PDA

Visualizza versione completa : GoAdept - Spargete il verbo di Google



follettomalefico
06-02-2005, 00.03.38
L'attesa è stata lunga, e sicuramente non a tutti queste parole giungeranno nuove.

Ma finalmente il verbo di Google è stato messo per iscritto.

E questa, vi sfido a poter dire che è OLD :D




http://img144.exs.cx/img144/1039/linkgoadept0en.png

http://googleadept.blogspot.com/

Glorfind3l
06-02-2005, 01.17.37
:hail: :hail: :hail: http://www.google.com/images/logo_sm.gif

Zaorunner
06-02-2005, 01.26.04
ELD!

Trinity^_^
06-02-2005, 01.36.46
ma looooooooooooooooooooooooooooooool!!!!! :roll3:

TrustNoOne
06-02-2005, 03.57.37
il link "grunts" non va, non esiste la lingua. Pero' c'e' il klingon.

Elrond.
06-02-2005, 07.47.53
:old:

Il profeta - Cohen - ed il primo credente - Friedman (29-06-2003) (http://www.cnn.com/2003/US/06/29/nyt.friedman/):
Says Alan Cohen, a V.P. of Airespace, a new Wi-Fi provider: "If I can operate Google, I can find anything. And with wireless, it means I will be able to find anything, anywhere, anytime. Which is why I say that Google, combined with Wi-Fi, is a little bit like God. God is wireless, God is everywhere and God sees and knows everything. Throughout history, people connected to God without wires. Now, for many questions in the world, you ask Google, and increasingly, you can do it without wires, too."

La prima smentita (29-06-2003) (http://www.sulekha.com/weblogs/weblogdesc.asp?cid=549):
The answer to Friedman's question is rather simple: No. Because Google knows but doesn't understand. It has traces of seemingly intelligent behavior. When I google for "Andhra pikls", it comes back and says to me "Do you mean 'Andhra pickles'?'" Of course. The ability to divine and properly direct my quest for what is possibly the second most precious commodity in the world (let me know if this pops up: What is the first?) seems intelligent. This is because instead of mechanically looking for 'Andhra pikls' and coming back with 'What Andhra pikls? I couldn't find any. Next!', Google 'reflects' about the query and presents a way forward. This is, as philosophers and mathematicians call, metalevel reasoning, an indicator of intelligence. But the magic vanishes once we are schooled in database indexing and adaptive algorithms. It then degenerates into what is called "mechanical-mode" (m-mode) of behavior at that level. Google's ability of metareasoning is limited to one level and it cannot by itself metareason about its metareasoning. Like we can.

Anche i fedeli di Google hanno attraversato una sorta di disputa trinitaria (29-06-2003) (http://www.toomuchsexy.org/index/weblog/comments/is_google_god/):
I think that we can actually soon say that Google is a form of priest or minister. The internet is actually God and Google (or any search engine) is our source of information about God. The internet will be everywhere and it will know everything. If you read the NYTimes article it talks about the power to be had through the internet so the internet, in turn, is also all powerful.
So no, Google is not God, it is just an outlet to find God AKA the internet.

Dio e Google a confronto (30-06-2003) (http://www.atomiq.org/archives/000664.html):
Omnibenevolent (all good) - God: Yes. Google: Yes
Omnipresent (everywhere) - God: Yes. Google: Headquarters in Mountain View, California - but searchable anywhere.
Omnipotent (all powerful) - God: Yes. Google: Not yet.
Omniscient (all knowing) - God: Yes. Google: Damn near.
Omnitemporal (eternal) - God: Yes. Google: Founded in 1998.

I commenti degli scettici (30-06-2003) (http://azplace.net/index.php?itemid=102):
Um, no. The power of Google still a minor blot compared to your local library. Content in Google is ephemeral - it disappears after a relatively short duration.

