PDA

Visualizza versione completa : Ma quanto cazzo siamo ricchi!?!



diox
14-07-2005, 16.25.27
Lo dice LUI (http://www.repubblica.it/2005/g/sezioni/economia/benescuola/benescuola/benescuola.html) perchè a scuola di suo figlio hanno tutti 2 cellulari.

Immagino vadano in una scuola pubblica magari in un quartiere sfigatissimo :sisi:

Allora , io non chiedo molto , 5 minuti con lui in uno stanzino buio di 3 metri quadri , chiusi dentro io e lui.

Ve lo restituisco che è un uomo onesto , giurin giurella :D

fabiettone
14-07-2005, 16.35.30
Sulla falsità di LUI siam tutti d'accordo.
Però una cosa è vera: tante persone (anche nel mio paese e lo vedo perchè di lavoro faccio passaggi auto e assicurazioni) comprano cose che non possono permettersi.

Esempio : cellulari "in più", o acquisti di cellulari effettuati quando non ce n'è il bisogno (io ne ho uno regalato da mio fratello super rotto da 3 anni..... )

Esempio: acquisto di aute di lusso a rate al di sopra del proprio "status" (e magari si compra il prosciutto-plastica pur di tirare a vanti).

Insomma, il berluska sbaglia tiro, ma alcuni "difetti" gravi nella nostra società ci sono

ciz

Alex64
14-07-2005, 16.43.17
Originally posted by fabiettone
Sulla falsità di LUI siam tutti d'accordo.
Però una cosa è vera: tante persone (anche nel mio paese e lo vedo perchè di lavoro faccio passaggi auto e assicurazioni) comprano cose che non possono permettersi.
Infatti è stato dato l'allarma non mi ricordo se dal ministro dell'economia o dalla banca centrale, che l'italia viva al di sopra della sue possibilità ;)

diox
14-07-2005, 16.43.54
Originally posted by fabiettone
Sulla falsità di LUI siam tutti d'accordo.
Però una cosa è vera: tante persone (anche nel mio paese e lo vedo perchè di lavoro faccio passaggi auto e assicurazioni) comprano cose che non possono permettersi.

Esempio : cellulari "in più", o acquisti di cellulari effettuati quando non ce n'è il bisogno (io ne ho uno regalato da mio fratello super rotto da 3 anni..... )

Esempio: acquisto di aute di lusso a rate al di sopra del proprio "status" (e magari si compra il prosciutto-plastica pur di tirare a vanti).

Insomma, il berluska sbaglia tiro, ma alcuni "difetti" gravi nella nostra società ci sono

ciz

Certo , se è stato eletto e ri eletto un motivo ci sarà , ma quello Fabiet è il modello di vita che LUI e la sua classe politica (di DX o SX che sia) ci vogliono rifilare , sulla falsa riga dei suoi amici americani.

Ora che lui venga a dire che le auto di lusso comprate a rate o che i cellulari venduti o i ristoranti pieni sono sinonimo di ricchezza ... lo vada a dire alle centinaia di negozi che chiudono perchè non riescono a campare , vada a raccontarlo alla gente in cassa integrazione (ma chiuso sempre nel famoso stanzino a quattr'occhi).

Certo mangiare al ristorante è uno dei pochi lussi rimastici ma non mi sembra che fino a qualche anno fa fosse considerato proprio un lusso.

Ale555
14-07-2005, 16.48.43
Sulla disonestà di certe affermazioni ci metto la mano sul fuoco.
Sul fatto che in Italia il'80% delle persone vive al di sopra delle proprie possibilità, purtroppo, anche.
E spesso non è colpa di chi vende, ma di chi acquista.

fabiettone
14-07-2005, 16.51.02
Voglio dire, facciamo autocritica.
Va bene sfogarsi con i politici e ti quoto diox, ma facciamo autocritica, perchè è l'unica cosa che ci salva.
Sfogarci e basta non ci salva , ci da un piccolo e inutile sollievo momentaneo.

E' come quando aspetti una guerra inevitabile. Puoi urlare quanto vuoi, ma quello che si costruisce un rifugio sotterraneo giorno dopo giorno in silenzio magari sopravvive.......

ciz

fabiettone
14-07-2005, 16.52.29
Originally posted by Alex64
Infatti è stato dato l'allarma non mi ricordo se dal ministro dell'economia o dalla banca centrale, che l'italia viva al di sopra della sue possibilità ;)

E dopo un giorno di battibecchi è stato chiuso il caso senza pensarci su.

Poi succedon casi come quello della parmalat e tutti a dire "non ce l'aveva detto nessuno" (nel caso parmalat è in parte vero)

Morfeo81
14-07-2005, 16.53.44
Originally posted by Alex64
Infatti è stato dato l'allarma non mi ricordo se dal ministro dell'economia o dalla banca centrale, che l'italia viva al di sopra della sue possibilità ;)

Il ministro dell' Economia o la Banca Centrale hanno fatto la scoperta dell' acqua calda. ;)

Noi viviamo al di sopra delle nostre possibilità da praticamente sempre, solo che in questo momento, pena la grave crisi europea che vede purtroppo nell' Italia il paese capostipite, la cosa si fa sentire decisamente di più.

Per la cronaca, anche in Italia c'è il meglio ed il peggio: Napoli ad esempio è la capitale assoluta del vivere oltre le proprie possibilità.

Forse la capitale dell'universo, ma devo ancora esplorarlo tutto :D

Alex64
14-07-2005, 16.55.49
Originally posted by fabiettone
Voglio dire, facciamo autocritica.
Se fossi tra quelli che ha votato quel beota me la starei facendo!:D

diox
14-07-2005, 17.00.20
Originally posted by fabiettone
Voglio dire, facciamo autocritica.
Va bene sfogarsi con i politici e ti quoto diox, ma facciamo autocritica, perchè è l'unica cosa che ci salva.
Sfogarci e basta non ci salva , ci da un piccolo e inutile sollievo momentaneo.

E' come quando aspetti una guerra inevitabile. Puoi urlare quanto vuoi, ma quello che si costruisce un rifugio sotterraneo giorno dopo giorno in silenzio magari sopravvive.......

ciz

Io faccio tutta l'autocritica che vuoi.

Però io l'auto non la uso , il cellulare nemmeno (l'unico che ho è quello di servizio che spengo appena esco dall ufficio).

Ora se mi devo pure privare della possibilità di andare a cena fuori con la gnugna perchè è un lusso beh cambio nazione.

Malgrado la rinuncia a due di queste spese sulle tre citate da lui non mi consente certo di vivere nel lusso.

Gli stipendi sono più bassi che mai i contratti di lavoro fanno pena ed il potere di acquisto dell euro e pari alla metà di quello che il rapporto con a lira indicherebbe.

Uno stipendio di mille euro oggi ha il potere di acquisto di un milione delle vecchie lire , checchè ne dica quel simpa del Bonolis.

Io direi che questi sono i problemi da risolvere , forse se non fosse per questo la gente non avrebbe bisogno di indebitarsi a questi livelli.

fabiettone
14-07-2005, 17.06.37
Discorso sensato diox, ma continuo a vedere gente che vive al di sopra delle proprie possibilità.

Un'auto più modesta (ma funzionante e dignitosa) può farti risparmiare anche 1000-1500 euro l'anno .

Meno cazzate altri 1000 (e in una lista di acquisti le cazzate saltano fuori come piccioni in più fave).

Non aspettare che la soluzione arrivi da chissà dove, non aspettare. Credi ancora in Babbo Natale? L'unica salvezza è prendere provvedimenti seri personalmente, per essere pronti quando arriverà la vera crisi.

Le cose che ho elencato (cena, cell e auto) sono esempi. Ma ognuno ha i suoi . Viviamo nella società del consumismo, basta anche 1 vestito in meno al mese, un paio di scarpe in meno all'anno, 1 pizza in meno al mese.

Suvvia, i conti van fatti così.

Se poi mi dici "mi pagano poco" son d'accordissimo. Ma pensi che che si risolve qualcosa? Subito no, nel futuro NO. Fai dichiarazioni giuste ma inutili.

ciz

Morfeo81
14-07-2005, 17.13.58
Io non riesco davvero a capire perchè in questo paese ogni tanto si fanno delle finte scoperte che in realtà tutti conoscono da anni ma che misteriosamente nessuno aveva accennato prima.

E' successo con Tangentopoli, una ventina di anni di ritardo.

E' successo con le FS, che da quando sono piccolo non hanno MAI funzionato veramente bene.

Ora con questo. E' da una vita che è così gente. Siamo un popolo sfarzoso ma che più sfarzoso non si può, ne siamo coinvolti tutti in un modo o nell' altro. Siamo malati di moto e di automobili (non io, ma faccio un discorso generale) di vestiti (ed anche qui ne sono escluso) e se non arriviamo a quello lo facciamo con cose personalissime (videogiochi e dvd, e qui ci sono dentro alla grande).

Risparmiamo pochissimo, spendiamo in una marea di cazzate, economia progredente o meno. Vai in Francia ed in Germania e vedi gente che, paragonata al nostro modo di vestire "brandizzato", sembra pezzentona al massimo ed uscita da un Lager nazista.

Ho citato paesi che ho visitato parecchie volte ormai. Ma scommetto che è così anche in Giappone :D

Nessuna critica agli altri, lo ribadisco: vivo nella città che è l'esempio negativo per eccellenza sotto questo profilo.

fabiettone
14-07-2005, 17.18.18
Il bello è che è sufficente ridurre questa esteriorità non eliminarla.
Già così sarebbe gran cosa .

ciz

Alex64
14-07-2005, 17.34.59
Fabiet il discorso tuo è un po' un discorso del menga. I signori lì che stanno a scaldare le poltroncine dovrebbero provvedere a sanare (anzi non dovrebbero proprio farle creare) situazioni del genere. A stringere la cinghia siamo buoni tutte, non ci serve uno stuole di ministri. Almeno risparmieremmo lì.

Cioè il signorino indicato lì sopra. Ha creato una situazione spiacevole. Magari in concomitanza con altri fattori, magari da solo...per me è difficile dirlo.

Al passaggio dalla lira all'euro i tg hanno cominciato a rompere i maroni mesi prima dicendo: "attenti a non farvi fregare con gli arrotondamenti". Sticazzi...altro che arrotondamenti, ci hanno fatto una cresta della miseria. Chi doveva salvaguardare i prezzi? L'antitrust? L'associazione dei consumatori? Il governo dico io. Dove cazzo sono andati a finire tutti quei guadagni? Non si sa...o meglio si saprebbe, da quelli che hanno aumentato il prezzo durante il suo passaggio, e sono tutti impuniti.
Cosa ha fatto di concreto e di positivo questo governo?
S'è impegnato a dire fino all'altro ieri: "Tranquilli, l'economia va bene, funziona tutto alla grande", quando i dati dell'inflazioni, delle immatricolazioni, del pil e dei redditi erano tutti negativi. Solo quando si sono ritrovati con le spalle al muro, ma al punto che di cazzate proprio non ne potevano sparare più, allora si è ammessa una leggera "stagnazione".
E quei 4 coglioni della lega pensano a rimettere la lira...Ma che cazzo c'hanno questi nel cervello, i criceti? Cioè... ma c'hanno fatto studi per arrivare lì, hanno mai diretto qualcosa? Non lo so...a me sembrano dei coglioni che gettano i dadi e vedono che esce.

fabiettone
14-07-2005, 17.38.10
Originally posted by Alex64
Fabiet il discorso tuo è un po' un discorso del menga. I signori lì che stanno a scaldare le poltroncine dovrebbero provvedere a sanare (anzi non dovrebbero proprio farle creare) situazioni del genere. A stringere la cinghia siamo buoni tutte, non ci serve uno stuole di ministri. Almeno risparmieremmo lì.

Cioè il signorino indicato lì sopra. Ha creato una situazione spiacevole. Magari in concomitanza con altri fattori, magari da solo...per me è difficile dirlo.

Al passaggio dalla lira all'euro i tg hanno cominciato a rompere i maroni mesi prima dicendo: "attenti a non farvi fregare con gli arrotondamenti". Sticazzi...altro che arrotondamenti, ci hanno fatto una cresta della miseria. Chi doveva salvaguardare i prezzi? L'antitrust? L'associazione dei consumatori? Il governo dico io. Dove cazzo sono andati a finire tutti quei guadagni? Non si sa...o meglio si saprebbe, da quelli che hanno aumentato il prezzo durante il suo passaggio, e sono tutti impuniti.
Cosa ha fatto di concreto e di positivo questo governo?
S'è impegnato a dire fino all'altro ieri: "Tranquilli, l'economia va bene, funziona tutto alla grande", quando i dati dell'inflazioni, delle immatricolazioni, del pil e dei redditi erano tutti negativi. Solo quando si sono ritrovati con le spalle al muro, ma al punto che di cazzate proprio non ne potevano sparare più, allora si è ammessa una leggera "stagnazione".
E quei 4 coglioni della lega pensano a rimettere la lira...Ma che cazzo c'hanno questi nel cervello, i criceti? Cioè... ma c'hanno fatto studi per arrivare lì, hanno mai diretto qualcosa? Non lo so...a me sembrano dei coglioni che gettano i dadi e vedono che esce.

Il mio discorso non è del menga nel momento in cui capisci che il culo te lo salvi da solo.

;)

poi gli errori ci sono.... (passaggio all'euro c'era prodi me sa...)

vespino
14-07-2005, 17.44.26
che schifo queste cose..
vive nel lusso quando tutte le industrie italiane sono in fallimento? quando l'unica multinazionale rimasta (fiat) stà per cadere? per favore...che cretino....

Alex64
14-07-2005, 17.53.57
Originally posted by fabiettone
Il mio discorso non è del menga nel momento in cui capisci che il culo te lo salvi da solo.

;)

poi gli errori ci sono.... (passaggio all'euro c'era prodi me sa...)
ma allora aboliamo la classe politica, abbiamo più denaro pubblico :)

fabiettone
14-07-2005, 18.04.10
Originally posted by Alex64
ma allora aboliamo la classe politica, abbiamo più denaro pubblico :)

Dai non ho detto questo.
Una classe dirigente ci vuole, se responsabile meglio.l
Ma se piove l'ombrello me lo apro da solo, non aspetto che me lo vengano ad aprire.
Poi puoi fare il contrario.

ciz

Morfeo81
14-07-2005, 18.07.24
Originally posted by fabiettone
Dai non ho detto questo.
Una classe dirigente ci vuole, se responsabile meglio.l
Ma se piove l'ombrello me lo apro da solo, non aspetto che me lo vengano ad aprire.
Poi puoi fare il contrario.

Bingo. Altro luogo comune secondo me giustissimo.

sharkone
14-07-2005, 18.13.21
mah sarà...in fin dei conti in ogni società capitalista ci sono ricchi e poveri

fabiettone
14-07-2005, 19.02.04
Originally posted by sharkone
mah sarà...in fin dei conti in ogni società capitalista ci sono ricchi e poveri

Questo è inevitabile. E' un prezzo da pagare perchè l'uguaglianza economica è un'utopia. Lo dimostra la storia.

Il fatto è che , imho, esiste un capitalismo "buono" e uno "cattivo", o cmq una soglia in cui il capitalismo produce effetti negativi esasperanti.

E da qualche anno penso che il capitalismo stia "passando al lato oscuro" se mi è permessa questa espressione.

Lo penso io, lo dice uno dei più grandi capitalisti in un suo libro (che ho letto).

Se volete se ne può parlare, o se volete leggerlo è veramente interessante e chiaro.

ciz

Doc Zeius
14-07-2005, 19.20.13
Originally posted by sharkone
mah sarà...in fin dei conti in ogni società capitalista ci sono ricchi e poveri



Nel capitalismo esasperato ci sono ricchi molto ricchi e poveri molto poveri, noi europei per anni abbiamo beneficiato di un sistema capitalistico per modo di dire, pieno di ammortizzatori sociali e molto votato al mercato interno.

Da quando ci siamo buttati sul mercato globale sono iniziate la magagne, le nazioni storicamente più dinamiche (che guarda caso sono anche quelle con uno stato sociale più equo ed avanzato) come l'olanda hanno saputo beneficiarne, quelle più tradizionaliste come l'italia arrancano....


Speriamo bene per il futuro, al momento non vedo nulla che mi faccia essere ottimista.

Eyegore
14-07-2005, 19.37.54
Originally posted by sharkone
mah sarà...in fin dei conti in ogni società capitalista ci sono i Dik Dik

Morfeo81
14-07-2005, 19.42.53
Originally posted by fabiettone
Il fatto è che , imho, esiste un capitalismo "buono" e uno "cattivo", o cmq una soglia in cui il capitalismo produce effetti negativi esasperanti.

Io la butto li: il sistema "capitalistico" italiano del dopoguerra è una delle cose buone che ha prodotto il nostro paese, a mio parere.

Un capitalismo non nel vero senso della parola, ma controllato quanto basta per consentire l'assistenza ed una certa stabilità di base da un lato, oltre che evitare gli squilibri sociali delle società liberiste dall'altro, senza negare l'iniziativa privata, strutturalmente iniziato dal 1925, anche se proseguito dal 45 in poi con modalità palesemente differenti.

Lasciate stare che il mondo (ora anche noi) andava in una direzione opposta, ma io l'ho trovata un ottima cosa.

In USA c'è ancora un sacco di gente che non si può permettere l'assistenza medica, non dimentichiamolo mai.

Ale555
14-07-2005, 20.38.43
Il discorso che faceva fabiet era l'esposizione di quello che dicevo io.
Siamo in un sistema maligno, è chiaro: siamo pagati poco e la roba è rincarata tanto. L'inflazione è alta, le spese obbligatorie (tasse, assicurazioni) sono alte per colpa sia di chi non le paga furbescamente sia di chi le impone in maniera lobbistica e incontrollata.
Però per fortuna c'è ancora possibilità di scelta: e nessuno mi toglie dalla testa che una mano a far ingenerare questo sistema la dà anche chi vuole PER FORZA permettersi qualcosa che non può avere, chi ritiene irrinunciabili beni superflui assolutamente rinunciabili, chi pur di avere "quella macchina" o "quelle scarpe" o "quel vestito" si indebita e dilaziona una spesa che non riesce a coprire non solo in un mese, ma nemmeno in un anno di stipendi.
Lasciando poi perdere il nostro sistema capitalistico, che a differenza di quelli di paesi più colti del nostro (vedi Irlanda, Spagna e Olanda) non ha saputo cogliere i frutti degli aiuti e dei finanziamenti della comunità europea, né ai tempi né adesso, preferendo finanziamenti "a pioggia" invece che mirati, con la scusa che gli unici ad averne tratto beneficio sono i burocrati e i colletti bianchi.
E mi dispiace ma non riesco a ritenere innocente nemmeno la grande industria, nemmeno i defunti (per fortuna) nuovi Re d'Italia di Torino con le loro scelte spesso sbagliatissime e anacronistiche, né il resto della grande industria italiana che oggi gioca tanto a fare la voce "contro".
Credo molto di più negli artigiani e nei commercianti (nella gente onesta, ovviamente), perché se non ci siamo resi conto che ormai l'unica risorsa affidabile dell'Italia è il turismo secondo me stiamo ancora un po' sognando.

sharkone
14-07-2005, 20.40.40
Originally posted by fabiettone
Questo è inevitabile. E' un prezzo da pagare perchè l'uguaglianza economica è un'utopia. Lo dimostra la storia.

Nulla è inevitabile.

Probabilmente non puo'esistere una uguaglianza economica totale, ma una piu' giusta e' possibile. Lo dimostra la storia.

Ale555
14-07-2005, 20.51.12
Sharko il fatto è che non si possono mandare all'aria anni di sviluppi (evolutivi o involutivi che siano), da una parte c'è la legittima aspirazione a qualcosa di più, dall'altra la furberia della disonestà, e non tutti sono d'accordo nell'applicare la giustizia economica...

sharkone
15-07-2005, 01.33.35
Originally posted by Ale555
Sharko il fatto è che non si possono mandare all'aria anni di sviluppi (evolutivi o involutivi che siano), da una parte c'è la legittima aspirazione a qualcosa di più, dall'altra la furberia della disonestà, e non tutti sono d'accordo nell'applicare la giustizia economica... ma non stavo parlando di applicare il socialismo in Italia, stavo solo dicendo che storicamente e' provato, a differenza di quello che dice fabiet ;)

In Italia si potrebbero cmq avviare riforme in quel senso...magari partendo da stronzate come tagliare lo stipendio dei parlamentari(a Cuba prendono meno di altri lavori, non 10 volte di piu';) ) per poi arrivare a cosa piu' serie come il fu stato sociale e alle manovre economiche.

in Italia c'e' lusso, ci sono telefonini, ci sono case piene di console, forum pieni di hardcore gamer...pero' ci sono tante altre persone che campano con la luce abusiva, che lavorano in nero e che vivono come pezzenti.

fabiettone
15-07-2005, 09.36.05
Originally posted by sharkone
ma non stavo parlando di applicare il socialismo in Italia, stavo solo dicendo che storicamente e' provato, a differenza di quello che dice fabiet ;)

In Italia si potrebbero cmq avviare riforme in quel senso...magari partendo da stronzate come tagliare lo stipendio dei parlamentari(a Cuba prendono meno di altri lavori, non 10 volte di piu';) ) per poi arrivare a cosa piu' serie come il fu stato sociale e alle manovre economiche.

in Italia c'e' lusso, ci sono telefonini, ci sono case piene di console, forum pieni di hardcore gamer...pero' ci sono tante altre persone che campano con la luce abusiva, che lavorano in nero e che vivono come pezzenti.

Ma guarda che perchè parlo di una parte di colpa mica tolgo colpe ad altri.

Sto solo puntando il dito sui cittadini, cosa che non si fa mai.

Chiaro che colpe e anche gravi derivano pure dai dirigenti (così come potrebbero arrivare soluzioni come dici te).

Ma continuando a parlare e parlare e parlare ci dimentichiamo che se non ci arriva il cibo dobbiamo andarcelo a cercare...

ciz

diox
15-07-2005, 10.01.45
Originally posted by fabiettone
Dai non ho detto questo.
Una classe dirigente ci vuole, se responsabile meglio.l
Ma se piove l'ombrello me lo apro da solo, non aspetto che me lo vengano ad aprire.
Poi puoi fare il contrario.

ciz

Si ma quando il tuo ombrello diventa delle dimensioni di un ombrellino da coktail ti bagni lo stesso ed è a questo punto che stiamo arrivando.

Molta gente comune campa con stipendi che non superano i mille euro , quando prima magari guadagnavano 1.500.000 £ praticamente si ritrovano invece che con l'equivalente di 1.932.000 al mese (i mille euro arrotondati) sono diventati un milone di lire (parlando di potere di acquisto).

Ora puoi risparmiare fin che vuoi , puoi evitare spese folli per auto "di lusso" e cellulari , però se già vuoi comprarti una casa per viverci da solo , ti ritrovi con l'acqua alla gola.

diox
15-07-2005, 10.05.22
Originally posted by Ale555

Credo molto di più negli artigiani e nei commercianti (nella gente onesta, ovviamente), perché se non ci siamo resi conto che ormai l'unica risorsa affidabile dell'Italia è il turismo secondo me stiamo ancora un po' sognando.

Che sono poi quelli che pagano maggiormente questa situazione:(

GODZODDO
15-07-2005, 10.11.34
Una buona parte delle volte in cui mi ritrovo a parlare con alcuni amici salta fuori un discorso caratterizzato da due temi portanti:

1)scarsità lavoro/bassi stipendi

2)acquisto casa molto difficile


avvilente....

sharkone
15-07-2005, 10.49.07
Originally posted by GODZODDO


2)acquisto casa molto difficile


Per non parlare degli affitti.

Tra l'altro a Bologna ci sono una quantità indescrivibile di appartamenti liberi(ormai conosco tutte le agenzie a memoria :D )...nessuno li compra

sharkone
15-07-2005, 10.51.52
Originally posted by fabiettone
Sto solo puntando il dito sui cittadini, cosa che non si fa mai.


Ma chi compra due cellulari ne puo' comprare anche tre...c'e' gente pero' che ne riesce a comprare uno rubato e basta.

Se uno ha i soldi lì ha. Il problema e' cambiare per fare arrivare qualcosa anche agli altri, ed equilibrare gli stipendi in un sistema completamente sballato...e non e' colpa dei cittadini.

fabiettone
15-07-2005, 10.53.48
Originally posted by GODZODDO
Una buona parte delle volte in cui mi ritrovo a parlare con alcuni amici salta fuori un discorso caratterizzato da due temi portanti:

1)scarsità lavoro/bassi stipendi

2)acquisto casa molto difficile


avvilente....

Allora, premesso che ognuno ha la sua (più o meno triste) storia da raccontare, io potrei dire che ho amici che hanno la casa, un lavoro "normale" e si son comprati l'appartamento. Qualcosa l'avevano messo da parte, un po' hanno aiutato i genitori, gran parte han fatto un mutuo in banca e stanno facendo grossi sacrifici.

Sudando, ma ce la stanno facendo. Non sono pochi, diciamo che solitamente si fa così.

Protestano pure loro che la vita è dura, ce l'hanno con tutti i governi del mondo, ma guardano avanti perchè la vita è loro ed in qualche modo devono farcela.

Per il lavoro scarso. Ok.

Qui da me ci sono cartelli che cercano manodopera. Clienti che hanno piccole fabbrichette vengono a chiedermi se conosco qualcuno che può lavorare per loro.

Poi dopo 15 gg tornano dicendo che han dovuto assumere extracomunitari.

Non è successo poche volte, e i cartelli "cercasi" ogni tanto ne vedi.

ciz

fabiettone
15-07-2005, 11.00.45
Originally posted by sharkone
Ma chi compra due cellulari ne puo' comprare anche tre...c'e' gente pero' che ne riesce a comprare uno rubato e basta.

Se uno ha i soldi lì ha. Il problema e' cambiare per fare arrivare qualcosa anche agli altri, ed equilibrare gli stipendi in un sistema completamente sballato...e non e' colpa dei cittadini.

Il discorso "equilibrio" non è colpa del singolo infatti.
Ma io sto semplicemente non parlando delle colpe dei dirigenti, che sono sicuramente gravissime perchè dovrebbero rappresentare i nostri interessi, per parlare delle minicolpe nostre.
Ovvero di non riuscire a controllare (a volte) le nostre spese.

Se spendiamo meno in tanti guardate che gli altri "se ne accorgono". I prezzi scendono (non subito).

ciz

sharkone
15-07-2005, 11.05.53
Originally posted by fabiettone
Il discorso "equilibrio" non è colpa del singolo infatti.
Ma io sto semplicemente non parlando delle colpe dei dirigenti, che sono sicuramente gravissime perchè dovrebbero rappresentare i nostri interessi, per parlare delle minicolpe nostre.
Ovvero di non riuscire a controllare (a volte) le nostre spese.

Se spendiamo meno in tanti guardate che gli altri "se ne accorgono". I prezzi scendono (non subito).

ciz

Ma siamo consumisti, siamo nel consumismo.
La gente ha i soldi, li spende.

Se qualcuno si ritrova con lo stipendio dimezzato per l'euro, se qualcuno si ritrova senza lavoro, se qualcuno si ritrovara laureato senza una lira...non e' colpa di Sharko che prende il Neo Geo o Lpf che compra la Moto nuova.

gentus
15-07-2005, 11.09.54
Originally posted by fabiettone
poi gli errori ci sono.... (passaggio all'euro c'era prodi me sa...)

prodi ha fatto il passo.. silvio l'ha attuato

in tanti paesi europei c'è l'euro... il nostro è quello in cui c'è stato lo scandalo al passaggio ;)

GODZODDO
15-07-2005, 11.11.20
Guarda Fabio che il discorso della manodopera e degli italiani che non si accontentano va fatto con una certa perizia.
Io ti parlo di neolaureati, da anche un anno, che hanno studiato per anni e non penso si indirizzino subito verso i piccoli-medi artigiani per lavorare al tornio, tanto valeva iniziare subito a fare l'artigiano senza studiare o altro.

Sulla casa nessun problema, hai ragione te ma in certi casi è difficile anche chiedere un mutuo se sei collaboratore e non tutti hanno genitori pronti a garantire in banca per i figlioli, che seppur guadagnano discretamente, non hanno i requisiti giusti per fare il grande passo.

Ora molte società, ci metto anche le banche e altre cose, prendono dentro molti ragazzi per periodi di 2 o 3 mesi e poi aria, magari riassumendoli per altri 3 mesi etc etc in un tiraemolla devastante che va ad assoluto vantaggio di chi propone il lavoro. Alle volte è dura da mandare giù ma come ogni volta ci si rimbocca le maniche e si va avanti solo che come Doc sono poco ottimista sul futuro: guardo le generazioni dietro e percepisco una luce diversa, qua vedono tutti nero, o quasi anche se stringono le chiappe e fanno sacrifici con la s maiuscola.

ribes
15-07-2005, 11.29.57
Originally posted by fabiettone
Allora, premesso che ognuno ha la sua (più o meno triste) storia da raccontare, io potrei dire che ho amici che hanno la casa, un lavoro "normale" e si son comprati l'appartamento. Qualcosa l'avevano messo da parte, un po' hanno aiutato i genitori, gran parte han fatto un mutuo in banca e stanno facendo grossi sacrifici.

Sudando, ma ce la stanno facendo. Non sono pochi, diciamo che solitamente si fa così.

Protestano pure loro che la vita è dura, ce l'hanno con tutti i governi del mondo, ma guardano avanti perchè la vita è loro ed in qualche modo devono farcela.

Per il lavoro scarso. Ok.

Qui da me ci sono cartelli che cercano manodopera. Clienti che hanno piccole fabbrichette vengono a chiedermi se conosco qualcuno che può lavorare per loro.

Poi dopo 15 gg tornano dicendo che han dovuto assumere extracomunitari.

Non è successo poche volte, e i cartelli "cercasi" ogni tanto ne vedi.

ciz
fabietto tu sei nel nordest, e anche se c'è crisi ancora si lavora...considera che il veneto è stato il motore dello sviluppo degli ultimi 30 anni...con la gente che finiva la 3a media e aveva la fabbrichetta che già gli chiedeva di venire a lavorare...non dappertutto è così...soprattutto c'è gente che magari ha studiato un po' che non dico vorrebbe vedersi valorizzato il suo titolo, ma semplicemente fare qualcosa che a grandi linee rientri con quel che potrebbe saper fare/interessargli.
E poi: non tutti hanno i genitori che hanno lavorato tutta la vita e gli possono dare una parte di soldini per comprarsi la casa o la macchina...vieni da una parte di italia che se la suda, ma che, crisi o non crisi, continua a lavorare. Guarda, basta spostarsi un po' più a ovest, in lombardia, e vedi che la menata è già diversa...sul bresciano e nelle campagne il lavoro c'è: puoi fare (ed è ottimamente retribuito) il bergamino...ciooè quello che munge le vacche. Principalmente lo fanno gli indiani.
Ma nelle città è utopia pura...l'unica è spostarsi (facendo il pendolare magari) a milano...salvo che non ti vada "di culo" (ma il culo è una variabile che preferisco non includere nella mia piccola simulazione di realtà...tanto ne hanno sempre gli altri, no? :D). E anche a milano non è che uno trovi la manna...magari lavori 6/8 mesi, poi sei di nuovo in ballo a cercare...in questo senso gli affitti stratosferici non aiutano per niente (e a Milano sono una cosa fuori dal bollo...tanto che gente che fa lavori assolutamente "rispettabili", per pagarsi l'affitto, fa a 30 anni la vita da studente, condividendo l'appartamento con altra gente per dividere l'affitto..

io sono il primo che cerca di non piangersi addosso e accetta la sfida, ma riconosco che la situazione non è il massimo

fabiettone
15-07-2005, 11.50.59
Originally posted by ribes


io sono il primo che cerca di non piangersi addosso e accetta la sfida, ma riconosco che la situazione non è il massimo

Ma questo lo dico pure io. Sto solo cercando di vedere la cosa solo da una angolatura, dando per scontato che il discorso "governi schifosi da ... diciamo da tangentopoli" c'è ed è accertato.
Non solo, ne abbiamo già discusso noi due. Il problema è la cecità di chi governa, che da "lassù" non riesce proprio a vedere come siamo messi. Esempio, se domani un ministro viene a visitare il mio paesello, stranamente si fanno le pulizie, i negozi si lucidano, si aggiungono luci , ci vestiamo bene, i carabinieri tengono alla larga i barboni. Chiaramente il ministro deduce che va tutto bene..... :rolleyes:


I problemi ci sono, quel che dico io è che se c'è la merda devo far di tutto per abituarmi (chiaramente cercando sempre di migliorare).

ciz

tekkaman
15-07-2005, 12.09.14
per fortuna che ci sia gente che vive oltre le proprie possibilità, almeno danno lavoro ad un sacco di gente:D

diox
15-07-2005, 15.02.40
Originally posted by fabiettone
Allora, premesso che ognuno ha la sua (più o meno triste) storia da raccontare, io potrei dire che ho amici che hanno la casa, un lavoro "normale" e si son comprati l'appartamento. Qualcosa l'avevano messo da parte, un po' hanno aiutato i genitori, gran parte han fatto un mutuo in banca e stanno facendo grossi sacrifici.

Sudando, ma ce la stanno facendo. Non sono pochi, diciamo che solitamente si fa così.

Protestano pure loro che la vita è dura, ce l'hanno con tutti i governi del mondo, ma guardano avanti perchè la vita è loro ed in qualche modo devono farcela.

Per il lavoro scarso. Ok.

Qui da me ci sono cartelli che cercano manodopera. Clienti che hanno piccole fabbrichette vengono a chiedermi se conosco qualcuno che può lavorare per loro.

Poi dopo 15 gg tornano dicendo che han dovuto assumere extracomunitari.

Non è successo poche volte, e i cartelli "cercasi" ogni tanto ne vedi.

ciz

Singole che riescono a comprarsi casa , pagare affitto , telefono , riscaldamento , luce e gas , con uno stipendio medio?.

La vedo dura.

Io lavoro , faccio qc. lavoretto per conto mio ed ho "paura" all idea di comprare casa perchè ce la farei giusto giusto. :(

fabiettone
15-07-2005, 15.33.45
Originally posted by diox
Singole che riescono a comprarsi casa , pagare affitto , telefono , riscaldamento , luce e gas , con uno stipendio medio?.

La vedo dura.

Io lavoro , faccio qc. lavoretto per conto mio ed ho "paura" all idea di comprare casa perchè ce la farei giusto giusto. :(


Per la precisione, parlavo di coppie. Io e mia moglie nel 2001 dopo 8 anni avevamo messo da parte circa 150 000 000. Ho fatto io un piccolo finanziamento di 60 000 000 (finito di pagare 2 anni fa) , con l'aiuto dei genitori siamo riusciti a ristrutturare e a rendere confortevole la casa di mia nonna.

Ma non è che ci siam svegliati nel 2000 dicendo "vogliamo una casa" .
Insomma, non guardiamoci oggi e diciamo "siamo senza soldi" (parlo a chi ha più di 30 anni naturalmente). Una casa non è che la vuoi e ce l'hai oggi, devi cmq programmarla un attimino !!!

Personalmente per mettere via i dindi ho fatto dei sacrifici, ma sapevo che valevano la candela.

Poi, sui prezzi delle case, sicuramente è meglio chiudere tutti gli occhi, il problema non è così semplice come lo dipingo.

ciz ;)

diox
15-07-2005, 16.06.37
Originally posted by fabiettone
Per la precisione, parlavo di coppie. Io e mia moglie nel 2001 dopo 8 anni avevamo messo da parte circa 150 000 000. Ho fatto io un piccolo finanziamento di 60 000 000 (finito di pagare 2 anni fa) , con l'aiuto dei genitori siamo riusciti a ristrutturare e a rendere confortevole la casa di mia nonna.

Ma non è che ci siam svegliati nel 2000 dicendo "vogliamo una casa" .
Insomma, non guardiamoci oggi e diciamo "siamo senza soldi" (parlo a chi ha più di 30 anni naturalmente). Una casa non è che la vuoi e ce l'hai oggi, devi cmq programmarla un attimino !!!

Personalmente per mettere via i dindi ho fatto dei sacrifici, ma sapevo che valevano la candela.

Poi, sui prezzi delle case, sicuramente è meglio chiudere tutti gli occhi, il problema non è così semplice come lo dipingo.

ciz ;)

Eh io che sono single , non ho alcuna intenzione di sposarmi o convivere (almeno per ora) e non posso contare sull aiuto dei miei con uno stipendio normale che devo farre per comprare casa?

Ti assicuro che senza privarmi di tutto o quasi non ci riuscirei e la cosa mi fa incazzare visto che non lavoro per divertirmi.

In più sento quel cappone che dice che siamo ricchi , insomma lo stanzino buio resta la soluzione migliore. :toh:

Morfeo81
15-07-2005, 16.09.06
Originally posted by diox
Eh io che sono single , non ho alcuna intenzione di sposarmi o convivere (almeno per ora) e non posso contare sull aiuto dei miei con uno stipendio normale che devo farre per comprare casa?

Te la fitti, come fa chiunque alle prime armi. Per la cronaca, è il mio programma in caso di un trasferimento che sto cercando.

E punto alla monocamera, preciso (e quelle sono fattibilissime, mi sto informando personalmente).

Se la vuoi comprare ci vogliono anni di sacrifici. Il concetto non è difficile secondo me.

diox
15-07-2005, 16.16.21
Originally posted by Morfeo81
Te la fitti, come fa chiunque alle prime armi. Per la cronaca, è il mio programma in caso di un trasferimento che sto cercando.

E punto alla monocamera, preciso (e quelle sono fattibilissime, mi sto informando personalmente).

Se la vuoi comprare ci vogliono anni di sacrifici. Il concetto non è difficile secondo me.

Qui per un monolocale in affitto parte dai 300 euro (in zone de mierda).
Qc. settimana fa avevo trovato un occasione , appartamentino camera e cucina a 250 euro ... nemmeno ho fatto in tempo a vederlo.

Ora somma a questo tutte le spese del caso e vedrai da te che non arrivi a mettere via soldi per comprare casa prima della pensione se decidi di andare a stare in affitto.

fabiettone
15-07-2005, 16.25.41
Originally posted by diox


In più sento quel cappone che dice che siamo ricchi , insomma lo stanzino buio resta la soluzione migliore. :toh:


Ma non ci sono dubbi.
Solo che dopo lo stanzino tu resti quel che sei e lui pure.
Cioè tu senza casa lui con tante case e con gli ospedali che lo rifanno a nuovo. Per questo dobbiamo renderci conto che dobbiamo vivere con tutte le nostre forze. E fra queste forze c'è il "progetto futuro", ovvero il tutelarci verso il futuro.

Personalmente sta cosa l'ho sentita a 22 anni circa, magari altri la "sentono dopo".

2 cose

la prima: "mettere via i soldi" non è che sia la cosa più sicura, nulla è più sicuro in questi anni.

la seconda: comprare una casa è veramente un sacrificio economico, ora io ho "finito" (anche se finita una la vuoi cambiare) ma avere 500 euro al mese da pagare è duro (e 500 euro al mese son pochi , in media!!!)

ciz

sharkone
15-07-2005, 16.31.20
Originally posted by fabiettone
(e 500 euro al mese son pochi , in media!!!)


a Bologna sono un sogno

_LEVA_
15-07-2005, 17.42.04
Originally posted by diox
5 minuti con lui in uno stanzino buio di 3 metri quadri , chiusi dentro io e lui.


Che fantasie malate diox, non voglio nemmeno sapere cosa vuoi farci chiuso li dentro col berlusca!:brr:

diox
15-07-2005, 17.58.43
Originally posted by _LEVA_
Che fantasie malate diox, non voglio nemmeno sapere cosa vuoi farci chiuso li dentro col berlusca!:brr: :D

MarcoLaBestia
15-07-2005, 18.46.14
Ragazzi ste notizie non mi fanno più notizia.


Ormai è appurato ke LUI è un Coglione.

ribes
15-07-2005, 19.47.00
Originally posted by diox
Qui per un monolocale in affitto parte dai 300 euro (in zone de mierda).
Qc. settimana fa avevo trovato un occasione , appartamentino camera e cucina a 250 euro ... nemmeno ho fatto in tempo a vederlo.

Ora somma a questo tutte le spese del caso e vedrai da te che non arrivi a mettere via soldi per comprare casa prima della pensione se decidi di andare a stare in affitto.
Dove in Italia?
Perché a Milano un monolocale sono 300 euro a testa dormendoci dentro in 3 (2 in camera e uno in soggiorno), molto spesso.

Ciao

sharkone
15-07-2005, 20.35.49
Originally posted by ribes
Dove in Italia?
Perché a Milano un monolocale sono 300 euro a testa dormendoci dentro in 3 (2 in camera e uno in soggiorno), molto spesso.

Ciao

noi in centro pagavamo(paghiamo fino ad agosto) 900 euro per 33mq.certo appartamento attaccato al culo di SanPetronio come i gran signori quindi poco da lamentarsi.

i prezzi pero' non sono da meno in periferia, l'appartamento con due camera costa minimo 800, non parlando di zone losche o offerte "culute".

ora pagheremo 800 per 100 mq...a catanzaro le case di famiglia con quelle dimensioni raggiungono i 500 euro...

diox
15-07-2005, 20.53.57
Originally posted by ribes
Dove in Italia?
Perché a Milano un monolocale sono 300 euro a testa dormendoci dentro in 3 (2 in camera e uno in soggiorno), molto spesso.

Ciao

Beh a Torino in zone dove di solito chi ci abita o spaccia o si prostituisce o fa qc. del genere.

Se poi vuoi una zona "umana" allora comincia ad aggiungere quei 100/150 euro.

In ogni modo Torino non è certo tra le più care.:(

ribes
15-07-2005, 20.54.57
Originally posted by sharkone
noi in centro pagavamo(paghiamo fino ad agosto) 900 euro per 33mq.certo appartamento attaccato al culo di SanPetronio come i gran signori quindi poco da lamentarsi.

i prezzi pero' non sono da meno in periferia, l'appartamento con due camera costa minimo 800, non parlando di zone losche o offerte "culute".

ora pagheremo 800 per 100 mq...a catanzaro le case di famiglia con quelle dimensioni raggiungono i 500 euro...
Anche io parlavo di zone rispettabili di milano (porta ticinese/navigli).
Chiaro che se uno volesse abitare da solo nel monolocale deve guadagnare un patrimonio!

sharkone
15-07-2005, 21.49.44
Originally posted by ribes

Chiaro che se uno volesse abitare da solo nel monolocale deve guadagnare un patrimonio!

poco ma sicuro, affitto+bollette+devi anche mangiare

aries
15-07-2005, 21.49.59
mentre leggevo qualche post di questa discussione, avevo affianco la tv accesa su mtv, davano lo speciale "Fabolous Life of Britney Spears", mi son venuti i conati di vomito.

MarcoLaBestia
16-07-2005, 02.57.57
Ma avete una vaga idea, una lontanissima idea di quello ke guadagnano i politici?

Ce l'avete?


Bene, è molto di più. Mi viene quasi da piangere :|

diox
16-07-2005, 09.48.26
Originally posted by -MarcoTheBest-
Ma avete una vaga idea, una lontanissima idea di quello ke guadagnano i politici?

Ce l'avete?


Bene, è molto di più. Mi viene quasi da piangere :|

certo che si.

Questo non può far altro che far girare di più i maroni

MarcoLaBestia
16-07-2005, 11.33.56
Lo stipendio di un deputato si aggira, parlando in vekkie lire, ai MILLE MILIARDI :| Questo lo stipendio dei politici non di spicco.

Ora lo sappiamo tutti quante proprietà possiede LUI


ecco, non riesco ad immaginarlo nemmeno il suo stipendio... 10? 100 volte di più? mamma mia :tsk:

Doc Zeius
16-07-2005, 11.56.47
Stipendio di un politico mille miliardi? :D


Ma davvero esiste gente così cretina da poter pensare una cosa del genere.... :asd:


Praticamente tra camera e senato se fosse come dici tu se ne andrebbe metà del PIL


Lo stipendio di un parlamentare si aggira attorno ai 120.000€ lordi annui.

ribes
16-07-2005, 12.07.54
Originally posted by -MarcoTheBest-
Lo stipendio di un deputato si aggira, parlando in vekkie lire, ai MILLE MILIARDI :| Questo lo stipendio dei politici non di spicco.

Ora lo sappiamo tutti quante proprietà possiede LUI


ecco, non riesco ad immaginarlo nemmeno il suo stipendio... 10? 100 volte di più? mamma mia :tsk:

Come è andata ieri in piscina con topo gigio?

diox
16-07-2005, 12.23.38
Originally posted by Doc Zeius
Stipendio di un politico mille miliardi? :D


Ma davvero esiste gente così cretina da poter pensare una cosa del genere.... :asd:


Praticamente tra camera e senato se fosse come dici tu se ne andrebbe metà del PIL


Lo stipendio di un parlamentare si aggira attorno ai 120.000€ lordi annui.

quello del berlusca se non erro è di 12.000 euro mensili , povero:(

Doc Zeius
16-07-2005, 12.30.13
Originally posted by diox
quello del berlusca se non erro è di 12.000 euro mensili , povero:(


Il presidente del consiglio dei ministri tra indennità e cazzi vari prende almeno il triplo di quanto hai detto tu, cmq se non erro sia ciampi sia berlusconi hanno rinunciato allo stipendio.


Bella forza uno è l'uomo più ricco d'italia e l'altro campa con la pensione da governatore della banca d'italia :D

diox
16-07-2005, 13.05.11
Originally posted by Doc Zeius
Il presidente del consiglio dei ministri tra indennità e cazzi vari prende almeno il triplo di quanto hai detto tu, cmq se non erro sia ciampi sia berlusconi hanno rinunciato allo stipendio.


Bella forza uno è l'uomo più ricco d'italia e l'altro campa con la pensione da governatore della banca d'italia :D

Si beh , io parlavo di solo stipendio

Eyegore
16-07-2005, 13.54.15
caspiterina :mille: miliardi!!!:eek2: