PDA

Visualizza versione completa : Immigrazione ed ignoranza della gente.



Pratti
17-09-2006, 20.53.47
Questo è quello che Michele Serra scrive oggi su Repubblica. Nulla di più da aggiungere.

Due malavitosi siciliani sono stati arrestati per l'eccidio della famiglia Cottarelli, nel Bresciano: era un regolamento di conti. Mi chiedo dove si trovano, che cosa pensano e dicono, adesso, gli agitatori politivci di quartiere, i passanti con la bava alla bocca, le massaie feroci che nelle ore successive al delitto affollarono i telegiornali sbraitando contro gli immigrati, chiedendo di espellerli tutti, accusandoli del delitto senza che mezzo dubbio li sfiorasse.
Avessi gli ultrapoteri andrei a pescarli uno ad uno e li costringerei a ritornare davanti alle stesse telecamere usate per vomitare odio. Gli farei risentire le frasi pronunciate, rileggere i cartelli idioti, rivedere il sit-in anti-immigrazione improvvisato davanti alla villetta dove si era appena consumato un delitto tutto italiano. E gli domanderei: ha qualcosa da dire, adesso, a sua discolpa? Si sente in dovere di spiegare, magari di domandare scusa? Uguale energia userei con i media : tutti quei telegiornali che hanno concesso generoso spazio ai linciatori verbali, a chi parlava a vanvera, a chi passava di lì per caso, perchè non rispediscono le loro troupe sul posto, cercando di rintracciare il bandolo del pregiudizio e dell'ignoranza? O non fa abbastanza spettacolo, far funzionare la testa e tacere le budella?

funker
17-09-2006, 20.55.17
C'è poco da dire.

_Fred_
17-09-2006, 21.29.55
Purtroppo quando accadono fatti di questo tipo tendiamo a dare la colpa alla razza, mi spiego meglio: per esempio la ragazza pakistana uccisa dal padre qualche settimana fa, e la donna decapitata dal marito a Roma a primavera; entrambi delitti efferati, ma nel secondo caso erigiamo barricate ci indignamo allo spasimo, torniamamo sui soliti discorsi sull'immigrazione ecc... mentre nel primo tendiamo a pensare che probabilmente l'assasino fosse matto, malato di mente e quindi una cosa al di fuori del propio controllo. Nel caso sia un immigrato a commettere tali azioni pensiamo subito che insito nel suo DNA, che tali azioni vengano fatte perchè sia nella loro natura...
i "soliti" pregiudizi insomma...

DIAZE
17-09-2006, 21.40.08
E' anche colpa dell'uso distorto della notizia.
Un omicidio è sempre un omicidio indipendentemente dall'assassino.
Tutto il resto è strumentalizzazione dei media e/o dei politici..
Ma questo già lo sappiamo.

hilts79
17-09-2006, 22.23.56
Un omicidio è sempre un omicidio indipendentemente dall'assassino.
Tutto il resto è strumentalizzazione dei media e/o dei politici..
Ma questo già lo sappiamo.

Ma infatti fa più notizia scrivere: rapinatore napoletano, sequestratore sardo, assassino islamico, prostituta romena, etc. piuttosto che rapinatore, sequestratore, assassino, prostituta, etc. :tsk:

N0VA
17-09-2006, 23.14.14
bisogna mettere le dogane sulla linea del po' !

http://www.forumitmondo.it/images/Bossi-gesti.jpg

:asd:

billygoat
18-09-2006, 00.17.06
ha già detto tutto michele serra ( :hail: ) quindi ogni altro commento risulta superfluo.

Gaetanino86
18-09-2006, 00.25.17
Capisco che la gente dei villini nel nord d italia (o i vari gioiellieri) si siano stufati di subire quasi ogni giorno un episodio (episodi) grave come alcuni avvenuti nei giorni passati. In questo caso hanno "toppato" alla grande...possiamo biasimarli per questo? da un lato si : il fatto che (almeno dalle notizie che si sentono o leggono...lasciando stare che a volte siano manipolate...ma l omicidio rimane un omicidio csì cm una rapina) della gente disperata proveniente da paesi cm la libia-albania-romania etc etc negli ultimi tempi ha commesso molti atti che definire gravi è poco; ciò è cmq sotto gli occhi di tutti (tralasciando il fatto che se sei uno stronzo omicida lo sei a prescindere dalla tua nazionalità-grado sociale; l ho specificato solo per non farmi dare del razzista)...ma da un altro lato no : non ci si può permettere il lusso del pregiudizio (riferito ai cittadini)...prima si capisce cosa è avvenuto e poi si parla (ciò non vuol dire : fidarsi della magistratura OT:asd: )...il giornalista di repubblica cmq non ha tutti i torti a scrivere ciò che ha scritto...ma dovrebbe solo precisare (vd. sopra) a mio parere.


perdonatemi la scrittura non chiarissima ma a quest ora è il max che posso fare!

Helevorn
18-09-2006, 02.40.46
hmmm, se ben ricordo al tempo che fu già si sospettava che la storia fosse di matrice mafiosa, se ben ricordo gran parte dell'attenzione era posta sugli esecutori materiali della strage, e si era pensato in un primo momento proprio ad un'operazione eseguita da killer stranieri provenienti dall'est europeo (cosa che avrebbe reso molto più difficile seguire la traccia), pagati dalla malavita al sud...
cmq, penso che per molti bresciani che manifestarono al tempo tutto ciò non faccia la minima differenza: immigrati o del sud Italia cambia poco, si parla sempre di "nemici"

Mischa
18-09-2006, 04.03.29
Mbph, io non trovo strano, né offensivo, che i bresciani abbiano avuto una reazione razzista nei confronti dei potenziali autori di un qualsiasi crimine prima ancora di conoscerli: in fin dei conti, i bresciani sono solo un mucchio di teste di cazzo bigotte, borgatare e provinciali, pronte a costruire capestri e impiccare qualsiasi foresto, lo sanno tutti.

PS: per non far sembrare discriminatorio questo mio intervento, dirò che ho conosciuto due persone di origine bresciana simpatiche, anche se sono morte: le hanno uccise alcuni bresciani, per motivi non dati a sapere (esiste qualcosa di più segreto, degli archivi del vaticano: l'anima di un bresciano).

Peter Pan
18-09-2006, 05.50.55
PS: per non far sembrare discriminatorio questo mio intervento, dirò che ho conosciuto due persone di origine bresciana simpatiche

Eh no mi dispiace, non credo che basti: questo forum lo segue un campione di italiani che è abbastanza vasto e variegato, quindi occorre che sia il più pluralista possibile.
Si potrebbe benissimo mettere, accanto al tuo, un commento di qualcuno che la pensa in modo opposto.
O molto più semplicemente, impedendoti di postare ulteriormente.
Perché siccome qui c'è anche gente che non la pensa come te, mi sembra giusto che queste persone non siano costrette a sentire quello che pensi: del tuo parere se ne fanno poco.
Quindi per un forum più giusto, ti si imponga di non postare più alcunché.
E così il pluralismo e la democrazia sono garantite com'è giusto che sia in un paese liberale e democratico. :sisi:



Propio.




(questo post lo si può capire solo se si è seguito questo topic (http://forums.multiplayer.it/showthread.php?t=279409)).


Ora, perché i soliti rompicoglioni non abbiano motivo di rompermi i coglioni (tanto lo fanno sempre anche senza alcun motivo) aggiungo a questo topic che nel titolo c'è già la risposta: ignoranza.
Davvero credete si possa fare qualcosa?
Questo episodio è solo un increscioso incidente che minimamente attacca l'opinione che ha certa gente del fenomeno dell'immigrazione. Opinione che si acquista tranquillamente sui giornali (http://forums.multiplayer.it/showthread.php?t=279409) in edicola.

Un episodio da dimenticare in fretta perché tanto non serve in alcun modo a quell'opera di autoconvincimento che appartenere ad una specie li fa sentire più sicuri.
Uomo disperato, impaurito, che nel branco cerca e si illude di trovare una otivazione, una certezza al matttino appena sveglio di arrivare a fine giornata a dormire nel proprio letto.

Tutto ciò che intacca questa sicurezza, questo pensiero che è sintomo di questa appartenenza, viene ricacciato via.

Tanto domani è un altro giorno. All'uomo di volontà decidere quale parte avere in questa vita e cosa cogliere di esso. A lui la decisione di vivere bene.


Perizia Psichiatrica Nazionalpopolare


Sezionatori d'anime giocano con il bisturi
Maggioranze boriose cercano furbi e stupidi
Sobillano i malvagi aizzano i violenti
E gli invidiosi indispongono
Intanto Paolo VI non c'è più
È morto Berlinguer
Qualcuno ha l'AIDS
Qualcuno il PRE
Qualcuno è POST senza essere mai stato niente

Niente!

