PDA

Visualizza versione completa : Epic of War



BESTIA_kPk
11-12-2005, 00.08.45
" ... i morti è meglio che non vedano
quel che son capaci di fare i vivi e
la strada storta che sta prendendo il mondo,
... è meglio che non si accorgano nemmeno
che noi siamo diventati così poveri e
tanto miseri che non siamo capaci
di volerci bene ...... no, è meglio che i morti
stiano nella neve e nel ghiaccio
e che non sappiano di noi, altrimenti
potrebbero pensare di essere morti invano
ed allora si sentirebbero ancora più soli... "

Gian Maria Bonaldi
(combattente in Adamello)

Link:
http://www.parcoadamello.it/territorio/guerrabianca.htm
http://www.museoguerrabianca.it/guerrait.html
http://www.museoguerrabianca.it/ptc/indexptcit.html

Un pezzetto:

La battaglia divenne in breve una tragica e inutile carneficina per i nostri reparti sciatori in tuta mimetica e per le due compagnie del battaglione "Val d'Intelvi" che furono lanciate all'assalto, in divisa grigioverde, sull'immacolato candore del ghiacciaio.

Inviati con la mimetica griogioverde, su un ghiacciaio?
Quale mente IDIOTA può concepire una simile idiozia? :/

war, welcome to
war, the garden of
war, can you smell
war, can you taste
hate, no release from
hate, psychological
hate, can you tolerate
hate

look at the devastation,
fear of annihilation happening right before
my eyes
now that the end is near,
tell me what i'm doing here,
looking for answers from the divine

flesh, welcome to
flesh, the garden of
flesh, can you smell
flesh, can you taste
blood, welcome to
blood, the garden of
blood, can you taste
blood

i don't want to kill anymore, i won't kill

the sky above is raining red from a
hundred thousand dead
but the general wants a hundred thousand more
move out and take that hill, the order is to
maim and kill
it's time for us to even up the score

as i race into the fire, i have only one
desire
let me see the light, another day
bombs bursting all around, shell-shocked
as i hit the ground
i struggle to my knees and start to pray

can't tell if my brother's breathing, and i
just can't stop the bleeding

i am my mothers' only son

torture, welcome to the
torture, the garden of
torture, can you smell
torture, can you taste
pain, no release from
pain, psychological
pain, can you tolerate
pain

Song degli Annihilator, dall'album Carnival Diablos [2001].

E' l'accompagnamento musicale per molte operazioni -insensate- di guerra.
Morti per la patria?

Alceo
11-12-2005, 01.05.10
Il primo mese di militare lo si passa marciando e cantando.
Molte delle canzoni sono un inno alla morte degli stessi cantanti, che marciando ripetono mille volte la promessa di morire per la patria e salire nel cielo degli eroi, né più né meno di quei kamikaze che però consideriamo folli.

La cosa divertente è che il motivo di molte canzoni è impiegato da eserciti diversi: cambiano le parole ma la musica è la stessa. Ci si spara contro quando già si potrebbe cantare assieme.

Di0
11-12-2005, 01.06.57
il Generale Caster diceva:
"Lo scopo della guerra non è morire per il proprio Paese, è far morire altri bastardi per il proprio Paese".

La trovo un po' meno retorica, come idea.

Kondur
11-12-2005, 02.08.25
il Generale Caster diceva:
"Lo scopo della guerra non è morire per il proprio Paese, è far morire altri bastardi per il proprio Paese".

La trovo un po' meno retorica, come idea.

Mage o Warlock? :asd: :asd:
Lo so, WoW fa male :D

shottolo
11-12-2005, 11.17.43
forse piccolo OT: se vi capita di transitare dal Passo di Falzarego (tra Corvara e Cortina) fermatevi a fare due cose.
La prima, per tutti, è quella di andare a vedere il museo della prima guerra mondiale... sono ancora molto colpito dalla visita, c'è tutta l'attrezzatura che hanno trovato nei ditorni... assurdo.
la seconda è per chi ha voglia di camminare in discesa un paio di ore: prendete la cabinovia che porta in cima al Piccolo Lagazuoi e ripercorrete la galleria (serie di gallerie) che è stata scavata durante la prima guerra mondiale dagli italiani... non capirete il perché, poi informatevi sull'assurdità della guerra in quella zona.

EDIT: dimenticavo, lì c'è pieno di bei monticelli... camminate e fatevi un pò di fiato ziocan :D

Phoenix_CH
11-12-2005, 12.58.47
il Generale Caster diceva:
"Lo scopo della guerra non è morire per il proprio Paese, è far morire altri bastardi per il proprio Paese".

La trovo un po' meno retorica, come idea.


scusa tanto, ma non era il Generale Patton a dirlo? :doubt:

Di0
11-12-2005, 15.19.34
sì.. insomma, uno di quelli lì!
Probabilmente Patton, sapete com'è: non ho una grande memoria con i nomi, ma il succo non cambia.
E poi Patton non se lo ricorda nessuna perché le sue battaglie finivano sempre in pari.

Ungern
11-12-2005, 16.29.19
[i]Inviati con la mimetica griogioverde, su un ghiacciaio?
Quale mente IDIOTA può concepire una simile idiozia? :/


Se un tratto comune può essere rinvenuto nelle diverse operazioni militari che segnarono la Prima Guerra Mondiale, questo è rappresentato dal totale disprezzo e dall'assoluta noncuranza dimostrata da politici e militari nei confronti delle sofferenze, spesso indicibili, cui erano sottoposti i milioni di uomini ai loro ordini. Contraddistinti da differenze di mentalità spesso minime, e comunque molto più ridotte di quanto si voglia far credere, generali come Luigi Cadorna, o Joseph Joffre, od Erich von Falkenhayn considerarono i soldati, gli uomini, come semplici numeri da immolare sull'altare di una improbabile vittoria, insensibili a quell'inutile strage spesso favorita da piani assurdi ed insensati. Come rilevò B. H. Liddell Hart a pochi anni dalla fine del conflitto, "la guerra [...] ha distrutto in noi la fede negli idoli, la tendenza al culto degli eroi, la convizione che i grandi uomini siano fatti di una creta diversa da quella dei comuni mortali".

Heavymetaller
11-12-2005, 17.10.44
A parte che era CUSTER e non c'entrava nulla con Patton... Ma poi Patton lo conoscon tutti, che stai dicendo?

Wyrmslayer
11-12-2005, 19.23.26
A parte che era CUSTER e non c'entrava nulla con Patton... Ma poi Patton lo conoscon tutti, che stai dicendo?


Forse, e dico forse eh, stava facendo una battuta :D

Di0
11-12-2005, 19.29.04
Forse, e dico forse eh, stava facendo una battuta :D

mah... forse..... sai com'è... o forse no? :sisi:

Oppure Patton era quello famoso perché in alta uniforme aveva sempre la ZIP dei pantaloni aperta? :sisi:







:asd:

Phoenix_CH
11-12-2005, 19.51.14
A parte che era CUSTER e non c'entrava nulla con Patton... Ma poi Patton lo conoscon tutti, che stai dicendo?



PATTON ....Custer gli faceva na sega a GP :teach:


http://www.carraronan.org/guerra.htm :hello:

Heavymetaller
11-12-2005, 20.08.27
Oh dio ma la battuta dove sta? :asd: o_O Non ne ho colto il nesso...

Wyrmslayer
11-12-2005, 21.50.14
pari <-> patta


Edit: lul wilson solo tu potevi mettere in avatar il logo di una logistica :roll3:

:p (http://www.armee.vbs.admin.ch/internet/armee/it/home/gebinfbr9/organisation/battaglione0.Par.0001.Image.direct.gif/image5.jpg)

Phoenix_CH
11-12-2005, 21.53.18
pari <-> patta


invece di fare battute di basso livello spiegami le equazioni trigonometriche che domani ho un test e non so da che parte cominciare.... :mecry: :asd:

Di0
12-12-2005, 02.25.35
invece di fare battute di basso livello spiegami le equazioni trigonometriche che domani ho un test e non so da che parte cominciare.... :mecry: :asd:

quelle te le potrei spiegare anche bendato, legato e ubriaco. Vedi tu...

Piuttosto, tornando al discorso.
Il pensiero di Q mi sembra esemplare.
Diciamo che non sono gli uomini a morire per la patria, ma i burattinai che tessono le fila a voler che loro muoiano per la patria.
Resto però della mia idea: e cioè che "la morte per la patria" sia solo un discorso retorico.