PDA

Visualizza versione completa : Gli sfoghi di gefri



gefri
07-11-2003, 23.50.26
Beh, oggi dopo tantissimo tempo ho pianto in stato di lucidità mentale e senza aiuti esterni.
Che dire, penso che pochi avrebbero reagito come me.
E' stato quando mi hanno detto: "la guarnizione va dove appoggia, capisci? E' semplice. [...]"
Mio padre mi ha lasciato in eredità 18 milioni di assicurazione sulla vita e un cognome pesante nella zona. Lui non era un termotecnico, era il termotecnico, il migliore di tutta la zona, che dopo 6 anni la gente ricorda ancora, tantevvero che appena dicono il nome la risposta naturale è "sei il figlio di Piero?".
Del resto tra i suoi compiti c'erano anche gli impianti antincendio, e non dimenticherò mai quando mi disse "Quella casa mi fa impazzire" riferendosi a quella di uno stronzo che si era fatto la casa a castello con tanto di torrettine. Alla fine èmorto di cuore, stress. Ogni tanto penso all'ultimo esame, c'ero anch'io. Bene signor Piero, può sospendere le medicine. Un mese dopo è morto di aritmia. Cmq aveva mille pensieri per la testa, sempre a pensare se aveva fatto tutto giusto tutto bene, faceva schemi idraulici che persino cerebrolesi capivano. Ma questo è un altro discorso. Lui in fondo amava il suo mestiere, anche se alla fine lo ha ucciso. Il mio destino era segnato, sapevo già che in seconda media mi sarei iscritto a perito termotecnico, avrei seguito le sue orme, del resto avrei avuto un buon insegnante che mi coprisse le spalle. Ma non andò così.
Io sono timido, a volte pauroso, anzi, decisamente pauroso, ma in qualche modo riesco sempre ad uscirne, un si ad una proposta di lavoro che mi avrebbe visto impegnato per tre mesi di stage a 100 km da casa per fare un lavoro di elevata responsabilità mi è costato molto, ma l'ho detto. Sono neodiplomato perito elettronico e tecnico delle reti in ambito aziendale, queste occasioni me le da la scuola, ora che ho 18 anni. Mi sembra di avervi già detto che questa opportunità mi è andata a puttane x colpa del servizio di leva. Bella ghego, dovrei dirgli quando mi arriva la visita medica...
Ora faccio lo stronzetto, ho lavoricchiato da idraulico fino a che nn mi sono rotto le palle di sentirmi urlare dietro in mezzo alla gente che sono un imbecille perchè lo stereo non stava dentro ad un cassone. Ora faccio lo stronzetto fabbro, aluminium man, il mio viaggio x riderci un po' su, il supereroe.
Io sono fesso a lavorare. Non so fare un cazzo, del resto non ho mai avuto a che fare con roba del genere.
C'è poco da fare, io mi impegno al massimo, do sempre la mia disponibilità, le cose mi riescono anche benino, ma penso che lo sappiate cosa voglio dire che non è il mio lavoro. Non capisco, non ragiono, non ci riesco. 1000000 altri miei coetanei sono nella mia situazione, alla fine alcuni falliscono xchè non hanno voglia, io penso di essere l'unico a non riuscire a tagliare un pezzo di ferro.
Non faccio schifo a lavorare, ma sbaglio troppo. E non capisco. E mi rendo conto quando la gente mi prende x il culo. Mi trattano come un figlio, ma non sono loro figlio. Mio padre non ha mai sbagliato nulla, io ho paura che sbaglierò per tutta la vita.
"la guarnizione va dove appoggia, capisci? E' semplice."
Quando mi ha detto così ed ho risposto che almeno a quello spero di arrivarci ha fatto un sorriso e mi ha lasciato andare via subito, come se avesse colto qualcosa di strano in me. Del resto sarei già dovuto andare via già mezz'ora prima...
E ogni tanto ci ripenso. a che cazzo devo farne della mia vita? Quando non lavoravo stavo peggio, io voglio essere utile x la società, voglio un cazzo di indipendenza x non andare dalla mammina che pulisce la piscina o dalla sorellina che laureata con 110 lavora in nero come segretaria in una concessionaria a chiedere i 50 € x il week end. Penso a quello che dirà la gente di me, forte ma ignorante, oppure buono ma stupido. E' facile giocando in casa. Io a casa mia non ci sarò mai. E mi da fastidio xchè si parlerà sempre solo del figlio di Piero.

BESTIA_kPk
07-11-2003, 23.57.32
Qualcuno crede che l'arte del bel lavorare si possa apprendere in poco tempo?

Idraulico rox cmq (e non mi riferisco allo stereotipo della bega sul trombar).

Alborosso
08-11-2003, 08.20.31
Un solo consiglio. Sei giovane se devi osare fallo adesso poi e' troppo tardi. Io avevo le mia bella edicola ma un giorno e' andato tutto a puttane, ero troppo vecchio per il mondo del lavoro e avevo 3 figli e una moglie da mantenere...cosi' mi sono dovuto adattare ad un lavoro che non mi soddisfa, per di piu' con alte responsabilita' sulle spalle.

Se puoi insegui i tuoi sogni. e cerca di farli avverare. Cercati un lavoro che ti soddisfi per il quale magari hai studiato e quindi ne capisci qualcosa.


Quando sarai "vecchio" (nel mondo del lavoro sei vecchio gia' a 30 anni) ti guarderai indietro con rabbia e rimpianti.

Rischia adesso che non hai nessuno da mantenere,cambia citta',cambia vita,cambia tutto ma fallo o te ne pentirai tutta la vita.

JEDI
08-11-2003, 08.35.37
Di tuo padre, i tuoi concittadini, avranno apprezzato sicuramente la sua professionalità, ma non basta. Tuo padre era sicuramente qualcosa di più: era onesto, coscienzioso, rispettoso, gentile. E' questo che fa di un buon termotecnico IL termotecnico, è questo che fa di una persona una brava persona. Vogliamo scommettere? Se provi a chiedere in giro ti diranno che lui era una brava persona, oltre che un bravo termotecnico. E' perfettamente normale che tu senta questa eredità, ma è in quelle qualità che devi cercare di onorarne il nome, è così che ti farai riconoscere come suo figlio.
Sei così giovane, hai ancora il tuo destino nelle tue mani, l'età per avere rimpianti non è ancora arrivata, credimi.
Prendi in mano la tua vita! Non c'è niente che ti sia ancora precluso. Te lo dice uno che sà cos'è il rimpianto...



Originally posted by Alborosso

(nel mondo del lavoro sei vecchio gia' a 30 anni) ti guarderai indietro con rabbia.


:mecry:

fppiccolo
08-11-2003, 12.12.56
cavolo con il diploma che hai fai quel lavoro?
puoi osare molto di più proprio perchè sei giovane...
non fossilizzarti ora
vuoi essere utile alla società?
ne avrai l'occcasione te l'assicuro!

supersimmina.
08-11-2003, 20.35.58
sei giovane, ti serve solo un po' di pratica....è chiaro che un lavoro appena inziato non ti esca bene, ma probabilmente con il passare del tempo diventerai un professionista! ^^

HellSnoopy
08-11-2003, 21.10.59
Hai sempre ragione ma ti devo dire una cosa...

BASTA!!!!!!!!!!

Dedal83
08-11-2003, 21.46.05
Mi piacerebbe dirti qualcosa di intelligente o darti un consiglio, ma non penso di essere in grado di farlo.
Sappi solo che se avevi bisgno di qualcuno che ti ascoltasse mi hai trovato.

aquarius
09-11-2003, 20.52.25
è semplice dare consigli,più difficile metterli in atto...

io è da 20 anni che devo cambiare lavoro,ne ho 27 e sono sempre nella solita ditta di tosaerba...forse perchè non mi trovo poi così malaccio...mah,comunque l'idea di miglioramento c'è sempre!

bisogna avere la forza di svegliarsi una mattina e dare una botta alla propria vita in un altra direzione...quando ci riuscirò ve lo farò sapere!!

per gefri:cercare di fare esclusivamente ciò che ti va di fare,senza lasciarti influenzare dalla gente

;)

ricchi
10-11-2003, 09.03.53
gefri ascolta Alborosso...trova quello che ti appassiona e buttati ...rischia, prova...hai un'età che te lo permette ...è il tuo momento...e il tuo posto lo troverai con il tempo..non avere fretta...sei giovanissimo ....

ps
non hai mai pensato di continuare gli studi ? ;)

Thor
10-11-2003, 10.34.09
gefri posso solo dirti, per averlo provato io stesso, che a volte un cambio radicale è necessario. Sei giovane, da quello che dici la voglia di lavorare non ti manca, se quel lavoro non fa per te cercane un'altro, muoviti in altre direzioni. Fallo tanto che puoi, finchè non hai nulla da perdere.

Per il resto, ricorda, tu non sei tuo papà. Non sei necessariamente peggiore o migliore, sei solo un'altra persona, con altre peculiarità. Ogni paragone è inutile. Sei tu l'eredità di tuo padre, non il cognome che porti e nemmeno il mestiere che avrebbe potuto insegnarti.









Su con la vita

Demon80
10-11-2003, 13.15.45
Marco non fissarti ;)
Te ne ho parlato più volte di sta cosa...

Dai tempo al tempo, continua a guardarti in giro...

Le opportunità non capitano da sole, chiaro, ma non avere fretta di diventare grande ;)