PDA

Visualizza versione completa : Situazione lavorativa....



Final Gray
25-05-2006, 10.24.55
Salve ragazzi, ho deciso di creare questo topic non per un profitto ne per una lamentela personale, ma soltanto per uno sfogo, un semplice e piccolo sfogo.
Ho 19 anni, appena compiuti i 18 per vari motivi che nn staro' qui' a spiegare mi son trasferito con mia madre e mio fratello al nord, precisamente in emilia romagna - ravenna, alla ricerca di un lavoro. Un qualsiasi lavoro (anche se sono portato verso il mondo dei computer, pur non avendo ahime' nessun titolo di studio, ed ero quindi disponibile per qualsiasi lavoro).
Siccome a Ravenna vive anche mio padre (lui stesso ha trovato casa per noi ecc.), e siccome al sud e' rinomata la nota disoccupazione, abbiam deciso di fare il grande passo.
Beh che dire, sono venuto il 13 giugno dell anno scorso, e mi ritrovo tutt'oggi senza un impiego fisso.
Ma inizio con calma:
Arrivo a giugno, e mio padre ha gia' pronto per me un lavoro (in un grosso centro commerciale, conosceva il capo che gli aveva a sua volta promesso di prendermi), ma appena salito il "dirigente"afferma che il lavoro e' per il periodo natalizio...
Vado in cerca quindi di un altra occupazione. Trovo un lavoro come commesso in un negozio di pc.. il datore dice che sono bravo che mi prendera' blablabla ma passano 15 gg e non vedo nessuna concretezza.. cosi' infastidito chiedo e lui mi risponde che al momento non puo' assumermi, ha troppe spese, ma piu' in la mi richiama sicuramente (mi liquida in questo modo, non mi da nulla di denaro ed io per lui ho lavorato 15 gg riparando pc ecc.). La cosa mi turba ma faccio finta di nulla (e' una citta' nuova dico tra me e me, queste cose possono capitare). Nel frattempo trovo, ad agosto, un lavoro stagionale a Mirabilandia, (da agosto a settembre, un solo mese). Il lavoro termina, ed e' tutto ok.... pero' essendo stagionale finita la stagione si conclude tutto. Ribadisco che in questo periodo di tempo vado all ufficio di collocamento per cercare qualcosa, ma loro cosa mi rispondono? Che corsi di formazione non ne posso fare perche' ho superato i 18 anni, corsi per imparare un mestiere sono a numero chiuso quindi nonostante mi sia sempre iscritto a corso d idraulico ecc. non mi han mai chiamato, e ravenna cosi' come l italia sta avendo una crisi lavorativa, non si trova molto in giro (queste cose le han dette loro stessi). A settembre, neanche a farlo apposta, mi richiama il tipo del negozio di pc... Mi dice vieni che facciamo il contratto tutto ok ti assumo. Vado da lui, sto altre 3 settimane e alla fine quando vede che inizio a scazzarmi per la sua non serieta' inizia a ridirm la solita tiritera (non posso permettermi un operaio bvla bla bla ecc.). Mio padre scazzato mi consiglia di rivolgermi ad un sindacato, e cosi' faccio. Il sindacato riesce a farmi avere qualcosa, praticamente lo stipendio di un mese. Ringrazio e inizio a credere che al mondo ci sia la giustizia, ma forse mi sbagliavo :D
Passano mesi, curriculum su curriculum ma nessuno mi chiama, o perlomeno qualcuno lo fa ma faccio un colloquio e finisce tutto li'. Arriva Natale, periodo del centro commerciale. Il tipo mi fa fare un colloquio, io mostro la mia modesta preparazione (gli parlo di hdtv, di componenti pc, di videogames, dimostro insomma che so cio' che lui vende, conosco il campo) e lui felice mi dice ok, ti prendo, ti faro' sapere tutto in dettagli. Passano giorni interi... nulla. Lo chiamo e mi dice " scusa se non ti ho chiamato, ti faro' sapere io ecc. ecc.". Passa Natale, nessuna chiamata. Ma non mi do per vinto, trovo dopo tante ricerche un altro lavoro... commesso in un negozio di ferramenta. Prima settimana: tutto ok, tutti gentili io mi da do fare ad imparare una cosa nuova per me e tutto va bene...
Seconda settimana: una mattina per sbaglio mentre sposto uno scaffale cade uno scatolo con dentro dei chiodini-appendi-quadri (cade ma non si apre, si sente solo il rumore). Il datore, un tipo anziano sui 60, mi guarda e mi fa "si vede che sei del sud". Io la prendo sullo scherzo e non ci faccio caso piu' di tanto, continuo il lavoro. Da quel giorno pero' lui mi riprende continuamente, offendendomi anche pesantemente, e arrivo ad un punto che sbotto andando via. C'e' da dire che quando sto per andarmene mi paga (mi da 200 euro, per quasi 3 settimane di lavoro, 8 ore al gg), ma io dopo tutte le offese subite decido di andare di nuovo dal sindacato. Quest'ultimo afferma di conoscere la persona incriminata, molti sono andati da lui per i miei medesimi problemi. Quando gli chiedo di aiutarmi pero' cosa mi risponde? Gaeta ti abbiamo gia' aiutato mesi fa, una volta si, due no. Ma ugualmente dopo tutte queste "sconfitte" non mi rassegno e riesco finalmente a trovare un lavoro: addetto alle pulizie industriali. 3 mesi, tutto va bene e scorre tranquillo (nonostante sia un lavoro un po' faticoso, ma mi va bene non ho problemi l'importante e' lavorare), scaduti pero' i 3 mesi il datore mi fa: Gaeta ci dispiace, non possiamo rinnovarti il contratto c'e' poco lavoro, quando ne avremo un po' di piu' ti chiameremo di nuovo. Bingo :D. E arriviamo ai giorni nostri: sono tutt'oggi in cerca di un occupazione, faccio domande a destra e a manca ma molti non rispondono ed altri ti prendono decisamente per i fondelli. So che la cosa e' normale, ma normale quanto?
Premetto poi che non sono razzista assolutamente, pero' un po' mi girano quando vedo che extracomunitari (e a ravenna ce ne son tanti) arrivano qui' ed hanno dal comune stesso casa-lavoro subito, senza che si preoccupino minimamente di cercare il tutto (mentre noi via di affitto mensile da 600 e rotti euro, trovati casa e lavoro ecc.). Un negozio poi preferisce assumere un extra che non paga tasse ed ha piu' privilegi, non assume un italiano dovendo scegliere. Trovo la cosa abbastanza vergognosa.
Siamo arrivati al punto che un ragazzo di 19 anni non riesce a trovare nessun tipo di lavoro (e neanche di corsi formativi, perche' quelli gratis sono a numero chiuso e senza raccomandazione non si entra). Ringrazio Dio che ci sono mio madre, mio padre e i miei parenti, i quali aiutano sia economicamente che in altri modi, ma ugualmente voglio trovare qualcosa perche' bisogna lavorare. Con il tempo poi prendero' anche un diploma o un attestato valido, ma cio' non toglie che un ragazzo disposto a fare qualsiasi tipo di lavoro debba pur essere tutelato in qualche modo da questo stato italiano. Invece qui' sembra che ogni persona cerca di fregarti in una maniera differente...
Scusate per il papiro, ma mi andava di farlo e mi sento decisamente meglio adesso :D
Vi ringrazio per la vostra attenzione :D

shottolo
25-05-2006, 10.32.40
Scusate per il papiro, ma mi andava di farlo e mi sento decisamente meglio adesso
hai fatto benissimo ;)
beh che dire? Spero sinceramente che sia stata una serie di sfighe incastrate l'una con l'altra. Io ho avuto la fortuna di trovare subito un lavoro decente a tempo indeterminato, ma so che per molti non è così.
Continua a cercare, son sicuro che è solo questione di tempo ;)

billygoat
25-05-2006, 10.33.25
si chiama flessibilità...
sei più flessibile così lo puoi prendere meglio in quel posto. (cit.)

Rei 99
25-05-2006, 10.44.04
La tua situazione rispecchia il quadro disastroso dell'Italia.
1) Non ci sono più soldi: o meglio, chi li aveva continua ad averli, ma la maggioranza della gente è veramente al verde
2) I posti di lavoro scarseggiano, ma sopratutto la serietà di molti datori scarseggia...
3) Per chi qui dentro è Geometra, Arch. o Ing, non dici nulla di nuovo: non sai quanti di noi non sono stati pagati per i lavori eseguiti con la scusa dell'esperienza, dei pochi soldi o altro...
E la situazione non migliora col tempo.
Resisti fanciullo, faremo il possibile :uiui:

fppiccolo
25-05-2006, 11.25.54
porta il curriculum in qualche agenzia interinale e auguri...magari non è molto ma è già un inizio

Thor
25-05-2006, 11.26.43
Purtroppo è così per quasi tutti i giovani, che siano più o meno istruiti.
A volte il lavoro ci sarebbe anche, ma tanti datori di lavoro sfruttano al limite la legislazione vigente per rendere il meno remunerato e più precario possibile il lavoro, ergo il sogno di un lavoro regolare si infrange contro un muro di mattoni. Certo la congiuntura economica non è felice, siamo tutti d'accordo, ma la situazione è davvero scandalosa.
Te lo dico per esperienza personale, visto che mia moglie al momento è disoccupata. Ex dipendente a tempo determinato di un negozio (facente parte di una ben nota catena nazionale) che negli ultimi 2 anni ha battuto record su record d'incassi a livello nazionale è stata lasciata a casa alla scadenza del suo contratto, e non per demerito te lo posso assicurare.
Grazie legge Biagi, grazie governo Berlusconi

Tieni duro

Phoenix_CH
25-05-2006, 11.47.54
in italia non c'e' l'Adecco ?



provaci, va beh io sto' in Svizzera, ma cmq conosco tanti soci che hanno trovato posto cosi....


http://www.adecco.it/

Gi01
25-05-2006, 12.29.53
Se ti fai un search noterai alcuni miei piccoli sfoghi simili al tuo.
Partiamo da un punto di vista diverso (tecnicamente, non avrei bisogno della formazione, non più ormai), ho una laurea, tanti bei voti, e qualche esperienza.

In compenso sono 3 anni che ipso facto sono precario, pagato a 120 giorni se all'azienda gira bene, e ogni pochi mesi (leggasi, tra 3 settimane) costretto a torture psicologiche su rinnovi, rinnovini e stress mostruosi, minacce, licenziamenti etc etc, tralasciando la distanza da casa, dagli affetti, i ritmi di vita allucinanti cui sono sottoposto e via di seguito.

Purtroppo, e senza che la cosa apra polemiche, la gente ha votato Berlusconi nel 2001, si è fatto i cazzi suoi per 5 anni, l'economia è rimasta pari, la sua cresiuta del 500%, beh, da qualche parte quel 500% deve essere uscito no?
Quindi, incazzati con chi nel 2001 (e ci stava quasi riuscendo 2 mesi fa) ha creduto a quel criminale. Incazzati con la legge Biagi, incazzati col totale lassismo e all'assenza di mezzi che abbiamo per controbattere la situazione.

Dopo che ti sei incazzato per benino, la parte consigli è semplice: insisti.
Perché non hai altro da fare. Non demordere. Costruisciti un curriculum, perché prima o poi determinati schifi verranno eliminati o quantomeno, peggio di così non si potrà andare, e partirai meglio di chi in questi duri anni si è arreso.
Insisti perché non hai nulla da perdere, a meno della salute. E tra qualche anno, magari, pensa a buttarti sul lato imprenditoriale. Salta il fosso (non ora...ti assicuro che non è cosa :D). Sulla salute, sono il peggior consigliere del mondo.

Sul giudizio nord vs sud, che vuoi farci, la gente è ignorante, c'è una certa % di italiani che vota lega. Tanto quelli che si fanno il culo siamo noi venuti dal sud, perché non abbiamo "il papi" dietro. Evita questa gente come la morte: ti farà solo del male.

Le strade sono 2.
1) Le cose restano così. Non ci sta formazione, non ci sono investimenti, ricchi sempre più ricchi, poveri sempre più poveri, distruzione del ceto medio. Ne conseguirebbe una distruzione dello stato Italiano. E' possibile, ma spero tutt'ora che quanto fatto da Berlusconi sia recuperabile

2) Qualcosa migliora, lentamente. Il resto del mondo già va 3-4 volte più veloce di noi, magari acchippiamo un treno, un buon business, qualche bella idea, insoma qualcosa che inverta la marcia (difficile se emigriamo tutti) e per te (e me) arriverà a catena qualche buon effetto. Oltre al cambiamento della situazione istituzionale costruita ad hoc con l'unico scopo di mettercelo in culo.

Insomma spera che la 2) sia rapida. Non se e quanto lo sarà, ma amen: non abbiamo altro, se non prendere e uscire da questo stivale. E non sai quanto ci stia pensando.

..Omega.Rav..
25-05-2006, 12.35.53
Le strade sono 2.
1) Le cose restano così. Non ci sta formazione, non ci sono investimenti, ricchi sempre più ricchi, poveri sempre più poveri, distruzione del ceto medio. Ne conseguirebbe una distruzione dello stato Italiano. E' possibile, ma spero tutt'ora che quanto fatto da Berlusconi sia recuperabile

2) Qualcosa migliora, lentamente. Il resto del mondo già va 3-4 volte più veloce di noi, magari acchippiamo un treno, un buon business, qualche bella idea, insoma qualcosa che inverta la marcia (difficile se emigriamo tutti) e per te (e me) arriverà a catena qualche buon effetto. Oltre al cambiamento della situazione istituzionale costruita ad hoc con l'unico scopo di mettercelo in culo.
.

la prima è probabile (non dico inevitabile, dico probabile), la seconda è pura utopia.

UAranger
25-05-2006, 12.37.58
Sul giudizio nord vs sud, che vuoi farci, la gente è ignorante, c'è una certa % di italiani che vota lega. Tanto quelli che si fanno il culo siamo noi venuti dal sud, perché non abbiamo "il papi" dietro. Evita questa gente come la morte: ti farà solo del male.



A tutte le cazzate c'e' un limite.......guarda che al nord come al sud ci sono i figli di papa', idem al nord come al sud ci siamo fatti e ci facciamo il culo per costruirci il futuro.

Gi01
25-05-2006, 12.41.20
A tutte le cazzate c'e' un limite.......guarda che al nord come al sud ci sono i figli di papa', idem al nord come al sud ci siamo fatti e ci facciamo il culo per mandare avanti la famiglia.
Ovviamente, la mia non era un'affermazione assoluta, ma una generalizzazione. Al sud, perdonami, non sentirai mai dire "viene dal nord, non fa un cazzo", ma accade il viceversa.

Il fatto che le società quotate in borsa in Italia abbiano una % di dirigenti e manager con provenienza mostruosamente meridionale, per me invece non è una coincidenza. E' che noi non abbiamo la lega :asd:


Che tu, o persone a te care, si facciano il mazzo a tarallo per lavorare non ho il minimo dubbio a crederlo, prescindendo dai contrasti politici, sia chiaro.

Giant Lizard
25-05-2006, 12.42.05
mi aggrego alla categoria "giovani disoccupati residenti al nord" :sisi:

è difficilissimo trovare un lavoro serio, tutti sono precari ormai, vale a dire che lavori al max per 6 mesi e poi te ne devi cercare un altro. E quasi sempre non hai contributi per la pensione quindi preparati che dovrai lavorare finche morte non vi separi (a te e al lavoro) :asd:

vivere qui in Italia sta diventando impossibile, i prezzi aumentano, il lavoro scarseggia e il guadagno è ridotto all'osso.

Creiamo un gruppetto e ci trasferiamo tutti quanti in Giappone? Videogiochi per tutti!! :asd:

..Omega.Rav..
25-05-2006, 12.47.01
Creiamo un gruppetto e ci trasferiamo tutti quanti in Giappone? Videogiochi per tutti!! :asd:

ah sì, furbo. in giappone che sono in recessione da 30anni... perchè non negli Iuessei a 'sto punto :asd: date retta a me, il futuro è il Nepal :sisi: (o al limite Santo Domingo, che c'è un bel sole)

Serge
25-05-2006, 12.47.29
Lo sfogo è più che plausibile Serph. Queste scene purtroppo, ahimè, sono all'ordine del giorno ormai dappertutto. La gente cerca sempre di fregarti appena ne ha l'opportunità e se può sfruttarti non ci pensa due volte a farlo. Hai fatto bene a rivolgerti ad un sindacato per il tizio del negozio di computer, ma non sempre riescono a fare qualcosa. Il mio consiglio ora è quello di non arrenderti ( lo so, sarò scontato ma è così :D ) e di continuare a cercare incessantemente.

ti auguro buona fortuna :Palka:

salvoaga
25-05-2006, 12.58.02
Madonna! Per me questo post è confortante!

Io ho 23 anni e abito a Palermo. Di professione faccio il cuoco... Mi son diplomato all'istituto alberghiero ormai da 4 anni...

Ho cominciato a bazzicare nel mondo del lavoro a 16 anni... Praticamente lavoravo in estate nei locali e in inverno andavo a scuola...

Dopo il diploma: il nulla. Lavoro precario e mal pagato. Qualsiasi locale. Qualsiasi posto. Qualsiasi regione. Perchè si, ho lavorato per un pò anche in abruzzo, in toscana e nel lazio... Sempre la stessa storia. Ti assumono con la scusa del periodo di prova, lavori per un mesetto e poi, swoosh... Ciao ciao. Ho troppe spese, ho aperto da poco, il lavoro scarseggia, c'è crisi.

L'anno scorso, dopo svariati tentativi e curriculum inviati, mi hanno assunto alla SMA. Reparto gastronomia. Contratto a part time a tempo determinato per 3 mesi. Alla scadenza dei tre mesi mi è stato rinnovato per altri 2 mesi. Passati i 2 mesi, swoosh... Stessa storia, ciao ciao, l'azienda è in crisi, gli incassi diminuiscono, il personale va ridotto. Ti richiameremo, stai tranquillo.
Io aspetto ancora questa chiamata. :sisi:
Nel frattempo, andavo a trovare regolarmente gli ex-colleghi. Era nato un bel rapporto di amicizia, al lavoro mi trattavano benissimo, io lavoravo serenamente, il direttore era soddisfatto e non mancava l'occasione di dirmelo.
La cosa tragica è che ogni 3 mesi quel posto veniva rinnovato con un ragazzo nuovo. Ecco che finalmente capisco che l'azienda lo faceva apposta.
Avessero almeno le palle di dirtelo... Almeno non ti crei false aspettative...

Morale della favola. Non ho lavorato da dicembre a fine febbraio. A marzo ho cominciato a lavorare il fine settimana nel locale in cui lavoravo prima di andare alla SMA... Anzi il "donatore di lavoro" è stato onesto. Lui ovviamente aveva cercato qualcun'altro che mi rimpiazzasse, ma ha trovato gente che gli tirava pacchi assurdi... Quando ha saputo che non lavoravo più alla SMA mi ha subito ripreso... Entro giugno dovrei cominciare a lavorare tutti i giorni, ma a seettembre finirà tutto, come tutte le stagioni estive... Oltretutto questo locale è a conduzione familiare e lavorano già 5 fratelli... Quando il lavoro diminuisce non hanno bisogno di personale extra ovviamente... Mentre in estate siamo in 6/7 oltre loro 5...

La cosa che comunque mi fa incazzare è che quando vado in cerca di nuovi lavori, tutti mi dicono che hanno bisogni di almeno 2 settimane di prova. Ma l'ultima volta che qualcuno me l'ha chiesto l'ho mandato a fanculo. Dico, sono 8 anni che lavoro tra i fornelli... Avrò un pò di esperienza?

