PDA

Visualizza versione completa : A.A.A. Gidierristi cercansi



Variele
17-08-2005, 21.35.55
Su suggerimento di un giocatore che ho incontrato oggi, che ha letto la mia idea come l'avevo espressa da un'altra parte e mi ha contattato in gioco, ripropongo anche qui la stessa cosa, rivolgendomi esclusivamente agli interessati:

L'idea è questa: per chi è interessato, si potrebbe promuovere uno stile di gioco di tipo "interpretativo", cioè interpretare e VIVERE il proprio personaggio come si farebbe in un gioco di ruolo al tavolo, attribuendogli delle caratteristiche e una personalità, parlando e comportandosi in gioco come se si fosse lui. In altri MMORPG il GdR era limitato dal fatto che, ove non fosse obbligatorio (rarissimo) ci si trovava sempre a farlo in mezzo a gente che preferisce parlare di calcio, del tempo o delle proprie uscite serali, rovinando così l'atmosfera a chi cercava di giocare in questo senso.
Guild Wars offre forse un supporto migliore per farlo, consentendo una selettività sulle persone con cui incontrarsi/parlare/questare, no PVP "indesiderati", no interventi "esterni" durante le quest etc. Mi chiedevo perchè non sfruttare questa cosa per formare una comunità compatta (NON UNA GILDA, BENINTESO) di 20-30 persone attratte da questo tipo di gioco con le quali giocare sempre, dando al gioco una nuova profondità e una longevità praticamente infinita, in quanto dipendente non più dalle pur numerose combinazioni pre-generate, ma dall'illimitata fantasia dei giocatori.


Per chi è già esperto di giochi di ruolo non serve aggiungere altro, ma per chi si avvicinasse per la prima volta a questo stile di gioco ho elaborato (in realtà rivisitando una cosa già fatta per altro supporto) una "Guida al GdR" che espone alcune semplici regole per creare e mantenere un'atmosfera adeguata al gioco. Se qualcuno è interessato può contattarmi direttamente in game, in MP su questo o un altro forum al quale sono iscritto sempre per GW (che eventualmente comunico in privato). I miei PG sono:

Aesyr Arkanagael - Esploratore/Elementalista

Alvenys Cortèz - Guerriera/Ipnotizzatrice

Lenneth Bloodvane - Necromante/Elementalista

Accorrete numerosi, postando in questo thread o contattandomi privatamente se siete interessati. Ciao ciao! ;)

Uill_Uoll
17-08-2005, 23.38.36
Il giocatore in questione sarei io, e, se piace il genere, trovo l' idea semplicemente fantastica.
Arrivavo da un periodo un pò di stanca in gw, ed ero discretamente annoiato dalla monotonia che si raggiunge giocando con continuità, ed oggi dopo una piccola "seduta" di gdr ho trovato il semplice questare molto più stimolante e divertente.
Ai vari appassionati di gdr presenti sul forum (ciau thag..)consiglierei di provare almeno una volta, specialmente ora che vedo molta gente non più presente come una volta in gilda e che ha approfittato dell uscita della bene/maledetta 1.11 per distogliere un pò lo sguardo da gw. :)

Variele
18-08-2005, 00.30.56
Se l'idea piace posso postare qui la guida così da coinvolgere e interessare altre persone.

Thagan
18-08-2005, 13.19.13
Originally posted by Variele
Se l'idea piace posso postare qui la guida così da coinvolgere e interessare altre persone.
Posta, posta :)

Così a naso la cosa attira anche me :cool:



p.s. hai fatto benissimio Uill :birra:

Variele
18-08-2005, 15.11.31
Questa è la guida adattata. Ringrazio Misterylady per la stesura originale (pensata per altro supporto) e invito gli "esperti" a cui queste cose sembreranno scontate, a postare commenti e impressioni, aggiungendo altro se lo ritengono opportuno, per spiegare a chi è "nuovo del mestiere" in cosa consiste il GdR su un MMORPG in genere e su GW in particolare.

SEMPLICI REGOLE PER IL GDR:

1. Il personaggio ed il giocatore sono due entità distinte. Il personaggio è completamente immerso nel mondo fantasy di Ascalon, parla e si esprime in modo diverso da come farebbe il giocatore (adottando un linguaggio più forbito, dando il "voi" a chi non conosce etc.) e potrebbe anche avere un carattere diverso e fare cose che il giocatore non farebbe mai.

2. In un mondo fantasy nessuno conosce televisioni, citofoni, telefoni, macchine, motorini, non si conoscono fazioni politiche di destra e di sinistra, non si conoscono personaggi di fumetti e cinema, non si conoscono eventi accaduti nel mondo "reale" e quindi non vi si deve fare riferimento.

3. Il personaggio che state interpretando non conosce "attributi, abilità, classi, livelli, punti esperienza, pvp, niubbi", soprattutto non dirà mai "questo gioco è proprio bello, questo gioco non mi piace, questo gioco fa schifo" perché il personaggio non sa che si trova in un gioco! Allo stesso modo è sconsigliato l'utilizzo di tutte quelle parole "segare, ressare, killare, questare, livellare" e simili, che con un poco di buon senso e buona volontà sono facilmente sostituibili con "ammazzare, resuscitare, uccidere, compiere imprese, diventare più esperti" ecc.

4. Quando incontriamo qualcuno non conosciamo il suo nome, perché il nostro personaggio non vede il nome scritto sotto! Sarà quindi importante presentarci agli altri e lasciare che gli altri si presentino, e solo da quel momento potremo chiamarli con il loro nome. Ovviamente se ci comunicano un nome che non è quello scritto (perché, hanno voglia di mentire,sono spie o quant'altro), i nostri personaggi del loro vero nome non verranno mai a conoscenza!

5. Agire come agirebbe il proprio personaggio. Simpatie o antipatie della vita reale non devono influenzare il gioco. Il mio miglior amico in real potrebbe essere mio acerrimo nemico interpretando.

6. Gli improperi fra personaggi non sono vietati purché questi non siano offensivi nei confronti del giocatore bensì del personaggio! Inoltre, anch'essi si devono adeguare alla realtà fantasy. Esempio: "Sei un Lamer del biiiiiip, sei un niubbo di biiip è sbagliatissimo per due motivi, 1° perché è chiaramente gdr off, 2° perché è riferito al giocatore. Se si vuole interpretare la parte di una persona arrabbiata si può inveire contro l'altro giocatore in maniera diversa: "sei un bastardo! Fetente! Verme! Vigliacco! Fifone!" ecc. Le bestemmie e qualsiasi discriminazione di tipo politico-razziale sono doppiamente da evitare in quanto fuori gdr e moralmente offensive.

Variele
18-08-2005, 15.12.18
7. Non si gioca per essere potenti o finire il gioco, si gioca per divertirsi facendo GdR. Il GdR non deve fungere da cornice a pvp, uccisioni, quest, fare gdr è il vero scopo del gioco e gli scontri contro i mostri e gli altri giocatori sono solo una maniera di fare gdr! Giocare significa divertirsi, e il divertimento non può essere solo il proprio, ma anche quello degli altri, di cui bisogna sempre tenere conto. A tale scopo è importante "vivere le quest" come farebbe il proprio PG, enfatizzando gli aspetti che ci colpiscono di più a proposito della storia narrata. Una cosa che noi consideriamo scontata perchè abbiamo finito il gioco 2 volte potrebbe essere una rivelazione per il personaggio che la sta scoprendo in quel momento.

8. Nelle quest "il premio" è anche il gdr, non solo l'esperienza o gli oggetti forniti. Non tutte le quest si devono basare necessariamente sul combattimento, ci possono essere delle quest basate sulla semplice conversazione con altri personaggi, di ricerca di qualche oggetto, e non sempre una quest deve esistere nel gioco per essere affrontata. Un giocatore può creare una sua piccola quest personale senza che sia prevista dal gioco (ad esempio "devo raggiungere Piazza Piken!" o "uccidere i Charr sull'Erta del Re", semplicemente interpretando il proprio personaggio in maniera da coinvolgere anche gli altri. Il gioco non darà altro premio che l'esperienza e gli oggetti fatti uccidendo i mostri ma il divertimento e la parte di storia creata saranno un premio essi stessi!

9. Se è proprio necessario, si può parlare in gdr off scrivendo le frasi fra parentesi [frase], ma devono essere dei casi rari ed inevitabili, non lunghi discorsi legittimati dalle parentesi. Un lungo dicorso in GdR off spezza l'atmosfera per parlare di cose che, in linea di principio, possono essere dette anche attraverso altri canali di comunicazione (chat) senza che gli altri giocatori le leggano. [Le frasi in GdR off] dovrebbero essere l'eccezione e non la regola.

10. EMOTE. Il gioco fornisce una gran quantità di animazioni per "mimare" cosa sta facendo il personaggio: alcune sono del tutto fuori luogo, come suonare la chitarra; altre possono essere "interpretate": in un mondo fantasy nessuno ballerebbe la break dance, ma l'azione di ballare può comunque essere concepita e quindi anche se il PG si muove in un certo modo si può "immaginare" che lo faccia in modo diverso. Oppure chissà, Ascalon è diversa dalla nostra terra e magari lì quello stile di danza è diffuso anche se nel NOSTRO medioevo non esisteva. Viceversa, vi sono numerose azioni (la quasi totalità di quello che la nostra fantasia suggerisce) per le quali le animazioni non esistono o non rendono in maniera soddisfacente l'idea che avremmo in testa. In quel caso si possono scrivere *tra asterischi* le azioni compiute dal nostro personaggio. *Stringe la mano* *si lava la faccia nel fiume* *abbraccia* sono alcuni esempi di azioni "non previste dal gioco". Oppure un commento tra asterischi può andare a "completare" l'emote spiegando ESATTAMENTE un'azione che l'animazione chiarisce solo parzialmente. Da questo punto di vista è molto importante, a livello "narrativo" che si chiarisca anche cosa il PG STA PENSANDO.
Anche i pensieri possono essere espressi *tra asterischi* (deducendo dal contesto cosa è un'azione e cosa un pensiero) ma in questo caso è molto importante ricordare che il nostro PG NON E' UN TELEPATE. Anche se il giocatore sa cosa pensa l'altro PG perchè lo legge, il PG non lo sa e dunque non potrà nè "rispondere al pensiero" nè regolarsi in base ad esso in qualsiasi altro modo, a meno che non abbia altri indizi (espressioni facciali, sospetti, etc) per poterlo dedurre. Gli emote dei pensieri contibuiscono spesso a rendere più efficace una scena, ad esempio:

Buongiorno, milady, la vostra grazia si equipara solo alla gradevolezza della vostra favella...

*E' una racchia e pure antipatica, ma devo portarle rispetto perchè è la cugina del Principe...*

In questo caso il PG sta volutamente nascondendo quello che pensa e dunque è un grave abuso regolarsi sul fatto che lo si è letto. La nobildonna potrebbe capire che i complimenti sono affettati e non sinceri ma non saprà mai con esattezza cosa c'è dietro...

Trinity^_^
18-08-2005, 17.40.55
interessante come idea :)

Martox.29A.
18-08-2005, 19.30.49
Non nego che la cosa è arrapante...

Thagan
19-08-2005, 04.27.23
Mi trovo d'accordo pressochè su tutto, mi sembra un'ottima integrazione al gioco; da provare :)

Solo 2 cose:

1) Le bestemmie ci possono essere, basta traslarle al mondo di Ascalon :asd:
Per esempio:
"Per i fottutissimi sacri peli di quella strappafiletti di Melandru"
O anche:
"Voglio vedere se quel rotto in culo di Balthazar si ostinerà a ignorare le nostre gesta"
Oppure un direttissimo:
"Porco Grenth!!!"

2) Istituire una figura fondamentale nel GdR, cioè il Master: colui (o perchè no, coloro) che interpreta(no) alcuni PnG e facilita(no) o ostacola(no) lo svolgersi di alcune quest create ad hoc per le sessioni.


Al momento sono molto preso da LoD, ma a breve dovrei tornare abbastanza stabilmente su GW dividendomi equamente fra i due giochi.

:ciaociao

Uill_Uoll
19-08-2005, 14.48.41
Originally posted by Thagan


2) Istituire una figura fondamentale nel GdR, cioè il Master: colui (o perchè no, coloro) che interpreta(no) alcuni PnG e facilita(no) o ostacola(no) lo svolgersi di alcune quest create ad hoc per le sessioni.
Questa non l' ho capita... :mumble
Non fraintendermi, so cos' è il master in un gdr cartaceo, ma non riesco a capire come poter integrare la figura del master all' interno di GW. :dentone:

Variele
19-08-2005, 15.17.51
Allora ti faccio un esempio semplice. Diciamo che il mio PG ha un patrono o un nemico che non è previsto dalla storia di GW. Può essere un maestro, un avversario ma qualunque cosa sia, dato che non è "impersonato" dal computer ci vuole un "giocatore" che lo impersoni, ovvero che si faccia un personaggio con le caratteristiche che occorrono e lo "porti" in gioco quando c'è da interagirci.

Ho capito bene il concetto? Credo che fosse questo. no?

Thagan
19-08-2005, 16.42.11
Originally posted by Variele
Ho capito bene il concetto? Credo che fosse questo. no?
Esatto, ottimo esempio :)

eFFeeMMe
24-08-2005, 16.11.06
MOLTO interessante, se lo fate io sono disponibile : )

Uill_Uoll
24-08-2005, 17.18.22
Contatta l' autore del topic in game, lo si sta già facendo. :)

Variele
03-09-2005, 12.51.51
Se c'è qualcun altro interessato si faccia avanti, al momento siamo circa una dozzina :)