PDA

Visualizza versione completa : Licenziamento



gefri
16-01-2006, 21.25.56
Ma se una volta se ti licenziavano per "rendimento insufficiente" te lo scrivevano sul libretto del lavoro ed eri segnato per tutta la vita, oggi, che non esiste il libretto del lavoro, esiste comunque un qualcosa di simile?

Peter Pan
16-01-2006, 21.34.52
Perché, esiste ancora il lavoro?

gefri
16-01-2006, 22.09.41
nel mio caso esiste solo sofferenza e precarietà, ma di questo ne parliamo un'altra volta! :asd:

Tamarroid
16-01-2006, 22.25.51
Al giorno d'oggi si usa marchiare i licenziati con un ferro incandescente :sisi: :sisi:

Peter Pan
16-01-2006, 22.31.40
nel mio caso esiste solo sofferenza e precarietà,


È il caso di tutti ormai ;)

gefri
16-01-2006, 22.52.58
no dai, il mio lavoro mi piacerebbe anche se non fosse troppo lontano da casa come sede, troppo lontano come luogo di svolgimento, e avessi un capo non dico non stronzo (un imprenditore purtroppo oggi deve essere stronzo), ma almeno che non ci goda ad esserlo. Poi per i soldi non sono esoso, anche se prendere 650€ al mese stando fuori di casa delle 12/13 ore al giorno è dura, soprattutto dopo essere stati operai specializzati a 1 km da casa, prima che la sfiga si mettesse in mezzo e chiudesse la società... Ma basta parlare! :D Mi fate andare off topic :asd: forse anche perchè ho voglia di parlare :(

Peter Pan
16-01-2006, 23.01.34
prima che la sfiga si mettesse in mezzo e chiudesse la società...


La sfiga? Uhm... la sfiga è un evento inspiegabile e fuori da ogni previsione.

La recessione economica un dato di fatto la cui causa la si può trovare in mille altri documenti e dati che esporli adesso sarebbe solamente OT.


Per quello che riguiarda la tua domanda, quello che ti posso dire è che per i lavoratori a tempo determinato, se c'è un'agenzia interinale di mezzo, vi è una corrispondenza tra datore di lavoro e agenzia: con questa, il datore esprime il suo giudizio e la sua soddisfazione in merito al lavoratore.
E questa può pregiudicarti o aiutarti nel lavoro.

Penso che la stessa cosa avvenga se c'è un Centro per il Lavoro (ex Collocamento), ma non sono sicuro.

Nel tuo caso preciso... dove dovrebbe apporlo tale giudizio negativo un datore? :mumble:

gefri
16-01-2006, 23.38.20
non saprei proprio, infatti tecnicamente non potrebbe apporlo da nessuna parte, per questo chiedevo; volevo avere la certezza in quanto ultimamente c'è stato un lieve peggioramento :asd: dei rapporti, e sicuramente entro fine marzo il rapporto di lavoro si conclude, tecnicamente dovrei chiuderlo io già entro febbraio (spero), tuttavia nel caso dovesse silurarmi prima lui :asd: volevo conoscere un po' come potrbbe funzionare, nel peggiore dei casi, la storia, in quanto conosco la persona e so che non si farebbe troppi scrupoli, anzi...

Boe.
16-01-2006, 23.40.37
L'ufficio di collocamento in senso lato non esiste più, ora con la riforma lo hanno chiamato nonsocomecazzosichiama....

Stai pure tranquillo, magari quando farai il curriculum evita di dire "licenziato per pigrizia" :D

FALLEN_ANGEL_664
17-01-2006, 01.59.48
Ma se una volta se ti licenziavano per "rendimento insufficiente" te lo scrivevano sul libretto del lavoro ed eri segnato per tutta la vita, oggi, che non esiste il libretto del lavoro, esiste comunque un qualcosa di simile?

Le ricevute di pagamento per le sedute antistress. :teach:

Se non sono abbastanza, vuol dire che non facevi niente. :sisi:

Attendendo nell'ombra,
FALLEN ANGEL 664

Mr.Doctor
17-01-2006, 02.07.40
L'ufficio di collocamento in senso lato non esiste più, ora con la riforma lo hanno chiamato nonsocomecazzosichiama....



centro per l'impiego....? :mumble:

Peter Pan
17-01-2006, 02.26.04
Se non sono abbastanza, vuol dire che non facevi niente.



Ad un colloquio di lavoro si presentano tre uomini.
Entra il primo e l'esaminatore gli pone una domanda:

-"Lei, sa contare?"
e il tipo comincia
-"Certo! 1... 3... 5... 7... 9"
L'esaminatore stupito gli chiede come mai conta così... e il candidato si giustifica così:
-E io purtroppo ho lavorato trent'anni alle Poste come portalettere... ed avevo il lato sinistro della strada, quindi, ormai per deformazione professionale conosco solo questi numeri...
E l'esaminatore, preso atto della situazione, lo congeda con la solita frase:
-"Va bene, va bene... le faremo sapere... Avanti un altro"
Si presenta il secondo candidato, e anche a questi viene chiesto di contare... e lui:
-"Allora.... 2... 4... 6... 8... 10...
L'esaminatore sconvolto ferma anche questo e chiede spiegazioni:
-Anche io purtroppo ho lavorato trent'anni alle Poste come portalettere... - spiega il candidato - ero il collega di quello di prima... ma io avevo il lato destro della strada, e quindi...
-"Ho capito tutto!" - fa l'esaminatore - "Avanti il prossimo!"

Si presenta il terzo candidato... l'esaminatore gli pone la stessa domanda:
-"Avanti... lei almeno sà contare?"
E quello:
-"Ma certo, che domande! Allora... 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, Fante, Donna, Re e Asso!"
-"Ma dov'è che lavorava lei?!?" chiede l'esaminatore sconvolto. E il tizio:
-"Alla Regione!"