TheMax
25-05-2006, 13.23.19
E' uno schifo, e sinceramente mi chiedo se abbia senso spaccarsi per 5 anni d'ingegneria per poi trovarsi in una situazione simile.

Bobbo
25-05-2006, 14.23.52
massimo rispetto a Serph
la nostra classe imprenditoriale (e non solo) è formata da gente rozza e miope, che si sta abbuffando distruggendo quello che è stato costruito nei decenni passati

lottate duro, tutti, non fatevi fregare

sembra un post da "compagno", invece sono liberale da 20 anni, quando tutti votavano DC e si turavano il naso...

UAranger
25-05-2006, 15.01.11
Ovviamente, la mia non era un'affermazione assoluta, ma una generalizzazione. Al sud, perdonami, non sentirai mai dire "viene dal nord, non fa un cazzo", ma accade il viceversa.

Che tu, o persone a te care, si facciano il mazzo a tarallo per lavorare non ho il minimo dubbio a crederlo, prescindendo dai contrasti politici, sia chiaro.

Posto in questi termini sono d'accordo con quanto hai detto........ovviamente prescindendo dai contrasti politici :asd:

nageki
25-05-2006, 15.07.37
porta il curriculum in qualche agenzia interinale e auguri...magari non è molto ma è già un inizio

servono a ben poco purtroppo, io ho portato il curriculum ed ho fatto colloqui con tutte le agenzie interinali di Modena e non scherzo. Mi avranno chiamata in 2/3 per propormi lavoro: uno da centralinista (ma dovevo sapere il tedesco, mentre avevo specificato di conoscere solo inglese/francese/spagnolo) ed uno in provincia di Modena (quando avevo specificato per ora SOLO a Modena visto che avevo appena preso la patente e non me la sentivo di guidare per strade che non conosco). Poi silenzio assoluto. Ho fatto uno stage all'interno di un'agenzia interinale ed ho avuto modo di vedere come trattano chi si rivolge a loro per cercare un lavoro .... c'erano dei poveracci che cercavano lavoro da mesi, ma non appena uscivano dalla sede il loro curriculum veniva cestinato giustificandosi con un "a me sembrava una persona poco sveglia ed a te ?" ... si inventavano lavori inesistenti pur di attirare la "clientela". Il capo mi dice "metti degli annunci di lavoro", al che io mi siedo alla postazione, accendo il PC e gli chiedo di darmi il testo degli annunci da pubblicare. Risposta? "inventali, segui quelli che abbiamo messo la settimana scorsa ed inventati qualche cosa" .... se veniva qualcuno a chiedere dell'annuncio N°1 trovato sul giornale Pinco Pallino Times dovevo rispondere "si le farmo sapere appena contattiamo il datore di lavoro", ma il lavoro pubblicato non esisteva però intanto avevano un curriculum in più nel database ....
A volte si presentavano anche extracomunitari .. anzi, spesso. Una volta me n'è capitato uno che parlava alla perfezione l'italiano, vestito perfettamente, sapeva parlare inglese/italiano/francese/tedesco ... guardo nel database, gli trovo lavoro in un albergo e mi dicono "No, metti il suo curriculum in mezzo a quello degli extracomunitari e vedremo di trovargli un posto" .. il che significava sempre pulizie e/o operaio. Personalmente ne ho un ricordo terribile, non ho nemmeno finito lo stage perchè mi faceva schifo ingannare la gente e offrire false speranze. Una volta mi hanno fatto fare il colloquio ad una ragazza perchè dovevo imparare il mestiere .... mentre facevo il colloquio, loro se ne stavano dietro alla ragazza e la prendevano in giro mimando gesti per aria. Quando se n'è andata hanno stracciato il curriculum perchè secondo loro era "una pazza e beveva". Ad altri facevano completare il curriculum, poi chiedevano loro di portare la foto nel pomeriggio perchè era obbligatoria e quando questi la portavano stracciavano il curriculum perchè "il tipo non mi piaceva". Allora che cosa gli chiedi di portarti la foto se sai già che non inoltrerai il suo curriculum a nessuno ? senza contare il fatto che i tre tizi (a parte una, l'unica che lavorava bene) passavano un sacco di tempo al bar invec che al lavoro .... una cosa schifosa :tsk:

4ss0.n3
25-05-2006, 15.15.28
finchè votate berlusconi...


la legge 30 va abolita immediatamente

UAranger
25-05-2006, 15.23.28
finchè votate berlusconi...


la legge 30 va abolita immediatamente


e una volta abolita cosa ottieni: posti a tempo indeterminato per tutti.

bejita
25-05-2006, 15.40.03
il problema non è tanto nè della legge biagi nè dei sindacati, ma del fatto che bisognerebbe punire chi come quei negozianti descritti ti fa lavorare 15 giorni senza pagarti, o 3 settimane per 200 euro. Roba da pazzi, e a Milano esiste ancora il caporalato, con gli extra la mattina alle 6 che aspettano la camionetta per candidarsi al miglior volo acrobatico dal ponteggio...

Chrean
25-05-2006, 15.56.52
La cosa che comunque mi fa incazzare è che quando vado in cerca di nuovi lavori, tutti mi dicono che hanno bisogni di almeno 2 settimane di prova. Ma l'ultima volta che qualcuno me l'ha chiesto l'ho mandato a fanculo. Dico, sono 8 anni che lavoro tra i fornelli... Avrò un pò di esperienza?

Il periodo di prova è necessario per tutelare un minimo anche il datore di lavoro. Al mio precedente impiego mi erano stati richiesti 3 mesi di prova, e mi è pure andata bene perchè per incarichi di simile responsabilità ne chiedevano anche 6 da altre parti.
Credo sia difficile che un datore di lavoro continui a far avvicendare dei ragazzi con la scusa del periodo di prova: è una perdita di tempo insegnare tutto da zero ogni volta, a meno che in quei 15 giorni non si facciano soltanto fare fotocopie...

Detto questo, c'è anche da dire che tutti gli sgravi a particolari fasce di popolazione hanno segato le gambe a molti altri.
Per fare un esempio, in molte attività commerciali c'è la ricerca del giovane apprendista, per il quale i contributi pagati dal datore di lavoro saranno molto minori rispetto a quelli dovuti per un lavoratore a tempo indeterminato. Questo causa un forte ricambio di personale giovane, e lascia appiedato chi è appena oltre la soglia d'età prefissata.

FALLEN_ANGEL_664
25-05-2006, 16.40.06
finchè votate berlusconi...


la legge 30 va abolita immediatamente

Non necessariamente abolita: và cambiata radicalmente. Io non sono esperto di legislatura e non ho letto il testo della legge, ma gli effetti sono chiari: per dolo o per colpa non si sono garantiti i posti fissi, gettando tutti nel precario e non riservando tale condizione ai giovani che si vogliono fare il lavoro estivo o alle persone a cui interessa un tipo di impiego simile (:look:).

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

nageki
25-05-2006, 17.18.26
finchè votate berlusconi...


e se voto mortadella mi ritrovo 480.000 extracomunitari in più al giorno .... però forse ho un lavoro :asd:

FALLEN_ANGEL_664
25-05-2006, 17.21.54
Ho la soluzione: votiamo a sinistra e ci prendiamo la cittadinanza estera. Io divento russo, che tanto l'accento maccheronico ce l'ho!

Che genio :asd:

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Gi01
25-05-2006, 17.22.09
e se voto mortadella mi ritrovo 480.000 extracomunitari in più al giorno .... però forse ho un lavoro :asd:


Perché finora non c'erano, e la Bossi-Fini non ne ha regolarizzati milioni :roll3:
E' tutta una questione di sistema: il precariato fa schifo, le fasce ultraprotette pure. C'è un giusto mezzo tra le 2 cose, che non si chiama "chiudiamo le frontiere", perché tanto vengono comunque, almeno paghino le tasse, non come qualcun altro.

FALLEN_ANGEL_664
25-05-2006, 17.27.49
non come qualcun altro.

Ehi, non è colpa mia: è stata la farfalla, vi dico che è stata la farfalla!!!

:asd:

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

destino
25-05-2006, 17.28.55
ho la soluzione: apriamo una banca del seme, , quotiamo la stessa in borsa, facciamo credere che con noi lavora rocco siffredi e che il seme lo fornisce lui a "domicilio" su richiesta e con degli extra fornisce altro, approfittiamo della bolla speculativa creatasi e vendiamo tutto e scappiamo in polinesia.

128BIT
25-05-2006, 17.40.28
Ti consiglio di fare questo lavoroQUI (http://www.deweb.it/dottorstranoweb/Arrotino.mp3) almeno stai per cazzi tuoi e nessuno ti fa lo stronz*

E poi vuoi mettere la soddisfazione di dire "Ripariamo cucine A GRASSE"

salvoaga
25-05-2006, 18.08.17
Il periodo di prova è necessario per tutelare un minimo anche il datore di lavoro. Al mio precedente impiego mi erano stati richiesti 3 mesi di prova, e mi è pure andata bene perchè per incarichi di simile responsabilità ne chiedevano anche 6 da altre parti.

è ovvio che dipende dal tipo di lavro... Io ti stò parlando del cuoco. Cosa che faccio ormai da 8 anni e per la quale ho preso un diploma... A questo punto dovrei chiedere io un periodo di prova al datore; così, per vedere se è stronzo o meno...


Credo sia difficile che un datore di lavoro continui a far avvicendare dei ragazzi con la scusa del periodo di prova: è una perdita di tempo insegnare tutto da zero ogni volta, a meno che in quei 15 giorni non si facciano soltanto fare fotocopie...

Invece lo fanno. E non solo i piccoli locali o i negozietti, anche la SMA che mi ha tenuto 5 mesi e poi ha preso un'altro e dopo ancora un'altro e così via... Lo so perchè ci vado apposta per gardare i "pezzi grossi" in faccia. Ma mi rendo conto sempre di più che faccia non ne hanno...

