PDA

Visualizza versione completa : Ma perche'..



Uill_Uoll
13-02-2005, 19.41.06
..sulla rete nn c e' alcuna regolamentazione che vieta siti come questo? (http://utenti.lycos.it/tuttoperilsuicidio/)

Ef.Di.Gi
13-02-2005, 19.47.52
Perchè NON ci deve essere alcuna regolamentazione che limita la libertà di divulgazione ed espressione del proprio pensiero. Neppure nella "realtà", se la vogliamo vedere contrapposta alla rete.

sharkone
13-02-2005, 19.51.13
la rete e' un mondo libero.

l'utente e' libero di scegliere dove andare a finire con il proprio pc.

purtroppo ci possono essere trappole per bambini, o utenti poco stabili, ma sta a chi di dovere controllarli.

Alex_j
13-02-2005, 19.51.21
tutti sappiamo certe cose ma nessuno ti obbliga a farle.

Ef.Di.Gi
13-02-2005, 19.52.08
Ma che cazzo mi hai fatto scrivere :asd:

In realtà questo sito è un capolavoro di ironia :D

Alex_j
13-02-2005, 19.53.00
:roll3: :roll3:

Velena
13-02-2005, 20.02.05
mah guarda che se clicchi su ordina appare sta scritta




AMICO NON PENSARE MAI AL SUICIDIO COME AD UN MODO PER PORRE FINE ALLE SOFFERENZE.PERCHE' TI GARANTISCO CHE SE IN FEBBRAIO NELL'ORTO SI METTE LA MERDA,IN AGOSTO CI SARANNO VERDURE DA MANGIARE E BEI FIORI. DOPO IL GRANDE SCONFORTO VIENE PER FORZA UNA GRAN GIOIA COME DOPO LA SALITA DEVE ESSERCI LA DISCESA.


TI VOGLIO BENE.

GIANNI.

se hai voglia , scrivimi pure , mi va di conoscerti !





a me non pare tanto scandaloso, anzi mi pare un idea molto tenera, probabilmente ce anche chi su internet mette la parola chiave "suicidio" e questo e' un bel modo di qualcuno per far pensare , sei davvero cosi disperato da a comprare una corda che non ti da scampo ? trovare un messaggio del genere, sicuramente potresti far sentire qualcuno meno solo
a me e' venuto da piangere, avrei mostrato questo ad un amico, che tanti anni fa , decise di usarla la corda, ma poi si e' ricreduto e invece di riuscire a liberarsi e' scivolato
perche la maggior parte delle volte basterebbe avere qualcuno che ti da la mano e che ti ascolti . perche la cosa che uccide di piu' e' sentirsi abbandonati a se stessi.

ding
13-02-2005, 20.03.21
è semplicemente grandioso :roll3: la merda a febbraio :roll3:


però dai, uno ci rimane di merda all'inizio :|

Cocitu
13-02-2005, 20.04.01
probabilmente si tratta di una presa per il culo per chi si vuole suicidare.

infatti se vai ad ordinare qualche atrezzo, trovi questo disclaimer:

AMICO NON PENSARE MAI AL SUICIDIO COME AD UN MODO PER PORRE FINE ALLE SOFFERENZE.PERCHE' TI GARANTISCO CHE SE IN FEBBRAIO NELL'ORTO SI METTE LA MERDA,IN AGOSTO CI SARANNO VERDURE DA MANGIARE E BEI FIORI. DOPO IL GRANDE SCONFORTO VIENE PER FORZA UNA GRAN GIOIA COME DOPO LA SALITA DEVE ESSERCI LA DISCESA.

cmq, se si trattasse di un sito che istiga al suicidio, sarebbe un reato e come tale si potrebbe informare l'autorità giudiziaria e far blindare l'autore di tale merda

follettomalefico
13-02-2005, 20.09.34
Pardon, perchè è reato istigare al suicidio?

Cocitu
13-02-2005, 20.21.19
Originally posted by follettomalefico
Pardon, perchè è reato istigare al suicidio?

Assistenza al suicidio ( o istigazione al suicidio) (art. 580)

Chiunque determina altri al suicidio o rafforza l'altrui proposito di suicidio, ovvero ne agevola in qualsiasi modo l'esecuzione, è punito, se il suicidio avviene, con la reclusione da cinque a dodici anni. Se il suicidio non avviene, è punito con la reclusione da uno a cinque anni, sempre che dal tentativo di suicidio derivi una lesione personale grave o gravissima.

Le pene sono aumentate se la persona istigata o eccitata si trova in una delle condizioni indicate nei numeri 1 e 2 dell'articolo precedente. Nondimeno, se la persona suddetta è minore degli anni quattordici o comunque è priva della capacità d'intendere o di volere, si applicano le disposizioni relative all'omicidio.

follettomalefico
13-02-2005, 20.22.58
Che fosse reato, l'avevi già detto. Io invece chiedo perchè lo sia ;)

Anche se ringrazio per l'estratto :)

Cocitu
13-02-2005, 20.33.24
perchè a ben guardare, l'istigazione al suicidio è un modo come un altro per commetere un omicidio.
D'altronde l'Art. 575 parla chiaro.
l'art 580 non è altro che una specificazione di quello che riguarda l'omicidio e del 579 che riguarda l'omicidio del consenziente

il bene della vita è un bene INDISPONIBILE e come tale è giusto che debba essere difesa ad oltranza

follettomalefico
13-02-2005, 20.37.36
Il bene della vita, per chi vede la vita come sofferenza, è un bene?



Mumble... non mi è chiara la cosa. E come tesi non mi convince. Thx cmq.


[EDIT]
Puoi riportarmi anche l'altro articolo, se non è disturbo?

aquarius
13-02-2005, 20.38.48
trovo che sia invece un sito molto carino,che fa riflettere e non istiga assolutamente al suicidio...;)

Elrond.
13-02-2005, 20.39.52
Originally posted by follettomalefico
Il bene della vita, per chi vede la vita come sofferenza, è un bene?
Che decida da solo di suicidarsi. L'istigazione, invece, comporta una violazione dell'altrui libertà di autodeterminazione.

follettomalefico
13-02-2005, 20.41.37
E' il dubbio sul fatto che possa la legge discriminare su un fattore simile.



E poi, a questa stregua, che differenza c'è fra l'istigare qualcuno e il dissuadere qualcuno? Comunque, io sto violando il principio della persona di autodeterminarsi.

destino
13-02-2005, 20.47.04
GELIDA MANINA





STIPULA DI CONTRATTO PER IL QUALE SARETE TUMULATI LASCIANDO CHE ESCA DALLA TOMBA UNA VOSTRA MANO,RETROVERSA E UN PO CHIUSA (A CUCCHIAIO) COSI' DA DIVENIRE UN PRATICO "RIPARACANDELA"



voglio questa :roll3:

troppo lol sto sito :D

TheDarkAlcatraz
13-02-2005, 20.57.32
Originally posted by aquarius
trovo che sia invece un sito molto carino,che fa riflettere e non istiga assolutamente al suicidio...;)

e anzi ti dirò di più, ho trovato alcuni spunti interessanti specie per quello che riguarda i suicidi storici.
Anzi non mi sovviene se abbiano inserito o meno quello di Cleopatra che, a quanto pare, si fosse tolsa la vita col morso di un aspide.

( PS. Ciao, Ago )

Elrond.
13-02-2005, 21.18.06
Originally posted by follettomalefico
E' il dubbio sul fatto che possa la legge discriminare su un fattore simile.
Invece è giustissimo che sia così. In taluni casi, la vis compulsiva ( violenza psicologica ) era prevista finanche nell'ordinamento giuridico romano. E' prevista e deve essere prevista ogniqualvolta sia riconoscibile. Solo a seguito di una mistificazione della realtà, ci si potrebbe limitare a perseguire la sola vis absoluta ( violenza fisica ), giacchè mi risulta che anche con la violenza psicologica si possa costringere qualcuno ad agire contro la propria volontà.
Ebbene, il diritto romano la sanziona nel caso in cui un negozio giuridico sia concluso in seguito ad intimidazioni o ad altre forme di violenza psicologica ( si parla di vis aut metus, violenza o paura ). Mi sembra giusto che, a maggior ragione, una forma analoga di violenza sia considerata allorchè non è in gioco una mera compravendita, ma la vita stessa dell'individuo.



