PDA

Visualizza versione completa : Piste ciclabili



Fabio
01-08-2006, 19.36.15
Senza dubbio, per chi va in bicicletta, le piste ciclabili sono una manna dal cielo. Spesso, restare ai bordi delle strade, soprattutto quelle più trafficate, è davvero pericoloso, visto che da queste parti, a meno che non si decida di andare a pedalare in campagna, se si vuole restare nelle zone cittadine, bisogna percorrere arterie in cui passano pure camion e mezzi non proprio piccoli.

In alcuni casi, però, anche la pista ciclabile diventa pericolosa, addirittura più della strada, perchè la gente si comporta in un modo che definire penoso è quasi riduttivo. Questo capita quasi sempre quando la pista si trova a fianco di un marciapiede ed i pedoni la considerano come un estensione di quest'ultimo. Per questo motivo, molti attraversano senza guardare chi arriva da una parte e dall'altra, costringendo a frenate improvvise; altri scendono dal marciapiede e cominciano a camminare sulla pista senza badarsi di chi arriva alle loro spalle e fanno pure gli scocciati quando gli si scampanella per farli spostare. I pericoli maggiori, però, vengono soprattutto da chi va in bici: gente che avanza uno a fianco all'altro, senza spostarsi nè quando li si deve superare, nè quando si arriva dall'altra parte; gente che va a zig-zag, chiudendo la strada quando si sta sorpassando, costringendo a scampanellate improvvise, porconi e bestemmie silenziose, e sorpassi al centimetro degni di Valentino Rossi (se mi spostassi di un altro paio di cm, piglierei contro il cordolo del marciapiede e mi ritroverebbero sfigurato 100 m più avanti). Non dimentichiamo quelli che stanno in mezzo alla pista e non si spostano nemmeno se scampanelli per mezz'ora, costringendoti in quel caso ad avvicinarsi alla ruota per far sentire loro il fiato sul collo e farli scansare, e così via dicendo.

Cervia ha un discreto numero di piste ciclabili (quella in cui accadono queste cose inenarrabili è quella che fiancheggia il lungomare), cosa che fa sì che la situazione sia abbastanza rosea da questo punto di vista. Per fortuna, misfatti simili accadono solamente nella pista del lungomare. Anche Cesenatico, Cesena e gli altri comuni limitrofi sono abbastanza ben messi per quanto riguarda le piste ciclabili. Certo, magari ne servirebbe qualcuna di più in determinate zone, ma non ci si può lamentare.

Comunque, perchè tutto questo sproloquio? Volevo semplicemente sapere com'è la situazione dalle vostre parti, per curiosità, ma anche per interesse. Ce ne sono? Quante ce ne sono? Le usate, andando in bici? Non le usate? Anche lì la gente si comporta in modo incivile? Dite la vostra. :)

aciddeath
01-08-2006, 19.39.48
non ci sono e se ci fossero le useremmo per andarci in macchina.. :|

Edit: un po' di ottimismo Bill..
ripeto qui da me non ci sono neanche a pagarle oro ma nei posti vicini e sopratutto sulla costa tipo Forte dei Marmi sì ne ho viste.. sempre tenute bene ma perennemente deserte.. forse per quello heh.. credo che ormai siano tutti abituati ad andare direttamente sulla strada tanto che ogni giorno mentre vado al lavoro sono sempre assalito dal desiderio irrefrenabile di splasharne uno..

Fabio
01-08-2006, 19.41.30
non ci sono e se ci fossero le useremmo per andarci in macchina.. :|

Il topic è serio, per cui se devi rispondere alla cazzo, evita, please.

Di0
01-08-2006, 19.45.58
Qua ce ne sono molto poche, sono piuttosto rare. Talmente rare che è impossibile redarre una casistica sul comportamento, comunque negativa per quella che è la mia impressione.

Quindi, anche dove fossero presenti, preferisco tenere il bordo della strada, soprattutto nei posti di collina o montagna dove alla fine, se sei in salita e stai faticando molto è inevitabile prendersi anche il centro, quando capita. :D

Khorne
01-08-2006, 19.49.27
Qui sono OVUNQUE. Dove un tempo c'erano strade a due corsie ora ci sono strade a corsia singola, ma con una pista ciclabile per parte...