Cerco le qualità che non rendono
In questa razza umana
Che adora gli orologi
E non conosce il tempo
Cerco le qualità che non valgono
In questa età di mezzo

Ha conati di vomito la terra
E si stravolge il cielo con le stelle
E non c'è modo di fuggire
E non c'è modo di fuggire mai
Mai!

Svegliami svegliami svegliami...

Io sono perso sono confuso
Tu fammi posto allarga le braccia
Dedicami la tua notte
La notte successiva
E un'altra ancora
Dedicami i tuoi giorni
Dedicami le tue notti
Oggi domani ancora
Stringimi forte coprimi avvolgimi
Di caldo fiato scaldami di saliva rinfrescami
Vorrei morire ora!

Intanto Paolo VI non c'è più
È morto Berlinguer
Qualcuno ha l'AIDS
Qualcuno il PRE
Qualcuno è POST senza essere mai stato niente

E trema e vomita la terra
Si capovolge il cielo con le stelle
E non c'è modo di fuggire
E non c'è modo di fuggire mai mai

Svegliami svegliami
Svegliami...

Vieni vieni vieni vieni (E trema e vomita la terra)
Vieni vieni vieni vieni (Si capovolge il cielo con le stelle)
Vieni vieni vieni vieni (Arde di sete e vomita la terra)
Vieni vieni vieni vieni...............

(C.C.C.P. - Svegliami, 1989)

alcoolwarriors
18-09-2006, 07.55.04
Mbph, io non trovo strano, né offensivo, che i bresciani abbiano avuto una reazione razzista nei confronti dei potenziali autori di un qualsiasi crimine prima ancora di conoscerli: in fin dei conti, i bresciani sono solo un mucchio di teste di cazzo bigotte, borgatare e provinciali, pronte a costruire capestri e impiccare qualsiasi foresto, lo sanno tutti.

PS: per non far sembrare discriminatorio questo mio intervento, dirò che ho conosciuto due persone di origine bresciana simpatiche, anche se sono morte: le hanno uccise alcuni bresciani, per motivi non dati a sapere (esiste qualcosa di più segreto, degli archivi del vaticano: l'anima di un bresciano).

quoto in tutto e per tutto, quei fottuti bresciani adrebbero presi e rimandati al loro paese!:mad:

UAranger
18-09-2006, 09.14.50
Questa e' purtroppo la reazione naturale dopo anni e anni di continui assalti da parte di criminali extracomunitari i quali hanno compiuto le rapine sempre con efferata violenza nei confronti di gente indifesa.

Ovvio che la gente diventi ostile e quando si verificano casi simili il sospetto si manifesta immediatamente.

billygoat
18-09-2006, 09.19.18
in fin dei conti, i bresciani sono solo un mucchio di teste di cazzo bigotte, borgatare e provinciali, pronte a costruire capestri e impiccare qualsiasi foresto, lo sanno tutti.


non mangiamo i bambini solo perchè risulterebbe troppo comunista agli occhi di un osservatore esterno... :teach:

Pratti
18-09-2006, 10.56.37
Eppure la questione non è così scontata, come qualcuno ha detto.

Siamo noi un popolo razzista? O sono loro tutti criminali?
Nonostante tutto, mi sento di escludere la prima. A parte una minoranza, credo che la maggior parte delle persone che si professa tale o che dà segni di intolleranza, anche violenta a volte, sia semplicemente esasperata. Allora rimane la seconda. Anche qua, però, faccio notare che, se fosse realmente così, ovvero che tutti gli immigrati, o la maggior parte di essi, sono delinquenti, lo stato italiano non esisterebbe più. Ve li immaginate voi due milioni di persone ( dico due ma sappiamo tutti che forse sono anche 4 o 5) criminali che girano liberamente per l'Italia? Credete forse che una situazione del genere sarebbe sostenibile? E' ovvio che chi commette reati, anche tra gli immigrati, è una infima minoranza.
Però chi più chi meno è esasperato dal fenomeno dell'immigrazione. Curiosamente più a nord che a sud, dove ormai non si può fare a meno della manodopera straniera: lavora molto, costa poco e poi può essere sfruttata.

Io ricordo che quando è avvenuto il caso di Novi Ligure, Erika ed Omar per intenderci, prima che capissero chi fosse stato a commettere quel delitto, per una settimana non si parlò d'altro che di albanesi. Si diceva: un delitto così feroce solo degli albanesi o dei rumeni lo possono commettere, noi ( italiani) non siamo così. E giù proteste, interrogazioni parlamentari, petizioni alla polizia etc etc.
E così avviene ogni volta che c'è di mezzo uno straniero. Si mette sempre in evidenza il fatto che è diverso, che è altro da noi, che noi non siamo così, sono loro che son tutti delinquenti.

Altra questione. I mezzi di comunicazione e le rapine in villa ( circoscrivo perchè sarebbe troppo lunga). E' noto, dati del Censis (http://www.cestim.org/11devianza_cittadini-insicuri.htm) alla mano, che circà la metà delle rapine in villa sono commesse dagli stranieri, mentre sembra che avvengano centinaia o migliaia di rapine tutte commesse da stranieri!!. Ora se la Tv invece di incitare all'odio ( sono note, in passato, le epidemie di sars, della mucca pazza, i cani tutti impazziti che facevano strage di innocenti etc etc), cercasse di riportare le notizie in un'ottica più normale, forse qualcosa cambierebbe, per lo meno a livello generale. Forse eh!!
Anche perchè alla fin fine, l'immigrazione è un fenomeno ineludibile. Anche se non volessimo alla fine quelli verrebbero lo stesso.
E che facciamo? Li ricacciamo tutti a mare? O li accogliamo tranquillamente?
Per inciso io non sono d'accordo con il modello di integrazione proposto dalla sinistra. Non con l'integrazione in generale, ma con quello che ci vogliono propinare. La Francia, L'inghilterra hanno dimostrato ampiamente come quel modello alla fine porta al fallimento.
Insomma ho voluto fare due o tre considerazioni senza soluzione di continuità. Di certo non ho le soluzioni in tasca ( se le avessi minimo minimo sarei ricco:p), ma un clima diverso su problemi che ci riguardano tutti sarebbe auspicabile.

:hello:

mVm
18-09-2006, 11.31.11
Mi chiedo dove si trovano, che cosa pensano e dicono, adesso, gli agitatori politivci di quartiere, i passanti con la bava alla bocca, le massaie feroci che nelle ore successive al delitto affollarono i telegiornali sbraitando contro gli immigrati...


Si trovano al solito posto, a sbraitare contro i terroni.

Luca236
18-09-2006, 11.53.15
bello tutto sto buonismo! viviamo sulla terra dei pokemon.
Fatevi un giro in via anelli qui a padova e (se siete ancora vivi) tornate qui a postare

edit: cmq ci sono anche quelli per bene ovvio.Ne conosco tanti,molti lavorano con me in fabbrica.Purtroppo per colpa di alcuni mal'intenzionati ci vanno di mezzo tutti. questo è sbagliato certo ma non si puo dividere "quello buono da quello cattivo".
Ogni tanto dove lavoro io arriva la polizia e se ne porta via qualcuno .addirittura 2 che rapinavano le ville nel vicentino,2 che hanno rubato un'auto ad una signora qui a padova e 3 che spacciavano. Via loro e ne vengono assunti altri (costano poco ed è facile minacciarli nel caso non lavorino 12 ore al giorno)Non è questione che gli immigrati abbiano cative intenzioni.E' un giro piu complesso dove i primi sono gli italiani che nelle dogane prendono le bustarelle per far entrare i pulman dei rumeni senza documenti ecc. i datori di lavoro che assumono extracomunitari con l'acqua alla gola,gli danno una casa (mettendoli 5 o 6 e facendogli pagare un affitto tio 500e l'uno) uno stipendio da fame e ogni 10 min "se non lavori 12 ore al giorno ti butto fuori casa".Questi sarebbero da mettere al muro.Poi ci sono molti che vengono in italia per far soldi,diventare ricchi e tornarsene nel loro paese

hackboyz
18-09-2006, 12.08.08
Non è che tutti gli immigrati siano criminali, ma è "naturale" che la criminalità si formi più facilmente fra disagiati e poveri. Poi bisognerebbe distinguere tra immigrati e clandestini: quest'ultimi essendo già in uno stato di illegalità è chiaro che sono portati più facilmente alla criminalità. E si sentono sopra la legge. Senza considerare poi categorie particolari tipo i rom / zingari... culturalmente poco inclini allo stato e alla legge statale.

Non si tratta di DNA ma di stato sociale, cultura, mentalità oltre ovviamente ad una propensione personale che prescinde da tutto ciò (non è che chi nasce povero o è un clandestino diventi per forza un criminale) etc... insomma non fare di tutta un'erba un fascio ma neanche sottovalutare il problema.

Peter Pan
18-09-2006, 12.12.53
Questa e' purtroppo la reazione naturale dopo anni e anni di continui assalti da parte di criminali extracomunitari i quali hanno compiuto le rapine sempre con efferata violenza nei confronti di gente indifesa.

Ovvio che la gente diventi ostile e quando si verificano casi simili il sospetto si manifesta immediatamente.


Sì ovvio, è normale che sia così quando c'è gente che da un bar decide di entrare in politica e fa leva sui sentimenti popolari della gente per una manciata di voti... è facile prendere in considerazione solo alcuni ritagli di giornale che più fanno comodo alla propaganda cestinando il resto del giornale che magari ha una cronaca nera ben infarcita dalla criminalità nostrana, ma quella meglio ometterla.

UAranger
18-09-2006, 12.29.43
Sì ovvio, è normale che sia così quando c'è gente che da un bar decide di entrare in politica e fa leva sui sentimenti popolari della gente per una manciata di voti... è facile prendere in considerazione solo alcuni ritagli di giornale che più fanno comodo alla propaganda cestinando il resto del giornale che magari ha una cronaca nera ben infarcita dalla criminalità nostrana, ma quella meglio ometterla.

non si tratta di far leva sui sentimenti popolari; quando bande di criminali assaltano da anni case su case con efferata violenza su persone indifese e' naturale che la gente diventi sospettosa e abbia del risentimento.
Purtroppo a causa di questi criminali proprio gli immigrati onesti (che sicuramente sono la maggioranza) ne pagano le conseguenze.

Peter Pan
18-09-2006, 12.40.01
non si tratta di far leva sui sentimenti popolari; quando bande di criminali assaltano da anni case su case con efferata violenza su persone indifese e' naturale che la gente diventi sospettosa e abbia del risentimento.

Quanti di questi crimini sono commessi da extracomunitari?

La delinquenza è un qualcosa che esiste a prescindere dalla cittadinanza.
E si fa leva sui sentimenti proprio quando si strumentalizza la cronaca nera per propaganda, dando risalto ai casi di delinquenti extracomunitari e facendo finta che di quelli che compiono crimini non siano anche italiani.

E tu stai facendo la stessa cosa: prendi tutti i crimini, e con noncuranza inserisci l'argomento stranieri, lasciando intendere che siano gli extracomunitari i soli e unici responsabili.
Ed ora potrai dire che non è vero, che tutti commettono i crimini ma gli extracomunitari di più: copione già noto, già conosciuto. Di cui sinceramente si può fare a meno.

Sei praticamente la dimostrazione di quanto ha evidenziato Pratti nel suo topic di apertura. :asd:

UAranger
18-09-2006, 15.23.12
Quanti di questi crimini sono commessi da extracomunitari?

La delinquenza è un qualcosa che esiste a prescindere dalla cittadinanza.
E si fa leva sui sentimenti proprio quando si strumentalizza la cronaca nera per propaganda, dando risalto ai casi di delinquenti extracomunitari e facendo finta che di quelli che compiono crimini non siano anche italiani.

E tu stai facendo la stessa cosa: prendi tutti i crimini, e con noncuranza inserisci l'argomento stranieri, lasciando intendere che siano gli extracomunitari i soli e unici responsabili.
Ed ora potrai dire che non è vero, che tutti commettono i crimini ma gli extracomunitari di più: copione già noto, già conosciuto. Di cui sinceramente si può fare a meno.

Sei praticamente la dimostrazione di quanto ha evidenziato Pratti nel suo topic di apertura. :asd:

certo come no......

http://www.poliziadistato.it/pds/primapagina/bacheca_ritrovati/milano_06/index.htm

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2006/03_Marzo/13/rapine.shtml

http://www.studiocataldi.it/seenews_pag_adn.asp?id=15830

http://www.estense.com/?module=displaystory&story_id=5571&format=html

http://sport.tiscali.it/feed/news/2006/02/18/ansa/ansab2006-02-18_873278.html



puoi continuare tu la ricerca.

Di0
18-09-2006, 15.40.03
... e le bresciane...
...putt4ne putt4ne putt4ne!

Peter Pan
18-09-2006, 15.49.00
puoi continuare tu la ricerca.

Sulle rapine, ok. Ora stai manipolando le cose come al solito.
Ti risulta che sul Codice Civile e sul Codice Penale ci sono molti altri reati, oltre alla rapina?

Si parlava di crimini, non di rapine.

Ovvio che se tu mi restringi il campo dei crimini a reati precisi, ottieni una certa predominanza statistica.

E non stiamo neppure tenendo in considerazione la diversa gravità dei vari reati.

Di0
18-09-2006, 15.54.41
Ma io non ho capito qual è il senso dell'articolo di M. Serra. Vuole dire che anziché i soliti immigrati a sterminare la famiglia sono stati "solo" due malavitosi siciliani?

Ma gliel'hanno spiegato che questo per un bresciano (o veneto) qualsiasi non fa alcuna differenza? Giacché la maggior parte non distingue tra africano, arabo e meridionale; qualora, per particolari doti fisionomistiche riuscisse a farlo, conclude sempre con un serafico: "Ma sì che tanto i'è tutti istessi, 'sti teroni". :asd:

UAranger
18-09-2006, 15.56.14
Sulle rapine, ok. Ora stai manipolando le cose come al solito.
Ti risulta che sul Codice Civile e sul Codice Penale ci sono molti altri reati, oltre alla rapina?

Si parlava di crimini, non di rapine.

Ovvio che se tu mi restringi il campo dei crimini a reati precisi, ottieni una certa predominanza statistica.

E non stiamo neppure tenendo in considerazione la diversa gravità dei vari reati.

Il post iniziale parla di una presunta rapina in villa ad opera di extracomunitari; da qui e' partita la discussione quindi non vedo cosa avrei manipolato.

Poi se vuoi parlare di altri reati possiamo vedere le statistiche sugli stupri, il traffico di droga e lo spaccio, quello della prostituzione ecc.....

Di0
18-09-2006, 15.58.21
Il post iniziale parla di una presunta rapina in villa ad opera di extracomunitari; da qui e' partita la discussione quindi non vedo cosa avrei manipolato.

Poi se vuoi parlare di altri reati possiamo vedere le statistiche sugli stupri, il traffico di droga e lo spaccio ecc.....

Inutile, il governo ha diramato le statistiche ufficiali: il 50% dei reati penali ad oggi è commesso da extracomunitari delle diverse etnie. Visto che saranno pochi punti percentuali della popolazione totale, direi che è un ottimo risultato, a conti fatti.

Gaetanino86
18-09-2006, 16.16.45
Ma gliel'hanno spiegato che questo per un bresciano (o veneto) qualsiasi non fa alcuna differenza? Giacché la maggior parte non distingue tra africano, arabo e meridionale; qualora, per particolari doti fisionimistiche riuscisse a farlo, conclude sempre con un serafico: "Ma sì che tanto i'è tutti istessi, 'sti teroni". :asd:

:roll3: :roll3: :roll3: :roll3: :roll3: :roll3: :roll3: :roll3: :roll3:

Peter Pan
18-09-2006, 16.22.34
Il post iniziale parla di una presunta rapina in villa ad opera di extracomunitari; da qui e' partita la discussione quindi non vedo cosa avrei manipolato.

Hai manipolato la conversazione.

Si parlava di reati. E tu per dimostrare che i reati sono commessi per la maggior parte da extracomunitari, hai postato informazioni riguardo una ristrettissima tipologia di reati.

Come se quelli fossero gli unici reati commessi in Italia, quindi essendo essi commessi da extracomunitari, allora hai assodato la tua tesi iniziale che la maggior parte dei reati in Italia sono commessi da extracomunitari.


E intanto nessuno posta i dati degli extracomunitari con regolare permesso di soggiorno o cittadini acquisiti con tutta la lista di lavori che essi fanno, oppure la lista di quanti sono gli extracomunitari che sono ogni giorno sfruttati dalla delinquenza indigena.


Poi se vuoi parlare di altri reati possiamo vedere le statistiche sugli stupri, il traffico di droga e lo spaccio, quello della prostituzione ecc.....

Tra gli altri, anche.

Di0
18-09-2006, 16.26.17
Hai manipolato la conversazione.

Si parlava di reati. E tu per dimostrare che i reati sono commessi per la maggior parte da extracomunitari, hai postato informazioni riguardo una ristrettissima tipologia di reati.

Come se quelli fossero gli unici reati commessi in Italia, quindi essendo essi commessi da extracomunitari, allora hai assodato la tua tesi iniziale che la maggior parte dei reati in Italia sono commessi da extracomunitari.