Originally posted by follettomalefico
E poi, a questa stregua, che differenza c'è fra l'istigare qualcuno e il dissuadere qualcuno? Comunque, io sto violando il principio della persona di autodeterminarsi.
Se consideriamo la questione da un punto di vista biologico, dovremo ammettere la sussistenza - in qualsiasi essere umano - di un fortissimo istinto d'autoconservazione. Ebbene, un'istigazione che riesca ad aggirare un simile istinto, non può che considerarsi violenza. Nel caso della dissuasione, invece, non mi pare di scorgere la medesima forza dirompente, considerata la condizione di incertezza dell'aspirante suicida, i continui ripensamenti, l'eventualità del tardivo pentimento.
Considerando la questione da un punto di vista giuridico, la persona è connotata da una quasi-sacralità, che suggerisce di vietare qualsiasi atto di disposizione del corpo, di parti di esso, o della vita stessa. Se non si può disporre del corpo o della vita, dovrà considerarsi reato anche l'istigazione a disporne. Ed è il buon senso a suggerire l'indisponibilità dei diritti della persona, nonchè del suo corpo fisico.

Ef.Di.Gi
13-02-2005, 21.27.00
Bisogna anche considerare che la dissuasione ha come conseguenza uno stato reversibile, l'istigazione, al contrario, irreversibile.

Cocitu
13-02-2005, 21.34.22
Originally posted by follettomalefico

Puoi riportarmi anche l'altro articolo, se non è disturbo? Art. 575 del: Penale Sezione: Delitti in Particolare
Omicidio.
Chiunque cagiona la morte di un uomo è punito con la reclusione non inferiore ad anni ventuno.

il bene della vita è un bene supremo e come tale và difeso ad ogni costo.
La ns cultura considera il suicidio come atto di codardia e come tale viene trattato anche dai codici.
posso capire chi in situazioni particolari, come una malattia allo stato terminale scelga di porre fine alla propria vita, ma considero sanzionabile l'aiuto a tale pratica.
D'altronde non sono solo io che lo considero atto non in linea con i ns principi culturali

Zaorunner
13-02-2005, 21.35.14
Sito interessante.
Leggiucchiando i vari elenchi di persone e personaggi, mi chiedo quanti di loro siano stati suicidati.

Phoenix_CH
13-02-2005, 21.47.46
appero' un sito cosi nn lo avevo mai visto.. e' piuttosto lugubre.... poi capita pittosto a fagiolo...... il mese scorso nel giro di una settimana due miei compagni hanno avuto la "bella" idea di "risolvere" ogni problema con questo metodo.....:(

Ef.Di.Gi
13-02-2005, 21.51.04
Originally posted by Phoenix_CH
appero' un sito cosi nn lo avevo mai visto.. e' piuttosto lugubre.... poi capita pittosto a fagiolo...... il mese scorso nel giro di una settimana due miei compagni hanno avuto la "bella" idea di "risolvere" ogni problema con questo metodo.....:(

:eek2:

Cocitu
13-02-2005, 21.51.22
è di questi gg la notizia di un tizio che è sato arrestato con l'accusa di stare organizzando un suicidio di massa che vedeva coinvolti una trentina di giovani.
come quelli che nell'ultimo anno stanno funestando il giappone.
Mi pare che nell'impero del sol Levante siano ormai un centinaio i ragazzi che si sono suicidati seguendo una sorta di rito di massa.

Ef.Di.Gi
13-02-2005, 21.53.35
Sicuramente la radice della motivazione è molto più profonda dell'istigazione al suicidio da parte del capo della setta...

Phoenix_CH
13-02-2005, 21.54.49
Originally posted by Ef.Di.Gi
:eek2:

e gia' la svizzera e il paese con il tasso di suicidio giovanile piu' grande al mondo....... nel solo mese di gennaio 9 ragazzi della zona si sono o sparati o impiccati o gettati dall'autosilo..... veramente una csa da rifletterci su..... di sti nove ne conoscevo bene 3

erixal
14-02-2005, 00.29.12
Originally posted by follettomalefico
Il bene della vita, per chi vede la vita come sofferenza, è un bene?


forse non sarà un bene, ma è pur sempre un bene. e il fatto che in italiano bene e bene si dicano allo stesso modo complica *orrendamente* le cose (cit, mutatis mutandis) :roll3:

quel che voglio dire è che puoi non ritenerla un bene in senso comune, ma è comunque una "cosa" che è oggetto di diritti, quindi un "bene" in senso giuridico. ovviamente il diritto alla vita è costituzionalmente tutelato. :D

Ammettendo anche che ci possano essere delle forme di suicidio accettabili chi puoi pensare che abbia il diritto di istigare una persona a farlo? Argh è orribile!

Soothe
14-02-2005, 00.45.29
Originally posted by follettomalefico
Il bene della vita, per chi vede la vita come sofferenza, è un bene?


La Vita va sempre tutelata. :)
Altrimenti sarebbe giusto o quantomeno lecito uccidere gli assassini o qualsiasi persona che abbia commesso dei crimini e/o che per noi merita di morire( ?) .

Ps La mia non è nè una critica né una sentenza, bensì uno spunto di riflessione. :)

erixal
14-02-2005, 00.56.16
Originally posted by SilentFlamer
La Vita va sempre tutelata. :)
Altrimenti sarebbe giusto o quantomeno lecito uccidere gli assassini o qualsiasi persona che abbia commesso dei crimini e/o che per noi merita di morire( ?) .


amen :hail:

almeno credo ci sia chi merita seriamente di morire, ma non credo che ci sia nessuna entità terrena a cui attribuire il potere di decidere ed eseguire la sentenza. il che risolve il problema :rolleyes: :D

.Orfeo.
14-02-2005, 05.16.50
Temere la morte, cittadini, non è diverso da credere di essere saggio senza esserlo.Infatti consiste nel credere di sapere cose che si ignorano.Infatti nessuno sa se la morte sia per l'uomo il più grande di tutti i vantaggi, ma la si teme come se si sapesse bene che è il peggiore dei mali.Pertanto come non definire questa - credere di sapere ciò che si ignora- ignoranza della peggiore specie?Io, cittadini, proprio su questo punto differisco probabilmente dalla maggior parte degli uomini, e se mostrassi di essere più sapiente sarebbe in questo: non conoscendo a sufficienza le faccende dell'Ade, sono, così convinto di non conoscerle.

zappeo
14-02-2005, 06.24.09
Originally posted by erixal
amen :hail:

almeno credo ci sia chi merita seriamente di morire, ma non credo che ci sia nessuna entità terrena a cui attribuire il potere di decidere ed eseguire la sentenza. il che risolve il problema :rolleyes: :D

mah, su questo non c'è dubbio ..
forse la faccio troppo semplice ma la penso così: la vita è mia, non ho chiesto io di averla, sono FELICE di averla, ma se decido di porvi una fine prematura ... beh, checcaz, è mia!
lo faccio, e finisce lì.
per quanto poi possano entrare in gioco fattori come l'aiutare chi sta pensando a quel gesto, che le ragioni siano frivole o di un certo peso ... resta comunque una scelta personale. anche una cazzata, se volete, o un gesto da codardo, ma la decisione di una vita spetta al suo legittimo proprietario.

zAp:birra:

New_Alumir
14-02-2005, 09.36.08
ci sarebbero tanti siti che non dovrebbero esistere, tipo rotten, questo e altri. La rete è libera, almeno fino ad un certo punto, sta al navigatore decidere se lasciare perdere o no queste stronzate di siti.

:birra:

erixal
14-02-2005, 09.42.58
Originally posted by New_Alumir
ci sarebbero tanti siti che non dovrebbero esistere, tipo rotten, questo e altri. La rete è libera, almeno fino ad un certo punto, sta al navigatore decidere se lasciare perdere o no queste stronzate di siti.

:birra:

sono abba d'accordo ma è un discorso da non trattare con leggerezza. un navigatore, forse, dovrebbe a vere il diritto di non incontare siti come rotten.
anche perchè la naturale estensione del discorso della libertà della rete è la proliferazione effettiva che si verifica di siti porno pedofili :(

Soothe
14-02-2005, 16.25.38
Originally posted by zappeo
mah, su questo non c'è dubbio ..
forse la faccio troppo semplice ma la penso così: la vita è mia, non ho chiesto io di averla, sono FELICE di averla, ma se decido di porvi una fine prematura ... beh, checcaz, è mia!
lo faccio, e finisce lì.
per quanto poi possano entrare in gioco fattori come l'aiutare chi sta pensando a quel gesto, che le ragioni siano frivole o di un certo peso ... resta comunque una scelta personale. anche una cazzata, se volete, o un gesto da codardo, ma la decisione di una vita spetta al suo legittimo proprietario.

zAp:birra:

Anche su questo non c'è dubbio. :)
Più che altro però, si parlava di induzione a togliersi la vita da parte di qualcuno, di plagiare la volontà altrui.

Se poi qualcuno decide "autonomanente" di togliersi la vita è una sua libera scelta, MA se io se fossi a conoscenza di un simile proposito da parte di qualcuno, chiunque esso sia tenterei in tutti i modi di dissuaderlo/la e avvertirei chi di dovere al fine di evitare una simile tragedia.

zappeo
14-02-2005, 18.49.28
Originally posted by SilentFlamer
Anche su questo non c'è dubbio. :)
Più che altro però, si parlava di induzione a togliersi la vita da parte di qualcuno, di plagiare la volontà altrui.

pienamente d'accordo sul fatto che certa gente meriterebbe morte anale seduta stante ;)


Se poi qualcuno decide "autonomanente" di togliersi la vita è una sua libera scelta, MA se io se fossi a conoscenza di un simile proposito da parte di qualcuno, chiunque esso sia tenterei in tutti i modi di dissuaderlo/la e avvertirei chi di dovere al fine di evitare una simile tragedia.

dipende da chi intendi per "chi di dovere" ... io per esempio non so se chiamerei mai polizia o enti simili, per loro è lavoro, non un gesto di ... boh, "aiuto". e questo chi ha certi pensieri lo sa, o, togliendo le eccezioni, ne è pienamente convinto.
se invece per "chi di dovere" intendi amici stretti, parenti con cui va molto d'accordo ecc. allora sono concorde con te ...

zAp:birra:

Ef.Di.Gi
14-02-2005, 19.02.34
Originally posted by .Orfeo.
Temere la morte, cittadini, non è diverso da credere di essere saggio senza esserlo.Infatti consiste nel credere di sapere cose che si ignorano.Infatti nessuno sa se la morte sia per l'uomo il più grande di tutti i vantaggi, ma la si teme come se si sapesse bene che è il peggiore dei mali.Pertanto come non definire questa - credere di sapere ciò che si ignora- ignoranza della peggiore specie?Io, cittadini, proprio su questo punto differisco probabilmente dalla maggior parte degli uomini, e se mostrassi di essere più sapiente sarebbe in questo: non conoscendo a sufficienza le faccende dell'Ade, sono, così convinto di non conoscerle.

Socry :metal:

follettomalefico
14-02-2005, 19.23.40
Originally posted by erixal
sono abba d'accordo ma è un discorso da non trattare con leggerezza. un navigatore, forse, dovrebbe a vere il diritto di non incontare siti come rotten.
anche perchè la naturale estensione del discorso della libertà della rete è la proliferazione effettiva che si verifica di siti porno pedofili :( Utopia.

E ti spiego perchè.

La nostra società si sta evolvendo creando una tecnologia che sia sempre più simile e più assecondi la natura umana (o la meta-programmazione umana). In tale accezione, internet è lo specchio approssimato di una certa parte della comunicazione umana.

Per 'evitare' quello che dici, devi fermare le persone, non internet. Internet è un mezzo, puro e semplice. E' un po' come 'una persona dovrebbe avere il diritto di non sentire parolacce'. La parola è un mezzo, se uno ne fa un uso 'improprio', chi fermi?

Non puoi tacciare il mezzo, quando invece dovresti tacciare le persone. ;)

MIKELE88
14-02-2005, 19.52.28
:asd: ma ke razza d sito è!?!? :roll3:

erixal
14-02-2005, 20.26.18
Originally posted by follettomalefico

Non puoi tacciare il mezzo, quando invece dovresti tacciare le persone. ;)

e chi taccia il mezzo? non hai capito ciò che ho detto :p
io sono un fan di internet, dico solo che c'è da riflettere: a che prezzo abbiamo libertà per le nostre cazzate? al prezzo di rendere difficilissimamente perseguibili crimini orrendi. Ora non dico che uno debba avere il visto da una commissione censura per hostare un sito o avere un'ip, però senz'altro è un fenomeno che fa pensare.

Ef.Di.Gi
14-02-2005, 20.31.46
Originally posted by erixal
e chi taccia il mezzo? non hai capito ciò che ho detto :p
io sono un fan di internet, dico solo che c'è da riflettere: a che prezzo abbiamo libertà per le nostre cazzate? al prezzo di rendere difficilissimamente perseguibili crimini orrendi.

Opinione personale. Io credo non siano assolutamente crimini.

erixal
14-02-2005, 20.36.49
Originally posted by Ef.Di.Gi
Opinione personale. Io credo non siano assolutamente crimini.

beh, fa sempre piacere incontrare quadri assiologici differenti, ma stiamo parlando entrambi di stupro e uccisione di bambini per lussuria e lucro?

Ef.Di.Gi
14-02-2005, 20.39.35
Originally posted by erixal
beh, fa sempre piacere incontrare quadri assiologici differenti, ma stiamo parlando entrambi di stupro e uccisione di bambini per lussuria e lucro?

Scusa? :.:

Credevo facessi riferimento a rotten. Devo essermi perso qualche passaggio :asd:

erixal
14-02-2005, 20.43.52
Originally posted by Ef.Di.Gi
Scusa? :.:

Credevo facessi riferimento a rotten. Devo essermi perso qualche passaggio :asd:

ah meno male. :asd:
ne avevo parlato più sopra, nel messaggio alla cui risposta ho risposto (... ;) ) definendoli crimini orrendi, appunto.

Cocitu
14-02-2005, 20.47.53
Originally posted by zappeo
mah, su questo non c'è dubbio ..
forse la faccio troppo semplice ma la penso così: la vita è mia, non ho chiesto io di averla, sono FELICE di averla, ma se decido di porvi una fine prematura ... beh, checcaz, è mia!
lo faccio, e finisce lì.
per quanto poi possano entrare in gioco fattori come l'aiutare chi sta pensando a quel gesto, che le ragioni siano frivole o di un certo peso ... resta comunque una scelta personale. anche una cazzata, se volete, o un gesto da codardo, ma la decisione di una vita spetta al suo legittimo proprietario.

zAp:birra:
nessuno si sogna di togliere a chichessia il diritto di decidere sulla propria vita.
Ma la ns cultura insegna che la vita è un bene supremo e come tale si deve fare di tutto per preservarla.
il fatto di porre un limite a questo diritto rientra in quella politica culturale.
Lo stesso giappone, dove il suicidio è contemplato nella loro cultura pone dei paletti all'assistenza allo stesso.
il fatto che non si pongano in essere misure di prevenzione nei confronti di quelle persone che abbiano tentato il suicidio ci fà capire come lo stato o la società non si assurgano a giudici supremi della vita di un cittadino.
Porre dei limiti all'intervento esterno in un atto estremo come il suicidio, rientra nella politica di lasciare determinatiatti alla sfera squisitamente personale di un soggetto.
tutto ciò che riguarda l'intervento esterno, invece è da perseguire senza remore

Triggio.Dark.Elf
14-02-2005, 20.54.42
Originally posted by Uill_Uoll
..sulla rete nn c e' alcuna regolamentazione che vieta siti come questo? (http://utenti.lycos.it/tuttoperilsuicidio/)

In Giappone il suicidio non e` illegale, ma anzi e` visto come una morte onorevole. E` una questione di differenti punti di vista, quindi perche` impedire a qualcuno di esprimersi. Se dovessimo regolamentare tutto, non sarebbero in pochi i genitori ad essere contro il 90% degli FPS, causandone cosi` una rapida estinzione... ci vuole liberta` di espressione, sta poi a te decidere a cosa interessarti e a cosa no. ;)

erixal
14-02-2005, 21.01.16
Originally posted by Triggio.Dark.Elf
Se dovessimo regolamentare tutto, non sarebbero in pochi i genitori ad essere contro il 90% degli FPS, causandone cosi` una rapida estinzione...

ed è qui che le persone assennate capiscono che non si può generalizzare :D azz togliersi la vita è un conto, giocare a doom o carmageddon è un altro :asd:


comunque limiti costituzionali a parte se il 90% dei genitori fosse pure la maggioranza della popolazione per me una legge dovrebbe vietare gli fps violenti :p