PDA

Visualizza versione completa : Fiat Titanic



rivendicatore
16-09-2006, 20.30.50
Titanic, scoperti difetti di fabbricazione
"La strage si sarebbe potuta evitare"

<B>Titanic, scoperti difetti di fabbricazione<br>"La strage si sarebbe potuta evitare"</B>

Il relitto del Titanic
LONDRA- Si sarebbero potuti salvare grazie a una maggiore cura e qualità dei materiali. Nuova luce sulla tragedia del Titanic. I passeggeri della celebre nave da crociera, che nel 1912 affondò nelle acque gelide dell'oceano Atlantico in seguito all'impatto con un iceberg, un enorme banco di ghiaccio che si trovava sulla rotta della nave, avrebbero potuto fare ritorno a casa sani e salvi.

Lo sostiene una ricerca di alcuni scienziati americani, docenti presso le università del Maryland e dell'Oregon, citata dal Times, che rivela nuovi particolari e affonda il mito del fato e dell'ineluttabilità del destino, costruito attorno al tragico episodio. Vengono ora chiamati in causa l'imperizia e il materiale scadente utilizzato per la fabbricazione dei chiodi e perni metallici che assicuravano allo scafo i compartimenti stagni della nave.

Partito da Southampton per New York il 10 aprile 1912, il Titanic affondò dopo cinque giorni in due ore e quaranta minuti a largo di Terranova, a 150 Km dalla costa canadese. Ma non bastò per salvare tutti i suoi passeggeri, 1523. Sotto la terribile pressione dell'acqua penetrata nella falla provocata dall'iceberg, i perni cedettero e cinque o sei compartimenti stagni si riempirono di acqua provocando l'affondamento.

Poco, secondo gli scienziati, sarebbe bastato per evitare la tragedia. Se la percentuale di polvere di ferro utilizzata per la fabbricazione fosse stata del 2 per cento e non del 9, come effettivamente fu, i perni avrebbero resistito e solo due compartimenti stagni si sarebbero allagati. Il Titanic sarebbe rimasto a galla per molto più tempo consentendo alla nave Carpathia, che per prima rispose all'sos e che arrivò due ore dopo l'affondamento, di trarre in salvo una buona parte dei passeggeri, se non addirittura tutti.

Secondo questa tesi oggi molti film e libri, ispirati alla tragica e inevitabile fine del Titanic, sarebbero diversi. A fare da sfondo all'amore tra Rose e Jack, ovvero Kate Winslet e Leonardo di Caprio, protagonisti del film di James Cameron, ci sarebbe una realtà ben più cruda, quella di una tragedia che si sarebbe potuta evitare. Tra i tanti libri, uno fu un best seller mondiale. Si tratta di Titanic, la storia vera di Walter Lord, un libro da cui finora sono stati tratti 17 film.

Il Titanic, lungo 269 metri, era l'orgoglio della marina mercantile britannica e il più grande transatlantico allora esistente. Appena varata dai cantieri Harland and Wolff di Belfast, la stampa inglese l'aveva subito definita "l'inaffondabile". Ricerche appassionate e difficili hanno portato nel 1985 alla scoperta del relitto ad opera di Robert Ballard. Spezzata in due parti la nave giace a circa 3 mila metri di profondità.

da repubblica.it

Che ne pensate?

EDIT: Ma soprattutto potreste spiegarmi l'utilità di questi studi 100 anni dopo l'incidente? Cioè che senso hanno? Non servono a comprendere sbagli nel passato, non serve a evidenziare eventuali lacune a livello tecnologico-navale attuale. Per cosa hanno tirato fuori sta cosa?

hilts79
16-09-2006, 21.04.39
Che ne pensate?

EDIT: Ma soprattutto potreste spiegarmi l'utilità di questi studi 100 anni dopo l'incidente? Cioè che senso hanno? Non servono a comprendere sbagli nel passato, non serve a evidenziare eventuali lacune a livello tecnologico-navale attuale. Per cosa hanno tirato fuori sta cosa?

