PDA

Visualizza versione completa : Hate and Fear - Io...sono...Leggenda...



djpitt
18-12-2005, 03.09.17
Mai pensato di essere l'unico nel vostro genere?

Ok, ok, ogni uomo/donna è diverso nella sua unicità e balle e stronzate filosofiche varie e variegate, ma...Avete mai pensato di essere il solo? L'unico, l'ultimo essere sulla terra che pensa, agisce e si comporta in base ad uno "standard" dettato da una sorta di DNA della specie...Unico (e quindi solo) in un mondo di uguali e diversi. E odiate. Odiate non tanto e non chi è diverso, odiate il vostro essere diverso in mezzo agli uguali. E avete paura. Paura che il branco vi azzanni da un momento all'altro, sopraffacendovi. E tutto questo vi tiene vivo, vigile. L'adrenalina che scorre a fiumi 24 ore al giorno insieme al nodo che avete nello stomaco sono i sintomi fisici del vostro istinto di conservazione che vi guida nella "giungla" di tutti i giorni. Il fiele che vi scorre nelle vene è un fuoco, da cui traete forza, idee e voglia per continuare. Un fuoco che sapete ormai controllare, un fuoco che coltivate e non vi brucerà. E andate avanti. Potete solo andare avanti. Fino in fondo.

Mai pensato eh?

Manie di persecuzione? Non credo. Delusioni? A pacchi, ma non coglie il bersaglio neanche questo. A voi quindi, se volete.

Patcha
18-12-2005, 03.27.28
Mai pensato di essere l'unico nel vostro genere?
Non lo penso... lo sono. :sisi:

(ok, ammetto che non ho letto neanche un'altra frase di sto topic... è notte ed ho sonno... :asd:)

Peter Pan
18-12-2005, 03.39.42
Ma vuoi una risposta filosofica o una risposta psichiatrico-antropologica? :mumble:


...e se invece fosse una partita a Risiko? http://forum.egcommunity.it/images/icons/carrorosso.gifhttp://forum.egcommunity.it/images/icons/carroblu.gifhttp://forum.egcommunity.it/images/icons/carrogiallo.gifhttp://forum.egcommunity.it/images/icons/carroviola.gifhttp://forum.egcommunity.it/images/icons/carronero.gifhttp://forum.egcommunity.it/images/icons/carroverde.gif

TrustNoOne
18-12-2005, 04.21.00
Ma vuoi una risposta filosofica o una risposta psichiatrico-antropologica? :mumble:


...e se invece fosse una partita a Risiko? http://forum.egcommunity.it/images/icons/carrorosso.gifhttp://forum.egcommunity.it/images/icons/carroblu.gifhttp://forum.egcommunity.it/images/icons/carrogiallo.gifhttp://forum.egcommunity.it/images/icons/carroviola.gifhttp://forum.egcommunity.it/images/icons/carronero.gifhttp://forum.egcommunity.it/images/icons/carroverde.gif


No, vuole la mazza epica da priest

funazza
18-12-2005, 04.32.29
il fatto che lo pensiamo in molti già non ci distingue più di tanto...

Peter Pan
18-12-2005, 04.42.33
No, vuole la mazza epica da priest

Ah... e se fosse quella di Rocco? :ihih:

http://www.kataweb.it/speciali/images/blog/rocco.jpg





Comunque... Dj... si chiama paranoia. Attento che è l'anticamera della schizofrenia... se vuoi posso darti l'indirizzo di uno bravo (http://www.siffredi.net/)...

TrustNoOne
18-12-2005, 04.45.41
btw quello che dici nat mi sembra una cosa ovvia, una di quelle cose che pensa qualunque essere umano con un po' di cervello.
E te lo dico io che da un po' ormai ho smesso di discutere con chiunque perche' praticamente nessuno capisce la mia posizione. Vivi e lascia vivere, e gioca di meno a wow :asd:

Peter Pan
18-12-2005, 04.51.35
nessuno capisce la mia posizione.


Stai tranquillo. Rocco può aiutare anche te. Rocco capisce tutte le posizioni. Anche la tua. E con la sua esperienza, saprà trovare una soluzione anche per la tua posizione... sai... lui è uno molto versatile, con una capacità di adattamento impressionanti... e vedrai come anche tu poi sarai impressionante dopo che ti si sarà adattato a lui...


Pitt... e se fosse solo un momento di stanchezza? La stanchezza (non parlo di quella fisica) molto spesso gioca brutti scherzi. Ti fa dimenticare gli obiettivi e le aspirazioni... e quando siamo senza motivazioni... abbiamo smesso di vivere. Ma non siamo ancora morti. Ed ecco che ci agitiamo come quei vermi che trovi dentro una noce quando l'hai aperta...


Est Deus in nobis, agitante calescimus illo

Hob Gadling
18-12-2005, 09.16.23
btw quello che dici nat:mumble:

Fabio
18-12-2005, 09.29.45
Mai pensato di essere l'unico nel vostro genere?

Sinceramente? Sì, abbastanza, ed è questo che mi dà la forza di andare avanti.

Mr.Doctor
18-12-2005, 09.32.55
penso di essere unico ma lo pensano praticamente tutti quelli che conosco

funazza
18-12-2005, 09.34.31
l fatto che lo pensiamo in molti già non ci distingue più di tanto...
penso di essere unico ma lo pensano praticamente tutti quelli che conosco
infatti

Eowyn.
18-12-2005, 09.56.26
No, vuole la mazza epica da priest ... btw quello che dici nat ... Vivi e lascia vivere, e gioca di meno a wow :asd: @djPITT. Certo che siamo unici, ma non sono convinta che tutti lo pensino (come detto ad esempio di Doctor).La consapevolezza non è alla portata di tutti

funazza
18-12-2005, 09.58.21
la consapevolezza sì, la facoltà di rendersi conto di ciò che essa comporta, ecco, quello no.

Eowyn.
18-12-2005, 09.59.46
Volevo dire la consapevolezza di ciò che comporta o, se vogliamo, di quanto sia importante la nostra unicità.

funazza
18-12-2005, 10.06.35
è innegabile che ognuno sia diverso dall'altro. nonostante ciò temiamo che così non sia. è strano, sappiamo di essere il derivato delle nostre esperienze personali ed irripetibili, ma abbiamo comunque paura di omologarci con un indefinibile enorme entità organica composta di persone che non hanno,appunto,consapevolezza della propria originalità.

bejita
18-12-2005, 11.04.47
:mumble:

ha sbagliato dj :asd: si sa per trust i suonatori di discoteca son tutti uguali :roll3:

Akujin
18-12-2005, 11.59.44
Mai pensato di essere l'unico nel vostro genere?
Mai pensato eh?

Manie di persecuzione? Non credo. Delusioni? A pacchi, ma non coglie il bersaglio neanche questo. A voi quindi, se volete.

lo penso ogni giorno che passa. Lo penso in questo esatto momento. Non è una mania di persecuzione. Ma penso che buona parte del merito sia delle delusioni. Ne ricevo spesso a caterbe, e ogni volta mi fanno pensare a quanto io sia diverso da poter ricevere determinate delusioni. Questo mi rende molto triste.

funazza
18-12-2005, 12.05.52
Questo mi rende molto triste.
rende tristi tutti l'idea di essere perseguitati dalle delusioni. credo valga per chiunque

Khorne
18-12-2005, 12.11.08
È un pensiero che hanno tutti. L'avevo pure io. Poi ho capito di essere uguale a millemila altri che si credono diversi, e mi sono rassegnato :D

funazza
18-12-2005, 12.15.09
non è questione di rassegnarsi, anzi. rendersi conto di non essere soli ci rende un po' più forti, no? cioè, SIAMO soli. ma nella nostra inevitabile solitudine ci rendiamo conto che molte cose le possiamo condividere, proprio perché altri soffrono delle nostre stesse ferite. banalizzando si potrebbe dire mal comune mezzo gaudio, ed in effetti è un po'così, non credete?

fppiccolo
18-12-2005, 12.17.07
sò di essere diverso dagli altri per la mia anticonformalità e non me ne dispiace affatto anzi

.Imrahil
18-12-2005, 12.17.16
Pitt che apre un thread sul Blah Blah? :D Che evento! :p

Btw: Sì, lo sento spesso... non è una bella cosa.

azanoth
18-12-2005, 12.18.41
boh,io sono normalissimo,gli unici nel proprio genere sono pochissimi...come disse Zavattini alla morte di Pasolini "in un secolo,per bene che ci vada,possiamo avere la fortuna di veder sorgere cinque o sei poeti".
:birra:

funazza
18-12-2005, 12.20.21
boh,io sono normalissimo,gli unici nel proprio genere sono pochissimi...come disse Zavattini alla morte di Pasolini "in un secolo,per bene che ci vada,possiamo avere la fortuna di veder sorgere cinque o sei poeti".
se fossimo tutti speciali non lo sarebbe più nessuno

stan
18-12-2005, 14.01.19
Bene o male credo che sia così per tutti...anche io mi sento diverso dagli altri, vuoi per interessi differenti o che altro, ma non mi sento minacciato anzi mi sento deluso perchè non riesco a trovare qualcuno con cui parlare veramente ed è perchè c'è una paura, c'è la paura di mostrarsi come si è in realtà. Ad esempio sul forum il dialogo è più facile perchè ,almeno io, tendo ad essere molto più disinvolto che nella vita reale.

Penso sia proprio questo che ci rende "umani", altrimenti saremmo solo dei noiosi esseri tutti uguali ed è forse questo mio pensiero che mi porta ad essere un po' anti-conformista.

funazza
18-12-2005, 14.04.20
Ad esempio sul forum il dialogo è più facile perchè ,almeno io, tendo ad essere molto più disinvolto che nella vita reale. nella vita reale è difficile cammuffarsi. sul forum si porta una maschera, non si ha nulla da perdere. è questo il bello, è questo che ci rende spontanei e capaci di dire cose che normalmente non diremmo mai.

stan
18-12-2005, 14.22.15
nella vita reale è difficile cammuffarsi. sul forum si porta una maschera, non si ha nulla da perdere. è questo il bello, è questo che ci rende spontanei e capaci di dire cose che normalmente non diremmo mai.

Ehm...io penso l'esatto contrario...:dentone:

:asd:

Anche se è vero che sul forum non si ha niente da perdere ed è proprio per questo imho che non si portano maschere.

funazza
18-12-2005, 14.29.38
secondo me sui forum o comunque in ogni tipo di comunicazione mediata la sensazione di "pericolo" è molto minore, in quanto non siamo costretti a rapportarci direttamente con nessuno.e quindi ci sentiamo più liberi di dire/fare ciò che vogliamo. nella realtà, invece siamo costretti a cambiare sfumature della nostra persona in base a chi abbiamo davanti. siamo sempre diversi. nella comunicazione mediata la mascherà c'è già, è onniscente, è lo schermo del computer, la tastiera, il nostro avatar. per me è difficile pensarvi come persone reali, siete più delle idee, delle sensazioni, delle opinioni collegate ad un nickname. non siete davvero persone. quindi non parlo (scrivo) come farei nella realtà. è pìù facile sotto certi punti di vista, più comodo. magari anche più soddisfacente. molte volte le situazioni "virtuali" sono meglio della realtà oggettiva (per questo amo i videogiochi, soprattutto quelli on-line, pur non giocandoci)

stan
18-12-2005, 14.34.34
... per me è difficile pensarvi come persone reali, siete più delle idee, delle sensazioni, delle opinioni collegate ad un nickname. non siete davvero persone. quindi non parlo (scrivo) come farei nella realtà. è pìù facile sotto certi punti di vista, più comodo. magari anche più soddisfacente. molte volte le situazioni "virtuali" sono meglio della realtà oggettiva (per questo amo i videogiochi, soprattutto quelli on-line, pur non giocandoci)

Su questo sono d'accordo anche io (e anche a me piacciono i videogiochi..;)). Se ci pensi è un pochino "triste" che il nostro vero io non riesca a sbucare fuori nella vita reale.

funazza
18-12-2005, 14.36.11
Se ci pensi è un pochino "triste" che il nostro vero io non riesca a sbucare fuori nella vita reale. già..per questo non siamo in grado di conoscere nessuno fino in fondo, né di aprirci completamente. c'è sempre un limite invalicabile che ci fotte.

Alceo
18-12-2005, 14.51.42
djpitt, mi hai ricordato una frase di Bellow :)

"Quando un individuo fa classe a sè, non potete pretendere che egli sia razionale. Lo so per eseprienza razionale giacché sono l'unico rappresentante di una certa classe."

Penso che il sentirsi "speciali" sia una naturale conseguenza del nostro essere distinti dagli altri. Percepiamo il mondo in base al nostro io e quindi distinguiamo tra noi e tutti gli altri. Distinzione che è anche alla base del nostro sentirsi soli: per quanto facciamo di tutto per ignorarlo con il nostro comportamento sociale lo saremo sempre biologicamente.

Ciascuno è speciale per se stesso, e in effetti da questo punto di vista lo siamo sicuramente, ma la cosa frega a ben pochi.

Akujin
18-12-2005, 15.03.58
rende tristi tutti l'idea di essere perseguitati dalle delusioni. credo valga per chiunque
non mi sento triste per le delusioni. Mi sento triste perchè mi accorgo che molto spesso il mondo gira in senso contrario al mio modo di essere.

funazza
18-12-2005, 15.06.39
non mi sento triste per le delusioni. Mi sento triste perchè mi accorgo che molto spesso il mondo gira in senso contrario al mio modo di essere. ma chi può vantarsi del contrario?

Akujin
18-12-2005, 15.16.51
in molti credo :asd:
probabilmente ora non he ne le forze ne le capacità, ma sono dell'idea che se il mondo non gira nel tuo senso, puoi farlo girare a forza :D

funazza
18-12-2005, 15.18.57
probabilmente ora non he ne le forze ne le capacità, ma sono dell'idea che se il mondo non gira nel tuo senso, puoi farlo girare a forza fammi un fischio quando hai capito il trucco. non vale cercare su gugle

Akujin
18-12-2005, 15.53.56
stai certo che se lo scopro mica ve lo dico... dopo la fatica che avrò fatto.... :asd:

funazza
18-12-2005, 15.55.48
stai certo che se lo scopro mica ve lo dico... dopo la fatica che avrò fatto.... antipatico

Akujin
18-12-2005, 16.23.07
l'hai voluto tu :sisi:

funazza
18-12-2005, 16.24.16
:smack::asd:

Brus
18-12-2005, 17.40.42
E tutto questo vi tiene vivo, vigile. L'adrenalina che scorre a fiumi 24 ore al giorno insieme al nodo che avete nello stomaco sono i sintomi fisici del vostro istinto di conservazione che vi guida nella "giungla" di tutti i giorni. Il fiele che vi scorre nelle vene è un fuoco, da cui traete forza, idee e voglia per continuare. Un fuoco che sapete ormai controllare, un fuoco che coltivate e non vi brucerà. E andate avanti. Potete solo andare avanti. Fino in fondo.


Ho sempre pensato (e lo penso tutt'ora) di essere unico, e la maggior parte di questa unicità è dovuta ai difetti. Al contrario di te, questa diversità non mi spinge a restar vigile ecc, ma a isolarmi e nascondere la mia vera "natura". Secondo me, cmq, tutti pensando che sono unici, in un modo o nell'altro, a seconda della propria autostima. Poi, la realtà dal pensiero è ben diversa, chiaramente

funker
18-12-2005, 17.51.35
:nono:

Ti senti unico. Ti senti speciale. Ti senti una marcia in più.
Se nessuno avvertisse queste sensazioni non ci sarebbero guerra, agonismo, odio, frustrazione, felicità e sofferenza. Potrei parlarti per ore della psiche umana senza cavare un ragno da buco, quello che semplicemente devi capire è.. che sei solo un minuscolo ammasso di carne e sangue in questo infinito cosmo, nessuno sa perchè sei qua e nessuno sa perchè te ne andrai. Per questo devi stringere a te quella sensazione, se vuoi rimanere forte e a testa alta per galleggiare in questo confuso mare di idiozie.

Sei speciale, come tutti.. :asd:

Iomla_Warrior
18-12-2005, 19.50.30
io non odio il mio "essere diverso" dagli altri anzi, mi fa sentire bene, mi fa sentire diverso e migliore dalla massa, dagli automi che sbavano su soldi e sulla futile e farlocca apparenza, mi fa sentire me stesso, mi fa sentire vivo.
A volte è bello mescolarsi nella folla, dove ti puoi nascondere meglio che in una grotta, standotene trasparente lì in mezzo avvolto nel tuo guscio, dove nessuno per quanto ricco o potente può trovarti, e da dove puoi osservare il vero io delle persone tralasciando alle spalle la fugacità della carne, per scoprire qualcosa di più bello, vivido, duraturo.

Phoenix_CH
18-12-2005, 20.09.35
io sono felice che gli altri sono diversi da me se no a quest'ora non saremmo qui a parlare...... e io non roverei cosi facilmente le magliettine di D&G e i Maron Glaces della motta :asd:

ding
18-12-2005, 20.19.03
essere unico nel mio genere? boh. forse l'ho pensato. ultimamente ho avuto la certezza di non esserlo, grazie a dio. peccato (forse, ma anche no. vedremo..) che ho trovato la cosa nella persona "sbagliata".
Sicuramente essere come sono mi fa molto molto molto spesso incazzare, soffrire, subire, e essere un minchione cazzaro e fancazzista. mi odio? sì. abbastanza. odio il mio essere così.. poi però vedo le conseguenze, ed è proprio il mio essere in questo modo che mi fa esser "contento" di esserlo.
Delusioni? tante. manie di persecuzione? boh.. può essere. come minimo manie autolesionistiche, più che di persecuzione.
riguardo al resto, all'adrenalina, alla giungla.. beh.. sì. sempre. tutti i giorni. vivo in un mondo che non ritengo mio. in un posto che vedo alieno. vivo lontano dalle persone che ritengo la mia famiglia più di quanto ritenga tale i miei consaguinei. questo fa male. vivo conscio che il posto dove sono non è fatto per me, e tutto ciò che faccio e posso fare in questo posto non sia da me. probabilmente è per questo che, alla fine, non faccio nulla. ultimamente sono stato "svegliato" da alcune persone, ed è probabile che, forse, riesca a trovare pure un posto che mi appartiene in questi luoghi ed in questo tempo.. posto piccolo, però. insignificante. il mio posto è altrove, a fare altro. quel che mi tiene bloccato qua, alla fine, è soltanto l'impossibilità di fare altro dettato da dei blocchi fisicopolitici moderni e stupidi, e anche la paura di perdere delle persone care, che magari soffrirebbero pure un po' a non avermi più tra i piedi..

basta. ho finito i discorsi seri per stasera, tra questo e un'altra cosa. posso tornare ad essere il cazzaro fancazzista di sempre, reprimere queste mie paure, queste certezze, questi dubbi, e, prima di tornare a fare non so cosa, concludere il post con un una cosa sdrammatizzante tipo.. mmh.. sì, tipo:


:asd: . ci sta sempre bene.

funazza
18-12-2005, 20.24.04
l'insoddisfazione è inevitabile. ricordate cosa diceva schopenhauer?

funazza
19-12-2005, 12.05.29
zittiti tutti......

Alceo
19-12-2005, 12.58.41
zittiti tutti......

Credo che molti non ricordano, schopenhauer lo hanno bannato dal forum quasi un anno e mezzo fa (per un flame con Fichte mi pare).

ding
19-12-2005, 13.28.54
zittiti tutti...... chi aveva da parlare ha detto.

Akujin
19-12-2005, 13.35.16
Credo che molti non ricordano, schopenhauer lo hanno bannato dal forum quasi un anno e mezzo fa (per un flame con Fichte mi pare).
in compenso, di morte.anale se ne ricordano tutti :D

azanoth
19-12-2005, 13.46.01
Credo che molti non ricordano, schopenhauer lo hanno bannato dal forum quasi un anno e mezzo fa (per un flame con Fichte mi pare).

http://james45.interfree.it/asdrotfl.gif

djpitt
19-12-2005, 23.42.09
Riesumo il topic visto che ho potuto leggere solo ora le vostre risposte.

Innanzitutto vi ringrazio: non sono l'unico disturbato mentale qui dentro, e fa piacere anche che ci sia qualcuno che non lo sia (Reverendo :hail: ) :D

Tornando seri: quando parlavo di "specialità" non parlavo per forza di qualcosa di positivo (vedi post di Brus). Intendevo una "diversità" dalla massa, che poi ci porti ad essere considerati (o meglio, a considerarci) migliori o peggiori di altri questo non importa poi tanto, perchè sempre davanti a una "lotta" (anche solo interiore) ci porta...Io (e sottolineo io), reagisco come descritto (odio e paura) e prendo a testate i muri pur di farcela, non per tutti è così e lo posso capire. More info needed btw...

@ ding: che dire? Hang on, baby :)