PDA

Visualizza versione completa : lA MEGLIO GIOVENTU':FICTION O CAPOLAVORO?



Ophuls
24-01-2006, 10.39.34
Salve a tutti, oggi per la prima volta mi sono addentrato nei meandri della sezione cinema del forum multiplayer e mi sono ricordato di aver assistito ieri ad una dissertazione televisiva circa il reale valore del film La Meglio Gioventù di M.Tullio Giordana.Per un tipo sull'intellettuale andante il film nn era altro che una fiction priva di alcun valore artistico/culturale, per il suo interlocutore, mi pare fosse G.Mughini ,era invece un esempio di cinema onesto e ben fatto.Io propendo per la seconda tesi e chiedo a voi di esprimere un giudizio .Ciao cinefili!
p.s. dimenticavo che la trasmissione si intitolava "tornasole" ed era condotta da A. Pezzi su Raidue.

bartleby81
24-01-2006, 12.23.33
Come questione è complicata. Io la metto così: La meglio gioventù è un affresco su oltre trent'anni di storia italiana che è visto forse troppo con gli occhi di una borghesia di sinistra che in alcuni casi ha rinnegato quello per cui ha giustamente combattuto. Ma ciò non toglie che sia giusto parlare di quello che è successo in quegli anni, cosa che il nostro cinema troppo spesso non ha fatto. Giordana mette tutto sullo schermo con grande intensità e anche se dei limiti cinematografici ci sono, è impossibile non farsi prendere dalla storia che è davvero emozionante. Io l'ho visto in DVD e pensavo di vederlo a rate, invece ho fatto una sei ore senza neanche accorgermene. Questo già vuol dire tanto.

Boe.
24-01-2006, 12.35.20
Io l'ho trovato un capolavoro assoluto del cinema italiano e sono convinto che se si fosse chiamato "the young tutt bruciat" e l'avessero girato nel Maine lo avrebbero acclamato agli oscar...

Ophuls
24-01-2006, 13.46.17
Come questione è complicata. Io la metto così: La meglio gioventù è un affresco su oltre trent'anni di storia italiana che è visto forse troppo con gli occhi di una borghesia di sinistra che in alcuni casi ha rinnegato quello per cui ha giustamente combattuto. Ma ciò non toglie che sia giusto parlare di quello che è successo in quegli anni, cosa che il nostro cinema troppo spesso non ha fatto. Giordana mette tutto sullo schermo con grande intensità e anche se dei limiti cinematografici ci sono, è impossibile non farsi prendere dalla storia che è davvero emozionante. Io l'ho visto in DVD e pensavo di vederlo a rate, invece ho fatto una sei ore senza neanche accorgermene. Questo già vuol dire tanto.

Concordo pienamente con il tuo punto di vista, annoverando fra i lati positivi di questa pellicola la ottima prova corale degli attori protagonisti fra i quali spicca il sempre più convincente Lo Cascio.
Complimenti Bartleby e grazie per la tua riflessione!

bartleby81
24-01-2006, 16.17.11
Concordo pienamente con il tuo punto di vista, annoverando fra i lati positivi di questa pellicola la ottima prova corale degli attori protagonisti fra i quali spicca il sempre più convincente Lo Cascio.
Complimenti Bartleby e grazie per la tua riflessione!

Ti ringrazio assai, ma a questo punto vorrei aggiungere, oltre a Lo Cascio, anche le bellissime prove di Alessio Boni e Claudio Gioè, soprattutto del secondo, un caratterista giovane e da tenere assolutamente d'occhio.

funazza
24-01-2006, 16.40.29
io l'ho trovato meravigliosamente onesto. ha parecchi difetti imho, in primis i risvolti ultrasentimentali nel finale, ma tutto considerato è davvero un grande lavoro, soprattutto rispetto alla media delle pellicole nostrane. e poi ho un amore spasmodico per Maya Sansa....:sbav:

4ss0.n3
24-01-2006, 16.52.39
capolavoro con qualche difetto :uiui:

chi la chiama fiction non capisce un cazzo di cinema