PDA

Visualizza versione completa : Investo la donna e Scappo?! [LegaL inside]



Di0
10-01-2006, 16.48.28
Salve ragazzi.
Vi chiedo un paio di consigli a nome di un mio amico.

Un mesetto fa, questa mia carissima amicizia si è visto recapitare a casa una lettera da un qualche studio avvocatizio dicendo che, secondo alcuni testimoni, aveva urtato delle macchine, creando un incidente a catena, e dopo il fatto era scappato senza fermarsi.
Quindi è stato invitato a prendersi le proprie responsabilità economiche, altrimenti si sarebbe proceduto "per vie giuridiche".
Ora, naturalmente il mio amico è completamente estraneo al fatto (per di più era in America, ma vabbè...).
Dopo un certo periodo gli è addirittura arrivata una lettera dallo stesso studio dicendo che c'erano dei testimoni che hanno "riconosciuto la sua macchina" e anche diversi feriti.

Ovviamente è una truffa o qualcosa di simile.
Qual è la cosa migliore che gli conviene fare?
Io gli ho consigliato di rispondere alla lettera nella maniera seguente:
"Se ci sono dei feriti, tutti i rilievi e la raccolta delle deposizioni dei testimoni devono per legge essere effettuate dai Carabinieri o dalla Polizia stradale, per cui, egregi, andate a farvi fottere. Se volete procedere per vie giuridiche fate pure, sarà con gioia che vi vedrò pagare le spese processuali. Distinti saluti, XXXXXXX"

Voi che fareste?

Peter Pan
10-01-2006, 16.52.23
Se la lettera è raccomandata con ricevuta di ritorno, sporgere querela ai Carabinieri.
Ci si premunisce da ogni conseguenza legale.

Altrimenti strusciarsi il culo perché tanto se non ci sono proe, nessuno può agire contro. Tantomeno con un alibi come quello della non presenza sul suolo italiano...

shottolo
10-01-2006, 16.53.32
polizia no eh? se è sicuro di essere estraneo ai fatti non ha niente da perdere

Di0
10-01-2006, 16.57.14
Ok. Mi sembra la cosa migliore.
In realtà l'alibi non è totalmente scagionante, perché lui era in america ma restavano a casa la madre e il madre, i quali comunque, non ne sanno nulla.

Gli dirò di presentare esposto ai carabinieri e di rispondere alla lettera nella seguente maniera:
"Non si preoccupi, se desidera procedere per vie legali, per risparmiarvi il disturbo ho già pensato io ad avvertire i Carabinieri delle vostre intenzioni."

shottolo
10-01-2006, 16.59.05
fossi in lui non risponderei nemmeno a loro
ci penseranno i carabinieri

Peter Pan
10-01-2006, 17.01.32
Due cose:


restavano a casa la madre e il madre

Il tu amico è figlio di una coppia gay? :mumble:


rispondere alla lettera


Evita qualunque azione diretta. Potresti passare dalla parte del torto. Soprattutto perché possono dire che quella lettera loro non l'hanno mai mandata e che invece sei tu a minacciare loro.

Ogni azione và poinderata da un legale, e qualunque lettera o azione del genere và perpetrata per mano di un rappresentante di ufficio legale.
È come si suol dire, quando si hanno notizie dal proprio avvocato. ;)

Di0
10-01-2006, 17.05.10
Due cose:
Il tu amico è figlio di una coppia gay? :mumble:


:roll3 :roll3: :roll3:
Che svistona :roll3: sto ancora rollando (chi mi tiene compagnia... no woman no cryyy).
Comunque, la risposta è no :ihih:



Evita qualunque azione diretta. Potresti passare dalla parte del torto. Soprattutto perché possono dire che quella lettera loro non l'hanno mai mandata e che invece sei tu a minacciare loro.


Ok, hai ragione. Gli dico di rivolgersi ai carabinieri e lasciare perdere il resto. :birra: E' la cosa più sensata, peccato solo perché mi piaceva l'idea di rispondere "a tono" era mia e mi piaceva.

Peter Pan
10-01-2006, 17.06.23
sto ancora rollando (chi mi tiene compagnia... no woman no cryyy).



Io direi che Dio è bello che andato :sisi: