PDA

Visualizza versione completa : Alla ricerca di una Chiave Inglese...



sharkone
22-10-2004, 18.46.58
Mi serviva una chiave inglese regolabile e così sono andato a fare shopping in quel di Bologna:

Ferramenta in Via Farini:
"Chiedo scusa, mi servirebbe una chiave inglese di quelle regolabili" chiede lo Sharko ad un sosia di un suo amico Ultras
"Abbiamo questa, va bene?" il tipo sosia Ultras mostra una chiave titpica degli anni '30 ormai in mano anche agli Amighisti
"Quanto costa?"
dopo varie ricerche nei cataloghi durati tre virgola due secondi, durante i quali il tipo ha fatto finta di leggere, e dopo una piccola consultazione paragonando altri aggeggi spara il prezzo
"Sedici euro e quarantanove centesimi"
"Okay, magari ci penso e in caso torno, Arrivederci" tipica frase per dira che non si metterà piu' piede in quel negozio
"Va bene"

Ferramenta in Via Strada Maggiore:
"Chiedo scusa, vorrei conoscere il prezzo di questa?"
"32, 92 euro questa e' una Kirshmanz" dice il tipo dopo aver inventato una Azienda Papuasiana con Sonari Sfruttati che vengono pagati con giochi masterizzati per Psx e solo per Psx
"emhe mh scusa... ho sbagliato"dopo aver visto la mia faccia da Marxista inferocito, il proletario soggettivo sono io non fregarmi
"viene 22 euro e 39, ho sbagliato a digitare il codice"
"Okay, prendo quella da 10"
"beh questa e' una cosa professionale, per lavori professionali"
"lo so, ma preferisco fare lavori professionali spendendo di meno"

Conculsioni:
Siamo nell'era del terziario e dell'informatica, ma l'uomo ha gia' dimenticato l'era dell'acciaio, della produzione in serie, facendo pagare tecnologia preistorica, come se fosse appena uscita.

Si cerca di fregare il consumatore, pensando che non capisce un tubo di chaivi inglesi, quando invece in una mano quando sono nato avevo il pad del Master System e in un'altra un Trapano Bosh...ma del resto di prezzi di chiavi inglesi ne capisce anche Kuturagi

Purtroppo anche la merda in centro costa oro, manco fosse "Merda D'Artista"

Una famiglia senza una scatola degli attrezzi ha qualcosa che non va(riferito al vicinato che non aveva una chiave inglese)

Arrivederci:toh:

Eyegore
22-10-2004, 19.02.19
Bè in Via Farini però c'hanno le chiavi inglesi di Prada e Gucci:toh:

sharkone
24-10-2004, 19.23.38
risultato finale apprezzabile

http://spaccasharko.altervista.org/img%20number/pancapesi.jpg

w la Kirshmanz che non esiste.

Eyegore
24-10-2004, 19.27.30
Originally posted by sharkone
risultato finale apprezzabile

http://spaccasharko.altervista.org/img%20number/pancapesi.jpg

w la Kirshmanz che non esiste.

C0s'è?
il porta X-bob?:dentone:

sharkone
24-10-2004, 20.00.06
No purtroppo riesce a reggere massimo 136 Kg+51+26

il botolo quindi non lo supporta:D

Eyegore
25-10-2004, 15.04.42
Caro" elettricista,chiede 576 euro
Cremona, per cambiare un salvavita

576 euro per cambiare un salvavita. Tanto è costato l’intervento di un elettricista ad una signora di Cremona. La donna, G.Z., allarmata dal fumo che usciva dall'interruttore dopo che nel suo appartamento è andata via la luce, si è rivolta ad una ditta il cui numero verde compariva sulla guida telefonica. Per la donna è un primo costo da record: il centralinista le dice che la chiamata costa 50€ e che il tecnico sarebbe arrivato entro mezz'ora.


L'elettricista è arrivato due ore e mezza dopo, e in soli cinque minuti le ha cambiato l'apparecchio, ma ha aggiunto che, se voleva, sarebbe tornato il mattino successivo a montarne uno più potente e adeguato ai consumi di casa. La signora ha accettato la proposta. Tempo della seconda riparazione: cinque minuti. Il conto finale, Iva compresa, ha superato i 500 Euro. La donna, che ha segnalato il caso, ha annunciato che si rivolgerà a una associazione per la tutela dei consumatori.





e tu che ti lamenti di una chiave inglese:toh:

:D

fabiettone
25-10-2004, 18.46.03
Ragazzi.
Ma il "negozio di fiducia" o "l'elettricista di famiglia" non esiste più da voi?
Pazzesco !!!

ciz

Eyegore
25-10-2004, 18.49.41
Originally posted by fabiettone
Ragazzi.
Ma il "negozio di fiducia" o "l'elettricista di famiglia" non esiste più da voi?
Pazzesco !!!

