubuntu:asd:, qualcosa di simile), ma non l'ho trovato.

agrippa
27-09-2006, 22.28.50
Sai? Sono d'accordo.
Un conto è non dover imporre le proprio regole e le proprio idee allo stato o, comunque, non dover influire troppo sulla vita dei proprio fedeli in ambito privato.
Però, effettivamente, ai tuoi stessi esponenti, specialmente a quello di alto rango, è giusto richiedere un rispetto formale e non, l'attenersi all'etichetta e alle norme di comportamento, tutte queste cose. In fondo, accettando di essere Vescovo accetti ogni conseguenza e limitazione. Non ha senso lamentarsi dopo di non potersi sposare, se non ti stava bene ci pensavi prima o almeno dovresti essere tu il primo a chiedere di essere destituito.
Un po' incoerente e non me ne frega un cazzo se ha una formazione di stampo africano-animista, lutero-ortodossa, protesto-induista o quant'altro. Penso sia comunque abbastanza intelligente da comprendere le regole canoniche.

Detto questo, è comunque un grande: oggi pomeriggio ho cercato il suo CD presentato a san remo nel 96 (ubuntu ubuntu:asd:, qualcosa di simile), ma non l'ho trovato.


Grazie, DiO. Grazie a Dio sei onesto intellettualmente.

Sgt.Napalm
27-09-2006, 22.49.11
Se Milingo non avesse settanta anni e non fosse grande e grosso farebbe tenerezza.
Mica nessuno ti ha obbligato a diventare vescovo.
Comunque sia e' giusto che in seno alla Chiesa si dibatta del celibato sacerdotale, e ben vengano anche scossoni come questo.
Magari un giorno avremo un papa che dira': "Ragazzi, per proteggersi dalle malattie sessualmente trasmissibili e' lecito utilizzare il preservativo."
Oppure: "Ragazzi, vivete serenamente la vostra sessualita'. E' una cosa che riguarda solo voi, non brucerete per l'eternita' perche' vi siete fatti una pippa, Dio e' grande e misericordioso, ed e' stato Lui a creare l'uomo. Sapeva quello che faceva. Scusateci se per secoli ci siamo messi in mezzo, interpretando alla bellemmeglio vattelappesca versetto biblico e vi abbiamo fatto venire sensi di colpa inutili, scompensi psichici e vi abbiamo fatto sentire delle merde tarandovi il cervello per delle cose che non stanno ne' in cielo ne' in terra."
Oppure: "Anche gli omosessuali sono persone con una loro dignita'. Non fanno male a nessuno, anzi, amano, e quindi e' giusto rispettare la loro scelta d'amore".

E allora tireremo un grandissimo respiro di sollievo.
Basterebbe veramente poco, ma ce vojono fare penare.

Peter Pan
28-09-2006, 01.06.00
Milingo, essendo un ribelle (e, forse, non tanto a posto con la testa)

Ci sono stati altri ribelli che magari si può supporre non avessero la testa apposto, ma che a mio avviso avevano alquanto ragione a criticare la Chiesa.
Sto pensando al 1511 ad esempio. ;)


Ma chi entra, liberamente, in un'associazione, e ci fa pure carriera, dovrebbe avere un po' di rispetto per le regole della società in cui è entrato, no?

Bé, dipende dal motico per cui è entrato in un'associazione.
Che poi questo termine svia un po' perché non si tratta di un circolo di casalinghe, ma di una corporazione che si è fatta carico di portare l'ereditò di Cristo.
Qualcun opuò benissimo entrare nella Chiesa per seguire i principi cristiani, ma una volta dentro può benissimo accorgersi che essa non corrisponde a quelli che sono gli insegnamentio di Cristo e cercare di riportare le cose all'origine.

Alla fine Milingo si sta impegnando per il riconoscimento dei sacerdoti sposati.
Ed ha tutto il mio appoggio per diversi motivi.
Uno tra questi è quello più insindacabile, e cioé che il celibato dei preti è una cosa che non era parte degli insegnamenti di Cristo ma è una necessita che è stata imposta dalla Chiesa nel corso dei secoli onde evitare che i suoi averi si riducessero in seguito all'eredità che i preti avrebbero dovuto consegnare alla propria discendenza.


Basterebbe veramente poco, ma ce vojono fare penare.

Si, ma senza le persone come Milingo che per quanto pazze possano essere tacciate come si può sperare in un cambiamento?

Scrockman
28-09-2006, 01.33.16
ma è una necessita che è stata imposta dalla Chiesa nel corso dei secoli onde evitare che i suoi averi si riducessero in seguito all'eredità che i preti avrebbero dovuto consegnare alla propria discendenza.



Ammesso che questo sia vero, il motivo principale dovrebbe risiedere nell'estensione del voto di castità monastico al clero secolare, in quanto si riteneva che la via monastica fosse quella perfetta per il Paradiso. Considerando fatto che i monaci costituissero il nerbo della Chiesa almeno fino a quando sono arrivati i Gesuiti, credo, si capisce ancora di più questa decisione. Anche perché i beni della Chiesa non è che stessero in una cassa comune, ma nei singoli monasteri, o al massimo all'interno dei singoli ordini. Che avevano avuto da sempre il voto di castità. Quindi 'sta cosa dell'eredità da non dilapidare non mi convince assai...

Peter Pan
28-09-2006, 01.58.38
Ammesso che questo sia vero


E dai, ma lo fai apposta? E va bene quando si parla di interpretare dei codici, ma questa è semplice Storia. Qui (http://nuovisacerdoti.altervista.org/ernesto_miragoli.htm) se ne fa un riassunto esaustivo (puoi anche tralasciare i commenti e concentrarti sulle notazioni storiche).


i singoli ordini. Che avevano avuto da sempre il voto di castità.


Constaterai che questo non corrisponde a verità.

Dimentichi inoltre che la Chiesa ha attraversato l'epoca feudale in cui era investita di potere temporale, e quindi né più né meno di altri feudi essa aveva necessità di preservare il proprio patrimonio. Cosa al quale si è dedicata con dedizione giacché ci fu lo Scisma proprio per opporsi a quello che i protestanti vedecano come allontanamento della Chiesa dai principi cristiani.

Poi questo è quanto mi risulta ed è solo una tesi, non una verità assoluta, ma è una tesi condivisa da molti se non come causa unica, come una tra le più importanti che hanno portato all'istituzione del celibato per i sacerdoti.
Se poi qualcuno dimostra che ho detto cose false sarei lieto di prendere visione delle sue argomentazioni. :)

Scrockman
28-09-2006, 02.41.27
Constaterai che questo non corrisponde a verità.


Hai ragione. Circoscrivo: Benedettini prima, e Cistercensi poi, e Domenicani e Francescani poi poi. Per il resto mi fermo, offtopic. Se vuoi, si continua in pm.

Peter Pan
28-09-2006, 02.56.27
Io comunque sono d'accordo con l'abrogare il celibato obbligatorio per i preti.

Brian O'Blivion
28-09-2006, 08.46.04
Io comunque sono d'accordo con l'abrogare il celibato obbligatorio per i preti.

Certo,è contronatura,i preti fondamentalmente sono uomini tra gli uomini,altrimenti il buon Dio non li avrebbe fatti nascere cu ciciriello attivo e vigile:teach:

Meglio così,uno che non scopa mai,non sarà oggi sarà un domani,sbrokkerà a latere di brutto:teach:

samgamgee
28-09-2006, 09.47.50
Secondo me è una non-notizia.
Un tizio vive secondo il canone di una determinata "associazione". Ha delle sue idee in merito, un po' balzane magari, che siano condivisibili o meno. Poi un giorno se ne esce e decide di andare contro al regolamento dell'associazione suddetta, con dei fatti peraltro gravi che comportano l'espulsione diretta. Viene espulso. Uao. Che cosa si aspettava?
Per quanto mi riguarda il sensazionalismo in questo campo indica solo voglia di farsi vedere: c'è bisogno di tenere un basso profilo, tirarsi su le maniche e lavorare, altro che andare in giro a sposare cinesi, farsi plagiare da fantomatici reverendi, eccetera.

Brian O'Blivion
28-09-2006, 09.51.29
farsi plagiare da fantomatici reverendi

:look:

samgamgee
28-09-2006, 09.56.36
:look:


ahahaha :roll3: m'era sfuggito il doppio senso :D

edit: intendevo ovviamente ilreverendo Moon del quale Milingo è fedele seguace

Daniel_san
28-09-2006, 10.20.39
A me la cosa che più sconcerta è che se avesse fatto tutta sta manfrina per una bella gnoccolona sarebbe stato condivisibile... :sisi:
Invece gli è bastato assaggiare la gnocca di una chiattona koreana( :vomit: ) per fargli girare la testa... :azz:
Insomma più che Milingo lo ribattezzerei Mandingo... :asd:

Di0
28-09-2006, 15.34.00
Grazie, DiO. Grazie a Dio sei onesto intellettualmente.

Grazie a te: è un gran bel complimento! :D

Peter Pan
28-09-2006, 17.03.41
Grazie a te: è un gran bel complimento! :D

Non ti montare la testa: mi sembra chiaro che non ti conosce ancora bene. ^.^