PDA

Visualizza versione completa : dell'omicidio (divagazioni notturne in chan parte I)



angelheart
07-10-2004, 14.30.50
[02:42] <Mischa> in effetti l'amputazione è molto più bastarda, dal punto di vista psicologico, dell'uccisione. anche la decapitazione, fa effetto solo perché efferata, ma la gente si abitua. fossi un terrorista, amputerei. molto più crudele.
[02:42] <Mischa> a livello di comunicazione, più diretto ed efficace. e possibile ripetere.
[02:42] <EyeSky> sono d'accordo
[02:43] <EyeSky> le orecchie no
[02:43] <EyeSky> le mani non è male
[02:43] <EyeSky> io propendo per il braccio
[02:43] <Mischa> perché morire alla fine, è una cosa che capita una volta sola, poi fine. se amputi un pezzo a qualcuno, gli altri pensano a quello che è vivo, ma senza un pezzo.
[02:43] <EyeSky> altezza gomito
[02:43] <Mischa> se poi un pezzo importante, appunto, genitali, dita, parti del volto, diventa sempre più efficace.
[02:43] <EyeSky> si ma inflazionato
[02:43] <EyeSky> non se ne può più
[02:44] <Mischa> be', inflazionato, ti spediscono il seno di una tizia, dicendoti che è viva, paghi un riscatto secondo me più in fretta che a tagliarle un dito o un orecchio.
[02:44] <Mischa> idem se le stacchi il naso, o le labbra, e le fai una bella foto modello teschietto.
[02:44] <EyeSky> ihihihih
[02:45] <Mischa> scalpi un tizio, fa un successone, in telecamera
[02:45] <EyeSky> mah, io mi ispiro ad una situazione ostaggi sul genere Codice Swordfish
[02:46] <Mischa> eh, mi manca, sorry, non conosco
[02:46] <EyeSky> Quel pomeriggio di un giorno da cani
[02:46] <Mischa> ok :D
[02:46] <EyeSky> se semo capiti
[02:46] <EyeSky> ahahahaha
[02:46] <Mischa> la situazione ostaggi è puramente pretestuosa
[02:46] <EyeSky> ma sai, che ne dici di avere tra le mani anche un handicappato?
[02:47] <Mischa> !!!! rulez!!!
[02:47] <Mischa> fai insorgere tutte le minoranze e i buonisti di mezzo mondo.
[02:47] <EyeSky> ma deve essere l'ultimo, la ciliegina sulla torta
[02:48] <EyeSky> un giorno o l'altro lascerò l'argomento scopate e scriverò di sangue ed efferati crimini
[02:48] <EyeSky> mi viene in mente che...non si può scrivere di ciò che non si conosce
[02:48] <EyeSky> uhmmm
[02:49] <Mischa> il che lascia spazio ad ampi quesiti.
[02:49] <EyeSky> bè, mica tanto ampi
[02:50] <EyeSky> cmq il gusto dell'omicidio è argomento interessantissimo
[02:50] <Mischa> non credo, invece. non si può conoscere ciò che non si può immaginare. vero che in alcuni casi l'immaginazione è forzatamente limitata, vedi campo alteranti (non puoi immaginare una sbronza o uno stato di alterazione, per paragone)
[02:50] <EyeSky> se lo fai per professione ok, un bel fucile di precisione bang e via
[02:50] <EyeSky> ma se lo fai per goduria...
[02:50] <Mischa> però anche vero che reputo l'omicidio come parte di istinto naturale, dunque "noto" nelle cellule prima che nella testa.
[02:51] <Mischa> anche solo ammazzare un tacchino, o un gagno che uccide una formica o una lucertola, fanno parte di questo.
[02:51] <Mischa> si "sa" uccidere, e cos'è.
[02:51] <EyeSky> si ma le sensazioni puoi immaginarle ma non avrai mai la certezza che sia esattamente quello che proveresti.
[02:51] <EyeSky> voglio dire
[02:51] <EyeSky> è facile immaginare cosa si può provare ad infilarlo dentro la fica di una donna, e lo immagini per anni ;)
[02:51] <Mischa> trovo che l'aumento di serial killer sia dovuto a repressione sociale, causata dalle morali degli ultimi due secoli.
[02:51] <EyeSky> ma quando lo fai ti accorgi che non è esattamente come avevi immaginato
[02:52] <Mischa> il paragone non è valido.
[02:52] <EyeSky> ahahaha
[02:52] <EyeSky> e perchè?
[02:52] <Mischa> perché scopare non è cosa che puoi provare, uccidere è cosa che fai da quando nasci.
[02:52] <Mischa> solo che non te ne accorgi.
[02:52] <EyeSky> interessante teoria
[02:53] <Mischa> l'unica differenza tra uno che sgozza bambini e un tizio che schiaccia una zanzara, è le dimensioni della vittima.
[02:53] <Mischa> nel momento in cui per te resto umanità = zanzara, no prob.
[02:53] <EyeSky> non sono totalmente d'accordo ma ho capito cosa intendi
[02:53] <EyeSky> eh no, aspetta
[02:53] <EyeSky> c'è anche il fattore culturale che ha la sua importanza
[02:54] <Mischa> sì, certamente
[02:54] <EyeSky> è li che vivi la dimensione dell'omicidio
[02:54] <EyeSky> aho, l'ho sempre detto che se sai aspettare in chat si fanno discorsi interessanti
[02:55] <Mischa> ma alla fine, il risultato è quello: opinione tua della vittima, in quanto tale. non esiste uccidere qualcuno e "pentirsi", o farlo e "esserne tristi". chi uccide, e questo è tratto costante, gliene fotte un cazzo della vittima, stop. poi le motivaizoni posson esser le più disparate. ma la vittima, conta un cazzo, se non come "mezzo".
[02:55] <EyeSky> d'accordissimo
[02:55] <EyeSky> sostanzialmente potrei uccidere chiunque

angelheart
07-10-2004, 14.33.08
[02:55] <Mischa> esatto
[02:55] <EyeSky> questa è una cosa personale ovviamente
[02:57] <EyeSky> poi la situazione e le motivazioni creano quella mistura di elementi che ti danno un particolare piacere.
[02:57] <Mischa> è il motivo per cui non accetto distinzioni "morali" tra generali, eroi di guerra, terroristi e pluriomicidi. in un certo senso, trovo più "pulito", nel suo gener, un jack lo squartatore citato prima, appunto, che un bush. perché fanno esattamente la stessa cosa, ma uno ha l'onestà di dire che lo fa per piacere.
[02:57] <EyeSky> ma sai, un bush in realtà vive la dimensione del piacere dell'omicidio in modo molto ma molto ridotta, sencondo me.
[02:58] <Mischa> prendi un "l'assassinio come una delle belle arti", de quincey, primi '800, e ritrovi simili concetti alla fine. è estetica, è piacere, è "un'arte", ha una sua forma e modi.
[02:58] <EyeSky> sul fatto che sia espressione artistica non ho dubbio alcuno
[02:59] <Mischa> sì, il suo piacere non è certo nell'uccidere, è nel potere che deriva dall'ordine di uccidere.
[02:59] <Mischa> controllo.
[02:59] <EyeSky> però ecco, un assassino come il grande Jack non potrà mai essere avvicinato ad un bush
[02:59] <EyeSky> cazzo, è un paragone che mi fa vomitare
[03:00] <EyeSky> esatto
[03:00] <EyeSky> è il gusto del potere
[03:00] <Mischa> in ogni caso uccidere in sé è solo una espressione (per questo avvicino ad arte). l'espresisone, serve comunque a soddisfare un desiderio.
[03:00] <Mischa> il desiderio di cosa, lì dipende a questo punto da cultura, vincoli sociali, etc.
[03:00] <Mischa> ma alla base, c'è desiderio, tradotto in espressione.
[03:00] <EyeSky> ma metti un soldato, il più merdoso soldato che si trova davanti un coglione che si sta arrendendo, magari, gli si accicina, tira fuori il coltello, e zac, di netto sulla gola
[03:01] <EyeSky> la sensazione della lama che fende i tessuti, il gorgoglio del sangue, lo sguardo che si spegne
[03:01] <EyeSky> :D
[03:01] <Mischa> soddisfa istinto di sopravvivenza, molto velatamente, ma di nuovo anche controllo, e forse impulso sessuale.
[03:01] <EyeSky> non c'è paragone
[03:02] <EyeSky> ah sostengo che ad uccidere qualcuno si sfiora l'orgasmo
[03:02] <EyeSky> l'erezione è certa
[03:05] <Mischa> non so quanto tutto si riconduca a sesso. vero che funzione "vitale", ma sarà mio modo di "essere" e "pensare", io credo che freud fosse un filo tarato. per quanto impulso sessuale sia primario, credo che adrenalina sia ancora prima, sopravvivenza non è solo sesso, è "oltre". in altre parole che l'eventuale stimolo sessuale nell'uccidere qualcuno o trovarsi in situazioni limite, derivi da una tradizione inconscia in qualcosa che fa meno paura, come il sesso, appunto
[03:07] <Mischa> e che esistano sì molti spinti ad omicidio per sesso principalmente, ma perché è l'unico modo che hanno non per raggiungere soddisfaizone sessuale, ma perché identificano nella soddisfaizone sessuale un impulso a monte.
[03:07] <Mischa> in pratica, come se fossero "dilettanti", non so come dire, spinti ad un qualcosa che "non vedono in un quadro generale".
[03:08] <EyeSky> anche il sesso è potere
[03:08] <Mischa> sì, infatti
[03:09] <Mischa> quindi per questo non lo ritengo "motivo primo", anche quando pare tale
[03:09] <EyeSky> possedendo una donna ne possiedi il corpo, la carne, uccidendola ti impossessi della vita
[03:09] <Mischa> esatto
[03:09] <EyeSky> sono gradi di possesso
[03:10] <Mischa> stessa cosa per metti un dhamer, omosessuale, che iniettava acido muriatico nel cervello ai tizi che si portava a casa. lo scalino dal portarseli a letto all'iniettargli acido muriatico in testa, è uno minimo, alla fine, dal possedere il loro corpo al possedere la loro "mente", che sia tramite terrore, controllo, quel che vuoi
[03:11] <EyeSky> è un bel caso quello che hai citato, non lo conoscevo
[03:12] <Mischa> in effetti rilevabile anche questo, la tendenza a "farsi prendere", unita a narcisismo. condivido narcisismo, non la tendenza a farsi prendere. fossi un serial killer, non lascerei indizi che riconducessero a mia persona, solo una firma, del tutto slegata
[03:12] <EyeSky> si in effetti son d'accordo, il farsi prendere è qualcosa che non riesco a cogliere del tutto.
[03:12] <EyeSky> c'è un nesso, ma non lo colgo
[03:13] <Mischa> perché lo vedi come "arte" piuttosto che come "bisogno"
[03:13] <Mischa> penso che lo stacco sia lì.
[03:13] <Mischa> se uno vuol comporre un affresco, farà di tutto per finirlo. se uno vuole dipingere in una notte una facciata, bon, anche se lo pigliano a pennello in mano, si mette a dipingere anche a tre metri dalla stazione dei carabinieri.
[03:15] <EyeSky> Mischa: si forse è un pò il mio limite, lo vedo troppo a livello artistico, di pura espressione di se stessi. Oppure non valuto o non colgo una serie di implicazioni a livello socio.psicologico che ovviamente ci sono e sono diverse da caso a caso.

Bertith
07-10-2004, 14.43.02
mmm interessante come teoria....davvero interessante;)

ivanisevic
07-10-2004, 21.42.08
:vomit: