PDA

Visualizza versione completa : Stupro meno grave se la vittima (14enne) non è vergine!



Salsiccia_Definitiva
17-02-2006, 16.51.39
http://www.repubblica.it/2005/e/sezioni/cronaca/cassazione/cassagrave/cassagrave.html

Cassazione: "Stupro meno grave
se la vittima non è vergine"

ROMA - E' meno grave lo stupro di una minorenne - anche se si tratta di una ragazzina di appena quattordici anni - se la vittima ha già "avuto rapporti sessuali". Perché "è lecito ritenere" che siano più lievi i danni che la violenza sessuale provoca in chi ha già avuto rapporti, con altri uomini, rispetto a chi è ancora vergine.

E' questa l'opinione della Terza sezione penale della Cassazione. In sostanza i supremi giudici pensano - anzi ne sono più che sicuri, tanto che hanno accolto questo punto di vista (sostenuto dall'autore delle stupro) - che sia di più modeste proporzioni l'impatto devastante della violenza sessuale quando a subirlo è una adolescente non più vergine.

Questo perché - spiegano - "la sua personalità, dal punto di vista sessuale" è "molto più sviluppata di quanto ci si può normalmente aspettare da una ragazza della sua età".

Così chi violenta una minorenne - come quella del caso affrontato dalla Cassazione - vissuta in un ambiente socialmente degradato e difficile, e della quale abusa essendo per di più il convivente della madre, può ottenere il riconoscimento della "attenuante" del "fatto di minore gravita" invocato in nome della perduta illibatezza della vittima.

(17 febbraio 2006)


Assurdo...

laly82
17-02-2006, 16.58.14
che bella merdaccia---
che schifo

Gi01
17-02-2006, 17.02.58
Appena l'ho letto pensavo di avere capito male.

Supporrei che dovrebbe essere PIU' GRAVE se la ragazza fosse vergine.

Cioè tagliare le palle allo stupratore in ogni caso e decapitarlo se la ragazzina/bimba è anche vergine.
Invece danno ridotto :|

Tra l'altro questo che cazzo ne sa che la figliastra (minchia, ci viveva assieme) a 14 anni trombasse. Saranno pure cazzi della ragazza se si concedeva a qualcuno della sua scuola.

Immaginate ora la tripla umiliazione cui questa è stata sottoposta. Una ragazza finita prima ancora di essere nata.

Brian O'Blivion
17-02-2006, 17.05.40
Eh!? :doubt:
Qui c'è qualcuno che preme per trascinarci in un medioevo mediatico affaristico,con buona pace di una giustizia che vien sempre più meno,altresì diventando molto più ambigua.


In sostanza i giudici pensano - anzi ne sono più che sicuri, tanto che hanno accolto questo punto di vista (sostenuto dall'autore dell'abuso) - che sia di più modeste proporzioni l'impatto devastante della violenza sessuale quando a subirlo è una adolescente non più vergine. Questo perché - spiegano - "la sua personalità, dal punto di vista sessuale" è "molto più sviluppata di quanto ci si può normalmente aspettare da una ragazza della sua età".

Qualcuno può spiegarmi per cortesia cosa c'entrano queste divagazioni pseudo psicologiche,in un caso di violenza,per di più inferta ad un minore?
Se un imene integra o meno,oggi,è l'elemento che determina la differenza,stiamo navigando in cattive acque.

Kady
17-02-2006, 17.27.42
Questa è una grandissima stronzata.

Vergine o non vergine non doveva azzardarsi a metterle le mani addosso ma stiamo scherzando altro che riduzione, io prima gli avrei fatto capire cosa si prova ad essere violentati e poi l'avrei chiuso in carcere a vita.

Pervertito del ca**o.

Maharet
17-02-2006, 17.30.38
Io... seriamente... non ho parole.

Anzi, ne avrei tante. Ma tante. Da raccontare a quei giudici li'... che...

bah.

caciucco
17-02-2006, 17.50.42
Ma la corte di cassazione è fatta da 90enni fuori di melone?
Non sono nuovi a sparate del genere.Ricordiamo che "sporco negro" non è offesa,ma che se ti azzardi a fare le corna dalla macchina sei punibile in quanto si configurano come minaccia... :mumble: chi ci capisce più??

Mach 1
17-02-2006, 18.04.54
quindi, per assurdo, se vado a Perugia e violento Chiara, quella che rischia di finire in prigione è lei? :eek2:

destino
17-02-2006, 18.12.35
anche in questo caso la colpa è del legislatore o FORSE per caso del giudice che si beve 1 litro di rum prima di emettere sentenza ? :doubt:

schifo allo stato puro

4ss0.n3
17-02-2006, 18.13.02
paese di merda, dovremmo fare le barricate :|

Mach 1
17-02-2006, 18.13.51
paese di merda, dovremmo fare le barricate :|

secondo me basterebbe violentare la figlia di quel giudice, poi vedi se non cambia idea :tsk:

arcobalenotturno
17-02-2006, 18.35.12
a certe notizie la voglia di far le valigie aumenta sempre più...

Pratti
17-02-2006, 19.27.11
Ancora una volta cosa non possono i mass media!!!! Ah la forza di distorcere le cose.

Checchè se ne dica la terza sezione della corte di cassazione sent. 6329 ( ma non son sicuro del numero) ha stabilito semplicemente questo:

Un rapporto orale ( consenziente) è meno grave di un rapporto sessuale consumato, perchè di questo si trattava.
Altre imprecisioni: si parla di una 13 ma era una 14 enne. E questo per la legge cambia molto. Giusto per la cronaca, l'uomo era stato condannato a 3 anni e 4 mesi in appello.
Caso mai io troverei scandaloso questo.
:tsk: :tsk:

sharkone
17-02-2006, 19.32.14
Lavori forzati. Al maniaco. Ai giudici.

fppiccolo
17-02-2006, 19.47.43
perchè meravigliarsi?
in questo paese esiste ancora la giustizia?

Ale_Zakko
17-02-2006, 19.52.21
quindi, per assurdo, se vado a Perugia e violento Chiara, quella che rischia di finire in prigione è lei? :eek2:


:roll3: :roll3:

Dubito che la andresti a denunciare, dopo tutto quello che ti farebbe... :asd:

Ma ora non dovrebbe essere maggiorenne? Quanti anni aveva quando la voce si è sparsa del video su emule?

Quaro.
17-02-2006, 19.58.35
Da questa italia ci si può aspettare ogni cosa. Fra un po' nei quiz faranno le domande sulle leggi strambe dell'italia e non degli stati americani :asd:

.HellSpawn
17-02-2006, 19.59.45
tutto ciò è assurdo...

friskio
17-02-2006, 20.16.59
Unico verdetto plausibile per me :


castrazione :sisi:

chimica, fisica, quella che volete........ma castrazione!

destino
17-02-2006, 20.18.01
castrazione del giudice :teach:

friskio
17-02-2006, 20.33.19
castrazione del giudice :teach:


in questo caso si!

anzi, evirazione definitiva.....visto che è un testa di cazzo!

Factorx84
17-02-2006, 20.35.41
Chiunque allunghi le mani senza il permesso della ragazza meriterebbe un bel 90° con Batista. Spero sia vero che chi entra in carcere con l'accusa di violenza sessuale venga a sua volta punito.
Ma, io mi chiedo, in uno stato con un governo di destra (per modo di dire), non dovrebbero accanirsi, abusare e godere nel infliggere PENE + severe?
Qua mi pare che + uno è criminale, + è tutelato!
Si vede che il giudice era un uomo e non una donna. (sry x i luoghi comuni)

Mr.Doctor
17-02-2006, 20.39.04
Ma, io mi chiedo, in uno stato con un governo di destra (per modo di dire), non dovrebbero accanirsi, abusare e godere nel infliggere PENE + severe?


scusa ma.... :stica:

Brian O'Blivion
17-02-2006, 20.39.21
Ma, io mi chiedo, in uno stato con un governo di destra (per modo di dire), non dovrebbero accanirsi, abusare e godere nel infliggere PENE + severe?


Sono molto impegnati a fronteggiare la cruenta battaglia nei confronti dei pericolosi criminali che si fumano una canna a casa propria o che si scaricano mp3 dal Web.

Angelo75
17-02-2006, 20.46.14
a certe notizie la voglia di far le valigie aumenta sempre più...

quoto :sisi:

andrea383
17-02-2006, 21.42.58
Ancora una volta cosa non possono i mass media!!!! Ah la forza di distorcere le cose.

Checchè se ne dica la terza sezione della corte di cassazione sent. 6329 ( ma non son sicuro del numero) ha stabilito semplicemente questo:

Un rapporto orale ( consenziente) è meno grave di un rapporto sessuale consumato, perchè di questo si trattava.
Altre imprecisioni: si parla di una 13 ma era una 14 enne. E questo per la legge cambia molto. Giusto per la cronaca, l'uomo era stato condannato a 3 anni e 4 mesi in appello.
Caso mai io troverei scandaloso questo.
:tsk: :tsk:
ecco, io pure la ho saputa così: la figlia era consenziente, e il patrigno è stato condannato perchè in ogni caso se un maggiorenne ha un rapporto con una minore di non so quanti anni è considerata violenza...e il giudice ha detto che anche se è moralmente deprecabile, questo caso è meno grave delle violenze vere e proprie....se poi questa versione è vero o no non lo so

friskio
17-02-2006, 21.51.38
ecco, io pure la ho saputa così: la figlia era consenziente, e il patrigno è stato condannato perchè in ogni caso se un maggiorenne ha un rapporto con una minore di non so quanti anni è considerata violenza...e il giudice ha detto che anche se è moralmente deprecabile, questo caso è meno grave delle violenze vere e proprie....se poi questa versione è vero o no non lo so


beh, allora le cose cambiano........
se è consenziente.......nn ci sono cazzi.....:look:

cioé............nn vedo dove stia la colpa!
:mumble:

forse quelli che giudicano queste cose o quelli che riportano queste notizie nn sanno che a 15-16 anni le donzelle oggi giorno sanno già cosa vuol dire fare un bel pippotto o zufolare con un maschietto!
che poi lo facciano con un 70enne o con un 20enne poco cambia!

:tsk:

mah!
chi cazzo li capisce a questi............

Pratti
17-02-2006, 22.19.27
beh, allora le cose cambiano........
se è consenziente.......nn ci sono cazzi.....:look:

cioé............nn vedo dove stia la colpa!
:mumble:

forse quelli che giudicano queste cose o quelli che riportano queste notizie nn sanno che a 15-16 anni le donzelle oggi giorno sanno già cosa vuol dire fare un bel pippotto o zufolare con un maschietto!
che poi lo facciano con un 70enne o con un 20enne poco cambia!

:tsk:

mah!
chi cazzo li capisce a questi............
Spero stia scherzando.. la colpa sta nel fatto che è il patrigno ed ha abusato della sua posizione.
Che poi la ragazza fosse tutt'altro che uno stinco di santo nulla toglie al fatto.

Cmq ripeto per quelli che ancora si ostinano a dire stupidate: la corte ha semplicemente detto che un rapporto orale è meno grave di un rapporto completo e che quindi si doveva tener conto anche di questo nella commisurazione della pena

Da dove esce allora questa polemica? dal fatto che la corta nel riassumere la situazione dice che si trattava di una ragazza che viveva in un ambiente degradato, che aveva avuto numerosi rapporti con altre persone e che quindi la situazione andava valutata anche alla luce di questo, non come hanno riportato i giornali che siccome non sei vergine il reato è meno grave......


Cmq a tutti i giustizialisti che son pronti ad alzare le forche ricordo alcune cose sulla violenza sessuale che è bene non dimenticare:

a) E' uno dei reati più schifosi che esista, perchè per la delicatezza della situazione, basta la semplice parola di una ragazza per mandarti in galera. E ahimè ci vuole veramente poco per rovinare la vita ad una persona. E spesso accade che persone innocenti vengano accusate e condannate per un delitto così infamante.

b) Forse pochi sanno, e il tenore delle risposte sembra confermarlo, che si risponde di violenza sessuale anche nel caso di una palpatina al seno , oppure di un bacio rubato, anche sulla guancia ( purchè ci sia stata un minimo di resistenza e la direzione del bacio originaria era verso la bocca).

:tsk: :tsk:

Cocitu
17-02-2006, 23.18.43
io prima di pronunciarmi, aspetto di avere la sentenza integrale sotto mano.

è notorio che i giornalisti di sentenze della cassazione non capiscono un cazzo di quello che c'è scritto neanche se gli fanno i disegnini e ci mettono l'interprete per sordomuti

Wizpig
17-02-2006, 23.31.57
castrazione del giudice :teach:
E pena di morte ai pervertiti :)

Salsiccia_Definitiva
17-02-2006, 23.32.00
io prima di pronunciarmi, aspetto di avere la sentenza integrale sotto mano.

è notorio che i giornalisti di sentenze della cassazione non capiscono un cazzo di quello che c'è scritto neanche se gli fanno i disegnini e ci mettono l'interprete per sordomuti

Vabbé, ora non esageriamo...

Cocitu
17-02-2006, 23.37.39
Vabbé, ora non esageriamo...
appunto...

ho dimenticato di aggiungere emerito davanti a cazzo:asd: :sisi:

Maharet
17-02-2006, 23.37.59
Vabbé, ora non esageriamo...

E che vuoi esagerare?
Quando si finisce a strumentalizzare lo stupro per fare notizia, preferirei quasi che i signori giornalisti (di tal risma) si trovassero dalla parte di coloro la cui storia hanno "raccontato".

Ale_Zakko
18-02-2006, 00.25.57
Io la trovo giusta come legge questa.


Oddio, ha i suoi pro ed i suoi contro eh, ma tutto sommato, per me è giusta.

E' giusto "misurare" e fare distinzioni di abuso tra una ragazzina vergine ed una non... Ad esempio, immaginatevi una ragazzina sola tranquilla, che gioca e si trova con le sue amiche e si trova al bar, senza pensare a ragazzi, rapporti, ecc ecc... Insomma, una ragazza ancora vergine. Ed ora immaginatevi la ragazzina che tutti i ragazzi le corrono dietro proprio perchè non è più vergine... E non venitemi a dire che è una felicemente fidanzata che ha fatto tutto solo con il suo fidanzato, perchè a 13/14 anni è mooolto presto per parlare di questo. Sono un insegnate di hip hop, e nel mio corso principianti, vedo ragazzine di tutti i colori, dai 12 ai 14 anni, e così ad occhio riconosco subito le ragazze che l'hanno già fatto, le ragazze oche ancora vergini e le ragazze che proprio non pensano altro che stare con le amiche...

Se una persona adulta abusa di una ragazzina, punto primo, è pedofilia, e qui siamo tutti d'accordo, ma pensate che sia più doloroso e lento da mandare giù un'esperienza di questo tipo alla ragazzina già sverginata, o alla ragazzina che non sà neanche com'è fatto un pene?...

Io conosco una persona molto, ma molto intima che ora ha la mia età, 20 anni, e che quando era piccola, un suo vicino di casa, abbastanza in su con l'età, credo over 50, ha abusato di lei talmente tante volte che credo abbia perso il conto. Per carità, misurando l'abuso con un "sessometro", non c'è stato tantissimo: la chiudeva a chiave in camera, la spogliava dolcemente, la toccava un pò qua e la, e le faceva orali su orali... La prima volta è accaduto a 8 anni. La faccenda è durata per circa 4 anni, finchè non si è trasferita dove vive tutt'ora... Mi ha raccontato che una volta, l'ultima in cui lui ha cercato di abusare di lei, la voleva sverginare. Lei sinceramente non lo sà, dato che era presa dalla disperazione, ma è riuscita a liberarsi e a chiamare aiuto... Inutile dire che le menti bacate dei suoi genitori non si sono poste il dubbio sul perchè lei non voleva vedere quella persona, ecc... Con il mio aiuto, l'anno scorso è riuscita a raccontare tutto... Sua madre voleva andare da avvocati, ma purtroppo era passato troppo tempo... Ebbene, lei fino a circa due anni fa ha fatto molte crisi ed incubi... Ora sta molto bene, non ci pensa affatto, tranno rari casi, come ad esempio se ascolta una musica particolare che ascoltava all'epoca quando si sentiva male, ecc... L'unica cosa che si porterà avanti per tutta la vita, è oltre un'infanzia di merda, anche alcune sporadiche crisi, ed una sensibilità altissima...

Cosa direte voi dopo tutto questo. Arrivo al dunque:

Se un abuso di questo tipo su una ragazza vergine, dove non è stata sverginata, comporta a questo tipo di danni irreparabili, cosa comporterebbe un abuso dove una ragazza viene sverginata?....

Una ragazza già sverginata, oltre la paura, con il tempo tornerà bene o male come prima, ma una vergine che diventa donna in questa maniera, perdonatemi, ma non potrà mai essere felice come le altre... Felice di averlo fatto la prima volta con la persona che ama, averlo fatto con sentimenti di amore e felicità.... L'averlo fatto in un posto romantico, e non in un posto squallido come in un parchetto o in un letto martimoniale magari nemmeno suo......

Resto dell'idea che la Castrazione Chimica DEVE essere utilizzata per TUTTI i casi di abusi su minorenni e pedofilia, perchè a questo tipo di persone, come del resto, la stra grande maggioranza di pregiudicati, se ne sbatte di andare in galera (ricordatevi del massacro del circeo, ecc.); una persona quando è matta è matta...

Sò che non ci devono essere distinzioni tra pedofili che sverginano e pedofili che toccano o leccano, ma ricordatevi bene quello che ho scritto sopra: una ragazzina non + vergine abusata da un adulto, non subità minimamente il trauma che potrebbe subire una ragazzina ancora vergine...

Ale.

sharkone
18-02-2006, 00.52.03
Una ragazza già sverginata, oltre la paura, con il tempo tornerà bene o male come prima, ma una vergine che diventa donna in questa maniera, perdonatemi, ma non potrà mai essere felice come le altre...

Scusa ma che stai dicendo?
Secondo te se una ragazza(che lo ha gia' fatto) viene violentata dopo due tre mesi magari dimentica tutto?

Maharet
18-02-2006, 01.40.32
E' giusto "misurare" e fare distinzioni di abuso tra una ragazzina vergine ed una non...

:doubt:

Ad esempio, immaginatevi una ragazzina sola tranquilla, che gioca e si trova con le sue amiche e si trova al bar, senza pensare a ragazzi, rapporti, ecc ecc... Insomma, una ragazza ancora vergine.

E' notorio che questi sono i connotati di una ragazza ancora vergine. Infatti si distinguono da questo, nella massa. Una ragazza ancora vergine non pensa ai ragazzi, ai rapporti... tutto questo viene solo dopo la prima trombata, quando la piccola bambolina si trasforma in una ninfomane arrapata.


Ed ora immaginatevi la ragazzina che tutti i ragazzi le corrono dietro proprio perchè non è più vergine...

Ommioddio, allora io che non sono piu' vergine mi trovo la fila che mi corre dietro? Uddio, sono marchiata!!!! La lettera scarlatta!!!


E non venitemi a dire che è una felicemente fidanzata che ha fatto tutto solo con il suo fidanzato, perchè a 13/14 anni è mooolto presto per parlare di questo. Sono un insegnate di hip hop, e nel mio corso principianti, vedo ragazzine di tutti i colori, dai 12 ai 14 anni, e così ad occhio riconosco subito le ragazze che l'hanno già fatto, le ragazze oche ancora vergini e le ragazze che proprio non pensano altro che stare con le amiche...

Ah, certo, hai l'occhio lungo tu. Cosi' lungo che riesce perfino a svelare il sacro mistero imenico.


Se una persona adulta abusa di una ragazzina, punto primo, è pedofilia, e qui siamo tutti d'accordo, ma pensate che sia più doloroso e lento da mandare giù un'esperienza di questo tipo alla ragazzina già sverginata, o alla ragazzina che non sà neanche com'è fatto un pene?...

Ah, certo. Hai ragione. Perche' li' fuori il mondo e' pieno di ragazzine che scoprivano il sesso col proprio ragazzo, e magari non e' che sapere come e' fatto un pene gliene fregasse granche', ma sognare di amore si. Ed il fatto che abbiano delle conoscenze anatomiche, secondo te, le rende vittime giustificate di chi va in giro a giocare a "infiliamo il salsicciotto"?
E aggiungo: secondo te chi ama intraprendere tali sani divertimenti, quando vede una ragazzina, ha l'occhio imenico come te che sa riconoscere la 14enne troietta navigata dal puro fiorellino candido e senza macchia ne' colpa?
E secondo te fa meno male?
Davvero?
Ma sicuro sicuro?
Se hai gia' trombato fa MENO MALE?


Io conosco una persona molto, ma molto intima che ora ha la mia età, 20 anni, e che quando era piccola, un suo vicino di casa, abbastanza in su con l'età, credo over 50, ha abusato di lei talmente tante volte che credo abbia perso il conto. Per carità, misurando l'abuso con un "sessometro", non c'è stato tantissimo: la chiudeva a chiave in camera, la spogliava dolcemente, la toccava un pò qua e la, e le faceva orali su orali... La prima volta è accaduto a 8 anni.

Un "sessometro".. l'unita' di misura dei testa di cazzo.


Una ragazza già sverginata, oltre la paura, con il tempo tornerà bene o male come prima, ma una vergine che diventa donna in questa maniera, perdonatemi, ma non potrà mai essere felice come le altre...

Ma signore iddio benedetto, ma che cazzo significa "diventa donna"???
Ma che, si "diventa donna" perdendo la verginita'? Ma che favole ti hanno raccontato????
E soprattutto, ma che concezione delle donne hai, tu, le pre-imene e le post-imene?


Felice di averlo fatto la prima volta con la persona che ama, averlo fatto con sentimenti di amore e felicità.... L'averlo fatto in un posto romantico, e non in un posto squallido come in un parchetto o in un letto martimoniale magari nemmeno suo......

Cioe', famme capi', e' il posto che conta?


Sò che non ci devono essere distinzioni tra pedofili che sverginano e pedofili che toccano o leccano, ma ricordatevi bene quello che ho scritto sopra: una ragazzina non + vergine abusata da un adulto, non subità minimamente il trauma che potrebbe subire una ragazzina ancora vergine...

Non parla' di traumi, va, fammi la cortesia. E nun parla' manco di donne.
Sono almeno due argomenti dei quali non sai un beneamato nulla.

Mr.Doctor
18-02-2006, 01.55.45
E aggiungo: secondo te chi ama intraprendere tali sani divertimenti, quando vede una ragazzina, ha l'occhio imenico come te che sa riconoscere la 14enne troietta navigata dal puro fiorellino candido e senza macchia ne' colpa.

credo sia proprio questo il punto cardine. la cosa che "va punita" è l'azione, la violenza sessuale, il maniaco prima di avere la sua vittima non può sapere se è vergine o no (a meno che non la conscesse già prima, ma è difficile), è l'intenzione, la scorrettezza dell'azione ad essere grave e ripugnante, la verginità o non verginità non vedo davvero cosa può centrare

Maharet
18-02-2006, 02.15.23
credo sia proprio questo il punto cardine. la cosa che "va punita" è l'azione, la violenza sessuale, il maniaco prima di avere la sua vittima non può sapere se è vergine o no (a meno che non la conscesse già prima, ma è difficile), è l'intenzione, la scorrettezza dell'azione ad essere grave e ripugnante, la verginità o non verginità non vedo davvero cosa può centrare

La violenza, di qualunque genere, va sempre punita. Che la vittima sia di qualunque eta'.
Ci sono madri di famiglia che si sono suicidate in seguito ad uno stupro.
Ci sono ragazze che hanno corteggiato la morte per anni, in seguito ad uno stupro.
Ma anche: ad una violenza sessuale, ad una molestia, non necessariamente ad una penetrazione. Perche' ragazzi, per ammazzare una donna, ci sono mille modi, non vi crediate che giri tutto attorno al cazzo.
L'innocenza, la perdita dell'innocenza, e' una colpa per quale si paga con la moneta dell'anima, tutto il resto e' fuffa.

Skywards
18-02-2006, 02.21.20
La violenza, di qualunque genere, va sempre punita. Che la vittima sia di qualunque eta'.
Ci sono madri di famiglia che si sono suicidate in seguito ad uno stupro.
Ci sono ragazze che hanno corteggiato la morte per anni, in seguito ad uno stupro.
Ma anche: ad una violenza sessuale, ad una molestia, non necessariamente ad una penetrazione. Perche' ragazzi, per ammazzare una donna, ci sono mille modi, non vi crediate che giri tutto attorno al cazzo.
L'innocenza, la perdita dell'innocenza, e' una colpa per quale si paga con la moneta dell'anima, tutto il resto e' fuffa.
An upright judge, a learned judge!
(cit)
:hail:

Mr.Doctor
18-02-2006, 03.06.02
La violenza, di qualunque genere, va sempre punita. Che la vittima sia di qualunque eta'.
Ci sono madri di famiglia che si sono suicidate in seguito ad uno stupro.
Ci sono ragazze che hanno corteggiato la morte per anni, in seguito ad uno stupro.
Ma anche: ad una violenza sessuale, ad una molestia, non necessariamente ad una penetrazione. Perche' ragazzi, per ammazzare una donna, ci sono mille modi, non vi crediate che giri tutto attorno al cazzo.
L'innocenza, la perdita dell'innocenza, e' una colpa per quale si paga con la moneta dell'anima, tutto il resto e' fuffa.

la penso esattamente come te, parola per parola
:birra:

Ale_Zakko
18-02-2006, 10.49.19
Maharet, evidentemente non hai colto quello che voglio dire.

Evidentemente non ti rendi minimamente conto di cosa vuol dire essere vittime di pedofili e stupri, a prescindere dal tuo livello di intelligenza che puoi avere.

Male nel farlo non è il dolore che si prova con la penetrazione, ma male psicologico, e qui si è già capito tutto su come hai analizzato l'intera mia risposta, dal "sessometro" che tu definisci misura delle teste di cazzo, quando invece lo intendevo come metodo per capire come fare ste benedette distinzioni che i tuoi giudici coetanei stanno facendo li giù!!

Per il posto, idem, non hai capito quello che voglio dire io... :azz:

Quello pratecamente che voglio dire io, te la taglio a fettine, non si sa mai, è che gli stupri ed i pedofili, a prescindere da quello che fanno, vanno puniti arrivando alla stessa pena: la castrazione, solo che ci sarà per alcuni solamente una castrazione chimica, mentre per altri sia la castrazione chimica che fisica...

Ecco cosa voglio dire io, e quello che potrebbe dire quella legge...

Io te l'ho detto, fino a poco tempo fa non ci pensavo affatto, ma da quando ho avuto una testimonianza VERA, tutto non è come prima... E ricordati bene bimba, che non è che se una è una roia o semplicemente è "diventata donna" MA SOLO PER FAR CAPIRE CHE NON E' PIU' VERGINE IN UN TEMINE UN PO' + CONSONO, dato che non hai capito un caxxo del succo anche di questa frase, dimentica tutto così facilmente, come hai detto te a distanza di mesi.... Ci vorranno molti, ma molti anni, forse decenni, ma in un qualche modo, iniziarà a dimenticare. Una ragazzina che non ha mai fatto niente, non dimenticherà affatto PER TUTTA LA VITA QUESTA COSA....

Strasbuli
18-02-2006, 11.05.12
Evviva. :tsk:

destino
18-02-2006, 11.12.43
Io la trovo giusta come legge questa.


Oddio, ha i suoi pro ed i suoi contro eh, ma tutto sommato, per me è giusta.

E' giusto "misurare" e fare distinzioni di abuso tra una ragazzina vergine ed una non... Ad esempio, immaginatevi una ragazzina sola tranquilla, che gioca e si trova con le sue amiche e si trova al bar, senza pensare a ragazzi, rapporti, ecc ecc... Insomma, una ragazza ancora vergine. Ed ora immaginatevi la ragazzina che tutti i ragazzi le corrono dietro proprio perchè non è più vergine... E non venitemi a dire che è una felicemente fidanzata che ha fatto tutto solo con il suo fidanzato, perchè a 13/14 anni è mooolto presto per parlare di questo. Sono un insegnate di hip hop, e nel mio corso principianti, vedo ragazzine di tutti i colori, dai 12 ai 14 anni, e così ad occhio riconosco subito le ragazze che l'hanno già fatto, le ragazze oche ancora vergini e le ragazze che proprio non pensano altro che stare con le amiche...

Se una persona adulta abusa di una ragazzina, punto primo, è pedofilia, e qui siamo tutti d'accordo, ma pensate che sia più doloroso e lento da mandare giù un'esperienza di questo tipo alla ragazzina già sverginata, o alla ragazzina che non sà neanche com'è fatto un pene?...



Ale.

fate finta che al posto di questa frase ci sia una serie di insulti che porti al mio ban

cromabianca
18-02-2006, 11.21.53
Ma stiamo scherzando?