Is Google God? [ or is Friedman an idiot? ] (http://www.google-watch.org/friedman.html):
http://www.google-watch.org/gifs/fried.gif http://www.google-watch.org/gifs/jesus5.gif

La questione approda sui forum di discussione (2-07-2003) (http://www.jeffooi.com/MT3/mt-comments.cgi?entry_id=1500):
For me, Google just a tool, or a USEFUL tool at most. Google does NOT know what you want. You are the one 'help' Google to find what you want. Without good keyword, you can't find anything you want. Google does NOT see everything. Simply make a robot.txt, and u can hide your contents from its robot. The technology used by Google still has improvement space. PageRank does has its weaknesses.
I will say Google is a "road map" or "dictionary" of Internet. It helps/leads u to the right path/contents.
"I do not use God, but I use Google"

Qualche commento ironico (26-08-2003) (http://www.theregister.co.uk/2003/08/26/google_heals_the_sick/):
Google Is God - but to prove it, Google can now heal the sick. God must show (s)he can perform miracles, after all.

[ Continua... ]

Elrond.
06-02-2005, 08.27.48
Anche i rappresentanti del cristianesimo prendono posizione... e si tira in ballo persino la Bibbia ! (set./ott. 2003) (http://www.christianitytoday.com/cl/2003/004/14.14.html):
Do you ever approach God as if he were a giant search engine? You tell him what you want and expect instant results. What if God doesn't give you what you're really looking for? That's OK. There are lots of other "search engines" out there: parents, friends, the mall.
But God isn't the big search engine in the sky. And if he has something in mind for you, he won't substitute it for something that's second best—even if it's something you really want or think you need. Here are some things to remember about God:
God knows your deepest desires—and motives—before you ask: <<O Lord, You have searched me and You know me. … You perceive my thoughts from afar. … Before a word is on my tongue you know it com-pletely>> (Psalm 139:1-4).
Even though God already knows your thoughts, don't skip prayer: <<How much more will your Father in heaven give good gifts to those who ask him>> (Matthew 7:11).
Didn't get what you asked for? Maybe it's not good for you: <<Every good and perfect gift is from above>> (James 1:17).
Your ultimate search should always be for God himself: <<Look to the Lord and his strength; seek his face always>> (Psalm 105:4).
God isn't like Google. He won't give you something substandard just to satisfy your immediate desires. So keep asking, and seeking, and knocking—and know that he wants to give you the very best he has to offer.


Nonostante tutto, viene fondata una chiesa ! The Universal Church of Google (27-04-2004) (http://www.pandia.com/sw-2004/16-god.html):
The Universal Church of Google is an online community founded by Reverend Peter Olsen of the Universal Life Church, who claims that one can make a convincing argument that Google is in fact a deity:
"It is certainly all-knowing," he says, "and it can provide immediate answers to nearly all of your questions, which is far more than can be said for many of the popular deities of today."

Attenzione ! Seguono un credo diverso dal vostro: The goal of the Church is to increase the knowledge of its faithful by encouraging them to ask questions of their god, Google. In fact, the only commandment of the Universal Church of Google is that once a week the faithful search Google with a question whose answer they did not know.


Può bastare. Se volete saperne di più... c'è Google (http://www.google.it/) :D

:roll3:

follettomalefico
06-02-2005, 14.09.53
Lol grandissimo Elrond! :D Sempre dettagliatissimo :D


Però... la chiesa di Google, in effetti è uno solo dei comandamenti di quella pagina... questa è più comprensiva :D

Ray McCoy
06-02-2005, 14.29.13
:hail:

Elrond.
06-02-2005, 14.55.58
Originally posted by follettomalefico
Però... la chiesa di Google, in effetti è uno solo dei comandamenti di quella pagina... questa è più comprensiva :D
Ma, alla fin fine, quel che conta è la fede :D

Mischa
06-02-2005, 14.56.01
Tenderei a identificare google con un oracolo più che con una divinità, però è anche vero che la distinzione tra voce di dio e dio è fin troppo sottile a volte. Se un dio esistesse, google ne è l'oracolo, né bene né male, tutto e nulla vi si trova. La sua voce, la sua casella email, con la differenza che risponde effettivamente, cosa che di un "dio" non si può forse dire (non hai la certezza che la risposta a una preghiera provenga da divinità interattiva o da semplice caso o da autodeterminazione). Inoltre, è pur vero che anche se un dio esistesse, e rispondesse effettivamente alle preghiere, i risultati son talmente aleatori e autogiustificanti/autogiustificati che a questo punto diventerebbe difficile dire "google è solo un oracolo", visto che "dio" stesso, in questa ipotesi, "risponde e stop, allo stesso modo", se non interviene direttamente per lasciare libero arbitrio (riferimento al dio cristiano, in questo caso: se TUTTO dipendesse da dio, il libero arbitrio non esisterebbe). Onnisciente? Forse no, in quanto non onnisciente sulla rete (devi mostrarti al vate perché il dio ti riconosca), e la rete non è onnisciente del mondo/universo (devi tradurlo in rete, deve esserci un sito perché esista in rete quell'aspetto dell'universo), ma d'altra parte in tale ottica anche "dio" o un oracolo non esiste alcuna garanzia che sia onnisciente, esistesse: alla fine, ciò che l'umanità "sa" di "dio" e dei suoi pensieri, è ciò che l'umanità "pensa che dio sappia", dunque umanizzandolo, dunque stabilendo dei limiti, limiti che non può concepire in ogni caso, e che quindi sarebbero rappresentati volendo dai "limiti teorici" di google. Google dio? L'unico motivo per cui direi di no, è che non credo in un dio, ma penso che Google sia la cosa che più si avvicini a una forma di divinità che mai sia esistita. Il momento in cui si autodeterminasse, definitivamente lo sarebbe. Viene in mente un racconto di Asimov, o Bradbury, uno simile anyway, in cui si creava un mega-computer con connessioni in tutto l'universo, e la prima domanda che gli veniva fatta dal creatore, all'attivazione, era: "Dio esiste?". La risposta, pochi istanti dopo: "ADESSO, sì". Il creatore terrorizzato provava a staccare la spina, un fulmine a ciel sereno inceneriva lui sul posto e cementava definitivamente la connessione, da lì in eterno.

_Jackie_
06-02-2005, 15.50.30
:hail:

Guidami 'o mio mastro google...!!

MIKELE88
06-02-2005, 16.54.45
http://www.faccinebuffe.it/smile/confusi/confuso13.gif

follettomalefico
06-02-2005, 18.15.16
Leggendoti Mischa mi sovviene un libro piuttosto interessante di un italiano, Alessandro Vietti, che nella sua semi-parodia del mondo digitale "Cyberworld", unitamente ad alcune visioni su un possibile futuro 'wired' definisce una plausibile genesi divina.

La conoscenza è punto discriminante? :)

Dex_Aie
06-02-2005, 21.34.59
:birra:

*

Elrond.
07-02-2005, 09.44.17
Un Dio, con i caratteri che gli attribuisce la teologia alta ( non solo quella cristiana ), non può essere creato. O esiste, oppure no. Un dio creato, infatti, non potrebbe avere alcuni dei caratteri che noi appropriamo a Dio: non per improbabilità, ma per impossibilità.

Esaminiamo qualcuno di questi caratteri:

Ubiquità: estremamente improbabile. Sarebbe possibile solamente nel caso in cui fosse il tutto ad assumere una coscienza; altrimenti, è impossibile che un essere occupi uno spazio occupato da un altro. A Dio è possibile in quanto immateriale.
Immaterialità: quasi impossibile. Nel nostro modello fisico, nessun fenomeno può collocarsi al di fuori delle coordinate spaziali.
Onnipotenza: quasi impossibile. Considerata la quasi impossibilità della sua immaterialità, saprebbe ad esempio determinare l'annullamento del cosmo, riuscendo a sopravvivere ?
Eternità: impossibile. Non dico solo nel nostro modello fisico, ma in qualsiasi modello fisico che mi risulti minimamente concepibile, un essere creato non può essere increato e non può essere al di fuori del tempo.
Onniscienza: altamente improbabile. Dico altamente improbabile, considerata la necessità di conoscere anche gli eventi antecedenti, attinenti tanto al mondo fisico quanto alle singole coscienze.

Conviene fare qualche passo indietro. Il Dio della teologia alta è un concetto di perfezione che dubito possa essere replicato artificialmente nella realtà. Anche se non vi fossero i limiti imposti dalla fisica, temo che le conoscenze necessarie a creare un simile mostro, non siano acquisibili entro i limiti di durata della vita di una stella :D

Anche per costituire una divinità di rango inferiore al concetto elaborato dalla teologia alta, ovvero una divinità perfetta nei limiti concessi dal nostro modello fisico, servirebbe un'evoluzione egualmente inimmaginabile. Prima ancora si dovrebbe divenire capaci di replicare la vita, di creare un essere autocosciente. E Google è ben lontano dal possedere l'autocoscienza, mentre la possiede finanche uno scimpanzè.