Non andando in bicicletta non so dirti molto in merito al comportamento dei ciclisti. So dire però che sono praticamente sempre del tutto vuote.

bejita
01-08-2006, 19.56.23
a milano sono ridicole, cioè ti vedi sta pista che sembra costruita da un equipe di ingegneri aerospaziali che dura 100 metri e poi basta, sta lì come una cattedrale nel deserto. Per ritrovarne un'altra devi andare 10 quartieri più in là, però è sempre una pista aerospaziale :roll3:

naturalmente i ciclisti non le usano, qua da noi vanno maggiormente sui marciapiedi tentando di ammazzare i pedoni :asd:

Giant Lizard
01-08-2006, 19.57.40
son di Milano...e a Milano non è che ce ne siano tantissime, anche se devo dire si son dati da fare per costruirne il più possibile (dove c'era spazio, chiaramente).

Forse dovrebbero davvero farne di più...perchè qua i ciclisti sono idioti quanto i tassisti per come vanno in giro.

Tanto per cominciare pensano che essendo in bicicletta possono fare quel caxxo che vogliono e che la segnaletica non li riguarda, mentre non è affatto così. La bicicletta è considerato un mezzo di trasporto e deve attenersi ai vari regolamenti stradali. Mi sarà capitato un centinaio di volte di trovare ciclisti contro-mano. Vi giuro, qua è pieno...sembra facciano apposta, anche quando hanno altre alternative preferiscono rischiare andando contro-mano, amanti dell'avventura, senza dubbio :sisi:

una volta me ne sono trovato uno contromano addirittura in curva! Mi è sbucato all'improvviso e ho dovuto inchiodare altrimenti lo stendevo...e mi ha fatto pure dei segni con la mano come per dire "stai attento!" :eek2:

prima o poi mi vendicherò, noleggierò un camion e andrò in giro a investire tutti i ciclisti che trovo :asd:

e magari anche i tassisti maledetti :evil:

Mischa
01-08-2006, 19.58.14
Comunque, perchè tutto questo sproloquio? Volevo semplicemente sapere com'è la situazione dalle vostre parti, per curiosità, ma anche per interesse. Ce ne sono? Quante ce ne sono? Le usate, andando in bici? Non le usate? Anche lì la gente si comporta in modo incivile? Dite la vostra. :)Negli ultimi mesi, mi tocca incrociarne spesso, per tragitti inevitabili. L'idea di per sé la ritengo buona, anzi, ottima, ma applicata in modo pessimo. E' come se le giunte comunali facessero le piste giusto per togliersi di torno la questione e dire "l'abbiamo fatto, cazzo volete?", ma in realtà realizzando qualcosa che sulla carta è eccezionale, in pratica un bordello. Il problema principale, è dovuto imho a un fatto: che se ti piazzano pista ciclabile da qualche parte, di norma è solo su un lato della via/corso/viale, e valida in entrambi i sensi, invece che seguire logica, e fare una corsia in un senso, e una in un altro, parallele a quelle di traffico veicolare. Ciò crea casini seri, sia ai pedoni, che alle macchine, che ai ciclisti, agli incroci, che dovrebbero guardare da entrambe le parti, invece che solo da una, come invece spesso suggerito dalla segnaletica a cartelli. Una cosa è se io arrivo a un incrocio e devo guardare solo da una parte, altra se, senza accorgermene, arrivo e dovrei guardare da entrambe, in un punto in cui di norma dovrei guardare solo da una (la segnalazione a terra, addirittura, a volte cancella quasi le zebrate, rendendo paradossalmente meno visibile il fatto che lì ci sia non solo una pista ciclabile, ma pure un passaggio pedonale, di sera, a luce di lampioni). Boh, casino, anyway. Di incidenti, a un paio di incroci, negli ultimi mesi ne ho visti parecchi, e spesso anche solo tra ciclisti e pedoni, e ciclisti e ciclisti, prima ancora che con veicoli. Imho, come detto, la cosa sensata sarebbe fare corsie separate per i due sensi di marcia, invece che solo su un lato, come sembra comune.