E' il senso della storia. Perchè dovremmo studiare gli egiziani e i sumeri di 5000 anni fa? :mumble:

DIAZE
16-09-2006, 21.07.20
Magari tra 100 anni scoprirannò che il Word Trade Center aveva difetti strutturali...

SuperGrem
16-09-2006, 21.07.37
Fiat Titanic

Dal titolo avevo pensato ad un modello molto capiente di automobile, con la particolare tendenza a tamponare gli iceberg, però! :asd:

DIAZE
16-09-2006, 21.10.33
Fiat Titanic

Dal titolo avevo pensato ad un modello molto capiente di automobile, con la particolare tendenza a tamponare gli iceberg, però! :asd:

:asd: ...per un'attimo anch'io!

Dedalus
16-09-2006, 21.12.25
EDIT: Ma soprattutto potreste spiegarmi l'utilità di questi studi 100 anni dopo l'incidente? Cioè che senso hanno? Non servono a comprendere sbagli nel passato, non serve a evidenziare eventuali lacune a livello tecnologico-navale attuale. Per cosa hanno tirato fuori sta cosa?

Servono per dimostrare agli armatori odierni che se fanno i tirchi su chiodi e perni metallici ci meteranno almeno 100 anni a capire che la responsabilità dell'eventuale disastro é loro :asd: .

Angelo75
16-09-2006, 21.13.29
Magari tra 100 anni scoprirannò che le Word Trade Center aveva difetti strutturali...

Magari l'acciaio non era poi tutta sta gran cosa...

BESTIA_kPk
16-09-2006, 21.15.16
Che ne pensate?

Notizia di poco conto, non è neppure certezza.



EDIT: Ma soprattutto potreste spiegarmi l'utilità di questi studi 100 anni dopo l'incidente? Cioè che senso hanno? Non servono a comprendere sbagli nel passato, non serve a evidenziare eventuali lacune a livello tecnologico-navale attuale. Per cosa hanno tirato fuori sta cosa?

Pubblicità? Mettersi in mostra?
Discolpare/incolpare qualcuno/qualcosa?

rivendicatore
16-09-2006, 21.18.45
Pubblicità? Mettersi in mostra?

Già, mi sembra la più logica.


Comunque ecco una foto del progetto successivo al Titanic.....


http://www.auto-historia.com.ar/Fotos/Fiat/Duna%20SCR.jpg
:asd:

Gaetanino86
16-09-2006, 21.19.30
Magari non avevano proprio un cazzo da fare...come molta gente su questo pianeta...o magari è una di quelle cose sponsorizzate da National Geographic o robe del genere...la domanda è giusta, lo stupore altrettanto...però allora non si giustificherebbero moltissime ricerche apparentemente inutili...mah!

Peter Pan
16-09-2006, 21.26.14
EDIT: Ma soprattutto potreste spiegarmi l'utilità di questi studi 100 anni dopo l'incidente? Cioè che senso hanno? Non servono a comprendere sbagli nel passato, non serve a evidenziare eventuali lacune a livello tecnologico-navale attuale. Per cosa hanno tirato fuori sta cosa?

Ad esempio, possono essere molto interessati i ricercatori che con queste ricerche ci campano.
E possono essere interessati i loro finanziatori, interessati soprattutto ai risultati, perché magari sono i discendenti o i sopravvissuti.
Essendo una nave dell'alta borghesia e dell'aristocrazia del tempo, nulla di più semplice che i loro discendenti siano ancora più ricchi dei loro antenati, e abbiano tutta la voglia di scoprire come sono morti i loro genitori o i loro nonni.

Per cosa? Bé, si potrebbe pensare per questioni di risarcimento di assicurazioni... ma perché escludere a priori il bisogno così umano di sapere qual'è stata la sorte delle persone a noi care?

DIAZE
16-09-2006, 21.26.56
Comunque ad avere gravi lacune strutturali non sono solo le grandi navi,
un noto modello di successo di una nota industria automobilistica appena subisce un incidente di media entità diventa una trappola mortale per chi è seduto davanti.
Praticamente cedono i montanti e il tetto "crolla" sulle teste dei passeggeri riducendole in poltiglia..
http://www.tripluca.com/diari/Tripasia2002/report06/cina_laos_tailandia02_03_61_jpg.jpg

Gaetanino86
16-09-2006, 21.31.20
Essendo una nave dell'alta borghesia e dell'aristocrazia del tempo, nulla di più semplice che i loro discendenti siano ancora più ricchi dei loro antenati, e abbiano tutta la voglia di scoprire come sono morti i loro genitori o i loro nonni.

:confused: :confused:


ma perché escludere a priori il bisogno così umano di sapere qual'è stata la sorte delle persone a noi care?

:clap: :clap:

Peter Pan
16-09-2006, 21.44.10
:confused: :confused:


Bé ovvio, escludo quelli che hanno perso tutto durante il crollo del '29.
Ma non dovrebbero essere molti giacché non erano molti gli aristocratici che investivano in Borsa.


:clap: :clap:

:confused: :confused:

Gaetanino86
16-09-2006, 22.25.20
Bé ovvio, escludo quelli che hanno perso tutto durante il crollo del '29.
Ma non dovrebbero essere molti giacché non erano molti gli aristocratici che investivano in Borsa.

si ma hanno detto che è affondata nel 12......cmq ti voglio ricordare che la prima classe (nell unico viaggio fatto dal Titanic...quello innaugurale) rispetto alla seconda e alla terza era la meno popolata...poi c è stato il crollo in borsa e magari in seguito quelli che erano "poveri" avranno iniziato a campare decentemente...forse...ma vedo che te conosci meglio di me le discendenze dei passeggeri :

nulla di più semplice che i loro discendenti siano ancora più ricchi dei loro antenati, e abbiano tutta la voglia di scoprire come sono morti i loro genitori o i loro nonni.


:confused: :confused:

..era per la tua frase...l ho trovata giusta.

Peter Pan
16-09-2006, 22.34.53
ma vedo che te conosci meglio di me le discendenze dei passeggeri

E no, la conosci meglio tu con la storia dei poveri che si arricchiscono durante la Grande Depressione. Una innovativa analisi della storia.

Che la mia fosse solo una ipotesi no eh? Eh no, altrimenti come si fa a tormentare Peter con la solita rottura di palle? Chennoia! http://digilander.libero.it/lordguru/yawn.gif

Anche tu hai detto che i poveri hanno cominciato a campare decentemente grazie al crollo del '29.
Che poi non so in base a quale logica lo dici, ma cos'è che tu hai più di me perchP tu possa fare ipotesi e io no?

Ma apportare un contributo alle discussioni anche tu ogni tanto, anziché stare solo a criticare e a polemizzare su quello che dicono gli altri senza mai apportare alcun elemento?

_Fred_
17-09-2006, 01.16.37
Perchè Fiat Titanic? :asd:

Comunque questa ricerca l'avevo già sentità anni fa, ma allora parlavano del fatto che la struttura fosse troppo poco elastica a causa della chiodatura, che aveva reso la nave troppo rigida.

Forse che i chiodi fossero prodotti in Italia?



Comunque ad avere gravi lacune strutturali non sono solo le grandi navi, un noto modello di successo di una nota industria automobilistica appena subisce un incidente di media entità diventa una trappola mortale per chi è seduto davanti.
Praticamente cedono i montanti e il tetto "crolla" sulle teste dei passeggeri riducendole in poltiglia..

Cavolo, ora mi prende paura... che macchina è? Se non puoi dirlo, mandami un PM, sono curioso, ma anche un pò preoccupato...

FALLEN_ANGEL_664
17-09-2006, 01.17.23
Che ne pensate?