Giant Lizard
25-05-2006, 18.20.52
ah sì, furbo. in giappone che sono in recessione da 30anni... perchè non negli Iuessei a 'sto punto :asd: date retta a me, il futuro è il Nepal :sisi: (o al limite Santo Domingo, che c'è un bel sole)

macchè macchè! In Giappone SICURAMENTE si va alla grande, si lavora sodo e si guadagna tanto, ne sono SICURO! :sisi:


io voto Nippon :metal:

sharkone
25-05-2006, 18.22.52
Grande Serph, ti ho sempre stimato e continuero a stimarti. Sempre un piacere vedere ragazzi della tua-nostra(21) età non abbattersi e continuare a lottare.

Vedrai che prima o poi qualcosa che fa al caso tua la trovi. Purtroppo è così un po' ovunque...ultimamente poi con le imprese che si rubano i soldi UE e poi chiudono non ne parliamo.


Chi l'ha duro la vince!:birra:

Mister X
25-05-2006, 18.29.53
Cazzo, abito pure io a Ravenna.
Siamo fottuti amico mio, fottuti :|

Io di anni ne ho 17 però il mio futuro lavorativo è alquanto tetro. Uscendo da un ITIS Informatica se voglio uno straccio di lavoro dovrò fare come minimo l'università specialistica, forse andrò in Germania ma ne dubito, più probabile Bologna, Pisa o Milano. E poi dovrò farmi un mazzo con corsi e master a gogo, ecc... E poi boh, perché il settore informatico non va molto in Italia. L'unico modo per trovare lavoro è avere i numeri, non nel senso di voti alti, ma nel senso di saper rigare dritti a testa bassa, di lavorare molto e di saperci fare tantissimo. Con queste condizioni un lavoro non decente ma buono si trova.

Chrean
25-05-2006, 18.32.41
Invece lo fanno. E non solo i piccoli locali o i negozietti, anche la SMA che mi ha tenuto 5 mesi e poi ha preso un'altro e dopo ancora un'altro e così via... Lo so perchè ci vado apposta per gardare i "pezzi grossi" in faccia. Ma mi rendo conto sempre di più che faccia non ne hanno...

Beh, cinque mesi di prova sono un periodo assurdamente lungo, se il posto che andrai ad occupare non è *almeno* quello di un quadro. E, in tali posti, di certo non ci si può affidare a sbarbatelli senza esperienza.
Se qualcuno mi chiede 5 mesi di prova per un ruolo neppure troppo qualificante, saluto e ringrazio...
Certo che ci sono delle facce di m***a in giro... Ci vuole coraggio e faccia tosta per fare i propri interessi in quel modo senza considerare il valore del tempo e della vita altrui.
Non farò mai l'imprenditore di successo, temo, non sono abbastanza figlio di vacca. :dentone:

Chrean
25-05-2006, 18.35.04
Cazzo, abito pure io a Ravenna.
Siamo fottuti amico mio, fottuti :|

Io di anni ne ho 17 però il mio futuro lavorativo è alquanto tetro. Uscendo da un ITIS Informatica se voglio uno straccio di lavoro dovrò fare come minimo l'università specialistica, forse andrò in Germania ma ne dubito, più probabile Bologna, Pisa o Milano. E poi dovrò farmi un mazzo con corsi e master a gogo, ecc... E poi boh, perché il settore informatico non va molto in Italia. L'unico modo per trovare lavoro è avere i numeri, non nel senso di voti alti, ma nel senso di saper rigare dritti a testa bassa, di lavorare molto e di saperci fare tantissimo. Con queste condizioni un lavoro non decente ma buono si trova.

Io lavoro nel mondo dell'informatica e ti dico che devi saperci fare un sacco.
Non ti basta sapere quello che apprendi da istruzione scolastica e corsi: devi sbatterti ed andare oltre, trasformare la tua curiosità in notti insonni, rinunciare a qualche uscita per studiare quel nuovo dispositivo o nuovo software appena uscito...
Solo così si combina qualcosa, altrimenti si resta mediocri. E i mediocri sono i primi ad essere tagliati nei momenti di stagnazione del mercato.

Mister X
25-05-2006, 21.28.48
Non so perché ma me l'aspettavo. :birra:

BESTIA_kPk
25-05-2006, 23.10.24
...
Credo sia difficile che un datore di lavoro continui a far avvicendare dei ragazzi con la scusa del periodo di prova: è una perdita di tempo insegnare tutto da zero ogni volta, a meno che in quei 15 giorni non si facciano soltanto fare fotocopie...
...

Dipende dal datore di lavoro e dalle mansioni a lui necessarie.

Tieni poche persone che sanno fare il loro lavoro, a tempo indeterminato.
Mentre tutto ciò che non richiede particolari impegni di meningi lo fai fare ai co.co.pro o sfortunati di turno.

La stragrande maggioranza delle aziende italiane è di tipo familiare o dimensioni ridotte.
Molti imprenditori preferiscono volare basso con l'azienda ma spremere gente e pagare meno tasse possibile [se non del tutto] piuttosto che investire e far crescere azienda + dipendenti.
Il macchinone se lo fanno comunque... sgommando sulla propria onestà e tanti altri lati positivi.
Piangono soltanto quando un dipendente "molto utile" li sfancula licenziandosi.

Chrean
26-05-2006, 13.20.04
Dipende dal datore di lavoro e dalle mansioni a lui necessarie.

Tieni poche persone che sanno fare il loro lavoro, a tempo indeterminato.
Mentre tutto ciò che non richiede particolari impegni di meningi lo fai fare ai co.co.pro o sfortunati di turno.

La stragrande maggioranza delle aziende italiane è di tipo familiare o dimensioni ridotte.
Molti imprenditori preferiscono volare basso con l'azienda ma spremere gente e pagare meno tasse possibile [se non del tutto] piuttosto che investire e far crescere azienda + dipendenti.
Il macchinone se lo fanno comunque... sgommando sulla propria onestà e tanti altri lati positivi.
Piangono soltanto quando un dipendente "molto utile" li sfancula licenziandosi.

Mi riferivo ad avvicendamenti molto più rapidi di un cocopro da 2-6 mesi.
Le pratiche da te descritte fanno parte della realtà aziendale italiana, lo so bene... Nella mia stessa azienda un universitario era stato preso come collaboratore a progetto per due mesi, senza ricevere paga se non dopo numerose pressioni del sottoscritto all'Amministratore Delegato. Ora l'hanno messo sotto contratto per un anno, il che è già un buon traguardo, ma l'andazzo generale tende sempre più non verso il dinamismo, ma verso lo svilimento del lavoro e lo sfruttamento delle forme contrattuali e delle fasce di popolazione fiscalmente "agevolate".

funker
26-05-2006, 13.25.31
Sì effettivamente non sto poi così bene. Il lavoro comincia ad essere più noioso del previsto, i progetti non sono per niente stimolanti e finisco inevitabilmente col disperdere nell'aere tutta la creatività di cui dispongo. Sento un cappio stringersi intorno al collo, mentre uno sfocato e asettico sacchetto di plastica comincia pian piano a coprirmi il viso. Così, mentre divento un sempre più affermato pianificatore di dozzinali brochure aziendali e di consulenze d'immagine, comincio a sentire i primi sintomi del mio più profondo e antico malessere. Sento di rendere troppo poco di fronte a una tela bianca, sento di aver troppo poco da scrivere davanti a un foglio vuoto e sento di non saper più ridere delle piccole cose. Adesso, con l'album dei Lovage che gira in sottofondo, in questa grigia e malinconica giornata di maggio, comincio seriamente a preoccuparmi per il futuro. Già. Non ho mai riservato troppi pensieri al domani, si sa, ma oggi disarmato come sono, sento tanta (forse troppa) insicurezza. E il mio pensiero si alza libero, e va. Lontano da qui. So dove vorrei essere, a Barcellona, so cosa vorrei fare, il designer in ambito musicale. Cosa ero? Un visual. E dove ero? A Londra. D'un tratto torno nei miei canoni. Perché dopo tutte le grandi aspettative sono ancora qui, seduto alla scrivania di un ufficio nel centro di Lucca, di fronte a un monitor che riesce a comunicarmi solo monotoni studi di comunicazione d'impresa. Sono circondato da un team di incompetenti, tutte prime donne che mai hanno osato mettere il naso fuori dalle mura di questa città, tutti vincenti autoproclamati, vincenti, senza mai aver affrontato un confronto diretto. Ci sono imprenditori di fascia media, cioè quelli più invasati, quelli più convinti, quelli più odiosi, circoscritti a uno stile di vita a me così lontano, gli stessi che - ahimè - mi danno da vivere. Ci sono tutti, qua, al circo delle pulci. Abbiamo politici corrotti, abbiamo una massoneria silenziosa sempre più potente, abbiamo ricchi sindacati, abbiamo segretari e sottosegretari altezzosi, saturi del loro qualunquismo. Abbiamo tuttologi, abbiamo specialisti, abbiamo professionisti in materia. I soldi circolano, i sorrisi dilagano mentre estenuanti strette di mano sanciscono il lieto fine di accordi sempre più influenti. Ci sono convention, ci sono riunioni, ci sono eventi, ci sono consigli straordinari. Ci sono abiti eleganti e umorismo pianificato, ci sono buone maniere e dialoghi impostati. Ci sono tette, ci sono bottiglie di vino, ci sono cravatte, ci sono occhiali da vista e capelli bianchi. Ci sono SUV, ci sono station wagon e ci sono berline. Nere o grigie, dipende dal colore del vestito. La Lucca bene qua da il meglio di sé, sfarzosi e raccapriccianti quasi quanto la nobiltà francese settecentesca, spendono migliaia di euro in un business a senso unico: la pubblicità. Io li guardo, di loro mi circondo, per lavoro e per necessità, li studio, li comprendo e li rigetto con fastidio in queste pagine.

Soffoco.

Chrean
26-05-2006, 13.27.30
D'un
tratto torno ai miei cannoni.

:look: