PDA

Visualizza versione completa : Televisoni scandinave...



alcoolwarriors
17-02-2005, 09.30.02
http://www.repubblica.it/2005/b/sezioni/politica/tvsvezia/tvsvezia/tvsvezia.html

billygoat
17-02-2005, 09.37.34
solo in italia non ce ne accorgiamo... :|

destino
17-02-2005, 09.40.10
direi ke ci sta tutto il materiale per una querela :rolleyes:

p.s. è consigliato al momento nn parlare di politica

TheDarkAlcatraz
17-02-2005, 09.48.54
Originally posted by billygoat
solo in italia non ce ne accorgiamo... :|



secondo me la questione è che non solo non ce ne accorgiamo... ma lo stiamo anche appoggiando :brr:

Dalmo
17-02-2005, 12.17.28
Querela.
Ah, circa l'80% dei giornalisti rai dovrebbero essere iscritti a sindacati di sinistra, non dico altro. :)
Dire che i mezzi sono tutti in mano a Berlusconi è una troiata, comunque reti sue, ci fa quello che gli pare, non come santoro o biagi che lo fanno con i soldi degli altri.

sbazzone
17-02-2005, 12.22.28
gg italia

Khorne
17-02-2005, 12.26.42
In questo caso, anziché partire subito con la solita storia che tanto è sempre uguale tra pro e contro berlusconi, metterei l'accento su un altro problema: l'immagine che l'Italia da di sé all'estero... che sia da querela o meno, la comparsa di una pubblicità simile vuol dire che in Scandinavia si ha un'opinione della politica italiana davvero bassa: in caso contrario, non avrebbero calcato la mano su questo per la loro pubblicità.

Se berlusconi sia un malefico manovratore o un benefattore mediatico non mi è dato saperlo (anche se lo immagino :asd: ): in questo caso, però, viene RECEPITO all'estero come una figura decisamente negativa. Questo di certo non fa bene all'immagine del paese in sé.

Come rimediare? Ah, buona domanda. Non lo so. Però, se fossi un politico italiano, un pensierino sulla questione me lo farei.

Mr.Deka
17-02-2005, 12.26.50
Concordo per la querela. :rolleyes:

gefri
17-02-2005, 12.28.34
uno stato estero ci fa una massiccia presa per il culo e si sa dire solo gg italia.

mi fermo qui va.

La svezia poi, scoppiassero tutte le svedesi bionde.

azanoth
17-02-2005, 12.32.21
Presa per il Culo:rulez:

:asd:

samgamgee
17-02-2005, 13.16.49
L'ho letto oggi sulla Stampa, assieme alle dichiarazioni dell'autrice.

Boh, querela o non querela se succedono queste cose un motivo ci sarà. Sarebbe interessante vederlo, in ogni caso (il mandolino triste di sottofondo :roll3: )

Akujin
17-02-2005, 13.27.52
cmq rimane uno spot con un messaggio molto "profondo" :asd:

Fabio
17-02-2005, 13.30.58
Buona visione:
http://svt.se/svt/road/Classic/department/616/jsp/content.jsp?&ramfile=svtberlusconi40stext.ram&wmfile=svtberlusconi40stext.asx&filepath=/content/1/c6/33/29/68/&frames=true&art=332968&contentdep=28873&d=28872&looksdep=28872&isbroad=false&isclipinfo=false

.Orfeo.
17-02-2005, 13.45.25
Originally posted by Bill
Buona visione:
http://svt.se/svt/road/Classic/department/616/jsp/content.jsp?&ramfile=svtberlusconi40stext.ram&wmfile=svtberlusconi40stext.asx&filepath=/content/1/c6/33/29/68/&frames=true&art=332968&contentdep=28873&d=28872&looksdep=28872&isbroad=false&isclipinfo=false
:.:

:roll3:

hackboyz
17-02-2005, 13.53.45
Originally posted by Bill
Buona visione:
http://svt.se/svt/road/Classic/department/616/jsp/content.jsp?&ramfile=svtberlusconi40stext.ram&wmfile=svtberlusconi40stext.asx&filepath=/content/1/c6/33/29/68/&frames=true&art=332968&contentdep=28873&d=28872&looksdep=28872&isbroad=false&isclipinfo=false
:asd:

La cosa che mi dà più fastidio è 'sto cazzo di mandolino come simbolo dell'Italia: non l'ho mai visto in vita mia, non l'ho mai sentito suonare, non lo so suonare, fa cagare, non si userà più manco a Napoli e all'estero continuano ad accostarlo ancora agli italiani, che palle! :rolleyes:

Poi non lo so magari Triggio, KappaGiBi, Velena sono suonatori e si sono partati il mandolino nei rispettivi paesi ... può anche essere ... :asd:

lasere
17-02-2005, 13.56.24
Originally posted by hackboyz
:asd:

La cosa che mi dà più fastidio è 'sto cazzo di mandolino come simbolo dell'Italia: non l'ho mai visto in vita mia, non l'ho mai sentito suonare, non lo so suonare, fa cagare, non si userà più manco a Napoli e all'estero continuano ad accostarlo ancora agli italiani, che palle! :rolleyes:


A me il mandolino piace... :look:

Per quanto riguarda lo spot, io dico che noi italiani ce lo siamo meritati.

Mischa
17-02-2005, 14.07.12
Originally posted by destino
direi ke ci sta tutto il materiale per una querela :rolleyes:

p.s. è consigliato al momento nn parlare di politica Più che altro, è consigliato non parlarne in certi termini. Quindi se vedo altri commenti alla dalmo, lock e fine del pensiero. Non si sta parlando di quel che dice Berlusconi, di quel che dicono i suoi avversari politici, e delle vostre preferenze in tal senso con insulti all'altro schieramento. Anche perché si dà per scontato che se votate/preferite qualcuno, l'altra parte vi stia sui coglioni o come minimo non abbia lo stesso "valore propositivo" o quel che vi pare ai vostri occhi. Dunque inutile che lo ribadiate. Inutili paragoni. Inutili commenti negativi su una qualsiasi delle parti in causa. E inutile ogni commento se quella è la vostra unica modalità comunicativa, quindi in tal caso evitare direttamente, plz.

Passiamo al discorso in sé e per sé, e quindi a quel che dice Khorne. A me non interessa quel che dice/fa/non fa/ha/non ha il sig. Berlusconi. A me interessa che una televisione straniera, si permetta di sfottere il primo ministro di una nazione sua pari (e di riflesso, tutti i suoi cittadini). Che quanto afferma sia vero o falso, non è di per sé rilevante: lo è che la cosa venga utilizzata come motore pubblicitario, prendendo per il culo un intero paese e il suo popolo. A voler ben guardare, è identico al discorso "se io voto tizio allora sputo su caio" e viceversa, che da queste parti sembrava essere diventato l'unico modo di parlare di politica, portando alla situazione attuale. Qui si parla di saper ragionare liberamente da dogmi, preconcetti e dinamiche di gruppo, per quanto possibile. A me di Berlusconi potrebbe fregar niente, potrei ammirarlo, o potrebbe starmi sul cazzo e rappresentare tutti i mali possibili, ma rappresenta anche me. Dunque che diventi bersaglio di una pubblicità estera che lo prende ad emblema della nazione, mi fa girare il cazzo eccome. Anche perché in epoca di Europa unita, un discorso come quello non fa altro che incentivare campanilismo. E l'Europa non penso proprio che ne abbia bisogno (prima ancora che l'Italia). Dunque alla fine, non la vedo come una pubblicità audace, né come una provocazione intelligente: è un facile giocare su dei luoghi comuni (giustificati o meno), svilendo al tempo stesso tutto un paese che sicuramente non lo merita, al semplice fine di ottenere polemica e risalto, per altro in maniera piuttosto grossolana. Equivale alla P38 nel piatto di spaghetti usata in copertina da un giornale tedesco tempo addietro.

lasere
17-02-2005, 14.14.05
Originally posted by Mischa
[B Dunque alla fine, non la vedo come una pubblicità audace, né come una provocazione intelligente: è un facile giocare su dei luoghi comuni (giustificati o meno), svilendo al tempo stesso tutto un paese che sicuramente non lo merita, al semplice fine di ottenere polemica e risalto, per altro in maniera piuttosto grossolana. [/B]

Di sicuro è una provocazione, con tanto di luoghi comuni, però il mio orgoglio di italiana è talmente basso che non mi fa arrabbiare, non so.. non discuto sulle intenzioni della creatrice, sulla correttezza o meno delle finalità, non mi interessa, ma se gli italiani all'estero sono così tanto giudicati male, e da più parti, evidentemente un motivo c'è, ed è che abbiamo tante carenze, tanti malfunzionamenti, ed una mentalità probabilmente molto differente dall'europeo medio, e per l'europa questo è un male. Quindi giudicando da un punto di vista europeista, in effetti ci sarebbe da metterci in discussione.

SnorriSturluson
17-02-2005, 14.29.28
Originally posted by lasere
Di sicuro è una provocazione, con tanto di luoghi comuni, però il mio orgoglio di italiana è talmente basso che non mi fa arrabbiare, non so.. non discuto sulle intenzioni della creatrice, sulla correttezza o meno delle finalità, non mi interessa, ma se gli italiani all'estero sono così tanto giudicati male, e da più parti, evidentemente un motivo c'è, ed è che abbiamo tante carenze, tanti malfunzionamenti, ed una mentalità probabilmente molto differente dall'europeo medio, e per l'europa questo è un male. Quindi giudicando da un punto di vista europeista, in effetti ci sarebbe da metterci in discussione.

Sono d'accordo su questo punto, ma, come ha detto Mischa, è assolutamente becero il fatto che venga presa in giro una persona che, purtroppo, rappresenta una nazione sovrana e tutto il suo popolo. Che sia meritato o meno è un altro discorso.

Ma soprattutto chec'entrano i mandolini? Mi chiedo quanti italiani ne abbiano mai visto e tantomeno suonato uno. :asd:

Mischa
17-02-2005, 14.34.29
Originally posted by lasere
Di sicuro è una provocazione, con tanto di luoghi comuni, però il mio orgoglio di italiana è talmente basso che non mi fa arrabbiare, non so.. non discuto sulle intenzioni della creatrice, sulla correttezza o meno delle finalità, non mi interessa, ma se gli italiani all'estero sono così tanto giudicati male, e da più parti, evidentemente un motivo c'è, ed è che abbiamo tante carenze, tanti malfunzionamenti, ed una mentalità probabilmente molto differente dall'europeo medio, e per l'europa questo è un male. Quindi giudicando da un punto di vista europeista, in effetti ci sarebbe da metterci in discussione. Il problema è questo, "orgoglio". Come se fosse una cosa positiva di per sé. Non essere orgogliosi del proprio paese, è "negativo". Esserlo, è "positivo". Se lo si estende, anche alle piccole cose, questo è ciò che di base porta al discorso "io sono diverso dagli altri, ma ciò che mi rende diverso dagli altri è anche ciò che mi rende migliore di loro". Dunque il passaggio da semplice piacere di far parte di un qualcosa che si condivide, a disprezzo per ciò che non si condivide, fosse pure una banale opinione, che però ha sino a prova contraria la stessa valenza della propria, diviene facile. Ed ecco i ragionamenti di squadra, il campanilismo, la segregazione, la discriminazione, il razzismo, e così via. Da qualsiasi parte. Il fatto stesso di parlare di "parte", indica un confronto. Se il confronto è un confronto da cui entrambe le parti escono rinforzate (non nelle proprie idee, ma in effettivi vantaggi per loro, che siano espressi da una idea comune), il confronto ha senso. Se così (come di solito) non avviene, e il confronto diventa solo motivo di scontro e separazione sempre più profonda, non esiste alcuna logica. Orgoglio? Ma orgoglio de che? Esser nati in un fottuto posto, rende migliori o peggiori di altri? Avere un ideale o un altro, rende migliori di altri, sino a che entrambi gli ideali a confronto hanno lo scopo di sortire un bene comune? Penso anche solo al calcio, come paragone. Uno "tifa". Boh, ok, posso capire che ti piaccia il gioco di una squadra. E posso capire che magari tu ci sia affezionato perché in un certo modo "ti rappresenta", è della tua città, o del tuo quartiere, quindi ti fa piacere che vinca, va bene. Ma questo non significa che le altre dozzine di squadre siano merda. Né che chi tifa per un'altra squadra sia un idiota, o un bersaglio da massacrare. Né che l'anno successivo, se non condividi le logiche e scelte della tua squadra, tu non possa ammirarne un'altra, ad esempio. Quindi mi torna incomprensibile il "tifo", come mi torna incomprensibile la politica, a maggior ragione. Non è una questione di fede: nessuno schieramento, al giorno d'oggi, è erede unico e assoluto di un ideale, di un'opinione. Ci sono elementi di massima, ma si parla sempre delle idee di una persona, più che di due mondi distinti e irriducibilmente separati. Non vedo dove sarebbe il problema a votare anche ogni volta per un candidato diverso, anche di schieramento opposto. La logica degli schieramenti, è la logica dell'immobilità, poiché se voto in base allo schieramento, per un "orgoglio" che alla fine ho dimenticato, potrei anche fare il male del paese, o del gruppo che mi rappresenta, e di me stesso, semplicemente perché non ho l'elasticità mentale necessaria a riconoscere che il mio stesso schieramento/leader/rappresentante in alcuni casi potrebbe sbagliare. O perché non sono capace di ascoltare e rispettare un'idea altrui, e valutarla per quel che è, un'idea e stop, non la migliore in assoluto, ma nemmeno la peggiore a priori. L'obbedire agli ordini, il non ragionare con la propria testa ma demandare tale funzione ad altri, il difendere dei colori, delle bandiere, delle idee ad ogni costo, per "partito preso" (e ci risiamo), è morte cerebrale. Così come essere "orgogliosi" di qualcosa, che sia una nazionalità o altro, alla fine tende ad assomigliare sempre più dal mio punto di vista all'essere privi di senso critico, quando non consente più di riconoscere responsabilità e eventuali colpe.

mVm
17-02-2005, 14.39.07
La peggior pubblicità che abbia mai visto. Banale, scontata e tutt'altro che immediata per uno che non si occupi di politica estera.
Alla SVT dovrebbero affidarsi alla Publitalia'80 :asd:

Riguardo al messaggio, ho smesso di incazzarmi per queste cose. E' diventato un luogo comune anche il fatto che all'estero ci conoscano solo per luoghi comuni (pizza, mandolino e mafia).

_Jackie_
17-02-2005, 14.47.07
Io mi arrabbio tantissimo quando vedo cose del genere. È in questi momenti che il mi orgoglio di italiano si fa vivo. Non mi fa tanto incazzare il fatto di Berlusconi, quanto i luoghi comuni coi quali ci identificano all'estero.
Mandolino, O' sole mio, pastasciutta, itaka itaka!

:mad:

zio_lucas
17-02-2005, 14.50.50
Originally posted by Mischa


cut






direi che hai centrato il nocciolo del problema...

che dire...parlare con te di persona sarebbe molto costruttivo per tanti solo che sarebbe fiato sprecato xchè il problema è talmente radicato che la gente diventa per volontà sorda...vivo questo problema da vicino e non è bello te lo assicuro...

destino
17-02-2005, 14.57.41
Originally posted by Mischa
Più che altro, è consigliato non parlarne in certi termini. Quindi se vedo altri commenti alla dalmo, lock e fine del pensiero. Non si sta parlando di quel che dice Berlusconi, di quel che dicono i suoi avversari politici, e delle vostre preferenze in tal senso con insulti all'altro schieramento. Anche perché si dà per scontato che se votate/preferite qualcuno, l'altra parte vi stia sui coglioni o come minimo non abbia lo stesso "valore propositivo" o quel che vi pare ai vostri occhi. Dunque inutile che lo ribadiate. Inutili paragoni. Inutili commenti negativi su una qualsiasi delle parti in causa. E inutile ogni commento se quella è la vostra unica modalità comunicativa, quindi in tal caso evitare direttamente, plz.
[/B]


E' proprio la parte in bold del tuo discorso ke a mio avviso sta snaturando il modo di far politica in italia e sta alimentando sempre + il clima di odio in italia. L'idea ke qualsiasi cosa faccia lo schieramento avversario sia sempre da buttare in toto nn aiuta ne l'Ulivo ne la Casa della Liberta, perkè nn avviene un meccanismo di accettazione dell'avversario come è comune in una politica sana.

per il resto del discorso sono daccordo in toto con te, la pubblicita è offensiva per tutti gli italiani e nn solo per berlusconi, a maggior ragione se fatta in un paese con il quale dovremmo collaborare per realizzare una grande europa, ma nn credo ke nessuno nelle alte sfere ci creda davvero a parte i sognatori

Ef.Di.Gi
17-02-2005, 15.01.55
Siamo de coccio, eh: andiamo a rileggere questo (http://forums.multiplayer.it/showthread.php?s=&threadid=225106), magari, va'. Prima o poi la capite. Mischa.

lasere
17-02-2005, 15.11.48
Orgoglio, la parola l'ho usata in modo impreciso e senza rifletterci. Concordo con mischa che dice che essere nati in un posto piuttosto che in un altro è una differenza in orizzontale e non certo in verticale. Lo scontro separa e inasprisce, soprattutto se l'attacco non è per nulla costruttivo, come nel caso di cui parliamo, anzi ora, a pensarci da questo punto di vista, il tutto è stato condotto con superficialità e grettezza degni solo di chi fa altrettanto, ovvero di chi demonizza gli altri, li marchia, li allontana come "altrò da sè", talmente "altro" da costituire un'alterità totalmente chiusa, senza possibilità di dialogo, e qui torniamo allo scontro che non è per niente confronto e che diventa un parlare per miti, quindi per ideologie. Vero, per confrontarsi occorre prima di tutto, credo, non immobilizzare l'alterità, non rifiutarla come errore, ma inserirla in una logica molto diversa, nemmeno polare, ma proprio di molteplicità, allora si può mantenere identità e allo stesso tempo apertura, scambio, confronto, arricchimento. Senza dubbio, mischa, hai ragione. Tutto ciò ad uno sguardo approfondito. Ma il discorso si può anche vedere in un modo più sempliciotto, io mi comporto dando una certa immagine di me, ok, accetto, se intelligente, che gli altri vedano quella e magari che mi trattino di conseguenza. Ma non so, forse non è estendibile ad una dinamica che intercorra fra nazioni, hai ragione. Di sicuro "in epoca di Europa unita, un discorso come quello non fa altro che incentivare campanilismo", vero. Passando ad un piano che esige maggior delicatezza, è infatti svilente un attacco simile, e a guardarlo dal di fuori vedo solo due poli di un simile atteggiamento fatto di arroganza. Ma probabilmente non è nemmeno da considerarsi come un attacco ad un popolo, no? Più che altro all'attuale stato (presunto, vero o falso, questo è un discorso a parte) della libera comunicazione. Non so se si riesce a capire quello che ho detto eh, scusate la limitata chiarezza.

Matt
17-02-2005, 15.12.31
Vedi reply editato di Ef.Di.Gi. Mischa.

Mach 1
17-02-2005, 15.18.21
Originally posted by Mischa
Dunque alla fine, non la vedo come una pubblicità audace, né come una provocazione intelligente: è un facile giocare su dei luoghi comuni (giustificati o meno), svilendo al tempo stesso tutto un paese che sicuramente non lo merita, al semplice fine di ottenere polemica e risalto, per altro in maniera piuttosto grossolana. Equivale alla P38 nel piatto di spaghetti usata in copertina da un giornale tedesco tempo addietro.

sono d'accordo: è un facile giocare su dei luoghi comuni.
Però quello che realmente mi spaventa è un altra cosa:
la pubblicità l'hanno trasmessa in svezia. Quelli su Berlusconi sono dei luoghi comuni ( giustificati o meno ) che se sentiti in italia non mi sorprendono, però mi sorprende vedere come addirittura se ne parli in svezia ( per farvi capire: chi di noi conosce il nome di un solo politico svedese? ) e che addirittura tali luoghi comuni ( giustificati o meno ) vengano utilizzati per una pubblicità che per sua natura deve essere comprensibile al pubblico, il che mi fa pensare che tali luoghi comuni ( giustificati o meno ) siano addirittura patrimonio comune del popolo svedese.

ora mi domando: o in svezia sono tutti ******** ( :D dai concedetemi una battutina *uffaaaa, iniziano a girarmi*) oppure c'è qualcosa di più profondo se un intera nazione che non ha particolari rapporti con l'italia ( fossero stati i francesi o gli spagnoli mi avrebbe sorpreso meno ) si mette a giocare su certi argomenti. Chi lo sà magari ci stanno ancora prendendo per il culo per il 2-2 agli europei.


p.s.
stilla d'orgoglio: sta di fatto che se in svezia producono ed hanno successo spot di questo tipo, non hanno troppo da dire che sono più intelligenti di noi! :tiè:

Ef.Di.Gi
17-02-2005, 15.21.25
Originally posted by Ef.Di.Gi
Siamo de coccio, eh: andiamo a rileggere questo (http://forums.multiplayer.it/showthread.php?s=&threadid=225106), magari, va'. Prima o poi la capite. Mischa.

http://www.ngi.it/forum/images/ngismiles/yawn2.gifhttp://www.ngi.it/forum/images/ngismiles/yawn2.gif

Non mi piacciono le regole, sorry. Comunque, doesn't mind.

Mischa
17-02-2005, 15.25.46
Originally posted by Ef.Di.Gi
http://www.ngi.it/forum/images/ngismiles/yawn2.gifhttp://www.ngi.it/forum/images/ngismiles/yawn2.gif

Non mi piacciono le regole, sorry. Comunque, doesn't mind. Liberissimo di non accettarle, ma tornando all'esempio del calcio, se la palla va colpita coi piedi o con la testa, e tu vuoi prenderla con le mani stile rugby anche se non sei il portiere, non ti lamentare se l'arbitro fa il suo mestiere. Nulla di personale. Sei libero di giocare o non giocare, se vuoi giocare, quelle son le regole, se non ti vanno non giochi, visto che non è un tuo diritto, è qualcosa che ti viene concesso a delle condizioni. Anche se il tuo commento, la tua battuta, quella di Mach etc. possono personalmente farmi ridere, il problema non sono io, ma chi scassa il cazzo e le prende a pretesto per attacchi che non hanno ragione di esistere. Dunque le battute le eviti, e stop. Ultima volta che tocco questo argomento. Fine OT, proseguite pure.

destino
17-02-2005, 15.31.06
Originally posted by Mach 1
sono d'accordo: è un facile giocare su dei luoghi comuni.
Però quello che realmente mi spaventa è un altra cosa:
la pubblicità l'hanno trasmessa in svezia. Quelli su Berlusconi sono dei luoghi comuni ( giustificati o meno ) che se sentiti in italia non mi sorprendono, però mi sorprende vedere come addirittura se ne parli in svezia ( per farvi capire: chi di noi conosce il nome di un solo politico svedese? ) e che addirittura tali luoghi comuni ( giustificati o meno ) vengano utilizzati per una pubblicità che per sua natura deve essere comprensibile al pubblico, il che mi fa pensare che tali luoghi comuni ( giustificati o meno ) siano addirittura patrimonio comune del popolo svedese.



il discorso verte tutto sul potere, Berlusconi è un murdoch italiano quindi è logico ke sia conosciuto nel mondo, cosi come è da ciechi dire ke in italia nn esiste un problema relativo al monopolio televisivo. Tutto questo nn giustifica il fatto ke nessuno puo permettersi di denigrare un popolo in quel modo.

sharkone
17-02-2005, 15.31.41
Originally posted by hackboyz
:asd:

La cosa che mi dà più fastidio è 'sto cazzo di mandolino come simbolo dell'Italia: non l'ho mai visto in vita mia, non l'ho mai sentito suonare, non lo so suonare, fa cagare, non si userà più manco a Napoli e all'estero continuano ad accostarlo ancora agli italiani, che palle! :rolleyes:

Poi non lo so magari Triggio, KappaGiBi, Velena sono suonatori e si sono partati il mandolino nei rispettivi paesi ... può anche essere ... :asd: online con l'xbox(dove si parla con microfono) quando qualcuno si accorge della presenza di italiani iniziano le frasi pietose:

"mandolino! spaghetti! mandolino! mandolino!"

dove andremo a finire:tsk: :asd:

Khorne
17-02-2005, 15.34.39
Originally posted by Mach 1
[...]

Il problema è esattamente questo. Non tanto la "mancanza di rispetto", vabbé, c'è stata e abbiamo capito.

Ma perché? Che razza di idea hanno gli altri dell'Italia per permettersi di fare un commento simile? Credo che la Svezia non si sarebbe nemmeno mai sognata di fare una pubblicità simile sulla Francia... ma sull'Italia sì.

Finché all'interno di un paese ci si scanna, è normale. Quando gli altri paesi prendono apertamente per il culo il capo del governo, io -se fossi nel governo vilipeso- piuttosto che incazzarmi mi preoccuperei. Perché è davvero segno che la stima degli altri è sotto le scarpe. E se l'ha fatto la Svezia, comincio a pensare che anche gli altri paesi potrebbero non avere un'opinione molto più alta.

destino
17-02-2005, 15.42.38
Originally posted by Khorne
Il problema è esattamente questo. Non tanto la "mancanza di rispetto", vabbé, c'è stata e abbiamo capito.

Ma perché? Che razza di idea hanno gli altri dell'Italia per permettersi di fare un commento simile? Credo che la Svezia non si sarebbe nemmeno mai sognata di fare una pubblicità simile sulla Francia... ma sull'Italia sì.

Finché all'interno di un paese ci si scanna, è normale. Quando gli altri paesi prendono apertamente per il culo il capo del governo, io -se fossi nel governo vilipeso- piuttosto che incazzarmi mi preoccuperei. Perché è davvero segno che la stima degli altri è sotto le scarpe. E se l'ha fatto la Svezia, comincio a pensare che anche gli altri paesi potrebbero non avere un'opinione molto più alta.

khorne quando all'interno del Paese nn c'e rispetto dell'avversario politico, è logico ke all'estero nn fai mai una bella figura, quando da una parte si sente ke se sale l'avversario avremo "morte e terrore", e invece nel momento stesso ke berlusconi è salito al potere si parla in continuazione di istaurazione di un regime, mica queste cose restano nei confini italiani, e questa purtroppo è la conseguenza.

Ef.Di.Gi
17-02-2005, 15.50.03
Originally posted by destino
khorne quando all'interno del Paese nn c'e rispetto dell'avversario politico, è logico ke all'estero nn fai mai una bella figura, quando da una parte si sente ke se sale l'avversario avremo "morte e terrore", e invece nel momento stesso ke berlusconi è salito al potere si parla in continuazione di istaurazione di un regime, mica queste cose restano nei confini italiani, e questa purtroppo è la conseguenza.

Gli atti e fatti a sostegno delle affermazioni danno ragione ad una sola delle due parti, però. E sembrerebbe che la TV scandinava abbia colto anche questo...

Khorne
17-02-2005, 15.53.31
Effettivamente sarei curioso di sapere la situazione politica degli altri paesi membri dell'UE. Essendo così vicino all'Italia sento solo le voci provenienti dalla penisola, mentre Francia e Germania mi rimangono lontane anche se confinanti.
Seppur ingiusto, un paragone tra politica italiana e politica svizzera è lampante: da una parte proclami, accuse, minacce e proposte altisonanti; dall'altra parte, quiete e lavoro (per quanto pure qui facciano le loro bestiate e inciuciate, sono pur sempre politici :asd: ).

Il resto dell'europa a quale delle due realtà si avvicina? L'Italia è davvero l'unico paese con una politica così disastrata, oppure è diventata il bersaglio prediletto per altri motivi?

Una volta chiarito questo, tenterei -come sempre, se fossi parte del governo italiano- di metterci una pezza. Non dico che sia necessario diventare buonino dolcino gentilino all'interno della politica nazionale. Ci mancherebbe.

Ma che almeno all'estero le cose non siano così denigratorie, non sarebbe una brutta idea... e un dubbio sorge: non sarà forse anche colpa della stampa italiana, con titoloni poco edificanti che sicuramente giungono oltreconfine?

Mischa
17-02-2005, 16.00.13
Originally posted by Ef.Di.Gi
Gli atti e fatti a sostegno delle affermazioni danno ragione ad una sola delle due parti, però. E sembrerebbe che la TV scandinava abbia colto anche questo... E' UNO spot, di UNA emittente televisiva. Da qui al passare all'idea che quella sia l'idea comune in Svezia, ce ne passa. E' certo un'idea, che sia fatto così perché alla gente giunge gradito e noto quel messaggio. E' però anche possibile che sia in effetti semplicemente fatto per colpire, gli svedesi innanzitutto, giocando su "paragone" con un termine di riferimento che non è detto affatto sia noto al pubblico svedese in quei termini. Se in Italia vedi uno spot che ridicolizza Bush, o Kerry, o Gore o Blair o Chirac o chi vuoi, non vuol dire che gli italiani la pensino come quello spot dipinge il personaggio di turno. Vuol dire solo che un pubblicitario/regista o chi per lui ha deciso di utilizzare quella forma di comunicazione, perché così la vede lui e così va bene al suo cliente, che sia per "spaccare" e fare scalpore, che sia per ricevere risonanza anche all'estero, che sia perché così la vede il pubblico. Ma sino a prova contraria, non rappresenta l'opinione di uno stato. Quello è uno spot. UNO. Non è diffuso dal governo svedese, stile "pubblicità progresso, con il supporto del consiglio dei ministri o del parlamento o di che cazzo vuoi" :D Va in onda su tv di stato? Ok, ma non mi pare che tv di stato significhi voce del governo automaticamente. Anche in Italia, direttori di tg nazionali hanno perso il posto, se una forma di comunicazione da loro scelta non era in linea con quanto ritenuto lecito non solo da governo, ma anche da responsabili dell'emittente, ordine dei giornalisti e quant'altro. Ciò non toglie che fossero liberi di effettuare la loro scelta. E' una scelta che rappresenta per questo la volontà o il pensiero di una intera nazione/udienza? No, la scelta di un singolo, responsabile delle eventuali conseguenze quali che siano. Dunque trovo quantomeno poco logico trarre conclusioni senza valutare le alternative.

Ef.Di.Gi
17-02-2005, 16.13.40
Non ho capito il nesso tra il reply e la tua risposta, Mischa...probabilmente hai frainteso. Destino chiamava in causa la derisione effettuata dai politici dell'opposto schieramento verso Berlusconi come possibile causa dello spot svedese. Alchè, io ho risposto che, effettivamente, i dati dello sport sono supportati da atti e fatti; atti e fatti che, al contrario, non supportano la tesi inneggiante a "miseria e terrore"...

Mischa
17-02-2005, 16.20.31
Originally posted by Ef.Di.Gi
Non ho capito il nesso tra il reply e la tua risposta, Mischa...probabilmente hai frainteso. Destino chiamava in causa la derisione effettuata dai politici dell'opposto schieramento verso Berlusconi come possibile causa dello spot svedese. Alchè, io ho risposto che, effettivamente, i dati dello sport sono supportati da atti e fatti; atti e fatti che, al contrario, non supportano la tesi inneggiante a "miseria e terrore"... Destino ha fatto un esempio corretto, nell'ambito del discorso, ovvero che se una delle due parti dà dell'instauratore di regimi all'altra (cosa che alcuni condivideranno, ma tutta da dimostrare), e l'altra dà dei portatori di morte e terrore ai primi (anche questa da dimostrare), un paese intero resta bloccato in un impasse che danneggia tutti. Che tu passi da questo al fare una scelta e dire che "gli atti e fatti dimostrano che la ragione è solo da una parte", sorry, non giustificato, scelta tua, ma resta opinione, non esprime né una verità scientifica, né tantomeno una verità assoluta, né tantomeno un dato di fatto. Solo una opinione, condivisibile o meno. Non ha un cazzo di valore più di quelle opposte, dunque per quanto possa essere ritenuta valida da te e altri, o magari me, non ha alcuna validità superiore ad altre, sino a prova contraria. Il non riconoscere che possa essere errata, o che altre siano altrettanto valide potenzialmente, riporta a quanto detto su squadre, calcio, tifo e via dicendo.

Ef.Di.Gi
17-02-2005, 16.22.56
Certo, è solo un'opinione, vedi sign. Se riduciamo la discussione a questo livello beh, si può chiudere il fourm, visto che la realtà è nel nostro cervello, le opnioni sono tutte valide parimenti, and so on :asd:

destino
17-02-2005, 16.30.17
Originally posted by Ef.Di.Gi
Certo, è solo un'opinione, vedi sign. Se riduciamo la discussione a questo livello beh, si può chiudere il fourm, visto che la realtà è nel nostro cervello, le opnioni sono tutte valide parimenti, and so on :asd:

come gia detto da me qualke post prima il problema messo in evidenza da quello spot c'è, inutile negarlo, qua come ben detto da khorne si sta cercando di capire per quale motivo un'immagine cosi negativa dell'italia passa come messaggio comune, cosi comune da essere messa vicino alla musica del mandolino.

E io avevo posto come riflessione il fatto ke il trasformare l'avversario in nemico è deleterio per tutto il paese ( l'esempio di mischa calza a pennello: infatti durante una partita di calcio si scontrano 2 squadre avversarie, finita la partita si da la mano all'avversario ke ha vinto in un mondo sano, quando invece si pensa allo scontro tra 2 nemici, allora si augura la morte dell'avversario e nasce l'odio, nell'esempio il tifo nn è altro ke questo)

azanoth
17-02-2005, 16.37.34
Originally posted by SnorriSturluson
Ma soprattutto chec'entrano i mandolini? Mi chiedo quanti italiani ne abbiano mai visto e tantomeno suonato uno. :asd:

Svariati modelli,strumento dalle proprietà eccezionali anche se è vero che,oggi come oggi,viene più usato nella tradizione nordeuropea (ma non il "bombato" napoletano,quello a cassa regolare).

Mah,comunque non mi sento affatto sminuito dalla cosa,parliamoci chiaro,considerando gli ultimi cento anni,stò trattamento l'italia con tutti i suoi ambaradam se lo doveva aspettare...se qualcuno per strada mi apostrofasse "italiano voltagabbana",dico,che gli posso rispondere a cuor sereno?

:birra:

lasere
17-02-2005, 16.37.34
Originally posted by Ef.Di.Gi
Certo, è solo un'opinione, vedi sign. Se riduciamo la discussione a questo livello beh, si può chiudere il fourm, visto che la realtà è nel nostro cervello, le opnioni sono tutte valide parimenti, and so on :asd:

Beh ridurla a questo livello invece non equivale a renderla sterile, ma cerca di spostare le riflessioni su piani diversi e costruttivi, che non siano perentori.

Mischa
17-02-2005, 16.41.19
Originally posted by Ef.Di.Gi
Certo, è solo un'opinione, vedi sign. Se riduciamo la discussione a questo livello beh, si può chiudere il fourm, visto che la realtà è nel nostro cervello, le opnioni sono tutte valide parimenti, and so on :asd: Ottima argomentazione a livello dialettico, ma un trucco. Anche qui, stai dando per scontato che il non attenersi a una opinione, o il riconoscere ad altre opinioni pari valore in un confronto, sia equivalente a non avere opinioni o che le opinioni siano inutili.

1. Non vero, in quanto una opinione potrebbe convincere altri, se si rispettassero quelle altrui. Chiaro che una opinione già in partenza denigratoria, non è rispettabile, quale che sia. Dunque, discuterne in tal senso sì, come non darti ragione, del tutto inutile.

2. Non vero, in quanto stai equiparando le verità alle opinioni, nuovamente, contraddicendo quanto hai in firma invece di seguirlo. Se infatti un'opinione è solo una prospettiva e non la verità, è anche vero che anche se non è possibile identificare una verità assoluta a livello di opinioni, è possibile identificare prospettive che sono false a priori, per intenzione di chi le propone o perché partono da assunti errati. Una di queste, ad esempio, è la logica del "morte e terrore" vs. "regime", che costituisce un bel balletto, spettacolo, quel che vuoi, ma non per questo propone un singolo punto di vista "valido" in assoluto: solo due modalità equivalenti e contrapposte, ed entrambe errate in quanto già di partenza mirano a colpire un altro, invece che a esporre proprie idee. E' come dire "votami perché l'altro è una testa di cazzo". "No, la testa di cazzo è lui, vota me". Sì, ma tu che cazzo sai fare, scusa? Se due fanno a pugni, potrebbe anche darsi che uno dei due abbia ragione, ma forse più probabilmente che entrambi siano imbecilli, e che il motivo alla base della rissa sia in realtà inconsistente. Il prendere le parti di uno o dell'altro, come fosse l'unica alternativa, dimostra solo di non saper vedere le cose da altre prospettive. Non che ogni prospettiva sia priva di significato.

Ef.Di.Gi
17-02-2005, 16.44.22
Originally posted by lasere
Beh ridurla a questo livello invece non equivale a renderla sterile, ma cerca di spostare le riflessioni su piani diversi e costruttivi, che non siano perentori.

Non è mio intento essere o sembrare perentorio. Non riesco a chiudere completamente gli occhi su certi avvenimenti; probabilmente, anzi sicuramente, ciò è dato dalla mia parzialità. Tuttavia non riesco a non esprimerla, quando il risultato mi pare estremamente evidente, e confortato dallo svolgersi dei fatti. A meno che la mia ottica non sia così distorta da farmi vedere ciò che non è. Su questo ultimo punto, sta a voi valutare.
Resta il fatto che, in precedenza, situazioni come quella attuale non ne ho viste - seppur io non abbia potuto avere una prospettiva diretta, ma solo raccontata.

Ef.Di.Gi
17-02-2005, 16.47.17
Originally posted by Mischa

2. Non vero, in quanto stai equiparando le verità alle opinioni, nuovamente, contraddicendo quanto hai in firma invece di seguirlo. Se infatti un'opinione è solo una prospettiva e non la verità, è anche vero che anche se non è possibile identificare una verità assoluta a livello di opinioni, è possibile identificare prospettive che sono false a priori, per intenzione di chi le propone o perché partono da assunti errati. Una di queste, ad esempio, è la logica del "morte e terrore" vs. "regime", che costituisce un bel balletto, spettacolo, quel che vuoi, ma non per questo propone un singolo punto di vista "valido" in assoluto: solo due modalità equivalenti e contrapposte, ed entrambe errate in quanto già di partenza mirano a colpire un altro, invece che a esporre proprie idee. E' come dire "votami perché l'altro è una testa di cazzo". "No, la testa di cazzo è lui, vota me". Sì, ma tu che cazzo sai fare, scusa? Se due fanno a pugni, potrebbe anche darsi che uno dei due abbia ragione, ma forse più probabilmente che entrambi siano imbecilli, e che il motivo alla base della rissa sia in realtà inconsistente. Il prendere le parti di uno o dell'altro, come fosse l'unica alternativa, dimostra solo di non saper vedere le cose da altre prospettive. Non che ogni prospettiva sia priva di significato.

Siamo d'accordo. Resta da stabilire quale delle due esagerazioni sia più consona a descrivere lo svolgersi dei fatti. Io non lo posso dare per certo. Sono sensazioni, a quanto pare condivise anche fuori dal nostro cortile.

Zaorunner
17-02-2005, 19.26.20
Querela? - edit by sam -

Offeso da quello spot? Assolutamente no.
-edit by sam-
Sono offeso da chi creato questa situazione, non da chi la mostra.


edit by sam: in ossequio al nuovo regolamento devo editare, mi spiace :)

Ef.Di.Gi
17-02-2005, 19.55.23
Ahhh, Breznev, Stalin, il Reichstag, Piazza Venezia.

Che luoghi e personaggi d'atmosfera.

samgamgee
17-02-2005, 19.58.11
Originally posted by Ef.Di.Gi
Ahhh, Breznev, Stalin, il Reichstag, Piazza Venezia.

Che luoghi e personaggi d'atmosfera.

not my fault http://www.chatitaliachat.it/serpe/humor/35.gif

EoN_MaskedForcE
17-02-2005, 21.48.41
eccoci quindi al punto che il dibattito politico italiano, basandosi in effetti sullo screditare l'altro anziche' proporre alternative o argomentazioni migliori della soluzione dello SCHIERAMENTO opposto, alzando i toni in maniera sempre crescente (attraverso titoli giornalistici e/o dichiarazioni sempre piu' ad effetto) ha fatto sentire anche in paesi non confinanti lo straziante e puerile livello raggiunto

inoltre una pubblicita' deve essere CAPITA da tutti (dai piu' se non altro) quindi significa che, secondo i pubblicitari che lo han creato, o il breve spot basta ad illustrare il panorama italiano oppure quello e' solo un rimando ad una cosa gia' nota ai piu'. Se fosse vera (come temo) la seconda possibilita' sarebbe triste :(

risalire la china sara' dura perche' una volta costruito uno stereotipo vive di vita sua
si radica...
non muore mai...
un po' come cercare di disegnare un toro omettendo l'anellone al naso ("bella questa mucca, ma ti sei dimenticato le zinne!")


(punto di vista variabile)

alcoolwarriors
18-02-2005, 01.00.41
ora, non so cosa avesse detto zao in origine, ma su quello che è rimasto sono più che d'accordo: me la prendo con chi ha portato il paese a questa situazione, non con chi la mostra. Mi sento offeso perchè nessuno ha fatto nulla perchè non si arrivasse a questo punto (anzi, molti hanno spinto in questo senso...), non perchè mi viene ricordato che ci siamo arrivati.

La situazione descritta, per quanto sommariamente, nello spot è più o meno sovrapponibile alla realtà dei fatti? direi di sì...quindi non ci vedo nulla di scandaloso nel fatto che venga denunciata o usata come antimodello a scopi pubblicitari...

e sul discorso: "Offende il rappresentante degli italiani e quindi tutti noi" mi permetto di ricordarvi che in epoca di sex gate Bill Clinton faceva da ospite fisso a striscia la notizia con tanto di risate finte solo perchè una stagista in carne aveva fatto delle scale diatoniche sul suo flauto di pelle.

gefri
18-02-2005, 01.15.51
mi sembra doveroso ricordare che striscia è un tg satirico dove prendono per il culo dal papa a bush, da prodi a berlusconi;
il discorso è APPENA differente.

Zaorunner
18-02-2005, 01.43.31
Originally posted by gefri
Noi possiamo.
Gli altri no.

Ancora sta storia? Monotono.

gefri
18-02-2005, 01.49.17
Originally posted by Zaorunner
Inculatemi che mi piace

mi ammalo per niente, è solo colpa mia.

alcoolwarriors
18-02-2005, 09.29.03
Originally posted by gefri
mi sembra doveroso ricordare che striscia è un tg satirico dove prendono per il culo dal papa a bush, da prodi a berlusconi;
il discorso è APPENA differente.

su questo posso anche concordare...e sulla prima parte del mio discorso?!

azanoth
18-02-2005, 09.30.21
Originally posted by gefri
mi sembra doveroso ricordare che striscia è un tg satirico dove prendono per il culo dal papa a bush, da prodi a berlusconi;
il discorso è APPENA differente.

Non per alcune buone teorie sull'uso dello strumento mediatico ai fini di manipolare il prossimo: è palese che un'ottimo viatico per la propria immagine sia quello del deriderla e trasmetterla comicamente trasfigurata agli altri,dà sicurezza...la gente dice "beh,se il proprietario permette tutta questa satira nei propri confronti dev'essere un grand'uomo!"....elemento che,imho,ha installato questo sistema perverso,del quale molti si lamentano,della politica condotta con toni denigratori.

:birra:

Per concludere il discorso,che fra l'altro mi causa sconforto psichico,trovo che l'immagine che meglio ci rappresenti oggi,sia quella del vecchio "Intervallo" trasmesso anni addietro dalla R.A.I.,ove si vedevano scorrere,al suono dell'arpa,tante immagini di bellezze architettoniche nostrane intervallate da quella di un prato verdeggiante con al centro un gregge di pecore raccolte.



http://www.alnano.org/images/intervallo1.JPG

EoN_MaskedForcE
18-02-2005, 09.49.40
non credo sia questione di essere offesi o meno

concordo con azanoth: la visibilita' che i media offrono a GIGINO (non solo parlandone bene, ma comunque parlandone) non e' paragonabile a quella di nessun altro personaggio politico italiano

in questo momento penso alle parole di un tipo ( :asd: ) intervistato a che tempo che fa: "sono libero di guardare quello che voglio, anche un programma che fa schifo... ma se voglio guardare qualche programma di qualita' cosa faccio? [cut] Chi puo' scappa: va al cinema, al teatro, su internet, ma tutti quelli che non possono sono in balia del MEZZO mediatico"
come lo ricordo, il senso era questo

ecco quindi un gregge che non si puo' fotografare, ma che comunque esiste...

[immagino verra' editato... io ho provoto a automoderarmi, ma e' cosa assai difficile]

gefri
18-02-2005, 12.20.13
Originally posted by alcoolwarriors
su questo posso anche concordare...e sulla prima parte del mio discorso?!

la prima parte è la stessa parte che nel reply in prima pagina ho volutamente saltato, perchè in questo caso non può esistere dialogo. Se per voi se uno stato che si permette campagne denigratorie di questo genere è colpa nostra, in quanto abbiamo portato al potere il dittatore, beh, non può esistere dialogo. Se un popolo porta al potere chi ha le televisioni, sono solo affari suo. Sono 5 anni che si parla delle tv di berlusconi, sinceramente, per quel poco che guardo la tv, non ho visto questo enorme cambiamento.
Poi ce chi lo vede e chi no, anche gente di destra che dice di vederlo e di sinistra che non ci fa caso, non è quello il problema.
Il discorso è che viviamo in uno stato ufficialmente libero e con una televisione ufficialmente libera, non mi sembra il caso che una tv estera la dipinga come sotto il giogo di un tiranno, con le solite stronzate sugli italiani. se a voi queste cose piacciono perchè c'è in mezzo berlusconi, non so cosa farci.
Se al posto di quel deficiente belga che ha palleggiato con la testa del nano ci fosse stato prodi, mi sarei comunque augurato che il mortadella si fosse girato con uno schiaffo; concetti come questo per voi sono estranei, anzi, si fece il tifo per chi ridicolizzò il presidente del consiglio: per questo non può esistere il dialogo su questi argomenti, e per questo l'ho saltato all'inizio.


per azanoth e l'altro: spesso la pecora è chi, accecato dall'odio, dalla fede politica o altro non sa più distinguere le cose e si lascia trasportare dalla "moda".

azanoth
18-02-2005, 12.28.48
Originally posted by gefri
per azanoth e l'altro: spesso la pecora è chi, accecato dall'odio, dalla fede politica o altro non sa più distinguere le cose e si lascia trasportare dalla "moda".

Ma che moda...ho fatto una vita da emarginato perchè sin dai 13 anni mentre tutti "impazzivano" per la disco io ascoltavo i Gong e i Gentle Giant:rolleyes:

"Facts are stupid things" (Ronald Reagan)

Ora come ora,mi basta solo dare un'occhiata ai palinsesti delle sei reti principali per rendermi conto...sembra di stare in sanatorio a ferragosto...per tacere dei cumuli di informazioni già alla portata di tutti i cittadini...è semplice c'è a chi piace a chi conviene e chi ne è suggestinato:

None of above 4 me.

EoN_MaskedForcE
18-02-2005, 12.40.00
Originally posted by gefri
per azanoth e l'altro: spesso la pecora è chi, accecato dall'odio, dalla fede politica o altro non sa più distinguere le cose e si lascia trasportare dalla "moda".

credo che questo fosse un argomento introdotto anche da mischa e che condivido al 100%
quello che volevo dire io con quella citazione e' che se i mezzi mediatici ti offrono un'idea puoi evitarli oppure subire e non tutti hanno voglia/tempo/mezzi per evitari

alcoolwarriors
18-02-2005, 20.44.48
Originally posted by gefri
la prima parte è la stessa parte che nel reply in prima pagina ho volutamente saltato, perchè in questo caso non può esistere dialogo. Se per voi se uno stato che si permette campagne denigratorie di questo genere è colpa nostra, in quanto abbiamo portato al potere il dittatore, beh, non può esistere dialogo.

non ho parlato di dittatura, anzi non ho buttato il discorso in politica...ho solo detto che la situazione espressa nello spot sia, imho, abbastanza fedele alla realtà (che controlli le reti che sono sue non c'è dubbio, che controlli la rai neppure, visto che il cda è strettamente legato alla maggioranza).

Ergo la denigrazione dov'è?! è quello che mi chiedo io...

azanoth
19-02-2005, 09.23.53
Originally posted by alcoolwarriors


Ergo la denigrazione dov'è?! è quello che mi chiedo io...

Lu mandolino beddu bedduuuu! (cercate su Gugle immagini mettendo "spaghetti mandolino")

plin!plin!plin...

plon. :look:


http://www.lacucinadibologna.it/img/spaghetti.jpg

http://www.bandatolfa.it/foto%20strumenti/mandolino.jpg

http://www2.raisport.rai.it/news/sport/calcio/199912/15/3857e4f3036d3/calcio.jpg

...come confutare questa "piccola" realtà...

il_falchetto_pellegrino
19-02-2005, 12.18.39
Originally posted by Dalmo
Querela.
Ah, circa l'80% dei giornalisti rai dovrebbero essere iscritti a sindacati di sinistra, non dico altro. :)
Dire che i mezzi sono tutti in mano a Berlusconi è una troiata, comunque reti sue, ci fa quello che gli pare, non come santoro o biagi che lo fanno con i soldi degli altri.

Sarebbe soprattutto interessante sapere da chi il nostro beneamato tesserato 1816 della P2 ha avuto questi dati, che dovrebbero essere riservati.

Comunque credo che in Svezia per arrivare a una simile conclusione abbiano semplicemente tenuto conto delle reti televisive di sua proprietà, di quelle che controlla tramite il governo, delle sue proprietà di maggioranza o partecipate nel campo dell'editoria e della pubblicità. Cazzabubbole, insomma.

Oltretutto essere iscritto a un sindacato non significa necessariamente mistificare l'informazione, come invece stanno facendo il TG1 del buon Mimun, che riserva all'opposizione fette sempre più risicate del panino di sua invenzione (governo-opposizione-maggioranza) e il TG2, ormai un varietà. Senza parlare di Vespa, che tra santi e madonne e veggenti e Lecciso non sa più dove sbattere la testa.

zappeo
19-02-2005, 14.24.38
ho letto solo ora tutto il thread, e mi spiace perchè tante cose sono state già dette, per cui non sto a ripetere.
ho visto che è emersa più volte la domanda sul "perchè" è uscita una pubblicità del genere, perchè una pubblicità per raggiungere lo scopo deve essere capita da tutti, ecc ecc.

dalle mie varie scampagnate in svezia quando vado a trovare i miei posso dire che, quando la sera esco con gli amici che ho a stoccolma, e mi presentano a qualcuno di nuovo, nel 99% dei casi scatta automatico il commento su silvio. ma fino ad ora non l'hanno mai usato per sfottere me ... il tono che usano è più che altro di "compassione" (che, se mi permettete, è anche peggio).
in svezia sono molti i giovani che si interessano di politica, sia svedese che estera, al contrario di qua, dove spesso si tende a sbattersene (e per quanto riguarda gli ultimi mesi mi includo nel discorso, più che altro per mancanza di forze).

la prima cosa che ha notato mio padre quando si è trasferito là è stata il telegiornale: quando facevano le riprese dei congressi con i leader europei al gran completo, e facevano la carrellata dei partecipanti .. "stranamente" capitava spesso che, appena compariva la spalla destra di silvio, venisse inquadrato per pochi secondi qualcos'altro. in pratica, lo saltavano spesso.

in sostanza, da quello che ho potuto assimilare, in svezia berlusconi è famoso quanto bush, e viene regolarmente sfottuto da gran parte del popolo. è una cosa, se vogliamo, comune.
ecco perchè non mi ha meravigliato sapere di questo spot (anzi, dovrò chiedere pure al mì babbo cosa ne pensa).

per arrivare infine alla faccenda dei "luoghi comuni" ... sinceramente non mi tocca, perchè ormai sono tristemente all'ordine del giorno, ovunque.
non so se in quello spot siano voluti oppure è solo una caduta di stile, fatto sta che anche il semplice "le svedesi sono tutte gnocche" è un luogo comune. o il giapponese con la macchina fotografica. o l'americano che mastica il chewing-gum mentre si pappa un cheesburger. o il canadese che parla con un accento strano, l'irlandese ubriacone, l'albanese aggressivo, l'olandese fattone ecc. ecc.
l'immagine che berlusconi da' all'estero è quella di un personaggio televisivo, più che di un politico, per questo non penso si siano fatti troppe remore nello sfotterlo un po'. che poi sia giusto o sbagliato, sono opinioni personali, ma IMHO non è questo gran scandalo.
anzi, alla fine dei conti gli ha dato un'altra spruzzata di visibilità, secondo me ne è quasi felice :rolleyes:

zAp:birra:

destino
19-02-2005, 15.30.14
Originally posted by il_falchetto_pellegrino
Oltretutto essere iscritto a un sindacato non significa necessariamente mistificare l'informazione, come invece stanno facendo il TG1 del buon Mimun, che riserva all'opposizione fette sempre più risicate del panino di sua invenzione (governo-opposizione-maggioranza) e il TG2, ormai un varietà. Senza parlare di Vespa, che tra santi e madonne e veggenti e Lecciso non sa più dove sbattere la testa.

OT: il panino risale all'epoca del centrosinistra nel 96, ke poi nn ti piaccia è altra cosa

FINE OT

il_falchetto_pellegrino
19-02-2005, 16.36.25
Originally posted by destino
OT: il panino risale all'epoca del centrosinistra nel 96, ke poi nn ti piaccia è altra cosa

FINE OT

Non è corretto: ai tempi del centrosinistra si deve la ripartizione in tre parti del tempo delle interviste (governo, maggioranza, opposizione), che condivido solo in parte (essendo per ovvi motivi quasi sempre i pareri del governo coincidenti con quelli della maggioranza, avrei dato il 60% a governo + maggioranza e il 40% all'opposizione), ma l'ordine delle interviste era sparso.

gefri
04-03-2005, 14.50.43
intanto sti stronzi hanno pubblicato nel loro sito per 5 ore il necrologio del papa, coglioni!

Zaorunner
04-03-2005, 16.26.08
Originally posted by gefri
intanto sti stronzi hanno pubblicato nel loro sito per 5 ore il necrologio del papa, coglioni!

Magari era solo una piccola biografia :asd:

elfebo
04-03-2005, 17.27.43
:roll3:

che importa, sono polemiche sterili che li nascono e li muoiono.
siamo noi in italia che non siamo abituati alla pubblicita' denigratoria:sisi:

che lo dicessero pure, tanto berlusconi, vero o non vero, non cambiera' mai il modo di fare televisione.

grifis
04-03-2005, 19.09.04
Molti di voi vedono questo fatto come un "affronto" all'Italia e agli italiani, altri, invece di soffermarsi su questo "aspetto" della questione, si sono chiesti il motivo di questa burla. Io penso semplicemente che ognuno raccoglie ciò che ha seminato, e ciò che gli italiani hanno seminato non ha dato buoni frutti. Detto questo, credo che una tv di un altro Stato non dovrebbe permettersi di prendere in giro il primo ministro italiano, ma, in fondo in fondo, una bella presa per il culo ce la meritiamo tutti. E ce la meritiamo tutta.

gefri
04-03-2005, 19.11.41
e io li prendo ancora più per il culo per le loro stronzate, dato che si permettono di giudicare altre televisioni quando non sanno gestire la loro, non vedo il problema...

.Imrahil
04-03-2005, 19.16.22
Solo io sono contento della vicenda?

gefri
04-03-2005, 19.20.46
ai 3/4 del forum, per il motivo già spiegato:


Il discorso è che viviamo in uno stato ufficialmente libero e con una televisione ufficialmente libera, non mi sembra il caso che una tv estera la dipinga come sotto il giogo di un tiranno, con le solite stronzate sugli italiani. se a voi queste cose piacciono perchè c'è in mezzo berlusconi, non so cosa farci.
Se al posto di quel deficiente belga che ha palleggiato con la testa del nano ci fosse stato prodi, mi sarei comunque augurato che il mortadella si fosse girato con uno schiaffo; concetti come questo per voi sono estranei, anzi, si fece il tifo per chi ridicolizzò il presidente del consiglio

Jimmy Woodman
05-03-2005, 14.37.42
Personalmente, reputo il nostro panorama politico pari a Zelig, se non peggio.
E i mass-media non son da meno.

Gradirei leggere/ascoltare programmi politici, ed invece mi tocca sentire parapiglie, degne di bambini dell'asilo... sì, i nostri politici non sanno "parlare".....rimandiamoli a scuola....dall'asilo però.

Non mi sorprende questo spot della tv svedese in riferimento a Berlusconi....lui è solo l'emblema(o capro espiatorio) della TOTALITA'(da destra a sinistra indistintamente) di ciò che ho espresso sopra.

Sono anni ormai, che tutte le volte che devo andare a votare ho il vomito....vediamo quando mi passerà.

Tornando in specifico allo spot:
- Qualcuno s è chiesto perchè questa Tv svedese, ha fatto questo spot??..cioè, quale è il suo tornaconto??

destino
05-03-2005, 14.56.39
Per lo stesso motivo per cui ha tenuto 5 ore la notizia della morte del Papa nel suo sito: cattivo giornalismo

Zaorunner
05-03-2005, 15.01.38
Originally posted by destino
Per lo stesso motivo per cui ha tenuto 5 ore la notizia della morte del Papa nel suo sito: cattivo giornalismo

Almeno e' giornalismo.

destino
05-03-2005, 15.24.51
Originally posted by Zaorunner
Almeno e' giornalismo.

effettivamente dare notizie del menga è giornalismo :asd:

montanelli continua a rivoltarsi nella tomba ahinoi

Zaorunner
05-03-2005, 15.27.56
Originally posted by destino
montanelli continua a rivoltarsi nella tomba ahinoi

Montanelli aveva di che rigirarsi ben prima della sua dipartita.