PDA

Visualizza versione completa : LibertÓ



Gorechild
24-04-2004, 20.52.03
Topic serio, o finto serio.
Vengo e mi spiego:

in questi tempi in cui non si fa altro che parlare di LibertÓ (di opinione, di scelta, politica, di religione) e di libertÓ violata, (e di Polo delle LibertÓ),

mi viene da riflettere sul fatto che libero non Ŕ chiunque faccia quello che desidera in senso assoluto, ma sempre relativamente ad un sistema che ti impone delle regole, o se le da (sempre relativamente al buon senso di chi ne partecipa).
Libero non Ŕ chi non conosce regole o leggi. Sei libero di scegliere, e la libertÓ di scelta Ŕ l'unica vera forma di autogestione. Ma devi essere libero rispetto a qualcosa.

C'Ŕ chi ancora continua purtroppo a pensare che essere liberi significhi essere autorizzati a farsi i cXXXi propri, e questo vale sia per quelli che stanno alle poltrone, che per quelli che stanno a lucidarle. E purtroppo anche per molti di noi. Ed Ŕ per questo che nascono molti fraintendimenti sulla questione, e per questo "libertÓ" viene purtroppo associata a sregolatezza. Mi riferisco anche al fenomeno delle liberalizzazioni. Con ci˛ non intendo condannare o reprimere nessuno,

AAAANZIIII....:D :D

sto soltando esprimendo una mia visione delle cose, e vorrei che mi diceste la vostra.

azanoth
24-04-2004, 22.19.37
http://www.nostalgiaetenerezza.it/recensioni/liberta.jpg
L I B E R T A'

CTLweb
24-04-2004, 22.34.49
la libertÓ nn esiste.. la lbertÓ esisterebbe solo se saresti l'unico essere viventi al mondo. la propria libertÓ Ŕ limitata dalla libertÓ delle persone che ti stanno accanto, nel 2004 libertÓ Ŕ intesa come trasgessioni.. fare cose vietate, specialmente x i ragazzi in generale

follettomalefico
24-04-2004, 23.09.07
Dire "libertÓ non esiste" Ŕ un concetto piuttosto futile.


Dipende sempre cosa si intende. Intendere libertÓ nel senso pi¨ assoluto, Ŕ completamente futile. Nessuno sarÓ mai completamente libero nel senso assoluto. Non potremo mai volare, nÚ smetterla di essere vincolato ad un piano fisico.

Banali esempi, ma che fanno comprendere come il concetto di libertÓ assoluta sia pura utopia utile solamente ai fini di definirla come termine, ma assolutamente non a vederla applicata in questo contesto spaziale.

Noi siamo esseri in un contesto spazio-tempo. Come tali, la nostra libertÓ Ŕ il poter fare all'interno di tale contesto, nelle coordinate e nelle leggi di questo contesto. :)


Per questo motivo, in realtÓ, la libertÓ la si pu˛ avere solamente ed unicamente dentro di noi. Liberi di essere e di fare tutto quello che vogliamo all'interno dei limiti di questo mondo. Limiti che sono fisici, sociali, tecnologici, economici.

Il concetto di libertÓ Ŕ dunque strettamente correlato al concetto di realizzazione personale. Non sociale, sia chiaro, ma personale. :)

Spesso quando si afferma: "si ma la mia libertÓ finisce quando inizia quella di qualcun altro", Ŕ un concetto indubbiamente vero. Fa parte del gioco di questo mondo. Non per questo per˛ puoi considerarti "non libero". :)

STR1DER
24-04-2004, 23.46.01
la libertÓ Ŕ un ideale, un diritto che va tutelato a qualunque costo.
Quella facoltÓ che dovrebbe concedere ad ognuno di noi le stesse opportunitÓ. Che ci permetta di conservare le nostre aspettative, le nostre ambizioni, nutrire ancora fiducia e speranza per il futuro.
PerchŔ sia pensabile un futuro per ognuno di noi.

Non Ŕ soltanto la semplice libertÓ di espressione.

http://www.bengodi.org/berlusconi/im/S_silvio.jpg



E lo so... Ŕ una dannata utopia, ma io ci voglio ancora credere.

gefri
25-04-2004, 00.26.36
penso che nella nostra civiltÓ si sia arrivati ad un punto di rottura, dove la libertÓ si stÓ trasformando in sregolatezza.

Elenina
25-04-2004, 02.25.23
Originally posted by STR1DER

http://www.bengodi.org/berlusconi/im/S_silvio.jpg
In quanto cristiana considero questa immagine nientemeno che una bestemmia :|
chiamatemi bigotta, ma questo Ŕ quanto (visto che si parla di libertÓ).

azanoth
25-04-2004, 11.44.04
Originally posted by Elenina
In quanto cristiana considero questa immagine nientemeno che una bestemmia :|
chiamatemi bigotta, ma questo Ŕ quanto (visto che si parla di libertÓ).
Consorella,la tua parola Ŕ' d'oro
:birra:
...e concordo con Foll:non ci sono parole da aggiungere visto che ha centrato in pieno il bersaglio...caro fratello come ti capisco...
:birra:

BESTIA_kPk
25-04-2004, 11.52.10
Originally posted by Elenina
In quanto cristiana considero questa immagine nientemeno che una bestemmia :|
chiamatemi bigotta, ma questo Ŕ quanto (visto che si parla di libertÓ).

Ges¨ non scherzava mai? :|


http://www.jesus-action-figure.com/ :roll3:

http://jo.zan.hu/poen/video/terminator_3_parody-jo.zan.hu.mpeg http://forum.ngi.it/lol.gif

OMG :roll3:

gefri
25-04-2004, 12.43.55
Originally posted by BESTIA_kPk
http://www.jesus-action-figure.com/ :roll3:


spero sia un fake :roll3::roll3::roll3::roll3::roll3::roll3:

lol, chi ha l'indirizzo di terminator 3 che salva ges¨?

follettomalefico
25-04-2004, 12.53.15
Non andate OT.

BESTIA_kPk
25-04-2004, 13.14.53
Hum, buttando solo i due link non mi son spiegato :azz:

Ho sottinteso due cose:
- la libertÓ Ŕ relativa anche ai propri punti di vista (per tizio una cosa Ŕ blasfema, per caio Ŕ solo una battuta, per tizio libertÓ Ŕ ammazzarsi buttandomi da un ponte, per caio non esiste la libertÓ sulla sua vita, ecc ecc)
- non si pu˛ pretendere di limitare gli altri, usando come pretesto un proprio punto di vista discutibile.

Elenina
25-04-2004, 13.20.03
non volevo limitare nessuno... ho esternato il mio punto di vista.

Gorechild
26-04-2004, 00.00.45
Direi che folletto Ŕ stato esauriente sull'argomento, ma vorrei aggiungere un'altra cosa.

La libertÓ (weyland, conoscendoti pensavo che avresti postato una foto di Liberty Island a grandezza naturale...):D
la libertÓ, dicevo, Ŕ un argomento che mi sta particolarmente a cuore, sarÓ perchŔ un po' mi sento da una vita il Capitan Harlock dei poveri, e sarÓ perchŔ in prima persona ho fatto delle scelte in tutta libertÓ che mi hanno portato a farmi estraneare da molti che si professavano amici. Ma porto con fierezza avanti le mie scelte, finchŔ restano nei margini della correttezza e del rispetto della vita (e dei caxxi) altrui.

LibertÓ. FinchŔ vivi, sei sempre in tempo. Molti non sanno di possederla, e questo Ŕ pi¨ grave ancora. Molte persone si rassegnano al loro destino, magari tracciato da altri, o da esigenze di povertÓ o di cattivi governi, o di scelte fatte male, e restano nelle loro condizioni perchŔ non riescono a fare quel piccolo passo in pi¨.
Rendersi conto che essere liberi Ŕ essere padroni del proprio destino. A volte ci si ferma per costrizione, altre per pura rassegnazione. Come se qualcuno ci tenesse al guinzaglio.
FinchŔ hai respiro, sei sempre in tempo.

LibertÓ, Ŕ padronanza del proprio destino.:teach:

Beviamoci su.:birra:

zio_lucas
26-04-2004, 08.34.20
Originally posted by azanoth


L I B E R T A'



fratello altissimo :hail: :hail: :hail:
quella immagine dice tutto

LeMalebolge
26-04-2004, 09.30.05
Originally posted by Elenina
In quanto cristiana considero questa immagine nientemeno che una bestemmia :|
chiamatemi bigottaBigotta. :|

Io la penso come lui.
http://www.corriere.it/vivimilano/media/foto/2003/07_Luglio/31/gaber--180x230.jpg

"La libertÓ non Ŕ star sopra un albero,
non Ŕ neanche il volo di un moscone,
la libertÓ non Ŕ uno spazio libero,
libertÓ Ŕ partecipazione."

Drakos_Myst
26-04-2004, 13.14.33
libertÓ Ŕ scritta nel cuore non nella testa.
libertÓ Ŕ non rispettare gli schemi imposti creandosene dei PROPRI e pur sempre rispettando la libertÓ degli altri.

zio_lucas
26-04-2004, 13.16.38
Originally posted by Drakos_Myst


libertÓ Ŕ non rispettare gli schemi imposti creandosene dei PROPRI



quoto e straquoto oltre ad offrirti :birra: :birra: :birra:
questo Ŕ uno dei grossi gravi e chi pi¨ ne ha pi¨ ne metta problemi della societÓ

Gorechild
27-04-2004, 23.35.24
mmm...non sono proprio d'accordo.

Puoi benissimo restare dentro gli schemi che ti vengono imposti e restare libero comunque.
la vera libertÓ, come si Ŕ detto spesso, Ŕ dentro, e non fuori, nei comportamenti esteriori.

Nel senso che sei libero di rispettare gli schemi, se ti va, e questo Ŕ il massimo della libertÓ, quamdo puoi farlo senza ledere la tua personalitÓ e quella degli altri. Libero di essere te stesso in ogni luogo, e dentro ogni divisa, perfino quando ti costringono a portarla.

No, uomo, l'unico modo per combattere il tuo nemico, Ŕ vivere dentro di lui pelle a pelle, finchŔ non ne svisceri tutte le debolezze. Cosý, se vuoi distruggere quello che viene chiamato

SISTEMA,

devi conoscerlo meglio dei suoi progettisti. E' questa la vera libertÓ, non essere per principio o per moda "alternativi"...
io non penso ci˛ che mi viene imposto, sebbene quando mi vesto, trovo quello che il negoziante sceglie di esporre, quando mangio posso comprare solo quello che mi viene fornito, a meno di coltivarmi il mio orto a casa, e quando vado al cinema scelgo, ma solo fra quallo che mi viene messo a disposizione. La nostra Ŕ una libertÓ limitata dalla societÓ, per questo "rompere gli schemi" Ŕ un'illusione troppo facile.

Liberati dentro, non fuori. Il fuori verrÓ da sŔ.


augh, ho detto.

:toh: :book: