PDA

Visualizza versione completa : Aiuto: Problema serio



PeppeBlackKravitz
29-11-2005, 08.18.38
Secondo voi quando si sta con una ragazza e quest'ultima dice di amarvi ma poi scoprite che pensa nella sua mente a qualcun'altro o al suo "coso" e dice di non volervo, è amore? è bugia?
Vi spiego, un mio amico sta entrando in depressione per questo motivo e non so come aiutarlo, cosa dire e cosa fare. La cosa + brutta è che stanno pure lontani per il momento, lui vorrebbe delle rassicurazione che lei non da. Lei dice che sono dei pensieri che lei non vuole e che non accetta ma le vengono in mente. Cosa vuol dire cio? è possibile che lei sia in piena crisi e non vuole realmente queste cose che però le vengono in mente?
Lui soffre come n dannato perchè si è prodigato per lei sempre ed ha cercato nei limite delle sue possibilità ad accontentarla, senza mai chiedere nulla in cambio. Da quando è partito sono sorti i problemi. Lui sta veramente male perchè è un ragazzo pieno di vita, ma in questo momento è come se fosse morto dentro, perchè non riesce e credo sia giusto ad accettare ciò. Ora mi chiedo perchè la vita riserva tutto questo male, tutti questi dolori? aiutatemi, perchè sto cercando di risollevare questo mio amico al quale tengo come un fratello. Grazie intanto e spero che accoglierete il mio invito, si tratta di una cosa seria, perchè sta cadendo in una sorta di depressione. :mecry: :mecry:

azanoth
29-11-2005, 09.40.21
Fratello,sono fermamente convinto che le attrazioni,le relazioni che funzionano,siano spontanee e tutto al loro interno si muova con armonica spontaneità...può darsi che la ragazza si senta insicura,provenga da una forma mentis sbagliata,può darsi che la coppia semplicemente non funzioni,inutile cercare il percome e perchè,semplicemente non c'è il magico accordo...posso solo consigliare l'avvio di un dialogo franco e spassionato tra le due parti,se son rose fioriranno,ma tieni sempre da conto,che non tutta la frutta matura al tempo dell'uva.
:birra:

PeppeBlackKravitz
29-11-2005, 10.02.59
Che vuol dire che non tutta la frutta matura al tempo dell'uva? che lei forse non è ancora cresciuta?
Comunque penso che non sia giusto, lui la vorrebbe lasciare ma non ce la fa. Troppo forte è l'amore per lei, mai avevo visto un ragazzo fare cosi, piangere come ha pianto lui, soffrire come sta soffrendo lui, disperarsi come si sta disperando lui, e non è giusto, perchè ben lei abbia insicurezza non può agire in questa maniera e fare cosi tanto male un male che solo io posso capire perchè sono io che lo sto subendo, sono io e nessun amico, e mi vergogno a dirlo, perchè è facile dire mandala a quel paese, ma quando tu sin dal primo momento hai creduto in quel dannato rapporto in quella sincerità in quegli ochhi, in quel diario che scriviamo in tutte le promesse che si siamo fatti non credi più a nulla perdi la fiducia verso te stesso verso la vita verso tutto e tutti perchè sono solo tutti falsi ipocriti e bugiardi. Per lei ho rinunciato ad una ragazza che voleva me in maniera disperata e l'ho sempre detto, ma come può farmi cosi male da tranciare il mio cuore e la mia anima in due di netto? aiutatemi vi prego ne ho bisnogno...

azanoth
29-11-2005, 10.14.28
In una sola frase:"l'amore tra due persone deve portare pace e sorrisi"...logicamente nella giusta media dei momenti lieti e meno lieti,ma così alle volte non va...vedi,troppo spesso in giovane età siamo portati a intraprendere relazioni ove scattino meccaniche avulse dalla semplicità dello stare insieme,si tende a sfogare e idealizzare sull'altro carenze o patemi che ci accompagnano dalla nascita,te lo dico per esperienza diretta,è molto semolice che scattino meccanismi di identificazione della figura dei genitori,la ricerca di certi conforti,il voler drenare sull'altro le proprie debolezze...è necessaria una profonda autoanalisi per capire,visto che,come ho premesso,una coppia con una buona base nasce con un avvicinamento spontaneo delle due parti a metà della strada.

PeppeBlackKravitz
29-11-2005, 10.18.13
ed io cosa posso fare? devo capire e dare fiducia?

azanoth
29-11-2005, 10.29.05
ed io cosa posso fare? devo capire e dare fiducia?

Sei già su una buona strada...il dialogo,pacato e sincero...non vorrei essere brutale ma,un'eiaculazione non è indicativa come l'espressione dell'Anima e dura una trentina di secondi...con la persona che ami rimangono da vivere 23:59:30 della giornata,periodo nel quale due cuori vivono di una sol'Anima che comunica pensieri ed emozioni...già che lei si confidi e cerchi il dialogo è una manifestazione d'affetto vero,sincero.

PeppeBlackKravitz
29-11-2005, 10.33.20
lei non mi fatto le corna perchè non esiste altrimenti l'avrei lasciati anche soffrendo, lei mi ha detto che non vuole questi pensieri e li caccia via me gli vengono in mente, cosa posso fare? aiutami please

azanoth
29-11-2005, 10.51.58
Te sei troppo agitato Fratello,abbiamo iniziato il discorso concordando che la calma ti dev'esser maestra,è l'elemento che funge a tutto,è lì che sorge il tuo problema fondamentale,l'aspetto di coppia è accessorio ad esso...e la tua mancanza di calma,di riflessione in fede,può diventare il problema più dannoso della tua Vita...prova a rileggere i tuoi interventi con un'ottica ragionata,vedi quanta convulsa ansia trasuda da essi?
In questo momento,imho,è l'aspetto che dovresti tenere in maggiore considerazione:te stesso,ciò che ti circonda e l'approccio che tendi ad avere,partendo per la tangente della disperazione e del dramma irreparabile,beh,tutto o quasi tutto è convertibile e riparabile in questo piano esistenziale,tranne la morte e il rimpianto per ciò che avresti potuto fare ed essere quando avesti la buona occasione...non perdere questo treno lasciandoti andare alle ombre che vogliono risucchiarti in altre direzioni,rifletti,il futuro è pieno di opportunità,la Vita è adesso,ma solo quello che coltivi rispettandone tempo e morfologia porta i raccolti che saziano e colmano un cuore arso.

Eurypotter
29-11-2005, 11.04.29
Alcune fantasie sono naturali e in un certo senso sane, forse causate da un po' d'insicurezza; il fatto che te ne parli è già una cosa positiva, significa che non sono intenzioni serie; forse cerca un po' di conforto da te. Discutine con lei con calma, riversarle addosso tutta questa ansia, in questo momento, potrebbe non essere la cosa migliore.

PeppeBlackKravitz
29-11-2005, 11.11.19
scusa mi spiace ma non riesco a tare calmo perchè il dolore è troppo forte e non auguro a nessuno di provare ciò, cmq non ho ben capito ciò che volevi dirmi. Le ho detto di dalre fiducia ma lei non ne vuole parlare di questa cosa ed io ho bisogno di rassicurazioni di "non accradrà mai più", ne ho bisogno come l'acqua che è vitale, ma perchè è successo? non me ne faccio una ragione, si sto lontano da lei ma cerco di essere sempre presente. So che c sono periodi in cui si ha bisogno di conforto, ma non c si deve lasciare abbattere dalla fragilità perchè bisogna ponderare il prorpio operato ed il male ed il dolore tremendo che questo possa causare. Non so cosa fare ma non voglio che finisca tutto cosi in tragedia, sto troppo male, per di più sono solo. Ancge lei mi manca ma non ho mai pensato a ciò che pensa lei; sono venute ragazze a chiedermi il numero di telefono ma non ne ho voluto sapere nulla perchè è lei la persona che amo e se la amo non le posso fare in alcun modo nessun male.

Alceo
29-11-2005, 11.15.09
lei non mi fatto le corna perchè non esiste altrimenti l'avrei lasciati anche soffrendo, lei mi ha detto che non vuole questi pensieri e li caccia via me gli vengono in mente, cosa posso fare? aiutami please

Se il problema è solamente quello descritto (e non ne nasconde altri) non mi pare che possiate fare niente direttamente. O speravi che qualcuno nel forum ti rispondesse dicendo "fagli un pediluvio con erba cipollina e vedrai che le passa tutto".
Se non riesci a lavorare direttamente sul problema cerca di rinforzare quello che già avete, la vostra complicità, i sentimenti tra voi. Non lasciarti trasportare dall'ansia e dalle preoccupazioni perché peggiorerebbero solo la situazione.
Falla sentire il più possibile serena, cercate di tranquillizzarvi a vicenda.

Quando vi sentirete più forti e più sicuri di voi stessi allora potrete affrontare il problema cercando di capirne le cause.

Eurypotter
29-11-2005, 11.18.26
scusa mi spiace ma non riesco a tare calmo perchè il dolore è troppo forte e non auguro a nessuno di provare ciò, cmq non ho ben capito ciò che volevi dirmi. Le ho detto di dalre fiducia ma lei non ne vuole parlare di questa cosa ed io ho bisogno di rassicurazioni di "non accradrà mai più", ne ho bisogno come l'acqua che è vitale, ma perchè è successo? non me ne faccio una ragione, si sto lontano da lei ma cerco di essere sempre presente. So che c sono periodi in cui si ha bisogno di conforto, ma non c si deve lasciare abbattere dalla fragilità perchè bisogna ponderare il prorpio operato ed il male ed il dolore tremendo che questo possa causare. Non so cosa fare ma non voglio che finisca tutto cosi in tragedia, sto troppo male, per di più sono solo. Ancge lei mi manca ma non ho mai pensato a ciò che pensa lei; sono venute ragazze a chiedermi il numero di telefono ma non ne ho voluto sapere nulla perchè è lei la persona che amo e se la amo non le posso fare in alcun modo nessun male.

Azanoth saprà risponterti meglio di me, incomincio a dirti la mia: disgraziatamente le fantasie sono cose istintive, non si può ponderarle, né rassicurare sul fatto che non torneranno più... Dovete discuterne per cercare di arrivare alla radice, e solo quando sarete abbastanza calmi da farlo sensatamente.

PeppeBlackKravitz
29-11-2005, 11.33.10
Se il problema è solamente quello descritto (e non ne nasconde altri) non mi pare che possiate fare niente direttamente. O speravi che qualcuno nel forum ti rispondesse dicendo "fagli un pediluvio con erba cipollina e vedrai che le passa tutto".
Se non riesci a lavorare direttamente sul problema cerca di rinforzare quello che già avete, la vostra complicità, i sentimenti tra voi. Non lasciarti trasportare dall'ansia e dalle preoccupazioni perché peggiorerebbero solo la situazione.
Falla sentire il più possibile serena, cercate di tranquillizzarvi a vicenda.

Quando vi sentirete più forti e più sicuri di voi stessi allora potrete affrontare il problema cercando di capirne le cause.

Grazie per il consiglio cercherò di seguirlo. Grazie veramente tanto.
Ho tanta, troppa paura dentro di me. Ma la depressione può portare a queste cose? se si cosa si deve fare?

azanoth
29-11-2005, 11.41.37
Grazie per il consiglio cercherò di seguirlo. Grazie veramente tanto.
Ho tanta, troppa paura dentro di me. Ma la depressione può portare a queste cose? se si cosa si deve fare?

Sicuramente un colloquio conoscitivo con un'analista,e vai alla ASL che i privati a volte fanno perdere tempo e soldi,e la risposta è si,la depressione porta a manifestazioni di ogni tipo...ritengo che in questo caso non sia una depressione conclamata ma ugualmente non trascurabile e un dialogo diretto con un professionista sarebbe la scelta più giusta...la depressione si alimenta dal rimuginare in solitudine,aprire dunque un dialogo è prioritario.
:birra:

uizz
29-11-2005, 12.30.38
Peppe, stammi tranquillo (sereno forse è troppo), io in depressione ci sono "caduto" ad 11 anni :stica: ma poi mi sono rialzato, come tutti...tantissima gente cade in depressione e altrettanta ne esce fuori...è una cosa normale, anzi sottolinea il fatto che tu sia sensibile, che è una gran cosa al giorno d'oggi ;)

Cmq se è veramente depressione te ne accorgi, perché è un dolore che non hai mai provato, indescrivibile :| diciamo che è un po' come se ti "sverginassero", cioè dopo non sarai più lo stesso (ehi, non pensare subito male, eh?! nel senso che è un'esperienza che ti aiuta a crescere)...la cosa più importante, come ti ha già detto azanoth è PARLARNE, tenersi tutto dentro prolunga soltanto il dolore e non credo sia cosa vuoi tu. Buona fortuna :birra:

PeppeBlackKravitz
29-11-2005, 12.43.04
Non ho io la depressione o almeno non credo. Lei l'ha avuta a 12 anni tanto da desiderare e dire a sua madre di morire, ed io sono stato sempre comprensivo con lei in tante cose in tutto o quasi. Ma la distanza forse ha fatto cadere lei di nuovo in questa orribile cosa. Ed io la voglio e devo aiutarla benchè abbia un dolore eterno dentro di me perchè l'unica cosa che m'importa è che lei stia veramente bene. Quando tornerò ce la metterò tutta per farlo. Grazie tante, a tutti, per la vostra sensibilità e sincerità. Anche se non vi conosco vi sono grato.

