PDA

Visualizza versione completa : A quando i ghetti?



.Imrahil
11-07-2004, 17.24.33
senza parole... (http://www.corriere.it/edicola/index.jsp?path=TUTTI_GLI_ARTICOLI&doc=SCUOLA)

_Slash_
11-07-2004, 17.31.13
Un’iniziativa «grottesca», afferma Mario Borghezio, europarlamentare della Lega Nord

:mumble


«Questa decisione - tuona Borghezio - rappresenta un passo avanti pericolosissimo verso l’islamizzazione della nostra società e un pesante vulnus nei confronti della nostra identità culturale e religiosa collettiva di società dalle radici profondamente cristiane».



ora si spiega tutto :asd:

fppiccolo
11-07-2004, 17.31.52
x i leghisti vero?

sharkone
11-07-2004, 17.36.09
...

_Slash_
11-07-2004, 17.37.25
Originally posted by fppiccolo
x i leghisti vero?

mi sembrava strano che Borghezio (colui che "disinfettava" i treni) non fosse favorevole a "ghettizzare" gli studenti islamici

billygoat
11-07-2004, 17.58.56
Dall'articolo
L’educazione dei ragazzi deve puntare, in senso laico, all’integrazione e al dialogo tra culture e religioni diverse

Ciborio_cgg
11-07-2004, 18.00.29
cmq la classe di soli islamici, l'hanno voluta gli stessi islamici, il preside li ha solo accontentati, quindi, contenti loro, contenti tutti

Ray McCoy
11-07-2004, 18.15.57
Originally posted by Pantera666
A quando i ghetti?

Cosa significa "A quando i ghetti?" ? I ghetti per chi?

Srzpzmrdfks
11-07-2004, 18.16.31
Bho se si ghettizzano gli immigrati come negli altri paesi occidentali bisogna farlo bene, questo mi sembra un palliativo inutile.

.Imrahil
11-07-2004, 18.25.04
Originally posted by Ray McCoy
Cosa significa "A quando i ghetti?" ? I ghetti per chi?

era ironico :rolleyes:
traduzione: "Se continuiamo così arriveremo a creare i ghetti per gli immigrati".


Originally posted by Srzpzmrdfks
Bho se si ghettizzano gli immigrati come negli altri paesi occidentali bisogna farlo bene, questo mi sembra un palliativo inutile.

non so se ridere o piangere leggendo simili commenti


:rolleyes:

destino
11-07-2004, 18.27.40
cmq se fare una classe di soli islamici è segno di integrazione come ha detto il preside di quella scuola la prox volta fanno la classe di cinesi, poi quella di marocchini ecc ecc ? :doubt:


Bell'esempio di integrazione

Ef.Di.Gi
11-07-2004, 18.53.05
Ma integrazione de che?siamo tutti uguali...

Srzpzmrdfks
11-07-2004, 19.09.15
Originally posted by Ef.Di.Gi
Ma integrazione de che?siamo tutti uguali...

Cioè qundi secondo te, tu e berlusconi siete uguali?

.Imrahil
11-07-2004, 19.11.31
Originally posted by Srzpzmrdfks
Cioè qundi secondo te, tu e berlusconi siete uguali?

più che altro mi preoccuperebbe di essere uguale a Dalmo :look:

Ef.Di.Gi
11-07-2004, 19.12.11
Originally posted by Srzpzmrdfks
Cioè qundi secondo te, tu e berlusconi siete uguali?

Nel senso più allargato del termine, certamente.

Srzpzmrdfks
11-07-2004, 19.20.51
Ossai quali sono i punti in comune che rendono berlusconi e te uguali oltre al fatto che siamo homo sapiens?
Lui ha più diritti di te, meno doveri, conduce una vita completamente diversa dalla tua e ha esigenze completamente diverse.

Dire che siamo tutti uguali è altamente deviante e tende a semplificare troppo il idscorso che è molto complesso secondo me.

Ef.Di.Gi
11-07-2004, 19.27.26
Originally posted by Srzpzmrdfks
Ossai quali sono i punti in comune che rendono berlusconi e te uguali oltre al fatto che siamo homo sapiens?
Lui ha più diritti di te, meno doveri, conduce una vita completamente diversa dalla tua e ha esigenze completamente diverse.

Dire che siamo tutti uguali è altamente deviante e tende a semplificare troppo il idscorso che è molto complesso secondo me.

Dai su, hai capito benissimo il mio discorso, non fare finta di nulla...

uguali condizioni di partenza alla nascita presi come singoli individui decontestualizzati, ok?

Black Dog
11-07-2004, 19.40.49
lascia perdere quel tipo...uno ke mette in firma un comando x ignorare un moderatore dimostra gia quanto sia ottuso...

...tornando i topic... è una strana iniziativa, ci son pro e contro. da una parte è giustissimo, xke mi pare ke la nostra costituzione concede la liberta di religione, io nn penso ke nessuno si senta mai offeso, ma in italia abbiamo il crocifisso obbligatorio, mentre la scuola dovrebbe essere laica.

dall'altra lasciare ke questi ragazzi siano isolati nn è na gran cosa, xke non si integrano con noi...

Srzpzmrdfks
11-07-2004, 21.32.51
Originally posted by Black Dog
lascia perdere quel tipo...uno ke mette in firma un comando x ignorare un moderatore dimostra gia quanto sia ottuso...


Sì peccato che l'abbia fatto perchè quel moderatore (?) ha fatto la stessa cosa con me per primo...
E nn prendertela dai, c'è sempre google l'amico delle pippe :dentone:

p.s x FDG: la tua frase non ha il minimo senso vistoi che il solo fatto di nascere in una diversa famigla o luogo influeisce sulla nostra vita in manera molto rilevante... cmq lascamo perdere.

Ray McCoy
11-07-2004, 21.53.15
Originally posted by Pantera666
era ironico :rolleyes:
traduzione: "Se continuiamo così arriveremo a creare i ghetti per gli immigrati".

Ma quello che dici è assurdo. Per non ghettizzare una minoranza, allora, si dovrebbe fare come negli stati del Sud degli USA dopo la guerra di secessione? Separate but equals? Una classe per bianchi ed una per i neri?

.Imrahil
11-07-2004, 22.01.17
Originally posted by Ray McCoy
Ma quello che dici è assurdo. Per non ghettizzare una minoranza, allora, si dovrebbe fare come negli stati del Sud degli USA dopo la guerra di secessione? Separate but equals? Una classe per bianchi ed una per i neri?

ma scusa non hai capito che sono contro questa cosa?
Le classi devono essere miste, se riescono a fare una classe di islamici, vuol dire che ce ne saranno almeno altre 4-5 di italiani... ergo bisogna amalgamare un po' il tutto.
Altrimenti finiamo come in Sud Africa, con l'apartheid.

Ray McCoy
11-07-2004, 22.02.16
Originally posted by Pantera666
ma scusa non hai capito che sono contro questa cosa?


E allora esprimiti meglio ;)

Ok, toppato io, sorry.

.Imrahil
11-07-2004, 22.08.07
Originally posted by Ray McCoy
E allora esprimiti meglio ;)

Ok, toppato io, sorry.

:asd:
np :birra:










credevo di essere ubriaco senza aver bevuto nulla :look:


Originally posted by Dark3l

Sì peccato che l'abbia fatto perchè quel moderatore (?) ha fatto la stessa cosa con me per primo...


quelli dell'asilo sono talmente più avanti di te che potrebbero fregarti la merenda :roll3:

cmq siamo tutti uguali, nel senso che ognuno di noi nasce con le medesime capacità fisiche e psichiche, e se dici che ciò non è vero... :rolleyes:
il fatto che poi ognuno cresca in maniera differente, e così diventi o come me, o come Berlusconi, o come te, non vuol dire assolutamente nulla. Non rigirare la frittata plz :rolleyes:
Certo che se li lasciassimo isolati queste persone non si integrerebbero mai con culture comunque differenti dalle loro.

Srzpzmrdfks
11-07-2004, 22.14.37
Sappi solo ti sbatterei in un ghetto composto da soli pantera666 :dentone:

.Imrahil
11-07-2004, 22.18.00
Originally posted by Srzpzmrdfks
Sappi solo ti sbatterei in un ghetto composto da soli pantera666 :dentone:

go buy zingarelli.

che significa sta frase? O_o

thedarkmind
11-07-2004, 22.28.05
Ma che integrazione sperano di ottenere se precludono ogni tipo di scambio interculturale? Non torniamo indietro...

Black Dog
11-07-2004, 22.30.18
Originally posted by Srzpzmrdfks
E nn prendertela dai, c'è sempre google l'amico delle pippe :dentone: questa nn l'ho capita :|

.Imrahil
11-07-2004, 22.31.24
Originally posted by thedarkmind
Ma che integrazione sperano di ottenere se precludono ogni tipo di scambio interculturale? Non torniamo indietro...

Loro non si isolano assolutamente, siamo noi italiani che stiamo diventando tutto d'un colpo altezzosi e xenofobi, mentre in realtà siamo una delle nazioni più povere d'Europa :asd:


a parte i liberi professionisti, ovviamente :asd:

Srzpzmrdfks
11-07-2004, 23.07.42
:|

Joe_Miller
11-07-2004, 23.21.51
Originally posted by Black Dog

...tornando i topic... è una strana iniziativa, ci son pro e contro. da una parte è giustissimo, xke mi pare ke la nostra costituzione concede la liberta di religione, io nn penso ke nessuno si senta mai offeso, ma in italia abbiamo il crocifisso obbligatorio, mentre la scuola dovrebbe essere laica.


Leballe: la scuola italiana ha da sempre il crocifisso e DEVE averlo sempre.
Inolte: che l'abbiano chiesto i ragazzi o meno, in una scuola PUBBLICA della REPUBBLICA ITALIANA non dovrà mai esserci una classe ISLAMICA. Se vogliono una classe islamica che vadano in una scuola islamica. Siamo in italia non siamo nell'islam questo è un paese dove non si fanno distinzioni tra UOMO E DONNA o tra MUSULMANO EBREO O CATTOLICO.

Se vogliono portare il loro integralismo e i loro usi(vedi burqa e mica burqa) in italia lo possono fare in una scuola islamica privata, ma MAI e dico MAI dovrebbero esserci queste cose in una scuola pubblica statale.

billygoat
11-07-2004, 23.25.50
Originally posted by Joe_Miller
Se vogliono portare il loro integralismo e i loro usi(vedi burqa e mica burqa) in italia lo possono fare in una scuola islamica privata, ma MAI e dico MAI dovrebbero esserci queste cose in una scuola pubblica statale.

si potrebbe dire anche l'esatto contrario, quindi che in una scuola pubblica statale non dovrebbero essere presenti simboli riconducibili a qualsivoglia religione, proprio per la laicità dello stato!

Joe_Miller
11-07-2004, 23.54.46
Originally posted by billygoat
si potrebbe dire anche l'esatto contrario, quindi che in una scuola pubblica statale non dovrebbero essere presenti simboli riconducibili a qualsivoglia religione, proprio per la laicità dello stato!

e' un fatto culturale non religioso.

Per fortuna noi abbiamo la nostra cultura e loro hanno la loro.

Non dobbiamo mescolarle non dobbiamo unirle. Devono restare cose separate. Secondo me l'integrazione è un altra cosa. Bisogna convivere è vero, ma bisogna rispettare la cultura e la storia del paese in cui si convive. Col piffero che qui le donne devono essere obbligate a portare il burqa. Semmai bisognerebbe prendere a calci in culo chi le obbliga. Questo sarebbe un obbligo morale. Ed è solo un piccolo esempio.

billygoat
12-07-2004, 00.05.55
Originally posted by Joe_Miller
Non dobbiamo mescolarle non dobbiamo unirle.

imho, la mescolanza di culture può solamente arricchire...

Joe_Miller
12-07-2004, 00.12.19
faccio un esempio terra terra che però secondo me rappresenta bene: Le patatine fritte sono buonissime. La nutella è buonissima.

Le patatine fritte pucciate nella nutella fanno schifo.

Mangiarsi pane e nutella dopo un piatto di patatine è pregio.

billygoat
12-07-2004, 00.46.33
Originally posted by Joe_Miller
faccio un esempio terra terra che però secondo me rappresenta bene: Le patatine fritte sono buonissime. La nutella è buonissima.

Le patatine fritte pucciate nella nutella fanno schifo.


a parte che le aptatine fritte con la nutella non fanno schifo..
ma ti dò una dritta: due culture diverse non possono essere paragonate alle patatine fritte e alla nutella... che cazz di dicorso è il tuo???

alcoolwarriors
12-07-2004, 10.42.54
Originally posted by Joe_Miller
Non dobbiamo mescolarle non dobbiamo unirle. Devono restare cose separate. Secondo me l'integrazione è un altra cosa. Bisogna convivere è vero, ma bisogna rispettare la cultura e la storia del paese in cui si convive. Col piffero che qui le donne devono essere obbligate a portare il burqa. Semmai bisognerebbe prendere a calci in culo chi le obbliga. Questo sarebbe un obbligo morale. Ed è solo un piccolo esempio.

allora...se dici che devono rimanere separate, perchè poi vai a preoccuparti del burqa?! non è forse un'interferenza?!

Simkat
12-07-2004, 14.38.02
chiunque obbliga un altro a fare qualcosa CON LA FORZA è da deprecare......(leggi burqa infibulazione ecc ecc)
per il resto ci vuole tolleranza.... (anche agli atei non piace vedere il crocefisso appeso praticamente ovunque ma questo non significa che lo lancino dalla finestra......ma questo secondo me dovrebbe valere anche per i simboli di qualsiasi religione)

soltanto una cosa.......se sono in un paese ospite ne rispetto le leggi....non mi arrogo il diritto di cambiarle CON LA FORZA

del resto prova un po' tu ad andare in un paese islamico a costruire una chiesa e vedi dove ti fanno arrivare a forza di calci in c...

non penso per questo di essere razzista..... e di sicuro se vedo un musulmano trattato male mi incaxxo come una bestia.....ma mi scoccia essere presa per i fondelli.........

Black Dog
12-07-2004, 17.07.40
Originally posted by Joe_Miller
e' un fatto culturale non religioso.

Per fortuna noi abbiamo la nostra cultura e loro hanno la loro.a parte che una frase come questa gia dimostra la tua mentalità ottusa...


Non dobbiamo mescolarle non dobbiamo unirle. Devono restare cose separate. Secondo me l'integrazione è un altra cosa. Bisogna convivere è vero, ma bisogna rispettare la cultura e la storia del paese in cui si convive. Col piffero che qui le donne devono essere obbligate a portare il burqa. Semmai bisognerebbe prendere a calci in culo chi le obbliga. Questo sarebbe un obbligo morale. Ed è solo un piccolo esempio.
1. Nessuno ha chiesto alle ragazze italiane di mettersi il bourqua
2. tu non sai cosa significa integrazione. non significa "convivere". convivere è un'accomodamento che dev'essere temporaneo. convivere non è una cosa positiva. Ad esempio:
"cazzo ci tocca convivere con la puzza di questa discarica a fianco"

Esempio d'integrazione: tu hai la nutella e le patatine, ma non le mescoli, arriva omar l'islamico ke ti offre un piatto di patatine e nutella.
l'assaggi.
ti piace.
da oggi in avanti ogni tanto magni un piatto di patate e nutella.
tu hai integrato nella tua dieta 1 piatto che non esiste nella tua cultura.
Se non ci fosse l'integrazione razziale non verrebbero fuori pezzi di ragazza come la Halle Berry che se non lo sai è na mulatta(scusate ragazze ma nn mi vengono in mente esempi maschili x voi). O non avresti il pollo al curry.
Non mi pare proprio che l'integrazione razziale sia negativa.
O ti servono altri esempi?

seguendo il tuo ragionamento sembra che qls cosa musulmana dovremmo farla anke noi.
ma nessuno ce l'ha chiesto.
infatti siamo noi che andiamo al ristorante cinese, non viene Oh Chi Minh col piatto in casa tua a dirti "MANGIA!"


Originally posted by Simkat
soltanto una cosa.......se sono in un paese ospite ne rispetto le leggi....non mi arrogo il diritto di cambiarle CON LA FORZA ma che cazzo stai dicendo? non mi sembra proprio che i padri di questi ragazzi siano andati alla scuola imbottiti di tritolo chiedendo di fare una classe islamica!!! loro non possono fare nulla con la forza e quindi te se interamente fuori contesto.

Questa gente NON è ospite come la state dipingendo voi 2.
Questa gente è quella che fa i lavori più di merda perchè noi italiani siamo ormai americani e ci sentiamo superiori e non possiamo abbassarci a tirare su la mondezza o a lavare le auto.
Questa gente in pochi anni diventa di cittadinanza italiana e va a votare.

il fatto del crocifisso nelle aule è sbagliato. Se c'è è colpa degli accordi presi non mi ricordo se prima o dopo la guerra. e mantenuti poi xke i nostri politici son troppo leccaculo.

e poi...dalle vostre parole traspare tanta intransigenza,quasi vi avessero fatto chissà cosa sta gente... ma forse i primi ad andargli a scassare i maroni siamo stati noi con le crociate, o no?

il_falchetto_pellegrino
12-07-2004, 17.59.00
Creare una classse di soli studenti musulmani è sbagliato, perchè non si favorisce certo il dialogo. Altrettanto sbagliato è avere il crocifisso nelle scuole statali, e poi vantarsi di essere uno stato "laico"...
Se vuoi il crocifisso, vai in una scuola privata cattolica. Se vuoi la classe interamente musulmana, vai in una scuola privata musulmana.

Comunque è in certi casi che almeno viene fuori l'ipocrisia di certi politici, che vantano il laicismo come una superiorità dell'Occidente e poi vogliono in classe simboli religiosi. Se fossero nati in medioriente, sarebbero tra i peggiori estremisti.

Simkat
13-07-2004, 12.18.24
black dog forse se avessi letto tutto il post avresti capito.......

se un musulmano buddista induista.......o ateo scaglia un crocefisso fuori dalla finestra sta cercando di cambiare una legge italiana con la forza...... e questo non mi sembra un comportamento civile chiunque sia a tenerlo sia esso musulmano buddista induista o ateo......

tutto qui......

ce ne sono così di leggi italiane che mi stanno sulle balle.....ma non per questo mi metto a dar di matto....

Panamon Creel
13-07-2004, 12.47.02
Simkat lascialo perdere... forse il concetto è troppo difficile... e poi a lui interessa l'uso dell' aggettivo "OTTUSO" non tanto il discorso... (probabilmente adesso lo userà anche per me.. o forse qualcosa di peggio?)... e poi grazie al suo sguardo lucido ed imparziale riuscirà sicuramente ad illuminarci sulla questione ancora una volta come ha fatto nei topic precedenti.. tutti in coro direi: GRAZIE DI ESISTERE BLACK DOG!!!!:hail: :hail: :hail: :hail:

Ef.Di.Gi
13-07-2004, 13.35.32
boh, per me ha ragione

Simkat
13-07-2004, 14.16.13
possibile......mai pensato di essere depositaria della verità assoluta....

ma di una cosa sono certa.......di non essere né razzista né intransigente

Black Dog
13-07-2004, 14.43.09
Originally posted by Simkat
black dog forse se avessi letto tutto il post avresti capito....... infatti cosi ho fatto... almeno io nn mi prendo certi tipi di presunzione


se un musulmano buddista induista.......o ateo scaglia un crocefisso fuori dalla finestra sta cercando di cambiare una legge italiana con la forza...purtroppo non credo esista nel vocabolario, comunque una
azione di forza è per esempio quando vengo a casa tua, sfondo la porta e ti rubo il piatto di patate e nutella. oppure se vado dal preside con un uzi e gli dico di farmi una classe di cani perchè il mio cucciolo possa "stare meglio" (virgolettato per tornare al topic originale e rimarcare la mia opinione-se qlc la lesse inizialmente).
Questa gente NON ha fatto nessuna azione di questo genere QUINDI loro non hanno infranto nessuna legge.
Chiedere è lecito e rispondere è cortesia.
SEMMAI LA LEGGE E' STATA INFRANTA dal preside! non dai genitori. loro possono chiedere quello che vogliono, sta al preside o al provveditorato vedere se la richiesta è legittima ED attuabile.
Io nn credo che questa sia stata un'azione dentro le leggi, MA VORREI RICORDARVI od INFORMARVI che la scuola dopo le ultime riforme ha molta più libertà nelle decisioni tanto che a livello di scuola superiore(nn so le altre) funziona come un'azienda.

Io non conosco i regolamenti, e dubito che voi siate i segretari o ricopriate altri ruoli nella scuola al di fuori di quelli di semplici studenti, quindi nemmeno voi credo conosciate questo regolamento... quindi potrebbe essere che la decisione di questo preside sia cmq del tutto legittima.
stando alle norme e leggi

MORALMENTE è tutto un altro discorso... forse i miei post son troppo lunghi, cmq io vorrei ricordare che ci sono pro e conto sia nel fare una classe di musulmani che una mista.

Si pensi ad esempio al fatto che avendo le classi miste, durante la settimana ogni giorno ci sarebbero 2-3 ragazzi islamici a spasso per la scuola (perchè dubito che frequentino le ore di religione).
In questo caso la soluzione del preside è logisticamente intelligente in quanto:
. non ci sono poki ragazzi in giro per la scuola
. visto il punto precedente questi ragazzi nn possono combinare vandalismi o farsi male dovendo avere poi conseguenti casini con le assicurazioni

avendo invece una classe tutta musulmana, l'ora di religione(islamica) a cui penso abbiamo pensato di procurargli, la passano tutti insieme.

gli aspetti sociali di socializzazione con studenti italiani son tutta un'altra storia. e a questo si rimedia solo facendo classi miste(cmq in presenza di ragazzi ignoranti e razzisti nn si potrebbe fare nulla).

L'unica vera soluzione sarebbe togliere l'ora di religione dalla scuola e inserirla in fasce comuni tipo ad es di pomeriggio, in modo che ognuno fa la religione che vuole.
quindi tornando a rispondere...si va a:


ce ne sono così di leggi italiane che mi stanno sulle balle.....ma non per questo mi metto a dar di matto.... e su questo non ci possiamo fare nulla ne noi ne il preside. ma solo i politici del cavolo.
Non mi sembra poi di aver dato di matto e di aver usato paroloni od insulti....

x Panamon: sono un mod, non ci casco nello scherzo del flame :dentone:

Panamon Creel
13-07-2004, 14.57.50
Proprio perchè sei un Mod speravo potessi accogliere le idee degl'altri senza accusare di "ottusità", ma a quanto pare ci sono Mod e Mod...:dentone:

Simkat
13-07-2004, 15.46.12
black dog.......pensala come vuoi ma per me scagliare il crocefisso fuori dalla finestra E' un atto violento e di scarso rispetto nei confronti di chi nella religione cristiana crede.......(per sgombrare il campo dagli equivoci....sono atea ma non mi permetterei mai di farlo esattamente come non mi permetterei mai di bruciare per esempio un testo o un oggetto sacro di qualsiasi altra religione)

e non ho mai detto che TU hai dato di matto....ma per le ragioni di cui sopra ritengo folle che un futuro cittadino italiano (non ospite per carità quasi che la parola stessa fosse un insulto) non abbia il minimo rispetto della cristianità di buona parte dei suoi futuri connazionali........

riguardo alla classe di soli mussulmani.........non sono granché d'accordo.....per varie ragioni....ma se al preside va bene così è tutto ok.....

Black Dog
14-07-2004, 00.44.18
Originally posted by Simkat
black dog.......pensala come vuoi ma per me scagliare il crocefisso fuori dalla finestra ma xke insisti tanto con questo "scagliare fuori dalla finestra"??

a parte ke continuando ad usare questa frase sembra che sta gente sia arrivata qui conl kalashinikov in mano...

...e non è cosi.

essendo atea, essendo che ti da fastidio la legge assurda per cui dobbiamo avere il crocifisso in aula, mi sai spiegare perchè ti ostini tanto con questa storia?
cosa c'è che non va?
perchè questi genitori non possono chiedere una cosa del genere? (che è si una richiesta stupida,concordo,perchè tu atea nn chiedi al preside di togliere il crocifisso)
sembra che ti infastidisca che delle persone STRANIERE abbiano ottenuto uno "sconto" alle leggi italiane.
probabilmente se ci fossimo svegliati prima, il crocifisso l'avrebbero tolto da tempo dalle scuole anche se la richiesta fosse arrivata da italiani.

e se è cosi, se ti da fastidio che la richiesta arrivi da STRANIERI,allora nn direi che sei tanto accomodante come dici.

Francamente io ci vedo una cosa molto buona, ovvero un passo avanti verso la decentralizzazione tanto professata dai politici di oggigiorno.
Non sono un leghista, ma per delle mere CAZZATE come questa penso che le cose giuste da fare siano dare libertà al preside o all'autorità più competente locale!


E' un atto violento e di scarso rispetto nei confronti di chi nella religione cristiana crede....[...].sono atea ma non mi permetterei mai di farlo esattamente come non mi permetterei mai di bruciare per esempio un testo o un oggetto sacro di qualsiasi altra religione) e ci risiamo...a parte ke sti poveracci nn hanno fatto nulla del genere... mi devi spiegare perchè allora non è una violenza obbligare dei musulmani a vedere il crocifisso ogni giorno. x quanto ne so io potrebbe essere scritto nel corano che è vietato entrare in chiesa,magari il crocifisso rende la scuola sacra, dal loro punto di vista, e quindi un loro problema teologico.
in fondo è come se nel menu nn ci fosse alternativa al maiale che loro non possono mangiare, o se tu mi mettessi davanti al computer un santino di Mammuccari o di Bonolis, persone ke proprio nn sopporto e se tu mi obbligassi a vederle 20 ore al giorno sarebbe un vero atto di violenza(psicologica)


un futuro cittadino italiano (non ospite per carità quasi che la parola stessa fosse un insulto)il modo in cui tu l'hai usato è quasi un insulto.
la gente come te ha un problema, non è capace di decontestualizzare, di astrarre una parola, un concetto e portarlo in generale, o il viceversa. da un esempio andare nello specifico.
E' per questo che ho usato la parola "ottusa" (x Panamon: impara a distinguere quali sono le offese(magari usando un vocabolario) prima di offenderti), non per offendere, ma nel puro senso italiano.
Tornando all'"ospite", come l'hai usato tu è quasi un insulto alla loro dignità. Il fatto che io non sono nato in italia non mi impedisce il fatto di andare a chiedere qlc alle autorità. Se io vengo a casa tua a falciarti il prato per 5 euro, non significa che se ti chiedo un bicchiere d'acqua perchè fa caldo, devo chiedertelo in ginocchio altrimenti tu me lo neghi.

Il fatto di ESSERE NATI in italia NON implica il fatto D'ESSERE italiani. La nazionalità te la guadagni con le azioni che compi. Non a caso i carcerati con condanne gravi perdono il diritto di voto. E questo a simbolo proprio di quello che ti dico io.
Ho conosciuto molti più balcanici, africani, sudamericani che si meritano d'essere chiamati italiani più di tanti altri la cui nazionalità "italiana" è solo una parola sulla carta d'identità.


riguardo alla classe di soli mussulmani.........non sono granché d'accordo.....per varie ragioni....ma se al preside va bene così è tutto ok..... e perchè non ce le spieghi? quello che non mi piace di te è che dici "se a qlc altro va bene..."
NO PER LA MISERIA!
SE io non pago le tasse, io son contento perchè ho + soldi in banca, ma tu che invece ti fai un mazzo tanto perchè sei onesta vedi me che usufruisco del servizio ospedaliero che paghi solo TU, non vedo perchè devi chinare il capo e dire va bene.
E' proprio per questo tipo di comportamento che abbiamo cose come il crocifisso in classe,come ho gia detto, se invece di fare i polli magari avessimo alzato la testa e avessimo detto "senti caro governo, non me ne frega na mazza se devi tenerti buono il papa (che di questo poi nn ne esiste + il bisogno direi...), la scuola pubblica è laica" magari ora nn staremmo qui a discutere del perchè sia nata una classe di musulmani.

ank'io ho detto ke x certi versi nn sono d'accordo, ma almeno ho detto ke la mia motivazione quella dell'integrazione sociale.

Prolisso, ma spero + chiaro stavolta...

Simkat
14-07-2004, 01.26.21
insisto tanto col crocefisso scagliato dalla finestra (di un ospedale non di una scuola) perché è una cosa successa realmente......

continui a farmi dire cose che non ho detto e mai neanche pensato......non c'entra un piffero che lo abbia fatto uno straniero......se non si rispettano le leggi si paga (di solito)

non mi permetto di dire "IO il crocefisso non lo voglio" perché ammetto anche che ci sia qualcuno che la pensi in modo diverso dal mio (a differenza di chi è tollerante solo a parole)

comunque proporrei di piantarla qui..........visto che il forum è di tutti e penso che la cosa stia diventando piuttosto noiosa

spiacente di non essermi fatta capire.........

Joe_Miller
14-07-2004, 07.54.55
Originally posted by Black Dog


L'unica vera soluzione sarebbe togliere l'ora di religione dalla scuola e inserirla in fasce comuni tipo ad es di pomeriggio, in modo che ognuno fa la religione che vuole.
quindi tornando a rispondere...si va a:



Si certo, poi mettiamo come regola che a scuola non si entra con le scarpe e si mette un Muezzin a fare la predica....

MADDAI.

Faccio un esempio: Io mi piazzo a vivere a casa di black dog, lui ha li da anni un mobile rosso-ocra URENDO URENDO ma ci è affezionato, io NON gli chiedo di toglierlo, o per lo meno se glielo chiedo lui mi manda a cagare come è giusto.

Black Dog
14-07-2004, 09.58.01
Originally posted by Simkat
insisto tanto col crocefisso scagliato dalla finestra (di un ospedale non di una scuola) perché è una cosa successa realmente... si ma nn c'entrava nulla cn la discussione in corso... *grat*grat*


continui a farmi dire cose che non ho detto e mai neanche pensato... no no, leggi bene...io ti ho CHIESTO SE ti dava fastidio ke certi desideri fossero espressi da stranieri... mi pare ke la risposta equivalga ad un "no"...meglio cosi :)


non mi permetto di dire "IO il crocefisso non lo voglio" perché ammetto anche che ci sia qualcuno che la pensi in modo diverso dal mio (a differenza di chi è tollerante solo a parole) adesso viene fuori che son io intollerante :rolleyes:
a parte il fatto che a messa ci vado abb... per un senso di giustizia ed equità trovo che sia ingiusto avere in una istituzione LAICA (mi pare per legge...) dei simboli religiosi!!
io proprio nn riesco a capire xke nn sei capace di chiedere una cosa. chiedere qlc a qlc nn è mica un peccato capitale, un reato. proprio xke esiste l'accomodanza puoi farlo! al massimo ti dicono di no...


comunque proporrei di piantarla qui..........visto che il forum è di tutti e penso che la cosa stia diventando piuttosto noiosa fai come vuoi,cmq m dispiace,m sembrava ke s potesse discutere tranquillamente e sembrava ke tu avessi cose interessanti da dire.

ah x la cronaca ho letto stamattina che la classe di musulmani non la fanno,che la moratti in persona ha parlato cn il preside o giu di li mi pare dicendo che anticostituzionale...(certo però ke quando gli comoda ai politici la costituzione ci provano a cambiarla senza farsi tanti scrupoli...)

il_falchetto_pellegrino
14-07-2004, 09.58.48
Due annotazioni: il crocifisso scagliato dalla finestra, effettivamente col discorso sulla classe di soli musulmani, che comunque non condivido, non c'entra.

E' un gesto violento e sbagliato, ma violenza è anche voler imporre a tutti (atei, agnostici, ebrei, musulmani, protestanti, italiani di nascita e di naturalizzazione, ecc...) il crocifisso in un luogo come la scuola, che con la religione, in uno stato laico, non deve aver nulla a che fare.

X quanto riguarda l'ora di religione, io la renderei obbligatoria, rendendola più seria di quanto sia adesso, in cui praticamente si ripassano le altre materie, trasformandola in storia delle religioni e studiando anche quei pensieri che hanno portato all'ateismo o all'agnosticismo, visto che , sempre sulla carta, non dovremmo trovarci in uno stato etico o religioso e credenti e non credenti dovrebbero avere gli stessi diritti.

La legge che chiede di mantenere il crocifisso in classe è talmente anacronistica, che prevede anche l'immagine del re in aula. Questo la dice lunga su quale valore possa ancora avere oggi.

Ciò che dà molto fastidio ai cattolici reazionari italiani, è che obiettivamente, quando Adel Smith ha chiesto (malamente e da sbruffone) di togliere il crocifisso dall'aula dei suoi figli, non ha fatto altro che chiedere che venisse applicato il principio laico dello stato, decretato da italiani, e condiviso nella costituente dai cattolici. Solo che purtroppo l'Italia è il paese dei buoni principi e dell'iniqua applicazione.
Sarà bene comunque ricordare, come faccio spesso, che per ogni Adel Smith (italianissimo, tra l'altro) c'è un Baget Bozzo a ricordarci che l'estremismo non ha confini religiosi. E che per ogni atto da sbruffone ce n'è uno di segno opposto (la reazione della cittadinanza del paese di Adel Smith, che ha fatto costruire nella piazza del paese di fronte alla scuola un crocifisso di 5 metri, di cui in centinaia d'anni non aveva mai sentito la necessità e rendendo di fatto ancora più vittime i due bimbi di Smith, che di responsabilità in questa vicenda ne hanno veramente poche. Un gesto veramente poco cristiano. Ma probabilmente molto cattolico. Senza contare ovviamente l'impatto che può avere una croce di 5 metri in una piazza che palesemente non era stata pensata per quello scopo. Ma vabbè, ognuno è libero di rovinare il proprio paese come meglio crede.)

Per chiudere, visto che pare che qualcuno piuttosto di entrare nel merito della conversazione, ragioni per paradosso portandola all'estremismo, sarebbe utile ricordare che chiedere che sia tolto il crocifisso dalla scuola, significa solo ribadire la natura laica del nostro stato, come espressa nella costituzione, non chiedere che siano espressi altri simboli religiosi, di altre confessioni.

Ribadisco: vuoi seguire le pratiche cattoliche, vai in una scuola privata catolica. Vuoi seguire quelle musulmane: vai in una scuola privata musulmana. Senza rompere le scatole allo stato laico.

Black Dog
14-07-2004, 10.20.07
Originally posted by Joe_Miller
Si certo, poi mettiamo come regola che a scuola non si entra con le scarpe e si mette un Muezzin a fare la predica.... cioè ma scusa sti ragazzi quell'ora di religione come la devono passare? se noi abbiamo diritto di avere un professore cattolico e di "studiare" (virgolettato alludendo a ciò ke spiegava bene falchetto) non vedo perchè quegli altri ragazzi non potrebbero avere un prof musulmano che gli fa fare quel ke è + opportuno.
cmq la mia osservazione era principalmente logistica... come già spiegato ma è evidente che nn leggi tutto x bene.
Ora ke la "cara" moratti ha detto no, cosa succede? in quella scuola ci saranno ogni giorno almeno 2-3 studenti che per un'ora nn devono fare nulla. Se l'ora coincide con la prima o la sesta, sono/vanno a casa, se però quest'ora è nel mezzo della giornata...che gli fai fare? li metti a studiare da qlc parte. Per metterli dove ti pare nella scuola i ragazzi devono essere sorvegliati, xke nella scuola la regola è ke i ragazzi devono sempre avere un sorvegliante che faccia in modo ke i ragazzi nn si facciano male o combinino guai(e questa persona nn pò esse un bidello).
E ora trovami tu una gestione economica intelligente di spazi tempi e manodopera.
Io sfido la tua soluzione in qls giorno della settimana e sn sicuro ke sarebbe + conveniente avere la scuola aperta un ora in + un pomeriggio ke avere ore di religione sparse qui e li.

Ah ma aspetta...scommetto tutto il mio conto in banca che poi tutta la gente come voi che sembra tanto attaccata all'ora di religione e al crocifisso in classe non avrebbe affatto voglia di stare a scuola un ora pomeridiana di religione e preferirebbe andarsene a casa.
E non dirmi di no, che il tuo naso sennò mi arriva sin qui...la scuola superiore l'ho fatta pure io e so a che serviva quell'ora...


Faccio un esempio: Io mi piazzo a vivere a casa di black dog, lui ha li da anni un mobile rosso-ocra URENDO URENDO ma ci è affezionato, io NON gli chiedo di toglierlo, o per lo meno se glielo chiedo lui mi manda a cagare come è giusto.
premettiamo che è un esempio del cavolo :D perchè casa mia è un LUOGO PRIVATO mentre la scuola un LUOGO PUBBLICO...dandotela buona bisogna vedere cosa significa "mi piazzo".
Sei un ospite xke momentaneamente terremotato/sfrattato/sfighe varie? abbiamo gia detto precedentemente che questi musulmani nn sono ospiti...

Se nn sei un ospite significa che in qlc modo contribuisci alla vita nella mia casa, ad esempio vai a lavorare e paghi metà affitto. A questo punto se devi rimanere solo 1 paio d'anni ti dico che il mobile continui a vederlo,se devi convivere con me x sempre allora si può sempre vedere quel ke si può fare,magari me lo porto in camera da letto il mobile.

bravo falchetto...cosi si discute, portando esempi concreti e parlando essendo documentati :)

LordilFerrero
14-07-2004, 10.34.55
Originally posted by il_falchetto_pellegrino
Cut


:hail:

Simkat
14-07-2004, 13.25.05
condivido molte delle osservazioni fatte dal falchetto e anche da black dog (soprattutto mi è piaciuto come ha risolto la storia del mobile urendo urendo :) )

però vi faccio un altro esempio.......

ho avuto per 5 anni nella mia classe un ragazzo ebreo (cambia la religione ma gli atteggiamenti no) che ogni volta che squillava la campanella per l'ora di religione "fuggiva" dall'aula.....ora a me la cosa ai tempi non colpiva più di tanto ma ora il dubbio mi viene..... invece di andarsene ogni volta non poteva almeno 1 volta rimanere in classe ad esprimere il suo punto di vista? a parlarci della sua religione? (non avevo un prete ma una laica come prof)

bella l'idea della storia delle religioni ma penso che a quell'età molti preferiscono ripassare o farsi i fatti loro (purtroppo)

P.S. black non mi sottraggo alla discussione ma siccome era diventato un botta e risposta tra me e te o lo si proseguiva in PM oppure gli si dava un taglio ma visto che mi sbagliavo..........eccomi qui

Black Dog
14-07-2004, 15.32.29
Originally posted by Simkat
(soprattutto mi è piaciuto come ha risolto la storia del mobile urendo urendo :) ) grazie :)


ho avuto per 5 anni nella mia classe un ragazzo ebreo (cambia la religione ma gli atteggiamenti no) che ogni volta che squillava la campanella per l'ora di religione "fuggiva" dall'aula......a parlarci della sua religione? hai ragionissima.
il problema penso che qui non sia tanto nostro,ma per quello che insegnano. Guarda come si stanno ammazzando in israele. Non c'è solo la religione di mezzo, ma quello è il mezzo per cui passa tutta questa intransigenza.
Non credo che sia una coincidenza,il fatto che qui da noi, dove all'atto pratico la religione nn conta nulla e dove questa nn influenza più la vita di tutti i giorni come negli anni '20, ci sia integrazione razziale molto maggiore che in altri posti.
ci sono le pecore nere, ma non scambierei la mia situazione con quella di palestinesi ed ebrei, o degli islamici afgani...e voi? :)


bella l'idea della storia delle religioni ma penso che a quell'età molti preferiscono ripassare o farsi i fatti loro (purtroppo) proprio per questo io dico(e credo anche quello che intendeva falchetto) che è inutile impuntarsi su questioni religiose quando questa cosa non tocca nessuno.
in classe mia facevamo religione con un bravissimo prof laico, ma nn parlavamo di religione,a parte in casi tipo la guerriglia palestinese. principalmente si discuteva dei problemi giovanili, di droga, fumo...tutte quelle cose. mi piaceva :)


...eccomi qui ammetto che in prima battuta mi sono un poco animato...il fatto è ke appena mi sembra di sentire odore di razzismo mi girano le scatole come quelle di un frullatore... a causa di esperienze precedenti personali avute con "amici". Cmq se continua così, con altri che partecipano va proprio bene :)

il_falchetto_pellegrino
14-07-2004, 17.47.44
Originally posted by Simkat
condivido molte delle osservazioni fatte dal falchetto e anche da black dog (soprattutto mi è piaciuto come ha risolto la storia del mobile urendo urendo :) )

però vi faccio un altro esempio.......

ho avuto per 5 anni nella mia classe un ragazzo ebreo (cambia la religione ma gli atteggiamenti no) che ogni volta che squillava la campanella per l'ora di religione "fuggiva" dall'aula.....ora a me la cosa ai tempi non colpiva più di tanto ma ora il dubbio mi viene..... invece di andarsene ogni volta non poteva almeno 1 volta rimanere in classe ad esprimere il suo punto di vista? a parlarci della sua religione? (non avevo un prete ma una laica come prof)

bella l'idea della storia delle religioni ma penso che a quell'età molti preferiscono ripassare o farsi i fatti loro (purtroppo)

P.S. black non mi sottraggo alla discussione ma siccome era diventato un botta e risposta tra me e te o lo si proseguiva in PM oppure gli si dava un taglio ma visto che mi sbagliavo..........eccomi qui

Sicuramente sarebbe stato più produttivo. Purtroppo probabilmente sul suo comportamento influivano un po' di cose:

- il fatto che al momento l'ora di religione sia considerata un'ora di serie B, quindi magari preferiva farsi gli affari suoi al posto di "perdere tempo"

- il comportamento della professoressa (che invece magari sarebbe stata ben contenta di sentirlo parlare un po' dell'ebraismo

- il fatto che, alla pari di molti ragazzi cattolici, magari sapesse ben poco della sua religione.

Ovviamente sono solo supposizioni. E' anche possibile che fosse un integralista religioso e non avesse alcuna voglia di discutere con altri. Comportamento che ribadisco a mio parere sbagliatissimo.

thedarkmind
14-07-2004, 20.07.44
L'ora di religione nelle scuole statali non è (o non dovrebbe essere) un'ora di catechismo, bensi un ora di"storia delle religioni" in cui si studiano usi costumi e tradizioni di popoli diversi. Vista in quest'ottica chiunque (studenti italiani, cattolici e non cattolici, mussulmani, cinesi, buddisti ecc...) non avrebbero nessun problema a seguire questa lezione. E di certo la conoscenza favorirebbe l'integrazione. Al contrario dell'ignoranza.

il_falchetto_pellegrino
14-07-2004, 20.18.27
Originally posted by thedarkmind
L'ora di religione nelle scuole statali non è (o non dovrebbe essere) un'ora di catechismo, bensi un ora di"storia delle religioni" in cui si studiano usi costumi e tradizioni di popoli diversi. Vista in quest'ottica chiunque (studenti italiani, cattolici e non cattolici, mussulmani, cinesi, buddisti ecc...) non avrebbero nessun problema a seguire questa lezione. E di certo la conoscenza favorirebbe l'integrazione. Al contrario dell'ignoranza.

Hai ragione, ma purtroppo di fatto non è così. Pensa per esempio che gli insegnanti di religione sono scelti dalla curia locale, non dal provveditorato. Nonostante lavorino per un ente statale e siano stipendaiti dallo stato, certo non dal Vaticano.

thedarkmind
14-07-2004, 20.44.04
Originally posted by il_falchetto_pellegrino
Hai ragione, ma purtroppo di fatto non è così. Pensa per esempio che gli insegnanti di religione sono scelti dalla curia locale, non dal provveditorato. Nonostante lavorino per un ente statale e siano stipendaiti dallo stato, certo non dal Vaticano. Ecco, in questo senso sarei d'accordo sulla modifica della legge che regolamenta la nomina dell'insegnante e la struttura dell'ora di religione. Questo potrebbe essere un passo avanti verso il rispetto di tutte le culture e l'integrazione

alcoolwarriors
15-07-2004, 09.12.01
Originally posted by il_falchetto_pellegrino
Ovviamente sono solo supposizioni. E' anche possibile che fosse un integralista religioso e non avesse alcuna voglia di discutere con altri. Comportamento che ribadisco a mio parere sbagliatissimo.

secondo me fosse stato integralista sarebbe rimasto.