PDA

Visualizza versione completa : E' meglio ragionare o...vivere?, e soprattutto.."vivere"..ne vale la pena?



Pratti
11-02-2006, 17.43.49
Stamattina ho sentito questa canzone in macchina..e in un momento particolare mi ha fatto pensare questo pezzo di canzone...degli zeroassoluto-Semplicemente


la voglia di non ragionare ma vivere sempre disposto a rischiare e ridere...
riderne..la gioia di quest’attimo senza pensarci troppo solo gustandolo...
le stesse storie e quei percorsi che non cambiano...
quelle canzoni e le passioni che rimangono...
semplicemente non scordare... ( nananana! )
come i libri della scuola fra le dite...
la colazione ogni mattina da una vita...semplice..
come incontrarsi perdersi poi ritrovarsi amarsi lasciarsi...
poteva andare meglio può darsi...dormire senza voglia di alzarmi...
e faccio quello che mi pare... ( nananana! )
se ci penso ora...e se ci penso adesso...
non so ancora che cosa ne sarà...
perchè mi manca il fiato...
perchè ti cerco ancora...non so dove che cosa ci sarà!...ah...

...semplicemente semplicemente semplicemente ....


l'ho sentita e risentita parecchie volte per capire che forse ha ragione?forse non bisognerebbe ragionare ma "vivere". io forse non ne sono capace..o forse si..mi chiedo e vi chiedo

vale la pena mollare tutto, i pensieri, le convenzioni e anche per un attimo...vivere quello"che senti"?come dice il testo..semplicemente?

d0nk4
11-02-2006, 17.46.16
La vera domanda è:Come fai ad ascoltare gli zero assoluto?

Iomla_Warrior
11-02-2006, 17.46.51
Ora capisco tutto.
I genitori di Silvio amavano vivere..
Non sapranno mai che hanno rovinato l' Italia.
:asd:

Skywards
11-02-2006, 17.49.42
[1]Per ogni cosa c'è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo.

[2]C'è un tempo per nascere e un tempo per morire,
un tempo per piantare e un tempo per sradicare le piante.
[3]Un tempo per uccidere e un tempo per guarire,
un tempo per demolire e un tempo per costruire.
[4]Un tempo per piangere e un tempo per ridere,
un tempo per gemere e un tempo per ballare.
[5]Un tempo per gettare sassi e un tempo per raccoglierli,
un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci.
[6]Un tempo per cercare e un tempo per perdere,
un tempo per serbare e un tempo per buttar via.
[7]Un tempo per stracciare e un tempo per cucire,
un tempo per tacere e un tempo per parlare.
[8]Un tempo per amare e un tempo per odiare,
un tempo per la guerra e un tempo per la pace.

[9]Che vantaggio ha chi si dà da fare con fatica?

[10]Ho considerato l'occupazione che Dio ha dato agli uomini, perché si occupino in essa. [11]Egli ha fatto bella ogni cosa a suo tempo, ma egli ha messo la nozione dell'eternità nel loro cuore, senza però che gli uomini possano capire l'opera compiuta da Dio dal principio alla fine. [12]Ho concluso che non c'è nulla di meglio per essi, che godere e agire bene nella loro vita; [13]ma che un uomo mangi, beva e goda del suo lavoro è un dono di Dio. [14]Riconosco che qualunque cosa Dio fa è immutabile; non c'è nulla da aggiungere, nulla da togliere. Dio agisce così perché si abbia timore di lui. [15]Ciò che è, gia è stato; ciò che sarà, gia è; Dio ricerca ciò che è gia passato.



Qoèlet Cap. 3

Mach 1
11-02-2006, 17.56.16
Folletto direbbe: "non c'è un modo migliore in assoluto: la soluzione migliore è seguire le proprie inclinazioni senza avere rimpianti"
























































poi spegnerebbe il computer e andrebbe a trombarsi uno gnu. :asd: :asd:

TrustNoOne
11-02-2006, 18.02.46
Folletto direbbe: "non c'è un modo migliore in assoluto: la soluzione migliore è seguire le proprie inclinazioni senza avere rimpianti"

poi spegnerebbe il computer e andrebbe a trombarsi uno gnu. :asd: :asd:


intendi questo gnu: http://www.tuxjournal.net/articoli/stallman.jpg?

Kiara
11-02-2006, 18.49.52
ma perchè non vi drogate come fanno tutti anzichè ascoltare 'ste cose?:sisi:

Pratti
11-02-2006, 19.01.26
ma perchè non vi drogate come fanno tutti anzichè ascoltare 'ste cose?:sisi:
Quando il dito mostra la luna, l'imbecille guarda il dito....
Ora, e mi pare sia il secondo o terzo post al riguardo, non mi pare io abbia detto " ma quanto son belli, ma quanto mi piacciono gli zeroassoluto", per questo ci sarebbe la music zone. Semplicemente alcuni "stralci" di una loro canzone ascoltata alla radio stamane, mi hanno fatto venire in mente questa riflessione e ho postato semplicemente per "condividere", per vedere cosa ne pensassero altre persone... non certo per parlare delle qualità degli zeroassoluto ( sulle quali si potrebbe dire omen nomen, ma ripeto ci sarebbe la music zone per questo)

follettomalefico
11-02-2006, 20.14.06
La vita è anche razionalità, ma non solo razionalità. Il problema è dipanare la matassa della propria razionalità unitamente agli "istinti" che non sono nostri.

Dovremmo imparare ad ascoltarci.

Se riuscissimo a fare questo, in ogni minuto della nostra giornata, vivremmo veramente, perché le scelte non sarebbero solo razionali, ma anche razionali, e solo se necessario.






Folletto direbbe: "non c'è un modo migliore in assoluto: la soluzione migliore è seguire le proprie inclinazioni senza avere rimpianti"

poi spegnerebbe il computer e andrebbe a trombarsi uno gnu. :asd: :asd: Ma che oooooooooooh mi rubate il ruolo di guru? :asd:

Però è inquietante, ci hai quasi azzeccato :look: :asd:

Ecco il mio GNU:
http://members.shaw.ca/zerone/img/linux-girl.jpg

Jimmy Woodman
11-02-2006, 22.56.43
ma perchè non vi drogate come fanno tutti anzichè ascoltare 'ste cose?:sisi:
La droga costa....dare senso a quello che hai scritto nella tua firma è gratuito.^^
:birra:

d0nk4
11-02-2006, 23.27.54
ma perchè non vi drogate come fanno tutti anzichè ascoltare 'ste cose?:sisi:
Kiara,te l'ho sempre voluto dire,tu si propi' curiusa.

Daniel_san
12-02-2006, 00.11.02
Perchè questi quesiti non vi vengono sui banchi di scuola mentre studiate Leopardi, D'Annunzio, Hegel o Kierkegaard?

BVZM
12-02-2006, 00.21.26
Quando il dito mostra la luna, l'imbecille guarda il dito....

Sì però, è anche umano che se uno indica qualcosa, ed indossa l'anello del potere del mago Otelma, ad una persona venga in mente di chiedere: "ma dove vai con quel cazzo di anello?" senza per questo essere necessariamente stupido.
Ora. Non è che ci arrestano se parliamo di musica anche qui eh?
Del resto, se si apre un topic che parla della lirica di una canzone, per quanto sia solo il pretesto per una riflessione, mica possiamo indignarci se qualche piccolo commento cade anche sulla canzone stessa eh?
Suvvia, un pochino più di elasticità.
PS: Che ne pensate della mia nuova firma?

