PDA

Visualizza versione completa : La strip di questa settimana su M.it...



Dedalus
04-06-2005, 22.17.53
....(per la precisione questa (http://www.multiplayer.it/show.php?id=3403&img=64)), rispecchia perfettamente ciò che penso della seconda triologia di guerre stellari ^^.

@ Lo-Rez: per il discorso sicurezza, è presto detto. Perchè sprecare risorse per impedire intrusioni da parte di droidi quando tu sei il signore incontrastato di tutto l'universo e ti trovi in una base segreta dove girano solo i tuoi droidi. Buget :) .
E poi se non c'erano i Firewall sulla morte nera, figurati se mettono qualcosa del genere nella serie prequel :DDDD .

cymon
05-06-2005, 03.00.41
Originally posted by Dedalus
....(per la precisione questa (http://www.multiplayer.it/show.php?id=3403&img=64)), rispecchia perfettamente ciò che penso della seconda triologia di guerre stellari ^^.


Pensi che la nuova trilogia sia stata scritta per piccoli omini verdi? Bhe, a pensarci per certi aspetti forse è vero.
Speriamo che questa settimana la vignetta possano vederla finalmente tutti e non solo i più sgamati tra gli utenti...

Comunque se qualcuno si stesse chiedendo dove sono tutti quelli che si lamentano della repentina conversione di Anakin al lato oscuro ci sono io. Il mio problema non è che è repentina (perchè alla fine la preparazione al passaggio verte su argomenti completamente diversi da quelli che lo porteranno a farlo davvero) quanto il fatto che ti sei ridotto a farla repentina quando avevi a disposizione DUE FILM per farla con calma e li hai riempiti di inutilità

Dedalus
05-06-2005, 14.58.00
Originally posted by cymon
Pensi che la nuova trilogia sia stata scritta per piccoli omini verdi?

Penso che quando già so come va a finire una storia, il libro/film/manga/cartone ci perde molto.
In un telefilm ancora ancora ci può stare (chi ha visto in Enterprise la puntata che iniziava con il funerale di Trip che poi non era Trip? Bellissima), ma altrimenti molto difficilmente.

[FTR]Lo-Rez
06-06-2005, 19.17.26
Originally posted by cymon
Comunque se qualcuno si stesse chiedendo dove sono tutti quelli che si lamentano della repentina conversione di Anakin al lato oscuro ci sono io. Il mio problema non è che è repentina (perchè alla fine la preparazione al passaggio verte su argomenti completamente diversi da quelli che lo porteranno a farlo davvero) quanto il fatto che ti sei ridotto a farla repentina quando avevi a disposizione DUE FILM per farla con calma e li hai riempiti di inutilità

Io non ho avuto questa impressione. D'altronde, tu appartieni alla fazione di Star Trek...
Su che argomenti verte secondo te Episodio II?

cymon
06-06-2005, 20.07.19
Originally posted by [FTR]Lo-Rez
Io non ho avuto questa impressione. D'altronde, tu appartieni alla fazione di Star Trek...
Su che argomenti verte secondo te Episodio II?

Sulla necessità di usare il potere quando necessario e sulla necessità di uomini forti durante periodi oscuri, tutti temi comuni all'ascesa di molte dittature e che, assieme all'indole di Anakin, danno un buon humus alla creazione di Fener.
In Ep. III invece Anakin si convince per salvare Padmé (quindi inevitabilmente per compiere una buona azione, unica ragione che viene universalmente accettata dal cinema per fare i bastardi).

[FTR]Lo-Rez
08-06-2005, 18.44.17
Originally posted by cymon
Sulla necessità di usare il potere quando necessario e sulla necessità di uomini forti durante periodi oscuri, tutti temi comuni all'ascesa di molte dittature e che, assieme all'indole di Anakin, danno un buon humus alla creazione di Fener.
In Ep. III invece Anakin si convince per salvare Padmé (quindi inevitabilmente per compiere una buona azione, unica ragione che viene universalmente accettata dal cinema per fare i bastardi).

Io la interpreto diversamente, esimio collega. :toh:
In ep. III di fatto si fa riferimento chiaramente ai fatti di ep. II e di ep. I. Il problema di Ani è sempre stata la voglia di usare il potere per proteggere prima sua madre e poi Padmé, e non si voleva rassegnare alla loro perdita. Yoda e gli altri gli dicevano di lasciar stare, perchè la morte fa parte della natura delle cose, un Jedi se ne frega, non deve avere legami ecc. (e anche perchè tanto c'è il trucco Jedi di ritornare come fantasmi, però questo non glielo hanno detto subito, i bastardi... lo imparerà da solo). Quindi già nei primi episodi il tema era questo.
Che poi è la necessità di usare il potere quando necessario, come dici tu, e viene ripreso anche nel III.
E poi nel III viene ripreso anche l'aspetto un pò più politico, quello del senatore Palpatine che vuole un governo stabile per superare la crisi, ecc... cioè convince Anakin che bisogna usare la forza anche quando il consiglio dei Jedi vuole restare neutrale.

Dedalus
08-06-2005, 21.24.33
Uoooo, rissa tra i capoccia di FTR: uno scontro epico e sanguinolento che poterà sconvolgimenti di proporzioni bibliche.

LOL

Cmque, pur non avendo visto Episodio III, condivido l'idea di Lo-Rez: già in episodio II si notavano dei sintomi di ribelione da parte del giovane Anakin.

cymon
09-06-2005, 00.40.03
Per la cronaca: io e Lo-Rez la pensiamo in maniera diametralmente opposta in un mucchio di campi. Ha del miracoloso la sintonia con cui produciamo webcomic.



Originally posted by [FTR]Lo-Rez
Io la interpreto diversamente, esimio collega. :toh:
In ep. III di fatto si fa riferimento chiaramente ai fatti di ep. II e di ep. I. Il problema di Ani è sempre stata la voglia di usare il potere per proteggere prima sua madre e poi Padmé, e non si voleva rassegnare alla loro perdita. Yoda e gli altri gli dicevano di lasciar stare, perchè la morte fa parte della natura delle cose, un Jedi se ne frega, non deve avere legami ecc. (e anche perchè tanto c'è il trucco Jedi di ritornare come fantasmi, però questo non glielo hanno detto subito, i bastardi... lo imparerà da solo).


Bhe, oddio, dire che la filosofia Jedi è "lasciali crepare, se è il loro destino così sia" mi sembra un pochino forte, addirittura contro l'idea stessa del jedi come guardiano della galassia. Piuttosto è ben vero che affrontare situazioni complesse senza la dovuta preparazione e di conseguenza il dovuto distacco porta facilmente al lato oscuro (ma ce l'aveva già detto Yoda in L'Impero colpisce ancora). I Jedi non prendono sul serio le premonizioni di Anakin perché lo considerano troppo coinvolto. Insomma, non è che sarebbe stato carino lasciarla crepare a prescindere, anche perché altrimenti tanto valeva pure far crollare la repubblica, una volta che ci si è distaccati pure da quella...



Originally posted by [FTR]Lo-Rez

Quindi già nei primi episodi il tema era questo.
Che poi è la necessità di usare il potere quando necessario, come dici tu, e viene ripreso anche nel III.
E poi nel III viene ripreso anche l'aspetto un pò più politico, quello del senatore Palpatine che vuole un governo stabile per superare la crisi, ecc... cioè convince Anakin che bisogna usare la forza anche quando il consiglio dei Jedi vuole restare neutrale.

L'aspetto più politico secondo me deraglia piuttosto in fretta. Anakin si converte al lato oscuro quando Grievius è morto, i separatisti sono in ginocchio e ormai la guerra sta per concludersi. Non c'era il minimo bisogno di diventare signore sith per fermare i cattivi (anche perchè la cosa sarebbe stata assurda...i cattivi li aveva mandati in giro Palpatine), ergo evidentemente è preponderante la storia di Padmè.
Questo sorvolando sulla pantomima di Palpatine che dopo essersi rivelato come Sidious continua a dire "sono loro i traditori" "sono loro i traditori" (con Anakin che ci casca). Ma traditori de che?

[FTR]Lo-Rez
10-06-2005, 13.53.12
Originally posted by cymon
Per la cronaca: io e Lo-Rez la pensiamo in maniera diametralmente opposta in un mucchio di campi. Ha del miracoloso la sintonia con cui produciamo webcomic.

Abbiamo queste discussioni in continuazione, ma non per questo ci sfidiamo a duello alle pendici dell'Etna in eruzione...


Originally posted by cymon
Bhe, oddio, dire che la filosofia Jedi è "lasciali crepare, se è il loro destino così sia" mi sembra un pochino forte, addirittura contro l'idea stessa del jedi come guardiano della galassia. Piuttosto è ben vero che affrontare situazioni complesse senza la dovuta preparazione e di conseguenza il dovuto distacco porta facilmente al lato oscuro (ma ce l'aveva già detto Yoda in L'Impero colpisce ancora). I Jedi non prendono sul serio le premonizioni di Anakin perché lo considerano troppo coinvolto. Insomma, non è che sarebbe stato carino lasciarla crepare a prescindere, anche perché altrimenti tanto valeva pure far crollare la repubblica, una volta che ci si è distaccati pure da quella...

C'è una bella differenza... Yoda afferma chiaramente che la morte fa parte del ciclo naturale, che lo spirito deve ritornare nella Forza, e che se Padmè deve morire bisogna accettarlo.
Il lato chiaro è passivo e il lato oscuro è attivo, non bisogna commettere l'errore di identificarli con Bene e Male. I Jedi sono buoni e i Sith sono cattivi, ma questo non dipende soltanto dalle loro filosofie rispetto alla Forza (dipende più che altro dalla storia della galassia, http://www.jedipurge.com/). Di fatto l'Equilibrio nella Forza di cui parla la profezia è appunto il figlio di Anakin, che come il padre inizia l'addestramento da Jedi, poi però non resiste all'impulso di salvare i suoi amici (e i Jedi tentano di fermare anche lui, come il padre), però a differenza del padre lui ci riesce senza cedere al lato oscuro, e in questo modo ottiene il controllo completo della Forza, in tutti i suoi aspetti.
In questo senso la caduta di Anakin è preparata fin dalla vecchia trilogia (altro che affrettata), in cui senza saperlo Luke si confronta con gli stessi problemi del padre.


Originally posted by cymon
L'aspetto più politico secondo me deraglia piuttosto in fretta. Anakin si converte al lato oscuro quando Grievius è morto, i separatisti sono in ginocchio e ormai la guerra sta per concludersi. Non c'era il minimo bisogno di diventare signore sith per fermare i cattivi (anche perchè la cosa sarebbe stata assurda...i cattivi li aveva mandati in giro Palpatine), ergo evidentemente è preponderante la storia di Padmè.
Questo sorvolando sulla pantomima di Palpatine che dopo essersi rivelato come Sidious continua a dire "sono loro i traditori" "sono loro i traditori" (con Anakin che ci casca). Ma traditori de che?

L'aspetto politico c'era ben poco anche nel II, e c'è nella stessa misura nel III.
Le ragioni sono chiare e le hai dette tu stesso, non vedo perchè lamentarsi... Tutta la questione è sempre stata un fatto molto personale, è questo il bello. Quando appare chiaro il tradimento di Palpatine, della guerra non gliene importa più nulla a nessuno, la tentazione diventa salvare Padmè & salvare un pò tutta la galassia, o almeno tutti quelli che sono simpatici ad Ani, perchè fin da Episodio I il suo chiodo fisso era proteggere la gente. Anakin passa al lato oscuro come si cambia religione, perchè si sente più in sintonia con quel modo di intendere la Forza, e Palpatine ha ragioni storiche e filosofiche per chiamare i Jedi "traditori", esagerando anche un pò... ma vorrei ben vedere, se fosse sempre sincero non sarebbe il bastardo per eccellenza (e non sarebbe un personaggio così simpatico). Anakin gli crede perchè è quello che anche lui in fondo ha sempre pensato, i Jedi non gli sono mai piaciuti.

cymon
11-06-2005, 16.03.25
Originally posted by [FTR]Lo-Rez
Abbiamo queste discussioni in continuazione, ma non per questo ci sfidiamo a duello alle pendici dell'Etna in eruzione...


Allo stesso modo come non urlerò mai a Lo-Rez "TI VOGLIO BENE COME UN FRATEEEEEELLO" con tutta la stima che ho per lui...


Originally posted by [FTR]Lo-Rez
C'è una bella differenza... Yoda afferma chiaramente che la morte fa parte del ciclo naturale, che lo spirito deve ritornare nella Forza, e che se Padmè deve morire bisogna accettarlo.
Il lato chiaro è passivo e il lato oscuro è attivo, non bisogna commettere l'errore di identificarli con Bene e Male. I Jedi sono buoni e i Sith sono cattivi, ma questo non dipende soltanto dalle loro filosofie rispetto alla Forza (dipende più che altro dalla storia della galassia, http://www.jedipurge.com/). Di fatto l'Equilibrio nella Forza di cui parla la profezia è appunto il figlio di Anakin, che come il padre inizia l'addestramento da Jedi, poi però non resiste all'impulso di salvare i suoi amici (e i Jedi tentano di fermare anche lui, come il padre), però a differenza del padre lui ci riesce senza cedere al lato oscuro, e in questo modo ottiene il controllo completo della Forza, in tutti i suoi aspetti.
In questo senso la caduta di Anakin è preparata fin dalla vecchia trilogia (altro che affrettata), in cui senza saperlo Luke si confronta con gli stessi problemi del padre.
[/B]

E' un'interpretazione piuttosto affascinante (anche se mutuata dalle descrizioni standard di Yin e Yang...), ma che lascia comunque alcune falle. Se il lato buono è passivo io non gli affido il ruolo di guardiani della galassia e poi un po' tutte le azioni jedi sono comunque la difesa di qualcuno e qualcosa. Se fosse il lato passivo allora sarebbero come dei buddhisti chiusi in un monastero a purificarsi...


Originally posted by [FTR]Lo-Rez
L'aspetto politico c'era ben poco anche nel II, e c'è nella stessa misura nel III.
Le ragioni sono chiare e le hai dette tu stesso, non vedo perchè lamentarsi...
[/B]

Mi lamento perché andava bene nella prima trilogia, dove era una storia di cappa e spada con l'eroe duro e puro che distrugge il malvagio, ma questa trilogia doveva parlare della genesi di Vader e della genesi dell'impero. In sostanza la genesi dell'impero è descritta come se la galassia fosse un asilo...


Originally posted by [FTR]Lo-Rez Anakin gli crede perchè è quello che anche lui in fondo ha sempre pensato, i Jedi non gli sono mai piaciuti. [/B]

E sono d'accordo. Per questo la "leva" della morte di Padmé non era necessaria, visto che funziona come una sorta di redenzione di Vader ante-litteram, una cosa del tipo "lui voleva solo salvare lei". Più coraggio sarebbe stato dire "Ad Anakin i jedi gli stavano sulle balle e pensa che ci vogliano due palle così per tenere in piedi la galassia, senza filosofie sceme con il verbo in fondo alla frase e puffi verdi"

Dedalus
12-06-2005, 21.20.52
Piccolo spazio O.T.

http://www.storewars.org/flash/index.html

Sono troppo avanti. Cliccate anche su "Meet the Puppets" e preparatevi a ribaltarvi dalla sedia :D .

[FTR]Lo-Rez
13-06-2005, 19.04.20
Originally posted by cymon
E' un'interpretazione piuttosto affascinante (anche se mutuata dalle descrizioni standard di Yin e Yang...), ma che lascia comunque alcune falle. Se il lato buono è passivo io non gli affido il ruolo di guardiani della galassia e poi un po' tutte le azioni jedi sono comunque la difesa di qualcuno e qualcosa. Se fosse il lato passivo allora sarebbero come dei buddhisti chiusi in un monastero a purificarsi...

E' la versione ufficiale... nessuno ha mai detto che sia credibile, o che i Jedi siano coerenti in tutto e per tutto. Non per nulla c'era bisogno di trovare l'Equilibrio...


Originally posted by cymon
E sono d'accordo. Per questo la "leva" della morte di Padmé non era necessaria, visto che funziona come una sorta di redenzione di Vader ante-litteram, una cosa del tipo "lui voleva solo salvare lei". Più coraggio sarebbe stato dire "Ad Anakin i jedi gli stavano sulle balle e pensa che ci vogliano due palle così per tenere in piedi la galassia, senza filosofie sceme con il verbo in fondo alla frase e puffi verdi"

Quelle sono già le ragioni di Palpatine... Anakin cade per un eccesso di debolezza e paura, non per arroganza, e secondo me sta bene così. Rende più credibile sia il suo passato di bel bimbetto che la sua futura redenzione.