PeppeBlackKravitz
29-11-2005, 13.05.50
aiutatemi thank you, ora devo andare potrò rispondere domani. :)

azanoth
29-11-2005, 14.23.56
C'è molta energia positiva in te,percepita da tutti i Confratelli che hanno letto le tue parole,adesso devi cercare una calma che sai benissimo concederti se vuoi,riflettere e investire su queste virtù che in te,hanno una manifestazione scalpitante,ricorda il vecchio adagio del mondo dei Comics:

A grandi poteri,grandi responsabilità

Sappi trovare la forza e il cammino verso il senso superiore che cerchi,usala con la tempra e l'attenzione del buon contadino,non sentirti perseguitato dallo scorrere del tempo,assecondalo,segui l'onda,anche il seme che ti sembra piccolo e indifeso ha in se tutta la possenza di un campo rigoglioso cullato dai venti d'estate,chi sa attender la stagione giusta assaggerà dalla mensa dell'invisibile felicità promessa.

Attendiamo tue notizie,che lo Spirito delle Cose ti sia propizio.

:birra:

PeppeBlackKravitz
30-11-2005, 09.56.01
Ho preso la mia decisione. Scendo giù e le parlo. O me, o i pensieri. La vita è fatta di scelte e talvolta si arriva ad un bivio, e seppur sai che qualunque scelta prenderai ti frà del male che non scorderai, dovrai pensare a quella che ti causerà il male minore ed è proprio perchè anche il seme più indifeso ha dentro di se la potenza di un rigoglioso campo che finora ho difeso e compreso che questo seme deve prendere una decisione, se divenire campo rigoglioso o se se rimanere eterna promessa... sono le parole di una persona distrutta che purtroppo ha dovuto prendere una posizione, la scelta sta al seme perchè questo seme sa che in questo terreno che altri non è che il mio cuore ed il mio amore può crescere e divenire raccolto, altrimenti può lasciarsi trascinare dal vento e germogliare tra le terre di nessuno. Sono triste, tante grazie

PeppeBlackKravitz
30-11-2005, 10.28.03
Per assaggiare dalla mensa della felicità immensa bisogna meritare, scacciare le negatività essere forti ed onesti con se stessi e con gli altri, bisogna aver per tutti i giusti riguardi, perchè se si regala una eterna gioia non si può donare un perpetuo dolore; se si entra nel cuore ghiacciato di qualcuno e si riesce a scaldarlo con la legna dei gesti amorevoli non si deve far si che questa legna si esaurisca divenendo sola cenere che vola nello sconfinato e desolato vuoto del nulla.

PeppeBlackKravitz
30-11-2005, 11.06.55
E si coccolavano e tra
la mani di Dio stavano
e si baciavano e
col calore che sprigionavano
la neve scioglievano,
e si amavano
ed in un progetto credevano
cosicchè,
mano nella mano
eternamente sorridevano
senza pianti,
ma con dentro la gioia
che sconfigge ogni paura
ed ogni male con parsimonia
sei l'acqua vitale
che per sempre voglio bere
per amare
e potermi dissetare ------> Peppe
Questo è uno dei tanti messaggi "poetici" che le ho mandato per farle capire quanto sono coinvolto in questa storia. Sto veramente male. Azanoth, fratello, anche se non ti conosco, ho bisogno di una persona saggia come te.

azanoth
30-11-2005, 11.46.37
la scelta sta al seme perchè questo seme sa che in questo terreno che altri non è che il mio cuore ed il mio amore può crescere e divenire raccolto, altrimenti può lasciarsi trascinare dal vento e germogliare tra le terre di nessuno. Sono triste, tante grazie

Come ho ben intuito,sei un uomo di grande forza e sensibilità,l'unico ostacolo potrebbe esser rappresentato da una eventuale carenza di elasticità,che comunque l'esperienza e il vivere sviluppano inesorabilmente in un Animo aperto,alacre e gentile come il tuo,sei in un'ottima via:ti sei fermato e rifletti,ciò è molto importante,da qui in poi deve diventare il tuo pane quotidiano e....non chiuderti all'interno di una prospettiva,non esistono terre di nessuno,solo quelle volutamente ignorate dal cuore e la ragione...ci sono campi infiniti Fratello,ove cresce ogni bene,devi trovare la forza per guardare,fiero guardare oltre l'orizzonte...è un universo così pieno di possibilità,ma dobbiamo aver la tenacia di contemplare l'invisibile,dentro e fuori noi,ce la farai,supererai questo momento particolare e l'atto del coltivare presto si trasformerà in botanica avanzata è così che vanno le cose,tranne per chi si ostina a mantenere sterile se stesso e non mi sembra proprio il caso tuo.

Io saggio?Hai visto male,sono solo un tizio con qualche anno in più di te,che ha sbagliato innumerevoli volte rispetto a te,sono solo me stesso.

Ti lascio dei versi di un uomo davvero saggio comunque,ti sono vicino,potrai sentirmi lì,quando i momenti normali di abbattimento ti assilleranno:come vengono se ne vanno,stringi i denti:birra:


Ho il dito sul grilletto
ma non so di chi fidarmi
Quando guardo nei tuoi occhi
vedo solo diavoli e polvere
Siamo molto lontani da casa, Bobbie
Casa è molto molto lontano
Sento soffiare uno sporco vento
Diavoli e polvere

Ho Dio dalla mia parte
e cerco solo di sopravvivere
Cosa fai quando ciò che ti fa vivere
uccide quello che ami
La paura è una cosa potente
e, credimi, ti annerisce il cuore
Prenderà la tua anima piena di Dio
e la riempirà di diavoli e polvere

Ti ho sognato questa notte
in un campo di pietre insanguinate
Il sangue si asciugava
L'odore si levava
Ti ho sognato questa notte
in un campo di ossa e fango
Il tuo sangue si asciugava
L'odore si levava

Ho Dio dalla mia parte
e cerco solo di sopravvivere
Cosa fai quando ciò che ti fa vivere
uccide quello che ami
La paura è una cosa potente
e, credimi, ti annerisce il cuore
Prenderà la tua anima piena di Dio
e la riempirà di diavoli e polvere

Ogni donna e ogni uomo
vuole una vita giusta
Trovar l'amore voluto da Dio
con la fede che Lui comanda
Ho il dito sul grilletto
ma stanotte la fede non mi basta
Se guardo nel mio cuore
ci sono solo diavoli e polvere

Ho Dio dalla mia parte
e cerco solo di sopravvivere
Cosa fai quando ciò che ti fa vivere
uccide quello che ami
La paura è una cosa potente
e, credimi, ti annerisce il cuore
Prenderà la tua anima piena di Dio
e la riempirà di diavoli e polvere

PeppeBlackKravitz
01-12-2005, 09.06.56
Lei ha estremamente bisogno di aiuto, io per lei rappresento tutto, l'amico il fratello il padre ed il ragazzo, e quindi questa mia partenza le ha fatto molto male. E' come quando ti appoggi su di un palo che improvvisamente ti manca. Sai di volere quel palo ma non hai dove appoggiarti. Poi forse i genitori cercano di aiutarla ma non ci riescono. Sua madre la ossessiona nel senso che le dice sempre stai attenta a quello che fai con giuseppe stai attenata stai attenta perchè ti finisce male, ora non puoi uscire, in pratica non le fa vivere la vita in maniera serena e quando lei sta male le dice non ti preoccupare, vieni qua le da le gocce, come fossimo animali. Le gocce ti danno un senso di tranquillità temporaneo e dettato solo dai farmaci e basta. Ci vuole comprensione lasciar vivere ed educare con calma e pazienza. L'altro giorno ha preso 50 gocce, vi rendewte conto? come se facessero bene ed invece piano piano distruggono. Io non sono accanto a lei e lei ha ricominciato a d usare le gocce. All'inizio del nostro rapporto le usava ma piano piano sono riuscito con pazienza ed amore a farla uscire dall'uso di queste "medicine". La calma è la virtù dei forti e se si ama veramente bisogna cercare di riparare ciò che si è rotto e soprattutto si è in dovere di farlo, ed io la amo questa ragazza e farò di tutto per farla star bene. Penso che lei abbia tanta paura dentro di se di perdermi, tra l'altro penso che riversi la possessività di sua mamma su di me. Sono brave persone ma forse la ristretta "apertura" mentale e la sua fragilità l'hanno portata in questo tunnel e per adesso che lei è senza forza ha bisogno di aiuto, ed io sono pronto a darglielo.

azanoth
01-12-2005, 10.55.46
Lei ha estremamente bisogno di aiuto, io per lei rappresento tutto, l'amico il fratello il padre ed il ragazzo, e quindi questa mia partenza le ha fatto molto male. E' come quando ti appoggi su di un palo che improvvisamente ti manca.

Aiuto si,ma che non può provenire con efficacia da chi ha implicazioni sentimentali ed emotive nei suoi confronti.

Il palo in realtà,rimarrebbe lontano dalla sua portata pur ti prodigassi come una trottola,è dentro se stessa che deve cercarlo,tutti voi,per quanto l'affetto possa essere grande, svolgete un effetto placebo che infatti,lascia spazio a crisi che la inducono a calcare la mano con le benzodiazepine (per altro discutibili nella prescrizione adottata dal medico curante,vista l'età...)...non devi criminalizzare i suoi genitori,si evince benissimo dalla tua breve descrizione che potrebbe trattarsi di gente semplice e ti assicuro,l'approccio con le tematiche di carattere psicologico non sono ancora alla portata della comprensione di tutti e c'è chi,perfino,continua a definire la cosa materia da manicomio..tu invece sei sveglio e ti sei fiondato al primo consiglio in prossimità del nocciolo della questione...l'ansia ti tradisce e se lei dovesse soffrire di forme ansio-depressive,assorbirebbe la tua come una spugna di mare,dunque,ribadisco che il tuo apporto,oltre l'amore e l'affetto,deve essere pragmaticamente tecnico e ragionato,fai meditazione,training autogeno o tai-chi,non ha importanza,devi essere pronto al dovere soldato e fornirle calma e tempi distesi e poi...l'analista,assolutamente: probabilmente,ingerisce delle benzo del cazzo mentre,se la terapia idonea dovesse prevederne l'assunzione,ti tranquillizzo sull'esistenza di nuove molecole,regolatori chimici che oltre a coadiuvare per davvero le cure,non le indurrebbero questa tossicodipendenza favorita dalle benzo che,peraltro,hanno il difetto di indurre effetti reverse,quindi in talune condizioni,partire per sedarla e scatenarle invece una crisi d'ansia o paranoia parossistica,queste gocce deve mollarle:consigliale di stabilire una sola assunzione nella fase topica (e sarebbe preferibile prima di coricarsi) e per non stressarla,fare una scaletta diminuendo di una goccia ogni due giorni.
Mi dispiace amico mio,ma se riuscite a trovare l'analista con cui stabilire una buona interazione,presto molti di questi gravi problemi potranno esser mitigati e incanalati nel driver adatto,siamo macchine,con grandi e piccoli cuori,ma pur sempre macchine.
Mantieni la calma:birra:

PeppeBlackKravitz
01-12-2005, 11.16.02
Sono convinto che se lei prova amore complicazioni i meno pur difficili si supera ogni cosa, posso infonderle coraggio e cercare di darle forza per soggerla e rialzarsi come fece la fenice che si ridestò da sue stesse ceneri, lei è in un tunnel sola, proverò a farla uscire perchè quello che non criminalizzo i suoi genitori, per carità, però stannon agendo male, ed allora vorrei parlare con suo fratello che è molto capace. Lei dalla scuola è uscita con 100, ed è in gamba proverò a tirarla su ad uscire dal buoi dandole forza la quella forza che serve ad un bambino quando fa i primi passi...sai quando son nato non camminavo solo, sono stato aiutato ed ho imparato, niente è irrecuperabile. So che sarà difficile essere pragmatici e mantenre un certo distacco dalle emozioni, ma ci proverò. Grazie ancora, se vuoi r fallo. thank you

azanoth
01-12-2005, 11.22.47
Sono convinto che se lei prova amore complicazioni i meno pur difficili si supera ogni cosa, posso infonderle coraggio e cercare di darle forza per soggerla e rialzarsi come fece la fenice che si ridestò da sue stesse ceneri, lei è in un tunnel sola, proverò a farla uscire perchè quello che non criminalizzo i suoi genitori, per carità, però stannon agendo male, ed allora vorrei parlare con suo fratello che è molto capace. Lei dalla scuola è uscita con 100, ed è in gamba proverò a tirarla su ad uscire dal buoi dandole forza la quella forza che serve ad un bambino quando fa i primi passi...

Peppe,devi fidarti delle mie parole:ha bisogno di un aiuto esterno.Ottima idea quella di parlarne al fratello,ma il vostro amore,per quanto enorme,non basta,deve sintonizzarsi una portante d'altro tipo e cercare cosa non va nei meandri del suo pensiero e nell'eventuale disfunzione neurologica,chi ha tempo non aspetti tempo,è giovane e tutte le carte per uscirne e ne uscirà,se tutti contribuite tenendo la testa a posto...ah Fratello,sei una gran persona,dico davvero.
:birra:

PeppeBlackKravitz
01-12-2005, 11.24.48
C'è anche da dire che molte di queste malattie non sono riconosciute, sembra come se per molti non esistessero. Vorrei far capire ai suoi che un giorno sua figlia avrà una vita con un uomo spero di poter essere io perchè le voglio donare tanto, e quindi non è buono il loro atteggiamento; nel senso che lei sta male sua madre gli da le gocce a qualsiasi ora e l'abbraccia facendole piangere e le dice certo certo certo, di sicuro non è il verso giusto. Ora sto molto meglio ed ho la calma dentro me che mancava, poichè non avevo diavolie polvere ma tempeste e tormenti, ma ho riflettuto ed in me è tornata la voglia di crederci.

PeppeBlackKravitz
01-12-2005, 11.26.23
Pechè pensi che sia una grande persona cerco solo di fare ciò che sento realmente dentro. Grazie veramente, ma la grande persona credo che esiste in ognuno di noi.

azanoth
01-12-2005, 11.28.13
Pechè pensi che sia una grande persona cerco solo di fare ciò che sento realmente dentro. Grazie veramente, ma la grande persona credo che esiste in ognuno di noi.

Ecco perchè sei grande,sai dare incondizionatamente e con gran forza d'Animo: cerca la calma nelle tue azioni e sarai quasi perfetto:birra:

azanoth
01-12-2005, 11.30.48
C'è anche da dire che molte di queste malattie non sono riconosciute, sembra come se per molti non esistessero. Vorrei far capire ai suoi che un giorno sua figlia avrà una vita con un uomo spero di poter essere io perchè le voglio donare tanto, e quindi non è buono il loro atteggiamento; nel senso che lei sta male sua madre gli da le gocce a qualsiasi ora e l'abbraccia facendole piangere e le dice certo certo certo, di sicuro non è il verso giusto.

Le gocce a tutte le ore....convincetela per un consulto e per la scaletta,con questa "terapia" attuale le passerà anche la voglia di andare dal letto al gabinetto.

PeppeBlackKravitz
01-12-2005, 11.32.06
grazie grazie di cuore. Dentro di me sto male, ma supero ogni cosa con la forza d'animo, è difficile, ma ci sto riuscendo e sono contento perchè penso a lei in positivo. Una volta scrissi: "Amare è donarsi e non confrontarsi...."
e penso che sia cosi quando vuoi bene ad una persona tiri fuori ciò che hai dentro ed io lo sto facendo perch la amo. E' anche facile dire di amare perchè è una parola comune che racchiude per ognuno di noi un significato diverso ;)

azanoth
01-12-2005, 11.35.22
La tua parola è vera:considera pure questa terra fondata sui numeri e il silicio un'estensione della tua intimità,mi arrogo il diritto di rappresentare la Comunità in quest'offerta.
;)

diox
01-12-2005, 11.43.30
Alcune fantasie sono naturali e in un certo senso sane, forse causate da un po' d'insicurezza; il fatto che te ne parli è già una cosa positiva, significa che non sono intenzioni serie; forse cerca un po' di conforto da te. Discutine con lei con calma, riversarle addosso tutta questa ansia, in questo momento, potrebbe non essere la cosa migliore.

Sono d'accordo.

Chi è che non ha mai avuto fantasie , anche stando con una persona a cui si vuol bene può capitare di pensare a qualcun altro/a , finchè sono pensieri fuggevoli e che non si trasformano in fatti è tutto normale.

Certo che se le è venuta la fissa per un altro allora è diverso.

Ma la cosa migliore che puoi fare è esssere sempre te stesso.

Non lasciare che questo pensiero guasti il vostro rapporto , apri il dialogo nel modo più sereno possibile.

PeppeBlackKravitz
01-12-2005, 12.33.12
Il discorso è più ampio. Voglio solo farla stare bene e mettere tutte le forze in mente corpo ed anima per tirarla fuori dal buco, penso sia difficile se non si aiuti e ancora peggio se si crede di aiutare ma l'aiuto è sbagliato.

azanoth
01-12-2005, 12.36.34
Il discorso è più ampio. Voglio solo farla stare bene e mettere tutte le forze in mente corpo ed anima per tirarla fuori dal buco, penso sia difficile se non si aiuti e ancora peggio se si crede di aiutare ma l'aiuto è sbagliato.

:approved:

PeppeBlackKravitz
02-12-2005, 07.58.24
Buongiorno, oggi va cosi cosi, ieri ero giù di morale, ma son ripreso. Vorrei cercare di arrivare alle radici del problema ho capito che a lei non va di ricordare, le fa tanto male, ma vorrei sapere. Penso sia meglio per tutti e due devo sapere cosa è che l'ha portata ad essere cosi, per telefono mi ha detto che non vuole ricordare ma quando scendo con calma voglio cercare di farla entrare nei meandri delle sue paure e sofferenze e capire cosa c'è che non va.
Se lei si chiude e si rifiuta deve essere qualcosa che le ha fatto vertamente male, ma se non ne parla con nessuno si porterà questo flagello dietro con se come un masso che diventa col tempo sempre più grosso e non va. La devo aiutare è la mia bimba.

azanoth
02-12-2005, 09.38.31
Avete parlato dell'analista?Non è un fardello che le tue spalle,con tutta la buona volontà,possono portare:la sua manifestazione emotiva è emblematica,solo l'estraneo può far breccia,ha la maniera del fare per poter sormontare le sue difese psicologiche...comunque ti invito a riflettere su questi tre giorni,per il tuo bene intendo,tuo e della ricerca di calma ed equilibrio che hai intrapreso,un tempo relativamente brevissimo nel quale hai visto dei meccanismi che ritenevi perduti e arrugginiti,muoversi e reagire...questa è la lezione numero uno del "il match non finisce se non molli la guardia" e tu sei fortunato nell'avere la tenacia del buon pugile di una volta:birra:

PeppeBlackKravitz
02-12-2005, 09.54.32
Non penso che non posso portare il fardello, chiunque può se trova la forza dentro, perchè se non la si trova ci si lascia trascinare e cadere nel buco insieme. Penso che sia ossessione compulsiva, dovute a chissà che, paura di tutto, e soprattutto questa distanza l'ha fatta ricadere.

PeppeBlackKravitz
02-12-2005, 09.57.21
E' difficile credo relamente che lei non voglia ciò che nella sua mente gira ma la paura di perdermi le porta queste ossessioni che lei cerca di ripudiare. Ma non mi devo feramre li, il discorso è più ampio e bisogna entrare nella sua mente per capire, lei ha fiducia in me, già il fatto stesso che me lo abbia detto è molto positivo, lei crede in me e chiede aiuto. E' giovane e va aiutata indipendentemente dal fatto che sia il suo ragazzo o meno.

azanoth
02-12-2005, 10.11.22
Qui mi dispiace ma devo contraddirti: l'avere relazioni interpersonali con il soggetto e cercare di essere anche il suo analista fallisce nel 99% dei casi anche perchè,ancora soggetto come sei a stati di alterazione dell'umore che ti recano danno e fastidio finireste,con ampio margine di probabilità,nell'entrare in un circolo vizioso nel quale l'uno contaminerà l'altro con la propria prostrazione rotolando lentamente,ma inesorabilmente,in un moto inerziale che potrebbe portarvi in prossimità delle tenebre piuttosto che della luce...che ve costa?Si va da un tizio,ci si presenta e cominciate a parlare del più e del meno,non è un ricovero al manicomio criminale...guarda che questa dell'analista è una cosa molto importante,non scavalcarla come fosse una stronzata,vi aiuterebbe a semplificare l'esistenza e a non chiudervi in un guscio che alla lunga,potrebbe recare spiacevoli effetti collaterali.

PeppeBlackKravitz
02-12-2005, 10.24.33
Lo so e va bene. Il costo però dell'analista ci sarà non devo decidere io;
darò la mia opinione e parlerò con suo fratello ma se la sua famiglia non vorrà, non ho la possibilità di sobbarcarmi la questione ne nel modo finanziario ne nell'aiuto vero e prorpio perchè io starò ahimè lontano e non basto solo io lo so.

azanoth
02-12-2005, 10.44.18
Lo so e va bene. Il costo però dell'analista ci sarà non devo decidere io;
darò la mia opinione e parlerò con suo fratello ma se la sua famiglia non vorrà, non ho la possibilità di sobbarcarmi la questione ne nel modo finanziario ne nell'aiuto vero e prorpio perchè io starò ahimè lontano e non basto solo io lo so.

Guarda che se vai all'ASL locale famo prima ed è gratuita...se i genitori dovessero opporsi fatti consigliare sul da farsi dall'analista e poi,hai detto che ha un fratello in gamba no!?Cercate di fare il punto della situazione,inutile girarci attorno o favoleggiare che l'amore basti a curare tutto,perdona la durezza ma è necessaria.
;)

PeppeBlackKravitz
02-12-2005, 11.28.45
Beh vedremo, certo che non lascierò nulla al caso, devo cercare di assumere un certo distacco quando parlo di certe cose il problema è che lo dovrebbe fare anche lei.

azanoth
02-12-2005, 11.41.17
Beh vedremo, certo che non lascierò nulla al caso, devo cercare di assumere un certo distacco quando parlo di certe cose il problema è che lo dovrebbe fare anche lei.

Sei un bravo picciotto ma un pochino de coccio...il certo distacco voi non lo potete avere,sarebbe bello non avere limiti ma tutti ne abbiamo,è ammirevole il tuo impegno ma,se vuoi fidarti di uno che ci capisce,ribadisco il concetto:

A-N-A-L-I-S-I

Guarda che se il problema riguardasse la moglie dell'analista,lui la porterebbe da un altro professionista,pensaci.

:birra:

PeppeBlackKravitz
02-12-2005, 12.12.28
lo so, intendo dire che intanto voglio parlaeci io e farle capire che voglio solo il suo bene. Dire di aver bisogno di un'analista alla persona amata non è facile, figurati lei che si deve convincere di tale bisogno

azanoth
02-12-2005, 12.17.04
lo so, intendo dire che intanto voglio parlaeci io e farle capire che voglio solo il suo bene. Dire di aver bisogno di un'analista alla persona amata non è facile, figurati lei che si deve convincere di tale bisogno

Tu la devi fare semplice (come in realtà è),mica la devi accompagnare in sala operatoria,le dici che si va a fare una chiaccherata con un bel tea bollente da una persona capace per discutere un po di cose della vita di tutti i giorni,poi,le cose vanno da sole...non credo le farà più paura questo di quanto stia patendo i suoi stati d'animo attuali.
:birra:

Alceo
02-12-2005, 12.36.17
lo so, intendo dire che intanto voglio parlaeci io e farle capire che voglio solo il suo bene. Dire di aver bisogno di un'analista alla persona amata non è facile, figurati lei che si deve convincere di tale bisogno

Non complicarti la vita da solo e rendere difficile qualche cosa che magari non lo è.

Parlale e falle capire che ci sei, che su di te può contare. Incoraggiala ad affrontare il suo problema, ma non proporti (e non farlo nemmeno verso te stesso) come il solutore del problema, per quanto questo possa sembrarti bello e romantico.
Sei emotivamente troppo legato a lei. Difficilmente potreste avere il distacco necessario per poter essere "neutro" verso di lei.
E anche se tu pensassi di poterlo fare ricorda che probabilmente ciò sarebbe impossibile per lei. Una persona estranea potrebbe aiutarla molto di più.

Aiutala a prendere appuntamento con uno psicologo dell'ASL per un colloquio. Poi parlatene assieme e cerca di capire se la cosa le sembra positiva e se vuole continuare.

P.S. La piscologia ha il brutto problema, quello che tutti tendiamo ad essere psicologi in erba (in fondo la pratichiamo su noi stessi sin da piccoli) e questo ci porta spesso a volerci sostituire agli piscologi di professione.
Se lei avesse male ai piedi la porteresti da un podologo o ti metteresti tu stesso a fare diagnosi e preparare cure?

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 08.23.56
Hai ragione, ma prima devo capire se relamente il problema cìè anche se penso di si. Comunque vi rignrazio tanto.

azanoth
05-12-2005, 09.08.41
Troppo frettolosa come risposta:ascoltaci,ascolta la vocina dentro che te lo sta suggerendo,andatevi a prendere un caffè dall'analista,la seduta conoscitiva è lieve,sembra di stare in casa d'altri a conoscere gente nuova,tutto qui...lei ha un problema di assunzione farmaci pscichiatrici,non è una cosa che comunque ti induca a ragionarci e ragionarci all'infinito,battere il tempo sul nascere,in molti casi,è la prima delle mosse vincenti,devi aprirti,poichè soffocandola potresti perderla come lei perdersi di conseguenza.
:birra:

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 11.48.09
Sarà frettolosa, ma ho bisogno di parlare con lei. Mi chiedo: amare una persona vuol dire rispettarla prima di tutto ed avere fiducia in lei. Non c'è distanza che tenga nell'amore per come lo intendo io, nessuna distanza può rovinare un rapporto, e credo proprio che quest'ultima sia una dell prove più dure da affrontare, ma penso che se si ama si debba superare, conosco molte persone che l'hanno superata in primis mia mamma e mio papà, ed altre ancora. La vita è difficile e le sofferenze sono inaspettate anche se spesso ingiuste. Bisogna rialzarsi da proprie ceneri e compiere il cammino che ci si prefigge.

azanoth
05-12-2005, 11.58.07
Guarda,sarò troppo cinico,ma prima dell'amore viene la salute,senza quella rimangono spesso lacrime e rimpianti.

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 12.01.57
Non ho afferrato, a cosa ti riferisci?

azanoth
05-12-2005, 12.05.10
Non ho afferrato, a cosa ti riferisci?

Al suo problema clinico:assume farmaci in modo,dalla tua descrizione,scriteriato e pregnato da una sorta di drammaticità familiare contagiosa,per me è questo il problema fondamentale,tutto il resto è secondario...quanti anni ha questa ragazza?

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 12.10.30
appena 19, è piccola.

azanoth
05-12-2005, 12.18.32
appena 19, è piccola.


Appunto,ti rendi conto della gravità?Se la storia dei farmaci viene messa in secondo piano qui rischiamo di farle saltare in aria il futuro,il suo sicuramente...riconoscerai che è prioritario rispetto all'amore,la coppia e tutto quanto...

No!?

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 12.21.24
certo che si ma per quanto posso fare io, se lei si rifiuta e con lei la sua famiglia non posso nulla. Capisci quindi il mio stato d'ansia? benchè la calma ci sia, ci sono momenti di disperazione, non credevo potesse stare così male, è arrabbiata con se stessa e con me al telefono è un ghiacciolo, e per quanto possa far finata di niente sto male. E' una cosa molto delicata. Da solo non posso affrontarla posso consigliare e dire cosa fare, poi la sua famiglia deve fare il resto perchè io sono lontanto da lei.

azanoth
05-12-2005, 12.32.19
Avevi parlato di un fratello,ne avete discusso?

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 12.33.58
non ancora perchè x tel è impossibile

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 12.36.37
io scendo mercoledì per parlare con lei ma non so cisa dire ne come reagirò in funzione di ciò che lei mi dirà. Ho però un brutto presentimento

azanoth
05-12-2005, 12.38.24
Peppe,di necessità virtù,devi almeno discutere tutto con lui,che lo reputi in gamba,al momento è l'unico collegamento che hai con la struttura familiare che la circonda...tecnicamente,lei,ora come ora funziona,ad esser positivi,al 60% delle facoltà...calcolo largo ed empirico,potrebbe stare a 40 gocce di Haldol e noi stare a discutere di qualcosa che è ben più grave di come la stiamo profilando...

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 12.40.45
si ma scendo mercolì cosa faccio? non so, vorrei parlare con lei, ma ho paura delle cose che mi possa dire, e che finisca in malo modo, non ho possibilità di parlare con suo fratello prima di natale. Quanti problemi!

azanoth
05-12-2005, 12.45.08
si ma scendo mercolì cosa faccio? non so, vorrei parlare con lei, ma ho paura delle cose che mi possa dire, e che finisca in malo modo, non ho possibilità di parlare con suo fratello prima di natale. Quanti problemi!

Se le vuoi bene la tua paura dev'esser che finisca male lei,non la vostra relazione...procurati di parlare al più presto con suo fratello o con eventuali parenti disponibili al dialogo,stalle vicino,solo per darle tutto il tuo calore,lascia le ansie,le paure del futuro ben chiuse in un cassetto di casa tua,non vessarla e non porle interrogativi,sono cose che potrebbero danneggiarle l'equilibrio e non servono a un cazzo.

Di0
05-12-2005, 12.47.59
Ascolta Azanoth. Ti sta dicendo le cose più sensate che si possano fare. Preoccupati di starle vicino senza metterle la pressione "del ragazzo" e vedrai che, quando i problemi più gravi si saranno risolti, capirà tutto l'aiuto che le hai dato e potrete riprendere da dove si era lasciato, con un rapporto addirittura più forte di prima.

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 12.48.50
allora non le devo chiedere niente? e soffrire dentro? penso a laei in continuazione non seo se lei faccia altrettanto, una volta mi disse non chiedermi a cosa penso ed in che contesto lo penso ed io esplosi perchè xme tale cosa è irrazzionale, capisci non voglio accada di nuovo, ma ho paura che faccio?

azanoth
05-12-2005, 12.55.53
allora non le devo chiedere niente? e soffrire dentro? penso a laei in continuazione non seo se lei faccia altrettanto, una volta mi disse non chiedermi a cosa penso ed in che contesto lo penso ed io esplosi perchè xme tale cosa è irrazzionale, capisci non voglio accada di nuovo, ma ho paura che faccio?

Conosci te stesso.

Tutta la Vita,per come la conosciamo,evolve se stessa passando per questo dogma.

Ma quando sei con lei,almeno per adesso,pensa a lei come entità autonoma,evitando di coinvolgere il voi,te lo dissi all'inizio,se son rose fioriranno e tu,pur armato dei migliori sentimenti,credi che la forza di volontà possa cambiare il naturale accadere delle cose,e sbagli,la natura devi assecondarla,magari ti porta dove non vorresti,ma c'è un senso a tutto,sempre.

L'ansia è tua nemica,conoscila,conoscendola potrai colpirla nei punti deboli...ogni struttura,visibile o invisibile ha un punto debole.

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 12.58.26
il problema è che quando non ho ansia ho rabbia, una forte rabbia dentro me che sale come su una pentola a pressione,passo da stati di rabbia a stati di disperazione

azanoth
05-12-2005, 13.00.23
il problema è che quando non ho ansia ho rabbia, una forte rabbia dentro me che sale come su una pentola a pressione,passo da stati di rabbia a stati di disperazione

Analisi...e te ci puoi andare,non devi convincere nessuno.

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 13.01.34
in ke senso?

Di0
05-12-2005, 13.03.17
Io in casi simili, ma (ammetto) meno disperati, ho trovato conforto e aiuto nella musica. Ne ascoltavo molta e di ogni tipo: da De Andrè a Guccini, da Janis Joplin a Jimi Hendrix, da i Pink Floyd ai Deep Purple, dagli U2 agli Iron maiden per finire sempre coi Metallica.

Devi cercare di trovare prima di tutto un tuo equilibrio interiore, credo.
Prima di aiutare gli altri, devi aiutare te stesso.

azanoth
05-12-2005, 13.04.59
in ke senso?

Guarda che un pochino d'aiuto ne hanno bisogno tutti...i più fingono di stare bene e di essere felici ma non è quasi mai vero,sanno nascondersi molto bene...tu no,non hai paura a mostrarti,a evidenziare le debolezze...penso che un aiuto non potrebbe che farti bene,tutto qui.

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 13.05.11
lo faccio perchè ascolto solo quella musica.

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 13.06.28
Penso di si, come tutti forse, ma penso che cmq capire certe cose è veramente difficile e non si tratta di pazienza, si tratta di altro

PeppeBlackKravitz
05-12-2005, 13.07.57
si tratta che essendo cosi coinvolto ed unito a lei mi manca lei, una parte del "NOI" di sempre, ma solo in lei la cerco e basta, e non ci riesco a capire perchè lei forse no.

azanoth
05-12-2005, 13.17.29
Ti posso dire una cosa come te la direbbe un fratello maggiore che ti vuol bene?

Sei egocentrico,leggiti bene la definizione sul dizionario e riflettici su..e rileggiti...io,io e ancora io,scusami,ma come la stai ponendo,e ti prego di rifletterci bene su,descrive lei come un accessorio alla tua,di esistenza...l'amore non è così,è dare incondizionatamente,volere il bene per l'altro a costo di rimetterci case e terreni,l'amore è lotta per l'altro,chi ama fa il suo lavoro e basta,altrimenti può pensare a un sacco di altre cose e vivere tranquillo.

PeppeBlackKravitz
06-12-2005, 08.04.27
Buongiorno sono molto + sereno oggi. Hai ragione ho peccato di egocentrismo, ieri ho parlato con lei sto rafforzando ciò che abbiamo. Lei non è un accessorio alla mia, forse l'ho posta male perchè sono stato veramente male, sbagliando tra l'altro perchè per dare aiuto ci vuole una gran forza interiore, la sto trovando, nella preghiera ed in quello che credo, e grazie al vostro aiuto;
accetto le critiche perchè se costruttive come queste possono solo farti crescere.
Non si finisce mai di imparare e la presunzione è una bestia brutta, e forse ho peccato di presunzione, voglio scendere a vederla solo per starle accanto senza arrabbiarmi, darle calore e tornare ciò che ero prima.
Purtroppo in casa ho mio papà con l'alzhaimer ed il rapporto con lei si è un pò incrinato col tempo ed è mancato il dialogo. La colpa è stata mia penso. Voglio solo tornare ad accudire a lei e renderla felice e farla star bene. Scusa se ieri ero così nervoso, non ero io, non avevo la tranquillità che ho adesso. Grazie ancora.

azanoth
06-12-2005, 09.03.31
Grazie a te Peppe,sono ottime lezioni queste.

Sai,ti possio capire: proprio ieri ho perso un figlio.

Un'ultima cosa: copiati quest'ultimo post che hai scritto e attaccalo nella tua stanza,non fa male rileggere dei sani pensieri,specie nei momenti più neri.

Ti abbraccio mandandoti tutto l'affetto che posso,mantieni la calma e tutto filerà come deve andare...perchè le cose vanno sempre come devono andare,noi assecondiamo la marea e se sapremo remare,vinceremo la violenza dei flutti.

:birra:

PeppeBlackKravitz
06-12-2005, 09.10.44
Come hai perso un figlio, ma che dici? parlane se ti va, sto ad acoltare, so non c'è niente da capire e posso solo intuire la sofferenza che hai dentro, il sentirsi distrutti, ma se ti va sono qua, ci si sorregge l'un l'altro nella vita.

azanoth
06-12-2005, 09.14.55
Come hai perso un figlio, ma che dici? parlane se ti va, sto ad acoltare, so non c'è niente da capire e posso solo intuire la sofferenza che hai dentro, il sentirsi distrutti, ma se ti va sono qua, ci si sorregge l'un l'altro nella vita.

Ti ringrazio di cuore:se n'è andato Tito,il maggiore dei miei gatti,14 anni insieme.

Le mie spalle potranno reggere anche questo,non mi piace ma fa parte dell'esistenza...siamo soldati Peppe,soldati senza un fucile,ma con la sofferenza in comune.

Sei un bravo picciotto:birra:

PeppeBlackKravitz
06-12-2005, 09.25.31
Eri molto legato da quanto intuisco, e ti ha lasciato un vuoto, che forse ti sembrerà incolmabile perchè ti porta a pensare al tuo gatto in continuazione, a tutti quesi momenti stupendi che avete passato e ti senti estremamente solo ed abbandonato. Hai una famiglia, una donna credo che ti sapranno dare conforto. Sono stato in missione quando ero militare ed ho affrontato quella esperienza alla full metal jacket. Mi ha aiutato tanto a crescere e capire che per molti non siamo soldati ma solo numeri e statistiche. Credo che non è così perchè nell'uomo c'è tanto di più, c'è la ragione il sentimento....e tante altre doti infinite, la vita dura poco, bisogna viverla e se bisogna vivere meglio vivere di rimpianti dhe di rimorsi.

azanoth
06-12-2005, 09.37.39
Amico mio,stampati tutto questo Topic costruttivo che ci hai elargito con sincerità e coraggio,rileggilo nei momenti più difficili,farò anch'io la stessa cosa:sarà il nostro legame d'eterna amicizia,veicolo di conforto e tepore quando saremo tristi e tremeremo di freddo.

Pregherò per la salute della tua amica e per la pace del tuo cuore e pregherò com'è mio solito,con la Musica a farmi da compagna...ricorda Peppe

Chi canta prega due volte

Ti voglio bene:Palka:

PeppeBlackKravitz
06-12-2005, 09.44.37
Grazie anche io ti voglio bene penso che tua sia una persona semplice, sincera,e umile; e queste sono le basi sulle quali dovrebbe fondersi la mente dell'intera umanità. L'aiuto che una persona può dare ad un'altra se ha queste doti in seno è realmente incredibile. Le parole di molte canzoni ti aiutano a riflettere. Guarda, io ascolto de andrè, una persona che ha avuto una sensibilità incredibile, e penso che sia cosi per le cose che dice quando canta che ti fanno riflettere. Prova ad ascoltarlo anche tu, non so, spesso mi hanno aiutato a trovare la forza necessaria, e se non bastano, stai pure tranquillo che quan hai un amico su cui contare. ;)

PeppeBlackKravitz
06-12-2005, 11.11.00
Perchè hai detto che le tue spalle potranno reggere anche questo? cos'altro c'è che non va?

azanoth
06-12-2005, 11.39.05
;)


Tutto quel che tocchi e tutto quel che vedi
Tutto quel che assaggi, tutto quel che senti
Tutto quel che ami e tutto quel che odi
Tutto quel che non ti convince, tutto quel che scegli
E tutto quel che dai, e quel che regali
Che compri, che chiedi, che impresti o che rubi
Quel che tu crei, quel che distruggi
E tutto quello che fai e che dici
Tutto quel che mangi e tutti quelli che incontri
Tutto quel che disprezzi e tutti quelli che combatti
Tutto il presente e tutto quel che è andato
E tutto il futuro
E tutto quanto sotto il sole è in sintonia
Ma il sole è eclissato dalla luna

PeppeBlackKravitz
06-12-2005, 11.51.08
Non piangere per ciò che più non hai
ma ridi per ciò che possiedi col cuore,
il dolore della mancanza
è un atroce cammino che dovrai affrontare
se agli occhi del divino
vorrai apparire
sincero come il più candido bambino,
guarda quella bottiglia di vino, con la polvere sopra,
ma con dentro la saggezza che solo il tempo ti può regalare.
L'ho scritta in questo secondo.
Come ti pare?

azanoth
06-12-2005, 11.58.33
Che hai la stoffa del poeta improvvisatore di matrice toscana:)

PeppeBlackKravitz
06-12-2005, 12.00.18
Grazie ma scrivo solo ciò che sento dentro, ho scritto tante cose e mi piace comunicare ciò che sento dentro, per questo ammiro gente come de andrè.

azanoth
06-12-2005, 12.03.16
Era un grande Artista,grande,intenso,di una semplicità genuina,sempre giovane:birra:

PeppeBlackKravitz
06-12-2005, 12.18.32
E' la sensibilità che rende le persone ciò che sono. Di contro si ha lasuperficialità, la sensibilità unita all'esperienza ti aiuta a crescere.

PeppeBlackKravitz
06-12-2005, 12.22.07
Mi piacerebbe poter scrivere un libro, ma non penso esserne in grado.

azanoth
06-12-2005, 12.40.09
Mi piacerebbe poter scrivere un libro, ma non penso esserne in grado.


La volontà,accompagnata da un buon supporto tecnico,può molto,ti consiglio di leggere tutto quello che puoi e variare il più possibile...molto spesso è l'idea che viene incontro e preme perchè tu metta nero su bianco;)

PeppeBlackKravitz
06-12-2005, 13.14.21
Grazie, ma secondo te come scrivo? relativamente alla "poesia" se vogliamo definirla cosi. Il fatto è che mi riescono anche racconti in questa maniera ed in maniera sciolta, ci impiego poco.

azanoth
06-12-2005, 14.20.30
Non sono qualificato per recensire poesia e letteratura ma trovo che hai una buona base di partenza;)