E intanto nessuno posta i dati degli extracomunitari con regolare permesso di soggiorno o cittadini acquisiti con tutta la lista di lavori che essi fanno, oppure la lista di quanti sono gli extracomunitari che sono ogni giorno sfruttati dalla delinquenza indigena.


Guarda che non l'ha detto lui, l'ha rilasciato come dato ufficiale QUESTO governo. (Non la maggior parte di tutti i reati, si parlava del 50% di tutti i reati commessi in italia. Fonte, notizia sentita o al TG2 o al TG1 quest'estate).

UAranger
18-09-2006, 16.32.34
Guarda che non l'ha detto lui, l'ha rilasciato come dato ufficiale QUESTO governo. (Non la maggior parte di tutti i reati, si parlava del 50% di tutti i reati commessi in italia. Fonte, notizia sentita o al TG2 o al TG1 quest'estate).


esatto :)

UAranger
18-09-2006, 16.34.50
Hai manipolato la conversazione.

Si parlava di reati. E tu per dimostrare che i reati sono commessi per la maggior parte da extracomunitari, hai postato informazioni riguardo una ristrettissima tipologia di reati.

Come se quelli fossero gli unici reati commessi in Italia, quindi essendo essi commessi da extracomunitari, allora hai assodato la tua tesi iniziale che la maggior parte dei reati in Italia sono commessi da extracomunitari.


E intanto nessuno posta i dati degli extracomunitari con regolare permesso di soggiorno o cittadini acquisiti con tutta la lista di lavori che essi fanno, oppure la lista di quanti sono gli extracomunitari che sono ogni giorno sfruttati dalla delinquenza indigena.



Tra gli altri, anche.

Io non ho detto che la maggior parte dei reati commessi in italia sono opera degli extracomunitari; ma che capisco il risentimento della gente difronte ad una criminalita' extracomunitaria sempre piu' violenta.

Peter Pan
18-09-2006, 17.18.19
si parlava del 50% di tutti i reati commessi in italia.

Appunto.


Io non ho detto che la maggior parte dei reati commessi in italia sono opera degli extracomunitari;

Questa precisazione la stai facendo solo ora.


ma che capisco il risentimento della gente difronte ad una criminalita' extracomunitaria sempre piu' violenta.

E lo capisco anche io, ma di chi è la colpa se si fanotizia solo dei reati commessi da extracomunitari... e magari si sottace sui reati compiuti da italiani, anche di un certo peso?

UAranger
18-09-2006, 17.29.40
E lo capisco anche io, ma di chi è la colpa se si fanotizia solo dei reati commessi da extracomunitari... e magari si sottace sui reati compiuti da italiani, anche di un certo peso?

ok pero' i reati compiuti dagli italiani non sminuiscono di certo quelli compiuti dagli extracomunitari.

Peter Pan
18-09-2006, 17.33.45
ok pero' i reati compiuti dagli italiani non sminuiscono di certo quelli compiuti dagli extracomunitari.

O viceversa

Di0
18-09-2006, 17.52.36
O viceversa

Statisticamente, sì.

Gli immigrati sono il 10% della popolazione e commettono il 50% dei reati? Statisticamente: sticazzi. E' un dato molto rilevante.
Il resto della popolazione (italiani) ha un'incidenza di criminali molto, ma molto, minore, quindi sempre statisticamente l'immigrato è più probabilmente un criminale che un italiano, dato alla mano. Come detto, erano dati ufficiali rilasciati da questo governo (il coglione del giornalista aveva persino proposto la notizia come per dire che "solamente un 50% dei reati si deve ad immigrati", devo quindi presumere che sappia di statistica quanto l'altro cretino di materiali per costruzioni aeronautiche).

Peter Pan
18-09-2006, 18.05.15
Statisticamente, sì.

Sì cosa? Che vale anche viceversa?


Gli immigrati sono il 10% della popolazione e commettono il 50% dei reati? Statisticamente: sticazzi.

E sticazzi sì: quale tipologia di reati?

E soprattutto, dove sono questi dati? Posso leggerli anche io?

Non per sfiducia, ma dato il modo in cui avete interpretato dati precedenti, se permetti... :asd:


E' un dato molto rilevante.

Per cosa?
E su quali reati? Su tutti i reati?

Da quando tutti i reati hanno lo stesso peso giuridico?
Mi sembra che un italiano difficilmente possa andare dentro per la Bossi-Fini ad esempio. Eppure è il motivo principale per cui la stragrande maggioranza degli extracomunitari finiscono al fresco.


Il resto della popolazione (italiani) ha un'incidenza di criminali molto, ma molto, minore, quindi sempre statisticamente l'immigrato è più probabilmente un criminale che un italiano, dato alla mano.

Ok, prendiamo questi dati. Quali sono i reati in questione?

Perché io ricordo anche un altro dato riguardante la popolazione carceraria, che riportava chiaramente la componente di extracomunitari e il motivo principale per il quale questa fetta era ingrossata: la Bossi-Fini.

Di0
18-09-2006, 18.07.06
Sulle rapine, ok. Ora stai manipolando le cose come al solito.
Ti risulta che sul Codice Civile e sul Codice Penale ci sono molti altri reati, oltre alla rapina?

Si parlava di crimini, non di rapine.

Ovvio che se tu mi restringi il campo dei crimini a reati precisi, ottieni una certa predominanza statistica.

E non stiamo neppure tenendo in considerazione la diversa gravità dei vari reati.

.....

Peter Pan
18-09-2006, 18.17.40
.....


Se non l'hai capita te lo spiego eh? Senza complimenti...


Se hai bisogno di riflettere però devi mettere più puntini :asd:

DIAZE
18-09-2006, 18.25.46
Se hai bisogno di riflettere però devi mettere più puntini :asd:

Tagan docet:uiui:

Più visto dopo l'exploit di sabato!
Grave perdita.......:tsk:

Pratti
18-09-2006, 19.34.00
Le statistiche vanno anche sapute leggere. Ci sono reati e reati.
Ad esempio la maggior parte dei reati commessi dagli immigrati riguardano la violazione della legge Bossi-Fini che crea un meccanismo perverso, peraltro illustrato pure da Travaglio nella trasmissione di Santoro.
Riassumendo: un immigrato entra in Italia senza documenti. Lo ferma la polizia che lo deve arrestare perché in base alla legge è obbligatorio l'arresto. Processo più o meno per direttissima. Condanna, ma la condanna è lievissima, per cui niente carcere. Viene emesso un foglio di via e gli si danno i soldi del treno, dopodiché è abbandonato alla sua sorte. Pertanto resta in Italia. Viene ribeccato un'altra volta. Questa volta i reati sono due: mancanza di documenti e inottemperanza all'ordine del prefetto. Ecco fatta la statistica.

Comunque, il punto secondo me è un altro. Nessuno, e tantomeno io, si sogna di difendere gli immigrati criminali. Anzi dirò di più, fosse per me li punirei molto più severamente degli italiani, visto che non solo sei ospite ma commetti pure un reato.
Ma, Ma....Quello che nessuno vuole capire è che l'immigrazione è un fenomeno che non può essere fermato. Come non ci sono riusciti gli USA, non c'è riuscita la germania, la francia o l'inghilterra, perchè dovremmo riuscirci noi?
Quello che nessuno vuole capire è che non sono gli immigrati ad essere più delinquenti di noi, ma il nostro Stato che è incapace di gestire il fenomeno. Come non riesce a fare niente contro i criminali italiani, così non riesce a fare niente contro quelli stranieri. Ma di questo fallimento è più facile incolpare gli altri che noi stessi. Se ci fosse stata una polizia che funziona, una giustizia celere ed efficiente, penso che non parleremo in questi termini. Allo stesso tempo non funzionano i filtri alle frontiere, non funzionano le strutture di accoglienza ( che sono dei lager, diciamocelo, alla faccia dei diritti umani), non funziona la nostra fottuta società.
Non funziona per noi e non funziona per loro.
E quello che mi meraviglia, visto che sono problemi che toccano più o meno tutti, è che a nessuno frega un cazzo che le cose migliorino. Avere una polizia che faccia la polizia, avere delle scuole efficienti, avere una giustizia in grazia di Dio, sembra proprio che non sia nelle priorità dell'italiano medio.

Anzi si votano sempre le solite persone purchè promettano posti, condoni e annessi e connessi. Nel momento in cui la gente cambierà questa mentalità, forse si potrebbe pure migliorare.


P.s. Ah dimenticavo. Travaglio docet: "Molti extracomunitari non capiscono perché dovrebbero avere la fedina penale pulita per andare a votare dei candidati con la fedina penale sporca".