Skywards
12-02-2006, 00.39.30
Perchè questi quesiti non vi vengono sui banchi di scuola mentre studiate Leopardi, D'Annunzio, Hegel o Kierkegaard?
Perchè Leopardi era uno sfigato, D'Annunzio un perverso, Hegel un fascista e Kierkegaard un represso...
Ciò non significa che certi quesiti non siano nati in me durante lo studio di determinati autori... Non quelli da te citati però...:asd:

.Furla.
12-02-2006, 00.41.54
la vita è ciò che ci scorre davanti mentre ci chiediamo come viverla.

il problema è che se non ce lo chiediamo vivere non ha senso.

quindi dobbiamo interrogarci su quale sia il senso della vita, ed agire in funzione di esso. in ogni caso è impossibile vivere senza riflettere.

sbazzone
12-02-2006, 00.42.03
La vera domanda è:Come fai ad ascoltare gli zero assoluto?


:asd:

d0nk4
12-02-2006, 00.59.51
:asd:
mazzo :hello: diglielo quando io ti ownawo di brutto sulla q3dm17 :hail:

FALLEN_ANGEL_664
12-02-2006, 02.56.41
Ora, premetto che ho tentato di leggere la lirica, ma veramente non riesco a capirci una parola (non riesco a tirarci fuori un senso logico; non che ciò desti in me stupore...). Cerco di "risponderti" partendo dal tuo scritto:


l'ho sentita e risentita parecchie volte per capire che forse ha ragione? [cos'è? ci chiedi se te la sei risentita per un motivo particolare?] forse non bisognerebbe ragionare ma "vivere". io forse non ne sono capace..o forse si..mi chiedo e vi chiedo

vale la pena mollare tutto, i pensieri, le convenzioni e anche per un attimo...vivere quello"che senti"?come dice il testo..semplicemente?

Che intendi con "non ragionare, ma vivere"? Intendi "vivere senza troppe preoccupazioni", vivere senza pensieri? Akuna Matata (http://spkids.nl/img/licences/pic/timon_pumba_pic.jpg)? Ma più verso una filosofia del tipo "ciò che passa per il convento, amen" o "prendiamoci l'indispensabile e nient'altro"? Ma più "alla Drugo (http://www.alicenonlosa.it/aliceterzapagina/images/drugo.jpg)" o più "alla vivi e lascia vivere" o "alla fai quel che vuoi"? O vivere senza spararsi troppe pippe mentali sul perchè si vive?

"Vivere quello che senti"... tu la interpreti come un "ma fregatene di tutto e segui il tuo istinto"?

Insomma, parliamo di anarchia, di istinto, del senso della vita o di economia familiare? :asd:

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

MarcoLaBestia
12-02-2006, 03.34.47
The power of the grez esiste, ed è potente, ma alla fine non raggiunge MAI uno scopo.


Meglio campare alla leggera e con saggezza ed equilibrio, di conseguenza ci si diverte e si ottengono le cose.

Ki si fissa troppo alla fine perde per mancanza di semplicità




però The power of the grez rulla troppo :asd:


Zero assoluto? Ma ke cazzo di nome è? :asd: Potevano kiamarsi Zero Spaccato, Zero Sfigato.... ma Zero assoluto?? :asd:

ok ritiro l'ultima frase, priva di buon senso (e nemmeno tanto :ihih:), pietà sono le 2 e mezza :asd:

ding
12-02-2006, 03.37.40
*quoto in tutto. tranne la parte del guro e quella in cui mi ruba la pinguina :|

^Della64^
12-02-2006, 07.40.05
Stamattina ho sentito questa canzone in macchina..e in un momento particolare mi ha fatto pensare questo pezzo di canzone...degli zeroassoluto-Semplicemente


la voglia di non ragionare ma vivere sempre disposto a rischiare e ridere...
riderne..la gioia di quest’attimo senza pensarci troppo solo gustandolo...
le stesse storie e quei percorsi che non cambiano...
quelle canzoni e le passioni che rimangono...
semplicemente non scordare... ( nananana! )
come i libri della scuola fra le dite...
la colazione ogni mattina da una vita...semplice..
come incontrarsi perdersi poi ritrovarsi amarsi lasciarsi...
poteva andare meglio può darsi...dormire senza voglia di alzarmi...
e faccio quello che mi pare... ( nananana! )
se ci penso ora...e se ci penso adesso...
non so ancora che cosa ne sarà...
perchè mi manca il fiato...
perchè ti cerco ancora...non so dove che cosa ci sarà!...ah...

...semplicemente semplicemente semplicemente ....


l'ho sentita e risentita parecchie volte per capire che forse ha ragione?forse non bisognerebbe ragionare ma "vivere". io forse non ne sono capace..o forse si..mi chiedo e vi chiedo

vale la pena mollare tutto, i pensieri, le convenzioni e anche per un attimo...vivere quello"che senti"?come dice il testo..semplicemente?


io penso che la vita vada vissuta e goduta appieno. Fare tutto quelo che si ha possibilità di fare, non rinunciare a nulla. Purtroppo ci sono molte cose che noi non possiamo controllare e che spesso....ci interrompono la vita proprio sul più bello. Ma sono cose che non possiamo controllare, succedono e basta e allora....io personalmente me ne frego e cerco di mettere nel sacco + esperienze e bei ricordi possibili :)
Bisogna pensare, si, ma solo in certe situazioni specifiche :) in tutte le altre io penso vada usato l'istinto.

Daniel_san
12-02-2006, 13.13.28
Perchè Leopardi era uno sfigato, D'Annunzio un perverso, Hegel un fascista e Kierkegaard un represso...
Ciò non significa che certi quesiti non siano nati in me durante lo studio di determinati autori... Non quelli da te citati però...:asd:

Vedo che li hai studiati con molta attenzione... :sisi:

:azz:

Pratti
12-02-2006, 16.53.31
@BZVM anyway Dipende sempre da quello che il dito ti mostra:asd: Se ad esempio l'anello del potere di Otelma ti sta mostrando il meteorite che sta cadendo sulla tua testa, non pensi ti fermeresti ad osservare il suo anello, almeno che tu non sia gay... ed allora si aprirebbero inquietanti interrogativi:eek2:
cmq carina la firma

Circa il contenuto del topic, magari potevo fare un topic "più alto", magari avrei potuto iniziare con questo pensiero di Ezra Pound che sento un po' mio e che esprime quello che "sento" in proposito: Il pensare divide, il sentire unisce , ma spesso l'input a queste pseudo riflessioni filosofiche avviene nel modo più banale e spesso incontrollabile, come appunto una canzone degli zeroassoluto:asd:
E' forse un male? forse che anche loro non possono scrivere frasi che suscitano una qualche riflessione?

Skywards
12-02-2006, 19.55.44
Vedo che li hai studiati con molta attenzione... :sisi:
Proprio per questo mi permetto di giudicarli, non potrebbe essere altrimenti...:sisi:

blamecanada
12-02-2006, 20.22.40
la vita è ciò che ci scorre davanti mentre ci chiediamo come viverla.

il problema è che se non ce lo chiediamo vivere non ha senso.

Il problema è che cercare un senso nella vita non ha alcun senso, visto che non ne ha. Al massimo ci si può porre degli scopi, ma non si tratta di scoprire qualcosa che c'è già, quanto di ideare qualcosa.

Brian O'Blivion
12-02-2006, 20.26.08
La vita è anche razionalità, ma non solo razionalità. Il problema è dipanare la matassa della propria razionalità unitamente agli "istinti" che non sono nostri.

Dovremmo imparare ad ascoltarci.

Se riuscissimo a fare questo, in ogni minuto della nostra giornata, vivremmo veramente, perché le scelte non sarebbero solo razionali, ma anche razionali, e solo se necessario.


*

E' la chiave di volta:birra:

blamecanada
12-02-2006, 20.27.22
Circa il contenuto del topic, magari potevo fare un topic "più alto", magari avrei potuto iniziare con questo pensiero di Ezra Pound che sento un pò mio e che esprime quello che "sento" in proposito: Il pensare divide, il sentire unisce , ma spesso l'input a queste pseudo riflessioni filosofiche avviene nel modo più banale e spesso incontrollabile, come appunto una canzone degli zeroassoluto:asd:
Indubbiamente una cosa che mi fa riflettere è il "pò".

Pratti
12-02-2006, 20.43.16
Indubbiamente una cosa che mi fa riflettere è il "pò".
touchée.. a volte presto poca attenzione a questi dettagli, dimentico che non c'è word a correggere. Incasso e riparto dal via:Palka:

blamecanada
12-02-2006, 20.46.22
touchée.. a volte presto poca attenzione a questi dettagli, dimentico che non c'è word a correggere. Incasso e riparto dal via:Palka:
Io invece passo il tempo a segnalare gli errori ortografici nei forum :asd:.

Ah, si scrive "touché" :asd: :asd: :asd:.

Daniel_san
12-02-2006, 20.47.58
Proprio per questo mi permetto di giudicarli, non potrebbe essere altrimenti...:sisi:

:azz:

Alla fine cmq... :stica:

[Skywards]:kiss:[R.A.X.]

Purple.Haze
18-02-2006, 16.26.45
Perchè Leopardi era uno sfigato, D'Annunzio un perverso, Hegel un fascista e Kierkegaard un represso...
Ciò non significa che certi quesiti non siano nati in me durante lo studio di determinati autori... Non quelli da te citati però...:asd:

Hegel fascista ??????????????
ma de che?????

.Furla.
18-02-2006, 19.28.50
Il problema è che cercare un senso nella vita non ha alcun senso, visto che non ne ha. Al massimo ci si può porre degli scopi, ma non si tratta di scoprire qualcosa che c'è già, quanto di ideare qualcosa.
beh, per te non c'è un senso e non ha senso cercarlo, io sono convinto di poter dare da solo un senso alla mia vita in funzione di ciò che sono, di ciò che sento, di ciò che voglio essere e di ciò che voglio sentire. e per farlo devo passare per la riflessione e la scoperta di me stesso.

secondo me tutti tentiamo, consciamente o meno, di vivere in questo modo. altrimenti perché non suicidarsi?

funazza
18-02-2006, 20.15.24
secondo me tutti tentiamo, consciamente o meno, di vivere in questo modo. altrimenti perché non suicidarsi?

chiamasi "istnto di sopravvivenza" e in quanto tale, non è facile da reprimemere. non c'entra nulla con ciò che dici

Braveheart1984
18-02-2006, 22.38.08
ma perchè non vi drogate come fanno tutti anzichè ascoltare 'ste cose?:sisi:


non mi risulta che tutti si drogano..:asd:

sbazzone
18-02-2006, 23.31.46
mazzo :hello: diglielo quando io ti ownawo di brutto sulla q3dm17 :hail:


:mumble:

blamecanada
19-02-2006, 00.10.28
beh, per te non c'è un senso e non ha senso cercarlo, io sono convinto di poter dare da solo un senso alla mia vita in funzione di ciò che sono, di ciò che sento
Io ho detto che non c'è un senso "assoluto", da cercare. Ho anche detto che ci si può porre degli scopi (=>senso).
Ma il senso non c'è di per sé, siamo noi a crearlo.
Di per sé le cose non hanno "senso", non esistono per adempire qualche fine ultimo.


chiamasi "istnto di sopravvivenza" e in quanto tale, non è facile da reprimemere. non c'entra nulla con ciò che dici
Vero.

.Furla.
19-02-2006, 13.09.40
io non mi sbilancerei a dire che non c'è un senso... è solo che non lo trovi. può darsi che il senso della vita sia non conoscere il senso della vita :asd:

comunque a questo punto bisognerebbe chiedersi in funzione di cosa stabilire gli "scopi" della propria vita.