Quindi violentare una che non è più vergine è meno grave?

Ma chi parla così ha almeno una minima idea di cosa significhi la parola "dignità"?

(sia di chi parla che di chi subisce violenza, naturalmente... :tsk: )


A proposito: ma poi come è andata a finire quella dei "jeans" (altra emerita vaccata) del '99?

cromabianca
18-02-2006, 11.24.40
...

:doubt:

sharkone
18-02-2006, 11.25.08
Mah domani vado ad ammazzare un vecchietto pretendendo di avere meno anni di chi ha ammazzato un giovane, giustificandomi che il tipo che ho ammazzato io aveva già vissuto la quasi totalità della sua vita...

Brian O'Blivion
18-02-2006, 12.04.46
...io non so proprio dove stiamo andando a finire amici,ma temo che non sia un bel posto.

follettomalefico
18-02-2006, 12.13.52
A me sembra un po' strano e propendo più per ennesima manipolazione sensazionalistica di una sentenza più che mero report dei fatti.

Sicuramente c'è qualcosa di vero, ma il titolo ad effetto e lo stile dell'articolo, unitamente al fatto che non trovo la sentenza effettiva pubblicata mi fanno dubitare della effettiva aderenza alla realtà oggettiva dei fatti.



Ho una ipotesi in merito che pensavo di verificare ma non avendo trovato la sentenza son pure speculazioni e non sto a fare speculazioni razionali. :)

Maharet
18-02-2006, 12.21.25
...io non so proprio dove stiamo andando a finire amici,ma temo che non sia un bel posto.

Amico mio, in quel posto ci camminiamo da millenni.

Maharet
18-02-2006, 12.28.31
Maharet, evidentemente non hai colto quello che voglio dire.

Spero bene di no, io di solito colgo solo fiori di campo.


Evidentemente non ti rendi minimamente conto di cosa vuol dire essere vittime di pedofili e stupri, a prescindere dal tuo livello di intelligenza che puoi avere.

Tu invece sei un esperto?
Ed aggiungo, lascia perdere il mio livello di intelligenza, che non ha bisogno i intelligentometri.
E tanto per non tralasciare nulla, ti dico pure che il tuo "evidentemente" e' causa di grande ilarita', questa mattina. Non che ce ne fosse bisogno.


Male nel farlo non è il dolore che si prova con la penetrazione, ma male psicologico, e qui si è già capito tutto su come hai analizzato l'intera mia risposta, dal "sessometro" che tu definisci misura delle teste di cazzo, quando invece lo intendevo come metodo per capire come fare ste benedette distinzioni che i tuoi giudici coetanei stanno facendo li giù!!

Per il posto, idem, non hai capito quello che voglio dire io... :azz:

E' curioso, ma nonostante tutto continuo ad avere la sensazione di aver capito benissimo... e che avrei preferito di gran lunga non averlo fatto.


Quello pratecamente che voglio dire io, te la taglio a fettine, non si sa mai, è che gli stupri ed i pedofili, a prescindere da quello che fanno, vanno puniti arrivando alla stessa pena: la castrazione, solo che ci sarà per alcuni solamente una castrazione chimica, mentre per altri sia la castrazione chimica che fisica...

Questo, ringraziando il cielo, non sei tu a stabilirlo, e nemmeno io.


Io te l'ho detto, fino a poco tempo fa non ci pensavo affatto, ma da quando ho avuto una testimonianza VERA, tutto non è come prima... E ricordati bene bimba, che non è che se una è una roia o semplicemente è "diventata donna" MA SOLO PER FAR CAPIRE CHE NON E' PIU' VERGINE IN UN TEMINE UN PO' + CONSONO, dato che non hai capito un caxxo del succo anche di questa frase, dimentica tutto così facilmente, come hai detto te a distanza di mesi.... Ci vorranno molti, ma molti anni, forse decenni, ma in un qualche modo, iniziarà a dimenticare. Una ragazzina che non ha mai fatto niente, non dimenticherà affatto PER TUTTA LA VITA QUESTA COSA....

E questa e' la cazzata piu' colossale e reiterata che abbia mai sentito in vita mia, oltre che un enorme mancanza di rispetto nei confronti della ragazza che ti abbia messo a parte della sua storia.
Ma secondo te sul serio una ragazza che ha subito abusi da quando aveva otto anni, come dici tu, pur conservando l'integrita' dell'imene, se ne scorda piu' facilmente di una che ha subito lo stupro di una sera?
E soprattutto, ma veramente puoi' fare un paragone fra due storie del genere?
Ed ancora, ma chi cazzo sei per permetterti di giudicare il dolore e la sofferenza delle persone, e livellarlo sulla base di una conservata, o meno, verginita'?
Dico, ma un filino ino ino di senso critico, umanita', umilta' e vergogna, quando li hanno distribuiti, tu ballavi l'hip hop e te so' sfuggiti? :azz:

Mischa
18-02-2006, 12.33.34
... Ci vorranno molti, ma molti anni, forse decenni, ma in un qualche modo, iniziarà a dimenticare. Una ragazzina che non ha mai fatto niente, non dimenticherà affatto PER TUTTA LA VITA QUESTA COSA.... Quoto questa come esempio, ma il discorso verte anche su altri punti di ciò che hai detto sinora.

Seguendo la tua logica di distinzione tra "non vergine/vergine", costringere al sesso una prostituta adulta è meno grave di uno stupro, passerà prima. Perché non solo non è vergine da mo', ma è abituata a farlo con sconosciuti anche quando non ne ha voglia, addirittura fingendo. E poi è abituata a situazioni di disagio. Se stai con una e una sera ti piglia il ghiribizzo, sfondarla contro la sua volontà è meno grave di uno stupro, passerà prima, anche fosse secca come il Kalahari, tanto non solo non è vergine, ma te l'ha pure data in precedenza. Se una tizia al liceo è un attimo allegra e si è fatta diversi compagni di scuola, chiuderla in un cesso quando è sbronza alla festa del diploma e mettersi in fila è meno grave di uno stupro, passerà prima...

Alcune domande: che ne sai di come si sente una ragazzina, o anche una donna, e di come si sentirà tra vent'anni, o venti giorni dopo? Da quali ragguardevoli fonti e studi trai tanta certezza da giungere ad affermare cose come quella quotata, come fossero dati di fatto, invece che assomigliare potenzialmente a illuminanti concetti del tipo "se una tizia gira in minigonna se l'è cercata"?

Perché se la risposta è "sono un istruttore di hip hop quindi vedo come si comportano le ragazzine, e poi ho un'amica cui anni fa è capitato patapim e patapam", mi sa che forse potresti considerare la remota possibilità che tali basi non siano sufficienti a dare un'opinione corretta, figurarsi poi a lanciarsi in affermazioni invece che semplici ipotesi.

Quale sarebbe dunque la tua definizione di violenza sessuale? Deve arrivare un omaccione possibilmente armato ed extracomunitario, sfondare la porta di casa o della macchina a una tizia (rigorosamente sconosciuta, se no è chiaro che si tratta di una rimpatriata tra amici), riempirla di botte, e solo allora ficcarglielo dove più preferisce? Il tutto senza mai dire qualcosa del genere "o me lo ciucci o ti sfregio", eh, perché se così facesse, già sarebbe ampiamente plausibile l'ipotesi che lei a questo punto sia consenziente, visto che preferisce l'ingollata ad un banale taglietto, figurarsi poi se non fosse vergine, e avesse una minigonna... per non parlare poi di un paio di jeans.

Vedi questo mio post giusto come un invito a riflettere sul fatto che ciò che dici ha delle implicazioni che non sembri avere preso in considerazione. Sai, quando si arriva a dire ad altri "non hai capito", di norma si stanno compiendo due errori:

a. Si è convinti, in maniera assoluta, che la propria posizione sia corretta, quella altrui errata;

b. Non si considera che anche se davvero l'altro non avesse capito, probabilmente ciò avverrebbe perché non si è spiegato in modo limpido ciò che si pensa.

La frase dovrebbe essere al massimo "mi son spiegato male", possibilità che invece viene esclusa a priori: è l'altro a non capire, non chi non è pronto/disposto a valutare una tesi diversa dalla propria, né ad accettare una critica.

A me pare che quanto detto da Maharet, e quanto da altri espresso, potrebbe farti venire qualche dubbio sulla validità delle tue considerazioni precedenti. Se poi preferisci continuare a pensare di "avere ragione", liberissimo, ma a questo punto ci si potrebbe chiedere perché condannare tanto duramente lo stupro: ad altri occhi le tue stesse argomentazioni sembrano straordinariamente simili a quelle degli stupratori.

NB: quanto sopra è da considerarsi del tutto esente da considerazioni relative alla sentenza in oggetto, su cui non mi posso esprimere, dato che non ne conosco i dettagli, come molti altri, stando ai commenti precedenti; tra questi, potresti valutare forse se mettere anche te stesso, visto che ti riferisci a una non meglio specificata "legge" più volte, mentre qui l'argomento al massimo potrebbe essere una sentenza, che nessuno per ora ha riportato se non nella sintesi di un giornalista, la cui validità lascia il tempo che trova.

Maharet
18-02-2006, 12.44.20
[cuttete]

Grazie, sei la voce dell'equilibrio espressivo che, ahime', di fronte a tali argomentazioni mi e' carente.

Brian O'Blivion
18-02-2006, 12.46.44
Grazie, sei la voce dell'equilibrio espressivo che, ahime', di fronte a tali argomentazioni mi e' carente.

Non mi è sembrato affatto:birra:

friskio
18-02-2006, 13.03.08
mmmmm......

vergine / nn vergine, questo il problema!

io, sia in un caso, sia nell'altro vedo la stessa identica cosa : una violenza.

In questo caso nn è più grave una rispetto all'altra, è grave il fatto che qualcuno (tendenzialmente maschio) abusi di qualcuno/a.....questo è da punire, nn esistono attenuanti secondo me......a parte l'essere consenziente, ma se trattasi di molestia o abuso, l'essere consenziente automaticamente si elude.

comunque, io parlo del fatto in se e per se....
che un vecchio si faccia fare un pippotto da una 14enne può anche starci, ma se lei è consenziente allora può starci la pedofilia (forse :look: ) non la violenza.....

potrebbe anche essere intesa come violenza psicologica?? :mumble:
domanda?

just to know!

Di0
18-02-2006, 13.11.20
Giusto, giustissimo.
Che, per traslitterazione, vuol dire che stuprare Selen e la Cicciolina è un'attività socialmente utile.


Seriamente.
Comunque, da come è messo l'articolo, mi sembra molto facile fraintendere il vero peso delle parole, anche perché quando si parla di sesso, i giornalisti riescono a dare il peggio di loro.
Ed il peggio di un giornalista è una cosa che nessuno vorebbe vedere.

Ape_Africanizzata
18-02-2006, 13.11.23
A me sembra si stia alzando un grande polverone per nulla.Leggete il corriere di oggi,cè il parere di una penalista che mi sembra-oltrechè provvista di notevole lucidita',cosa che in questa alzata di scudi non ho trovato-molto chiara a riguardo della sentenza.

Se poi non leggete il corriere ve lo posso anche riassumere io eh:D

Nightal
18-02-2006, 13.25.00
vergine / nn vergine, questo il problema!

io, sia in un caso, sia nell'altro vedo la stessa identica cosa : una violenza.

quoto questa tua frase perchè credo possa tranquillamente riassumere tutto quello su cui si sta dibattendo...e comunque non riesco a concepire come si faccia a stabilire, essendo per lo più maschi, se una violenza sessuale su donna è meno grave di un'altra: escludendo a priori il discorso iniziale del topic (questa presunta sentenza), una violenza sessuale, quindi per definizione un atto compiuto contro la volontà (ergo, non consenziente), lascia delle tracce indelebili nella ragazza o donna (come detto da Maharet, madri che si suicidano dopo uno stupro)...non vorrei dirlo ma è una cosa oggettiva, avvalorata dai numerosi fatti; il corpo come ha detto qualcuno più intelligente di me, è il tempio dell'anima, violarlo equivale a scalfire l'anima: Maharet dice che la perdita dell'innocenza per una donna è un evento veramente tremendo: vivono la sessualità in modo totalmente diverso, in un certo senso più profondo dove la violenza non è contemplata. Il rapporto sessuale è fatto di amore, carezze, sentimento, passione: una concezione che è profondamente radicata nell'io femminile (occhio non voglio fare un discorso sessista, dico solo quello che penso nel massimo rispetto e se dico vaccate correggetemi...mi aiuta a crescere ;) )...scalfirla è come tagliare un albero, prima alto e imponente magari...poi a terra, impossibile per lui ergersi di nuovo. Ovviamente nel caso della psicologia umana tutto è risolvibile con pazienza e amore vero; ma è innegabile che tu arrechi un danno enorme violentando una ragazza (ancora più schifoso se ragazzina), che si vede penetrata contro la sua volontà e danneggiata nell'anima. Per l'uomo probabilmente non c'è niente di più bello che venire violentati :asd: ...scherzo, scherzo...insomma il succo di sto mio discorso è: non può proprio esserci differenza tra una violenza sessuale applicata (ho usato un termine scientifico...mi fa male ingegneria :azz: ) ad una vergine e una che ormai non lo è più, perchè non conta il male che si prova fisicamente (che poi muta in piacere...) ma quello psicologico...cavolo una donna ad un uomo deve "donare" il suo corpo, le donne non sono usa e getta, tutti abbiamo sentimenti ed emozioni!

Ale_Zakko
18-02-2006, 13.43.26
fate finta che al posto di questa frase ci sia una serie di insulti che porti al mio ban

Sei un moderatore?

Cosa vorresti dire? E' una minaccia?


Cos'è da quando in qua, in sto forum bisogna pensarla tutti allo stesso modo sennò ban?! Ma oh, dico, ma scherziamo?!!


Ma secondo te sul serio una ragazza che ha subito abusi da quando aveva otto anni, come dici tu, pur conservando l'integrita' dell'imene, se ne scorda piu' facilmente di una che ha subito lo stupro di una sera?


Infatti, io dicevo proprio l'opposto, pensa un pò te... Ma lasciamo stare, tanto hai sempre ragione tu. :|



Tu invece sei un esperto?


Ti posso solo dire che questa ragazza, in tutti questi 20 anni della sua vita, della sua infanzia negativa ne ha parlato solo ed esclusivamente con me. Da due anni a questa parte. Non è andata neanche da uno psicologo. Ha sempre parlato con me, si è sempre sfogata con me, quindi se permetti, non dico di esserne un esperto, ma ho provato a pelle cosa si prova ad essere vittime di pedofili, e te lo sconsiglio vivamente di ascoltare e fare sopratutto da psicologo ad una ragazza che ha subito abusi su abusi...


Alcune domande: che ne sai di come si sente una ragazzina, o anche una donna, e di come si sentirà tra vent'anni, o venti giorni dopo? Da quali ragguardevoli fonti e studi trai tanta certezza da giungere ad affermare cose come quella quotata, come fossero dati di fatto, invece che assomigliare potenzialmente a illuminanti concetti del tipo "se una tizia gira in minigonna se l'è cercata"?


Assolutamente no, dato che il concetto minigonna=sesso non vuol dire assolutamente niente, dato che è un capo di abbigliamento come l'altro.

Io trao conclusioni su fatti veri, accaduti a persone che tengo tantissimo. Come ho detto prima, una ragazzina "scatenata", ha più possibilità di uscirne fuori prima rispetto ad una ragazzina timida che non ha mai fatto niente, proprio per il tipo di carattere.
E qui ti rimando alla risposta che ho dato poco più in su, dato che questa ragazza, non ne mai parlato con nessuno, si è tenuta tutto tentro fino all'anno scorso. Solo con me è riuscita a parlarne con i suoi genitori, e qualche sua amica. E sappiamo entrambi che sia lei, che una ragazzina che non ha mai fatto niente, resterà segnata tutta la vita, perchè è una botta troppo ma troppo grande da mandare giù. Prova immaginarti, non dico una bambina di 8 anni, ma una tredicenne che non sà neanche cosa sia un'orale, che di punto in bianco si ritrova la testa di uomo in mezzo alle gambe, che razza di shok che deve subire rispetto ad una che sa tranquillamente cos'è e come si fanno certe cose...



Perché se la risposta è "sono un istruttore di hip hop quindi vedo come si comportano le ragazzine, e poi ho un'amica cui anni fa è capitato patapim e patapam



Non hai capito bene quello che voglio dire io...

Maharet
18-02-2006, 14.17.43
Sei un moderatore?
Cosa vorresti dire? E' una minaccia?
Cos'è da quando in qua, in sto forum bisogna pensarla tutti allo stesso modo sennò ban?! Ma oh, dico, ma scherziamo?!!

Gia' questo mi fa capire definitivamente che non solo non sei capace di esprimerti in maniera comprensibile, ma manco di capire quello che leggi :azz:


Infatti, io dicevo proprio l'opposto, pensa un pò te... Ma lasciamo stare, tanto hai sempre ragione tu. :|

Tu dicevi l'opposto?
cioe', aspe', non ho capito bene... se io dico:

Ma secondo te sul serio una ragazza che ha subito abusi da quando aveva otto anni, come dici tu, pur conservando l'integrita' dell'imene, se ne scorda piu' facilmente di una che ha subito lo stupro di una sera?

...e tu mi dici che pensavi l'opposto esatto... allora significa che effettivamente quella ragazza ancora vergine nonostante anni di abusi e' piu' traumatizzata di quella ragazza che ha subito la violenza di una sera.. giusto?
Oh, fermo restando, ovviamente, che la ragazza stuprata una sera sia stata a sua volta vergine, inesperta, pura e candida come un giglio, senno', chiaramente, non vale, e si scorda facilmente, come una seduta dal dentista.
Ora, stabilito questo...


Ti posso solo dire che questa ragazza, in tutti questi 20 anni della sua vita, della sua infanzia negativa ne ha parlato solo ed esclusivamente con me. Da due anni a questa parte. Non è andata neanche da uno psicologo. Ha sempre parlato con me, si è sempre sfogata con me, quindi se permetti, non dico di esserne un esperto, ma ho provato a pelle cosa si prova ad essere vittime di pedofili, e te lo sconsiglio vivamente di ascoltare e fare sopratutto da psicologo ad una ragazza che ha subito abusi su abusi...

Ti rendi conto anche solo minimamente, e questo e' un invito non polemico, te lo giuro, che quello che dici non e' solo assurdo, ma e' anche terribilmente dannoso proprio per quella ragazza?
Che il tuo orgoglio di essere stato reso confidente ti ha fatto assumere una responsabilita' che non sei assolutamente in grado di gestire?
Che in questi casi un aiuto professionale non e' solo indicato, ma addirittura potenzialmente indispensabile?
E se non un aiuto professionale, almeno un aiuto consapevole ed esperto?
E ti rendi anche conto che ascoltare il racconto di una vittima non significa "aver provato a pelle cosa si prova ad essere vittime di pedofili" (a, aggiungo, stupratori) piu' di quanto aver visto un film sul Giappone mi possa far dire di essere giapponese?
E di quale profonda, immensa, inaccettabile insulto questo sia nei confronti di TUTTE le vittime di qualsivoglia sopraffazione?
Fermati un attimo a rifletterci, e vedi se riesci a dare una risposta sensata a questo. Almeno a te stesso, che poi a me non me ne frega manco granche'.


Come ho detto prima, una ragazzina "scatenata", ha più possibilità di uscirne fuori prima rispetto ad una ragazzina timida che non ha mai fatto niente, proprio per il tipo di carattere.

Questa e' la piu' bassa analisi caratteriale e psiccologica dell'animo umano che io abbia mai letto, da una vita a questa parte.

_Slash_
18-02-2006, 14.22.44
Io trao

:tsk:

Pratti
18-02-2006, 14.23.15
Purtroppo da casa non posso accedere alla ced della cassazione cmq vi posto qua cosa scrivono nel sito diritto e giustizia:

Annullata con rinvio una sentenza della Corte d'appello di Cagliari che ha condannato un uomo che ha abusato della figlia della convivente. Cosa dice la Cassazione e le sciocchezze che trovate oggi sulla stampa di "informazione" ripetute dai commentatori

Chi compie atti sessuali con un minorenne che ha però più di 14 anni e meno di 16, commette reato - naturalmente - ma se il (in questo caso la) minorenne è consenziente si deve applicare l'attenuante prevista dal codice penale. Questa, in sintesi, la banale sentenza della Corte di cassazione (sezione terza, n. 6329, depositata il 17 febbraio e qui leggibile nei correlati) che invece grazie all'ignoranza, alla superficialità, all'incapacità della stampa italiana di leggere gli atti giudiziari anche quando a scrivere sono (presunti) cronisti di giudiziaria, rischia di diventare un nuovo caso nazionale. E magari l'ingegnere-Guardasigilli manderà pure gli ispettori in Cassazione, come è solito fare dopo aver letto qualunque giornale. Preferibilmente La Padania.
La sentenza, che Diritto e Giustizia ha deciso di pubblicare non perché contenga particolari e interessanti principi di diritto, ma per consentire ai lettori - i nostri 25 lettori - di comprendere la portata delle clamorose sciocchezze scritte e raccontate altrove, riguarda una vicenda in ogni caso riprovevole. Come la stessa Cassazione non manca di sottolineare.
Un uomo, chiede alla figlia della sua convivente di avere un rapporto sessuale. La ragazza, 14 anni compiuti - e non tredicenne, o "quasi quattordicenne" come scrivono alcune agenzie di stampa - accetta ma decide per un rapporto orale e ne spiega anche il motivo: l'uomo è tossicodipendente e lei teme che con altri tipi di rapporti possa contrarre patologie.
Dopo qualche tempo denuncia l'accaduto.
L'articolo 609 quater, nel rinviare alla pena prevista da un precedente articolo (il 609bis) del codice penale distingue gli atti sessuali con minori che non hanno compiuto i 14 anni, da quelli con minori di anni 16 "quando il colpevole sia... persona cui... il minore è affidato o che abbia con quest'ultimo relazione di convivenza". Esattamente il caso di cui si occupa il processo. E poi aggiunge che "nei casi di minore gravità la pena è diminuita fino a due terzi".
Bene: l'imputato, condannato come è ovvio e giusto che fosse, ha fatto ricorso lamentandosi perché la corte d'appello non gli ha riconosciuto quell'attenuante prevista "nei casi di minore gravità". La Cassazione ha dunque esaminato i fatti sulla base dei processi di primo e secondo grado. Da questi fatti è emerso che, per dichiarazione della stessa ragazza parte lesa, oltre che di testimoni diversi, la ragazza aveva avuto rapporti sessuali con diversi uomini dall'età di 13 anni. E allora, dice la Cassazione, la motivazione della sentenza di condanna che non ha riconosciuto le attenuanti non va bene perché non tiene conto di questi fatti. Se una ragazza, per quanto minorenne (ma, attenzione, con più di 14 anni) decide di avere rapporti sessuali, e decide, nel caso specifico oggetto del processo, di avere un rapporto determinato (orale) al posto di un altro, vuol dire che per quanto certamente il reato si configuri nei confronti di questo "signore" (se così possiamo chiamarlo...) tuttavia POTREBBERO essere riconosciute, perché lo prevede la legge, le attenuanti. E qui c'è il secondo frutto dell'ignoranza strillata della pseudo-informazione: la Cassazione non ha neppure detto che DEVONO essere riconosciute le attenuanti ma solo che la motivazione della condanna così com'è non va bene per negarle, quelle attenuanti. E infatti annulla con rinvio la sentenza affinché la corte d'appello "valuti se il diniego dell'attenuante possa essere deciso con il supporto di una motivazione diversa". In pratica: date pure il massimo delle aggravanti a questo ignobile imputato, ma motivatele meglio. E' solo in questo contesto di motivazioni che la Cassazione aggiunge che se la vittima ha già "avuto rapporti sessuali, è lecito ritenere che già al momento dell'incontro con l'imputato la sua personalità dal punto di vista sessuale fosse più sviluppata di quanto ci si può aspettare da una ragazza della sua età"

Questa è la sentenza, nè più, nè meno. Non è vero, come hanno strillato i giulivi giullari dell'informazione da bar sport, che "la Cassazione ha detto che la violenza sessuale è meno grave se la ragazza ha già avuto rapporti con altri uomini". Ha detto invece, tra le righe: fate attenzione, per evitare di dover dare le attenuanti in casi in cui c'è il consenso della vittima che per giunta ha una personalità sessuale già sviluppata, studiate meglio la motivazione.

Ora, sarebbe il caso, una volta per tutte, di mettersi d'accordo: quando i giudici applicano la legge c'è qualcuno che protesta, quando la interpretano per renderla più aderente ai fatti così come vengono raccontati e dimostrati nei processi, c'è sempre qualcuno che protesta. Ciò che è più grave è che spesso a protestare sono sempre gli stessi, o sempre le stesse categorie, in tutti e due i casi. Questo non va bene. Non è logico. E' anzi chiaramente frutto di malafede o, nel migliore dei casi, di ignoranza crassa (crassa, lo diciamo a beneficio della maggioranza di giornalisti e commentatori che si dilettano a parlare e scrivere di giustizia come se stessero commentando la partita di calcetto al dopolavoro, non è un errore di stampa per "grassa")

Ale_Zakko
18-02-2006, 14.28.46
:tsk:

Slash... a scrivere solo : tsk : anche il mio cane ci riesce senza fare errori...

Se tu inizi a scrivere velocemente, può capitare di sbagliare... Scusa se non sono Dio e se sono umano... :hail:

FiLoX
18-02-2006, 14.32.02
Terrificante sta notizia..ho sperato fosse un falso..:tsk:

Kady
18-02-2006, 14.39.21
Terrificante sta notizia..ho sperato fosse un falso..:tsk:

Quando le notizie provengono dalla cassazione non sono mai false ...sono sempre terrificanti!!

:eek2:

_Slash_
18-02-2006, 14.45.05
Slash... a scrivere solo : tsk : anche il mio cane ci riesce senza fare errori...

Se tu inizi a scrivere velocemente, può capitare di sbagliare... Scusa se non sono Dio e se sono umano... :hail:



Ma dai che scherzavo! :birra:
(cmq si dice traggo)



Tornando IT credo che chiunque violenta una ragazza/donna/bambina meriti solo il carcere a vita





EDIT:500 post!

destino
18-02-2006, 14.45.58
Io trao conclusioni su fatti veri, accaduti a persone che tengo tantissimo. Come ho detto prima, una ragazzina "scatenata", ha più possibilità di uscirne fuori prima rispetto ad una ragazzina timida che non ha mai fatto niente, proprio per il tipo di carattere.


un po come uno stuntman ha + possibilita di uscirne vivo da un incidente insomma :|

Vado a chiedere un portale per un universo parallelo, qualcuno viene?

cromabianca
18-02-2006, 14.52.36
Ti posso solo dire che questa ragazza, in tutti questi 20 anni della sua vita, della sua infanzia negativa ne ha parlato solo ed esclusivamente con me. Da due anni a questa parte. Non è andata neanche da uno psicologo.

Io, se fossi in te, e proprio per il bene che sicuramente vorrai a questa ragazza, lo psicologo glielo consiglierei... almeno non parla con te!

No, non è per offenderti, anzi... è per dire che tante volte l'aiuto e la vicinanza di un amico sono importanti, però certe cose sono difficili da guarire e richiedono un aiuto esperto.

Comunque, adesso non parliamo di lei, perché non mi sembra nemmeno giusto. Io ho capito quello che vuoi dire e che, cioè, una ragazza più disinvolta è capace di avere una diversa percezione delle cose, ma non sono d'accordo. Qui stiamo parlando di una violenza sessuale, che non è una semplice scopata che ci si è fatti mentre non si aveva voglia: è una violenza sessuale!

Domandina a tutti gli uomini che ci sono qua dentro: ma noi abbiamo una minima idea di come si possa sentire una donna, nel momento in cui viene privata, fino al fondo e in maniera estremamente umiliante (come nello stupro), della sua propria dignità più preziosa... quella di persona umana, mediante lo stupro (e non sto parlando nemmeno del mero fatto fisico... che le ferite rimarginano)? Io penso proprio di no, per cui, di tanto in tanto, faremmo anche bene a mostrare un po' più di rispetto e prendere atto che certe cose esistono... e sono brutte. Molto brutte.

Non importa, se a capitarci è una vecchia volpe, una giovane ragazzina o una prostituta di professione... non importa. Una giovane donna è stata stuprata della propria dignità: questo è quello che mi indigna ora e che mi indignerà sempre e davanti a chiunque.

Cocitu
18-02-2006, 14.55.09
quoto in toto quanto scritto da Pratti...

non ho ancora avuto il tempo di cercare la sentenza, ma il succo è comunque quello citato dall'esimio collega.

come ho gia avuto modo di scrivere, i giornalisti non capiscono un cazzo di leggi.
Neanche se girassero con i 5 codici infilati dove dico io sarebbero in grado di distinguere un articolo da un altro, figurarsi poi commentare in 20 righe sentenze che come minimo sono argomentate in 20 o 30 cartelle.

Io sono sepre del parere che ai giornalisti dovrebbero imporre 2 limiti per legge, i divieti di scrivere in materia di sentenze e in materia di armi:asd:

cromabianca
18-02-2006, 15.00.57
Io sono sepre del parere che ai giornalisti dovrebbero imporre 2 limiti per legge, i divieti di scrivere in materia di sentenze e in materia di armi:asd:

E in materia di informatica e pirateria... :asd:

funazza
18-02-2006, 15.01.11
Ale_Zakko, ti prego, smettila. mi viene da piangere a pensare che esiste gente (come te) che possa ancora pensare certe cose. e tutto ciò è davvero deprimente.

Maharet
18-02-2006, 15.08.16
i tuoi giudici coetanei

Questa m'era sfuggita.. so' giovincelli 'sti giudici cassazionisti... :roll3:

Nightal
18-02-2006, 15.13.48
io scrivo un papiro e non mi cagano neanche :azz:
me ne torno a parlare di calcio nel Sottolacurva che forse è meglio quando non sono serio :asd: :asd: :asd:
(scherzo cmq)

Maharet
18-02-2006, 15.16.18
[Cuttete]

Come dicevo all'inizio del thread... sedicenti giornalisti sensazionalisti da appendere per le palle.
Grazie al cielo esiste ancora gente che invece di scuotere la testolina e passare oltre si sa fermare un secondo e combattere gli scripta manent con altrettanti scripta manent.

SuperGrem
18-02-2006, 15.18.01
Giusto, giustissimo.
Che, per traslitterazione, vuol dire che stuprare Selen e la Cicciolina è un'attività socialmente utile.


Beh.. per stuprare Cicciolina occorre fegato, eh... :|

Ero entrato in questo thread con l'intenzione di informarmi su di una vicenda che non conoscevo.
Ho scoperto alcune cose interesssanti:

1) Ale_Zakko s'è fatto qualche nemico :asd:

2) Pratti si fa un CULO così per scrivere come le cose sono oggettivamente accadute e nessuno se lo fila

3) Si può rotolare dal ridere anche quando si parla di vicende tragiche.



Grazie al cielo esiste ancora gente che invece di scuotere la testolina e passare oltre si sa fermare un secondo e combattere gli scripta manent con altrettanti scripta manent.

Il problema è che gli scripta manent di alcuni sono inspiegabilmente invisibili per molti.

Maharet
18-02-2006, 15.24.15
Il problema è che gli scripta manent di alcuni sono inspiegabilmente invisibili per molti.

La verita' non e' mai invisibile. Si puo' solo far finta di non vederla, ma lei rimane li', immutata ed immutabile, con tutta la sua corte di guerrieri pronti a sacrificare la loro vita affinche' la sua presenza, e la sua essenza, non vengano mai eradicate da questa terra.

Mischa
18-02-2006, 15.28.08
A me sembra si stia alzando un grande polverone per nulla.Leggete il corriere di oggi,cè il parere di una penalista che mi sembra-oltrechè provvista di notevole lucidita',cosa che in questa alzata di scudi non ho trovato-molto chiara a riguardo della sentenza.Di nuovo sintesi (quindi opinione) relativa all'opinione di una persona.

Lo stesso corriere, nella stessa pagina, riporta anche equivalente intervista in senso del tutto opposto, ma tu, qui, preferisci evitare di specificarlo, operando dunque una scelta anche per gli altri e inviando un messaggio parziale.

Non credo che i giornalisti si facciano molti più scrupoli di te nel dare un taglio a una "notizia", né quindi che quanto riportato da un qualsiasi quotidiano possa avere alcuna validità, se non documentato.

Nessuno, comunque, per ora ha qui riportato la sentenza (6329/2006), unico documento rilevante, solo quel che altri ne dicono. Non credo comunque che per farsi un'opinione si possa ritenere sufficiente scegliere quel che suona più accettabile alle proprie orecchie tra quel che dicono esimi sconosciuti, filtrato da altri esimi sconosciuti, su un argomento sconosciuto.

Dal mio punto di vista, entrambe quelle interviste fanno parte del gran polverone per nulla, insieme all'articolo sulle reazioni dei politici e gente varia, ed insieme a questo topic stesso, che dimostra solo come da un argomento qualsiasi si possa partire per qualsiasi destinazione e giungere a qualsiasi conclusione, che non ha comunque alcuna attinenza con l'episodio iniziale: si sta giocando al telefono senza fili. Anzi, non dimostra solo questo: dimostra anche che, in fin dei conti, il gran polverone per nulla è l'unica cosa che interessa alla maggioranza, e ciò giustifica il proporre opinioni e interpretazioni di un fatto sin dall'inizio, invece che sottoporre il fatto stesso all'opinione altrui.

Sempre a titolo di esempio, e per rispondere a destino che chiedeva info, la sentenza sui jeans del 1999 (qui (http://www.cittadinolex.kataweb.it/article_view.jsp?idCat=75&idArt=2202) il testo integrale, contenente quanto segue: "Deve poi rilevarsi che è un dato di comune esperienza che è quasi impossibile sfilare anche in parte i jeans di una persona senza la sua fattiva collaborazione, poiché trattasi di una operazione che è già assai difficoltosa per chi li indossa"), è famosa (e famigerata), ma ben pochi sanno che sviluppi ha avuto: per la maggioranza, il messaggio rimasto è quello.

In realtà, nel 2001 la cassazione si è nuovamente espressa in merito, sembrerebbe dicendo l'esatto contrario (qui (http://www.altalex.com/index.php?idnot=3843) il testo integrale, contenente quanto segue: "Inoltre la paura di ulteriori conseguenze oltre i ceffoni ha determinato la possibilità di sfilare più facilmente il jeans che non è certo una cintura di castità ed a seconda del modello è anche facilmente levabile, sicchè detta deduzione del ricorrente è del tutto incongrua").

A titolo di curiosità, si può rilevare che entrambe le sentenze provengono dalla stessa sezione che ha emesso la sentenza oggetto delle discussioni attuali.

@ Cocitu: Non mi pare che Pratti abbia espresso un parere, ha solo riportato cosa altri dicono. Quindi il tuo dire "quoto in toto quanto scritto da Pratti" dovrebbe essere un "quoto in toto quanto scritto da diritto e giustizia", il che però non mi pare molto diverso dal quotare in toto quanto detto da un quotidiano (non voglio con questo mettere in dubbio la professionalità di diritto e giustizia rispetto a quella dei giornalisti, eh, dico solo che il loro resta un parere, per quanto autorevole, su qualcosa di sconosciuto), così come dire "il succo è quello", nel momento stesso in cui esprimi tali pareri senza alcun riferimento, non avendo letto la sentenza. O no? Poi d'accordissimo sull'(in)attendibilità dei giornalisti, eh, vedi sopra.

Cocitu
18-02-2006, 15.28.55
Grem, hai ragione.
Una cosa la devo cmq dire.
Uno perde una vita intera per farsi una cultura giuridica, e poi arriva il primo coglione a mandare a puttane tutto.

Cassazionista non si diventa per merito di raccolte di punti al distributore, ma ci si diventa perchè si conosce a menadito la legge.
Parlo di legge in senso tecnico, infatti, la cassazione è il giudice della leggitimità e niente più.
Interviene solo ed esclusivamente per dirimere questioni tecniche.

La 3° sezione penale a quanto mi risulta è poi la migliore in campo tecnico.

Cocitu
18-02-2006, 15.35.37
altri[/i] dicono. Quindi il tuo dire "quoto in toto quanto scritto da Pratti" dovrebbe essere un "quoto in toto quanto scritto da diritto e giustizia", il che però non mi pare molto diverso dal quotare in toto quanto detto da un quotidiano (non voglio con questo mettere in dubbio la professionalità di diritto e giustizia rispetto a quella dei giornalisti, eh, dico solo che il loro resta un parere, per quanto autorevole, su qualcosa di sconosciuto), così come dire "il succo è quello", nel momento stesso in cui esprimi tali pareri senza alcun riferimento, non avendo letto la sentenza. O no? Poi d'accordissimo sull'(in)attendibilità dei giornalisti, eh, vedi sopra.
giusta correzione:birra:

Alex64
18-02-2006, 15.48.02
Certe cose sono semplicemente incredibili, disarmanti.
Ma come si fa anche a concepire una simile idea...

Pratti
18-02-2006, 15.52.02
cut
se leggi in prima o seconda pagina c'e' anche la mia opinione ed io la sentenza l'ho letta avendo accesso alla ced della cassazione . Solo che potendola leggere solo in tribunale e non a casa, non posso riportarvi la sentenza intera.
Cmq c'e' una grossa differenza tra l'opinione che ho postato io e la vulgata che si trova in giro.
1) Si tratta di un parere tecnico e non giornalistico.
2) Parte dal fatto concreto e non da castronerie scritte ad minchiam.

Poi anche sulla famosa sentenza dei bluejeans si era fatta ua medesima operazione quando se uno andava a leggersi la sentenza c'era scritto tutt'altro.

Ah giusto per curiosità, il fatto che sia stata fatta dalla stessa sezione non significa che sia stata scritta dagli stessi giudici.

Cocitu
18-02-2006, 16.08.47
Poi anche sulla famosa sentenza dei bluejeans si era fatta ua medesima operazione quando se uno andava a leggersi la sentenza c'era scritto tutt'altro.
Ah giusto per curiosità, il fatto che sia stata fatta dalla stessa sezione non significa che sia stata scritta dagli stessi giudici.

Ritiene la Corte che la sentenza impugnata merita l'annullamento benché carente di adeguato e convincente apparato argomentativo.
É certo che a carico dell'imputato sussistono le reiterate accuse formulate dalla <P.>.
Ma, considerate le proteste di innocenza dell'imputato, il quale ha mantenuto che la ragazza era stata consenziente al rapporto sessuale, la Corte di merito avrebbe dovuto procedere ad una rigorosa analisi in ordine alla attendibilità delle dichiarazioni accusatorie rese dalla <P.>, mentre invece ha affermato la colpevolezza dell'imputato valorizzando circostanze di fatto che ben si conciliano con la versione dei fatti rappresentata dal <C.> e minimizzando o omettendo di valutare altre circostanze che mal si conciliano con la denunciata violenza carnale.
La sentenza afferma che le dichiarazioni rese dalla <P.> sono da ritenere attendibili poiché costei non aveva motivo alcuno per muovere contro il <C.> una accusa calunniosa.
Una tale considerazione non può condividersi sol che si consideri che la ragazza potrebbe avere accusato falsamente il <C.> di averla violentata, per giustificare con i genitori l'amplesso carnale avuto con una persona molto più grande di lei per età e per di più sposata, amplesso che non si sentiva di tener celato perché preoccupata delle possibili conseguenze del rapporto carnale.
Peraltro una tale ipotesi non appare inverosimile alla luce del comportamento tenuto dalla <P.> dopo i fatti.
Costei raccontò ai genitori quanto le era accaduto non già appena tornò a casa, sebbene i predetti le chiedessero cosa le era successo in quanto era visibilmente turbata, ma soltanto la sera, dopo aver assistito presso l'autoscuola alla lezione di teoria.
La Corte di Appello giustifica un tale ritardo sostenendo che la <P.> presumibilmente provava vergogna o si sentiva in colpa.
Ma una tale argomentazione non è convincente.
Non si vede infatti quale vergogna o senso di colpa la <P.> potesse avvertire, se effettivamente vittima di una violenza carnale, data la gravità di un tale fatto, peraltro commesso dal suo istruttore di guida, sulla cui autovettura si era trovata per effettuare la programmata esercitazione di guida.
Parimenti censurabile è la sentenza allorché afferma che la <P.> fu realmente vittima della denunciata violenza carnale dato che è certo che durante l'amplesso aveva i jeans tolti soltanto in parte, mentre se fosse stata consenziente al rapporto carnale avrebbe tolto del tutto i pantaloni che indossava.
Un tale rilievo non può condividersi perché sarebbe stato ormai singolare che in pieno giorno (il fatto avvenne verso le ore 12-12,30), in una zona che seppur isolata non era preclusa al transito di persone, la <P.> si denudasse del tutto, ne perché era consenziente allo amplesso.
Deve poi rilevarsi che è un dato di comune esperienza che è quasi impossibile sfilare anche in parte i jeans ad una persona senza la sua fattiva collaborazione, poiché trattasi di una operazione che è già assai difficoltosa per chi li indossa.
Anche su altri punti la sentenza risulta carente di convincente motivazione.
Sul corpo della <P.> e del <C.> non sono stati riscontrati segni di una colluttazione tra i due o comunque di una vigorosa resistenza della ragazza al suo aggressore.
La Corte di Appello al riguardo si limita ad affermare che per la sussistenza del reato di violenza carnale non è necessario che l'autore del fatto sottoponga la persona offesa ad atti di violenza e che comunque, nel caso in esame, la <P.> non aveva opposto resistenza temendo di subire gravi offese della sua incolumità fisica.
Ma al riguardo è da osservare che è istintivo, soprattutto per una giovane, opporsi con tutte le sue forze a che vuole violentarla e che é illogico affermare che una ragazza possa subire supinamente uno stupro, che è una grave violenza alla persona, nel timore di patire altre ipotetiche e non certo più gravi offese alla propria incolumità fisica.
La sentenza impugnata, infine, non chiarisce come si concilia con l'asserita violenza carnale la circostanza che la <P.> non tentò di fuggire appena il <C.> fermò l'autovettura e manifestò i suoi propositi, così come non da una plausibile spiegazione del comportamento della ragazza che, dopo la consumazione del rapporto carnale, si mise alla guida della autovettura.
In sentenza viene precisato che la <P.> aveva interesse a tornare subito a casa.
Ma la Corte di Appello ha omesso di considerare che è ormai singolare che una ragazza, dopo aver subito una violenza carnale, si trovi nelle condizioni d'animo che le consentano di porsi alla guida di una autovettura con accanto il suo stupratore, sopratutto se, come nel caso in esame, essendo inesperta di guida, deve pilotare l'autovettura seguendo i consigli e le istruzioni di chi momenti prima l'ha violentata.
Ne consegue che la sentenza impugnata risulta affetta da motivazione carente ed illogica e pertanto merita l'annullamento con rinvio alla Corte di Appello di Napoli.
giusto per fare chiarezza

Mischa
18-02-2006, 16.21.02
se leggi in prima o seconda pagina c'e' anche la mia opinione ed io la sentenza l'ho letta avendo accesso alla ced della cassazione . Solo che potendola leggere solo in tribunale e non a casa, non posso riportarvi la sentenza intera.
Cmq c'e' una grossa differenza tra l'opinione che ho postato io e la vulgata che si trova in giro.
1) Si tratta di un parere tecnico e non giornalistico.
2) Parte dal fatto concreto e non da castronerie scritte ad minchiam.

Poi anche sulla famosa sentenza dei bluejeans si era fatta ua medesima operazione quando se uno andava a leggersi la sentenza c'era scritto tutt'altro.

Ah giusto per curiosità, il fatto che sia stata fatta dalla stessa sezione non significa che sia stata scritta dagli stessi giudici.

1. Non mi riferivo a quanto avevi detto in prima e seconda pagina (che non mi pare comunque di avere mai messo in dubbio), ma a quanto hai sopra riportato, e a cui faceva riferimento Cocitu, semplice osservazione che egli stesso ha riconosciuto come valida. Non ho neppure messo in dubbio le parole di diritto e giustizia: ho anzi detto che possono certo essere ritenute autorevoli, rispetto a quelle dei giornalisti, lieto quindi che lo confermi.

2. Certamente esiste una grossa differenza tra quel che hai postato tu e i commenti a caso: vedi punto 1. Nessuno ha detto il contrario, però sei certamente libero di ribadire la stessa distinzione che mi pare di avere già evidenziato, se ti fa piacere.

3. Sentenze jeans, ho fatto notare come mentre per la maggioranza il messaggio è stato di un tipo, il testo potesse essere inteso altrimenti, anche e soprattutto in virtù della seconda sentenza (credevo che postare i link a entrambe fosse sufficiente, poi ognuno libero di pensarla come gli pare): nuovamente, mi lusinga che tu ti senta spinto a supportare un mio semplice parere.

4. Quanto alle sezioni, infact, l'ho riportato come semplice curiosità: non mi pare di aver mai affermato che sia stata scritta dagli stessi giudici. Ti ringrazio quindi per avere sottolineato la cosa.

Detto ciò, bella gente, io esco dal topic, leggerò con interesse la sentenza quando e se qualcuno la posterà, mi riservo ulteriori interventi solo qualora vi scanniate. Cercate di evitarlo, plz.

Cocitu
18-02-2006, 16.28.54
3. Sentenze jeans, ho fatto notare come mentre per la maggioranza il messaggio è stato di un tipo, il testo potesse essere inteso altrimenti, anche e soprattutto in virtù della seconda sentenza (credevo che postare i link a entrambe fosse sufficiente, poi ognuno libero di pensarla come gli pare): nuovamente, mi lusinga che tu ti senta spinto a supportare un mio semplice parere.

4. Quanto alle sezioni, infact, l'ho riportato come semplice curiosità: non mi pare di aver mai affermato che sia stata scritta dagli stessi giudici. Ti ringrazio quindi per avere sottolineato la cosa.

.

non posso postare un Link ad un database contenuto nel mio Pc:asd:

per quanto riguarda le sezioni, i giudici sono spesso gli stessi, di solito ruotano periodicamente, ma non è difficile trovare gli stessi nomi.

Se riesco a trovare gli estensori di quest'ultima potrei confrontarli con quelli della quotata.

gaz_berserk.
18-02-2006, 17.38.54
paese di merda, dovremmo fare le barricate :|

adirrittura :asd:

be dai qualcosa di salvabile ci sarà...:birra:

AlexKratos
19-02-2006, 12.08.49
Altre tonnellate di fango buttate ingiustamente sulla magistratura per colpa dei soliti "giornalisti" a caccia del titolo sensazionale. E il bello è che, oltre alla gran parte dell'opinione pubblica, abboccano anche parlamentari, ministri e varie personalità, che come al solito parlano PRIMA di conoscere i fatti oltre il titolo sensazionalistico.

Anche in questo topic, malgrado sia stata ampiamente spiegata (e supportata) la VERA tesi della Cassazione che è giuridicamente e logicamente ineccepibile, molti utenti sono ancora convinti che quanto accaduto sia uno scandalo.
Taccio su chi, fidandosi ciecamente dei media, augura ogni sorta di punizione e di male ai giudici in questione e alla categoria intera.
Da figlio di giudice, sono profondamente schifato da questi episodi che si ripetono puntualmente.

PS: La stessa sentenza dei jeans viene ANCORA citata come esempio negativo, quando anche in quel caso si trattava di una interpretazione del tutto legittima della Cassazione completamente travisata dai media. Peccato che nella coscienza comune rimanga solo lo scandalo e non le evntuali rettifiche, ammesso che arrivino al pubblico.
Gioverebbe anche ricordare che la Cassazione non esprime PRINCIPI GENERALI come tutti sembrano intendere, ma valutazioni specifiche su SINGOLI casi, su specifico ricorso.