PDA

Visualizza versione completa : Ars Technica



Gen.Web
14-02-2004, 20.14.30
Vediamo se riusciamo a far alzare il livello medio del forum :D
Vorrei che questa discussione diventasse un luogo dove ciascuno pone domande tecniche di cui non conosce la risposta (esempio: come funzionano le DDR?) e gli altri cercano di rispondere

BESTIA_kPk
14-02-2004, 21.58.34
Mmmm ma non è forse tutta questa sezione di forum, ad esser incentrata su tale argomento?

VM o X
14-02-2004, 22.22.27
Come mai, nonostante le prestazioni aumentino in modo esponenziale, la sicurezza e la resistenza della componentistica informatica e del sofware è sempre la stessa? Cioé troppo bassa soprattutto in confronto al ruolo e all'importanza che ha ormai nella vita di tutti i giorni e in quella aziendale?

Gen.Web
15-02-2004, 01.44.39
Originally posted by VM o X
Come mai, nonostante le prestazioni aumentino in modo esponenziale, la sicurezza e la resistenza della componentistica informatica e del sofware è sempre la stessa? Cioé troppo bassa soprattutto in confronto al ruolo e all'importanza che ha ormai nella vita di tutti i giorni e in quella aziendale?


per quanto riguarda la sicurezza del software pregherei folletto di spiegare, se sa, cosa è esattamente... porca paletta non mi viene la parola, dannata febbre. Vabbè foll spero tu abbia capito.
Per quanto riguarda la componentistica mi pare che le uniche cose che si rompano siano gli hard disk
cmq non mi pare una domanda che sta bene in questo topic ;)

VM o X
15-02-2004, 09.25.06
Secondo me alla fine di tutto è più conveniente (per le aziende) avere 10 Hard Disk, 2 CPU, 2 alimentatori (e magari 2 PC/Server) in cluser ma veloci, che non uno solo ma lento anche se sicuro.

Solo che non vale la stessa cosa per l'utente casalingo... secondo me dovrebbero incentivare la cultura del "cluster" anche nelle case dei privati. Innanzitutto producendo schede madri che, oltre ad implementare una scheda RAID per HD (tipo ASUS), accettino anche due alimentatori e due CPU... però a prezzo più basso (ovviamente).

Comunque fine del discorso... è solo che mi vengono i nervi se penso a quanti HD costosi, se pur veloci, finiscono in panne... ma anche quante CPU ed altri componenti (senza overloockare) che mi capita di dover cambiare... senza parlare di quando mi tocca reinstallare di tutto e di più! Alla fin fine, se metti tutto insieme, è un po' una rottura.

follettomalefico
15-02-2004, 12.26.42
Il concetto di sicurezza parte da una premessa piuttosto semplice, in risposta alla domanda: "perchè nel mondo reale è così facile proteggersi e nel digitale no?"

La risposta è piuttosto immediata: basta pensare ai vincoli fisici che ci impone la stessa materialità delle componenti. In aggiunta al fatto che "online" sei collegato con il mondo... e non con "solo le persone che ti girano intorno a casa" :)




Però non credo intendesse una indagine sulla sicurezza e le varie tecniche... quando parlasse della stabilità del singolo sistema.

Qui la risposta è puramente meccanica. Abbiamo dei pezzi piccoli nanometri che eseguono centinaia di operazioni al secondo. Il limite fisico è piuttosto ovvio... e si capisce come quindi tu stesso affermi sia infinitamente più semplice sostituire e mettere in cluster o raid che produrre qualcosa "a lunga durata".

Per il prezzo, ricorda che è GIA' infinitamente poco quello che paghi, se vuoi raddoppiare, rispetto ai costi di HDD o componentistica di alto livello prodotta espressamente per macchine server ad alte prestazioni (e durata).
Quindi puoi tranquillamente raddoppiare :)

Per il controller, molte mobo nativamente lo supportano... il S-ATA lo renderà ancora più facile. E comunque, un controller PCI aggiuntivo non è una cosa troppo fuori dal mondo :)

castec
15-02-2004, 13.01.08
Salve, qualcuno sa cosa vuol dire AGP e come funziona esattamente?
Thx

AmeR
15-02-2004, 13.10.05
Originally posted by castec
Salve, qualcuno sa cosa vuol dire AGP e come funziona esattamente?
Thx
L' AGP è una tecnologia introdotta da Intel per fare fronte al crescere della potenza delle schede video in commercio, ed è acronimo di Accelerated Graphics Port. E' un connettore ( non è un bus, attenzione ) che permette alla scheda video di "dialogare" direttamente con la CPU e la memoria del sistema, evitando di occupare altre componenti come il bus PCI alleggerendo così la mole di calcoli complessiva che il sistema deve affrontare. Le sigle 2x,4x e 8x indicano la capacità della banda AGP: se vuoi ulteriori informazioni puoi andare qui http://www.intel.com/technology/agp/tutorial/

Hex
15-02-2004, 15.35.05
Qualcuno mi spiega perchè i processori scaldano così tanto???
E poi, perchè diminuendo le dimensioni si ha meno calore? Diminuendo la distanza si ha più resistenza no??

VM o X
15-02-2004, 17.16.22
Originally posted by follettomalefico
Per il controller, molte mobo nativamente lo supportano... il S-ATA lo renderà ancora più facile. E comunque, un controller PCI aggiuntivo non è una cosa troppo fuori dal mondo :)
Sì ma io intendevo anche alimentatori e CPU in cluster.

In pratica penso sia ora di fabbricare MB che prevedano due attacchi di alimentazione e due CPU, ma per fini casalinghi e quindi a prezzo inferiore pur rinunciando a qualcosa (non saprei scendere più in dettaglio). Secondo me sul mercato "Home" non siamo a sufficienti livelli di sicurezza (in generale).

dragoelliott
15-02-2004, 18.11.28
Quali sono i compito principali di NothBridge e SouthBridge?

Gen.Web
15-02-2004, 18.40.29
Originally posted by Hex
Qualcuno mi spiega perchè i processori scaldano così tanto???
E poi, perchè diminuendo le dimensioni si ha meno calore? Diminuendo la distanza si ha più resistenza no??

scaldano tanto perchè passa dentro corrente :D
Diminuendo le dimensione si deve dare meno tensione e così diminuisce il calore di solito (a parte il biscotto)

AmeR
15-02-2004, 19.16.05
Originally posted by dragoelliott
Quali sono i compito principali di NothBridge e SouthBridge? Il Northbridge si occupa principalmente della comunicazione AGP-CPU-Memorie, il South delle PCI e nel caso ci siano, dell' audio integrato e dei controller vari. Correggetemi se sbaglio :D

beatoangelico
15-02-2004, 21.48.43
Qualcuno mi saprebbe spiegare in base a quali criteri vengono assegnati gli indirizzi ip dai provider?x esempio perchè io nella mia rete casalinga ho range di ip 192.168.xxx.xxx ???

Se io in explorer digito 192.168.0.1 mi si apre la pagina di configurazione del router...ma come fa ie a capire che quell'indirizzo è del router e non di un sito esterno?(lo sa gia direbbe qualcuno...ma a me interessa sapere come e perchè alcuni range di indirizzi sono per cosi dire"riservati")...

Hex
15-02-2004, 23.40.30
Originally posted by AmeR
Il Northbridge si occupa principalmente della comunicazione AGP-CPU-Memorie, il South delle PCI e nel caso ci siano, dell' audio integrato e dei controller vari. Correggetemi se sbaglio :D

Hai dimenticato le unità disco tipo cdrom e hard disk.... quelle le controlla il south

Hex
15-02-2004, 23.41.38
Originally posted by Gen.Web
scaldano tanto perchè passa dentro corrente :D
Diminuendo le dimensione si deve dare meno tensione e così diminuisce il calore di solito (a parte il biscotto)

Cioè un procio 0.13 ha un VCORE più basso di uno 0.18?

dragoelliott
15-02-2004, 23.45.44
In generale è vero, maquesto non vale se il numero di transistor è tale da richiedere maggiore alimentazione

dragoelliott
15-02-2004, 23.46.24
Originally posted by AmeR
Il Northbridge si occupa principalmente della comunicazione AGP-CPU-Memorie, il South delle PCI e nel caso ci siano, dell' audio integrato e dei controller vari. Correggetemi se sbaglio :D
Grazie!;)

Gen.Web
16-02-2004, 03.08.10
Originally posted by Hex
Cioè un procio 0.13 ha un VCORE più basso di uno 0.18?


i palomino avevano 1.85 di vcore se non sbaglio...i thoro ne hanno 1.65.

Hex
16-02-2004, 11.15.37
Originally posted by Gen.Web
i palomino avevano 1.85 di vcore se non sbaglio...i thoro ne hanno 1.65.

Ora controllo nel bios, io ho un palomino

Io credevo che diminuisse la temperatura perchè c'era meno superficie da alimentare con meno consumo di calore

VM o X
16-02-2004, 12.58.18
Originally posted by Hex
Ora controllo nel bios, io ho un palomino

Io credevo che diminuisse la temperatura perchè c'era meno superficie da alimentare con meno consumo di calore

Probabilmente è perché l'elettricità attraversa meno silicio e quindi riscalda meno, poiché fa un percorso più breve. Io l'avevo capito così.

Hex
16-02-2004, 13.20.16
Originally posted by VM o X
Probabilmente è perché l'elettricità attraversa meno silicio e quindi riscalda meno, poiché fa un percorso più breve. Io l'avevo capito così.

E' quello che intendevo io. :D

VM o X
16-02-2004, 13.22.42
Originally posted by beatoangelico
Qualcuno mi saprebbe spiegare in base a quali criteri vengono assegnati gli indirizzi ip dai provider?x esempio perchè io nella mia rete casalinga ho range di ip 192.168.xxx.xxx ???

Se io in explorer digito 192.168.0.1 mi si apre la pagina di configurazione del router...ma come fa ie a capire che quell'indirizzo è del router e non di un sito esterno?(lo sa gia direbbe qualcuno...ma a me interessa sapere come e perchè alcuni range di indirizzi sono per cosi dire"riservati")...

In pratica il tuo router fa da intermezzo tra due reti totalmente differenti tra di loro, e sono Internet e la tua rete casalinga.

L'organizzazione degli indirizzi IP di Internet e quella della tua rete privata sono totalmente differenti e incompatibili. Per questo motivo ti serve il suddetto "router"!

Quando il tuo PC si vuole collegare in Internet non lo fa direttamente, lui lo comunica al router che è come una macchina a se stante. Il router è in pratica l'unica macchina della tua rete privata (composta da uno o più PC ed il router) che può accedere in internet.

Funziona così:

TUO PC --IP rete privata 192.168--> ROUTER --IP Internet--> INTERNET

Per questo il tuo PC non può essere un sito, semplicemente perché non è in Internet! ;)


I passaggi più o meno nel dettaglio sono i seguenti:

- Dal TUO PC (es: 198.162.1.2) fai partire una richiesta di accesso ad INTERNET al sito www.multiplayer.it (212.177.107.131);
- Il TUO PC sa che è configurato l'accesso tramite ROUTER (es: 198.162.1.1), quindi manda un messaggio a quest'ultimo con la tua richiesta;
- Il ROUTER a questo punto sa che il TUO PC (es: 198.162.1.2) vuole raggiungere www.multiplayer.it (212.177.107.131), ma sa anche che con il suo IP della tua rete privata (es: 198.162.1.1) non può farlo;
- Il ROUTER contatta quindi il tuo Internet Provider (es: Alice della Telecom) e gli chiede un IP valido per l'accesso ad INTERNET;
- Il tuo Internet Provider ha un range di indirizzi IP Internet assegnatogli a livello mondiale (quindi anche europeo e nazionale) ed assegna al tuo ROUTER il primo disponibile (es: 180.192.15.34);
- Il ROUTER accede quindi ad INTERNET e raggiunge il sito www.multiplayer.it (212.177.107.131), ne riceve i dati e li passa direttamente al richiedente (il TUO PC) tramite la rete privata;
- Da questo momento il ROUTER accede ad INTERNET con il suo IP del provider (es: 180.192.15.34) e comunica con il tuo PC con l'IP della tua rete privata (es: 198.162.1.1) permettendo un passaggio di dati per te trasparente e facendo da intermezzo tra le due reti così strutturamente incompatibili tra di loro. Le due reti, perciò, non verranno mai direttamente in contatto e così l'indirizzo IP del TUO PC sarà sempre distinto dagli indirizzi IP presenti in INTERNET!

Scusate per la mia logorroicità... è una mia caratteristica inevitabile. :toh: Spero comunque di esser stato chiaro e... corretto. :toh:

VM o X
16-02-2004, 13.26.16
Originally posted by Hex
E' quello che intendevo io. :D

Si però è più una cosa a livello materiale (quantità di silicio) che non strutturale (quantità di transistor). Quindi se i transistor sono più piccoli, anche se sono di più e richiedono più alimentazione, la CPU riscalderà di meno! ;)

(ci sono comunque dei limiti, credo)

Hex
16-02-2004, 13.29.27
Originally posted by VM o X
Si però è più una cosa a livello materiale (quantità di silicio) che non strutturale (quantità di transistor). Quindi se i transistor sono più piccoli, anche se sono di più e richiedono più alimentazione, la CPU riscalderà di meno! ;)

(ci sono comunque dei limiti, credo)

Certo.... ovviamente diminuendo la dimensione dei transitor diminuisce la superficie che deve essere attraversata dall'elettricità! ;)


@Gen: Il mio Vcore è intorno ai 1.72-1.74...... non 1.85

Hex
16-02-2004, 14.35.27
Originally posted by VM o X
In pratica il tuo router fa da intermezzo tra due reti totalmente differenti tra di loro, e sono Internet e la tua rete casalinga.

L'organizzazione degli indirizzi IP di Internet e quella della tua rete privata sono totalmente differenti e incompatibili. Per questo motivo ti serve il suddetto "router"!

Quando il tuo PC si vuole collegare in Internet non lo fa direttamente, lui lo comunica al router che è come una macchina a se stante. Il router è in pratica l'unica macchina della tua rete privata (composta da uno o più PC ed il router) che può accedere in internet.

Funziona così:

TUO PC --IP rete privata 192.168--> ROUTER --IP Internet--> INTERNET

Per questo il tuo PC non può essere un sito, semplicemente perché non è in Internet! ;)


I passaggi più o meno nel dettaglio sono i seguenti:

- Dal TUO PC (es: 198.162.1.2) fai partire una richiesta di accesso ad INTERNET al sito www.multiplayer.it (212.177.107.131);
- Il TUO PC sa che è configurato l'accesso tramite ROUTER (es: 198.162.1.1), quindi manda un messaggio a quest'ultimo con la tua richiesta;
- Il ROUTER a questo punto sa che il TUO PC (es: 198.162.1.2) vuole raggiungere www.multiplayer.it (212.177.107.131), ma sa anche che con il suo IP della tua rete privata (es: 198.162.1.1) non può farlo;
- Il ROUTER contatta quindi il tuo Internet Provider (es: Alice della Telecom) e gli chiede un IP valido per l'accesso ad INTERNET;
- Il tuo Internet Provider ha un range di indirizzi IP Internet assegnatogli a livello mondiale (quindi anche europeo e nazionale) ed assegna al tuo ROUTER il primo disponibile (es: 180.192.15.34);
- Il ROUTER accede quindi ad INTERNET e raggiunge il sito www.multiplayer.it (212.177.107.131), ne riceve i dati e li passa direttamente al richiedente (il TUO PC) tramite la rete privata;
- Da questo momento il ROUTER accede ad INTERNET con il suo IP del provider (es: 180.192.15.34) e comunica con il tuo PC con l'IP della tua rete privata (es: 198.162.1.1) permettendo un passaggio di dati per te trasparente e facendo da intermezzo tra le due reti così strutturamente incompatibili tra di loro. Le due reti, perciò, non verranno mai direttamente in contatto e così l'indirizzo IP del TUO PC sarà sempre distinto dagli indirizzi IP presenti in INTERNET!

Scusate per la mia logorroicità... è una mia caratteristica inevitabile. :toh: Spero comunque di esser stato chiaro e... corretto. :toh:

Veramente ben spiegato ;) grazie serviva anche a me

Hex
16-02-2004, 14.46.13
un'altra domanda su IP&co. ......
Io ho fastweb...... fastweb in pratica è una grossa MAN (metropolitan area network)... e allora funziona con i principi detti da VM o X! Perchè io con il mio Ip 1.62.206.43 non sono in internet.... infatti posso soltanto comunicare direttamente con utenti fastweb, cioè gente nella mia MAN!!!!
Allora, quando io voglio andare su www.multiplayer.it, il mio HAG (che sarebbe la centralina dove connetti i cavi della LAN fastweb per chi nn lo sapesse) chiede ai server fastweb un IP qualunque, lo ottiene, poi va sul sito e passa i dati al mio pc. Giusto?
Andando su www.whatismyip.com vedo che il mio ip è 62.101.126.208, ovviamente è quello che fastweb ha assegnato al mio HAG, no?
ma la cosa è che dovrebbe cambiare ogni volta, invece è fisso!!!!! perchè? me lo spiegate, pls? :D

dragoelliott
16-02-2004, 15.14.34
Originally posted by Hex
@Gen: Il mio Vcore è intorno ai 1.72-1.74...... non 1.85
Si, i Palomino stanno a 1.75V

dragoelliott
16-02-2004, 15.17.04
Originally posted by Hex
un'altra domanda su IP&co. ......
Io ho fastweb...... fastweb in pratica è una grossa MAN (metropolitan area network)... e allora funziona con i principi detti da VM o X! Perchè io con il mio Ip 1.62.206.43 non sono in internet.... infatti posso soltanto comunicare direttamente con utenti fastweb, cioè gente nella mia MAN!!!!
Allora, quando io voglio andare su www.multiplayer.it, il mio HAG (che sarebbe la centralina dove connetti i cavi della LAN fastweb per chi nn lo sapesse) chiede ai server fastweb un IP qualunque, lo ottiene, poi va sul sito e passa i dati al mio pc. Giusto?
Andando su www.whatismyip.com vedo che il mio ip è 62.101.126.208, ovviamente è quello che fastweb ha assegnato al mio HAG, no?
ma la cosa è che dovrebbe cambiare ogni volta, invece è fisso!!!!! perchè? me lo spiegate, pls? :D
Non vorrei dire una baggianata, ma forse l'Hag taduce il tuo Ip locale fisso e, tramite il NAT, lo trasforma in un ip pubblico fisso...correggete le mie castronerie!;) :D

Gen.Web
16-02-2004, 15.17.46
Originally posted by dragoelliott
Si, i Palomino stanno a 1.75V


mi sn sbagliato

.Furla.
16-02-2004, 17.33.31
perché i pc di tutte le reti locali che conosco hanno l'ip che comincia per 192.168?

beatoangelico
16-02-2004, 17.41.39
@VM o X
ok chiarissimo, in linea di massima avevo capito tutto piu o meno bene...piccolo dubbio...

Originally posted by VM o X
- Il tuo Internet Provider ha un range di indirizzi IP Internet assegnatogli a livello mondiale (quindi anche europeo e nazionale) ed assegna al tuo ROUTER il primo disponibile (es: 180.192.15.34);
Ma questi range di ip vanno dall' 1.0.0.0 al 255.255.255.255 ??
cioè ci sarà un sito che avrà ip 1.2.3.4??
o questi indirizzi si tengono per le Lan private?


Rigiro la domanda:posso impostare sul mio router range di ip anche tipo 212.177.107.131?(che è del multi?)dare cioè al mio pc quell'ip?o genera conflitti?

@hex
credo che l'ip che vedi su quel sito sia l'ip pubblico del "server"che ti fa connettere ad internet, quel server,come il mio router,dovrebbe essere collegato alla MAN ed avere una serie di indirizzi ip interni che gli fanno riferimento per connettersi ad internet....

correggetemi se sbaglio..

Frank
16-02-2004, 17.56.02
Le reti basate su IPV4 sono suddivise in classi di appartenenza, per comodità le hanno nominate A, B, C, D ed E.
La distinzione in queste classi è il numero di client che si possono associare. Spieghiamo meglio...

Classe A: è rappresentata dagli indirizzi IP compresi tra 1.0.0.0 e 127.255.255.255. Il primo byte identifica la rete, mentre i tre byte succesivi identificano l'host. In questo modo si possono ottenere 127 reti costituite ciascuna da 16.777.216 host.

Classe B: è rappresentata dagli indirizzi IP compresi tra 128.0.0.0 e 191.255.255.255. In questo caso, la rete è identificata nei primi due byte, mentre i due successivi fanno riferimento agli host per un totale di 16.384 reti composte da 65.536 host.

Classe C: utilizzata per le reti più piccole, è composta dagli indirizzi compresi tra 192.0.0.0 e 223.255.255.255. In questo caso, l'host è identificato solo dall'ultimo byte mentre i primi tre rappresentano la rete. Pertanto, è possibile gestire 2.097.152 reti composte da 256 host.

Classi D ed E: utilizzate per scopi particolari. Gli indirizzi di classe D non identificano né la rete né l'host, bensì un indirizzo multicast: sono quindi utilizzati per le trasmissioni in multicast, dove un solo host trasmette e tutti gli altri ricevono. Gli indirizzi di classe E sono invece destinati ad un utilizzo futuro.

Le reti di classe A, B e C possono essere suddivise in sottoreti. Tale operazione, denominata Subnetting, viene effettuata sia per facilitare le operazioni di routing e di gestione degli indirizzi che per evitare sprechi nell'utilizzo degli indirizzi .

La suddivisione di una rete in due o più sottoreti si esegue attraverso la netmask, che stabilisce quali indirizzi IP possono essere usati nelle sottoreti.

Per la classe A, la subnet mask deve essere impostata a 255.0.0.0. Per la classe B, deve essere settata a 255.225.0.0. Per la classe C a 255.255.255.0.

Esempio in classe C (la più diffusa)
Se gli indirizzi disponibili vanno da 192.0.0.0 a 223.255.255.255 e la nostra rete di classe C possiede, ad esempio, un indirizzo IP 192.234.24.0, la maschera di sottorete dovrà essere impostata a 255.255.255.192. Per quanto riguarda le due sottoreti, alla prima può essere assegnato come gateway l'indirizzo IP192.234.24.0 (e alle macchine che la compongono gli indirizzi dal 192.234.24.1 al 192.234.24.126), mentre alla seconda può essere assegnato come gateway l'indirizzo IP 192.234.24.128 (e alle macchine che la costituiscono gli indirizzi dal 192.234.24.129 al 192.234.24.254). In questo modo, nonostante si possieda un solo indirizzo IP che identifica una rete composta al massimo da 256 host, è possibile creare virtualmente altre due reti.

Una piccola precisazione: all'interno di una rete locale connessa a Internet si può assegnare tranquillamente un determinato range di indirizzi IP privati che non vengono messi a disposizione dagli ISP al momento della connessione. Tali indirizzi vanno dal 10.000 al 10.254.254.254, dal 172.16.0.0 al 172.31.254.254 e dal 192.168.0.0 al 192.168.254.254. Quest'ultimo range è il più utilizzato nelle LAN.

Saluti
Frank

beatoangelico
16-02-2004, 19.18.16
Bello,grazie della spiegazione Frank!
Ma che utilità hanno le sottoreti?non ho ancora capito perfettamente....
che vantaggi si hanno nell'assegnare ad ogni sottorete un gateway diverso?

Hex
16-02-2004, 20.17.25
Frank.... che bella risposta completa ;) grazie
Ma non ho capito qualke kosa...
Ad esempio, i byte dove sono? non sono formati da 8 bit? io vedo solo 1 ip..... (forse ho frainteso)
E in che senso che il primo byte "identifica" la rete?? cioè dice a che indirizzo fisico andare? e allora l'host che è? :D
E allora qualè la classe più conveniente???
E quindi 192.168.xxx.xxx è privato?

beatoangelico
16-02-2004, 21.46.20
l'ip a quanto so è formato da 4 byte....
ogni byte puo assumere 256 valori -->da 0 a 255...quindi essendo l'ip composto da 4 campi numerici suppongo che ogni campo sia un byte...

tipo:

1°byte.2°byte.3°byte.4°byte
192 . 168 . 0 . 1

Hex
16-02-2004, 21.59.38
Originally posted by beatoangelico
l'ip a quanto so è formato da 4 byte....
ogni byte puo assumere 256 valori -->da 0 a 255...quindi essendo l'ip composto da 4 campi numerici suppongo che ogni campo sia un byte...

tipo:

1°byte.2°byte.3°byte.4°byte
192 . 168 . 0 . 1

Ah già..... 8 bit possono assumere 256 combinazioni diverse ;)

VM o X
17-02-2004, 02.42.12
Originally posted by Hex
un'altra domanda su IP&co. ......
Io ho fastweb...... fastweb in pratica è una grossa MAN (metropolitan area network)... e allora funziona con i principi detti da VM o X! Perchè io con il mio Ip 1.62.206.43 non sono in internet.... infatti posso soltanto comunicare direttamente con utenti fastweb, cioè gente nella mia MAN!!!!
Allora, quando io voglio andare su www.multiplayer.it, il mio HAG (che sarebbe la centralina dove connetti i cavi della LAN fastweb per chi nn lo sapesse) chiede ai server fastweb un IP qualunque, lo ottiene, poi va sul sito e passa i dati al mio pc. Giusto?
Andando su www.whatismyip.com vedo che il mio ip è 62.101.126.208, ovviamente è quello che fastweb ha assegnato al mio HAG, no?
ma la cosa è che dovrebbe cambiare ogni volta, invece è fisso!!!!! perchè? me lo spiegate, pls? :D

Credo che FastWeb funzioni diversamente da una PC con ADSL standard e con un Router versione casalinga!

In pratica la MAN che dici tu è vera, però quando vuoi andare in Internet non è il tuo HAG che chiede il primo indirizzo disponibile di Fastweb! Quello che io credo che succeda (quindi è una mia supposizione) è che la MAN generale di FastWeb sia suddivisa in tante piccole MAN (infatti se vai in risorse di rete non vedi tutti gli utenti FastWeb che han condiviso qualcosa, né puoi pingarli direttamente).
Ad un certo livello viene configurato un Router bello grosso... diciamo che è più un server potente che non una semplice scatoletta che hanno gli utenti ADSL standard vicino al PC.
Ognuno di questi grossi router ha dunque un indirizzo fisso assegnatogli e con questo ti permette di andare in Internet.

In pratica il concetto è lo stesso, solo che noi (sono anche io un FastWebbiano) abbiamo dei Router più grossi che comprono diversi clienti nella stessa zona e che hanno indirizzi IP Internet fissi invece di dover chiedere ogni volta un assegnamento! ;)


@ BeatoAngelico: come già detto, al tuo PC (che è SOLO nella tua rete locale casalinga) puoi assegnare qualsiasi IP address! Perché comunque non accederà mai direttamente in Internet! ;)
Sarà il tuo router a farlo al posto tuo. ;)

Frank
17-02-2004, 08.46.39
Originally posted by beatoangelico
Ma che utilità hanno le sottoreti?non ho ancora capito perfettamente....
che vantaggi si hanno nell'assegnare ad ogni sottorete un gateway diverso?

Allora le sottoreti sono una specie di escamotage per permettere alle reti in classe C di aggirare il limite fisico di 256 host.
Può capitare a volte che una azienda possieda molti host da collegare in rete, diciamo più di 256, ma molti meno di 65.000. A questo punto il GARR o il RIPE che sono responsabili dell'assegnazione degli IP per l'europa e l'america, non assegna una classe B, che sarebbe gran parte sprecata, ma assegna cmq una classe C. Il richiedente a questo punto deve creare subnet per gestire i suoi pc in eccedenza. Le subnet inoltre vengono create anche per comodità e sicurezza, all'interno di una stessa rete ci possono essere due subnet, una magari creata per alcuni tipi di server pubblici, un'altra magari per dei server protetti ecc.

Frank

beatoangelico
17-02-2004, 12.34.45
Ma se una azienda deve assegnare gli ip alla sua rete interna...che se ne frega di sprecare 65000 ip??

VM o X
17-02-2004, 21.06.29
Originally posted by beatoangelico
Ma se una azienda deve assegnare gli ip alla sua rete interna...che se ne frega di sprecare 65000 ip??

Prima di assegnare un IP, si crea tutta la rete aziendale... e prima di creare una rete aziendale, la si pianifica attentamente e si prendono delle decisioni! ;)

Non avviene mai alla buona (e di solito non dovrebbe avvenire mai niente alla buona in un'azienda! :)). ;)

beatoangelico
17-02-2004, 21.19.34
si ma cosa cambierebbe nello sprecare qualche ip?

VM o X
18-02-2004, 00.35.56
Originally posted by beatoangelico
si ma cosa cambierebbe nello sprecare qualche ip?

E' una questione di organizzazione, così puoi anche controllare e gestire meglio il lavoro (di Sistemista).

E' come se in camera tua metti mutande dappertutto oppure le metti tutte in un cassetto... in teoria non cambia nulla, le mutande le hai lo stesso e sono indossabili, però poi sei scomodo quando le devi cercare! :D
Non so se ho reso l'idea! :D

Frank
18-02-2004, 08.48.42
Originally posted by beatoangelico
Ma se una azienda deve assegnare gli ip alla sua rete interna...che se ne frega di sprecare 65000 ip??

Il fatto è che per mappare una rete interna si usano le serie protette, quelle che cominciano con 192.168.xxx.xxx, 172.16.xxx.xxx o 10.xxx.xxx.xxx, che vengono dette anche mascherate.

Le reti pubbliche vengono assegnate da un organismo internazionale e solo in casi ben più che giustificati viene assegnata una classe B anziche una Classe C, la classi A poi non ne parliamo, soltanto colossi informatici o università possono permettersi una rete in classe A.

Una rete interna si dice mascherata in quanto accede alla rete internet soltanto attraverso un router, mentre gli altri dispositivi fisici al suo interno sfruttano un sistema di reindirizzamento che si chima NAT ( Network Address Translation).
In pratica il router riceve le chiamate dall'esterno, e tramite il NAT le "smista".
Per tornare alla tua domanda, utilizzando le serie di indirizzi mascherati, un sistemista di rete può organizzare la sua rete anche usando una classe A (10.xxx.xxx.xxx) virtuale, tanto poi ci penserà il router a creare tutte le tabelle di indirizzamento.

In genere, anche le aziende che fanno uso massiccio della connessione ad internet, hanno al massimo una decina di indirizzi IP, la mia vecchia azienda (che progetta e realizza siti web professionali e offre un servizio di hosting) ha tutt'ora 6 indirizzi ip in classe C.

Frank

Hex
18-02-2004, 12.53.19
Originally posted by VM o X
Credo che FastWeb funzioni diversamente da una PC con ADSL standard e con un Router versione casalinga!

In pratica la MAN che dici tu è vera, però quando vuoi andare in Internet non è il tuo HAG che chiede il primo indirizzo disponibile di Fastweb! Quello che io credo che succeda (quindi è una mia supposizione) è che la MAN generale di FastWeb sia suddivisa in tante piccole MAN (infatti se vai in risorse di rete non vedi tutti gli utenti FastWeb che han condiviso qualcosa, né puoi pingarli direttamente).
Ad un certo livello viene configurato un Router bello grosso... diciamo che è più un server potente che non una semplice scatoletta che hanno gli utenti ADSL standard vicino al PC.
Ognuno di questi grossi router ha dunque un indirizzo fisso assegnatogli e con questo ti permette di andare in Internet.

In pratica il concetto è lo stesso, solo che noi (sono anche io un FastWebbiano) abbiamo dei Router più grossi che comprono diversi clienti nella stessa zona e che hanno indirizzi IP Internet fissi invece di dover chiedere ogni volta un assegnamento! ;)



Quindi è una specie di sistema a scatole cinesi.... che alla fine viene controllata da uno dei grossi server della fastweb, tu dici che ha un ip fisso.... diciamo, quando ho fatto il contratto hanno aggiunto me alla lista di ip in questo server..... e da allora in poi ho lo stesso ip?
E poi non ho capito, se ognuno di questi server ha un ip che mi permette di andare in internet e me lo assegna.... come mai se vado su alcuni siti mi da un ip diversissimo???

Frank
18-02-2004, 13.40.32
Spero di chiarirti...
Fastweb, come giustamente hai detto tu è una MAN, in parole povere una MAN non è altro che una LAN un po' più grande, con più utenti e diversi server. I server che getiscono gli utenti fastweb agiscono come i classici router ADSL di casa, fanno da gateway tra gli utenti fastweb e il resto del mondo.

Ogni utente di Fastweb possiede un indirizzo fisso, ma al contrario degli ip fissi che vengono assegnati con le ADSL di fascia alta, questo è mascherato dai router FW e quindi è invisibile da chiunque non si trovi sulla rete FW.

Il fatto che tu non riesci a vedere TUTTI gli utenti FW è perchè non tutti gli utenti stanno sotto un'unica subnet.

Ricapitolando...
Se vai sul web, il tuo indirizzo fisso viene "sostituito" con quello del router a cui sei associato e da cui dipendi. (da qui il fatto che alcuni siti ti riconoscono con un'altro indirizzo)

Se rimani nei confini di FW, il tuo indirizzo è fisso per tutti gli utenti della tua sottorete, alla stregua di due pc in casa collegati con un hub.

Detto tra noi esiste anche il modo di proiettare direttamente (tunneling) il proprio indirizzo FW sul web (e un mio conoscente di Milano c'è riuscito), ma sono necessarie conoscenze fuori dal normale in fatto di reti e buoni agganci all'interno di FW stessa :)

Saluti
Frank

Hex
18-02-2004, 15.25.40
Originally posted by Frank
Spero di chiarirti...
Fastweb, come giustamente hai detto tu è una MAN, in parole povere una MAN non è altro che una LAN un po' più grande, con più utenti e diversi server. I server che getiscono gli utenti fastweb agiscono come i classici router ADSL di casa, fanno da gateway tra gli utenti fastweb e il resto del mondo.

Ogni utente di Fastweb possiede un indirizzo fisso, ma al contrario degli ip fissi che vengono assegnati con le ADSL di fascia alta, questo è mascherato dai router FW e quindi è invisibile da chiunque non si trovi sulla rete FW.

Il fatto che tu non riesci a vedere TUTTI gli utenti FW è perchè non tutti gli utenti stanno sotto un'unica subnet.

Ricapitolando...
Se vai sul web, il tuo indirizzo fisso viene "sostituito" con quello del router a cui sei associato e da cui dipendi. (da qui il fatto che alcuni siti ti riconoscono con un'altro indirizzo)

Se rimani nei confini di FW, il tuo indirizzo è fisso per tutti gli utenti della tua sottorete, alla stregua di due pc in casa collegati con un hub.

Detto tra noi esiste anche il modo di proiettare direttamente (tunneling) il proprio indirizzo FW sul web (e un mio conoscente di Milano c'è riuscito), ma sono necessarie conoscenze fuori dal normale in fatto di reti e buoni agganci all'interno di FW stessa :)

Saluti
Frank

Ho capito proprio tutto... grazie della spiegazione!!!! :D
Comunque... non capisco la storia delle subnet... io riesco a connettermi direttamente con QUALUNQUE utente fastweb di roma, milano, torino.....

Per il tunneling... lo uso attivamente e funziona alla grande ;)

ais001[db]
18-02-2004, 16.11.47
Originally posted by Frank
Detto tra noi esiste anche il modo di proiettare direttamente (tunneling) il proprio indirizzo FW sul web (e un mio conoscente di Milano c'è riuscito), ma sono necessarie conoscenze fuori dal normale in fatto di reti e buoni agganci all'interno di FW stessa


.. x la cronaca: esiste anche un metodo x recuperare l' IP dall'esterno e connettersi con programmi come NetMeeting x fare della videoconferenza o x restare in contatto con la propria amata...... ;)

Hex
18-02-2004, 16.27.40
Originally posted by ais001[db]
.. x la cronaca: esiste anche un metodo x recuperare l' IP dall'esterno e connettersi con programmi come NetMeeting x fare della videoconferenza o x restare in contatto con la propria amata...... ;)

Cioè???? :doubt:

ais001[db]
18-02-2004, 16.32.04
Originally posted by Hex
Cioè???

.. e che te lo vengo a svelare a te come si fa??? :dentone:

... io l'ho scoperto, loro lo lasciano x "motivi di assistenza" (dicono) ed io lo uso con la mia amata .... :D

Hex
18-02-2004, 17.59.47
Originally posted by ais001[db]
.. e che te lo vengo a svelare a te come si fa??? :dentone:

... io l'ho scoperto, loro lo lasciano x "motivi di assistenza" (dicono) ed io lo uso con la mia amata .... :D

Se non mi dici come si fa devi darmi l'ip della tua ragazza.

ais001[db]
18-02-2004, 19.56.57
Originally posted by Hex
Se non mi dici come si fa devi darmi l'ip della tua ragazza.


1. 6 http://www.ais001.com/image/Smilez/offtopic.gif

2. 6 ancora troppo http://www.ais001.com/image/Smilez/lamer2.gif x certe cose;

3. 6 troppo http://www.ais001.com/image/Smilez/bebe.gif x certe cose e x la mia raga... :asd:

4. anche se te lo dicessi, non sapresti come fare x usarlo, quindi ti in http://www.ais001.com/image/Smilez/ciappa.gif i ... e aspetti quando sarà il tempo;

5. basta http://www.ais001.com/image/Smilez/spamspam.gif ... torna [IT] !!!

AmeR
20-02-2004, 01.16.53
Originally posted by ais001[db]
x fare della videoconferenza o x restare in contatto con la propria amata...... ;)
Come sei dolce :D :D

follettomalefico
20-02-2004, 16.01.16
Nota: l'IP FW interno è dinamico. Solo che "tende" ad assegnare sempre lo stesso ;)

Hex
20-02-2004, 16.11.10
Originally posted by follettomalefico
Nota: l'IP FW interno è dinamico. Solo che "tende" ad assegnare sempre lo stesso ;)

.... Cioè tende a riservarmi sempre quello? Finora non è cambiato il mio!

follettomalefico
20-02-2004, 19.49.52
Esatto. Il mio non è mai cambiato di tanto. A volte oscilla con uno scarto +2/+3 :)

dragoelliott
20-02-2004, 22.08.24
DOMANDA (un po' da lamer): il FSB e il bus delle memorie sono lo stesso? Ovvero se, io porto il procio a 200Mhz (X2) (nel caso di un AMD), anche le ram, se lo possono supportare, vanno a 200X2 (DDR)?

VM o X
21-02-2004, 14.51.22
No, può essere diffente. Come per il processore, nel caso di differenze, entra in gioco un moltiplicatore.
(mi pare)
Non so dirti, comunque, nel dettaglio come funziona.

Hex
21-02-2004, 18.08.29
Originally posted by dragoelliott
DOMANDA (un po' da lamer): il FSB e il bus delle memorie sono lo stesso? Ovvero se, io porto il procio a 200Mhz (X2) (nel caso di un AMD), anche le ram, se lo possono supportare, vanno a 200X2 (DDR)?

No....
Ad esempio se tu hai le memorie a 166x2 e il bus a 166(sempre x2) e porti il bus a 200 le memorie restano a 166... son 2 cose distinte..... ovviamente se poi le memorie supportano 400 le porti a 400 così hai il bus sincronizzato alle memorie che è un vantaggio ;)

ivanisevic
22-02-2004, 12.04.01
Domandone:

Quanto la temperatura dell'ambiente influisce sulla temperatura cpu?

Es: Il mio procio ha temp a riposo (non in iddle però) di 44,5 gradi.
Ora da ieri a Palermo ci sono + di 20 gradi (in questo momento quasi 25), e il procio mi è aumentato di ben 3 gradi: da 44,5 a 47,5.

E' mai possibile che la temp esterna influisca tanto??

E in estate quando qua ci sono 40 gradi il procio che me ne fa 55a riposo e 65 sotto sforzo????

Gen.Web
22-02-2004, 13.08.47
Originally posted by ivanisevic
Domandone:

Quanto la temperatura dell'ambiente influisce sulla temperatura cpu?

Es: Il mio procio ha temp a riposo (non in iddle però) di 44,5 gradi.
Ora da ieri a Palermo ci sono + di 20 gradi (in questo momento quasi 25), e il procio mi è aumentato di ben 3 gradi: da 44,5 a 47,5.

E' mai possibile che la temp esterna influisca tanto??

E in estate quando qua ci sono 40 gradi il procio che me ne fa 55a riposo e 65 sotto sforzo????


+ la temperatura è alta minore è il delta tra temperatura del procio e l'ambiente, quindi meno efficiente è la dissipazione. Questa estate andrai oltre i 50

ivanisevic
22-02-2004, 13.50.39
Come??????
OLTRE I 50 A RIPOSO???

Ma così il procio mi fondeeeeeee!!!!!!!!!!

Gen cosa posso fare???

Ho messo bene la pasta sta volta, non ho molte ventole, ce n'è solo una aggiunta dietro, ma non è che tutti i processori ne richiedano 10 in piu...

E' un problema grave? come posso risolverlo??

E' possibile che (dato l'oc) devo mettere un dissi più potente?

Gen.Web
22-02-2004, 16.02.00
Originally posted by ivanisevic
Come??????
OLTRE I 50 A RIPOSO???

Ma così il procio mi fondeeeeeee!!!!!!!!!!

Gen cosa posso fare???

Ho messo bene la pasta sta volta, non ho molte ventole, ce n'è solo una aggiunta dietro, ma non è che tutti i processori ne richiedano 10 in piu...

E' un problema grave? come posso risolverlo??

E' possibile che (dato l'oc) devo mettere un dissi più potente?


ci penserai questa estate... non credo avrai problemi cmq

*Lorenzo*
10-05-2004, 21.18.12
Mi sono sempre chiesto come ..zzo fanno i programmi di compressione (zip, rar & soci) a fare quello che fanno.

Algoritmi, ho capito, ma come sono sti algoritmi? Come sono impostati? Riuscite a farmi un esempio?

E poi perchè i file di immagini (bmp, jpg...) sono pochissimo comprimibili e , viceversa, i file di testo da decine di mega si riducono a pochi Kbyte????

.NeMe.
15-06-2004, 16.12.46
Come funziona la tv al plasma :look:

Se qualkuno lo sa anche 2 cose generali andrebbero bene ;)

Xenah-TcA
16-06-2004, 12.00.47
Originally posted by L0r3nz0
Mi sono sempre chiesto come ..zzo fanno i programmi di compressione (zip, rar & soci) a fare quello che fanno.

Algoritmi, ho capito, ma come sono sti algoritmi? Come sono impostati? Riuscite a farmi un esempio?

E poi perchè i file di immagini (bmp, jpg...) sono pochissimo comprimibili e , viceversa, i file di testo da decine di mega si riducono a pochi Kbyte????

oddio se nn ricordo male (tornando alla superiori) ci sono vari algoritmi di compressione.
i file di testo per esempio se nn erro vengono tolti gli spazi e i caratteri in +!per capirci meglio si storpiano le parole come negli sms secondo un dizionario del programma.
per le immagini mi pare ci fosse l'interpolazione a punti, ma nn la ricordo + molto bene.
altri file compressi tipo gli mp3, dal file normale vengono tolte frazioni di secondo inutili (xkè nn percettibili) e di conseguenza il file arriva a "pesare" 1/10 del normale per il semplice fatto ke è stato "accorciato"

spero di nn aver sparato troppe cagate... altrimenti è melgio che torni a :book:

ais001[db]
06-07-2004, 23.52.50
... cosa significa "Ars" ???

... che caxx di brvzn vt ust ??? :doubt:













... :dentone:

ivanisevic
06-07-2004, 23.54.40
zio non ci credoche dici sul serio!!!
Significa arte....:dentone:

ais001[db]
07-07-2004, 00.01.25
aho... è la sez in cui si discute dei "problemi psicologici" ???

... e allora faccio domande "a tema"..... :dentone:
















.. :stica:

follettomalefico
07-07-2004, 11.18.58
Anche se è una sezione tecnica, è sempre il momento buono per imparare il significato di una parola non conosciuta :asd:

Ðark..@ngel
07-07-2004, 14.22.10
Originally posted by L0r3nz0
Mi sono sempre chiesto come ..zzo fanno i programmi di compressione (zip, rar & soci) a fare quello che fanno.

Algoritmi, ho capito, ma come sono sti algoritmi? Come sono impostati? Riuscite a farmi un esempio?

E poi perchè i file di immagini (bmp, jpg...) sono pochissimo comprimibili e , viceversa, i file di testo da decine di mega si riducono a pochi Kbyte????

io sul libro di sitemi avevo questa spiegazione (vado a memoria il lìbro è bruciato inspiegabilmente appena ho finito l'esame :look: (circa 1 settimana fa))

nel caso di un file di testo il prog ha un elenco di lettere + usate nelle parole, ed ha anke un dizionario interno con le parole complete, al posto degli spazi inserisce un carattere ke nn fa parte del normale alfabeto e per ogni parola elimina le lettere + usate.
al momento della decompressione prende ogni parola e la confronta con i dizionario, e la ricompone.

ad es: (del cacchio)

testo: ciao come va? (13 caratteri)

compressione: co$cm$va$? (10 caratteri)

decopmpressione:

cm -> nel dizionario la parola + assomigliante escludendo le lettere + usate e tenendo conto ke statiscticamente tra due consonanti è + facile ke ci sia una vocale trovi "come"

idem per le altre parole

follettomalefico
07-07-2004, 14.51.25
Parentesi:

jpg e vari altri formati non sono ulteriormente comprimibili perchè GIA' compressi. Invece BMP è assolutamente comprimibile.



L'algoritmo te l'ha spiegato piuttosto chiaramente sopra. ;)

Si trattano generalmente di operazioni su parole o su bit, per quanto riguardano le compressioni 'lossless' (come zip, che non possono perdere dati).

Compressioni 'lossy' invece usano degli algoritmi statistici, che stimano la posizione dei pixel invece che memorizzarle. Rientrano in questa categoria le compressioni JPEG e i vari standard video come MPEG, DivX etc.

ivanisevic
07-07-2004, 14.56.16
Si ma secondo quela spiegazione, se non ho capito male, l'algoritmo potrebbe avere un margine di errore e decomprire in maniera scorretta. Anche se la possiblità statistica è minima.
O ho capito male?

PS Da premettere che non so cosa è un algoritmo.
PPS Ah si lo so, scusate avevo dimenticato, è quello che fanno le alghe quando il granchio della sirenetta si mette a cantare "in fono al maaarrrr!!!" :D

follettomalefico
07-07-2004, 16.35.18
Non mi risulta che gli algoritmi lossless abbiano margini di errore per quanto improbabili.

Non hanno margine di errore e se vi è si tratta di un errore implementativo o logico addirittura.

Ðark..@ngel
07-07-2004, 19.14.01
domanda n°1:
come fanno a fare i cd audio con una traccia rom ke nn viene letta dai lettori audio?
nn mi interessa + di tanto il procedimento ma il principio ke sta alla base.

domanda n°2:
come è possibile creare dei file di poki kb e farli risultare di 2-3 gb?

domanda n°3:
come funziona l'infezione di uno spyware (e co.), cioè come è possibile ke in automatico si installi senza kiedere conferma all'utente?

domanda n°4:
come funziona un treainer x i giochi?

domanda n°5:
in un dvd doppio strato (o DL) come fa il laser a raggiungere il secondo strato se il primo deve essere riflettente? ho cercato in giro e ho trovato ke la lente ha un focus diverso per leggere il secondo strato ma rimane sempre il fatto ke il primo è riflettente

ok mi sono sfogato un po :D

follettomalefico
08-07-2004, 00.46.58
Domanda 1:
I cd audio con traccia rom non sono realmente cd audio ma seguono due tipi di specifiche, definite mi pare CD-ROM/XA (su Yellow Book) e CD-I (Green Book).

Piccola nota come promemoria per un sito dettagliato che ho trovato:
http://www.ee.washington.edu/conselec/CE/kuhn/cdaudio/95x6.htm

Ora però non ricordo di preciso se la divisione viene fatta per interleaving (i dati sono alternati all'audio) o separazione netta. Per quello che citi tu, penso che sia separazione netta. Una traccia "speciale" viene codificata come dati.


Domanda 2:
La tecnica è semplice da comprendere a livello logico, più difficile da realizzare dati i limiti che il SO impone. Servono tool di basso livello per operare.
Faccio l'esempio nel caso della FAT, che è la più semplice fra tutte. In pratica i file sono "divisi" in due parti. Una intestazione chiamata proprio FAT, che contiene il nome, la data, le dimensioni e gli attributi e il file vero e proprio, che è contenuto sul disco.
In linea teorica se prendi un file di 2 byte ed editi i suoi dati di allocazione, questo può risultare enorme.


Domanda 3:
Gli spyware per installarsi sfruttano o degli agevolamenti per gli sviluppatori web oppure delle falle nel codice di protezione.
Per questo motivo riescono ad avviarsi e registrarsi come applicazioni.
Ad esempio vi è una falla nella JVM che consente l'esecuzione completa di codice presente su una pagina. Questo bug alcuni spyware lo sfruttano. Altri invece fanno affidamento sulla stupidità dell'utente "Se non clikki, non avrai quel che vuoi". E clikkano "ok" fregandosi da soli.


Domanda 4:
I trainer sono dei programmi che solitamente agiscono in una modalità di programmazione definita hooking. Oppure in alternativa effettuando un accesso diretto alla memoria.

In un caso, si agganciano (hook, uncino) al programma in esecuzione cambiando alcune funzionalità del gioco stesso, intercettando le chiamate di funzione al suo posto e agendo quindi in modo non previsto dal gioco.

Nell'altro caso leggono la memoria e la modificano a loro piacimento. In questo modo ad esempio si modificano le statistiche dei personaggi, i loro oggetti o si fissa ad un numero non modificabile il valore di vita.



Domanda 5:
Il primo infatti non è riflettente ma è semi riflettente. Ovvero riflette solo determinate angolazioni e/o determinate lunghezze d'onda (non ricordo di preciso).
In questo modo, il secondo strato può riflettere senza problemi un laser diverso :)



Soddisfatto? :foll:

Ðark..@ngel
08-07-2004, 13.36.43
Originally posted by follettomalefico
Soddisfatto? :foll:

si grazie :D :birra:

Hex
11-07-2004, 22.26.38
Molto esauriente Foll ;) :daifoll:

orton
05-12-2004, 17.17.20
vorrei sapere se l ovrcklock è rischioso,io ho potenziato di poco una 6800gt,vi prego di rispondermi sono disperato ho paura che si brucia la scheda video!!!!!!!!tutti i miei amici mi dicono cosi!ciao

ivanisevic
05-12-2004, 17.29.39
Originally posted by orton
vorrei sapere se l ovrcklock è rischioso,io ho potenziato di poco una 6800gt,vi prego di rispondermi sono disperato ho paura che si brucia la scheda video!!!!!!!!tutti i miei amici mi dicono cosi!ciao

Innanzitutto una scheda come quella non ha nessun bisogno di essere "potenziata".
L'overclock è rischioso se fatto in maniera scriteriata: se prendi la tua scheda e raddoppi le frequenze, si, c'è il rischio che si bruci.
Se l'hai overclockata solo di pochi mhz no.
In ogni caso ci sono appositi programmi per testare i limiti ed evitare brutte sorprese.

Perchè temi che la tua scheda si sia rotta?
Cosa hai fatto esattamente?
Che problemi presenta adesso?
Hai riportato tutto in default? (come uscita di fabbrica).

Facci sapere e stai attento che sarebbe un peccato rovinare quel gioiellino!!

orton
05-12-2004, 17.41.27
non si è ancora rovinata,ho usato solamente coolbits2.0 e ho alzato le frequenze di clock automaticamente,prima avevo 350mhz di core clock e 1giga di memory clock,dopo mi sono ritrovato con 407 di core clock e 1.11 di memory clock,ho attivato l opzione di tenere la ventola sempre accesa e l opzione di far rimanere quelle impostazioni anche al riavvio di windows,ho notato che ogni volta che aggiorno i driver,coolbits2.0 mi alza automaticamente le frequenze di core clock e memory clock,volevo anche sapere se scade la garanzia overcloccandola,grazie ciao.

ivanisevic
05-12-2004, 17.53.02
Non ti preoccupare, non perdi la garanzia se non apporti delle modifiche "fisiche".

Io ti direi di abbandonare ogni idea di overclock per il momento: hai una scheda troppo potente e costosa, non hai ne la necessità di potenziarla, ne vale la pena di rischiare.

Se vuoi consigli pratici su come tornare dafult io non so che dirti, ho sempre usato ati.

Se vai nel topic del 3dmark2005 però vedrai che molte persone hanno fatto test con una scheda come la tua o simile, chiedi a loro, anche in pvt se non vupi andare off topic, oppure attendi aiuti qui, ciao!

beatoangelico
20-12-2004, 09.51.39
Riporto in vita la vecchia "Ars Technica" per proporre un quesito che da un po mi pongo:
Qual'è la differenza tra un hub ed uno switch?

Iceangel
20-12-2004, 15.52.06
Originally posted by beatoangelico
Riporto in vita la vecchia "Ars Technica" per proporre un quesito che da un po mi pongo:
Qual'è la differenza tra un hub ed uno switch?

Ti riporto questo collegamento......mi pare si capisca...salut!

http://genio.virgilio.it/genio/cgi/risposte.cgi?idcan=5&idquest=93125
:dentone:

beatoangelico
20-04-2005, 19.07.30
e chi se lo ricordava sto topo....
vabbe, cmq..chi mi spiega la differenza tra una cpu a 32bit e una a 64bit?
cioè, a cosa si riferiscono 32 o 64 bit?

follettomalefico
21-04-2005, 12.10.29
La differenza risiede -a spanne- nella capacità di elaborare dati della CPU stessa.

Un po' più in pratica significa che può gestire a "blocco unico" numeri fino a 32 bit, o fino a 64 bit. Questo vale sia per gli indirizzi di memoria, che per il calcolo della CPU stessa.

Detto in termini matematici: una può fare 64bit+64bit al massimo in un colpo solo, l'altra non può fare più di 32bit+32bit, e quindi se vorrà sommare due numeri lunghi 64bit serviranno DUE cicli di clock e una precedente suddivisione via software.
Cosa significa questo? Che se il programma funziona a 64bit, una cpu a 64bit riuscirà in un colpo solo a fare i calcoli. La potenza risulta quindi raddoppiata (lo sarebbe, se questo fosse l'unico parametro di riferimento).

Inoltre, i registri e gli indirizzi sono a 64bit, questo significa che la memoria indirizzabile, MASSIMA, non sono più 2^32 byes, ma 2^64 bytes.


[EDIT]
Piccola sidenote di dettaglio aggiuntivo:
Le CPU, come AMD Athlon64, che sono retrocompatibilit 32bit, in pratica virtualizzano in hardware le chiamate a 32bit, mappandole sui 64. In pratica funzionano "in modalità 32bit" se i 64 non son nativamente supportati.
Inoltre, per ottimizzare i calcoli, cerca ove possibile di eseguire due operazioni a 32bit in uno a 64 (in pratica impacchetta due word a 32bit in due word a 64bit). Così facendo, in un solo ciclo di clock esegue DUE istruzioni a 32bit.

beatoangelico
21-04-2005, 14.41.51
Originally posted by follettomalefico
CUT
Grazie foll...puntuale e preciso as usual...

Per quanto riguarda la versione a 64 bit di windows xp prof, cosa cambierà in termini prestazionali rispetto ad una versione a 32 bit? intendo, è un boost che si noterà anche a livello base - con un uso ufficio - o solo in programmi ad alto consumo di cicli di clock?

follettomalefico
21-04-2005, 18.04.33
La domanda è piuttosto interessante, effettivamente. Me la sono posta anche io. Posso solo farti un discorso teorico, cmq.

Allora, dato che ottimizzare una applicazione significa fare quello che accennavo prima, ovvero considerare 'a priori' calcoli a 64 bit, significa che con una applicazione ottimizzata ci si avvicina molto di più al limite teorico del 'raddoppio di potenza'.

Inoltre, il vantaggio credo di passare ad un Win64 significa soprattutto un grosso vantaggio per i server, che ora possono indirizzare (senza software/hardware aggiuntivo) ben oltre i 4Gb di RAM massima delle CPU a 32bit.

Ora, il problema è questo: Win NON E' nato a 64bit, ma a 32bit. Quindi, per forza di cose, l'architettura può venire migliorata per i 64, ma non essendo costruita su di essa non ne trarrà completo vantaggio (ma non so dirti i margini esatti). Questo è abbastanza ovvio comprenderlo.

In secondo luogo, aggiungi il fatto che una applicazione SoHo (http://en.wikipedia.org/wiki/Small_Office%2C_Home_Office) raramente satura già le CPU attuali, quindi aggiungere potenza su potenza, ha veramente poca utilità.


In conclusione: il vantaggio dei 64bit c'è, è innegabile. Non è sostanziale, ma sensibile. Diventerebbe sostanziale su applicativi scritti specificamente per i 64bit. Inoltre, le applicazione che ne traggono maggiore vantaggio sono quelle che usano numeri molto grandi, come grafica, audio e video.

Tanto per dire: le GPU sono già da anni a 128bit, se non oltre (256bit). Gli stessi co-processori MMX sono unità che elaborano più bit a colpo, specializzati.


[EDIT]
Scrivere una applicazione nativamente a 64bit non significa ricompilarla per una CPU a 64bit, ma pensarla proprio su di essa a livello logico. E' un po' come scrivere un applicativo usando solo somme e sottrazioni, mentre scriverne uno sapendo di poter fare riferimento anche a moltiplicazioni e divisioni. :)

>>maiden<<
08-08-2005, 13.06.47
Quesito mistico:

Gli athlon 64 FX che frequenza nominale raggiungono? Spiego: Athlon 64@2,4 Gh si chiama 4000+, athlon 64 FX @ 2,8 Ghz si chiama 57...5,7 Ghz?:doubt: