PDA

Visualizza versione completa : Facoltà di Informatica



.Imrahil
06-09-2004, 00.17.22
Stavo pensando seriamente a questa opzione, ma ho molti dubbi:
1- In che cosa consiste in pratica la facoltà? Cioè, quali rami del vasto mondo dell'informatica vengono sviluppati?
2- Servono particolari prerequisiti?
3- Eventuali sbocchi nel mondo del lavoro?
4- Difficoltà del ramo?
5- Costo indicativo del tutto?

samgamgee
06-09-2004, 00.25.25
Penso che prima di tutto tu debba compiere una distinzione fra "Scienze dell'Informazione" e "Ingegneria Informatica".

Di più non posso dire perchè le odio :asd:

ma qua è pieno di frequentanti che ti spiegheranno meglio :asd:

.Imrahil
06-09-2004, 00.34.19
Avevo già sentito parlare di ciò ma non avevo accennato per non fare figure di mer... chi mi spiega per filo e per segno la differenza tra le due?

Fabio
06-09-2004, 00.36.47
Originally posted by samgamgee
ma qua è pieno di frequentanti che ti spiegheranno meglio :asd:

Ma che le odiano quanto chi non le frequenta (mannaggia a me e a Scienze dell'Informazione... :asd: )

Grimorg
06-09-2004, 01.16.52
E' la domanda del momento eh Bill? :asd:

Glorfind3l
06-09-2004, 02.40.43
Allora veramente c'è Informatica e Ingegneria Informatica, scienze dell'informazione mai sentito :D
Cmq Ingegneria Informatica è uguale ad Informatica, solo che ci sono :mille: ore in più di materie matematiche(fisica, analisi, ecc) e meno di programmazione ecc.
Alla fine esci che di come funziona un pc e di come si programma ne sai veramente poco. Però puoi andare in giro a fare lo sborone, io so Ingegnere.

Informatica invece ci sono meno ore di materie matematiche, e più in teoria di programmazione e robe inerenti.

Alla fine con Informatica, almeno alla fine dei 3 anni, esci secondo me che hai una base, perchè per esempio C se mi ci metto io a casa a studiarlo seriamente per un 6 mesi, lo imparo mooolto meglio di quelle due o tre cosette che insegnano all'uni.
Cmq vabbè in teoria alla fine si dovrebbe uscire come programmatori dalla facoltà di informatica.

Berek
06-09-2004, 11.31.48
Originally posted by Glorfind3l
Allora veramente c'è Informatica e Ingegneria Informatica, scienze dell'informazione mai sentito :D

E' la vecchia denominazione, cambiata in Informatica l'anno in cui ho iniziato a frequentarla io.

Informatica -> Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali.
Ing. Informatica -> Ingegneria.

Da quando ho frequentato io ad oggi non so cosa sia cambiato anche in seguito alla riforma dell'università. So solo dirti che spesso i corsi non sono come te li aspetti (in peggio), le strutture e i professori non sono adeguati e che i corsi tenuti presso università blasonate certe volte fanno figure di merda assurde in confronto agli stessi corsi tenuti nelle università minori.

EoN_MaskedForcE
06-09-2004, 11.48.36
Originally posted by Glorfind3l
Cmq Ingegneria Informatica è uguale ad Informatica, solo che ci sono :mille: ore in più di materie matematiche(fisica, analisi, ecc) e meno di programmazione ecc.

Informatica invece ci sono meno ore di materie matematiche, e più in teoria di programmazione e robe inerenti.

concordo su tutto:

ing. info da' "solide&ampie basi matematiche" ( :roll3: ) che si traducono in 2 o 3 esami di analisi + statistica & probabilita' + 2fisica:vomit: e sono tutte ore tolte alla programmazione
inoltre la stessa programmazione e' svolta molto dal punto di vista del "come organizzare" piuttosto che "far funzionare" :rolleyes:

in pratica credo che "ing. info" produca una persona da istruire nel linguaggio, mentre "informatica" ti renda un programmatore un po' piu' esperto all'atto pratico (diciamo piu' pronto-uso, passami il termine)

io frequento ing. info, e posso aver detto *bip* sulla facolta' di info (che ho cercato di dribblare :asd: ), nel qual caso :sorry:


EDIT:
mi sbilancio sui costi (che qui variano in base al reddito, a se sei o no pendolare ecc ecc)
pago circa 0,8k-1,2k eurini all'anno (libri, trasporti e cibarie esclusi)

.Dexx.
06-09-2004, 11.59.11
Originally posted by Pantera666
Stavo pensando seriamente a questa opzione, ma ho molti dubbi:
1- In che cosa consiste in pratica la facoltà? Cioè, quali rami del vasto mondo dell'informatica vengono sviluppati?
2- Servono particolari prerequisiti?
3- Eventuali sbocchi nel mondo del lavoro?
4- Difficoltà del ramo?
5- Costo indicativo del tutto?

1- Informatica sviluppa più che altro conoscenze inerenti al mondo della programmazione e tecniche riguardo alle reti (se becchi il prof giusto potrebbe anche spiegarti qualcosa di Hack ec ecc... io non ho detto nulla), alla fine dei tre anni sarai più preparato a livello pratico di un ing (per la parte teorica occorre frequentare i due anni di specializzazione successivi al triennio).

2- se conosci già qualche linguaggio di programmazione (in particolar modo ANSI C e C++) e hai già avuto esperienza col mondo internet (HTML, Java, cgi ecc ecc) sei a cavallo in molti esami. Ovviamente come in ogni indirizzo scientifico se sei bravo in matematica tanto di guadagnato. Nella mia università inoltre fanno tutto su Linux... Winzoz quasi non esiste.

3- troppi per essere elencati, in ogni caso consiglio un master per specializzarsi veramente in qualcosa.

4- mentalità del programmatore... o c'è o non c'è.

5- dipende dall'uni. In media per ogni anno c'è una prima tassa di circa 500 euro (è una media) e la seconda che dipende dal reddito dei tuoi genitori. (parlando di università statali ovviamente, quelle private costano 10 volte tanto)

6- per imparare veramente qualcosa ti devi smazzare te a casa e per tuo conto.

follettomalefico
06-09-2004, 13.03.03
Ti han già risposto adeguatamente per tutto :)

samgamgee
06-09-2004, 13.11.48
Per qualche info in più (visto che mi sembra tu sia dell'astigiano), ecco

Informatica all'Uni di Torino
http://www.educ.di.unito.it/

Ingegneria Informatica al Poli di Torino
http://didattica.polito.it/pls/portal30/sviluppo.modello_corso.init?codicepagina=895

inoltre, chicca dalle faq del Poli di Torino

Che differenza c'è tra il corso di laurea in Ingegneria informatica e il corso di laurea in Informatica?
Il corso di laurea in Ingegneria informatica è inserito nelle facoltà di Ingegneria, mentre quello in Informatica è inserito nelle facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. La differenza tra i due corsi di laurea rispecchia quindi la differenza tra le due facoltà: mentre lo scopo principale della scienza è approfondire la conoscenza di base in un determinato settore, l'obiettivo principale dell'ingegneria è coniugare la conoscenza di base con l'innovazione tecnologica.
Pertanto un laureato in Informatica è orientato prevalentemente all'approfondimento dei fondamenti logico-matematici dell'informatica e alle loro applicazioni nello sviluppo di strumenti informatici, mentre il laureato in Ingegneria informatica è orientato alla progettazione, al dimensionamento e alla conduzione di impianti di elaborazione. Naturalmente queste considerazioni hanno carattere del tutto generale e richiedono valutazioni più dettagliate nel momento in cui si faccia riferimento a specifici corsi di laurea, anche tenendo conto dell'ampia autonomia con cui le varie sedi universitarie definiscono la loro offerta formativa nel nuovo ordinamento.


edit: leggendo il pezzettino in questione, mi sono accorto che dice esattamente il contrario di quanto detto fin qui :| :mumble

follettomalefico
06-09-2004, 13.24.30
Beh Sam, non del tutto. Cmq la sintesi è quanto citata sopra.

L'Ing. Inf. è più astratta, più "fisica". L'Inf è più orientata alla programmazione e allo sviluppo. :)

4ss0.n3
06-09-2004, 13.45.37
vai a fare informatica umanistica a pisa

.Imrahil
06-09-2004, 13.52.57
Originally posted by .Dexx.

4- mentalità del programmatore... o c'è o non c'è.



e come si fa a capire se c'è o no? :)
I webdesigner che facoltà scelgono?

BlacKiros
06-09-2004, 14.08.42
salve, potrei sembrare ripetitivo, ma volevo chiedere una cosa....il mio amico si vanta con me che lui farà ingegneria informatica, e io informatica, dice che sarà lui a far carriera, e che sarà lui il capo, quello più alto di livello....dice che con l'informatica semplice, nn farai mai carriera che come un ingegnere informatico.

voi cosa dite?

io nn sono daccordo, poi è un parere mio.

samgamgee
06-09-2004, 14.12.49
Originally posted by BlacKiros
voi cosa dite?

Digli che un "amico" che si vanta di fare più carriera di te non merita una risposta.

follettomalefico
06-09-2004, 14.24.19
Originally posted by Pantera666
e come si fa a capire se c'è o no? :)
I webdesigner che facoltà scelgono? I webdesigner sono una categoria che ad oggi rischia di essere inesistente.

La figura del webdesigner esisteva, informalmente (mai formalmente) all'epoca del boom di internet. Gestiva il sito, sotto ogni aspetto.

Ad oggi, non è più così. Esistono due figure distinte, il grafico/designer (che effettua unicamente la parte di layout e l'interfaccia) e lo sviluppatore web (webdeveloper) che invece realizza il motore sottostante.

Nel primo caso, meglio una scuola che indirizzi alla grafica, 2D/3D. Nel secondo, Ing.Inf., Inf., o quant'altro sia in grado di spiegare la programmazione web.





Originally posted by BlacKiros
salve, potrei sembrare ripetitivo, ma volevo chiedere una cosa....il mio amico si vanta con me che lui farà ingegneria informatica, e io informatica, dice che sarà lui a far carriera, e che sarà lui il capo, quello più alto di livello....dice che con l'informatica semplice, nn farai mai carriera che come un ingegnere informatico.

voi cosa dite?

io nn sono daccordo, poi è un parere mio. Prima di tutto, sottolineo quello che ha detto samgamgee.

In secondo luogo, ricordagli che tutto quello che può fare un Ing.Inf., lo può fare, a livello di carriera, anche un Inf.. Pensa, può persino iscriversi all'albo!

Quindi, la prossima volta, zittiscilo, consigliagli di fare meno lo sborone, di andare a vedere come le cose stanno e non come lui pensa siano.

Tanto più, se vogliamo proprio mettere i puntini sui cojoni, potresti (sofisticamente, non realmente) ribattere che un Ing. Inf. è fatto per ubbidire a ordini, non per fare il capoprogetto. Cosa che invece un Inf. può fare. Ma ripeto, è puro sofismo, non realtà dei fatti.
Nella realtà dei fatti, nel mondo dell'informatica fortunatamente è ancora chi sa fare e porsi meglio che ha più possibilità e non gli idioti che pensano basti un titolo. :)

BlacKiros
06-09-2004, 14.29.37
Originally posted by follettomalefico
Prima di tutto, (...)


grande, quello che pensavo io, dato che sono una persona matura, il discorso nn lo tirerò più fuori, e passerò ai fatti.

edit by sam: ok, però non quotare mille righe se devi rispondere con due :D

Zargon
06-09-2004, 14.53.49
Premetto, io faccio Ingegneria Informatica.

la differenza sostanziale tra le due facoltà è il tipo di studio che andrai a fare. Il primo anno ti aprono il culo bene bene, con le materie basi dell'Ingegneria: Analisi (I&II),Geometria, Fisica,Chimica e Calcolo delle Probabilità. Di esame di informatica quest'anno ne ho fatti due, uno nn troppo difficile l'altro invece molto + complicato (infatti ne hanno steccati tanti...).

Cmq se ti piace l'informatica ma nn ti va di perdere minimo un anno (a casa o all'uni a studiare...) appresso alle materie sopra citate, ti consiglio caldamente Scienze informatiche. E' in ogni caso un ottima laurea, ma come hanno detto già altri, se vuoi diventare davvero bravo devi lavorare molto da solo sulle basi di quello che ti insegnano all'uni.



salve, potrei sembrare ripetitivo, ma volevo chiedere una cosa....il mio amico si vanta con me che lui farà ingegneria informatica, e io informatica, dice che sarà lui a far carriera, e che sarà lui il capo, quello più alto di livello....dice che con l'informatica semplice, nn farai mai carriera che come un ingegnere informatico.

voi cosa dite?

io nn sono daccordo, poi è un parere mio.

digli al tuo amico di nn ragionare per luoghi comuni. Non è con la semplice laurea che diventi "capo" ma per le tue capacità, soprattutto in questo campo. Paradossalmente il "capo" potrebbe essere un ingegnere gestionale o delle telecomunicazioni o un laureato in matematica che magari s'è imparato da solo a programmare ed è + bravo di te o me che abbiamo fatto facoltà specializzate nell'informatica. Eppoi digli che prima di fare lo sborone devono passare un bel po' di anni e taaaaaaaanti sacrifici...

Byez

TrustNoOne
06-09-2004, 15.13.18
Originally posted by samgamgee

edit: leggendo il pezzettino in questione, mi sono accorto che dice esattamente il contrario di quanto detto fin qui :| :mumble

infatti tutto quello che e' stato detto erano cazzate.
io non volevo postarlo ma ci hai pensato tu ;)

edit: lasciamo perdere anche la storia del piu' "astratto e fisico" foll.
Controlli automatici, comunicazioni elettriche, elettronica digitale ed analogica e tante altre cose ci sono, non i "2 esami di analisi" che tutti dicono.

L'ingegnere e' progettista per definizione, soltanto che ingegneria informatica e' una cosa piu' vasta, non e' detto che si parli per forza di software.

E lasciamo perdere la cazzata del "far carriera", ma quello l'han detto tutti of course ;)

edit: imho se uno vuole fare solo il programmatore l'universita' non serve a un cazzo. Dexx potra' confermare credo.

edit: zargon ha detto cose giuste, ma tralasciamo la cazzata del "perdere un anno". Io ho perso mezzo anno perche' ho avuto dei problemi il secondo anno di corso. Conosco gente che si e' laureata con 110 e lode in 3 anni esatti (a luglio), e la sera usciva ad ubriacarsi con me.
Quanto studi e quanto tempo perdi dipende soltanto 1) dalla voglia 2) dalle capacita'.

follettomalefico
06-09-2004, 15.36.00
Originally posted by TrustNoOne
edit: lasciamo perdere anche la storia del piu' "astratto e fisico" foll.
Controlli automatici, comunicazioni elettriche, elettronica digitale ed analogica e tante altre cose ci sono, non i "2 esami di analisi" che tutti dicono. Ehm guarda che intendiamo la stessa cosa, anche se mi ero espresso male. Avevo messo "fisico" fra virgolette perchè non mi veniva un termine migliore. Intendevo che è molto meno legato al software e allo sviluppo in sé.

TrustNoOne
06-09-2004, 15.55.33
Originally posted by follettomalefico
Ehm guarda che intendiamo la stessa cosa, anche se mi ero espresso male. Avevo messo "fisico" fra virgolette perchè non mi veniva un termine migliore. Intendevo che è molto meno legato al software e allo sviluppo in sé.

ah vabe' si'
se per sviluppo intendi sviluppo software allora correct :approved

.Dexx.
06-09-2004, 17.57.12
Originally posted by TrustNoOne

edit: imho se uno vuole fare solo il programmatore l'universita' non serve a un cazzo. Dexx potra' confermare credo.


Vero, ne avevamo già parlato mi sembra. Se una persona vuole ESCLUSIVAMENTE fare il programmatore basta un semplice diploma (un titolo di studio purtroppo serve come inserimento) e qualche corso specifico per imparare ad usare un linguaggio specifico e questi corsi insegnano in 6 mesi quello che all'università impiegheresti anni ad imparare, poichè trattano una sola cosa: la programmazione appunto.

Detto così uno potrebbe dire: cavoli, ma allora all'uni mica ci vado! No no.. sono due cose diverse.

Con i corsi di programmazione impareremo sì a programmare ma non ad IDEARE poichè mancherebbero le basi più elementari di informatica teorica e le conoscenze più "tecniche" indipendenti dal linguaggio. Saremo capaci solo di programmare quello che gli altri ci dicono, quindi all'interno di un'azienda saremo si programmatori ma solo esecutori di ordini di altre persone a capo del progetto.

Questo concetto un po' si è perso da quando la figura dell'ANALISTA si è fusa con quella del PROGRAMMATORE: un tempo erano due persone diverse con due tipi di conoscenze diverse: l'analista scindeva il problema da risolvere in sotto problemi più piccoli (Top Down), trovava le soluzioni a questi microproblemi, stendeva un resoconto di eventuali vincoli soggettivi e oggettivi dettati da esigenze tecniche o eventi esterni non controllabili (e fino a questo punto neanche una linea di codice è stata scritta, quindi anche un matematico protrebbe fare questo lavoro) . Una volta costruite tutte le premesse il programmatore iniziava a tradurre quello che l'analista gli passava.
Notiamo quindi come la fase di scrittura del codice sia la parte più "piccola" (notare le virgolette).

Oggi in molti casi (soprattutto con i progetti medio piccoli) queste distinzioni si sono un po' perse e la definizione di programmatore è diventata un po' fumosa.

Date queste premesse quindi ecco cosa si vuole dire in questo thread: con Ing Informatica sarai più analista che programmatore , cin Informatica sarai più programmatore che analista, con corsi di programmazione sarai esclusivamente un programmatore.

;)

Zargon
06-09-2004, 18.08.31
Originally posted by TrustNoOne
edit: zargon ha detto cose giuste, ma tralasciamo la cazzata del "perdere un anno". Io ho perso mezzo anno perche' ho avuto dei problemi il secondo anno di corso. Conosco gente che si e' laureata con 110 e lode in 3 anni esatti (a luglio), e la sera usciva ad ubriacarsi con me.


Con "perdere un anno" intendevo che il primo anno gli esami sono tutti quelli sopra citati, e si tralascia l'aspetto + specialistico che poi si riprende dopo.

.Imrahil
06-09-2004, 19.14.22
Originally posted by .Dexx.
cut

Grazie della spiegazione :hail:

Da quanto ho capito devo avere ottime conoscenze matematiche... e qui son cazzi :asd: perchè faccio un ITIS :|
che fare?

Comunque, sia Informatica che Ing Informatica sono triennali? Dopo questi tre anni si può fare un master o bisogna fare altri due anni e dopo, se si vuole, il master?

follettomalefico
06-09-2004, 19.29.02
Originally posted by Pantera666
Da quanto ho capito devo avere ottime conoscenze matematiche... e qui son cazzi :asd: perchè faccio un ITIS :|
che fare?

Comunque, sia Informatica che Ing Informatica sono triennali? Dopo questi tre anni si può fare un master o bisogna fare altri due anni e dopo, se si vuole, il master? Beh ottime... in Informatica gli esami di Analisi sono *relativamente* pochi (2). Direi praticamente il minimo che trovi in una disciplina scientifica :)

.Imrahil
22-03-2005, 22.27.02
Riuppo questo thread perchè mi pare inutile aprirne un altro :)

Allora. La scelta pare definitiva, a pochi mesi dal diploma. Il mio unico problema è un vuoto in matematica. Non credo che l'argomento di quest'anno (integrali indefiniti e definiti) sia inerente all'Informatica... però in dubbio rimane, ahimé.
Mi potreste dare una conferma?
:D

TrustNoOne
22-03-2005, 23.34.53
Originally posted by Pantera666
Riuppo questo thread perchè mi pare inutile aprirne un altro :)

Allora. La scelta pare definitiva, a pochi mesi dal diploma. Il mio unico problema è un vuoto in matematica. Non credo che l'argomento di quest'anno (integrali indefiniti e definiti) sia inerente all'Informatica... però in dubbio rimane, ahimé.
Mi potreste dare una conferma?
:D

la conferma te la daranno gli altri che studiano informatica.
Io ti dico solo di non sottovalutare certe cose, tutto qui :)

Kiara
22-03-2005, 23.41.18
occhei,ti avverto,non c'è la Topa.

importante saperlo no?
almeno sai che vai incontro ad un futuro di culattoni informatici.:|

destino
23-03-2005, 00.23.41
Originally posted by Pantera666
Riuppo questo thread perchè mi pare inutile aprirne un altro :)

Allora. La scelta pare definitiva, a pochi mesi dal diploma. Il mio unico problema è un vuoto in matematica. Non credo che l'argomento di quest'anno (integrali indefiniti e definiti) sia inerente all'Informatica... però in dubbio rimane, ahimé.
Mi potreste dare una conferma?
:D

credo ke almeno analisi 1 gli informatici la fanno quindi gli integrali ovvio ke ci sono.

per il resto nn ti so dire io ho analisi 3 e campi elettromagnetici da buon ing elettronico :asd:

TrustNoOne
23-03-2005, 00.59.44
Originally posted by Kiara
occhei,ti avverto,non c'è la Topa.

importante saperlo no?
almeno sai che vai incontro ad un futuro di culattoni informatici.:|

ti sbagli
ok non sara' lingue o scienze politiche ma qualcuna ce n'e'.

Rispetto ad ingegneria informatica e' un figodromo :asd:

Trinity^_^
23-03-2005, 01.11.41
Originally posted by Pantera666
Allora. La scelta pare definitiva, a pochi mesi dal diploma. Il mio unico problema è un vuoto in matematica. Non credo che l'argomento di quest'anno (integrali indefiniti e definiti) sia inerente all'Informatica... però in dubbio rimane, ahimé.
Mi potreste dare una conferma?
:D
Ci sono in analisi... Io alle superiori non li ho mai fatti, li ho imparati da zero. Come la trigonometria. Te li studi per conto tuo e comunque il profe da' qualche dritta.


Originally posted by Kiara
occhei,ti avverto,non c'è la Topa.
importante saperlo no?
almeno sai che vai incontro ad un futuro di culattoni informatici.:|
E' in aumento... Ma se da te c'è vicino psicologia o simil fai presto a rifarti gli occhi :D

Bertith
23-03-2005, 09.42.28
Originally posted by BlacKiros
salve, potrei sembrare ripetitivo, ma volevo chiedere una cosa....il mio amico si vanta con me che lui farà ingegneria informatica, e io informatica, dice che sarà lui a far carriera, e che sarà lui il capo, quello più alto di livello....dice che con l'informatica semplice, nn farai mai carriera che come un ingegnere informatico.

voi cosa dite?

io nn sono daccordo, poi è un parere mio.

che è un coglione e che se parte con questa mentalità non và da nessuna parte. al mondo d'oggi bisogna essere umili e usciti dall'uni non si sà proprio un cazzo di come si lavora e non si hanno nemmeno le basi per permettersi di fare lo sbruffone......
tra un perito informatico con 2-3 anni di esperienza e un ing stai sicuro che scelgono il perito

follettomalefico
23-03-2005, 10.17.14
@ Bertith
...quella parte era vecchio topic ;)


@ Pantera
Per rispondere a te, in pratica in Informatica fai una cosa che è definibile Analisi "1.5".
Ovvero, fai "un po' meno bene" l'Analisi che fanno ad Analisi 1 e un pezzettino di quella di Analisi 2, a quanto ho visto.
Quindi... farai quelle cose che hai citato e anche un *po'* oltre... ;)


@ Kiara
Sei un filino monomaniacale bambina :)

.Imrahil
23-03-2005, 19.08.18
Originally posted by Kiara
occhei,ti avverto,non c'è la Topa.

importante saperlo no?
almeno sai che vai incontro ad un futuro di culattoni informatici.:|

:asd: Esco da ITIS a indirizzo meccanico, ormai ci sono abituato :asd:

@ Foll: Ok thx, in fondo sono lacune da poco... cazzo, di matematica sono sempre andato bene, riuscirò a superare anche questa debacle :metal:

.Imrahil
06-05-2005, 19.29.42
Con sommo gaudio, annuncio che credo di aver superato le difficoltà in matematica... l'ultimo compito è andato bene e il nuovo argomento, le equazioni differenziali, mi pare semplice.
Ora. Ieri due miei compagni di classe sono andati alla sede staccata del Poli di Torino, ad Alessandria. Lì non ci sono ne Ing. Inf. ne Inf (Informatica, dove penso di iscrivermi, è all'università Amedeo Avogadro, sempre ad Alessandria...)... il rettore, in un discorso, ha detto che secondo lui la laurea in Ing. Info (quindi, presuppongo, anche quella in Info) non è tra le migliori, in quanto (mi è stato riportato) "ti da conoscenza che tra 4-5 anni non sono più attuali"... ora, non mi pare un'affermazione giusta... io credo che le basi, alla fin fine, non cambino tantissimo, anche se ovviamente l'evoluzione va avanti. Poi credo ci siano corsi di aggiornamento... no?

Ancora: Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro... cosa si dice in giro? E' valida?

destino
06-05-2005, 19.44.46
Originally posted by Pantera666
Con sommo gaudio, annuncio che credo di aver superato le difficoltà in matematica... l'ultimo compito è andato bene e il nuovo argomento, le equazioni differenziali, mi pare semplice.
Ora. Ieri due miei compagni di classe sono andati alla sede staccata del Poli di Torino, ad Alessandria. Lì non ci sono ne Ing. Inf. ne Inf (Informatica, dove penso di iscrivermi, è all'università Amedeo Avogadro, sempre ad Alessandria...)... il rettore, in un discorso, ha detto che secondo lui la laurea in Ing. Info (quindi, presuppongo, anche quella in Info) non è tra le migliori, in quanto (mi è stato riportato) "ti da conoscenza che tra 4-5 anni non sono più attuali"... ora, non mi pare un'affermazione giusta... io credo che le basi, alla fin fine, non cambino tantissimo, anche se ovviamente l'evoluzione va avanti. Poi credo ci siano corsi di aggiornamento... no?

Ancora: Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro... cosa si dice in giro? E' valida?

il discorso fatto dal rettore vale per tutte le materie scientifiche mi pare ovvio :)

.Imrahil
06-05-2005, 19.51.24
Bhe ma suppongo (sbaglio?) che in quanto rettore della facoltà di Ingegneria non sia propriamente un'idiota... Supponi che tirasse l'acqua al proprio mulino?

TrustNoOne
06-05-2005, 20.33.33
Originally posted by Pantera666
Bhe ma suppongo (sbaglio?) che in quanto rettore della facoltà di Ingegneria non sia propriamente un'idiota... Supponi che tirasse l'acqua al proprio mulino?

veramente per molti argomenti di informatica all'universita' ti danno conoscenze che gia' al momento in cui le studi sono obsolete, e mi sembra anche la cosa piu' ovvia.
Do' per scontato che tu sappia a cosa serva l'universita' e quindi non mi dilungo oltre perche'... devo andare a mangiare :asd:

Mondrac
06-05-2005, 20.43.17
Se può interessarti, più pericoloso di Analisi Matematica 1(chiamata ora CDI 1, ossia Calcolo Differenziale ed Integrale), c'è Matematica Discreta.
Questa assurda materia è un misto tra logica, goniometria, algebra e altre bestie varie.
Non è l'Analisi a doverti preoccupare, ma quest'altro corso, alquanto ostico per il primo anno e terribilmente astratto.

Se posso darti un consiglio su CDI, cerca di studiare costantemente, anche gli esercizi che verranno proposti a lezione.
Frequentare assiduamente le lezioni, pratiche e teoriche.
La parte più difficile riguarda il capire alcuni teoremi..
E se lo passi, ti toglierai l' esame, ritenuto dalla maggioranza degli studenti, come il più difficile dei tre anni di laurea breve.

:birra:

TrustNoOne
06-05-2005, 20.52.27
Originally posted by Mondrac
Se può interessarti, più pericoloso di Analisi Matematica 1(chiamata ora CDI 1, ossia Calcolo Differenziale ed Integrale), c'è Matematica Discreta.
Questa assurda materia è un misto tra logica, goniometria, algebra e altre bestie varie.
Non è l'Analisi a doverti preoccupare, ma quest'altro corso, alquanto ostico per il primo anno e terribilmente astratto.

Se posso darti un consiglio su CDI, cerca di studiare costantemente, anche gli esercizi che verranno proposti a lezione.
Frequentare assiduamente le lezioni, pratiche e teoriche.
La parte più difficile riguarda il capire alcuni teoremi..
E se lo passi, ti toglierai l' esame, ritenuto dalla maggioranza degli studenti, come il più difficile dei tre anni di laurea breve.

:birra:
veramente a me matematica discreta sembra piu' inerente agli studi informatici e si vedono molto piu' facilmente le applicazioni pratiche. Una su tutte e' la crittografia. Vabeh che io l'ho seguita al quarto anno quindi probabilmente ho avuto un altro approccio alla materia...

Mondrac
06-05-2005, 21.07.56
Si, infatti più che altro mi riferisco al primo anno.
Quando mi sono ritrovato a dover studiare CDi e Matematica Discreta, a quei tempi ho trovato maggiore difficoltà per la seconda.
Poi dipende dall'approccio; sono uno dei pochi a cui CDi è piaciuta abbastanza :D

Concordo comunque sul fatto che MD sia più vicina alla programmazione astratta, rispetto alla pura analisi matematica.
Se non erro, dovrebbero essere entrambe utili per il settore grafico.

destino
06-05-2005, 21.19.21
anlisi 1 difficile? :doubt:

e analisi3 allora? :asd:

TrustNoOne
06-05-2005, 21.27.40
Originally posted by destino
anlisi 1 difficile? :doubt:

e analisi3 allora? :asd:
per chi non ha mai fatto 2+2 alle superiori analisi 1 e' piu' difficile di analisi 3 perche' si presuppone che uno analisi 3 la capisca meglio dopo aver fatto 1 e 2, mentre con analisi 1 ha il primo scontro col mondo matematico...

Il mio analisi 3 (che si chiama LC ed e' praticamente un due e mezzo rispetto al vecchio ord credo) e' stato l'esame piu' interessante di analisi che ho fatto e quello che ho dato piu' volentieri.
Avendo cambiato ad informatica un po' di quelle cose di base mi son tornate utili soprattutto per gli esami di controlli automatici..

Ora come ora mi sono scordato tutto pero' :asd:

samgamgee
07-05-2005, 01.28.04
ma vieni a lingue che ti scassi :asd:

follettomalefico
07-05-2005, 01.35.41
State discutendo sulla parte vecchia del topic ;) :asd:



Per risponderti, Pantera666, ti dirò che sebbene praticamente nessun corso scientifico sia facilmente aggiornato ai tempi, questo è tanto più vero nell'informatica: le innovazioni spesso sono nell'ordine di UN anno... figuriamoci il tempo che impiegano per arrivare all'Università, fra burocrazie varie.

Questo per dire che l'informatica all'università, tranne poche eccezioni solitamente grazie ai docenti, è una materia che rimane abissalmente indietro. Ma questo non toglie che è cmq una base fondamentale per chi cmq deve partire. :)

.Furla.
08-05-2005, 00.37.47
le innovazioni sono solo sul piano tecnologico-pratico... la logica che ci sta dietro è sempre la solita ;)

follettomalefico
08-05-2005, 02.34.19
Originally posted by .Furla.
le innovazioni sono solo sul piano tecnologico-pratico... la logica che ci sta dietro è sempre la solita ;) Si, si, vero. Ma purtroppo anche all'università ti vengono normalmente insegnati solamente i primi gradini di questa logica, quale che sia quella in voga nel periodo (preferisci spaghetti programming, functional programming o object oriented programming? :asd: ) e da questa poi son tutti passi che deve compiere la persona.

Si, carino che ti spieghino come deve essere strutturato un sistema 3-tier. Ma da qui a capire cosa sia *realmente*, ci passa giusto quell'annetto di lavoro :D


E cmq, sebbene più lento, anche il passaggio da una logica ad un'altra esiste. Ad oggi, ad es, stiamo passando verso il web semantico, secondo il parere di molti :p

debbbole
08-05-2005, 12.33.58
Il mio suggerimento (di iscritto ad Ing. informatica ma non frequentante e nemmeno studiante... :asd: ), risibile o no, ma comunque frutto di quello che ho vissuto fino ad ora sulla mia pelle. :)

Se l'informatica è una passione, e se vuoi studiare ad ogni costo, intraprendi un corso di studi che ti permetta di trovare un lavoro che ti permetta di avere delle passioni e di amntenerle, quindi dedicati all'informatica mentre lavori.

Se vuoi lavorare nell'informatica e sei intenzionato a studiare, allora sappi che nessun corso di studi ti aiuterà davvero (vale davvero quel discorso appena postato sul 3-tier... ;)). Puoi essere da 110 e lode in Ing. Inf. ma appena esci vali meno dell'ultimo programmatore di una ditta di 10 persone, commerciali inclusi. Secondo me, Ing. Inf. è per chi vuole progettare più che codificare, viceversa per chi fa Informatica. Mi è piaciuto fare Fisica 1 e 2, Analisi 1 e 2, Chimica, geometria, Algebra, etc... (ordinamento vecchio :D) e sinceramente credo sia anche stato utile... ma comunque quando arrivi in una azienda IT e inizi a lavorare tutte quelle cose sono state tempo perso: era più utile arrivare nell'azienda due anni prima... ;) A questo devi aggiungee che col riordino Moratti (bleah!) gli esami che ti ho citato sono appendici delle superiori più che vera istruzione (provare per credere), quindi sostanzialmente sono una perdita di tempo.

se vuoi lavorare in ambito informatico e in proprio... auguri! :D

Per lavorare in informatica devi saper fare le cose, e per saper fare devi sapere quel che basta ed avere tanta esperienza: nessuno lavora col blocco note, nelle ditte informatiche serie, ma è più probabile che si lavori con VI in remoto su un server Red Hat... e lì, le cose che sai quando sei neolaureato ti servono (nel 95% dei casi) solo per non perdere 5 minuti a cercare con Google cosa vogliono dire. In ing. inf. gli unici corsi utili li avrai alla fine... quindi, se è per lavoro, meglio informatica... :)

.Imrahil
08-05-2005, 13.04.54
Originally posted by follettomalefico
Questo per dire che l'informatica all'università, tranne poche eccezioni solitamente grazie ai docenti, è una materia che rimane abissalmente indietro. Ma questo non toglie che è cmq una base fondamentale per chi cmq deve partire. :)

Thx Foll... proprio questo immaginavo :)


Originally posted by debbbole
Se l'informatica è una passione, e se vuoi studiare ad ogni costo, intraprendi un corso di studi che ti permetta di trovare un lavoro che ti permetta di avere delle passioni e di amntenerle, quindi dedicati all'informatica mentre lavori.

Se vuoi lavorare nell'informatica e sei intenzionato a studiare, allora sappi che nessun corso di studi ti aiuterà davvero (vale davvero quel discorso appena postato sul 3-tier... ;)). Puoi essere da 110 e lode in Ing. Inf. ma appena esci vali meno dell'ultimo programmatore di una ditta di 10 persone, commerciali inclusi. Secondo me, Ing. Inf. è per chi vuole progettare più che codificare, viceversa per chi fa Informatica. Mi è piaciuto fare Fisica 1 e 2, Analisi 1 e 2, Chimica, geometria, Algebra, etc... (ordinamento vecchio :D) e sinceramente credo sia anche stato utile... ma comunque quando arrivi in una azienda IT e inizi a lavorare tutte quelle cose sono state tempo perso: era più utile arrivare nell'azienda due anni prima... ;) A questo devi aggiungee che col riordino Moratti (bleah!) gli esami che ti ho citato sono appendici delle superiori più che vera istruzione (provare per credere), quindi sostanzialmente sono una perdita di tempo.

se vuoi lavorare in ambito informatico e in proprio... auguri! :D

Per lavorare in informatica devi saper fare le cose, e per saper fare devi sapere quel che basta ed avere tanta esperienza: nessuno lavora col blocco note, nelle ditte informatiche serie, ma è più probabile che si lavori con VI in remoto su un server Red Hat... e lì, le cose che sai quando sei neolaureato ti servono (nel 95% dei casi) solo per non perdere 5 minuti a cercare con Google cosa vogliono dire. In ing. inf. gli unici corsi utili li avrai alla fine... quindi, se è per lavoro, meglio informatica... :)

Thx per i consigli :D

.Imrahil
11-05-2005, 19.28.33
Oggi ho ricevuto, a scuola, un opuscolo illustrante le varie opportunità di Istruzione Superiore al momento esistenti in Italia.
Andando a cercare Informatica (che qui viene chiamata Scienze e Tecnologie dell'Informazione) osservo che dopo la laurea triennale potrò accedere a molte lauree specialistiche: Informatica, Ingegneria Biomedica, Ingegneria dell'Automazione, Ingegneria delle Telecomunicazione, Ingegneria Elettrica, Ingegneria Elettonica, Ingegneria Gestionale e, infine, Ingegneria Informatica.
Ora, al di la del fatto che solo Informatica si trova nell'Università da me scelta, se decidessi di fare i due anni di specializzazone seguendo il corso di Ingegneria Informatica... alla fine del biennio sarei equiparato in tutto e per tutto a chi ha fatto i 3 anni a Ing. Informatica?

A quanto ho capito, se si prende la laurea breve e si supera un esame di Stato di abilitazione professionale, ci si può iscrivere all'Ordine degli Ingegneri... Ho inteso bene? Qui si parla di "Ingegnere dell'Informazione iunior"... cosa sarebbe? Quando si diventa semplicemente "Ingegnere dell'Informazione"?

follettomalefico
11-05-2005, 20.16.49
Dato che chi esce da Informatica, come hai già sentito tu, è equiparato a livello burocratico a uno che ha fatto Ing. Inf, sei equiparabile per lo stato. :)

Ovviamente non sei equiparabile per una eventuale azienda che ti assumerà: ma dubito che tu andrai a cercare un posto di lavoro per cui è preferibile una preparazione da ing. :)



Per il resto, confermo: uscito da Informatica, ti basta passare l'Esame di Stato per essere iscritto all'albo, esattamente come un Ing. Inf. :)

.Imrahil
11-05-2005, 21.59.50
Se io faccio il triennio di Informatica e continuo la specializzazione sempre in Informatica, non sono Ingegnere, vero? Se invece facessi Ingegneria Informatica come specializzazione sarei equiparato ad un Ingegnere Informatico sotto tutti i punti di vista?

follettomalefico
11-05-2005, 22.01.27
Originally posted by Pantera666
Se io faccio il triennio di Informatica e continuo la specializzazione sempre in Informatica, non sono Ingegnere, vero? Se invece facessi Ingegneria Informatica come specializzazione sarei equiparato ad un Ingegnere Informatico sotto tutti i punti di vista? Allora, dipende cosa intendi con "equiparato", come ti dicevo.

L'albo a cui ci si iscrive, alla fine, è sempre lo stesso.

Ma è ovvio che non son la stessa cosa, tecnicamente. :)

.Imrahil
11-05-2005, 22.19.35
Ok, però è meglio fare 5 (3+2) anni di Informatica o 3 anni di Informatica e 2 di Ing. Info? :)

TrustNoOne
11-05-2005, 23.13.37
Originally posted by Pantera666
Ok, però è meglio fare 5 (3+2) anni di Informatica o 3 anni di Informatica e 2 di Ing. Info? :)

e' una follia
decidi per una subito
Dovresti recuperare tutto quello che ti manca di elettronica, matematica, telecomunicazioni, sistemi etc...

.Imrahil
11-05-2005, 23.15.33
Allora meglio 5 anni di Info... qui Ing. Info è un po' lontana...

follettomalefico
12-05-2005, 10.59.54
Si, a quella domanda ti risponderei esattamente come Trust :)

.Imrahil
09-06-2005, 18.48.56
Riuppo il thread per chiedervi quanti degli iscritti alla Facoltà riescono anche a lavorare. Lavorare mezza giornata è un'esigenza, per me...

follettomalefico
09-06-2005, 19.15.06
Uhm lascio rispondere qualcun altro perchè non faccio molto testo.

Considera cmq che gli esami di informatica, ovvero quelli che conosco, li preparo in circa 6 ore ottenendo un voto intorno al 28.
Quelli che non conosco richiedono a me una preparazione intorno alla settimana (5-7 gg, mai più di una settinmana) per un voto analogo.

Ok, ok, questo vale solo per me, però è giusto per darti una idea.

Quindi, SE disciplini un po' quello che fai durante il giorno e ti prepari in itinere, studiando ogni giorno quello che è necessario, ce la fai senza problemi.

L'unico problema può esserci se trovi docenti che richiedono presenza obbligatoria, ma in quel caso vai da loro e spiega la tua situazione, non dovrebbero esserci problemi.


Saluti :foll:

.Imrahil
09-06-2005, 19.44.20
Bhe anche se ci mettessi 10 ore per gli esami che sono per me più facili, e 9-10 giorni per gli altri, si andrebbe bene... Ovvio che io faccio conto di seguire abbastanza assiduamente le lezioni... mi pare un po' ardua imparare da soli :D Almeno per me :birra:

Fabio
10-06-2005, 00.13.22
Originally posted by Pantera666
Riuppo il thread per chiedervi quanti degli iscritti alla Facoltà riescono anche a lavorare. Lavorare mezza giornata è un'esigenza, per me...

Sì che si riesce, anche a lavorare più di mezza giornata.

La cosa che non mi piace è che stai diventando sempre più come me. Ergo, SALVATI FINCHE' SEI IN TEMPO! (cit.) :D

TrustNoOne
10-06-2005, 01.24.26
Originally posted by Bill
Sì che si riesce, anche a lavorare più di mezza giornata.

quello che riesci a fare tu e' un caso a parte ricordiamolo :asd:

follettomalefico
10-06-2005, 01.31.08
Beh io ho lavorato alcuni mesi mentre ero al liceo :asd:

Fabio
10-06-2005, 09.11.14
Originally posted by follettomalefico
Beh io ho lavorato alcuni mesi mentre ero al liceo :asd:

Io è dal 1997 che lavoro incessantemente come un coglione. :asd:

.Imrahil
10-06-2005, 18.38.31
Ok, benissimo :D

Bill, lavorare mi serve anche per andare dove dici tu, ricorda :asd:

destino
10-06-2005, 18.40.47
Originally posted by Pantera666
Ok, benissimo :D

Bill, lavorare mi serve anche per andare dove dici tu, ricorda :asd:

nn si paga per andare dove dice bill :nono:

:asd:

.Imrahil
10-06-2005, 18.44.19
Non in quel senso, stronzi :roll3:

.Imrahil
25-08-2005, 18.53.53
'Giorno

Ho sentito parlare di "test di ingresso"... in che cosa consiste? Grazie :birra:

Mondrac
25-08-2005, 19.41.30
Almeno a Genova il test d'ingresso è una cavolata e ha il solo scopo di determinare la conoscenza media delle matricole.

Non ha particolari ripercussioni su numeri chiusi, orali,ecc..

.Imrahil
25-08-2005, 19.48.58
Per l'appunto, non credo sia gran che perchè perchè le lezioni cominciano il 19 e il test è il 30...

samgamgee
25-08-2005, 20.03.36
Devi vedere se è un test di ingresso perchè la facoltà è a numero chiuso o se è un test di livello. Nel primo caso il test ha lo scopo di scremare il numero di potenziali iscritti e fare aceder alla facoltà solo i XYZ più meritevoli...nel secondo caso si tratta di un test volto a determinare il livello dello studente, in modo da poterlo allocare in una classe di livello adeguato al suo.

TrustNoOne
25-08-2005, 21.31.31
classe di livello adeguato? Ma che stai a di'

Di solito informatica non e' a numero chiuso, quindi e' un semplice test inutile che serve piu' che altro per fini statistici (come quello che ho fatto io quattro anni fa' per ingegneria).

Se e' a numero chiuso o test d'ingresso invece sei fottuto e devi studiare :asd:

.Imrahil
25-08-2005, 21.59.09
No, non è a numero chiuso :D

samgamgee
26-08-2005, 14.01.46
Originally posted by TrustNoOne
classe di livello adeguato? Ma che stai a di'



Io ho dovuto fare un test di livello di inglese e mi hanno ficcato in una classe con gente del mio livello di inglese, a informatica non so come funzioni ma so che in altre facoltà per certe materie funziona così

Trinity^_^
26-08-2005, 14.09.09
Il test per le facoltà non a numero chiuso serve per vedere il tuo livello di preparazione, ad esempio ad ing a Brescia se tu fai male il test devi seguire dei corsi di recupero :)

TrustNoOne
26-08-2005, 14.24.48
Originally posted by Trinity^_^
Il test per le facoltà non a numero chiuso serve per vedere il tuo livello di preparazione, ad esempio ad ing a Brescia se tu fai male il test devi seguire dei corsi di recupero :)
non e' vero.
quello che ho fatto io era puramente per fini statistici (e per "indirizzare" lo studente).

Era obbligatorio farlo, ma potevi mettere anche tutte risposte a caso ed iscriverti lo stesso... E sinceramente se uno non riesce a fare neanche quella roba e' meglio che cambi facolta' :asd:

.Imrahil
26-08-2005, 18.40.36
Link (http://www.mfn.unipmn.it/News/Studenti/Corso-di-p/index.htm)

In particolare:


Il superamento della verifica finale inerente il seminario intensivo di Matematica di base dà luogo, per quegli studenti che hanno superato la prova di ingresso con esito positivo, all'acquisizione di uno o due CFU (Crediti Formativi Universitari) a seconda della preparazione dimostrata su parte o sull'intero programma d'esame. Questi crediti potranno essere utilizzati nell’ambito delle attività formative a scelta dello studente.

TrustNoOne
26-08-2005, 20.15.58
1 o 2? :asd:

stan
26-08-2005, 20.21.59
Sentite a Pisa per quanto riguarda quel test la cosa funziona così: se non passi in maniera decente la parte matematica del test ti danno degli OFA a cui dovrai porre rimedio durante l'anno posto come limite il mese di dicembre...e comunque sia è una cazzata quel test, quindi se davvero qualcuno dovesse sbagliarlo si dovrà rendere conto che continuare sarà sicuramente difficile.