Stryder
01-08-2006, 19.59.29
A Novara ce ne sono parecchie, anche ben fatte, ma il problema è la gente che ci va sopra :asd:

Agli attraversamenti è sempre un casino: gli automobilisti che si fermano sulle strisce, non prima, senza nemmeno sapere che sulle strisce il ciclista ha la precedenza. Si fiondano in mezzo all'attraversamento e, dopo aver evitato la morte certa con manovre vicine all'incredibile, ti urlano anche da dentro la macchina :tsk:

Oppure i pedoni che attraversano di colpo senza guardare... Mah :|

Se non stessi sempre attento io ne avrei tirati sotto a centinaia, è forse non è proprio un male... Selezione naturale :asd:

Peccato che uno scontro in bicicletta non è salutare nemmeno per il ciclista :look:

funker
01-08-2006, 20.00.36
Qua abbiamo le Mura (http://www.tuscany-charming.it/IMAG/CITTA/LUCCA/lucca_mura.jpg), la miglior pista ciclabile che si possa desiderare.

naky
01-08-2006, 20.03.06
qua? http://e.deviantart.com/emoticons/r/rofl.gif




ma
ovvio
che
no!

se ti vedono in bici ti mettono pure sotto :asd:
qua secondo me fanno la fame i negozi di biciclette, ma chicazz se le compra, è una pazzia, a meno che non ci si rinchiude in boschetti/parchi.. ma non so se è ancora possibile :doubt:

è già tanto se ci son le BELLISSIME, E PRIVE DI FOSSI :sisi:, strade per le auto :D

e poi qui vanno di moda i motorini, le bici non son state mai prese in considerazione :asd:

nageki
01-08-2006, 20.07.27
Io ho un rapporto d'amore ed odio con le piste ciclabili. Ogni tanto quand vado al supermercato a piedi devi inevitabilmente usufruirne, almeno che non voglia camminare in mezzo al traffico e sotto al cavalcavia nel quale il marciapiede misura si e no dieci centimetri in larghezza. Il problema è che, anche stando il più possibile al lato della pista ciclabile, c'è sempre chi ti strombazza dietro più volte e non solo per avvertirti visto che il ciclista in questione continua a pedalare in linea retta, ignaro dell'esistenza del manubrio e costringendoti a spostarti. Per non parlare dei ciclisti che viaggiano in coppia, uno di fianco all'altro e che non si separerebbero manco a morire. L'estate scorsa io e Hirozzo andavamo in piscina in bicicletta percorrendo la ciclabile in questione e, visto episodi passati, ci siamo divertiti a "giocare" ai ciclisti bastardi suonando il campanello a ripetizione anche quando sulla pista ci stava un solo individuo che camminava quasi sul ciglio della strada :asd: per una giornata ho voluto fare io la parte della maleducata con chi non sa nemmeno dove stia di casa l'educazione :azz:

Quanto alle domande: da me ce ne sono poche, anzi, pochissime tanto che usare la bicicletta è quasi impossibile. Per fortuna dietro a casa mia hano edificato una zona residenziale nuova ed in mezzo alle villette si può circolare tranquillamente senza pericolo di essere asfaltati. Il problema è che fuori da questa zona non ce ne sono affatto, il che è un peccato perchè d'estate non mi dispiaceva uscire in bici ma ora è quasi impossibile e percorrere sempre lo stesso sentiero mi scoccia :|
( edit: esiste un "percorso natura" dietro a casa mia ma 1) di natura ce n'è veramente poca visto che in alcune zone passano i camion e 2) è pericoloso andarci da soli visto che ora è diventato territorio dei rom :azz: )

bejita
01-08-2006, 20.14.08
Agli attraversamenti è sempre un casino: gli automobilisti che si fermano sulle strisce, non prima, senza nemmeno sapere che sulle strisce il ciclista ha la precedenza.


hai precedenza solo se la porti a mano

Stryder
01-08-2006, 20.58.12
hai precedenza solo se la porti a mano

No, no, intendo gli attraversamenti ciclabili :sisi:

BESTIA_kPk
01-08-2006, 21.39.31
...Volevo semplicemente sapere com'è la situazione dalle vostre parti, per curiosità, ma anche per interesse. Ce ne sono? Quante ce ne sono? Le usate, andando in bici? Non le usate? Anche lì la gente si comporta in modo incivile? Dite la vostra. :)

Da me mmmm, paesino piccolo di campagna = piste ciclabili come il cucchiaio [non esistono...].

Se anche ci fossero non le userei, risulterebbero ridicole/costrittive.
Molto meglio la campagna aperta tra campi e boschi... lì la bici si gode e non si patisce smog nè cazzoni in auto/moto/bici/piedi [o quasi].

Se vivessi in città, piuttosto che usare la bici nelle piste ciclabili la caricherei in auto per andare a pedalare altrove.
Essendo per me un divertimento, sarebbe assurdo usarla nel traffico [che non mi piace].

EDIT: scordavo... al rogo tutti i ciclisti teste di cazzo che si affiancano in strada invece di procedere per fila indiana. Teste di cazzo pericolose per sè e per gli altri.
C'è posto e posto per occupare spazio a random.

*Lorenzo*
01-08-2006, 22.19.38
Qui a Mestre ce ne sono, non tante, ma dove servono ci sono.

I marciapiedi solitamente sono rialzati di 7-8 cm rispetto alla pista. C'è da dire che sono tutte piuttosto strettine.

Non vado spesso in bici, e quando la uso, vado sulle piste.

La gente qui non è incivile, macchè, loro sono civilissimi. Sei tu, pedone, che non ti sei spostato all'utlimo momento mentre ti arrivavo a tutta birra da dietro sul marciapiede. :mad:

Il classico poi, esci dal negozio, e *TRAK* vecchietta con borsoni della spesa che ti passa su di un piede. Ovviamente mica cade... no... la vedi "smanubriare" a destra e a sinistra... rallenta... dai che cade.. poggia il piede per terra... ecco.. inigustizia divina è fatta. :tsk:

Il_Boia
01-08-2006, 22.28.25
Da noi i geni della viabilità, hanno fatto la figata, siccome nn cera spazio per creare la pista ciclabile, hanno trasformato il marciapiede tirando qualche riga gialla qui e li a mo di pista ciclabile, senza asfaltarlo ne sistemarlo in alcun modo, ora ci si trova che pratcamente abbiamo marciapiede e pistaciclabile insieme....:azz:

Ovviamente i casini che ne conseguono si possono immaginare vecchiette con le borse che occupano tutto lo spazio, giovani che scorrazzano manco fosse Indianapolis. :tsk:

Fortunatamente io questo lo vedo dal mio posto di guida, nella mia auto, col climatizzatore acceso, la bici nn l'ho mai sopportata piuttosto vado a piedi o coi mezzi.:sisi:

billygoat
01-08-2006, 22.29.24
Da me mmmm, paesino piccolo di campagna = piste ciclabili come il cucchiaio [non esistono...].

Se anche ci fossero non le userei, risulterebbero ridicole/costrittive.
Molto meglio la campagna aperta tra campi e boschi... lì la bici si gode e non si patisce smog nè cazzoni in auto/moto/bici/piedi [o quasi].

Se vivessi in città, piuttosto che usare la bici nelle piste ciclabili la caricherei in auto per andare a pedalare altrove.
Essendo per me un divertimento, sarebbe assurdo usarla nel traffico [che non mi piace].

EDIT: scordavo... al rogo tutti i ciclisti teste di cazzo che si affiancano in strada invece di procedere per fila indiana. Teste di cazzo pericolose per sè e per gli altri.
C'è posto e posto per occupare spazio a random.

quoto tutto. :birra:

campagna e puzza di merda rules de uord! :metal:

nageki
01-08-2006, 22.30.45
Da noi i geni della viabilità, hanno fatto la figata, siccome nn cera spazio per creare la pista ciclabile, hanno trasformato il marciapiede tirando qualche riga gialla qui e li a mo di pista ciclabile, senza asfaltarlo ne sistemarlo in alcun modo, ora ci si trova che pratcamente abbiamo marciapiede e pistaciclabile insieme....:azz:



queste sono anche le piste ciclabili di Modena

Fabio
01-08-2006, 22.40.28
campagna e puzza di merda rules de uord! :metal:

Io vi dirò invece che preferisco girare in città. Amo la campagna (tant'è che il mio obiettivo è comprarmi, non appena mi sarà possibile, una bella casa in mezzo alla campagna), ma girarci in bici mi mette tristezza, non riesce a rilassarmi.

billygoat
01-08-2006, 22.45.23
Io vi dirò invece che preferisco girare in città. Amo la campagna (tant'è che il mio obiettivo è comprarmi, non appena mi sarà possibile, una bella casa in mezzo alla campagna), ma girarci in bici mi mette tristezza, non riesce a rilassarmi.

io credo invece che se dovessi girare in bici in città credo che mi verrebbe un attacco isterico... mi piace stare in mezzo alla strada, sentire il profumo del fieno, vedere i colori, perchè no sentire la puzza di letame... passare un'ora a schivare macchine, marciapiedi, pedoni, con i clacson e le bestemmie degli automobilisti non i attira... :asd:

mVm
01-08-2006, 23.03.24
Qui in Valseriana stanno completando una pista ciclopedonabile che segue il corso del fiume Serio. E' già stupenda ora, lo sarà anche di più quando collegherà interamente tutti i paesi della Valle, da Clusone a Bergamo e oltre.

Quanto sarà sicura dipenderà da chi la frequenta, e non mi riferisco ai pedoni.

Io non ho una grande considerazione per i ciclisti. Fanno della loro debolezza, in quanto privi di protezione 'meccanica', motivo di prepotenza.

La stragrande maggioranza di loro, quando è in bici, ha una macchina in garage o sul marciapiede. Cosa che dovrebbe far supporre la conoscenza del codice, per cominciare. Ciò nonostante sono in giro affiancati in sette su strade larghe due metri, non si fermano ad un rosso che è uno, attraversano sulle pedonali inveendo contro i pedoni che scartano come birilli, percorrono le gallerie senza un lumino addosso, ti superano a destra, a sinistra, sotto o sopra.

Quando ne ho davanti un gruppo, e capita spesso tornando dal lago dopo una uscita in windsurf, ripenso a "Nel continente nero" e auspico l'indulto per chi ne stira uno. Al limite, due mesi con la condizionale spalmando l'intero gruppo.

MarcoLaBestia
01-08-2006, 23.24.26
Quì la situazione è strana. La pista ciclabile una soltanto, ma è praticamente marciapiede, di conseguenza esiste solo ufficialmente. Si tratta di una fascia di un metro e mezzo riasfaltata di rosso scagnato e delimitata da linee gialle, ke nel mezzo la dividono in due corsie opposte. Nemmeno se ti metti col bilancino riesci a non sforare nell'altra corsia. Di conseguenza quando si deve superare o addirittura solo passarsi fianco a fianco con quello ke viene dalla direzione opposta, uno dei due deve levarsi dalla pista o ci si fa la fiancata a vicenda.


Però è bella (:asd:), perkè passa per mezza Foggia (un terzo và..) e non te ne rendi conto; dalla Macchia Gialla (zona in cui abito) ti ritrovi vicino allo stadio, quasi in centro, dove muore senza ke te ne rendi conto e ti ritrovi a pedalare su un comune marciapiede.

Una volta provai a ripercorrerla verso la parte opposta, verso il nulla condensato: mi ritrovai nei quartieri nuovi dietro casa mia (un bel po' dietro), dove ci stanno solo cantieri, e la pista finiva in una maniera strana.

questa quì (http://teknolover.altervista.org/_altervista_ht/finepistaciclabile_fg.gif)

finiva così, solitaria, nel bel mezzo del nulla, tra due cantieri deserti ed una strada vuota, nell'afa foggiana.

perladiluna
02-08-2006, 10.44.36
Mi ricordo come sono le piste ciclabili a Cervia, visto che per 5 mesi ho fatto Pinarella - Milano Marittima (fino al soggiorno militare) per 4 volte al giorno e la situazione è terrificante, sopratutto perchè d'estate questa zona è popolata da Milanesi in vacanza e si sa come sono.....

A Milano come diceva il BuonBeji ce ne sono pochissime e quelle che ci sono, fanno pure schifo....per esempio ce ne una che costeggia Viale Zara, dove di giorno ci vanno le moto e di sera le prostitute....:mumble:


Qui sono OVUNQUE. Dove un tempo c'erano strade a due corsie ora ci sono strade a corsia singola, ma con una pista ciclabile per parte...

Non andando in bicicletta non so dirti molto in merito al comportamento dei ciclisti. So dire però che sono praticamente sempre del tutto vuote.

.....tutti in svizzeraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!! !!!!!!



qua? http://e.deviantart.com/emoticons/r/rofl.gif




ma
ovvio
che
no!

se ti vedono in bici ti mettono pure sotto :asd:
qua secondo me fanno la fame i negozi di biciclette, ma chicazz se le compra, è una pazzia, a meno che non ci si rinchiude in boschetti/parchi.. ma non so se è ancora possibile :doubt:

è già tanto se ci son le BELLISSIME, E PRIVE DI FOSSI :sisi:, strade per le auto :D

e poi qui vanno di moda i motorini, le bici non son state mai prese in considerazione :asd:

:sisi: vero..a Napoli non ho visto nemmeno una bici :eek2: non vanno bene per fare gli scippi :asd:

_Enza_
02-08-2006, 11.47.53
:sisi: vero..a Napoli non ho visto nemmeno una bici :eek2: non vanno bene per fare gli scippi :asd:

a catania qualcuno in bici, c'è e c'abbiamo pure tutto il lungomare pista ciclabile! :sisi:
(non ha importanza se lo usano le auto per sorpassare, vero? :asd: )

catania meglio di napoli :metal:

Nemolo.O
02-08-2006, 15.07.00
invece che piste ciclabili avevo letto piste riciclabili :asd:

MarcoLaBestia
02-08-2006, 18.03.34
Io cmq riesco a divertirmi discretamente andando in bici, proprio perkè quì la situazione è disastrosa. (piste ciclabili serie, come detto sopra, non ce ne sono perciò bisogna andare per strada)


La bici non la uso mai per fare escursioni, ma solo per spostarmi da un luogo ad un altro (e solo nel caso in cui dove arrivo la posso poggiare in un posto sicuro).
Il traffico foggiano come in tutte le città è bello intenso, in più si sa ke le strade di Foggia per antonomasia sono smottate o rattoppate; sapete com'è, quì hanno il vizietto di fare la strada nuova, perfetta, poi distruggerla ai lati, mettere le tubature, rifare il manto in quel pezzo - ed ecco ke si forma la prima pezza con conseguente gradino - poi distruggerlo di nuovo posizionando i tombini in punti strategici (ossia in mezzo alla corsia, mai sul bordo) per poi rattoppare nuovamente. Il risultato sono delle strade ke a confronto il sottobosco è meno frastagliato, così in automobile sembra di fare rally e in bici sembra di andare in un perpetuo terremoto.

quindi la moutain bike fa spavento per andare a Foggia, divincolandosi freneticamente tra traffico malato, strade smottate, marciapiedi impervi e montuosi (sapete com'è, quì hanno il vizietto di mettere solo i Pini, ke si sa amano molto creare catene montuose ficcando le loro radici sotto l'asfalto) nonkè costellati da cagate di cani ogni tre metri.
La parte divertente è salire sui marciapiedi, i cui bordi sono sempre altissimi tranne in alcuni punti cardine, e per conoscerli ci vuole l'esperienza. Quando poi il bordo è sollevato dai pini, discenderlo diventa una specie di salto nel vuoto con conseguente distruzione della bicicletta. Il bordo del marciapiede più sollevato si trova a Corso Giannone ad un paio di isolati dall'inizio (partendo da Maria Grazia Barone, lato opposto a Piazza Cavour), se ci passo faccio una foto e ve lo mostro.


non a caso in bici quì ci vanno solo i ggiovani temerari, le famigliole in allegra passeggiata ciclistica sono ormai estinte da tempo.

mVm
02-08-2006, 18.54.32
... le famigliole in allegra passeggiata ciclistica sono ormai estinte da tempo.

Provato a guardare sui pini?!...

MarcoLaBestia
02-08-2006, 19.13.57
Provato a guardare sui pini?!...No, mai, guai e morte a ki ci si avvicina: un'orda di piccioni infoiati è pronta ad inondarti di bombe.

le pankine sotto agli alberi a Piazza Italia erano di legno, ora sembrano di marmo carrara. :asd:

Serge
02-08-2006, 19.58.58
Quanto alle domande: da me ce ne sono poche, anzi, pochissime tanto che usare la bicicletta è quasi impossibile. Per fortuna dietro a casa mia hano edificato una zona residenziale nuova ed in mezzo alle villette si può circolare tranquillamente senza pericolo di essere asfaltati. Il problema è che fuori da questa zona non ce ne sono affatto, il che è un peccato perchè d'estate non mi dispiaceva uscire in bici ma ora è quasi impossibile e percorrere sempre lo stesso sentiero mi scoccia :|
( edit: esiste un "percorso natura" dietro a casa mia ma 1) di natura ce n'è veramente poca visto che in alcune zone passano i camion e 2) è pericoloso andarci da soli visto che ora è diventato territorio dei rom :azz: )

In realtà ce ne sono abbastanza di piste cicliabili in campagna o cmq nella provincia... alcune anche abbastanza belle da percorrere, tipo quella che va verso sud e incrocia san donnino, paganine ecc. ecc.

In città invece è tutto un altro discorso... le piste ciclabili sono solo sulle vie "principali" e spesso attaccate a parchi o giardini... pieni di extracomunitari che ti importunano appena possono :azz:

Fabio
06-08-2006, 17.12.41
Percorrere la pista che fiancheggia il lungomare, di Domenica, qui a Cervia, è più pericoloso che andare in bicicletta senza mani sull'Adriatica. Oggi, tra frenate, sorpassi al limite (con due persone una a fianco all'altra che non si spostano nemmeno se gli urli addosso) e via dicendo, nella mia testa ho imprecato parecchio.

Oltre ai casi umani già elencati all'inizio del thread, oggi mi è capitato di beccarne un altro che non avevo mai incontrato prima: la gnocca in bikini e pantaloncino corto che si siede sul marciapiede a fianco della pista, a gambe lunghe, in modo da occupare metà della ciclabile, e ti guarda con aria di sfida mentre ti avvicini. Per fortuna, dall'altro lato non veniva nessuno, e quindi l'ho sorpassata percorrendo la corsia opposta, però se avessi dovuto fermarmi, probabilmente, l'avrei seppellita di insulti. Non sarebbe stato molto elegante, ma ho idea che non me ne sarebbe fregato nulla.

funazza
06-08-2006, 17.14.42
la gnocca in bikini e pantaloncino corto che si siede sul marciapiede a fianco della pista, a gambe lunghe, in modo da occupare metà della ciclabile, e ti guarda con aria di sfida mentre ti avvicini.

potevi inchiodare col freno davanti e lanciarti tra le sue poppe, no?

Badile
06-08-2006, 17.15.58
Io gli sarei caduto adosso che magari la conoscievo e la prossima pedalata la fecevo insieme.

Poi scusa.

Grazie

Fabio
06-08-2006, 17.16.35
potevi inchiodare col freno davanti e lanciarti tra le sue poppe, no?

Aveva una faccia aggressiva, ergo non meritava la mia attenzione.

X3N0M
06-08-2006, 20.21.19
nel mio quartiere c'è una pista ciclabile rettilinea lunga circa 150 metri. Ora qualcuno mi dica a che cazzo serve una pista ciclabile così corta :asd:

The Dash
06-08-2006, 20.37.39
a milano non c'é una sega. anzi no, ci sono ma durano 50 metri... in provincia ce n'é qualcuna, quella che faccio io ogni tanto é fatta in modo che sul marciapiede camminano i pedoni, giù dal marciapiede c'é una corsia per le biciclette. solitamente i pedoni camminano sul marciapiede ma se sono sulla ciclabile e ti vedono arrivare si spostano. ora che ci penso bene quella é l'unica ciclabile che conosco:mumble:... in tutta milano e provincia :look: é lunga sui 500 metri credo

destino
06-08-2006, 21.05.58
Percorrere la pista che fiancheggia il lungomare, di Domenica, qui a Cervia, è più pericoloso che andare in bicicletta senza mani sull'Adriatica. Oggi, tra frenate, sorpassi al limite (con due persone una a fianco all'altra che non si spostano nemmeno se gli urli addosso) e via dicendo, nella mia testa ho imprecato parecchio.

Oltre ai casi umani già elencati all'inizio del thread, oggi mi è capitato di beccarne un altro che non avevo mai incontrato prima: la gnocca in bikini e pantaloncino corto che si siede sul marciapiede a fianco della pista, a gambe lunghe, in modo da occupare metà della ciclabile, e ti guarda con aria di sfida mentre ti avvicini. Per fortuna, dall'altro lato non veniva nessuno, e quindi l'ho sorpassata percorrendo la corsia opposta, però se avessi dovuto fermarmi, probabilmente, l'avrei seppellita di insulti. Non sarebbe stato molto elegante, ma ho idea che non me ne sarebbe fregato nulla.

potevi provare a saltare con la bici sopra le sue gambe, al max le saltava tibia e perone