ciz


Siamo terroni emigrati nella padania!

sharkone
25-10-2004, 19.18.16
Originally posted by Aigor_
Siamo terroni emigrati nella padania!

straquoto:dentone:
fossi stato a casa mia ne avevo 10 di chiavi inglesi

ribes
25-10-2004, 19.31.38
Originally posted by Aigor_
Caro" elettricista,chiede 576 euro
Cremona, per cambiare un salvavita

576 euro per cambiare un salvavita. Tanto è costato l’intervento di un elettricista ad una signora di Cremona. La donna, G.Z., allarmata dal fumo che usciva dall'interruttore dopo che nel suo appartamento è andata via la luce, si è rivolta ad una ditta il cui numero verde compariva sulla guida telefonica. Per la donna è un primo costo da record: il centralinista le dice che la chiamata costa 50€ e che il tecnico sarebbe arrivato entro mezz'ora.


L'elettricista è arrivato due ore e mezza dopo, e in soli cinque minuti le ha cambiato l'apparecchio, ma ha aggiunto che, se voleva, sarebbe tornato il mattino successivo a montarne uno più potente e adeguato ai consumi di casa. La signora ha accettato la proposta. Tempo della seconda riparazione: cinque minuti. Il conto finale, Iva compresa, ha superato i 500 Euro. La donna, che ha segnalato il caso, ha annunciato che si rivolgerà a una associazione per la tutela dei consumatori.





e tu che ti lamenti di una chiave inglese:toh:

:D
Io ci abito a cremona ;)

Il caffè in piedi costa 0.95 Euro.

Ciao!

ribes
25-10-2004, 19.33.41
Originally posted by Aigor_
Siamo terroni emigrati nella padania!



Shark1
straquoto
fossi stato a casa mia ne avevo 10 di chiavi inglesi

Siete nella regione più ricca d'Italia, dannati luridi ceffi!!!
NON VI LAMENTATE!!! :)

Ciao

Eyegore
25-10-2004, 19.35.26
Originally posted by ribes
Io ci abito a cremona ;)

Il caffè in piedi costa 0.95 Euro.

Ciao!


:eek2:

Eyegore
25-10-2004, 19.36.02
Originally posted by ribes
Siete nella regione più ricca d'Italia, dannati luridi ceffi!!!
NON VI LAMENTATE!!! :)

Ciao

Soccia!!!:D

ribes
25-10-2004, 19.39.25
Originally posted by Aigor_
Soccia!!!:D
Io mi reco a Parma tutte le mattine (anzi, mercoledì giovedì venerdì e sabato); non che cambi molto rispetto alla Lombardia, ma comunque rimane più fica l'Emilia. E' un posto dove avverti che ci sono molte opportunità, ma più vivibile di Milano.

Non potete lamentarvi delle chiavi inglesi e della scomparsa delle acciaierie, specialmente se vi servono per montare degli attrezzi da palestra per rimpire i vostri salottini.

Ciao

ribes
25-10-2004, 19.51.56
Originally posted by fabiettone
Ragazzi.
Ma il "negozio di fiducia" o "l'elettricista di famiglia" non esiste più da voi?
Pazzesco !!!

ciz
Da me esiste il tecnico Junkers che mi ha installato la caldaia quando ho cambiato casa e che ogni anno, quella mattina che sto dormendo per recuperare il sonno che ho perduto facendo il pendolare, suona alle 8, mi fa buttare giù dal letto, e al citofono dice: Sono ******* della Junkers, per il controllo. Così, a norma di legge, ci pulisce la caldaia, mette un timbro che attesta che la caldaia è stata revisionata e che funziona correttamente, e applica la tariffa dell'anno prima (al massimo leggermente maggiorata), rilasciando ricevuta.
Poi se ne va, un po' sconsolato, perché non ha trovato una avvenente casalinga, ma solo uno smilzo in pigiama che faceva colazione.

Ciao!

sharkone
26-10-2004, 15.31.26
Originally posted by ribes
Siete nella regione più ricca d'Italia, dannati luridi ceffi!!!
NON VI LAMENTATE!!! :)

Ciao
io non mi lamento della regione, ma dei prezzi.
10 euro per una chiave inglese imho significa rubare, e il mio intervento era solo in risposta a fabiet sul tipo di fiducia, non un attacco alla regione.^_^


Non potete lamentarvi delle chiavi inglesi e della scomparsa delle acciaierie, specialmente se vi servono per montare degli attrezzi da palestra per rimpire i vostri salottini.

che c'e' di male... l'attrezzo da palestra in futuro potrà servire anche per una acciaieria, non si sa mai:niente!:

"piu' chiavi inglesi per tutti":angel2:

p.s.: basandomi su impressioni personali concordo con il paragone milanese