PDA

Visualizza versione completa : studiare medicina in italia



Ubar
24-01-2006, 01.51.57
Ciao a tutti, ultimamente mi sto annoiando dei miei studi di diritto e pensavo di passare alla medicina. Purtroppo in svizzera dove studio io c'è il numero chiuso quindi ho pensato all'italia, com'è la situazione? la qualità dell'insegnamento è buona? come funziona lo studio?

funazza
24-01-2006, 02.49.58
scusa ma scappi dal paradiso della figa? :azz:

Ubar
24-01-2006, 03.00.05
:asd: se divento ginecologo bene o male compenserò dopo....
..... ma si puo fare il ginecologo per ragazze dai 16 ai 35 anni?

TsubyJap
24-01-2006, 04.20.15
anche in italia c'è il numero chiuso. Esame di ammissione abbastanza difficile per pochi posti nelle università note o quanto meno "popolate". Resta in svizzera e vai a fighe va :sisi: :asd:

p.s: w la figa elvetica :sisi:

zappeo
24-01-2006, 10.30.02
se vuoi un consiglio studia in italia e poi scappa all'estero. :asd:

conosco qualcuno (:look:) che alla veneranda età di 48 anni ha fatto così e non si è mai pentito della decisione.

ah, e rimarresti stupito da quanti giovani dicono "io farò il ginecologo, così smanetterò vaggia tutto il giorno" e poi lo diventano veramente :|

Hob Gadling
24-01-2006, 10.46.38
Medicina in Italia è una merda.
Scusa, ora devo andare al lavoro, ma più tardi argomenterò questa mia affermazione. In ogni caso, resta in Svizzera e, già che ci sei, come ampiamente consigliatoti, vai a fighe.

P.S.: Correzione: TUTTO in Italia è una merda.

P.P.S: Ma il quick reply che fine ha fatto?

Declino
24-01-2006, 11.59.30
Devo correggerti.....l'università sarà anche poco considerata dall'attuale govero ( ma anche dai precedenti) ma almeno il livello di insegnamento non mi sembra propio cosi' male anzi!!.....io parlo della mia università sia chiaro...

Per medicina c'e' un mio amico che frequeta....ho sentito che il vero unico scazzo è che devi fare tutti ma propio tutti gli esami dell'anno in corso per accedere al successivo...TUTTI:sisi:

Alceo
24-01-2006, 12.25.47
Devo correggerti.....l'università sarà anche poco considerata dall'attuale govero ( ma anche dai precedenti) ma almeno il livello di insegnamento non mi sembra propio cosi' male anzi!!.....io parlo della mia università sia chiaro...

Quali criteri hai usato per arrivare a tale conlcusione?
Potresti dirmi cosa studi?

billygoat
24-01-2006, 13.07.42
in quanto svizzero, quindi extracomunitario, dovresti avere delle agevolazioni.
mi sembra che per legge nei test d'ammissione a numero chiuso una quota debba venire riservata agli studenti extracomunitari.

zappeo
24-01-2006, 13.37.07
Medicina in Italia è una merda.
Scusa, ora devo andare al lavoro, ma più tardi argomenterò questa mia affermazione. In ogni caso, resta in Svizzera e, già che ci sei, come ampiamente consigliatoti, vai a fighe.

P.S.: Correzione: TUTTO in Italia è una merda.


:roll3:
io mi sono basato su quanto detto da mio padre, anche se effettivamente lui si è laureato giusto un po' di tempo fa :asd:
è anche vero che, sin da quando ho cominciato a parlare, mio padre ha sempre detto molto chiaramente, a me e mio fratello: "figlioli, io vi voglio bene, e non vi costringerò mai a fare una scuola piuttosto che un'altra. per quanto mi sarà possibile cercherò di darvi la possibilità di studiare quello che vorrete, e deciderete da soli la vostra strada, io farò di tutto per aiutarvi.

ma sapppiate che non finanzierò MAI e ripeto MAI studi in medicina. poi fate quello che volete. ma se vorrete studiare medicina, i soldi io non ce li metto."

