PDA

Visualizza versione completa : Einstein, dove sei?



agrippa
08-12-2003, 23.59.00
Nel film "A beautiful mind", lo studente Russel Crove si trova nell'Università di Princeton, notoriamente frequentata da Einstein, che vi era professore in quegli anni Trenta.
Il regista, sapendo che molti spettatori associeranno il nome di Princeton a quello dello scienziato tedesco, lo fa citare nella sceneggiatura. Infatti Crove chiede ad un professore se puo' ottenere di essere presentato ad Einstein, e il professore gli risponde che è molto difficile, ma che proverà...
A questo punto, lo spettatore, che ha avuto messa questa "mosca nell'orecchio", si aspetta di vedere, magari da lontano, la caratteristica sagoma di Einstein, anche se poi non parlerà con Crove.
E invece, niente.
Non vi pare una leggera debolezza nella sceneggiatura?
Allora, era meglio non parlare affatto, di Alfred Einstein.

Questo che propongo è un non-errore, ma una semplice notazione.
Voi pensate che possa inviarlo, nella categoria dei non-errori?
Io ci sono rimasto un po' male, quando ho visto questa scena: mi è sembrato che il regista perdesse un'occasione.
E poi, quante volte si vedono, in film storici o di fantapolitica, personaggi famosi, anche se in lontananza e per breve tempo (e si sente un mormorio nella sala)...

enzct
09-12-2003, 00.06.20
Originally posted by agrippa
Voi pensate che possa inviarlo, nella categoria dei non-errori?



:doubt:

ehm... per me no.
cioè... che tu te ne sia accorto, bello, indubbiamente, ma... per il resto... ecco... non è ne un bloopers nè un non errore, nè un "particolare" nè altro... ripeto... sempre secondo me naturalmente... poi... nzomma... sentiamo pure gli altri... :(

agrippa
09-12-2003, 00.15.00
Mi hai risposto così:

ehm... per me no.
cioè... che tu te ne sia accorto, bello, indubbiamente...

Ma bene, mi hai chiamato bello, anche se non mi conosci...
Che ci sia del tenero?

Daisymz
09-12-2003, 01.37.18
Originally posted by agrippa

Allora, era meglio non parlare affatto, di Alfred Einstein.



:doubt:

Ma non si trattava di Albert Einstein?


Ho trovato un blooper! :nice:




:notooth:

agrippa
09-12-2003, 01.59.07
:azz:

Hai ragione, mi hai beccato: un blooper di più. Ma io non sono un regista, purtroppo...
Lo sbaglio è dovuto al fatto che mi chiamo Alfred (come Hitchcock) nella chat di Trovacinema, che spesso prima visitavo.
Sdoppiamento di personalità, e ne ha fatto le spese il grandissimo scienziato tedesco, ebreo, che quando dovette emigrare negli USA per sfuggire alle persecuzioni, fece questa intelligente scelta.
Riempiendo il questionario che davano sulla nave, per lo sbarco, nella casella "RAZZA" scrisse: Umana.
Come se l'astronave stesse scendendo su un pianeta di Mizar, o di Aldebaran.
Grazie della tua simpatica segnalazione.
(E pensare che passo per pignolo e precisino...)

onigate
09-12-2003, 09.05.29
Originally posted by agrippa
...il grandissimo scienziato tedesco, ebreo, che quando dovette emigrare negli USA per sfuggire alle persecuzioni, fece questa intelligente scelta.
Riempiendo il questionario che davano sulla nave, per lo sbarco, nella casella "RAZZA" scrisse: Umana.
Come se l'astronave stesse scendendo su un pianeta di Mizar, o di Aldebaran...

questa non la sapevo ed è grandiosa :clap: :D

morettina
09-12-2003, 10.47.35
Bellizzima!

P.S. Agrippa, potresti abilitare i messaggi privati? Oppure mandarmi il tuo indirizzo e-mail? grazie! :)

agrippa
09-12-2003, 11.16.23
Puoi ora mandarmi un messaggio privato.:angel2:

ildrugo
09-12-2003, 19.44.43
Originally posted by Daisymz
:doubt:

Ma non si trattava di Albert Einstein?


Ho trovato un blooper! :nice:




:notooth:

se è per questo ce ne è anche un altro: Russel croWe e non Crove

agrippa
09-12-2003, 21.26.39
:azz: :azz:
:azz: :azz:
:azz: :azz:

Ma DOWE l'hai letto che non si scrive CROVE?

Secondo me, gatta ci crowa...

Scherzo, naturalmente, caro il mio Il Drugo.
Ammetto di essere una frana.

Ma tu come pronunci il nome Zimbabwe?
E Ciaikovski?

Saludos, amigos!

agrippa
09-12-2003, 21.29.20
E adesso non dirmi che ho scritto "Il Drugo" anzichè "ildrugo".

:angel2:

ildrugo
10-12-2003, 10.09.47
Originally posted by agrippa
E adesso non dirmi che ho scritto "Il Drugo" anzichè "ildrugo".

:angel2:

no, però un altro blooper ce l'hai fatto...nel campo città hai scritto Palermo, mentre tutti sanno che si scrive Palemmmmmo. Scherzo anch'io agri, e mi racomando mandami due cannoli, una cassatella di castellammare e un pò di cremolata.


quant'è bello spammmmmmmmmmmare!!!!

agrippa
10-12-2003, 12.44.40
Non te la puoi cavare così (Palemmmmmo).
Rispondi: come pronunci quelle due parole esotiche?

"zimbaue" (come tutti) o "zimbaBue"?
"ciaicoschi"(come tutti) o "ciaicoVschi"?

La cassata arriverebbe tutta deformata, e non più fresca. Solo per questo non te la mando.

:) :)

onigate
10-12-2003, 13.27.26
Originally posted by agrippa
come pronunci il nome Zimbabwe?
E Ciaikovski?

io ho sempre detto zimbàbue e ciaicoschi :confused:

agrippa
10-12-2003, 23.21.08
E la V di Ciaicovski dove la metti?

:bash:

agrippa
25-12-2003, 23.34.06
E allora, cosa decidete per la mia domanda iniziale di questa "filastrocca"? E' un non errore, o non lo è, il fatto che Einstein, alla fine, non appare nel film (anche di sfuggita), dopo esser stato evocato verbalmente, nella sede della sua Università?
La pulce nell'orecchio dello spettatore, messa dal regista, secondo me poco accortamente, faceva attendere da un momento all'altro l'apparizione, anche da lontano, dell'inconfondibile sagoma dello scienziato tedesco.
Attendo altri pareri, ma prima leggete la prima pagina, e poi decidete.
Finora non ho avuto risposta da Selidori, al riguardo.

Ah, dimenticavo, buon Santo Stefano !

E un ottimo onomastico a Stefano Elidori, che lo festeggi in modo magnifico!

E...

:mille: auguri di un sereno 2004.

selidori
26-12-2003, 17.13.39
Chiedo scusa se non ho risposto, pensavo di averlo fatto.

Allora secondo me non è un errore (e fin qua siamo tutti daccordo) ma non è neppure un NON ERRORE.
Esattamente come per i film che si svolgono nel Vaticano non è un errore non mostrare il papa (potrebbe al limite essere una cosa strana, ma ancora non un non-errore).