EDIT: Ma soprattutto potreste spiegarmi l'utilità di questi studi 100 anni dopo l'incidente? Cioè che senso hanno? Non servono a comprendere sbagli nel passato, non serve a evidenziare eventuali lacune a livello tecnologico-navale attuale. Per cosa hanno tirato fuori sta cosa?

E chissene. Ci dovevano essere tutte le scialuppe, altro che i difetti nelle percentuali di ferro della struttura.

Che senso hanno? Nessuno in particolare. Se uno ha voglia di studiarsi il titanic allora trova i fondi e se lo studia.

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Gaetanino86
17-09-2006, 03.43.21
E no, la conosci meglio tu con la storia dei poveri che si arricchiscono durante la Grande Depressione. Una innovativa analisi della storia.

Non ho mai detto nulla del genere nella maniera piu assoluta...ho detto "in seguito" il che non vuol dire il 1930...guarda ad esempio gli anni 50.


Che la mia fosse solo una ipotesi no eh? Eh no, altrimenti come si fa a tormentare Peter con la solita rottura di palle? Chennoia! http://digilander.libero.it/lordguru/yawn.gif

Ti posso assicurare che ho di meglio da fare nella mia vita...e poi se ti annoi non rispondere e leggiti un bel libro..


Anche tu hai detto che i poveri hanno cominciato a campare decentemente grazie al crollo del '29.
Che poi non so in base a quale logica lo dici, ma cos'è che tu hai più di me perchP tu possa fare ipotesi e io no?

Ribadisco il concetto : non ho detto assolutamente ciò che pensi te (forse mi dovrò far capire meglio la prox volta)...io non ho nulla in piu di te...ma quoto le cose che dal mio punto di vista sono errate..


Ma apportare un contributo alle discussioni anche tu ogni tanto, anziché stare solo a criticare e a polemizzare su quello che dicono gli altri senza mai apportare alcun elemento?

io ho "apportato un contributo" :


Magari non avevano proprio un cazzo da fare...come molta gente su questo pianeta...o magari è una di quelle cose sponsorizzate da National Geographic o robe del genere...la domanda è giusta, lo stupore altrettanto...però allora non si giustificherebbero moltissime ricerche apparentemente inutili...mah!

avrò detto una sequela di cazzate ma comunque è stato un onesto contributo...io critico e polemizzo (vd. sopra) solo ciò che ritengo (dal mio punto di vista...è chiaro) sbagliato-non chiaro-provocatorio-interessante.

DIAZE
17-09-2006, 08.59.30
Cavolo, ora mi prende paura... che macchina è? Se non puoi dirlo, mandami un PM, sono curioso, ma anche un pò preoccupato...

Pubblicamente si potrà dire solo trà 100 anni!
:asd:
@Fred direi che la tua macchina è un l'esempio fulgido della legge di Murphy

Peter Pan
17-09-2006, 14.07.52
blablabla

Vabbé, adesso la smetti di importunarmi e torni IT?

Di0
17-09-2006, 17.16.45
Ma è una vita che se ne parla. Era una nave troppo grande per le capacità cantieristiche dell'epoca, non solo: era progettata con evidenti difetti nella ripartizione degli scompartimenti a tenuta stagna (per verticale anziché per orizzontale). Con un danno simile, una nave di quelle dimensioni deve impiegare tre giorni ad affondare, non tre ore, allo stato attuale delle cose.

Capirai, erano tutte cose dette e ridette.

Di certo, la tragedia è servita a far progredire la tecnologia nella costruzione navale e l'attenzione impiegata in fase di progetto per alcuni tipi di eventualità.

Tanto meglio, ovviamente. Però il film non mi è piaciuto. :asd:

Kracklite
17-09-2006, 18.17.38
Magari tra 100 anni scoprirannò che il Word Trade Center aveva difetti strutturali...

A giudicare dall'esiguo numero di scale presenti negli edifici,possiamo stabilire con serenità che l'unico aspetto architettonicamente rilevante delle torri,in realtà,era rappresentato dall'estetica esterna.

Namuris
17-09-2006, 19.30.19
Magari tra 100 anni scoprirannò che il Word Trade Center aveva difetti strutturali...

Dal blog di Attivissimo:

http://attivissimo.blogspot.com/2006/09/119-speciale-tg1-stasera-da-non.html

Una considerazione importante è quella di Gabrielle e Manieri sulla disinvoltura strutturale delle torri: norme antincendio patetiche, immunità legale (direi quasi impunità) della Port Authority proprietaria degli edifici, isolamento antincendio carente o addirittura assente sulla struttura, collocazione di tutte le vie di fuga nella zona centrale, vero tallone d'Achille delle torri. Con una struttura del genere, e dopo un danno del genere, il crollo era inevitabile. Ci sembra anomalo perché erano edifici anomali. Irresponsabilmente anomali.

bejita
17-09-2006, 20.37.13
Ma è una vita che se ne parla. Era una nave troppo grande per le capacità cantieristiche dell'epoca, non solo: era progettata con evidenti difetti nella ripartizione degli scompartimenti a tenuta stagna (per verticale anziché per orizzontale). Con un danno simile, una nave di quelle dimensioni deve impiegare tre giorni ad affondare, non tre ore, allo stato attuale delle cose.



basti pensare all'Andrea Doria che con uno squarcio alto 20 metri e lungo 100 è affondata dopo 12 ore

Gaetanino86
17-09-2006, 20.42.54
Una considerazione importante è quella di Gabrielle e Manieri sulla disinvoltura strutturale delle torri: norme antincendio patetiche, immunità legale (direi quasi impunità) della Port Authority proprietaria degli edifici, isolamento antincendio carente o addirittura assente sulla struttura, collocazione di tutte le vie di fuga nella zona centrale, vero tallone d'Achille delle torri. Con una struttura del genere, e dopo un danno del genere, il crollo era inevitabile. Ci sembra anomalo perché erano edifici anomali. Irresponsabilmente anomali.

Magari non erano state progettate per resistere allo schianto di un aereo al loro interno...poi chiaramente c'è anche tutto l "ambaradam" che hai detto tu...

DIAZE
17-09-2006, 20.52.15
Magari non erano state progettate per resistere allo schianto di un aereo al loro interno...poi chiaramente c'è anche tutto l "ambaradam" che hai detto tu...

E invece no,
da un reportage televisivo dopo 11/9 i progettisti afermavano che la struttura era stata progettata anche tenedo conto di un eventuale impatto con un aereo di linea..sbagliando evidentemente i conti.

_Fred_
17-09-2006, 21.01.44
Ragazzuoli, forse non sono più indicato, ma per favore torniamo IT, non vorrete che un altra discussione venga chiusa vero?

Alla base della tragedia, comunque, c'è anche la temperatura a -2° C dell'acqua, che rese fragile l'acciaio delle paratie

DIAZE
17-09-2006, 21.21.40
Se qualcosa può andare male, sicuramente lo farà. (Legge di Murphy)..
esempio pratico la tua macchina!

:asd:

_Fred_
17-09-2006, 21.45.00
Se qualcosa può andare male, sicuramente lo farà. (Legge di Murphy)..
esempio pratico la tua macchina!

:asd:




Ha ha ha... colpo basso :asd:

Sorridi... Domani sara' peggio. (Filosofia di Murphy)

Namuris
17-09-2006, 21.46.29
Magari non erano state progettate per resistere allo schianto di un aereo al loro interno...poi chiaramente c'è anche tutto l "ambaradam" che hai detto tu...

Che non fossero state progettate per quello può anche essere vero, ma il discorso è che se fossero state "a norma" sarebbero resistite più a lungo e forse qualche via di fuga sarebbe rimasta intatta permettendo quindi a più persone di salvarsi.

Fine OT


"Se la percentuale di polvere di ferro utilizzata per la fabbricazione fosse stata del 2 per cento e non del 9, come effettivamente fu, i perni avrebbero resistito e solo due compartimenti stagni si sarebbero allagati."

Siamo sicuri che al tempo della costruzione non fossero comunemente utilizzati perni col 9% di ferro? ovvero non è che i giornalisti hanno preso lo studio sull'affondamendo e ci hanno costruito sopra una notizia?

Gaetanino86
18-09-2006, 00.08.45
ma il discorso è che se fossero state "a norma" sarebbero resistite più a lungo e forse qualche via di fuga sarebbe rimasta intatta permettendo quindi a più persone di salvarsi.

Infatti...è quello che volevo dire io:hello:

_Fred_
18-09-2006, 00.24.14
Siamo sicuri che al tempo della costruzione non fossero comunemente utilizzati perni col 9% di ferro? ovvero non è che i giornalisti hanno preso lo studio sull'affondamendo e ci hanno costruito sopra una notizia?

In effetti il giornalista potrebbe aver scritto una grande amenità per non dire peggio... si può infatti presumere che i chiodi venissero costruiti in acciaio anche all'epoca per cui quel 9 o comunque 2% di ferro ha poco senso.
L'acciaio infatti è una lega ferro-carbonio, ma il ferro è l'elemento principale e non quello in minoranza. Forse il giornalista ha confuso il ferro al posto del carbonio che in un acciaio non deve superare il 2%.

debbbole
18-09-2006, 02.59.40
Appena ho letto il titolo ho pensato: "pure questi ancora a rosicà pe' i mondiali... mò minimo la colpa dell'affondamento del Titanic era della FIAT..." :asd:

Cmq, a me sembra una cosa interessante... :D

Kracklite
18-09-2006, 09.17.42
Magari non erano state progettate per resistere allo schianto di un aereo al loro interno...poi chiaramente c'è anche tutto l "ambaradam" che hai detto tu...


Mio caro amico,senza gli "ambaradam" che,folkloristicamente hai approssimativamente descritto,non può esistere il concetto di edificio atto al contenimento di persone.

Kracklite
18-09-2006, 09.31.24
Alla base della tragedia, comunque, c'è anche la temperatura a -2° C dell'acqua, che rese fragile l'acciaio delle paratie

Tralasciando l'aspetto metallurgico,indubbiamente avanti in termini di leggerezza ed elasticità presenti sull'Andrea Doria,le lastre di acciaio e rivetti che componevano lo scafo del Titanic come quello dell'Olympic era di mediocre fattura ma non credo che sia stata una scelta intenzionale: ad inizio secolo non c'era certo l'esperienza odierna sulla proprietà meccaniche in determinate condizioni di uso, la nave gemella nonostante le molte vissicitudini e una guerra ha svolto il suo servizio fino al 1936 senza problemi(a parte varie collisioni...) non credo che una costruzione "fatta al risparmio" avrebbe consentito al bastimento di navigare per più di 25 anni.
Ad ogni modo,è ormai palese che massivamente,la tragedia umana fu cagionata (come per le Twin Towers) dalla mancanza,elemento primario,di un buon piano di fuga ma soprattutto dalla carenza di scialuppe a bordo.

In ultima analisi le "paratie" stagne del Titanic erano all'epoca un'ottimo passo avanti, avevano un grosso vantaggio rispetto alle paratie longitudinali (vedi Lusitania) in caso di forti allagamenti consentivano di mantenere un assetto meno critico,se il Titanic avesse avuto quel tipo di paratie avrebbe sbandato ed infine si sarebbe capovolto in una manciata di minuti (almeno è la mia opinione) guardandola in quest'ottica con "il senno di poi" la carenza progettuale della nave è meno grave,anzi,ha consentito di guadagnare minuti preziosi, in questo contesto (ma anche senza) in primo piano rimane l'errore umano, neanche il miglior concentrato tecnologico può contro la mano dell'uomo, come diceva un tecnico che lavora nella sicurezza aerea "l'errore è parte integrante dell'essere umano, in ogni fase di progetto dobbiamo tenerne conto.

Di0
18-09-2006, 15.31.19
In effetti il giornalista potrebbe aver scritto una grande amenità per non dire peggio... si può infatti presumere che i chiodi venissero costruiti in acciaio anche all'epoca per cui quel 9 o comunque 2% di ferro ha poco senso.
L'acciaio infatti è una lega ferro-carbonio, ma il ferro è l'elemento principale e non quello in minoranza. Forse il giornalista ha confuso il ferro al posto del carbonio che in un acciaio non deve superare il 2%.

Cioè, in ogni caso, il giornalista sta forse accusando i costruttori di aver utilizzato una specie di super-ghisa per aver costruito i bulloni?:roll3:

Bulloni in ghisa, metallo poco tenace e molto fragile. Uhm, però almeno tiene bene il calore, almeno. :asd:

I giornalisti che scrivono di questi articoli non hanno il minimo senso "delle grandezze fisiche", quando si parla di leghe et simili tendono a mettere su per giù i numeri che hanno letto da qualche altra parte, senza porsi alcun problema e se ne sentono davvero delle belle.

Gaetanino86
18-09-2006, 15.34.46
Mio caro amico,senza gli "ambaradam" che,folkloristicamente hai approssimativamente descritto,non può esistere il concetto di edificio atto al contenimento di persone.

Amico caro, folkloristicamente ti dico che io non ho mai detto nulla su nessun concetto...anche perchè di edilizia-ingenieria non ne capisco un cazzo...era solo un ipotesi da puro ignorante!...

Kracklite
18-09-2006, 15.58.58
Amico caro, folkloristicamente ti dico che io non ho mai detto nulla su nessun concetto...anche perchè di edilizia-ingenieria non ne capisco un cazzo...era solo un ipotesi da puro ignorante!...

Calma,calma:non occorre alzare polvere.

:birra:

Gaetanino86
18-09-2006, 16.14.06
Calma,calma:non occorre alzare polvere.
:birra:

Ma che scherzi...:Palka: :love: (forse ho esagerato!!eheheheheheh!!)
:birra: :birra: :birra: :birra: :birra: :birra: :birra:

_Fred_
18-09-2006, 18.18.01
Cioè, in ogni caso, il giornalista sta forse accusando i costruttori di aver utilizzato una specie di super-ghisa per aver costruito i bulloni?:roll3:

Super ghisa con 9% di carbonio che al solo guardarla va in pezzi... :roll3: :roll3:



Bulloni in ghisa, metallo poco tenace e molto fragile. Uhm, però almeno tiene bene il calore, almeno. :asd:

I costruttori speravano che andasse a navigare nei mari del sud... cavoli tutte le sfortune... :asd:

Di0
18-09-2006, 18.35.18
Super ghisa con 9% di carbonio che al solo guardarla va in pezzi... :roll3: :roll3:


Che magari, non vorrei dire, ma siamo a pochi punto dal punto di solubilità in eutettoide. Ci si devono pur essere messi d'impegno per metterci tanti alliganti nella matrice del ferro, altro che costruzione approssimativa e bassa qualità: un valore così alto di carbonio ti verrebbe fuori solo se lo vuoi e non è nemmeno semplice da ottenere. :asd:
Peraltro, a compressione una lega simile non si comporterebbe nemmeno malaccio, peccato che parliamo di bulloni che idealmente lavorano a taglio, ma se ti va bene e con un pelo di usura, pure a trazione. Mi ricorda quello che aveva progettato gli attacchi dei finestroni al politecnico usando Ottone e Acciaio, o Zinco e Ottone, o comunque due metalli di fattore ossidante fortemente opposto e dopo un po' i bulloni erano andati in transpassivo e le finestre avevano iniziato a crollare da sole dal soffitto. :roll3:

_Fred_
18-09-2006, 19.07.07
Che magari, non vorrei dire, ma siamo a pochi punto dal punto di solubilità in eutettoide. Ci si devono pur essere messi d'impegno per metterci tanti alliganti nella matrice del ferro, altro che costruzione approssimativa e bassa qualità: un valore così alto di carbonio ti verrebbe fuori solo se lo vuoi e non è nemmeno semplice da ottenere. :asd:

Bho... i diagrammi che ho io si fermano al 7%... :asd:


Peraltro, a compressione una lega simile non si comporterebbe nemmeno malaccio, peccato che parliamo di bulloni che idealmente lavorano a taglio, ma se ti va bene e con un pelo di usura, pure a trazione. Mi ricorda quello che aveva progettato gli attacchi dei finestroni al politecnico usando Ottone e Acciaio, o Zinco e Ottone, o comunque due metalli di fattore ossidante fortemente opposto e dopo un po' i bulloni erano andati in transpassivo e le finestre avevano iniziato a crollare da sole dal soffitto. :roll3:

Cioè in pratica si sono "mangiati" l'un l'altro? :asd:

Di0
18-09-2006, 22.49.03
Bho... i diagrammi che ho io si fermano al 7%... :asd:


Ah ecco... volevo dire. :asd: Dopo bisogna giungere là dove nessun uomo è mai giunto prima. Oppure scopri il duranio. :asd:



Cioè in pratica si sono "mangiati" l'un l'altro? :asd:

Sì. :asd: In pratica sì, con la minima presenza d'acqua come liquido di trasporto, hanno dato il via a reazioni anodo/catodo che li hanno lentamente erosi, finché non si sono "svitati" sotto il loro stesso peso. :roll3:
Questo detto dalla nostra Professoressa di Scienze dei Materiali, quindi credo davvero che non esista fonte più affidabile! :roll3:

_Fred_
19-09-2006, 01.30.47
Ah ecco... volevo dire. :asd: Dopo bisogna giungere là dove nessun uomo è mai giunto prima. Oppure scopri il duranio. :asd:

In realtà l'avevano già scoperto i costruttori del titanic, poi i borg si sono accorti che la lega avrebbe potuto interessargli, sono tornati indietro nel tempo sfruttando l'effetto fionda del sole e poi si sono fregati il duranio dalle paratie... con l'effetto collaterale di farlo affondare...:tsk: :asd: :asd:



Sì. :asd: In pratica sì, con la minima presenza d'acqua come liquido di trasporto, hanno dato il via a reazioni anodo/catodo che li hanno lentamente erosi, finché non si sono "svitati" sotto il loro stesso peso. :roll3:
Questo detto dalla nostra Professoressa di Scienze dei Materiali, quindi credo davvero che non esista fonte più affidabile! :roll3:

Spettacolare... immagina se ti cascava la finestra in testa... hai voglia che ti spiegassero: "ma sai è tutto naturale, le reazione catodo/anodo ha eroso i supporti... :asd:
Chissa perchè, ma tutti gli insegnati di Scienza dei materiali sono donne... bho

Di0
19-09-2006, 13.00.22
In realtà l'avevano già scoperto i costruttori del titanic, poi i borg si sono accorti che la lega avrebbe potuto interessargli, sono tornati indietro nel tempo sfruttando l'effetto fionda del sole e poi si sono fregati il duranio dalle paratie... con l'effetto collaterale di farlo affondare...:tsk: :asd: :asd:


Certo, come ho fatto a non pensarci prima! Tutto torna. :azz: :asd: In realtà l'aereo di Ustica è stato sostituito dai Borg con un aereo per mandare a monte l'esperimento: doveva esserci il primo razzo di curvatura di Cochrane. :asd:



Chissa perchè, ma tutti gli insegnati di Scienza dei materiali sono donne... bho
Forse è sempre la stessa che si gira tutti i politecnici. :asd: