PDA

Visualizza versione completa : The exorcism of Emily Rose



pachinko
06-10-2005, 08.35.55
Esce venerdì al cinema...

Qualcuno lo ha visto? Com'è?

Da quello che ho capito è il remake dell'esorcista, solo che segue più fedelmente il libro da cui è tratto...

Ho sentito pareri positivi su internet, inoltre in Usa pare sia stato un successo quindi, visto che probabilmente andrò a vederlo, mi piacerebbe avere qualche parere! ;)

Boe.
06-10-2005, 09.53.07
Io so che non c'entra proprio nulla con l'esorcista originale..

Dovrebbe essere tratto da una storia vera (cosa che fa sempre molta scena) ed essendo molto sensibile su queste cose eviterò profondamente di andare a vederlo...

MR.Muscolo
06-10-2005, 11.29.58
allora....col primo esorcista non c'entra veramente una sega:D
ho letto su internet pareri molto positivi,il problema per quanto mi riguarda e' con chi andare a vederlo,dato che la mia ragazza si rifiuta in maniera categorica perche' si caga in mano.:D stesso discorso per i miei amici.....:D

pachinko
06-10-2005, 12.06.53
Solo io devo essere in una compagnia in cui sono le tipe a voler andare a vederlo??? :brr:

palka
06-10-2005, 13.26.42
Originally posted by Boenet
essendo molto sensibile su queste cose eviterò profondamente di andare a vederlo... pure io, ci sto male poi

.Orfeo.
06-10-2005, 17.00.14
Non ha nulla a che vedere con L'esorcista.
Il film parla della storia della povera Emily Rose, il cui vero nome è Anneliese Michel, ragazza sedicenne della fine degli anni 60, affetta da epilessia. La giovane dopo aver passato un lungo periodo in ospedale, torna a frequentare la scuola solo nell'autunno del 1970 ma, causa di una severa istruzione religiosa, unito ciò al disinteressamento delle sue condizioni psicofisiche da parte della famiglia, comincia a convincersi di essere posseduta. La povera ragazza assume comportamenti profondamente patologici: dorme sul pavimento, mangia insetti, beve la sua urina, distrugge dipinti a tema religioso, si lacera i vestiti, digiuna, morde i parenti e si automutila.I genitori consultano nel frattempo alcuni pastori per richiedere diversi esorcismi, senza neanche prendere in considerazione l'idea che fosse affetta da una seria malattia mentale.Anneliese subisce fino a due rituali alla settimana durante i quali deve essere tenuta ferma da parecchi uomini adulti ma trova anche il modo di vivere sprazzi di vita normale (esami scolastici, messe in chiesa...) in una drammatica altalena psicofisica.
Anneliese muore il primo luglio 1976, a 23 anni. I genitori e i preti l'avevano forzata al rituale anche se ormai pesava poco più di trenta chili e afflitta da una grave polmonite. Le sue ultime frasi, registrate su nastro, sono state una richiesta di assoluzione e un "Mamma, ho paura" rivolto alla madre.
L'epilogo non riporta certo in vita la ragazza: vi è un processo in tribunale e i due preti più i familiari vengono condannati per omicidio dovuto ad omissione di soccorso e negligenza: sarebbe stato sufficiente nutrire la paziente via flebo per permetterle di resistere al duro rituale e continuare a vivere. Sei mesi di carcere con la condizionale, questo il prezzo della vita di Anneliese.
Negli anni seguenti una Commissione dei vescovi giudicò la ragazza come "non posseduta" ma la poveretta dovette subire ulteriori pene: il cadavere venne riesumato per mostrarne la decomposizione in quanto molti la consideravano ormai miracolata e in grado di sconfiggere anche le normali leggi di decomposizione. Vi è un continuo pellegrinaggio alla tomba di Anneliese di gente armata di rosario e fede.

Esiste anche un libro sull'argomento: The Exorcism of Anneliese Michel di Felicitas D. Goodman. Garden City, NY: Doubleday and Company, 1981.

:)

Ps: Ovviamente inutile dire che la Santa sede non prese mai in considerazione l'idea di abolire la pratica vergognosa dell'esorcismo, ma si limitò a pubblicarne una nuova versione, più soft.:rolleyes:

Consiglio a tutti di andarci per comprendere fino a che livelli possa giungere l'umana idiozia e ignoranza.

Kiara
06-10-2005, 17.39.25
Originally posted by .Orfeo.
....dorme sul pavimento, mangia insetti, beve la sua urina, distrugge dipinti a tema religioso, si lacera i vestiti, digiuna, morde i parenti e ...


lo faccio anch'io nelle pause dallo studio.














comunque.inittì:è un thriller non un horror.quindi qualunque ragazzino che volesse fare il figo.... non ci riuscirebbe.:metal:

Silentrage
06-10-2005, 19.05.35
Vado a vederlo con la mia fidanzata Sabato sera...vi saprò dire...
Con l'Esorcista non c'entra una mazza davvero....ho letto il libro 3 mesi fa ed è identico al Film....

karuga
06-10-2005, 20.44.11
Ma da quello che ho capito allora il film prende solo spunto dalla storia vera,ma non c'entra una mazza cmq.

Luca236
09-10-2005, 11.38.49
ma allora com'è sto film?

spa_
09-10-2005, 12.10.34
per me: brutto.

aquarius
09-10-2005, 12.23.12
visto ieri sera (purtroppo):|

Mi aspettavo veramente di più....è stato un po una cagata!!

é sicuramente più pauroso scary movie:asd:

L'esorcista è su di un altro pianeta,non c'è confronto:toh:

Guardatelo in dvd non conviene spendere 8,50 (pure la prevendita mannaggia lu carmine:grev: ) per Emily rose;)

Luca236
09-10-2005, 12.35.21
Originally posted by spa_
per me: brutto.

perchè?

OCP
09-10-2005, 13.07.09
Originally posted by spa_
per me: brutto.

Non l'ho ancora visto, ma amici che sono andati ieri sera al cine mi hanno detto la stessa cosa.

Non fa per niente paura, noioso nel modo di narrare il tutto, meglio il nolo del dvd che i soldi del biglietto. :(

Kaory-Makymura
09-10-2005, 13.23.29
Il film non è gran ché e badate che non è un horror, ma un thriller.
In un'aula di tribunale viene ricostruita la triste vicenda di Emily, morta di stenti ed anoressia in unione (e conseguentemente) ad un tentativo di esorcismo. Alla sbarra finisce il prete che ha tentato di salvarla dal male..

Una sorta di Perry Mason a flash back son un paio di salti sulla sedia e la figlia di Carpenter (sì, è figlia del regista) che si contorce e urla.

Dite la Vostra:

http://cinema.multiplayer.it/scheda.php?id=2849

densou
09-10-2005, 23.29.46
Originally posted by aquarius
Guardatelo in dvd non conviene spendere 8,50 (pure la prevendita mannaggia lu carmine:grev: ) per Emily rose;)

solo qui costa 6€ intero e 5€ ridotto [w il badge universitario! :angel2: ]


ecco xchè adoro i gatti :rotfl:

Credi di potermi scacciare da qui dentro? :angel2:

Silentrage
09-10-2005, 23.58.58
A me non è dispiaciuto ma cmq l'ho trovato un pò lento nella narrazione.

Boe.
10-10-2005, 18.07.08
Ok alla fine la mia ragazza mi ha fatto un sorriso e una coccola e ho ceduto... 6.50 in un bel multisala..

Che dire.. Mi aspettavo un film più orrorifico che altro, invece un gran bel thriller processuale...

Mi ha scioccato l'esorcismo nel granaio, quando pronuncia i nomi dei sei demoni, e il risveglio del ragazzo al college con lei tutta spiegazzata a terra...

Per il resto l'ho trovato piuttosto fluido per il genere di film. L'ho trovato ben equilibrato per il confronto religione/paganesimo senza mai scadere nel mediocre nè in un senso nè nell'altro.

Giusto l'appunto allo sceneggiatore reo di avere dipindo l'avvocato difensore come un bigotto spiritoso, cosa che ovviamente fa pendere dalla parte della difesa.

Infine credo che potessero evitare quella stupida sentenza...

Ah.. aggiungo che stanotte mi sono svegliato piuttosto insonne. Logico che non ho certo guardato la sveglia

Silentrage
11-10-2005, 20.45.29
Beh la sveglia ho cercato di non guardarla neanche io....

Tex_Jr.
13-10-2005, 13.27.55
Allora ragazzi, ho letto frasi del tipo fa più paura scary movie...Io l'ho visto ieri sera, e sono rimasto letteralmente shockato...Adesso non so se colui che ha detto quella frase ha visto davvero il film in questione perchè se dice una cosa del genere non può averlo visto...Il film nel contesto è bello, il ritmo è altalenante ma gli attimi di puro terrore fanno realmente paura...La vera pecca del film è il giudice donna( si nota fin da subito che prende in antipatia l'avvocato che accusa il prete...) e la sua sentenza con la giuria che s'intromette...Quello è stato davvero un peccato...Però nessuno che la visto può dire che le scene in classe o in chiesa non facciano effetto...E quando muore il medico che li avrebbe aiutati nel processo?? Un solo aggettivo: Terribile...:brr:

Cmq dopo tanti anni ho visto un film spaventoso che fa riflettere molto sulla fede e riprende benissimo il conflitto interno nell'uomo tra religione e scienza!( e finalmente hanno smesso di romperci i coglioni con i telefoni...da scream a the phone the call the ring e compagnia bella...)

Tex_Jr.
13-10-2005, 13.30.32
ah, io ho pagato il biglietto 5,50 euro e li valeva tutti...Minkia solo per vedere le facce delle persone che uscivano dal cinema dopo averlo visto li avrei pagati...

Silentrage
13-10-2005, 22.57.36
Originally posted by Tex_Jr.
ah, io ho pagato il biglietto 5,50 euro e li valeva tutti...Minkia solo per vedere le facce delle persone che uscivano dal cinema dopo averlo visto li avrei pagati...

Uno che siedeva accanto a me mi fa ma non doveva essere il remake dell' Esorcista? Non ho voluto rispondere ma penso lo abbia fatto la mia espressione...un altro anedoto è il seguente: Il ragazzo fa alla ragazza "hai visto che era un documentario?".

DAEMIA
15-10-2005, 11.15.23
Io l'ho visto senza pagare il biglietto :D
Cmq mi aspettavo decisamente di meglio :toh:

_MITO_
15-10-2005, 12.53.19
Uhm dopo tutti questi pareri..sono indeciso se andarlo a vedere oppure no..:asd: visto che cmq sono emersi quaasi tutti pareri negativi..vedrò..

>>maiden<<
15-10-2005, 19.09.45
Originally posted by _MITO_
Uhm dopo tutti questi pareri..sono indeciso se andarlo a vedere oppure no..:asd: visto che cmq sono emersi quaasi tutti pareri negativi..vedrò..
Secondo me merita andarlo a vedere. :approved:

Angus_McGyver
15-10-2005, 19.56.57
Originally posted by Silentrage
Uno che siedeva accanto a me mi fa ma non doveva essere il remake dell' Esorcista? Non ho voluto rispondere ma penso lo abbia fatto la mia espressione...
He he, che ingenuo! :asd: Nessuno gli aveva detto che trattavasi del remake dell'Esorciccio? :sisi:

Angus McOmmentievitabili

Bizkit
16-10-2005, 00.04.32
Il film non è male.
Però bisogna capire che non si va a vedere un qualcosa simile a quel capolavoro horror che era (è) l'Esorcista di William Friedkin.

L'esorcismo di Emily Rose ha dei ritmi completamente diversi, è un thriller giuridico, che viene puntellato da qualche scena forte (esorcismo, visioni paranoiche, et similia.....).

Lo consiglio? ma si dai......in giro non mi sembra esserci molto meglio.
Forse il ritmo non è esattamente velocissimo, però qualche buono spunto lo ha.......

Fipe
16-10-2005, 00.13.37
Dal punto di vista thriller: 6.5 non male la cosa soprannaturale-scientifica
Dal punto di vista horror: :| go buy l'Esorcista

Certe scene patetiche, cioè attimo di silenzio e poi di colpo rumore nn mi fa più effetto dai gremlins :|

gaz_berserk
01-11-2005, 13.08.15
Originally posted by pachinko
Esce venerdì al cinema...

Qualcuno lo ha visto? Com'è?

Da quello che ho capito è il remake dell'esorcista, solo che segue più fedelmente il libro da cui è tratto...