.... ecco, diciamo che anche se avessi avuto la benchè minima intenzione di seguire le sue orme, questo discorso (che ha ripetuto credo un migliaio di volte da quando lo conosco) ha fugato ogni mio dubbio (e qui entra bill dicendo "e così hai deciso di fare il fancazzista" :asd:)



P.P.S: Ma il quick reply che fine ha fatto?

ma'nfatti :mumble:

TrustNoOne
24-01-2006, 13.49.58
(e qui entra bill dicendo "e così hai deciso di fare il fancazzista"

No, lo dico io :asd:

L'italia e' un posto dove crescere e poi scappare anche per il mio campo, come ha gia' fatto notare hob :asd:

zappeo
24-01-2006, 13.57.58
No, lo dico io :asd:

beh, se non era lui eri te, l'avevo già messo in conto :asd:


L'italia e' un posto dove crescere e poi scappare anche per il mio campo, come ha gia' fatto notare hob :asd:

te ne ho parlato un po' sabato, tra una cazzata e l'altra: io aspetto a vedere cosa succede finito questo incarico, poi valuterò il da farsi. ci sono un paio di posti che mi attizzano non poco, ma ora come ora li vedo solo come remote possibilità.

Cocitu
24-01-2006, 14.04.52
in quanto svizzero, quindi extracomunitario, dovresti avere delle agevolazioni.
mi sembra che per legge nei test d'ammissione a numero chiuso una quota debba venire riservata agli studenti extracomunitari.
da un po di anni a questa parte queste quote non vengono più messe a disposizione.

Di norma erano il 10% circa dei posti disponibili e si applicavano agli studenti stranieri, poi solo a quelli extracommunitari essendo i communitari equiparati agli italiani e adesso tutti devono fare o stesso esame.

Mia moglie per passarlo (quello di veterinaria) ha dovuto sostenerlo 2 volte.

il livello di insegnamento complessivo è buono, l'unica nota stonata sono i tempi lunghissimi, minimo ci vogliono 8 o 10 anni di studio per poter essere considerati medici a pieno titolo.
Il corso dura 6 anni con poi la scuola di specializzazione che dura dai 2 ai 6 anni a seconda di ciò che si decide di fare da grandi

Fabio
24-01-2006, 14.23.39
(e qui entra bill dicendo "e così hai deciso di fare il fancazzista" :asd:)

Taci va che in questo periodo mi sto facendo molte domande esistenziali e il punto è che sono arrivato alla conclusione che finora ho sbagliato tutto o quasi, e ciò non è una bella cosa.

Akujin
24-01-2006, 14.40.43
certo che se io voglio fare medicina, voi state facendo di tutto per deprimermi :|

zappeo
24-01-2006, 15.26.51
certo che se io voglio fare medicina, voi state facendo di tutto per deprimermi :|

guarda, se vuoi ti mollo il contatto msn di mio padre, a darti la botta definitiva ci può pensare lui :asd:



(bill hai un pm fancazzista)

Akujin
24-01-2006, 15.41.35
ne farò a meno zap :asd: ho fatto una scelta per passione e son più che deciso di arrivare a metterla in pratica! :D

Hob Gadling
24-01-2006, 16.11.20
Tranquillo Aku, la situazione è nera per tutti, quindi fai pure medicina.

Come avevo promesso, andrò a motivare quanto detto in precedenza.
Parlo prevalentemente per la facoltà di Medicina e Chirurgia, ma è un discorso estensibile all'intera Università italiana.
Per anni, i corsi di laurea qui in Italia sono stati improntati ad un accademismo esagerato. Nella quasi totalità delle facoltà, soprattutto quelle scientifiche, l'aspetto pratico degli studi è stato quasi ignorato. Con il risultato che i neolaureati praticamente non sapevano fare un cazzo.
L'unico aspetto positivo di questa situazione era che, invece, a livello teorico, i laureati italiani erano molto preparati. Dovendo passare anni a studiare tomi di millemila pagine, piuttosto che non (per medicina) fare esperienza clinica, la preparazione teorica degli studenti del BelPaese era molto riconosciuta e apprezzata anche all'estero (specie negli States, dove al contrario la teoria era sacrificata alla pratica).
Ad un certo momento, però, la nostra ottima classe dirigente deve aver deciso che l'età media di 27 anni per raggiungere l'agognato pezzo di carta era un tantinello alta, rispetto alle medie europee e statunitensi.
Quindi, che cosa si fa?
Non si interviene sulla formazione pre-universitaria degli studenti (sempre più carente: numerosi professori di liceo denunciano un abbassamento generale del livello di preparazione. Quello che ieri era considerato insufficienza, oggi diventa sufficiente se comparato allo standard attuale). No, perchè mai?
Si inventa, invece, la riformona del sistema universitario: il famigerato sistema a crediti, direttamente mutuato dalla raccolta a punti del Dixan. Si va a punti, raga, chè qui bisogna snellire i tempi, si va come treni, come negli States. (addirittura oggi contano come punti anche le esperienze lavorative extrauniversitarie: "Sei geometra da dieci anni? Diventa ingegnere, dài, cazzofrega, ti mancano cinque punti e ci pensiamo noi del Cepu a recuperarteli; basta che ci paghi con denaro sonante e anche tu sarai Dottor!")
Ovviamente del sistema statunitense (e della sua innegabile organizzazione) non si importa una fava. Meno che mai l'invidiabile percorso di formazione pratica, perchè qui da noi non ci sono le strutture, e quando ci sono, non le si fa funzionare.
Ancora niente pratica, dunque, per gli studenti, e da oggi in poi neanche la teoria che almeno finora ci teneva a galla.
Solo un fiorire di zilioni di nuovi corsi di laurea, spesso triennali, spesso inutili, se non a fornire posti per i Professori (che cadono sempre in piedi) e i loro amici.
E questa è la situazione generale.
Se poi ci aggiungi che a Medicina la pratica conta come in poche altre università, che le Università sono in mano ai Baroni e ai loro protetti, che l'introduzione del famigerato ECM (educazione continua in medicina) obbliga oggi il medico a frequentare corsi di aggiornamento continui (ovviamente non pubblici, no: privati, organizzati dai Baroni e dai protetti di cui sopra, che col sistema dei corsi, Master e cazzate varie hanno di che arricchirsi), capirai come uno Svizzero che voglia venire a studiare in Italia lo vedo come uno che voglia vendere la sua BMW per comprarsi una Multipla.
Scusate per la lunghezza del post e per il caos lessicale, ho scritto di getto e non rileggerò dovendo andare a lavorare.
Spero di esserti stato utile.

zappeo
24-01-2006, 19.23.19
lapidario :.:
ma condivido, almeno per quanto ne so io sull'argomento, e per quanto mi dicono amici che frequentano l'università.

cazz, mi piacerebbe sul serio vedere un post di mio padre sull'argomento :asd:

Ubar
24-01-2006, 20.19.33
okok mi avete convinto resto a zurigo e basta

Hob Gadling
24-01-2006, 23.39.41
lapidario :.:
ma condivido, almeno per quanto ne so io sull'argomento, e per quanto mi dicono amici che frequentano l'università.

cazz, mi piacerebbe sul serio vedere un post di mio padre sull'argomento :asd:Zappa, parmi di capire che tuo padre è medico. Se non sono indiscreto, posso farti qualche domanda?
Di cosa si occupa per la precisione? Ricordavo che abita in Svezia... esercita lì, o non esercita? Da cosa deriva la sua disaffezione per la professione?

Se vuoi, rispondimi pure via pm. :)

zappeo
25-01-2006, 13.08.47
Zappa, parmi di capire che tuo padre è medico. Se non sono indiscreto, posso farti qualche domanda?
Di cosa si occupa per la precisione? Ricordavo che abita in Svezia... esercita lì, o non esercita? Da cosa deriva la sua disaffezione per la professione?

Se vuoi, rispondimi pure via pm. :)

ti è parso bene, e posso rispondere tranquillamente qui tanto non sono segreti di stato.
mio padre è anatomo patologo, ovvero (anche se tu probabilmente lo sai molto meglio di me ^^) si occupa di studiare patologie quali tumori, cancri, malattie del sangue e così via. sono quelli che fanno anche autopsie, per capirci :asd:

il discorso "svezia" è un po' complicato, non so bene da dove partire. mio padre è sempre stato attirato dalla ricerca, ha cominciato ad interessarsene ancora prima di laurearsi, ed è quello che ha sempre voluto fare. appena laureato ha aperto uno studio medico a valeggio sul mincio (VR), dove abitavo fino al 93. dopo un po' si è spostato nell'ospedale di mantova, e nel frattempo ha fondato anche una sezione della croce verde sempre a valeggio. nel 93 ci siamo trasferiti tutti a rovereto, perchè le prospettive sembravano migliori (anche per mia madre -fisioterapista-), anche se non è stato proprio così ... mio padre reggeva praticamente da solo l'anatomia patologica dell'ospedale facendo spesso il lavoro che spettava al primario, con conseguente stress quadruplo per un compenso che non lo valeva assolutamente. quindi, dopo circa 7 (mi pare) anni, ha fatto un concorso per diventare primario in un ospedale in val camonica. una volta stabilito lì sembrava che cominciasse a ricevere le soddisfazioni che si meritava, dopo anni e anni di sbatticulo, ma guardacaso è intervenuto uno gnometto spellacchiato che, non si sa come, stava causando indirettamente (ma anche no) la chiusura di mezzi reparti dell'ospedale, causa tagli di fondi, qualche "rimpiazzamento" di alcuni colleghi con giovani più inesperti (ma tesserati :sagace:). insomma, se il mio babbo (che, anche se sono di parte, posso dire che rulla un casino :metal:) aveva risollevato un po' le sorti dell'ospedale, ora c'era qualcun altro che, seppur molto basso, dall'alto stava riducendo l'ospedale (ovviamente non solo quello) ad un colabrodo.

poi, la svolta. dalla svezia arriva un'email in cui gli dicono che stanno cercando uno come lui. è corso su a fare tre mesi di prova, per poi tornare giù e decidere assieme a noi cosa fare. dopo innumerevoli riunioni di famiglia :asd: si è deciso per il si. e nota, il compenso è praticamente identico a quello che riceveva in val camonica, il punto è che ne aveva talmente piene le palle della situazione italiana che ha deciso di fare :ciaociao:
è chiaro che la svezia non è il paese dei balocchi (che purtroppo non esiste). problemi ce ne sono anche là, come ovunque, il punto è che finalmente può fare anche ricerca, cosa che in italia pare non sia proprio concepita, e può farla con il supporto di un ospedale come il karolinska institutet, il che non guasta mai.

un suo amico di verona, compagno di università, ha subito più o meno lo stesso trattamento .... solo che lui era uno di quelli "rimpiazzati". per tutta risposta ha preso una seconda laurea. ora non ricordo di che tipo, so solo che era lui che doveva spiegare ai professori quello che gli stava esponendo. insomma, una mente così si è ridotta a dover mettersi in aspettativa per avere un ennesimo pezzo di carta, e per prenderlo ha dovuto riabbassarsi a studente, nonostante ne sapesse più dei professori. ora non so dove lavori, ma a quanto ricordo se ne è andato pure lui.

il fatto, quindi, è che mio padre non ha "disaffezione per la sua professione". la sua frase ricorrente riguardo ai finanziamenti per studiare medicina era dovuta al fatto che vuol dire, in italia, pagare quasi 10 anni di studi per produrre un disoccupato - o, alla peggio, un operaio.

Hob Gadling
27-01-2006, 22.19.04
il fatto, quindi, è che mio padre non ha "disaffezione per la sua professione". la sua frase ricorrente riguardo ai finanziamenti per studiare medicina era dovuta al fatto che vuol dire, in italia, pagare quasi 10 anni di studi per produrre un disoccupato - o, alla peggio, un operaio.:hail: :hail: :hail: a tuo padre da parte mia.

Stampa questa discussione e portagliela.

cenerentolainnamorat
06-02-2006, 13.08.45
okok mi avete convinto resto a zurigo e basta

ti conviene proare a fare il test in italia, sicuramente entrerai, perchè voi avete i posti riservati.
non ti preoccupare, qui in italia non andiamo male per la didattica, anzi, ma per le scuole di specializzazione! quindi ti consiglio fai il test in italia e poi ti specializzi su! :dentone:

alcoolwarriors
07-02-2006, 01.59.15
sì la situazione è più o meno quella descritta da hob ed integrata da zap...e io che cazzo ci faccio lì in mezzo?! :look:

Mischa
07-02-2006, 02.00.46
sì la situazione è più o meno quella descritta da hob ed integrata da zap...e io che cazzo ci faccio lì in mezzo?! :look:Statistica.

Ale1785
18-03-2012, 16.35.34
Ciao a tutti, ultimamente mi sto annoiando dei miei studi di diritto e pensavo di passare alla medicina. Purtroppo in svizzera dove studio io c'è il numero chiuso quindi ho pensato all'italia, com'è la situazione? la qualità dell'insegnamento è buona? come funziona lo studio?
Ciao! Bazzicate ancora da queste parti? Avrei bisogno di info sulle università di Zurigo e Berna...sono italiana e pensavo ad un trasferimento. Spero risponderete ;)

VersusBirth
18-03-2012, 16.54.39
Hai trovato le sfere del drago? :rolleyes:

RickFC24
18-03-2012, 17.44.51
Ma è periodo di riesumazioni?

Wiz
18-03-2012, 19.16.25
Direi di evitare di riesumare vecchi topic.