PDA

Visualizza versione completa : [report] joe d'amato horror festival 2004



zappeo
07-11-2004, 15.48.38
comincio a scrivere queste righe appena tornato a casa dal joe d'amato horror festival, ben conscio del fatto che non le finirò adesso, ma domani, dopo aver recuperato un centinaio di ore di sonno. in questo modo, avendo cominciato il discorso, domani mi ricorderò di finirlo.

il primo commento che mi esce spontaneo riguardo a questi 5 giorni è "commoventi". ho passato momenti incredibili, ho avuto emozioni che non avevo mai provato in tutta la mia vita .. mai prima d'ora ho raggiunto lo stato di completa adorazione e totale stima nei confronti di qualcuno, e questo è successo negli incontri con umberto lenzi e ruggero deodato, due personaggi che questa esperienza mi ha dato il modo di capire più a fondo e di apprezzare ancora di più.
ma andiamo con ordine:

giovedì 28 ottobre

alle 6 suona la sveglia, non ho dormito per l'agitazione ma non è importante. io e uno dei due compagni di viaggio (luca, il chitarrista diciassettenne del mio gruppo) ci alziamo dal letto con movimenti che ricordano vagamente dei personaggi che nei prossimi 5 giorni avremo modo di vedere abbastanza frequentemente, barcollando lentamente dal letto alla cucina, per immergere la faccia in un secchio di caffè.
dopo pochi minuti suona al campanello l'altra compagna di viaggio, la coraggiosissima francesca. coraggiosa perchè sta per affrontare un festival di questo tipo senza aver mai visto un solo film horror, senza avere la minima idea di chi sia lucio fulci, o mario bava, o umberto lenzi. ha deciso di venire perchè le ho rotto il cazzo per 3 anni (da quando la conosco) sui film che guardavo, senza riuscire mai a trovarci per guardarne uno. e allora ha detto "me ne sparo una cifra in un colpo solo, così mi faccio la base". gran ragazza.

dopo una serie di piccoli inconveniente tecnici si riesce a partire in macchina (guida lei perchè a me devono ancora ridare la patente) .. non mi dilungo nel descrivere quanto fa cagare l'autostrada a nord di firenze, la menziono per il solo fatto che a causa di quel tratto (troppe curve, troppe code, troppi cantieri aperti) -ma anche a causa del caos automobilistico livornese- siamo arrivati con un discreto ritardo al festival, perdendo così il brindisi d'apertura e la proiezione del primo corto in concorso, che era anche quello che inizialmente mi interessava di più, visto che era l'unico regista che conoscevo già di nome ("ultimo spettacolo" di alex visani - qualsiasi persona che segue il cinema horror e ha un modem sa di chi parlo). dopo aver lanciato un paio di moccoli contro l'unica entità che mi andava di incolpare in quel momento, e dopo aver ritirato gli abbonamenti, entriamo nella sala del cinema KinoDessè per vedere la prima ondata di corti.

questo dei corti è un punto abbastanza sensibile. non voglio fare il critico saccente rompicoglioni, perchè non è una figura che mi si addice, è un parere personale che esprimo nelle semplici vesti di appassionato del genere (e cortista virtuale, nel senso che sto per cominciare a .. "provarci"). quello che mi viene da chiedermi è "perchè fare un corto con zombie o mostriciattoli quando non hai nessun mezzo per realizzarli?". io sono appassionato anche del cosiddetto "trash", il punto è che tanti corti che ho visto non erano trash, erano comicità involontaria. è logico che gli sforzi di registi anche giovanissimi (anche più di me, incredibile) vanno comunque apprezzati, su questo non c'è ombra di dubbio. il punto è che vedere un corto come "quella casa in campagna", che corto non è, vista la durata allucinante di 70 minuti, mi ha lasciato disarmato e, scusate, annoiato. non è stato l'unico, comunque, ci sono stati anche altri corti, nei giorni seguenti, che mi hanno fatto fare lo stesso ragionamento .. personalmente non credo che mi metterei a fare un corto di zombie a meno che il make up (anche casalingo) non riesca in maniera abbastanza convicente .. perchè se il risultato è ridicolo lo vedi ancora prima di girare, ma si vede che tante persone non la pensano così e girano lo stesso .. mah!

continua....

zappeo
07-11-2004, 15.50.32
gli ultimi due corti di quel primo pomeriggio, invece, mi hanno risollevato parecchio l'umore. "fili d'ombra" di daniele torquati è davvero ben fatto, molto espressivi gli attori e ottimo il fatto che ci siano pochi dialoghi, e che si lasci più spazio alle immagini. ma il corto più bello tra quelli che ho visto in tutto il festival è sicuramente il riuscitissimo "t'è fam?" di enrico clerico. già dalla durata mi era entrato in simpatia .. 5 minuti, che per un corto sono il numero perfetto. t'è fam è parlato in un dialetto strettissimo che non sono riuscito a localizzare (con relativi sottotitoli in italiano - con i dialetti io sono una chiavica), e mostra la fuga di un prigioniero da un carcere misterioso, che si imbatte in una famigliola (con tanto di nonna BRAVISSIMA) che lo aiuta nella fuga ... più o meno. la regia è splendida e dinamica, la qualità video è degna di nota, deve esserci stato un notevole lavoro per la pulizia dell'immagine. anche l'audio merita parecchio. insomma, è una più che buona produzione e enrico clerico" è un nome che mi tengo da parte, non si sa mai.

il pomeriggio è proseguito con l'intervista a luigi montefiori e la bellissima zora kerowa, che per chi non lo sapesse sono uno l'attore che impersona il "mostro" di antropophagus, nonchè scrittore dello stesso film e di altri come "le notti erotiche dei morti viventi", "porno holocaust" e "rosso sangue", mentre zora kerowa è un nome che in molti appassionati del genere dovrebbe suscitare qualche buona emozione. attrice in 3 film di fulci, "quando alice ruppe lo specchio", "il fantasma di sodoma" e "lo squartatore di new york", lavora con joe d'amato in "antropophagus" e con lenzi in "cannibal ferox".
uno dei grandi punti a favore di questo festival è proprio l'impostazione delle varie interviste con gli ospiti, che prendevano il nome di "un bicchiere di vino con....". in sostanza veniva imbandita una tavola sul palco del cinema, apparecchiata con vino, prosciutti vari, salame, formaggi ecc. e, più che intervistare l'ospite, ci si chiacchierava, con possibilità del pubblico di prendere parte in qualsiasi momento alla conversazione. il tutto è sempre risultato come una chiacchierata tra amici, una cosa molto familiare e mai noiosa.

http://utenti.lycos.it/zappeo/kerowa.jpg
la kerowa (in nero) e sulla destra paolino

subito dopo l'intervista è partita la maratona joe d'amato, di cui mi sono visto solo il primo della lista, antropophagus, per poi correre al cinema La Gran Guardia (cinema stupendo, enorme, 1400 posti e lo schermo più grande che abbia mai visto) a vedere lo splendido "... e tu vivrai nel terrore! l'aldilà" di lucio fulci, uno dei miei horror preferiti di sempre, dove il Maestro ribadisce la sua spietatezza nei confronti di chiunque. vedere quel film finalmente su grande schermo in pellicola originale 35mm è stato senza esagerare un evento commovente, un ricordo che mi resterà impresso in maniera indelebile.

al termine di quel capolavoro avevo due strade: proseguire la mini-maratona fulci in quel cinema (la serata proseguiva con "quella villa accanto al cimitero" e "paura nella città dei morti viventi", entrambi in pellicola originale) o andare al terzo cinema del festival, il 4 Mori, a spararmi "un bicchiere di vino con ..... umberto lenzi". ho salutato lucio, scusandomi, e sono andato da umberto.
l'intervista è stata fenomenale, il signor lenzi è tutt'ora bello incazzato, ma anche simpatico e giovanissimo nel cuore. tra le varie cose che sono emerse cito:
- il suo pentimento per l'aver affrontato il cinema cannibalico (non ha mai rivisto cannibal ferox nè dato un occhio al cannibal holocaust di deodato, per capirci)
- la sua smentita sul fatto che lui e deodato sarebbero in cattivi rapporti
- il figlio di stallone si è presentato all'uscio di casa sua per comprargli dei film
- alcuni dei suoi film sono in mano a produttori che neanche si ricorda, e gli infami non li mollano nè a televisioni nè li ristampano in dvd .. alcuni non li ha lui stesso, e gli piacerebbe rivederli.
e questo è un punto che mi ha fatto incazzare un casino. io sono appassionato di cinema, e mi piange il cuore quando capisco che il mondo del cinema (soprattutto in italia) è una merda, che non si fa cinema per fare genere ma si fa cinema pensando "questo in tv farà un sacco di spettatori". e tutto è legato alla figura di quei bastardi dei produttori, che fanno un po' come gli pare per avere anche solo 2 euro di tornaconto in più. un regista del calibro di umberto lenzi NON SA dove sono alcuni suoi film nè sa come reperirli .. mi pare uno scandalo.

http://utenti.lycos.it/zappeo/lenzi_e_zappeo.jpg
il Maestro umberto lenzi che stringe la mano all'inebetito zappeo

continua...

zappeo
07-11-2004, 15.51.28
beh, insomma .. a parte questo piccolo sapore amarognolo l'intervista è andata benone, è stata divertente (soprattutto quando si è cominciato a parlare dei polizieschi e der munnezza).

http://utenti.lycos.it/zappeo/lenzipremio.jpg
lenzi e paolino nel momento della consegna dell'omaggio realizzato dall'ass. nido del cuculo. sulla targa c'era scritto "a umberto lenzi, nè cinico, nè infame, nè violento". lenzi ha commentato ridendo "beh, un po' violento si"

subito dopo è partito "incubo sulla città contaminata", il suo splendido "action-zombie movie" classe 1980, dove "non ce n'è per nessuno", credo sia il primo tentativo nella storia dell'horror di cambiare un po' la figura degli zombie da semplici ammassi di carne marcia a mostri un po' più attivi, anticipando di 20 anni la moda attuale lanciata da "28 giorni dopo" e il remake di "dawn of the dead" (HOTD non lo cito, non scrivo neanche il nome per intero perchè in mezzo a tutti questi capolavori sarebbe una bestemmia).

a fine film ci si spara un paio di corti "quei marmi di carrara" e "nemesi divina", il primo era molto particolare e ben recitato, ma ho perso i primi 3 minuti causa voglia-di-nicotina e non c'ho più capito un cazzo .. il secondo lasciamo stare, non mi è piaciuto per niente, vedere un metallaro che affonda la faccia in carne cruda con sopra sangue finto non mi pare molto originale ... ad ogni modo, dopo i corti ci dirigiamo verso casa di un amico che abita su una collina a nord di pisa. tempo di merda, strade buie, ogni sera ci siamo persi. bella lì.


venerdì 29 ottobre


dal paesino a nord di pisa si torna a livorno (perdendoci di nuovo - ma checcazzo di strade hanno lì??), arriviamo che l'intervista della mattinata (un bicchiere di vino con .... bruno mattei) era appena cominciata. non mi dilungo troppo a parlare di bruno mattei e del suo cinema, penso che basti quello che ad un certo punto ha detto paolino, il presentatore: "certo che te ne hai fatte di cazzate, eh?" e mattei che sorride annuendo. ad ogni modo è stata divertente pure quella, nessuno dei due si prendeva sul serio e il settantatreenne bruno è rimasto un personaggione.

a seguire l'anteprima del suo ultimo film, "la tomba" (diretto sotto lo pseudonimo di david hunt) .. a causa delle poche ore dormite quella notte (circa 5) non ho avuto proprio voglia di vederlo tutto, tanto più che dopo 15 minuti è scattato un plagio pazzesco (o tributo? se era tributo era fatto male) alla scena di santanico pandemonium in "from dusk till dawn" di rodriguez .. per cui abbiamo optato per una nutriente colazione/pranzo -ormai s'era fatto mezzogiorno- al baretto di fiducia.

subito dopo si torna al cinema gigante per vedere zombi (dawn of the dead), l'ineguagliabile, originale capolavoro di romero, in pellicola originale (rovinatissima, ma piena di sentimento). la scarsa qualità della pellicola non ha influito minimamente sulla resa del film, che ho finalmente potuto assaporare su grande schermo. l'audio era altissimo .. non so come mai. ma proprio alto, all'inizio dava quasi fastidio .. ma alla fine del film ero commosso come un bambino.

finito quello si torna a vedere un po' di corti (bello -anche se con trama quasi inesistente- "last blood", tecnicamente impeccabile, con i mostri che assomigliavano vagamente ai predator), mentre la sera si va a vedere il bicchiere di vino con claudio fragasso .. che, detto fuori dai denti, è un imbecille. mi è stato sul cazzo il suo discorso sui giovani registi ("se non vai a roma non farai mai un cazzo"), che è stato prontamente smentito 10 minuti dopo da ruggero deodato -arrivato in sala interrompendo l'intervista con una delle sue cazzate (io amo quell'uomo, lo giuro)-, con cui ho avuto il piacere di parlare fuori dal cinema .. carpendo uno scoop che mi ha lasciato di merda (detto in breve: deodato ha un'idea per un film che sarebbe ancora più potente di CH, ma in italia non glielo produce nessuno perchè la prima domanda che gli fanno è "ma questo posso venderlo alla rai?" .. e sta pensando di tradurlo in inglese e proporlo a tarantino, che ha conosciuto a venezia e ha scoperto essere un suo grande fan ... speriamobbene!)

continua...

zappeo
07-11-2004, 15.52.07
sabato 30 ottobre


la giornata del mio compleanno parte in quarta con l'omaggio a mario bava al cinema la gran guardia (che ormai per noi si chiama "cinema gigante"), dove sono state proiettati in pellicola originale gli splendidi "la casa dell'esorcismo", un film che per certi dialoghi è stato quasi più volgare di "l'esorcista" ("non sai cosa vuol dire per una donna la voglia di cazzo") , e "i tre volti della paura", un film diviso in 3 storie veramente ben orchestrate (soprattutto l'ultima). mario bava, si sa, era un genio, un tributo a lui quindi non poteva mancare in questo festival.

dopo un paio di video a cura dell'associazione nido del cuculo si fa sera, viene proiettato uno speciale su mario bava prodotto da sky di recente, vengono intervistati i 2 creatori del documentario .... e poi giunge l'ora: ci siamo .. la sala del cinema KinoDessè non è mai stata riempita così tanto in tutto il festival .. e comincia cannibal holocaust. al cinema, finalmente .. al cinema! il momento iniziale è incredibile e buffissimo, io sono in quarta fila e mi ritrovo a cantare con quelli della terza e della quinta il main theme di riz ortolani, ci mancavano solo gli accendini ed eravamo a posto.
il film passa velocemente, vederlo al cinema è un'esperienza unica .. una volta finito sale la tensione e si aspetta il "bicchiere di vino con ..... ruggero deodato".

http://utenti.lycos.it/zappeo/deodato.jpg
ruggero è tutt'ora un ragazzaccio, un vero personaggio

quest'intervista è durata, credo, due ore e mezza, facendo sballare tutte le proiezioni della serata in quel cinema. si è detto di tutto ciò che si potrebbe dire di CH, ma proprio tutto. deodato è un figo .. non trovo sul serio un vocabolo più "a modo" per descriverlo .. è un figo. senza contare le ennesime stronzate che ha sparato insieme a umberto lenzi, che è pure saluto sul palco per tutta la prima parte dell'intervista, rendendola più che altro un cabaret cannibale selvaggio, dove quei due mostri facevano da padroni. è stato senza alcuna esagerazione un evento, il regalo di compleanno più bello che abbia mai ricevuto.

http://utenti.lycos.it/zappeo/lenzi_deodato_paolino.jpg
mi scuso per la scarsissima qualità delle foto (non sono stato io a farle) .. qui ci sono lenzi e deodato intenti a sparare cazzate :D

purtroppo però ad un certo punto l'intervista ha preso toni troppo seri, nel senso che grazie alla razza che odio di più al mondo -i critici cinematografici- è partita una diatriba sul tema "siete due artisti/siete due artigiani", discorsi paranoici dei quali non ne fotteva una beneamata minchia a nessuno, che è durata più di mezz'ora. a riportare sui binari il treno c'ha pensato zappeo (:asd: ), chiedendo al buon ruggero una descrizione dell'esperienza che ha avuto come aiuto regista di corbucci nel primo, mitico, splendido django. ruggero mi ha risposto in modo più che esauriente (descrivendo corbucci come il suo "maestro di sadismo"), facendo finire così il tempo a disposizione per l'incontro.
onorato di essere stato l'ultimo a fare domande, torno alla macchina con i miei amici (ormai erano le 2.30) e ce ne torniamo a casa, ancora emozionati da quella splendida serata, con l'odio ancora più profondo nei confronti dei critici e un amore sempre più smisurato per un certo tipo di cinema. quella notte abbiamo dormito meno di 4 ore.

http://utenti.lycos.it/zappeo/tipadelcesso.jpg
andando al bagno di quel cinema ci si trovava di fronte a questa tipa che .. abbelliva il tutto!

continua...

zappeo
07-11-2004, 15.53.03
domenica 31 ottobre


la domenica mattina, alle 10.00, c'è chi va a messa. anche noi ci siamo andati: la chiesa si chiamava KinoDessè e il parroco "Ichi the killer". inutile dire come un film del genere proposto a quest'ora possa sconvolgere i pochi neuroni rimasti nei 3 giovani trentini protagonisti di questa specie di diario. io ormai lo sapevo quasi a memoria, ma vale il solito discorso "al cinema un film è sempre nuovo", e ichi non ha fatto eccezione. miike vince.

il resto della domenica non c'erano cose particolarmente interessanti, e l'abbiamo passata per la maggior parte del tempo a bere e riposarci un po' (la media delle ore di sonno per notte che ci siamo fatti è di circa 4-5). anche del "bicchiere di vino con ... enzo g. castellari" ricordo ben poco perchè ero veramente distrutto.

la sera, verso le 23, c'è stato il rocky horror picture show halloween party, dove ci siamo devastati di "vino novo".
veniva proiettato il film con il muto dietro al palco, mentre davanti suonavano "rocco e i suoi orrori", una tribute band al rocky veramente ben riuscita, sia dal punto di vista scenico che canoro. ben truccati, simpatici e teatralissimi, hanno reso la serata un evento a parte, tenendoci in piedi fino alle 4 (nonostante la stanchezza che ci portavamo dietro da giovedì) e facendoci collassare in macchina subito fuori dal teatro .. quella notte abbiamo dormito lì.

http://utenti.lycos.it/zappeo/rockyhorror.jpg

http://utenti.lycos.it/zappeo/rockyhorror2.jpg
2 momenti della festa .. anche qui scarsa qualità, sorry


lunedì 1 novembre


per nostra fortuna lunedì la prima cosa che volevamo vedere era a mezzogiorno e non alle 10, così abbiamo potuto dormire un po' nei -comodissssssssssimi- sedili della macchina. mal di testa, alito fetido, segni neri sulle labbra e rincoglionimento generale a parte è stata una delle notti in cui abbiamo dormito di più (quasi 7 ore), e, dopo una più che nutriente colazione (2 brioches + 1 panino al tonno&pomodoro + pizzetta + caffè ... e questo era solo quello che ho ordinato io) ci precipitiamo al cinema gigante per vedere il bellissimo "repulsion" di polanski .. era la seconda volta che lo vedevo al cinema ma, come sempre, è stata splendida come la prima. non mi dilungo troppo a dire quanto io sia innamorato di questo film, perchè su questo forum ne ho parlato già abbastanza l'anno scorso.

finito repulsion ci guardiamo un pezzo di zora la vampira, che veniva proiettato subito dopo, giusto perchè volevo vedermi su grande schermo il faccione di chef ragoo, mio amico romano (o rumeno? mah) che in quel film fa il rapper cacciavampiri (:asd: ).

poi si corre al kinodessè per vedere il making of di bad taste, che è una chicca incredibile che consiglio a tutti di scaricare (come sto facendo ora). peter jackson si riconferma uno dei miei miti personali, capace di inventarsi i meglio effetti speciali con un budget che rasenta lo zero. immenso.

finito quello ci spariamo 7-8 corti fuori concorso (semplicemente sublime e spassosissimo "hot dog" di dagoberto basile), e poi ci piazziamo fuori aspettando la premiazione finale. la sfiga, in agguato da quando siamo arrivati, ha colpito proprio in quel momento .. a causa di un imprevisto siamo dovuti ripartire subito per rovereto, perdendoci così la premiazione e senza sapere quale corto avesse vinto il festival.
ho spedito una mail all'organizzazione, appena mi dicono chi ha vinto edito e ve lo comunico.


ecco, a grandi linee il festival è andato così. se in alcuni punti mi avete trovato vago è perchè mentre ero là non ho preso neanche un appunto, e considerate le condizioni fisico/cerebrali in cui ci siamo trovati ho scritto anche troppo.
un plauso va all'associazione nido del cuculo, che è riuscita ad autofinanziarsi per fare un festival di questo calibro, riuscitissimo e (a mio parere) importantissimo in questa piatta e triste situazione italiana.
pure il centro di livorno è stato addobbato a dovere, tutte le vetrine dei negozi avevano un paio di manate rosse splattate sopra, per terra c'erano sagome di cadaveri fatte col nastro adesivo bianco e così via. è stata una bellissima esperienza che ripeterò sicuramente l'anno prossimo, magari partecipando come cortista, se quest'estate il progetto che io e un mio amico abbiamo in mente già da un bel po' riuscirà ad andare in porto.

gli appassionati di horror che non sono venuti si sono persi un evento (anzi, parecchi eventi). i non appassionati dovevano venire lo stesso, era una buona occasione per cominciare ad apprezzare il cinema di genere italiano (e non).

giusto per la cronaca .. francesca, che prima del festival non aveva mai visto neanche un film horror, ora ha una lista di film da più di 60 titoli che devo passarle, ed è solo l'inizio. l'anno prossimo, venite a farvi traviare pure voi :D

EDIT: dimenticavo di ringraziare immensamente RedCap per avermi fatto scoprire il festival. grazie caro :D

zAp:birra:

zappeo
09-11-2004, 15.59.34
ok, sono stati pubblicati gli esiti del festival:

Primo premio
"Deadline"
di Massimo Coglitore
'rcacciazzozza, questo me lo ero perso perchè ero in un'altro cinema a vedere ichi the killer .. spero di reperirlo prima o poi

Menzione speciale per il cortometraggio
"Last Blood"
di Alessandro Izzo e Guglielmo Favilla
l'avevo citato nel report (venerdì 29), va giustamente menzionato per la buona realizzazione .. è l'unico corto che ho visto con dei mostri realistici

Menzione speciale per il lungometraggio
"Portraits"
di Corrado Ravazzini
perso pure questo, ero in collasso post-rocky horror


Il premio del pubblico va invece a:

"Hot Dog"
di Filiberto Basile
vince 50,45€ raccolti con le offerte libere del pubblico votante.
geniale, spassoso e bellissimo, pure io ho votato per questo corto. lo voglio assolutamente, devo riuscire a contattare l'autore

che dire, mi spiace che non sia stato premiato il mio preferito ("t'è fam?"), e mi spiace ancora di più di non essere riuscito a vedere il corto vincitore.

ecco, e per quest'anno pare sia andata. se mai riuscirò a fare il corto, l'anno prossimo è d'obbligo che veniate a vederlo :P

zAp:birra:

RedCap
12-11-2004, 19.06.44
Originally posted by zappeo
EDIT: dimenticavo di ringraziare immensamente RedCap per avermi fatto scoprire il festival. grazie caro :D


figurati!! quando ci sono manifestazioni cosi' ben realizzate ed interessanti è sempre bene che lo sappia il maggior numero di persone possibile. Spero proprio che questo festival diventi sempre piu' importante con il trascorrere del tempo, i ragazzi del Nido se lo meritano. il ringraziamento maggiore va a loro, semplici ragazzi che amano il cinema alla follia proprio come noi, e che cercano di trasmettere la propria passione.(paolino poi l'ho conosciuto di persona tempo fa ed è veramente un personaggione :D )

Quest'anno sfortunatamente non ho potuto partecipare assiduamente all'evento(impegni universitari incombenti:p ). la prossima edizione ci organizziamo e ce lo andiamo a vedere insieme!

Alla prossima Zap!

zappeo
15-11-2004, 04.12.25
Originally posted by RedCap
i ragazzi del Nido se lo meritano. il ringraziamento maggiore va a loro, semplici ragazzi che amano il cinema alla follia proprio come noi, e che cercano di trasmettere la propria passione.(paolino poi l'ho conosciuto di persona tempo fa ed è veramente un personaggione :D )

Quest'anno sfortunatamente non ho potuto partecipare assiduamente all'evento(impegni universitari incombenti:p ). la prossima edizione ci organizziamo e ce lo andiamo a vedere insieme!

Alla prossima Zap!

i ragazzi del nido sono stati più che in gamba, il festival è completamente autoprodotto, tutti i soldi li hanno messi dai ricavati di iniziative fatte da loro durante l'anno.
per quanto riguarda paolino sono d'accordo con te, ero un po' prevenuto sapendo che era un vj di mtv, ma si è rivelato un vero buongustaio (oltre al fatto che SA PARLARE, e non è cosa da poco), ed è pure molto simpatico.

io l'anno prossimo ti aspetto di fronte al cinema, mi sono innamorato di questo festival e non me ne perderò più neanche un'edizione :D

zAp:birra:

RedCap
15-11-2004, 21.41.29
Originally posted by zappeo
i ragazzi del nido sono stati più che in gamba, il festival è completamente autoprodotto, tutti i soldi li hanno messi dai ricavati di iniziative fatte da loro durante l'anno.
per quanto riguarda paolino sono d'accordo con te, ero un po' prevenuto sapendo che era un vj di mtv, ma si è rivelato un vero buongustaio (oltre al fatto che SA PARLARE, e non è cosa da poco), ed è pure molto simpatico.

io l'anno prossimo ti aspetto di fronte al cinema, mi sono innamorato di questo festival e non me ne perderò più neanche un'edizione :D

zAp:birra:


i maggiori proventi arrivano da gli spettacoli di IO?DOPPIO, serate nelle quali proiettano spezzoni di film ridoppiati in livornese (esilaranti) e fanno stacchetti di cabaret in vernacolo(da collasso da quanto si ride!).persone da (quasi) tutta la toscana vengono a vederlo, con il passaparola si è creato un fenomeno inarrestabile.all'inizio era un fenomeno circoscritto a Livorno e dintorni, adesso fanno addirittura DVD VHS poster e magliette ufficiali! ti consiglio di scaricarti qualche spezzone che trovi sul sito ufficiale(magari se nn capisci qualche battuta in vernacolo mandami un pm)

L'anno prossimo se trovo un po' di spazio ti ospito a casa mia, sto a 20km da Livorno. In un attimo ci siamo!!:birra:

:birra: :birra: :birra:

zappeo
16-11-2004, 00.04.18
Originally posted by RedCap
cutcutcut

si, sapevo già tutto :D
l'ultimo giorno del festival hanno proiettato spezzoni di io?doppio(e anche un paio d'altri video - "secondo te?") e paolino ha raccontato un po' la nascita e la storia di questa cosa .. ho scaricato "il disagio", ha alcune parti che sono bellissime :asd:, alla lunga però mi stanca un po' .. ad ogni modo mi divertono molto di più delle cose stile gemboy/prophilax, che invece detesto in modo viscerale ...



L'anno prossimo se trovo un po' di spazio ti ospito a casa mia, sto a 20km da Livorno. In un attimo ci siamo!!:birra:


ah, sarebbe ottimo, ma conta che ho idea che l'anno prossimo saremo ben più di 3 persone :D
ci sono alcuni miei amici che si sono mangiati i cojones per non essere venuti ... cmq vedremo! basta che la strada non sia laboriosa come quella per calci ... sarebbero solo 35 km ma ci abbiamo messo una vita ogni volta ^^

zAp:birra:

RedCap
16-11-2004, 22.51.58
Originally posted by zappeo

basta che la strada non sia laboriosa come quella per calci ... sarebbero solo 35 km ma ci abbiamo messo una vita ogni volta ^^



azz, da Calci è scomodissimo! da me in 20 minuti a esagerare sei a Livorno!