Ho sentito pareri positivi su internet, inoltre in Usa pare sia stato un successo quindi, visto che probabilmente andrò a vederlo, mi piacerebbe avere qualche parere! ;)

visto ieri sera.... bel film...

un paio di sciene mi hanno fatto veramente cagare sotto...

mi è piaciuto http://pauldcarter.srv1.pmachinehosting.com/images/uploads/exorcism-of-emily-rose-0.jpg

vespino
01-11-2005, 18.07.20
il film molto bello secondo me...mette bene in contrasto chiesa e scienza...cosa su cui si fa dibattito tutt'oggi

nageki
01-11-2005, 20.14.24
Originally posted by Bizkit

Lo consiglio? ma si dai......in giro non mi sembra esserci molto meglio.


ora si: http://forums.multiplayer.it/showthread.php?s=&threadid=249861

Jody72
02-03-2006, 09.09.13
Ho una passione che mi accompagna fin da piccolo: tutto ciò che riguarda la fantascienza, l’horror ed il fantasy e sul piacere e la razionalità di leggere storie di siffatta natura posso rimandare il lettore (senza che io mi dilunghi troppo) all’ottimo saggio di S. King “Danse Macabre”.
Dico questo per mettere in chiaro una cosa: sono andato a vedere il pubblicizzato film “The exorcism of Emily Rose” non perché sono un masochista o per trovare materiale da sfruttare in funzione anticlericale; lo sono andato a vedere perché mi piacciono i film horror.
Il problema però è che tale film non ha la pretesa di essere un horror ma il racconto di una storia realmente accaduta.
Pubblicizzare un film in tal senso, a dire il vero, non è una trovata originale ci sono però delle differenze non trascurabili: o si trattava di ricostruzioni di serial killer (ad es. “Jack lo squartatore”), o all’esagerazione di fatti realmente accaduti (ad es. “Non aprite quella porta”), di voci messe in circolazione non ufficialmente e subito smentite (ad es. “The Blair witch project”), o, infine, a dichiarazioni degli autori di essersi ispirati ai racconti spaventosi degli abitanti di presunte case infestate (ad es. “The Amityville possession”).
Ciò che invece hanno fatto con questo film è completamente diverso: gli autori affermano di aver ricostruito dettagliatamente una storia realmente accaduta.
Ritengo quindi necessario criticare prima il film come tale e quindi la sua pretesa di essere una storia realmente accaduta; perché, evidentemente, sono ancora troppi quelli che, pur adulti, non riescono separare la realtà e la fantasia.
Sul film come tale: non posso che sconsigliare vivamente questo film a coloro che, come me, gradiscono saltare sulla poltrona del cinema per una scena di paura. In due ore di film il regista non riesce mai a regalarci un brivido imprevisto; tutto ricade nello scopiazzamento, per di più riuscito male, de “L'esorcista”, scene già viste e sempre prevedibili: dalle contorsioni dell'indemoniata di turno (posseduta da seidemonisei! Accorrino siori e siore...), contorsioni a dire il vero neanche troppo innaturali (dimenticatevi insomma la testa che gira a 360° di Linda Blair), ai cavalli che si spaventano per il nome del demonio (inevitabile sorridere pensando al famoso pezzo di “Frankenstein Jr.” dove ogni volta che si sentiva il nome “Frau Blucher” qualche cavallo nitriva in lontananza).
Per di più in questo brutto lungometraggio gli attori sono quasi tutti poco credibili: Jennifer Carpenter nei panni della posseduta con le sue smorfie è comica più che spaventosa, l'attore che interpreta il padre dell’indemoniata compie l'improba impresa di non mostrarsi commosso neanche mentre racconta di come una figlia diciannovenne è morta tra atroci sofferenze per mano del demonio; ed infine l’incredibile (nel senso di non credibile per l’appunto) avvocato della difesa, un’agnostica convinta, ma talmente convinta che si converte al cattolicesimo perché una notte si è svegliata alle tre del mattino (ora in cui notoriamente agisce il demonio, ecchè non lo sapevate?).
Riassumendo, nonostante una buona fotografia il film è uno degli horror più ridicoli di tutti i tempi.
Come amo dire in questi casi: non è un film dell’orrore ma un orrore di film.
L'unico a salvarsi è Tom Wilkinson nei panni del sacerdote esorcista, ma questo è un altro discorso che vengo subito ad affrontare...
Sul film che ha la pretesa di essere una storia vera: Emily Rose si chiamava Anneliese Michel e i fatti si sono svolti in Germania nel 1976 e non negli Stati Uniti nel 2000 come ha la pretesa di farci credere il pessimo regista Scott Derrickson (non ho notizie di altri suoi capolavori... sono interessato).
Penso che questo sia già sufficiente a darvi un idea di quanto questo film possa esser fedele alla “storia realmente accaduta”.
Ma sorvoliamo su questo (non trascurabile) particolare e prendiamo per buona la giustificazione degli autori di non voler “alimentare” il pellegrinaggio sulla tomba della morta (ma come? ai santi non fa piacere che i fedeli si rechino in visita sulla loro tomba? Mah...), quello che è assolutamente grave è COME gli autori vogliono far passare come “possibile realtà” la possessione di una ragazza da parte del demonio.
Si arriva persino a dar la colpa ai farmaci antiepilettici che, stando alla favoletta raccontata dal regista, possono essere stati la causa del fallimento dell'esorcismo in quanto hanno messo l’indemoniata nella condizione di non ricevere il rito purificatore!
Ancora più grave: si ha la pretesa raccontare che l’esorcismo è stato compiuto alla presenza di un medico che avrebbe assistito il sacerdote nell’unico esorcismo, rilevatosi inutile se non per spaventare i cavalli, applicato alla ragazza. L’esorcismo sarebbe avvenuto quindi SOTTO CONTROLLO MEDICO.
Volete sapere cosa è realmente successo invece? Non è difficile, basta fare una rapida ricerca su internet: una sensitiva (figura completamente scomparsa nel film) dichiarò la povera Annaliese posseduta dal demonio (prove inconfutabili erano le sue stesse testimonianze sulla puzza infernale che emanava il suo corpo ed il fatto che non riusciva camminare oltre un’immagine di Cristo appesa nel corridoio del collegio). Dopo tali prove i genitori ritirarono la figlia dal collegio e da quel momento nessun medico l’ha mai più potuta visitare in vita, quindi diedero il consenso per iniziare i SESSANTASETTE riti di esorcismo che si susseguirono incessantemente fino alla morte avvenuta, per fame e per stenti, un anno e mezzo dopo.
Il penoso tentativo compiuto da Scott Derrickson di mostrare conferme scientifiche alle superstizioni cattoliche è quindi da considerarsi una pura e semplice opera di falsificazione della verità.
Anche la sentenza finale del film è completamente diversa dalla realtà, mentre nel film Tom Wilkinson è condannato ma di fatto scarcerato perché la giuria crede alla sua versione nonostante le evidenze provino il contrario e si raccomanda al giudice di considerare la sentenza come già scontata, nella realtà i preti che praticarono gli esorcismi di Annaliese e anche i suoi genitori furono dichiarati colpevoli di negligenza e di omissione di soccorso per aver lasciato morire la ragazza senza ricorrere a cure mediche; sono stati quindi condannati a sei mesi di prigione e tre anni di arresti domiciliari.
Evidentemente non siamo in presenza di quei registi che vogliono raccontare una storia vera documentandosi sui fatti... siamo invece di fronte ad uno di quegli esaltati che pretendono che le proprie convinzioni religiose siano condivise indistintamente da tutti. Per far questo ricorrono ad ogni mezzo, anche quello di speculare, raccontando menzogne su menzogne, su eventi drammatici come questo.
Nessuna meraviglia di trovare nel ruolo del prete esorcista Tom Wilkinson, lo stesso attore che qualche anno fa pretendeva di convincerci, con la sua interpretazione in “In the bedroom”, che l'unico modo per guarire dal dolore di aver perso un figlio era quello di uccidere il suo assassino.
Evidentemente a questo Harrison Ford dei poveri i ruoli graditi ai teo-con riescono molto bene, attendiamo con ansia la prossima interpretazione... forse ci allieterà con l'interpretazione di un assassino (american hero?) di medici abortisti? Staremo a vedere, di sicuro con l’aria che tira in america nuovi ruoli non gli mancheranno.
Tutto questo avviene mentre è ancora recente la notizia della povera suora Irina crocifissa (come forma di esorcismo) nel Giugno scorso in un convento rumeno poiché ritenuta posseduta dall’abate e dalle sue consorelle; in realtà lei voleva solo lasciare l'ordine... ma chissà che Derrickson tra qualche tempo non giri anche “The exorcism of Nun Irina” e ci racconti un’altra bella favoletta delle sue.
È proprio vero che il sonno della ragione genera mostri ed ora più che mai è tempo di svegliarsi.